Aria cattiva, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano. Alessandria

Triste certezza: la nostra aria è sempre più inquinata e siamo costretti a un altro blocco del traffico ad Alessandria.

Noi cittadini siamo molto pigri: pare che senza auto non si riesca a fare nulla!

Invece in una città come la nostra, prevalentemente pianeggiante, l’uso della bicicletta sarebbe l’ideale, incentivando anche le nuove generazioni a farlo, si guadagnerebbero salute e denaro. Continua a leggere “Aria cattiva, di Cristina Saracano”

Anno nuovo abito nuovo, ma stessa mission

Anno nuovoPier Carlo Lava

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Detto così sembra che sia già passato un anno, mentre in realtà sono trascorsi solo sessanta giorni da quando abbiamo creato il blog Alessandria today, che nasce appunto il 23 novembre 2017.

Con l’anno nuovo gli abbiamo cambiato abito, un nuovo layout che riteniamo più consono alla sua mission, che ci piace sintetizzare con questa frase di Dostoevskij: “La bellezza salverà il mondo”.

La decisione di far nascere questo nuovo blog, che in prospettiva andrà a sostituire Alessandria post, che per raggiunti limiti tecnici…, anche se non subito, è destinato ad andare in  pensione.

Ma cosa cambia con Alessandria today?, complessivamente potrebbe sembrare non molto, dato che vengono pubblicati post in tutte le principali sezioni che lo compongono. Continua a leggere “Anno nuovo abito nuovo, ma stessa mission”

Gli amici delle bici. Parte seconda

DSC_0388.JPG

Continuando la chiacchierata con il presidente FIAB abbiamo parlato di piste ciclabili in Alessandria e sobborghi: la situazione è frammentaria, mancano i collegamenti e le piste vanno fatte dove c’è traffico, per poterlo smaltire.

Il bike sharing, come era stato concepito, non serve a molto: occorrerebbe un servizio strutturato come in alcune città della Lombardia: “prendo e lascio dove sono più comodo.” Questo sistema funzionerebbe solo però con grande responsabilità e onestà di tutti i cittadini!

Gli amici delle bici hanno anche messo in servizio presso il Chiostro di Santa Maria di Castello e grazie a un contributo della Fondazione SociAL un progetto per poter recuperare vecchie bici, renderle funzionanti e ritirarle o donarle. Prossimamente partirà anche una ciclofficina mobile per le vie della città.

La speranza che Alessandria diventi una città a misura d’uomo c’è, ovviamente ci vogliono l’impegno e l’unione da parte di tutti quelli che aspirano a un cambiamento.

Le parole d’ordine sono: FARE RETE!

di Cristina Saracano

foto di Enrico Barbetti

Emozione e intelletto, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano

Biblioteca civica di Alessandria, 21 gennaio 2018, in occasione dell’esposizione di due opere mai viste prima in Italia di Marc Chagall, perché, secondo l’artista, la musica è complementare alla pittura, si è tenuto un concerto d’arpa eseguito sublimamente da Sara Terzano, docente presso il Conservatorio di Alessandria.

L’arpista, che è anche laureata in architettura, col suo tocco gentile e i movimenti docili, sa creare un’atmosfera rilassante: il suo impegno e l’amore per la musica emergono in ogni istante dell’esecuzione.

Tra un pezzo e l’altro ci racconta qualche particolare sullo strumento: l’arpa è un pianoforte nudo perché permette di agire direttamente sulla corda.

I pezzi che presenta sono collegati a Chagall perché il pittore amava la musica popolare e anche autori come  Mozart, Stravinskij, Ravel, Saint Saëns, in particolare prediligeva i russi e i francesi, avendo trascorso parte della sua vita in queste due nazioni.

Un piacevole pomeriggio: sogno, colore, fiaba, musica.

Aiutiamo i ragazzi deboli

Di Cristina Saracano

Le cosiddette “baby gang”, ragazzi minorenni che si comportano come delinquenti, stanno aumentando.

Il fenomeno non va sottovalutato perché è di rilevanza fondamentale per tutti i cittadini: questi ragazzi, che andrebbero chiamati “teppisti”, appartengono molto spesso a famiglie con forti disagi sociali.

In molti casi abbandonano presto la scuola e non trovano lavoro, trascorrendo buona parte delle giornate per strada.

Non hanno una famiglia solida alle spalle che li possa sostenere e aiutare nel loro percorso di crescita.

Nella sola città di Napoli, ad esempio, è frequente imbattersi in ragazzi di questo tipo con genitori che hanno un livello  di scolarizzazione e di occupazione molto basso.

Lo Stato dovrebbe essere più vicino alle periferie, alle grandi città, investire maggiormente nell’educazione fin dalla nascita, perché per i primi anni di vita sono fondamentali per la formazione.

Dopo gli otto anni potrebbe essere già tardi.

E questo è pericoloso per adulti e ragazzi.

Città di spazzatura, di Cristina Saracano

Risultati immagini per grattacieli

di Cristina Saracano

In una bella città tutto doveva essere perfetto.

Per questo le case erano colorate e ben tenute, gli abitanti sorridenti e vivaci, il traffico scorrevole, i bambini gioiosi.

Vennero costruiti un supermercato ogni dieci abitanti, più quattro centri commerciali nelle periferie dotati di negozi di scarpe, elettronica, abbigliamento, bar, gelaterie, gioiellerie e bancomat.

I centri commerciali erano aperti dalle sei del mattino alle dieci di sera, domenica e festivi compresi.

Mentre i genitori vagavano coi carrelli scrutando pile di merce accatastate fino a cinque metri di altezza, i bimbi si fermavano sulle giostrine, o aspettare il trenino che li conduceva in un’emozionante tour lungo tutto il perimetro dell’edificio. Continua a leggere “Città di spazzatura, di Cristina Saracano”

Lui e lei, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano. Alessandria

Lei era bella perché era bello poterla guardare.

Lui era rosso di sole e d’imbarazzi e, in silenzio, la seguiva con gioia.

L’estate riempiva di luce il loro cammino.

In un tempo un po’ingiusto,

giunge il tempo di partire.

E solo dopo,al ritorno, lui, pensandola,

Ricorda che non l’ha nemmeno abbracciata.

Gli amici delle bici, di Cristina Saracano

DSC_0398

di Cristina Saracano. Alessandria

Il 15 gennaio 2018 ho fatto una chiacchierata con Claudio Pasero, presidente della sezione FIAB di Alessandria. Nata nel 2003, in Alessandria conta circa 100 iscritti e in Italia circa 20.000, ovviamente la sua missione è promuovere l’uso della bicicletta.

Tra gli eventi che organizza ogni anno ricordiamo “Bimbinbici”, che si svolge nel mese di maggio e la Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate per incoraggiare l’uso del treno che è un prezioso alleato per i ciclisti. Inoltre per il 2018 si prevedono giornate di pedalate in comune con altre città FIAB, l’evento “Resistere, Pedalare, Resistere!” previsto per il 25 aprile e nel mese di marzo una visita in bicicletta ai Luoghi del Cuore FAI.

Claudio Pasero non si è detto molto soddisfatto dell’operato delle giunte precedenti (Fabbio e Rossa), perché entrambi non hanno attuato il piano della mobilità ciclistica, cosa che ci si augura venga fatta dalla nuova giunta comunale.

Per quel che riguarda il PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile) e il PGTU (Piano Generale del Traffico Urbano) chiede che vengano riprese in considerazione per dare maggiori privilegi ai pedoni e ai ciclisti e togliere spazio all’auto privata.

Inoltre per incentivare l’uso della bicicletta tra i giovani occorre un’ampia rete di piste ciclabili vere, di modo che, ad esempio, il percorso casa-scuola sia percorribile in sicurezza.

di Cristina Saracano

foto di Enrico Barbetti

Le tre del mattino, di Gianrico Carofiglio

 

20180115_221315-11

Recensione di Cristina Saracano

Un padre e un figlio diciottenne per una serie di inaspettate circostanze si trovano a dover passare due notti senza potersi addormentare a Marsiglia.

Percorreranno la città dal mare alle zone malfamate, incontreranno personaggi poco raccomandabili, signore gentili, donne bellissime e assaporeranno il profumo del mare e della compagnia.

Con un linguaggio semplice Gianrico Carofiglio ci prende per mano in questa storia regalandoci pagine di una delicatezza inaspettata e di una commozione struggente.

Il padre e il figlio, mai stati particolarmente vicini e uniti, si scoprono nella loro interiorità, stupendosi l’un l’altro di quanto si erano immaginati diversi.

Una storia che fa riflettere sui punti fondamentali dell’esistenza: i rapporti famigliari, il trascorrere del tempo e, immancabile, l’amore, protagonista assoluto della nostra vita.

Gli artisti

Foto artistica di gatto

di Cristina Saracano. Dedicato a tutti quelli che fanno arte, che si riconosceranno senz’altro.

 

Gli artisti son perdaballe,

che non vorrebbero lavorare in catena,

o timbrare il cartellino,

o chiedere il permesso per andare a un funerale.

 

Gli artisti son tutti matti:

son matte le loro case,

disordinate, impolverate di quella roba lì: l’arte.

 

Passeggiano alle dieci del mattino:

si fermano al bar,

vanno, vengono, salutano tutti,

ma non riconoscono nessuno perchè sono artisti.

 

C’è chi suonerebbe tutta la notte, fino a svegliare i vicini,

chi dipinge volti più belli delle fotografie,

un altro gira con foglio e matita in tasca e scrive poesie all’angolo della via:

quanti scossoni in corpo, quante emozioni!

 

Gli artisti son specie protetta

perchè l’arte va salvaguardata, mai disprezzata

è come una carezza, o un abbraccio,

è un atto d’amore

Ti piace scrivere e pubblicare sul blog ?, cerchiamo collaboratori

computer

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Se ti piace scrivere e vedere pubblicato quello che scrivi, puoi inviare i tuoi articoli, recensioni, racconti, poesie, cronaca, politica, cinema, teatro, segnalazioni, ecc. anche con foto, al seguente indirizzo e-mail, piercarlolava@gmail.com verrano pubblicati gratuitamente (a insindacabile giudizio della redazione) sul blog: https://alessandriatoday.wordpress.com/

e ovviamente anche su varie pagine social…

ps. siamo disponibili a valutare anche una tua collaborazione diretta sul blog

foto: http://www.fastweb.it/

La sfida europea 

di Cristina Saracano

foto di Lia Tommi

Daniele Capezzone, autore di Brexit, La sfida europea, ha presentato questo pomeriggio il suo libro ad Alessandria, via Tortona 71, ospite di Libera Mente, laboratorio di idee. 

Intervistato da Fabrizio Priano, con lui nella foto, ha spiegato che se la Gran Bretagna se ne va dall’Europa, è un problema per tutta l’Europa.

In questa nazione il tempo di attesa per trovare un lavoro è di circa tre giorni, negli ultimi cinque anni si sono creati più posti occupazionali che in qualsiasi altro stato dell’Unione europea.

Bisogna essere uniti, ma non stare sotto una sola forza, perché, spiega Capezzone, facendo una simpatica similitudine,”Non tutti possono indossare lo stesso vestito, ci sono persone a cui sta largo e altre a cui sta stretto”. Questo vale anche per un’unione di stati.

Inoltra elogia l’Italia e gli italiani, sempre troppo impegnati ad autocriticarsi.

“In Italia sette persone su dieci sono proprietarie di casa e hanno piccoli risparmi in banca. In Italia ci sono piccole e medie imprese straordinarie.”

La Gran Bretagna,  sostiene inoltre, dal 2019, potrà scegliere di essere libera di uscire dall’Europa, ma di continuare a commerciare con lei.

I grossi problemi da risolvere all’interno dell’Unione, sono, secondo Capezzone: l’immigrazione clandestina e il terrorismo, per risolverli occorre essere organizzati.

Per concludere, ci ricorda che Andreotti nel 1989 non era così entusiasta della caduta del muro di Berlino, forse perché temeva una presa di posizione tedesca.

Dopo questo interessante dibattito culturale, vorrei anche spendere due parole sull’ottimo servizio di apericena a buffet che ci è stato offerto.

Perché anche il cibo è cultura.

E la cucina italiana è un’eccellenza.

Le Nuove realtà editoriali, secondo Luigi Di Maio

Secondo quanto afferma il deputato e candidato Premier alle prossime elezioni politiche del M5S Luigi Di Maio, ci sono nuove realtà editoriali online delle quali ci si può assolutamente fidare, contrariamente ai giornali tradizionali.

A nostro avviso oggi è difficile fidarsi di chiunque, occorre fare massima attenzione e verificare le notizie, in particolare quelle pubblicate sul web, visto che le fake news sono nate proprio in internet e non sui giornali tradizionali. Pier Carlo Lava

ps. le nostre considerazioni sono di carattere generale, pertanto ci teniamo a precisare che non mettiamo minimamente in discussione il suggerimento dato da Di Maio in merito al sito Valigia Blu: http://www.valigiablu.it

Luigi Di Maio

così scrive di Luigi Di Maio  sulla sua pagina facebook:

In tempi in cui i giornali tradizionali vendono sempre meno copie, in cui la loro affidabilità è sempre più messa in discussione e in cui si parla (spesso a sproposito) di fake news, mi sembra doveroso parlare anche di nuove realtà editoriali che nascono e si affermano spesso nell’indifferenza (se non fastidio) dei media tradizionali.

Sono realtà che ovviamente nascono online, in forma collaborativa, che si sostengono con il crowdfunding e che sono portate avanti da giovani professionisti che hanno voglia di innovare e sperimentare. Non sono contaminate da logiche politiche, non pretendono finanziamenti pubblici e puntano alla qualità piuttosto che alla quantità. Sono tante, hanno community molto attive, alcune ci sono da poco, altre da molto. Continua a leggere “Le Nuove realtà editoriali, secondo Luigi Di Maio”

A morte i poveri, di Shumona Sinha

Recensione di Cristina Saracano. Alessandria

Una storia d’immigrati. Una ragazza indiana passa la notte in commissariato per aver rotto una bottiglia in testa a un immigrato. Qui rivive la sua storia: anche lei, immigrata, ora si guadagna da vivere come interprete per i richiedenti asilo.

L’autrice, indiana che vive a Parigi, vince a soli diciassette anni il premio come miglior poeta del Bengala. Anche questo romanzo ha uno stile essenziale, che richiama la poesia, che mi è piaciuto particolarmente.

Crudo e sconvolgente, persino nel titolo, ripreso da una poesia di Baudelaire, invita a riflettere ancora una volta sulle storie attuali e reali, sui problemi, le speranze, le sconfitte degli immigrati.

Novità in Biblioteca, di Cristina Saracano

DSC_0380

di Cristina Saracano

foto di Enrico Barbetti

Da un paio di mesi presso la Biblioteca Civica di Alessandria “Francesca Calvo” sono utilizzabili alcuni PC comprensivi di pacchetto CS6 (Creative Suite 6) ovvero con la possibilità di utilizzare programmi per editing di foto e video. L’accesso a tali sistemi è libero e gratuito per i maggiorenni tesserati, per i minorenni occorre un’autorizzazione dei genitori.

Oltre a questo la Biblioteca offre: la possibilità di leggere e consultare un quotidiano in forma digitale, il prestito e la consultazione di numerosi libri anche di nuova pubblicazione.

Inoltre fino al 30 gennaio è possibile visitare una mostra riguardante alcune opere pittoriche dell’artista bielorusso Marc Chagall arricchita da un’installazione multimediale.

Per informazioni consultare il sito http://www.cultural.it/biblioteca/info.asp

DSC_0382DSC_0384 (2)

di Cristina Saracano

foto di Enrico Barbetti