Intervento dei Carabinieri al Pronto Soccorso, di Lia Tommi

A conclusione degli accertamenti, i Carabinieri della Stazione di Pontestura hanno denunciato in stato di libertà per minaccia aggravata, interruzione di pubblico servizio e porto ingiustificato di armi od oggetti atti a offendere M.C., 40enne residente in Coniolo, pregiudicato.
Nel corso della serata del 16 luglio, intorno alle ore 23:30 circa, l’uomo entrava all’interno del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Casale Monferrato, si avvicinava alla reception e minacciava l’infermiera di turno addetta al triage con un coltello a serramanico di 18 centimetri, urlando frasi minacciose all’indirizzo di un dottore e di una guardia giurata. Immediatamente venivano allertati il personale di sicurezza dell’Ospedale e la Centrale Operativa dei Carabinieri di Casale Monferrato. In pochi minuti, giungevano sul posto le pattuglie delle Stazioni di Ozzano Monferrato, di Pontestura e del NOR. Il soggetto veniva calmato e, dopo aver consegnato il coltello, veniva accompagnato presso il Comando Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato per gli atti del caso.

Prevenzione e repressione dei furti e delle truffe,, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato:

Nel corso degli ultimi giorni, la Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato ha impiegato numerose risorse nella prevenzione e repressione dei furti e delle truffe, con controlli straordinari del territorio di competenza, conseguendo i seguenti risultati:
– i Carabinieri della Stazione di Balzola, a conclusione degli accertamenti, denunciavano in stato di libertà per furto aggravato S.C., 30enne rumena, pregiudicata, in Italia senza fissa dimora, poiché nel corso del mese di giugno, nel Comune di Villanova, utilizzando il modus operandi dell’abbraccio, asportava un orologio marca Rolex a un imprenditore 67enne villanovese. L’identificazione della rumena avveniva attraverso il riconoscimento fotografico da parte della vittima e la comparazione con i filmati della videosorveglianza;
– i Carabinieri della Stazione di Pontestura, al termine dell’attività di indagine, in seguito alla denuncia presentata da una 40enne residente in Pontestura per il furto di un telefono cellulare avvenuto nel marzo di quest’anno presso il centro commerciale Orio Center di Orio al Serio (BG), denunciavano in stato di libertà per ricettazione C.S., 54enne, residente in Misano di Gera d’Adda (BG) con precedenti di polizia. L’attività di indagine ha accertato che il 54enne stava utilizzando il telefono della vittima, poi ritrovato a seguito di una perquisizione presso la sua abitazione e riconsegnato alla proprietaria.

Controlli straordinari del territorio

Squadre SOS – Comune di Casale Monferrato

Alcuni consigli nella prevenzione dei furti in abitazione:
– Ricordate di chiudere il portone d’accesso al palazzo.
– Non aprite il portone o il cancello automatico se non sapete chi ha suonato.
– Installate dei dispositivi antifurto, collegati possibilmente con i numeri di emergenza.
– Non informate nessuno del tipo di apparecchiature di cui vi siete dotati né della disponibilità di eventuali casseforti.
– Aumentate le difese passive e di sicurezza. Anche l’installazione di videocitofoni e/o telecamere a circuito chiuso è un accorgimento utile.
– Evitate di attaccare al portachiavi targhette con nome ed indirizzo che possano, in caso di smarrimento, far individuare immediatamente l’appartamento.
– Se abitate in un piano basso o in una casa indipendente, mettete delle grate alle finestre oppure dei vetri antisfondamento.
– Cercate di conoscere i vostri vicini, scambiatevi i numeri di telefono per poterli contattare in caso di prima necessità.

Operazioni del Comando Provinciale dei Carabinieri, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Acqui Terme:

Ovada – Tre denunciati per interruzione di pubblico servizio.
Tre persone sono state denunciate per interruzione di pubblico servizio da parte dei Carabinieri della Stazione di Ovada, tre uomini di 25, 62 e 76 anni.
Alcuni giorni fa, era pervenuta sul numero di emergenza 112 la segnalazione che sulla SS456 del Turchino, all’altezza di Prasco, il passaggio a livello era chiuso da diverse decine di minuti. Inviata una macchina sul posto si evidenziava come il passaggio a livello era essenzialmente bloccato da tre autovetture che, pur vedendo le sbarre in fase di discesa, avevano proseguito la rimanendo bloccate tra le sbarre e obbligando il traffico ferroviario a fermarsi. Il personale intervenuto, dopo aver fatto spostare le autovetture e fatto transitare in sicurezza i treni fermi nei pressi, hanno condotto le persone negli uffici del Comando per la redazione degli atti di rito.
I Carabinieri ricordano, al fine di evitare incidenti peggiori, che nel momento in cui si accendono le luci rosse di un passaggio a livello vige l’obbligo giuridico di fermarsi e attendere che le sbarre, che nel frattempo si stanno chiudendo, si riaprano.

Acqui Terme e dintorni – 15 denunce per reati vari.
I Carabinieri della Compagnia di Acqui Terme, nel weekend appena trascorso, hanno posto sul campo un dispositivo a cosiddetto “alto impatto” mediante l’impiego complessivo di oltre 20 Carabinieri e 9 autovetture (provenienti dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia nonché dalle 10 stazioni dipendenti) che hanno pattugliato tutto il territorio di competenza con particolare attenzione, nella serata di sabato, alla cittadina di Ovada.
I risultati di questo servizio coordinato hanno condotto all’identificazione di 87 persone e 41 veicoli, al complessivo deferimento in stato di libertà di 15 persone per reati vari. Controllati anche alcuni esercizi pubblici ed elevate una decina di contravvenzioni al codice della strada.
Tra i denunciati, cinque sono per reati riguardanti l’immigrazione: si tratta di cittadini extracomunitari che sono risultati irregolari sul territorio nazionale oppure privi dei documenti previsti quando non addirittura inottemperanti a una precedente espulsione. Per tutti sono state avviate le procedure per l’espulsione.
I controlli su strada hanno condotto a dieci persone denunciate e alcune segnalate alla Prefettura. Continua a leggere “Operazioni del Comando Provinciale dei Carabinieri, di Lia Tommi”

Carabinieri: risultati dei controlli del tasso alcoolemico, di Lia Tommi

La Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato, nel corso del fine settimana, ha aumentato sensibilmente i controlli sul territorio, particolarmente nelle ore serali e notturne, impiegando giornalmente circa 25 pattuglie, con personale in divisa e in borghese, dedicando particolare attenzione al controllo alla circolazione stradale.
In particolare, sono stati ottenuti i seguenti risultati:

– i Carabinieri della Stazione di Pontestura denunciavano in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza alcolica Z.V., moldavo 46enne residente in Pontestura, poiché alle ore 18:00, in Corso Roma, a bordo della propria Harley Davidson, perdeva il controllo finendo a terra. In seguito all’intervento dei Carabinieri veniva sottoposto ad accertamenti sanitari presso l’Ospedale di Casale Monferrato, evidenziando un tasso alcoolemico di 0,81 g/l. Come provvedimento gli veniva ritirata la patente e veniva contravvenzionato;

– i Carabinieri della Stazione di Murisengo denunciavano in stato di libertà per guida sotto l’effetto dell’alcool C.Z., 26enne residente in Ponzano Monferrato, libero professionista, poiché alle 2:00 del mattino, in Ponzano Monferrato, alla guida della sua BMW, con la patente di guida già sospesa, andava a sbattere contro la recinzione perimetrale di un’abitazione. Sottoposto a controllo con l’etilometro risultava avere un tasso alcoolemico di1,43 g/l. Come provvedimento, oltre alla denuncia all’Autorità Giudiziaria, veniva segnalato alla Prefettura per la revoca della patente;

– i Carabinieri del NOR denunciavano in stato di libertà per guida in stato di ebrezza alcolica M.A., 60enne casalese con precedenti di polizia, poiché alle 21.00 circa, in via Trieste, alla guida di una WV Polo, perdeva il controllo andando a urtare contro due autovetture in sosta. Sottoposto al test con l’etilometro, evidenziava un tasso pari a 2,71 g/l. Come provvedimenti l’auto veniva posta sotto sequestro e la patente di guida ritirata per la sospensione.

.

Attività dei carabinieri nel novese e tortonese, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Novi Ligure:

Novi Ligure: tenta di investire il suo rivale in amore. Denunciato.
I Carabinieri della Stazione di Novi Ligure hanno denunciato in stato di libertà, L.M. 45/enne di Pasturana, reo di aver volontariamente investito il suo rivale in amore.
Qualche sera fa, nel centro cittadino di Novi Ligure L.M. si trovava a bordo della propria autovettura quando notava appoggiato alla sua auto quello che riteneva il suo “rivale amoroso”. Accelerava con irruenza andandogli contro. La prontezza di riflessi del suo obiettivo, consentiva a quest’ultimo di riuscire a schivare in parte l’investimento venendo colpito ad una gamba. L’auto di L.M. impattava violentemente sulla vettura del “rivale” provocando diversi danni.
L.M. è stato deferito all’AG di Alessandria e dovrà rispondere per lesioni personali aggravate e danneggiamento aggravato.

Basaluzzo: truffa per l’acquisto di un’autovettura. Denunciato.
I Carabinieri della Stazione di Capriata d’Orba hanno denunciato in stato di libertà un pregiudicato palermitano N.L.M, 58/enne, reo di aver raggirato ed intascato la somma di 3300 euro. L’uomo ha dapprima falsamente pubblicato su un noto sito on line l’annuncio di vendita di un’autovettura e le vittime, un uomo e una donna rispettivamente di 35 e 38 anni, dopo aver visionato l’annuncio, hanno versato al truffatore una caparra di 3300 euro. Successivamente tentavano di rintracciarlo, ma lo sconosciuto si era reso irreperibile.

Compagnia Carabinieri di Tortona:

L’11 luglio 2019, i Carabinieri di Viguzzolo (AL), in conformità con quanto deciso dal Magistrato di Sorveglianza di Alessandria, arrestavano T.P. di anni 55, domiciliata in Viguzzolo.
La donna, mentre espiava la misura dell’affidamento in prova con il divieto di allontanarsi da questa Regione, in più occasioni – accertate dai Carabinieri e prontamente segnalate al magistrato – violava le prescrizioni a cui si sarebbe dovuta attenere, recandosi in Milano dove commetteva altresì una sequela di reati.
A seguito della condotta dell’interessata, l’Autorità Giudiziaria sospendeva il beneficio concesso ed ordinava il suo accompagnamento presso il carcere di Torino per scontare la pena definitiva di anni 8 di reclusione.

I Carabinieri della Stazione di Viguzzolo, a conclusione di attività investigativa, denunciavano per furto X.C., 58/enne, cittadino cinese, agricoltore, residente in quel comune. A seguito della denuncia di furto del proprio smartphone, presentata da una cittadina di Avolasca, avvenuto a Viguzzolo il 6 luglio u.s., i Carabinieri acquisivano le immagini delle telecamere di videosorveglianza che immortalavano l’uomo mentre si impossessava del telefono cellulare della vittima. La refurtiva veniva successivamente recuperata dai militari dell’Arma e trattenuta in attesa di ricevere dall’Autorità Giudiziaria l’assenso per la restituzione alla proprietaria.

Carabinieri: prevenzione e repressione dei reati informatici e altre operazioni, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato:

Nel corso dell’ultimo periodo, la Compagnia Carabinieri di Casale M.to ha impiegato molte risorse investigative nel campo della prevenzione e repressione dei reati informatici. La maggiore attenzione è dovuta ad un aumento delle truffe “on line”, purtroppo sempre più frequenti e sempre più elaborate.
Il volume degli affari generati dal “Web shopping” è cresciuto in maniera esponenziale, mettendo in evidenza anche un aumentato interesse delle aziende e dei consumatori italiani verso i mercati stranieri. Le transazioni “on line” aprono lo scenario a nuove forme di crimine come il furto dei codici delle carte di credito oppure la violazione all’accesso e all’uso dei dati sensibili. Alcuni consigli possono evitare di essere truffati da incauti acquisti da venditori italiani o stranieri:
– Diffidate sempre dagli acquisti molto convenienti e dai guadagni facili: spesso si tratta di truffe o di merce rubata;
– Non partecipate a lotterie non autorizzate e non acquistate prodotti miracolosi od oggetti presentati come pezzi d’arte o d’antiquariato se non siete certi della loro provenienza;
– Non accettate in pagamento assegni bancari da persone sconosciute;
Nel campo della repressione alle truffe informatiche sono stati ottenuti i seguenti risultati:
– I Carabinieri della Stazione di Balzola (AL), a conclusione degli accertamenti in seguito alla querela presentata da A.C. 22enne studente universitario, residente a Casale M.to (AL), denunciavano per truffa: M.M. 38enne residente ad Alpignano (TO), pluripregiudicato, commerciante di auto, poiché in seguito alla vendita allo studente universitario di un telefono cellulare: Samsung Galaxy S10, per € 650, smetteva di pagare l’abbonamento mensile con la compagnia telefonica dalla quale lo aveva acquistato, conseguentemente il cellulare cessava di funzionare e diventava inutilizzabile.

– I militari della Stazione Carabinieri di Occimiano (AL), a conclusione degli accertamenti in seguito alla querela presentata da N.S. 22enne commerciante, residente a Camagna M.to (AL), denunciavano per truffa: L.L. 60enne napoletana, con numerosi precedenti di polizia, poiché nel mese di aprile, metteva in vendita sul sito internet: “Market Place” di Facebook, un costoso televisore, facendosi accreditare sul suo conto corrente € 250, rendendosi irreperibile e non consegnando mai la merce.

Compagnia Carabinieri di Alessandria:

Nella mattina del 19 gennaio 2019, a Valenza, un ex orafo li residente, era stato vittima di una rapina in abitazione. Dopo aver sentito dei rumori provenire dalle scale del condominio, aveva aperto la porta del proprio appartamento trovandosi di fronte un uomo incappucciato ed armato di pistola. Il malvivente – dopo aver colpito la vittima al volto con la pistola – si faceva consegnare 4 kg di oro puro in lamine che il malcapitato conservava all’interno di una piccola cassaforte, oltre ad altri gioielli tra cui anelli ed orologi di valore.
Le indagini scaturite a seguito della dettagliata denuncia della vittima R.A., hanno permesso oggi di trarre in arresto il rapinatore assicurandolo alla Giustizia.
I Carabinieri della Stazione di Valenza unitamente al personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alessandria hanno infatti concluso una lunga indagine che ha consentito di ricostruire l’episodio criminale individuando il rapinatore e di recuperare mezzo chilogrammo di oro puro fuso in due semisfere.
L’indagine è stata condotta mediante attività tecniche e numerosi servizi di osservazione e pedinamento nei confronti di un uomo classe 1966 addetto di una ditta di pulizie di Valenza identificato poi in MAZZEI Filippo. Continua a leggere “Carabinieri: prevenzione e repressione dei reati informatici e altre operazioni, di Lia Tommi”

Operazioni dei Carabinieri, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Acqui Terme:

Carpeneto: un denunciato in stato di libertà per omissione di soccorso
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Carpeneto, al termine di una immediata attività investigativa hanno deferito in stato di libertà, con l’accusa di omissione di soccorso e lesioni personali stradali D.B. 48enne della Provincia di Savona.
L’attività investigativa ha avuto inizio nella scorsa settimana quando i carabinieri di Carpeneto erano intervenuti nei pressi della Frazione Retorto di Predosa per un incidente stradale. Intervenuti sul posto avevano trovato un giovane motociclista a terra che, prima di essere condotto in ospedale per le numerose lesioni, aveva riferito di essere stato investito da un’autovettura che, ad un incrocio, non aveva rispettato la precedenza.
L’urto aveva comportato lo sbalzo del motociclista dal suo mezzo e una serie di traumi e lesioni poi refertate con una prognosi di 30 giorni.
Gli immediati rilievi effettuati dai carabinieri sul posto permettevano di rinvenire parti di uno specchietto retrovisore esterno evidentemente staccatosi dall’autovettura coinvolta nello scontro. Un’immediata analisi merceologica, corroborata dalle dichiarazioni della parte offesa (che parlava di un generico monovolume) permettevano di identificare l’autovettura in una Volkswagen Touran. Venivano pertanto richieste le telecamere di videosorveglianza che, seppur a distanza dal luogo dell’impatto, potevano essere state utilizzate come via di fuga.
Ed effettivamente, in orario compatibile con l’incidente, veniva identificata una Volkswagen Touran in uso al 48enne del savonese.
Un controllo effettuato all’autovettura permetteva di verificare la presenza, ancora a distanza di giorni, di numerosi segni sulla fiancata nonché l’assenza dello specchietto retrovisore, segnali chiari di un incidente stradale.
D.B., messo di fronte alle proprie responsabilità, ha immediatamente ammesso di essere stato lui a condurre l’autovettura e, effettivamente, di aver avuto l’incidente con il motociclista.
Pertanto è stato deferito in stato di libertà con l’accusa di omissione di soccorso e lesioni personali stradali.
L’autovettura e la motocicletta coinvolte nel fatto sono state poste sotto sequestro. Continua a leggere “Operazioni dei Carabinieri, di Lia Tommi”

Operazioni dei Carabinieri, di Lia Tommi

logo-alessandria-today-ok-copia

Compagnia Carabinieri di Novi Ligure:

Serravalle Scrivia, esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere.
I Carabinieri della Stazione di Serravalle Scrivia (AL) hanno tratto in arresto in esecuzione ordinanza di custodia cautelare in carcere un pluripregiudicato di nazionalità marocchina, per il reato di evasione dal luogo ove espletava la misura degli arresti domiciliari, commesso il 9 giugno u.s. nel Comune di Serravalle Scrivia. NAJHI Said, dell’età di 34 anni era stato tratto in arresto il 6 giugno u.s. per i reati di resistenza e oltraggio a PP.UU. nel Comune di Cogoleto (GE) e sottoposto, per tal motivo, alla misura cautelare degli arresti domiciliari in Serravalle Scrivia.
L’evasione commessa il 9 giugno u.s. ha fatto scattare l’aggravamento della misura cautelare tale per cui i Carabinieri di Serravalle Scrivia l’hanno arrestato e tradotto presso la Casa Circondariale “Cantiello e Gaeta” di Serravalle Scrivia, ove dovrà scontare la pena di anni 8 di reclusione.

Compagnia Carabinieri di Tortona:

Operazione “Alta moda”. I Carabinieri eseguono gli arresti ordinati dalla Suprema Corte di Cassazione.
A seguito della conclusione delle investigazioni e sulla base dell’intero contenuto delle emergenze riscontrare dai Carabinieri di Tortona (AL) e da quelli della Stazione di Sale (AL) e Castelnuovo Scrivia (AL), coordinati dal Dr. Fabrizio Alessandria, Sostituto Procuratore della Repubblica di Alessandria che ha portato all’individuazione e la disarticolazione di quella che il Tribunale del Riesame di Torino ha indicato trattarsi di una vera e propria strutturata organizzazione transnazionale, con basi logistiche a Tortona e Castelnuovo Scrivia (AL), dedita alla commissione di furti e rapine in danno di Outlet e centri commerciali di Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana e Svizzera, il Tribunale torinese riformava l’ordinanza del GIP alessandrino disponendo procedersi all’applicazione della Misura Cautelare della custodia in carcere per DINCA Vasilica 49 anni, residente in una casa del centro storico di Tortona, e la di lei figlia BALDEAN Viorica Cristina 25enne. A seguito del ricorso alla Suprema Corte di Cassazione il provvedimento restrittivo trovava sospensione, ma sulla base di tale pendenza i militari dipendenti attivavano comunque riservata vigilanza al fine di scongiurare l’eventuale fuga, in attesa della pronuncia degli ermellini.
A seguito della sentenza della Suprema Corte di Cassazione avversa all’impugnazione della difesa, l’originario Ordine di Carcerazione diventava esecutivo permettendo ai militari di effettuare l’arresto a meno di un’ora dalla formalizzazione dell’Ordine giudiziario. Continua a leggere “Operazioni dei Carabinieri, di Lia Tommi”

Lite per problematiche di vicinato sedata dai Carabinieri

Compagnia Carabinieri di Tortona:

Nella mattinata del 1° luglio u.s., in Pontecurone (AL) i Carabinieri della locale Stazione unitamente ai colleghi di Castelnuovo Scrivia (AL), supportati da unità del Nucleo Operativo di Tortona (AL), con l’ausilio di personale della Polizia Locale, hanno svolto una serie di controlli presso alcune unità abitative del Condominio “Minella” sito in quella Via Ottaggi, al fine di accertare potenziali situazioni di illegalità, occupazione abusiva di alloggi ovvero “sub affitto”.
Sono stati identificati 21 soggetti extracomunitari risultati in possesso di permessi di soggiorno.
Nessuna violazione accertata.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Tortona, al termine di articolata attività d’indagine, denunciavano alle competenti Autorità Giudiziarie, per rissa e lesioni personali, cinque cittadini stranieri O.A. di anni 39, B.N. di anni 31, S.R. di anni 59, S.W. di anni 23 e S.G. di anni 17, tutti residenti in Tortona, poiché nella serata del 29 giugno, in Via Legnano di Tortona, per futili motivi connessi con problematiche di vicinato, davano luogo a una colluttazione che veniva prontamente sedata dai Carabinieri intervenuti.

Cameriere arrestato per detenzione ai fini di spaccio, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Acqui Terme:

Acqui Terme: cameriere arrestato per detenzione ai fini di spaccio.
Nella giornata di venerdì, durante un servizio di controllo del territorio, peraltro in concomitanza con il weekend della “notte bianca romana” in quel momento in corso, i Carabinieri del NOR – Aliquota Operativa di Acqui Terme hanno tratto in arresto un quarantaseienne, cameriere di un conosciuto ristorante acquese, con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari notavano un noto tossicodipendente di Acqui Terme che dopo essersi intrattenuto con il quarantaseienne, si allontanava con fare sospetto: subito fermato, risultava in possesso di circa 10 grammi di marijuana evidentemente consegnatigli dal cameriere, che, rintracciato presso il ristorante dove lavorava, con un gesto repentino, tentava di gettare un involucro contenente ulteriori due grammi circa di marijuana. Con tali premesse, si procedeva pertanto alla sua perquisizione personale, poi estesa all’armadietto personale detenuto all’interno del posto di lavoro, dove, in un paio di pantaloni, venivano rinvenuti 360 euro, ritenuti provento di spaccio, mentre nella sua abitazione, veniva trovata altra marijuana per oltre 20 grammi.
Stanti i fatti, il quarantaseienne era tratto in stato di arresto e, su disposizione del PM di turno, tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari. Nella giornata di sabato, davanti al GIP di Alessandria, l’arresto è stato convalidato e l’uomo ha patteggiato una pena pari a sei mesi di reclusione e 1000 euro di multa, venendo rimesso in libertà.

Carabinieri di Acqui Terme: Attività e risultati

Carabinieri di Acqui Terme: Attività e risultati

Carab Acqui 1.png

Montechiaro d’Acqui – Un deferito in stato di libertà per detenzione di stupefacenti.

I Carabinieri del NOR – Aliquota Operativa di Acqui Terme, unitamente ai colleghi della Stazione di Bistagno, hanno deferito in stato di libertà con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio F.J., 28 anni, originario della Nigeria, richiedente protezione internazionale.

I Carabinieri, nei giorni scorsi, avevano ricevuto una serie di informazioni riguardanti il cittadino nigeriano che, ospite di una struttura per richiedenti asilo di Montechiaro d’Acqui, era stato visto più volte in compagnia di noti tossicodipendenti.

Pertanto, temendo potesse occultare sostanza stupefacente all’interno della struttura, i Carabinieri hanno proceduto a un’accurata perquisizione, rinvenendo sull’uomo due involucri contenenti complessivamente 40 grammi di marijuana, sottoposti a sequestro.

Condotto presso gli uffici della Compagnia Carabinieri, per F.J. è scattato il deferimento in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Carab Acqui 2

Acqui Terme – Giunto un Ufficiale in tirocinio.

Nella giornata di domenica è giunto al Comando della Compagnia di Acqui Terme il S. Ten. Fabio Antonio PLACCHINO che, per due settimane, svolgerà il suo periodo di esperimento pratico presso il reparto acquese.

Classe 1984, di origini campane, il S. Ten. Placchino si è arruolato nel 2004 come Carabiniere ausiliario, prestando servizio nella regione di origine. Frequentatore del 12° corso biennale Marescialli presso le scuole di Velletri e Firenze, ha successivamente prestato servizio in diversi reparti dell’organizzazione territoriale della Provincia di Roma tra cui il NOR – Aliquota operativa di Frascati. Successivamente ha prestato servizio presso il Reparto Anticrimine del ROS di Roma dove si è occupato anche di attività investigative inerenti la Criminalità Organizzata su Roma e nel Lazio. Vincitore di concorso per Ufficiale del Ruolo Normale, è attualmente frequentatore del 1° Corso applicativo biennale presso la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma. È laureato in giurisprudenza e operatore della sicurezza sociale. Continua a leggere “Carabinieri di Acqui Terme: Attività e risultati”

Carabinieri Tortona: Attività e risultati

Carabinieri Tortona: Denuncia P. D.disoccupata di Alessandria, per furto al supermercato ESSELUNGA

Carb logo copia.jpg

1) I Carabinieri di Tortona (AL) hanno denunciato  in stato di libertà  per furto P. D. 44enne disoccupata di Alessandria, con precedenti di polizia. La donna, all’interno del locale supermercato “ESSELUNGA”, si impossessava di diverse bottiglie di superalcolici occultandole nella propria borsa e, dopo aver superato le casse di pagamento veniva dal personale di vigilanza e dai Carabinieri di questo Comando che rinvenivano la merce poco prima asportata del valore complessivo di 390,00 euro che veniva restituita alla direzione del centro commerciale.     

2) Il 20 giugno, i Carabinieri di Villalvernia hanno denunciato in stato di libertà per violazione degli obblighi di assistenza familiare C.F.Z., 28enne marocchina, querelata dal marito, suo connazionale, il quale la accusava di avere lasciato l’abitazione di residenza di Villalvernia portandosi via i due figli minori di uno e tre anni.

Il denunciante riferiva che la moglie e i figli si trovavano, dallo scorso mese di marzo, nel paese d’origine contro la sua volontà.

3) I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia CC di Tortona hanno denunciato in stato di libertà per illecita detenzione di sostanza stupefacente tipo marijuana, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale il minore F. M. classe 2003 da Tortona, con precedenti di polizia per lesioni, rapina e altro.

La madre convivente F.N. 47 enne trovava nel corridoio della cantina dello stabile di residenza tre bustine contenenti della sostanza stupefacente tipo marijuana e manifestando l’intenzione di portarla ai Carabinieri. Immediatamente, il figlio minore aggrediva la madre strappandole dalle mani due delle buste dandosi alla fuga. La F. N. portava la busta contenente gr. 98 di marijuana presso la Stazione Carabinieri che ponevano sotto sequestro penale. Continua a leggere “Carabinieri Tortona: Attività e risultati”

Comando Provinciale Carabinieri di Alessandria: Esercitazione denominata “GRIFO 2019”

Comando Provinciale Carabinieri di Alessandria: Esercitazione denominata “GRIFO 2019”

1 Foto 11 Foto 3

Il 26 giugno, tra le ore 08.30 e le 13.00, ha avuto luogo l’esercitazione denominata “Grifo 2019”, organizzata dal Comando Provinciale Carabinieri di Alessandria, nell’ambito del Piano di gestione delle emergenze di protezione civile predisposto dalla Legione Carabinieri “Piemonte e Valle d’Aosta” di Torino per far fronte a scenari di rischio sia di natura meteo-idrogeologico, sia correlati ad eventi imprevedibili quali – ad esempio – incendi particolarmente estesi, incidenti/attacchi chimico-batteriologici o anche terremoti, al fine di: testare la funzionalità e l’efficacia dei sistemi di allertamento, nonché verificare i tempi di attivazione e l’efficienza delle unità del Comando Provinciale alessandrino; perfezionare la capacità di risposta anche da parte degli altri Reparti presenti nel territorio della Legione Carabinieri che, affluendo di rinforzo al personale del Comando Provinciale, vengono da questi gestiti e coordinati per assicurare, in caso di calamità naturale inattesa, una adeguata risposta protratta nel tempo, al fine di garantire:

1 Foto 2

prioritariamente, la continuità del servizio istituzionale nelle zone interessate;

in via sussidiaria, un qualificato concorso dell’Arma al dispositivo provinciale di Protezione Civile.

Lo scenario di riferimento dell’esercitazione prende spunto dalla considerazione che, come noto, negli anni il territorio della provincia di Alessandria è stato interessato più volte da eventi alluvionali, che hanno colpito – alternativamente o anche in contemporanea – le aree fluviali del Tanaro e del Bormida. In tale contesto, quindi, l’esercitazione – alla quale hanno partecipato complessivamente 30 veicoli e oltre 100 Carabinieri provenienti dalle province di Torino, Aosta, Novara, Verbania, Cuneo Vercelli, Biella e Asti, compresi i militari dei Gruppi Forestali ed un’unità di volo del 1° Nucleo di Volpiano (TO) – ha sostanzialmente cercato di verificare la risposta, da parte di uomini e mezzi del Comando Provinciale CC di Alessandria nonché di quelli inviati quale rinforzo dal Comando Legione, in caso di alluvione che interessi, il territorio dei Comuni di Alessandria e di Castellazzo Bormida. Continua a leggere “Comando Provinciale Carabinieri di Alessandria: Esercitazione denominata “GRIFO 2019””

Risultati interventi della Compagnia Carabinieri di Novi Ligure a Arquata Scrivia, Serravalle Scrivia e Stazzano

Risultati interventi della Compagnia Carabinieri di Novi Ligure a Arquata Scrivia,  Serravalle Scrivia e Stazzano

Carb logo

Arquata Scrivia, sorpreso con un’arma non denunciata.

I militari della Stazione Carabinieri di Arquata Scrivia, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Alessandria un 64enne arquatese, per il reato di omessa denuncia di armi. In seguito a controlli di routine svolti a carico dei possessori di armi,  presso l’abitazione dell’uomo veniva rinvenuta una pistola marca “Flobert” cal. 6, della quale aveva omesso di denunciarne il possesso, pur avendo regolarmente effettuato un atto di cessione di armi fra privati. In seguito alla denuncia in stato di libertà, la pistola è stata posta sotto sequestro.

Serravalle Scrivia, non viene trovato in casa, denunciato.

I Carabinieri della Stazione di Serravalle Scrivia hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Alessandria  N.S. 34enne cittadino marocchino,  per il reato di evasione. I militari, a seguito di un mirato controllo, non hanno trovato l’uomo presso la propria abitazione, ove lo stesso dallo scorso 6 giugno era sottoposto al regime degli arresti domiciliari come disposto dal Tribunale di Genova, per il reato di resistenza a P.U. commesso nel capoluogo ligure. Continua a leggere “Risultati interventi della Compagnia Carabinieri di Novi Ligure a Arquata Scrivia, Serravalle Scrivia e Stazzano”

Risultati interventi dei Carabinieri di Alessandria

Risultati interventi dei Carabinieri di Alessandria

Carabinieri stazione Alessandria

Denuncia in stato di libertà di un cittadino straniero per danneggiamento aggravato.

È stato deferito in stato di libertà per danneggiamento aggravato un tunisino classe 85 residente a Milano. Lo straniero, nullafacente, nelle prime ore di oggi 18 giugno, è stato fermato dai Carabinieri del Radiomobile di Alessandria subito dopo aver completamente divelto le serrature ed i maniglioni di due porte a vetri della Stazione Ferroviaria che consentono l’accesso alla sala d’attesa.

Carbinieri foto

Frugarolo e Casal Cermelli, denuncia di due persone e conseguente ritiro delle patenti  per guida in stato di ebrezza alcolica.

Sono stati deferiti in stato di libertà con il conseguente ritiro delle patenti, un 40enne di Fresonara ed un 38 enne di Alessandria per guida in stato di ebrezza. I Carabinieri della Stazione di Bosco Marengo durante uno specifico servizio di prevenzione e controllo hanno sottoposto ad accertamenti un pregiudicato classe 59 mentre percorreva in auto le strade di Frugarolo risultando positivo all’etilometro con tassi ben superiori al limite consentito. Per la stessa violazione, ma con l’aggravante di aver provocato un sinistro stradale è stato deferito in stato di libertà un 38enne di Alessandria il quale, appena passata la mezzanotte in Casal Cermelli, dopo aver invaso la corsia opposta causava un sinistro stradale fortunatamente senza feriti. Anche lui sottoposto ad accertamenti con l’etilometro risultava positivo al test.

Quattordio, arresto di un giovane in esecuzione di misura cautelare in carcere.

I Carabinieri della Stazione di Felizzano hanno tratto in arresto un ragazzo classe 2001, già affidato ad una comunità di Quattordio in ottemperanza al provvedimento di aggravamento della misura cautelare emesso dal Tribunale per i Minorenni di Torino. Il giovane doveva infatti espiare una pena di 1 mese per il reato di estorsione e maltrattamenti in famiglia. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato tradotto presso l’istituto di pena minorile “Ferrante Aporti” di Torino.