La responsabilità della scrittura. Tessere di pensiero di Anna Lombardo

La poesia è un lungo viaggio all’interno della nostra interiorità…

di il golem femmina è-Met(h)

Riportiamo un brano della lunga intervista di Anna Lombardo sul sito Diritti Globali .it nella parte in cui si mette a fuoco la coscienza della scrittura poetica come “percorso attivo, di ascolto e lettura di sé stessi e del mondo” e dell’importanza di rimettere “al mondo” un percorso di rivalutazione del femminile all’interno della produzione artistica poetica.

anna
Anna Lombardo Geymonat

Nella fattispecie, per Anna Lombardo: ” la scrittura poetica ci spinge a cercare la nostra voce, ci interroga sulle nostre posizioni, sui nostri stessi limiti. E in questo ci vedo la sua forza rivoluzionaria e non solo di denuncia. Io credo molto nella responsabilità della scrittura: non posso scrivere e restare alla finestra a guardare.

Non mi interessa quel tipo di poesia. Quella è una poesia che fa male, sollecita solo la tua passività, fa male a tutti non solo a chi la produce, a chi l’ascolta o legge e a chi la vende. C’è chi dice, e sono in molti ancora, che la poesia non deve prendere posizione, che è al di sopra di tutto. Ma al di sopra di cosa? Spesso incontro dei poeti che si negano ad un evento poetico contro la guerra per esempio, perché non vogliono schierarsi. Continua a leggere “La responsabilità della scrittura. Tessere di pensiero di Anna Lombardo”

“Erotomaculae” di Sonia Caporossi

Il linguaggio grafico, poetico, del corpo…

16326423_10154929664596505_161598783_o.jpg

di Lucianna Argentino

Molteplici sono gli aspetti che colpiscono aprendo il libro di Sonia Caporossi “Erotomaculae” (Algra Editore, 2015), il primo è sicuramente l’impianto grafico che mi ha fatto immediatamente pensare alle opere di Emilio Isgrò.

Artista che pure trasforma il linguaggio verbale in linguaggio visivo con le famose cancellature che anche Sonia Caporossi opera sui suoi testi, ma a differenza di Isgrò, per il quale si può parlare di “sottrazione della parola”, la cancellatura della Caporossi a mio avviso è più un mettere in evidenza, un dare forza alle parole eppure lasciando a queste la libertà di esprimersi, di dire e/o non dire.Dunque non una banale negazione, piuttosto l’affermazione di nuovi significati con la conseguente trasformazione di un segno negativo in segno positivo.

Le lettere, i grafemi, oltre ad avere un suono legato alle convenzioni linguistiche sono anche segni tracciati sul foglio, segni di cui Sonia Caporossi sfrutta tutto il potenziale visivo facendone espressione delle sue emozioni, dei suoi desideri. Sono il respiro stesso della poetessa che ora si gonfia, ora si trattiene; sono il suo battito cardiaco che ora corre all’impazzata, ora si quieta; sono lo scorrere del sangue nelle vene. Continua a leggere ““Erotomaculae” di Sonia Caporossi”

“D’amore e d’acqua” di Maria Gisella Catuogno, Edizione Il Foglio Letterario

Una storia d’altri tempi, d’amore e di lussuria. Cristina Saracano

Cover giusta D'amore e d'acqua.jpg

di Gisy

Nel  1926 Georges e Tigy Simenon, ancora  poco conosciuti e con magre risorse economiche, lasciano per qualche settimana Parigi, dove erano approdati qualche anno prima dal Belgio senza un soldo in tasca, ma con sogni letterari e artistici in testa, per un periodo di riposo a Porquerolles, isola a forma di falce di luna sulla Costa Azzurra. Cominceranno così a scoprire la magia dell’acqua – capace di curare fatiche fisiche e stress psicologici – che negli anni successivi li porterà a percorrere la Francia in lungo e in largo attraverso i suoi fiumi e canali, a bordo della mitica Ginette e, successivamente, a tentare imprese più ardue con  l’Ostrogoth, in grado di farli giungere fino in Olanda e nel Mare del Nord, dove poi, a bordo di un cargo, continueranno la navigazione verso Capo Nord e il Circolo Polare Artico. Continua a leggere ““D’amore e d’acqua” di Maria Gisella Catuogno, Edizione Il Foglio Letterario”

Muoversi in bici, uno stile di vita che rispetta l’ambiente, tutela la salute e il portafoglio, di Pier Carlo Lava

Bicicletta

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Tutelare l’ambiente per lasciare un futuro migliore ai nostri figli, a chi ci succederà, dovrebbe essere  una regola di vita, un principio, a cui tutti dovremmo ispirarci, invece purtroppo pare che a certi non interessi affatto, come se non avessero nessuno a cui pensare, come se non ci fosse un domani. 

Questa purtroppo è la triste realtà che emerge, analizzando i dati sull’ambiente, una situazione di degrado progressivo, che si può facilmente constatare anche nella nostra città, e questo nonostante l’impegno di molti cittadini che fanno del proprio meglio per tenere comportamenti virtuosi e le Associazioni la cui missione è la tutela dell’ambiente. 

Fra le varie Associazioni, ne va citata una che espleta la propria missione, non solo a parole, ma praticando uno stile di vita che rispetta concretamente la natura che ci circonda, ci riferiamo a“gliamicidellebici”, associataFIAB.  Continua a leggere “Muoversi in bici, uno stile di vita che rispetta l’ambiente, tutela la salute e il portafoglio, di Pier Carlo Lava”

Non si fa, questa è anarchia!, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano. Alessandria

Come vedete da queste foto, il parcheggio selvaggio è all’ordine del giorno e non riguarda solo il Centro ma tutta la città compresi i quartieri periferici.

E’ un problema che va affrontato perchè la maleducazione e l’inciviltà non possono primeggiare, ci sono automobilisti che lasciano la macchina dove è più comodo per loro, senza curarsi minimamente degli altri cittadini e in particolare delle persone disabili, quelle con problemi di mobilità, ma anche delle mamme con i passeggini. 

Purtroppo viviamo in una società dove essere furbi significa essere migliori, danneggiando deboli e onesti.

Ma non si fa. Non deve più succedere. Continua a leggere “Non si fa, questa è anarchia!, di Cristina Saracano”

Ma la notte di più 

di Cristina Saracano

Da molto tempo, acquistare farmaci nella fascia notturna costa un sovrapprezzo di 3 euro e qualche centesimo, che adesso diventeranno 7 euro o più.

Credo che sia una cosa vergognosa.

Speculare sulla salute.


Mi sono sempre immagjnata che chi lavora al servizio dei deboli, in questo caso gli ammalati, deve farlo un po’come se fosse una missione.

Cercare di guarire o alleviare un dolore non può avere un sovrapprezzo.

Se tutti hanno smarrito l’umiltà, ecco, allora sì, ci meritiamo un mondo come questo, e anche peggio.

Mi piacerebbe ancora credere che la salute non abbia le quotazioni oscillanti come la Borsa.

A cosa servono i politici mediocri?

politica-smemorata copia

di Pier Carlo Lava. Alessandria

I politici mediocri e incapaci si salvano perchè gli elettori hanno la memoria corta.

Innanzi tutto desideriamo sottolineare che abbiamo sempre segnalato i problemi della città, senza polemiche strumentali, con l’unico obiettivo di sollecitarne la risoluzione e lo abbiamo fatto nel corso di questi ultimi sette anni con tre diverse amministrazioni. 

Continueremo a farlo oggi e in futuro e indipendentemente da chi governerà, dato che a nostro avviso i problemi e le difficoltà relative alla città, che ogni giorno incontrano i cittadini non hanno un colore politico. La qualità di una classe politica si vede anche da come affronta e risolve quelli che da taluni vengono erroneamente definite questioni minori. Continua a leggere “A cosa servono i politici mediocri?”

Meier un ponte verso il futuro, Cittadella, a quando i progetti per messa in sicurezza e sviluppo?

Meier IMG_4135 copia

Meier DSC_0070 copia

di Pier Carlo Lava. Alessandria

Rimanere ancorati al passato, a qualcosa che è stato ma che non ritornerà più non serve e non ci consente di mantenere la giusta lucidità mentale per valutare con obiettività quello che di nuovo avanza sotto i nostri occhi. 

I cambiamenti sono da tempo in atto da tempo in tutti i settori e dovremo abituarci a ritmi sempre più vertiginosi, in taluni casi riusciamo ad adeguarci alla mutazione degli eventi mentre in altri facciamo fatica a seguirne il passo. 

Cittadella 1454939_10207864409278038_1136540693140844123_n

Questo è un aspetto altamente soggettivo, dato che come ben sappiamo ognuno di noi di posto fronte ai cambiamenti reagisce in modo diverso ma sopratutto è un aspetto generazionale, basta prendere ad esempio la tecnologia, mentre le nuove generazioni si adeguano rapidamente e con piena soddisfazione alle novità che con frequenza ci vengono proposte, le precedenti non solo fanno fatica ed impiegano più tempo ad assimilarle, ma in molti casi addirittura le rifiutano. 

Alessandria: Venendo ai fatti di casa nostra e specificatamente al ponte Meier va detto che le forti critiche sull’abbattimento del vecchio ponte Cittadella sono rientrate, in particolare dopo l’ultima alluvione che ha convinto anche i più acerrimi detrattori del Meier, dato che se ci fosse stato ancora il vecchio ponte, molto probabilmente, Alessandria sarebbe stata nuovamente invasa dalle acque del Tanaro. Continua a leggere “Meier un ponte verso il futuro, Cittadella, a quando i progetti per messa in sicurezza e sviluppo?”

Pollyanna e il gioco della felicità

rundownhill

da Vixen: Sono sempre stata convinta di essere una persona “semplice”, do pane al pane e vino al vino, dico quello che penso, faccio quello che dico, sempre, nel bene e nel male.

Eh ma in realtà la gente non ci è abituata e quindi senza neanche accorgersene spesso pensa di dover andare oltre un qualcosa che in realtà neanche c’è… quando dici qualcosa di inusuale, come per esempio se ammetti un errore e ti prendi la tua parte di colpa, quando fai una domanda per essere sicura di aver capito passando quindi a volte per stupida o ignorante, se riconosci un limite e cerchi di superarlo, da sola o chiedendo aiuto, quando chiedi aiuto, la gente non ci è abituata, anche chi pensi ti sia più vicino ed “Amico” in realtà non c’è nessuno. Continua a leggere “Pollyanna e il gioco della felicità”

Nasce un nuovo blog, ecco la linea editoriale

Aless.

Buongiorno a tutti i visitatori, desideriamo informare che la redazione del blog è cresciuta, questi i componenti:

Pier Carlo Lava – Amministratore e Autore

Federica Ghisolfi – Autrice, sezione sport e cronaca

Maria Luisa Pirrone – Autrice, sezione cultura

Lia Tommi – Autrice, sezione cultura

Cristina Saracano – Autrice, sezione cultura

A seguito di quanto è emerso in una recente riunione di redazione abbiamo deciso di creare un nuovo blog, Alessandria Today: https://alessandriatoday.wordpress.com/ (che affiancherà il già esistente Alessandria Post: http://piercarlolava.blogspot.it/) per il quale è prevista un impronta prevalentemente culturale, ambientale, welfare e verde Urbano.

Pertanto tutti i post relativi alla cultura, poesie, racconti, eventi culturali, interviste ad esponenti culturali, ecc., quelli relativi all’ambiente e quelli relativi al welfare e al verde Urbano, verranno pubblicati gradualmente ma con priorità nel nuovo blog Alessandria today. Continua a leggere “Nasce un nuovo blog, ecco la linea editoriale”

Alessandria today: La linea editoriale del nuovo blog

Alessandria today

Buongiorno a tutti i visitatori, desidero informare che la redazione del blog Alessandria Post è cresciuta, ora è composta da cinque componenti:

Pier Carlo Lava – Amministratore e Autore

Federica Ghisolfi – Autrice, sezione sport e cronaca

Maria Luisa Pirrone – Autrice, sezione cultura

Lia Tommi – Autrice, sezione cultura

Cristina Saracano – Autrice, sezione cultura

A seguito di quanto è emerso in una recente riunione di redazione abbiamo deciso di creare un nuovo blog, Alessandria Today: https://alessandriatoday.wordpress.com/ (che affiancherà Alessandria Post: http://piercarlolava.blogspot.it/) per il quale è prevista un impronta prevalentemente culturale, ambientale, welfare e verde Urbano.

Pertanto tutti i post relativi alla cultura, poesie, racconti, eventi culturali, interviste ad esponenti culturali, ecc., quelli relativi all’ambiente e quelli relativi al welfare e al verde Urbano, verranno pubblicati gradualmente ma con priorità nel nuovo blog Alessandria today.

Questa decisione riguarda una prima fase della nuova linea editoriale nella gestione dei due blog, in seguito valuteremo con attenzione se e quali modifiche apportare alla stessa.

Secondo le nostre analisi, confortate anche dal trend dei risultati in termini di visite sia su Alessandria post che ora su Alessandria today, l’interesse verso il mondo della cultura a 360° in particolare è in crescita esponenziale e pertanto questa decisione viene incontro anche a tale evoluzione. Grazie per l’attenzione.

Pier Carlo lava

Federica Ghisolfi

Maria Luisa Pirrone

Lia Tommi

Cristina Saracano

Ti piace scrivere e vederlo pubblicato sul blog ?

ti-piace

di Pier Carlo Lava. Alessandria

Se ti piace scrivere e vedere pubblicato quello che scrivi, puoi inviare i tuoi articoli, recensioni, racconti, poesie, cronaca, politica, cinema, teatro, segnalazioni, ecc. anche con foto, al seguente indirizzo e-mail, piercarlolava@gmail.com verrano pubblicati gratuitamente (a insindacabile giudizio della redazione) sul blog: https://alessandriatoday.wordpress.com/

e ovviamente anche su varie pagine social…

ps. siamo disponibili a valutare anche una tua collaborazione diretta sul blog

Federica Ghisolfi: Il volontariato mi ha fatto crescere

di Pier Carlo Lava. Alessandria

Alessandria: La redazione di Alessandria today, anche a seguito delle richieste di numerosi lettori che volevano conoscerla meglio, ha deciso di pubblicare un intervista effettuata ad una collaboratrice preziosa, Federica Ghisolfi, ecco le sue risposte alle nostre domande.

Federica ciao e benvenuta nel blog ci puoi raccontare chi sei?

Ciao sono una ragazza di 37 anni, allegra, piena di vitalità e con tanta voglia di apprendere, perché dalla vita non si finisce mai di imparare. Inoltre mi ritengo una ragazza buona, sincera, umile e con tanta voglia di aiutare gli altri.

Che cosa fai nella vita, ce ne vuoi parlare?

Da circa cinque anni lavoro come O.S.S nelle scuole aiutando i ragazzi diversamente abili, nelle loro necessità primarie, lo svolgo con molta solarità perché questi ragazzi hanno bisogno, visto le loro difficoltà di persone allegre e che sappiano infondere sicurezza. Non cambierei per nulla al mondo questo lavoro, perché questi ragazzi sanno insegnarti tante bellissime cose e ti trasmettono tanta voglia di vivere. Inoltre da cinque anni svolgo volontariato presso la Croce Rossa della mia città, non solo con servizi di emergenza, ma anche aiutando le persone, accompagnandole a fare le visite. Il volontariato mi ha aiutato tanto facendomi crescere dal punto di vista umano e professionale. Continua a leggere “Federica Ghisolfi: Il volontariato mi ha fatto crescere”

Si può vivere bene anche senza uccidere e mangiare gli animali

di Pier Carlo Lava. Alessandria

Alessandria: La dieta vegana fa discutere e gli ultimi casi che si sono registrati un pò in tutta Italia di genitori che la impongono ai propri figli, a volte anche neonati, sono approdati persino in Parlamento. La deputata di Forza Italia Elvira Savino, ha presentato una proposta di legge, per impedire ai genitori di imporre ai figli un’alimentazione troppo restrittiva, a suo avviso con il rischio di gravi danni alla loro salute.

Sui casi di bambini vegani denutriti che hanno tenuto banco sui giornali, Il fatto Quotidiano dopo averli approfonditi, scrive, documentando quanto sostiene, che in merito c’è stata molta disinformazione.“La dieta vegana non è incompatibile con la crescita del bambino, ma deve essere accompagnata da un’attenzione particolare e costante per evitare carenze di sostanze fondamentali per la crescita del bambino e per la stessa vita”. 

Attenzione alla dieta che in effetti riguarda tutti i bambini, anche non vegani o vegetariani, dato che ogni giorno si presentano problemi derivanti da un’alimentazione sbagliata, infatti i dati sui minori (e non solo) obesi in Italia seppur inferiori a quelli degli Stati Uniti, sono comunque preoccupanti. 

Il gruppo animalista Agire Ora di Alessandria, grazie al contributo di attivisti e simpatizzanti vegan e sostenitori di una società che tuteli gli animali in quanto essere senzienti, in questi giorni ha effettuato una campagna di contro comunicazione con l’affissione di 5 grandi poster in tutta la città, per contrastare i numerosi manifesti delle varie sagre che propongono feste con animali uccisi e cucinati in vari modi. Continua a leggere “Si può vivere bene anche senza uccidere e mangiare gli animali”

Occorre tutelare la sicurezza dei cittadini e delle forze dell’ordine

In un contesto di terrorismo crescente, immigrazione dilagante e crisi economica perdurante, non è improbabile prevedere in prospettiva un aumento dei comportamenti criminali, pertanto alfine di non farci trovare impreparati e rischiare di essere travolti dagli eventi, servono leggi, mezzi e strumenti idonei a garantire la sicurezza dei cittadini e delle forze dell’ordine nell’espletamento delle loro mansioni.

di Pier Carlo Lava. Alessandria

Alessandria: Tempo fa il giornale Il Piccolo ha riportato la notizia di una maxi rissa (e non è la prima volta che succede) in viale Milite Ignoto angolo Spalto Marengo. Verso le 21.00 gli agenti della sezione volanti della Questura di Alessandria sono dovuti intervenire per sedare una rissa fra extracomunitari, di eta compresa fra i 19 e i 30 anni, che si picchiavano selvaggiamente. Due sono stati fermati mentre gli altri si sono dati alla fuga, inseguiti e raggiunti, per evitare l’arresto hanno cercato di aggredire gli agenti, che nonostante i colpi ricevuti sono riusciti a bloccarli. Portati in Questura i due hanno continuato a mettere in atto comportamenti aggressivi nei confronti degli agenti.

telecamera-polizia copia.jpg

In questo caso fortunatamente per le forze di pubblica sicurezza non ci sono state gravi conseguenze, ma come ben sappiamo poteva andare diversamente, come purtroppo è già successo in altri casi a livello Nazionale. Pertanto anche alla luce di un crescente aumento della criminalità nel nostro Paese (e in prospettiva la situazione non migliorerà di certo) forse è giunto il momento di prendere in considerazione l’approvazione di nuove leggi, sia in merito alla legittima difesa per quanto riguarda i cittadini, che per dotare le forze dell’ordine di strumenti idonei da utilizzare per fermare chi commette violenze e reagisce all’arresto e questo indipendentemente se italiano o extracomunitario. 

Occorre ricordare che molti agenti sono anche padri di famiglia con mogli e figli a carico, perciò vanno messi nelle condizioni di continuare a tutelare la sicurezza dei cittadini, senza rischiare la vita ogni volta che sono chiamati ad intervenire in tali situazioni.