Il Veterinario al Giardino Botanico Comunale di Alessandria

Il Veterinario al Giardino Botanico Comunale di Alessandria

Martedì pomeriggio 24 settembre l’inaugurazione del nuovo servizio di Ambulatorio Veterinario

Ambulatorio Veterinario_immagine 1_Giardino Botanico_Alessandria.png

Il Giardino Comunale “Dina Bellotti” di Alessandria (via Giulio Monteverde 24) allarga i propri servizi alla comunità cittadina con una nuova presenza: l’Ambulatorio Veterinario che sarà inaugurato martedì 24 settembre alle ore 16, alla presenza delle Autorità Cittadine e dei rappresentanti dell’Associazione RNA-Natura e Ragazzi.

Se il binomio “cura del verde-animali” si presenta già di per sé forte ed eloquente, con la nuova attivazione dello Studio Veterinario il Giardino Botanico Comunale aggiunge un ulteriore elemento di particolare significato: quello di erogare un servizio per cure e profilassi rivolto esclusivamente ad animali di proprietà di persone con redditi molto bassi.

Ambulatorio Veterinario_immagine 2_Giardino Botanico_Alessandria.png

La sensibilità non solo verso gli aspetti “naturali” (siano essi afferenti la botanica o la biologia animale), ma anche verso una dimensione di solidale vicinanza a chi è più in difficoltà – e, grazie ai propri animali, trova motivi utili per fronteggiare innanzitutto il rischio della solitudine – trovano ora nel Giardino Botanico Comunale il luogo appropriato per esprimersi appieno.

Ancora una volta, insieme all’Amministrazione Comunale (Assessorato al Welfare Animale, guidato dall’Assessore Giovanni Barosini), questi apporti così qualificati per il miglioramento complessivo della qualità di vita nella Città hanno validi alleati Continua a leggere “Il Veterinario al Giardino Botanico Comunale di Alessandria”

Momenti di poesia. La regina dei gabbiani di Maurizio Coscia (Sargon).

IMG_20190907_191602

Stese sulla carezza del vento,

ali aperte conquistano

una direzione.

E restano in volo

corpi piumati,

brizzolati,

che virano,

fendendo l’aria,

girano come fossero su di una giostra.

E, poi, scendono,

atterrando su zampe a stelo,

balzellano,

cercando tra i grani di sabbia

e sbattono ancora le piume.

Qualcuno li osserva:

si avvicinano cauti,

si allontanano veloci,

diffidenti o fiduciosi?

Lei è là,

una ragazza dalla voce sciolta,

legata alla sua telefonata,

seduta sulla sabbia,

sulla riva della spiaggia,

mentre pezzi di pane

volano via dalle sue mani.

Ecco…

tornano indietro.

La regina dei gabbiani

li ha tutti attorno

ha creato la sua corte…

i gabbiani,

che conquistano il pezzo di pane,

improvvisano il loro gorgoglio acuto

che è come un verso di ringraziamento

nel becco aperto,

rivolto verso l’alto,

innanzi alla regina.

La telefonata continua.

 

 

 

 

 

 

 

 

Festa a 4 zampe a Cascina Rosa, Alessandria domenica 22 settembre 2019

Festa a 4 zampe a Cascina Rosa, Alessandria domenica 22 settembre 2019

Alessandria: Domenica 22 settembre , a partire dalle ore 15, al canile rifugio comunale ‘Cascina Rosa’ in strada provinciale Pavia n. 22 a Valmadonna, si terrà la “Festa a 4 zampe”.

ATA Festa a 4 zampe man 70x100 R01-09072019-B

Cascina Rosa è stata assegnata  all’A.T.A. (Associazione Tutela Animali) e ufficialmente inaugurata, nella sua nuova sede acquisita dal Comune di Alessandria, il 27 settembre 2015. Proprio questa inaugurazione ha ispirato i promotori a considerare i giorni di fine settembre come quelli più appropriati per celebrare annualmente la “Festa” del canile-rifugio. 

L’evento che si terrà anche in caso di pioggia prevede una grande ‘pesca di beneficenza’ e l’opportunità di gustare dolci e bibite per tutti. Sarà disponibile per l’acquisto anche il nuovo calendario A.T.A.

«Auspichiamo che la festa di domenica 22 settembre sia davvero un momento gioioso per i nostri “amici a quattro zampe” ospitati a Cascina Rosa e accuditi affettuosamente e con dedizione dai volontari dell’A.T.A. – ha commentato Giovanni Barosini, assessore al Welfare Animale del Comune di Alessandria -. Invito tutti gli alessandrini a partecipare per consolidare sempre di più la cultura dell’attenzione verso gli animali, il contrasto efficace ad ogni pratica di maltrattamento e abbandono e per vivere la compagnia dei nostri amici a quattro zampe da cittadini e proprietari esemplari. Come “regalo” di compleanno, posso finalmente comunicare che abbiamo acquisito in questi giorni il terreno antistante “Cascina Rosa” per realizzare un parcheggio di cui la struttura necessita, considerati i tanti visitatori quotidiani, in particolare il sabato e la domenica. A breve partiranno i lavori per la sua realizzazione che sono ulteriore testimonianza dell’impegno che quotidianamente viene profuso per riuscire a trovare una risposta alle diverse istanze e situazioni che interessano  i nostri amici a quattro zampe”.

Si ricorda infine che il canile-rifugio “Cascina Rosa” segue ordinariamente i seguenti orari di apertura al pubblico: martedì e giovedì dalle ore 15 alle ore 17 – sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 12.

Lei si chiamava Rag Time Josey, di Pier Carlo Lava

Lei si chiamava Rag Time Josey, di Pier Carlo Lava

Si chiamava Rag Time Josey era un Quarter Horse black e proveniva dal Wisconsin ,era arrivata insieme ad altri quindici Quarter Horse in aereo in un allevamento in provincia di Parma. La vidi in mezzo agli altri, me la fecero provare nella zona circostante e fu subito amore a prima vista. 

Rag Time Josey.jpg

All’epoca cercavo un cavallo affidabile per le passeggiate in campagna per staccare la spina dal lavoro prevalentemente a fine settimana quando tornavo a casa. Diventò subito l’unico motivo di svago perchè appena avevo un momento libero correvo al maneggio, a volte anche solo per strigliarla mi piaceva tenerla pulita e verificare se la lettiera del box era ben fatta, se il fieno era  di qualità e poi la lasciavo libera nel paddock, dove si faceva delle grandi sgroppate

Altre quando avevo più tempo, gli mettevo la sella per la monta western, le briglie e poi facevamo delle lunghe passeggiate in campagna nella zona vicino al maneggio.  Non mi ha mai dato problemi (c’erano cavalli che fuori in campagna si spaventavano e creavano non pochi problemi) lei era equilibrata, mi capiva al volo quando volevo partire al galoppo, al trotto o semplicemente al passo. 

Quando la presi aveva appena tre anni, furono tredici anni bellissimi, nei quali la vidi crescere e maturare ulteriormente, ma purtroppo come sempre succede nella vita prima o poi tutto finisce… a volte anche per scelte sbagliate delle quali poi ti penti, ma a quel punto non c’è più niente da fare!… ci siamo lasciati… e non ho mai più saputo che fine ha fatto… ogni tanto ci penso… e mi rammarico della decisione che stupidamente avevo preso!. Da allora sono passati molti anni, perciò non credo che sia ancora in vita. Questa è la prima volta che riesco a scrivere di lei, ciao Rag Time Josey ti immagino lassù a correre felice nei pascoli del cielo… e perdonami… Continua a leggere “Lei si chiamava Rag Time Josey, di Pier Carlo Lava”

Un piacevole incontro con Maya, Volpino di Pomerania

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Questa mattina durante la solita passeggiata mattutina in via Moccagatta con Raissa, la mia cagnona, abbiamo fatto un piacevole incontro con Maya, Volpino di Pomerania, una cucciolina nata solo tre mesi fa…,  accompagnato dalla sua padroncina. 

Maya è un piccolo gioiellino, curiosa e tutto pepe, è fantastica, al rientro abbiamo fatto una ricerca in internet sulla razza, ecco cosa abbiamo trovato sul sito: ilcaratteredeicani.it, anche se presumiamo che le caratteristiche di ogni singolo soggetto possono essere diverse, alla prima occasione lo chiederemo alla sua padroncina…, che ringraziamo per la disponibilità a pubblicare le bellissime foto allegate…

1aaa DSC_00571aa DSC_00511a DSC_0056

Volpino di Pomerania Carattere

Tutto quello che dovete sapere sul Volpino di Pomerania Carattere

Ora vi vogliamo parlare di questa razza davvero particolare, di piccole dimensioni e con una storia davvero affascinante.

Infatti si tratta della razza più remota di tutta l’Europa, il suo discendente è il Canis Familaris Palustris Rutimeyer ed è originario della regione della Pomerania in Prussia.

Questo piccolo cagnolino può crescere dai 18 ai 30 centimetri con un peso che può variare da 1 a 3 Chili.

Da cuccioli sono molto molto delicati e di dimensioni davvero contenute, in un palmo della vostra mano ci starebbero ben 3 piccoli cagnolini.

E’ un cane molto longevo, vive di solito dai 12 ai 15 anni.

Il Volpino di Pomerania è un cane perfetto per la vita in famiglia anche in appartamento, è un cane da compagnia a tutti gli effetti con una spiccata tendenza a fare la guardia al suo territorio (per questo è anche addestrabile per la difesa personale nonostante le sue contenute dimensioni).

E’ un cane vispo, intelligente e sempre molto allegro.

Da addestrare è abbastanza semplice perchè ascolta molto i comandi soprattutto se impartiti dal suo padrone.

Ha un carattere molto guardingo e sospettosa, non si fida delle persone che non conosce. Se si prendono troppe confidenze potrebbe abbaiare ma non mordere!

Si affeziona tantissimo alla famiglia in cui vive essendo il Volpino di Pomerania carattere un cane davvero riconoscente che si “attacca” in maniera a volte anche esagerata al proprio padroncino.

E’ un cane dotato di molta intelligenza, quindi sarà molto difficile “fregarlo” anche con l’utilizzo dei vari biscottini.

Da notare è la sua estrema attenzione per la sua pulizia, raramente si sporca lanciandosi in pozze di fanghi o cose simili!

L’unica piccola pecca è che è un grande “abbaiatore” soprattutto alla vista di estranei.

L’abbaio al campanello della porta è un MUST!

da: http://www.ilcaratteredeicani.it/volpino-di-pomerania-carattere/

IL MOVIMENTO ANIMALISTA PRESENTA IL COORDINAMENTO DEL PIEMONTE E LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLE LEGGI SUL MALTRATTAMENTO

IL MOVIMENTO ANIMALISTA PRESENTA IL COORDINAMENTO DEL PIEMONTE E LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLE LEGGI SUL MALTRATTAMENTO

WhatsApp Image 2019-09-04 at 11.06.44.jpeg. UFFICIALE

SABATO 14 SETTEMBRE
Le proposte per migliorare l’attuale legislazione sul maltrattamento degli animali, il ruolo dei volontari e delle guardie zoofile, il funzionamento del nucleo operativo del Movimento Animalista saranno alcuni dei temi affrontati sabato 14 settembre 2019, dalle ore 17 alle ore 19,  nel salone ex Taglieria del Pelo di via Wagner 38/D ad Alessandria  in occasione della presentazione dei coordinamenti provinciali del Movimento Animalista del Piemonte.

Interverranno Gabriele Merlo, responsabile nazionale del Nucleo Operativo del Movimento Animalista, Roberto Brognano, coordinatore regionale del Movimento Animalista; Gaia Montalto, coordinatrice della provincia di Alessandria; Barbra Ansaldo coordinatrice della provincia di Asti, Giovanni Barosini, assessore al Welfare del Comune di Alessandria; Claudio Malaspina, presidente della Associazione Onlus ATA di Alessandria.

Seguirà rinfresco vegano.

Associazione Gabbie Vuote ODV Firenze: CINGHIALI E STRADE, di Mariangela Corrieri

Associazione Gabbie Vuote ODV Firenze: CINGHIALI E STRADE, di Mariangela Corrieri

Gentili signori ci riferiamo all’articolo del 30 agosto, pubblicato su La Nazione, relativo all’incidente provocato da un cinghiale sulla strada provinciale 38 che collega Trequanda a Sinalunga (SI).

unnamed.jpg

Come tutti, siamo dispiaciuti per la persona che alle 5.30 ha subìto il capovolgimento della sua auto ed ora è in gravi condizioni all’ospedale ma sappiamo anche di chi sono le responsabilità. Non certo del cinghiale che probabilmente fuggiva dai cacciatori che portavano ad esercitare i loro cani prima di giorno in previsione dell’apertura della stagione venatoria.

Come per gli alberi colpiti dai temporali che cadono sulle auto e a volte sulle persone perchè non è stata fatta loro regolare manutenzione, così come per gli incidenti stradali provocati da fauna selvatica perchè l’ecosistema non è stato rispettato ma ecologicamente distrutto, le responsabilità sono di chi ha manomesso la Natura ignorando quanto possano essere distruttive le leggi non più capaci di governarla. Altrimenti  puntare l’attenzione esclusivamente su incidenti e danni, è un po’ come guardare il dito e non la luna.

Si appicca un incendio in Amazzonia per dare spazio agli allevamenti intensivi e poi tutta l’Amazzonia brucia; si diffondono gas serra nell’atmosfera e poi i ghiacciai si sciolgono, le specie che vi abitano si estinguono e le bombe d’acqua arrivano dove non erano mai arrivate; si distrugge un ecosistema (fauna e flora che interagiscono in un determinato ambiente costituendo un sistema autosufficiente e in equilibrio dinamico) e si pretende di dare la colpa ad animali che in quel momento, come testimoni dell’accusa, assurgono a geni della mente ma in altri restano inerti e miserevoli cose. Continua a leggere “Associazione Gabbie Vuote ODV Firenze: CINGHIALI E STRADE, di Mariangela Corrieri”

Lui è Ben, di Pier Carlo Lava 

Lui è Ben, di Pier Carlo Lava 

Ben non c’è più ora corre veloce nei pascoli del cielo, qualche mese fa sono stato a casa del proprietario che tra l’altro costruisce dei fantastici modelli di antichi velieri e chiedendo di Ben mi ha dato la triste notizie… ciao Ben… anche da parte della mia cagnona Raissa… che ha compiuto da poco 10 anni.

Alessandria today: Qualche anno fa mentre ero in giro per delle commissioni mi sono fermato al bar Koela a prendere un caffè, entro e mi siedo ad un tavolino, sino a quel momento non ci avevo fatto caso, ma poi guardandomi intorno lo vedo.

Schermata 2019-08-29 a 23.04.06Schermata 2019-08-29 a 23.04.08

Lui si chiama “Ben” è un cane da montagna dei Pirenei di sette anni, che per aspetto e dimensioni a molti incute un certo timore, ma stando a quanto mi ha detto il proprietario con il quale ho intrattenuto una breve conversazione, l’esemplare in questione non è aggressivo, anche se al posto di un ladro farei molta attenzione ad evitare di introdurmi di notte nella casa dove c’è lui… 

Poche ore prima al mattino mi ero fermato nello stesso bar con Raissa la mia cagnona, che per il suo carattere sociale e affettuoso solitamente riscuote un certo successo.  Non mi resta che fare i complimenti a Ben, per un amante dei cani, gatti e animali in genere come il sottoscritto è stato un incontro inaspettato e fantastico.

Ecco le caratteristiche di questa razza, come vengo descritte dal sito:http://dumontperdu.com/il-carattere-del-cane-di-montagna-dei-pirenei/cani-da-montagna-dei-pirenei/admin/46/

Vissuto per generazioni in condizioni materiali particolarmente dure, il Cane da Montagna dei Pirenei è uno spartano che se ha l’occasione si comporta volentieri come i grandi signori sibariti. Continua a leggere “Lui è Ben, di Pier Carlo Lava “

I migliori amici dell’uomo vanno difesi, di Pier Carlo Lava

I migliori amici dell’uomo vanno difesi

Ricordando; Briciola, Angelina, Ira, Raissa, Rag Time Josey e Ungaro

di Pier Carlo Lava

G.B. Shaw ha detto “più conosco gli uomini; più amo gli animali”

Alessandria today: Da tempo ho maturato la convinzione che quattro zampe di solito sono meglio di due e non per una banale questione matematica.

In Italia ci sono circa 7 milioni di cani e 8 milioni di gatti; che vivono in appartamento come effettivi membri della famiglia e spesso il loro numero aumenta perchè oltre agli anziani soli; ci sono tante coppie che non riescono o non possono avere figli (il Piemonte registra il numero più alto di cani in Italia); dati reperibili su Google.

Ungaro.png

I nostri amati animali ci tengono compagnia come fossero persone; credo che questo sia uno dei motivi per cui tanti decidono di adottarne uno o di comprarlo in un allevamento e di questo passo il loro numero in famiglia non potrà che aumentare.

Quando mi domandano perchè sono amico degli animali; rispondo: “perchè sono migliori degli essere umani”.

Loro ti danno tutto; senza chiedere niente in cambio; solo cibo; amore e affetto e sopratutto non ti tradiscono mai; come si fa a non amarli; a non difenderli da chi non li ama.

Raissa 1°.png

Sopratutto da chi si comporta nei loro confronti in modo crudele; li abbandona; li maltratta; li sevizia; li usa per i combattimenti; o ancora peggio per la vivisezione; esperimenti orribili; oltre ogni limite di crudeltà umana; con atroci sofferenze prima della morte.

A quanto sopra si aggiunge il fatto e qui le affermazioni potrebbero essere opinabili; in quanto non viene citata la fonte dei dati; che sulla base di quanto asserisce l’Aidaa; in Italia seppur vietato dalla legge; pare che si mangiano 6-7 mila gatti all’anno; il 10% di tutti quelli scomparsi; un abitudine; sempre stando alle affermazioni dell’Associazione in questione; particolarmente radicata in alcune zone specifiche del nostro territorio. Continua a leggere “I migliori amici dell’uomo vanno difesi, di Pier Carlo Lava”

Un cane per amico non ha prezzo, di Pier Carlo Lava

Un cane per amico non ha prezzo

“Più conosco gli uomini, più amo il mio cane” Diogene Laerzio  (412 a. C. – 323 a. C.)

di Pier Carlo lava

Alessandria today: Quando si decide di prendere un cane occorre ricordare che non è una macchina o una bicicletta, ma un essere vivente e pensate che può provare gioia e dolore come un umano .

Raissa 2° e il pallone dietro alla chiesa copia.jpg

Il cane entra a far parte della famiglia e come tale deve essere trattato. Quando un quattro  zampe più o meno peloso entra in casa ci cambia la vita, nei suoi confronti assumiamo degli impegni specifici come dargli da mangiare, da bere e se si ammala o per le varie vaccinazioni va portato dal veterinario con i relativi costi.

Occorre spazzolarlo tenendo presente che il pelo lungo è più impegnativo, farlo lavare almeno una volta al mese per tenerlo pulito anche per un aspetto igienico e portarlo a spasso anche per fare i suoi bisogni 3-4 volte al giorno.

Il nostro amico a quattro zampe richiede un impegno giornaliero costante che si protrae nel tempo, anche quando si va in vacanza non lo si può abbandonare a casa o in un rifugio ma va portato con se, oggi ci sono molti hotel, ristoranti e bar che lo accettano volentieri senza alcun problema. Continua a leggere “Un cane per amico non ha prezzo, di Pier Carlo Lava”

In ricordo di Sam

In ricordo di Sam

“Lui si chiamava Sam era un piccolo gattino di strada abbandonato dalla mamma gatta”

Sam.png

di Pier Carlo Lava

Alessandria today : Era stato abbandonato da una gatta randagia di un colonia felina del quartiere Borsalino, aveva circa un mese lo abbiamo visto per caso in giardino che stava morendo, lo abbiamo preso curato è stato adottato da Ungaro un gatto adulto che gli ha fatto da mamma… e dai cani Raissa 1°e Ira. (ora tutti e quattro non ci sono più).

Lo abbiamo salvato da morte certa è cresciuto anche se è rimasto sempre minuto, era incredibilmente dolce e affettuoso è vissuto con noi sino a 14 anni e poi per un tumore (come Ungaro e Ira la Doberman) ci ha lasciati… lo ricorderemo sempre!

Sam 2 Schermata 2019-08-18 a 12.43.27.png

Grazie agli amici di facebook per le belle parole… fatte in occasione della prima pubblicazione del post a seguito della sua scomparsa.

Sky Tg24: L’orso M49 prosegue la fuga e si sposta verso l’Alto Adige

Sky Tg24: L’orso M49 prosegue la fuga e si sposta verso l’Alto Adige

Alessandria today: Sta evidentemente fuggendo dall’uomo (che ampiamente risaputo è il il mammifero più pericoloso e crudele sulla faccia della terra) perciò non uccidetelo lasciatelo vivere!!!

M49, LE TAPPE DELLA VICENDA

L’animale è fuggito un mese fa dal recinto elettrificato del Centro faunistico del Casteller. Le ultime tracce trovate a Giovo, vicino al confine con la Provincia di Bolzano. Gli esperti pensano che l’orso si stia spostando verso nord, dopo aver vagato sulla Marzola

Schermata 2019-08-16 a 16.48.33.png

È passato un mese dalla fuga da un recinto dell’orso M49 in Trentino. L’animale è ancora in libertà e prosegue l’attività di monitoraggio del Corpo forestale locale. Oggi, in seguito a una segnalazione di alcuni cacciatori di Faedo, i forestali hanno rilevato orme nel fango nel territorio del Comune di Giovo, versante di Faedo, a poca distanza dal confine con la Provincia di Bolzano. Successivi controlli hanno confermato che si tratta effettivamente di M49. Da questi indizi si deduce che l’orso si starebbe quindi spostando verso nord, dopo aver trascorso circa un mese sulla Marzola. Sono stati avvisati i colleghi forestali dell’Alto Adige (LA FOTO DELL’ORSO IN FUGA).

Altri avvistamenti a inizio mese

Le tracce più recenti dell’orso M49 risalivano ai primi di agosto quando erano state trovate impronte nel territorio sulla sponda orientale di Trento dove si è diretto dopo la sua fuga dal recinto attrezzato al Casteller. Oltre alle tracce o non solo del passaggio nella zona della Marzola c’erano stati anche due avvistamenti a distanza di circa 13 ore l’uno dall’altro a Mattarello e nei pressi della cima della Marzola. Solo pochi giorni fa, il 12 agosto, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, ha ribadito: “Rimane ferma la nostra autonomia d’azione” (MINISTRO COSTA A SKY TG24: NON UCCIDETELO)… continua testo e video su: https://tg24.sky.it/cronaca/2019/08/15/orso-m49-trentino-fuga.html

Prima lince eurasiatica nata dopo quasi un secolo in Europa – Grazia Denaro

Straordinaria nascita presso un centro naturalistico di recupero animali spagnolo, dove è stata data alla luce una lince europea. Era quasi un secolo che non accadeva. Considerato estinto in Europa centrale e occidentale, l’ultima volta che questo esemplare venne visto sulle montagne spagnole e francesi fu negli anni ’30. Il centro “MónNatura Pirineus” ha pubblicato le immagini del piccolo felino, due mesi dopo la sua nascita in cattività.

 

C_2_fotogallery_3101103_4_image.jpg

C_2_fotogallery_3101103_2_image

C_2_fotogallery_3101103_0_image.jpg
Miquel Rafa, il direttore della “Fundació Catalunya La Pedrera”, ha sottolineato l’importanza di questa nascita e ha spiegato che ciò rafforzerà il lavoro di educazione ambientale svolto nel centro, dove ci sono altre specie di animali a rischio estinzione. La nascita del cucciolo è stata del tutto inaspettata: nessuno degli adetti si era infatti accorto che della gravidanza della madre, Liu.

 

Una nuova copertina per la testata Alessandria today

Una nuova copertina per la testata di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Nel contesto di un piano di marketing finalizzato ad costante sviluppo e crescita di Alessandria today abbiamo deciso di cambiare periodicamente la copertina della testata del blog.

Siamo sempre stati fermamente convinti e questo non vale solo per il commercio e l’impresa ma anche per un media online, che chi non innova con una certa frequenza rischia di rimanere indietro rispetto ai competitor, con le relative inevitabili conseguenze.

Ecco perchè anche Alessandria today è sempre alla ricerca di soluzioni creative in ogni direzione per evolvere, i questo caso ci siamo dedicati alla copertina che rappresenta l’immagine del blog agli occhi de mondo, visto che siamo seguiti da lettori di oltre 130 paesi.

Santa Maria di Castello oggi.jpg

Per la nuova copertina della testata del blog “Alessandria today” abbiamo scelto un immagine che riteniamo meglio di tutte possa rappresentare la nostra cara Alessandria, “Piazza Santa Maria d Castello” con l’omonima Chiesa che è stata consacrata nel 1545.

E come al solito ci siamo avvalsi della collaborazione di un amico e grande fotografo alessandrino Vittorio Destro, al quale abbiamo sottoposto le nostre idee in merito a quella che dovrebbe essere la linea delle immagini che periodicamente dovranno presentare Alessandria today.

Ovviamente gli abbiamo anche lasciato carta bianca in modo che possa dare spazio alla sua creatività a seguito della quale come da tempo sappiamo e come noi tantissimi in città, Vittorio può esprimere grandi risultati, a nostro avviso le immagini colgono l’attimo, la storia di una città e l’essenza delle persone che ci abitano e solo chi come lui è quotidianamente sul campo può coglierle.

foto epoca Santa Maria di castello foto epoca.jpg

Leggi anche: Santa Maria di Castello, cenni storici:

https://alessandria.today/2019/03/06/la-chiesa-di-santa-maria-di-castello-cenni-storici/

Altri cenni storici, da Città e Cattedrali: La chiesa di Santa Maria di Castello nasce in epoca medievale come chiesa “infra castrum”, in posizione centrale nella città precomunale e comunale. Non vi sono però testimonianze dirette della posa della prima pietra dell’edificio, né del lungo cantiere aperto dal 1486 al 1545, anno della consacrazione della chiesa in una forma vicina a quella che oggi conosciamo, momento del passaggio del convento dalla tutela dei Mortariensi a quella dei Lateranensi. Continua a leggere “Una nuova copertina per la testata Alessandria today”