Alessandria e la Giornata dell’economia: qualche spiraglio di luce, un forte valore aggiunto, scarsa capacità di innovare, turismo negativo.

Alessandria e la Giornata dell’economia: qualche spiraglio di luce, un forte valore aggiunto, scarsa capacità di innovare, turismo negativo.

Ma in Argentina l’esportazione vale venti milioni di euro

economia.jpg

Author: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

Gian Paolo Coscia, presidente della Camera di Commercio di Alessandria, ha usato parole incoraggianti: «Per l’economia alessandrina c’è qualche spiraglio di luce in più». Ma l’analisi dei dati evidenzia alcuni andamenti negativi che invece dovrebbero fare mantenere alta l’attenzione.

Perché se è vero che il valore aggiunto, la produzione industriale, l’occupazione, l’esportazione hanno un segno ‘più’ decisamente elevato, è anche vero che alcune delle criticità di fondo del tessuto produttivo restano irrisolte.

La ‘Giornata dell’economia’ celebrata ad Alessandria ha consegnato una fotografia in cui le contraddizioni non mancano, a cominciare dall’andamento negativo del turismo fino al focus sulle industrie che evidenzia, fra l’altro, durante il 2018 parecchi investimenti, principalmente in macchinari e attrezzature, che però per il 50 per cento sono stati inferiori a 25.000 euro e con l’autofinanziamento che ha rappresentato il canale principale di finanziamento. Continua a leggere “Alessandria e la Giornata dell’economia: qualche spiraglio di luce, un forte valore aggiunto, scarsa capacità di innovare, turismo negativo.”

Sono arrivati i saldi estivi ad Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria today: Al via da oggi, anche in provincia di Alessandria, i saldi estivi. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, quest’anno per l’acquisto di capi scontati ogni famiglia spenderà in media poco meno di 230 euro, circa 100 euro pro capite, per un valore complessivo intorno ai 3,5 miliardi di euro. Le famiglie che acquistano in saldo sono infatti 15,6 milioni su 26 milioni. Secondo il Codacons gli acquisti saranno però frenati dall’incertezza economica e il concomitante periodo di partenza per le vacanze.

Ecco i 10 consigli per non incappare in brutte sorprese:

1 Conservate sempre lo scontrino: i capi in saldo si possono sostituire, se il prodotto acquistato è danneggiato o non conforme. Il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso, anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Per quanto riguarda il difetto di conformità il consumatore può denunciarlo al venditore entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto.

2 Attenzione ai fondi di magazzino: la merce posta in vendita sotto la voce ‘saldo’ deve essere l’avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino di anni e stagioni precedenti. Alla larga da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono improvvisamente riempiti dei più svariati articoli. Diffidate anche di quei negozi che, a fine stagione, hanno per ogni tipo di prodotto il completo assortimento di taglie e colori. Continua a leggere “Sono arrivati i saldi estivi ad Alessandria, di Lia Tommi”

TOP HAIRSTYLISTS d’Italia , di Lia Tommi

Uno scoop simpaticissimo: alcuni parrucchieri della vostra città sono stati selezionati come TOP HAIRSTYLISTS d’ITALIA.

È infatti tempo di classifiche e di indicare dove spendere meglio il proprio tempo e i propri soldi.

E cosa meglio di una guida per non correre il rischio di sbagliare? Da oltre 20 anni,

la TOP HAIRSTYLISTS – Guida ai Migliori Parrucchieri d’Italia aiuta migliaia di utenti nella scelta del parrucchiere

più indicato per le proprie esigenze e necessità. Un book di 208 pagine, curato e studiato per raccogliere

solo i migliori 200 saloni attivi sul territorio italiano sugli 86000 esistenti.

Quest’anno, per la provincia di ALESSANDRIA sono stati scelti e pubblicati DUE parrucchieri TOP:

AGOSTINO EQUIPE – Alessandria
ANGELO GIORDANO – Tortona

Nella selezione dei saloni pubblicati, oltre alla bravura tecnico-artistica, sono stati considerati anche altri fattori,

come l’innovazione apportata all’interpretazione di nuovi stili e tendenze della moda capelli.

La donna, infatti, oggi non si accontenta più di servizi tradizionali, ma esige sempre proposte nuove,

miglioramenti continui che le permettano di raggiungere lo scopo finale: sentirsi bella.

E per raggiungere questo obiettivo non basta più solo il risultato visivo: contano ovviamente anche l’ambiente,

l’accoglienza e una buona dose di familiarità e simpatia. Infine, ma non per questo meno importanti,

sono essenziali anche i brand e i prodotti utilizzati e rivenduti: essi infatti devono necessariamente essere di altissima qualità.

Ebbene, i parrucchieri da noi selezionati sono proprio così. Anzi, sono anche meglio!

Interessante, vero? Le vostre lettrici saranno sicuramente curiose di sapere che in città c’è un TOP HAIRSYLIST!

Se desiderate visionare la TOP HAIRSTYLISTS 2019 sfogliabile completa, inoltre, potete trovarla ai seguenti link:

https://globelife.com/tophairstylists2019/

http://tophairstylists.com/

Istituzione dell’albo comunale delle botteghe storiche, di Lia Tommi

comune-al copiaIstituzione dell’albo comunale delle botteghe storiche
del comune di alessandria

Con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 80 / 118 / 180 / 18100 del 20/06/2019 è stato istituito l’albo comunale delle botteghe storiche del Comune di Alessandria che comprenderà gli esercizi commerciali, gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e le imprese artigianali, collocati nel territorio comunale.
Questi esercizi sono considerati un bene di interesse collettivo, facente parte del patrimonio della Città di Alessandria, e rappresentano un intrinseco valore storico e culturale nel tessuto urbano e nel vissuto quotidiano dei cittadini come luoghi della memoria, patrimonio di professionalità e tradizioni, ma anche per Io shopping e il richiamo turistico.
Possono ottenere il riconoscimento per anzianità gli esercizi commerciali, gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e le imprese artigiane che abbiano la propria sede nelle aree del territorio cittadino e che da almeno 40 anni:
– svolgano la stessa attività, anche in locali diversi da quelli originali, a prescindere dagli eventuali mutamenti di gestione o di proprietà a condizione che siano state mantenute le caratteristiche originarie dell’attività;
– trattino lo stesso comparto merceologico (nel commercio fisso è da intendersi come stessa sottocategoria di prodotti, per gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande è da intendersi come la stessa tipologia di cibi e bevande somministrata in modo esclusivo o prevalente, per le imprese artigiane è da intendersi come la stessa attività prevalente, es:barbiere,calzolaio,vetraio,ecc.);
– siano stati mantenuti lo stesso marchio/insegna/denominazione dell’impresa;
– siano stati condotti dallo stesso titolare o mediante sub ingresso (successione ereditaria: eredi legittimi e tutori legali degli aventi diritto; cessione d’azienda tra coniugi, tra parenti diretti del titolare o altri affini; conferimento d’azienda in società di persone o di capitali).
L’adesione all’albo delle Botteghe Storiche del Comune di Alessandria è a titolo volontario e sarà possibile con la compilazione di un modulo, scaricabile dal sito del Comune di Alessandria. Le istanze dovranno pervenire al Comune di Alessandria entro le ore 12 del 30 settembre di ogni anno con le seguenti modalità:
– consegnate a mano direttamente al Protocollo Generale del Comune di Alessandria
– inviate all’indirizzo di posta certificata comunedialessandria@legalmail.it
– inviate con e-mail ai seguenti riferimenti: roberta.forneris@comune.alessandria.it
piera.bruno@comune.alessandria.it

L’albo contenente l’elenco delle imprese aderenti è pubblico e sarà liberamente consultabile sul sito web http://www.comune.alessandria.it.
A tutte le imprese che avranno ottenuto il riconoscimento come ‘Bottega storica’ e saranno inserite nell’Albo, verrà assegnata una targa distintiva che dovrà essere esposta all’esterno o all’interno del locale, posizionata in modo che questa possa avere la massima visibilità.
L’Albo sarà aggiornato annualmente.

 

Paolo Conte festeggia i 50 anni di Azzurro aprendo l’Anima Festival, di Lia Tommi

Paolo Conte – Fifty Years of Azzurro

Anfiteatro dell’Anima
Via Salita Mina, 12040 Cervere

Dopo il sold out al Teatro Regio di Torino (15 aprile) e quello del Creberg Teatro di Bergamo (10 maggio), si aggiunge una nuova data estiva al tour di celebrazione dei cinquant’anni di “Azzurro”. Il primo brano, interpretato allora da Adriano Celentano, che ha portato Paolo Conte ad essere conosciuto in Italia e nel mondo.

Venerdì 5 luglio, alle ore 21.30, il cantautore astigiano farà tappa all’Anfiteatro dell’Anima di Cervere (Cuneo), con la produzione di Concerto Music e l’organizzazione di Dimensione Eventi.

Prevendite disponibili a partire da venerdì 21 dicembre alle ore 12 con il circuito Ticket One (on-line su http://www.ticketone.it ed in tutti i punti vendita affiliati).

Per maggiori informazioni sul concerto: DIMENSIONE EVENTI SRL info@dimensioneeventi.it – tel. 011/2632323 (dal lunedì al venerdì 10-13 e 15-18)

Per maggiori informazioni sull’artista: http://www.paoloconte.it http://www.facebook.com/paoloconteofficial
Management PAOLO CONTE: Concerto Music – info@concerto.net

ANFITEATRO DELL’ANIMA – una location unica
Una location magica sospesa tra cielo e terra a Cervere, a pochi passi da Cuneo, tra le Langhe ed il Monviso, che esercita da sempre un fascino irresistibile sul pubblico e sugli artisti.
La bellezza naturale del luogo, immerso nel verde, si fonde con la forza dell’architettura con le pietre monolitiche ad abbracciare il palcoscenico e la scultura “Anima” che si staglia sul panorama con il suo volto di donna. Una dimensione sospesa nel tempo, dove potersi rifugiare per staccare la spina per il tempo di un concerto da ricordare come un’emozione, una vera e propria esperienza dell’anima.

Nel 2018 ha ospitato Anastacia, Edoardo Bennato, Ermal Meta, Anna Oxa e Beppe Grillo. Il primo nome dell’estate 2019 è Paolo Conte.

Premiazione dei ” Balconi Fioriti “, di Lia Tommi

Premiazione dei “Balconi Fioriti”
edizione 2019

L’evento si svolgerà

mercoledì 3 luglio 2019 alle ore 18.00
Giardino Botanico Comunale “Dina Bellotti” via Giulio Monteverde 24 – Alessandria

Il progetto è stato promosso dall’Amministrazione Comunale — in collaborazione con il Gruppo Amag, con il coinvolgimento operativo dell’Agenzia Florida Style e la sponsorizzazione di diversi Soggetti tra cui, come main sponsor, Grandiauto Alessandria — con l’obiettivo di migliorare il decoro e l’aspetto estetico della Città e di promuovere tra i cittadini la cura del verde e l’abbellimento dei balconi, delle vie, delle vetrine e dei giardini con fiori e piante ornamentali.
Le premiazioni riguarderanno le categorie balconi, vetrine, giardini e vie cittadine.

Social Wood e la forza sociale di Coldiretti per promuovere l’economia carceraria, di Lia Tommi

Degustazione questa mattina al Mercato Coperto di via Guasco ad Alessandria
Campagna Amica e “Fuga di Sapori”, la riqualificazione urbana passa anche da qui.

A pochi giorni dalla pubblicazione del decreto che definisce i requisiti minimi per le aziende che fanno attività di agricoltura sociale, questa mattina nel Mercato Coperto di Campagna Amica è stato organizzato un esempio di collaborazione virtuoso: quello tra il carcere di Alessandria e Coldiretti.
Una partnership nata grazie al nuovo Mercato Coperto di Campagna Amica, dove gli arredi sono stati interamente realizzati da detenuti ed ex detenuti che lavorano nella Bottega Solidale SocialWood di piazza Don Soria ad Alessandria.

Nel progetto di riqualificazione urbana, partendo dalla visione di essere sempre di più forza sociale, Coldiretti e “Fuga di Sapori” hanno voluto promuovere l’economia carceraria e raccogliere fondi per progetti di pubblica utilità.
E’ stato così che accanto ai prodotti a km0 è stato possibile degustare e acquistare birra, dolci, liquori, sott’oli e manufatti interamente realizzati sia nel carcere di Alessandria che di altre parti d’Italia.

“Il nostro essere forza sociale significa anche promuovere la formazione e il lavoro interno agli Istituti di Pena di Alessandria, ma anche aprirsi a progetti che permettano di migliorare la città, proprio come sta accadendo con piazza Don Soria. – ha affermato il presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – Abbiamo creduto fortemente in SocialWood, per le sue finalità e i suoi progetti. Con questa collaborazione, il nostro obiettivo è dare la possibilità ai detenuti di ritrovare fiducia in se stessi e spinta motivazionale. Coldiretti continuerà su questo percorso perché tutto ciò che riguarda il benessere della persona è una nostra priorità”.
Non a caso, infatti, oggi è stata pubblicizzata la “Festa della Sbirra – Illegale non berla” in programma il 29 e 30 giugno davanti alla Casa Circondariale per raccogliere fondi per la riqualificazione di piazza Don Soria.
“Con la degustazione di oggi si è consolidato questo rapporto volto a creare valore sociale in città e proporre accanto ai prodotti di qualità di Campagna Amica anche quelli Made in Carcere. Molti sono gli esempi e i progetti che vedono Coldiretti impegnata a livello nazionale in questi contesti, con interventi di sostegno dentro e fuori le strutture carcerarie – ha aggiunto il direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – Da sempre lo spirito della Coldiretti è quello di stare a stretto contatto con la terra e al fianco delle persone meno fortunate. Detto questo non potevamo non accogliere con plauso questa forma di collaborazione”.
Anche questa mattina, intanto, è proseguita la raccolta firme #stopciboanonimo per estendere a livello europeo l’obbligo di indicare in etichetta l’origine degli alimenti.

Ampie schiarite 7. Napoli per pace e solidarietà, commercio da sostenere e commercio senza follie

Ampie schiarite 7. Napoli per pace e solidarietà, commercio da sostenere e commercio senza follie

Carlo Baviera

https://appuntialessandrini.wordpress.com

ampie.png

Il bene da scoprire e diffondere. Buone notizie che aprano alla speranza e alla fiducia

Sostegno ai Commercianti di Genova (Acquisti solidali nella zona arancione) – È proseguita anche nel giorno dopo la storica firma del contratto per demolizione e ricostruzione di ponte Morandi, la gara di solidarietà verso gli esercenti della zona il cui lavoro è quasi azzerato dopo il disastro. Oltre 50 persone radunate dalla Croce Rossa di Serravalle Scrivia (in provincia di Alessandria) sono arrivate per fare shopping in zona, in base alla valida iniziativa promossa da Monica Marciano di Borghetto e Simona Calvi di Vignole, che hanno creato questa “gita” settimanale dal Basso Piemonte alla zona arancione. Un gesto di solidarietà e di sostegno originale e non meno concreta di altre.

Napoli contro la violenza. – La città è compatta nella propria mobilitazione. Due giorni per dire no alla camorra e per camminare a favore della pace (prima ad Afragola, in seguito a Portici). Nonostante la pioggia, erano presenti studenti, associazioni, sindacati, cittadini uniti nel al racket. Vi erano stati episodi intimidatori facendo esplodere otto bombe davanti a esercizi commerciali. Fra gli slogan: «Lavoro, diritti casa, cultura: queste son le armi che ai clan fa paura». Ha preso parte alla sfilata anche il pizzaiolo Gino Sorbillo, la cui pizzeria, nel centro storico di Napoli, era stata colpita da una bomba carta. E Sorbillo ha annunciato che riaprirà il locale. «Da qui traggo una carica nuova per fare ancora meglio le cose nel servizio, nell’offerta, nella rete con gli altri commercianti». Mentre a Portici, i ragazzi, i bambini e le comunità parrocchiali del XII decanato si sono messi in cammino per la pace. Una scarpa vecchia, un giubbotto arancione di salvataggio e l’intitolazione delle strade che diano identità di pace alla città, i segni scelti dai Comuni di Ercolano, Portici, San Giorgio a Cremano e San Sebastiano al Vesuvio. Ventinove parrocchie con un solo sogno. «Abbattere i muri invisibili, fatti dalla paura di ciò che non conosciamo e che sembra diverso da noi». Continua a leggere “Ampie schiarite 7. Napoli per pace e solidarietà, commercio da sostenere e commercio senza follie”

Notte Bianca al Cristo, con mongolfiera e tantissimi eventi, di Lia Tommi

ALESSANDRIA – Sarà una notte lunghissima e piena di eventi, il tutto condito da una prorompente partecipazione dei commercianti del quartiere. La Notte Bianca del Cristo ad Alessandria è pronta. Il 29 giugno, dalle 19 all’una, in corso Acqui, i negozi si affacceranno sulla via, ciascuno con un palloncino led per illuminare la lunga notte e animare il popoloso quartiere cittadino. Il corso diverrà una lunghissima passerella da percorrere vestiti di bianco per aderire al tema della serata e prendere parte agli oltre 140 eventi.
Numeri da record che si affiancheranno a una serie di appuntamenti per tutti che inizieranno con il taglio del nastro, in via Carlo Alberto, affidato ad Anna Falchi e Mario Giordano, alle 21. Lo stesso Giordano, alle 21.45, nel piazzale del parcheggio interno Farmacia Sacchi, presenterà il suo ultimo libro.

La portata dell’evento è testimoniata dal programma sempre più ricco e affascinante. Dalle 21 alle 24 potrete salire sulla mongolfiera ancorata, gratuita, e osservare la città dall’alto. Una delle novità della Notte Bianca sarà “I cortili in scena“. Quattro spazi saranno infatti aperti al pubblico per proporre, dalle 20 all’1, ogni ora, il Teatro Itinerante. In Corso Acqui (cortile) “Prof in coro con APS” Concerto vocale strumentale. Brani di musica del 500 ad oggi. In Corso Acqui 96 (cortile) “Giulietta e Romeo” Parodia di Agata Tinnirello e Gianluca Pivetti. In via Marco Polo 2 (cortile) “Collasso di Cuori” la signora delle Camelie rivisitata da “I Provvisori”. In via Flavio Gioia 2, “Mago Magone 2” con Massimo Brusasco e la Compagnia Tetarale Fubinese.

1561409489305414484890-1481310825.jpg

 

La forza sociale di Coldiretti e Fuga di Sapori al Mercato Coperto di Campagna Amica, di Lia Tommi

Una partnership “gastronomica” per la riqualificazione urbana di Alessandria
La forza sociale di Coldiretti e “Fuga di Sapori” al Mercato Coperto di Campagna Amica
Appuntamento martedì 25 giugno nei locali di via Guasco dalle 8 alle 14

L’agricoltura come elemento di riscatto e di opportunità economica attraverso la costruzioni di filiere produttive.
Dalle parole ai fatti: una partnership nata grazie al nuovo Mercato Coperto di Campagna Amica, dove gli arredi sono stati interamente realizzati da detenuti ed ex detenuti che lavorano nella Bottega Solidale SocialWood di piazza Don Soria ad Alessandria.
Nel progetto di riqualificazione urbana, partendo dalla visione di essere sempre di più forza sociale, Coldiretti e “Fuga di Sapori” hanno organizzato un evento per promuovere l’economia carceraria e circolare e raccogliere fondi per progetti di pubblica utilità.
L’iniziativa si terrà martedì prossimo, 25 giugno, dalle 8 alle 14, nella sede del Mercato Coperto in via Guasco ad Alessandria con una presentazione e degustazione dei prodotti “Fuga di Sapori”, un marchio nato per raccogliere fondi e permettere a SocialWood di continuare ad investire nella formazione e nel lavoro interno agli Istituti di Pena di Alessandria, ma vuole anche aprirsi a progetti che permettano di migliorare la città, proprio come sta accadendo con piazza Don Soria.
“Abbiamo creduto fortemente in SocialWood, per le sue finalità e i suoi progetti. Quanto è stato realizzato per il Mercato Coperto di Campagna Amica è sotto gli occhi di tutti e il risultato ci piace molto. – ha affermato il presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – L’agricoltura raggiunge il suo apice di valore quando sfocia nel sociale. Con questa collaborazione, il nostro obiettivo è dare la possibilità ai detenuti di ritrovare fiducia in se stessi e spinta motivazionale. Coldiretti continuerà su questo percorso perché tutto ciò che riguarda il benessere della persona è una nostra priorità”.
Con la degustazione del 25 giugno si consoliderà questo rapporto volto a creare valore sociale in città e proporre accanto ai prodotti di qualità di Campagna Amica anche quelli Made in Carcere.
«Molti sono gli esempi e i progetti che vedono Coldiretti impegnata a livello nazionale in questi contesti, con interventi di sostegno dentro e fuori le strutture carcerarie – ha aggiunto il direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – Da sempre lo spirito della Coldiretti è quello di stare a stretto contatto con la terra e al fianco delle persone meno fortunate. Detto questo non potevamo non accogliere con plauso questa forma di collaborazione che si consoliderà ulteriormente con l’iniziativa del 25 giugno quando i prodotti made in carcere avranno un posto tutto per loro all’interno del nostro mercato coperto di Campagna Amica”.
Nel corso della degustazione del 25 giugno verrà inoltre pubblicizzata la “Festa della Sbirra – Illegale non berla” in programma il 29 e 30 giugno davanti alla Casa Circondariale per raccogliere fondi per la riqualificazione di piazza Don Soria.

Confapi “sta bene, ma può migliorare”. E conta su Asti per farlo. Parola di Antonino Giustiniani

Confapi “sta bene, ma può migliorare”. E conta su Asti per farlo. Parola di Antonino Giustiniani

Date: 12 giugno 2019 Author: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

antonino-giustiniani

Confapi Industria Alessandria «sta bene», ma può migliorare. Antonino Giustiniani, riconfermato per acclamazione dall’assemblea associativa alla presidenza per i prossimi tre anni, parla del primo mandato come di «una fase di start up che ha visto Alessandria uscire da una situazione particolarmente complessa e ripartire da zero. Oggi la situazione è solida, ma non solidissima e l’obiettivo del secondo mandato da presidente è crescere per completare il processo di risanamento e rilancio dell’organizzazione».

Giustiniani è convinto che «la traversata non è ancora finita» e subito indica l’obiettivo da perseguire: la costituzione dell’associazione territoriale di Asti. «Chiederemo l’autorizzazione a Confapi regionale e al nazionale per fare nascere la sorella astigiana entro la fine del 2019».

È sicuramente una sfida non solo territoriale, ma anche rispetto alla crisi della rappresentanza associativa che ha colpito altre organizzazioni. Non è un passo troppo lungo? «Alcuni nostri associati sono imprenditori astigiani e noi puntiamo sul tessuto delle piccole e medie imprese della provincia, è un tessuto importante che ha bisogno di una ‘casa’ astigiana. La territoriale Confapi di Asti sarà indipendente, come lo è Alessandria.

Le due realtà condivideranno invece il centro servizi che oggi lavora unicamente per Alessandria. Per noi significherà diminuire i costi, mentre Asti raggiungerà l’equilibrio economico con un numero minore di associati. L’associazionismo e la rappresentanza hanno un ruolo fondamentale, a patto che sia davvero di aiuto agli imprenditori, a partire dal sostegno alla internazionalizzazione. In provincia di Asti ci sono imprese che applicano i nostri contratti, in cui sono presenti gli enti bilaterali che garantiscono prestazioni fondamentali. Noi partiamo da questo e dai servizi erogati». Continua a leggere “Confapi “sta bene, ma può migliorare”. E conta su Asti per farlo. Parola di Antonino Giustiniani”

Ti piace scrivere, vuoi fare parte della redazione di Alessandria today @ Web Media Network ?

Ti piace scrivere, vuoi fare parte della redazione di Alessandria today @ Web Media Network ?

di Pier Carlo Lava

ibook

Alessandria today @ Web Media Network nasce a dicembre 2017, partendo da zero ha già raggiunto 530.000 visite con una crescita costante e continua dovuta all’impegno di tutti i numerosi Autori e Autrici che scrivono e pubblicano i loro post, che con l‘occasione ringrazio per l’impegno profuso e la qualità del livello creativo del loro lavoro.

La redazione vuole ulteriormente crescere, perciò vorrei invitare chi ne vuole fare parte e pubblicare direttamente nel blog a scrivermi in privato sul messenger di facebook (Pier Carlo Lava) oppure per mail precisando quanto segue:

Nome e cognome, num. di cellulare, indirizzo email e una breve biografia con foto.

L’invito è rivolto a tutti in particolare ai blogger, in tal senso informo che attualmente sono già molti nella redazione.

Non ci sono particolari restrizioni sui temi dei post, se non un civile rispetto dei numerosi lettori di oltre 130 paesi nel mondo.

Grazie per l’attenzione e cari saluti a tutti.

L’orto didattico della scuola Morbelli arriva al Mercato Coperto di Campagna Amica

L’orto didattico della scuola Morbelli arriva al Mercato Coperto di Campagna Amica

Sabato mattina insegnanti e bambini nello spazio riservato alle attività formative

Soddisfazione per un progetto arrivato al quinto anno: esempio virtuoso di produzione a Km0, illustreranno e proporranno ai consumatori il loro lavoro “in campo”

morb orto scuola Morbellimorb orto scuola Morbelli2

A guardalo si potrebbe dire che fanno concorrenza a chi l’imprenditore agricolo lo fa di mestiere. Zappette e rastrello accanto ai libri per un orto che è diventato il fiore all’occhiello dell’attività didattica della scuola materna ed elementare “Angelo Morbelli” ad Alessandria.

Grazie al supporto di Coldiretti, ma soprattutto all’impegno e all’entusiasmo di Cristina Ferrarino, insegnante referente del progetto ”Facciamo un orto in giardino!”, coadiuvata dalle maestre Lina Basile e Silvia Bona, i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Continua a leggere “L’orto didattico della scuola Morbelli arriva al Mercato Coperto di Campagna Amica”