Di Maio. M5S: Quattro nuove offerte per Alitalia

Di Maio. M5S: Quattro nuove offerte per Alitalia

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Il 15 luglio si chiudono i termini per la formazione del consorzio di imprese che dovrà rilanciare la nuova Alitalia. Ci auguriamo perciò che finalmente si trovi un accordo soddisfacente per tutte le parti in causa e sopratutto che la nostra Compagnia di bandiera esca definitivamente dai problemi di bilancio, che in diverse occasioni l’hanno portato sull’orlo del fallimento a causa della malagestio dei manager nominati dalle scelte politiche sbagliate dei Governi passati.

Alitalia.jpg

Oggi sono state presentate quattro offerte per la nuova Alitalia. Hanno avanzato un’offerta economica il patron della compagnia aerea Avianca, il gruppo Toto, il gruppo Atlantia e il patron della Lazio Claudio Lotito. È una buona notizia. Ci sono più possibilità di scelta.


Domani è una giornata importante, perché il Consiglio di Amministrazione di Ferrovie dello Stato dovrà scegliere il partner (o i partner) con cui iniziare il percorso per la nuova Alitalia. Auspico che si scelga tra le offerte più ambiziose e non tra quelle più conservative.
Continua a leggere “Di Maio. M5S: Quattro nuove offerte per Alitalia”

Il mattino ha l’oro in bocca, cosa significa e da dove deriva questo detto?

Il mattino ha l’oro in bocca, cosa significa e da dove deriva questo detto?

Il mattino

da Redazione

Al mattino chi dorme di più e si alza tardi, oltre a perdersi gli effetti fantastici del sole che sorge all’alba, uno spettacolo unico per il piacere dei nostri occhi e una sensazione di benessere per la mente, che la natura ci riserva ogni giorno, ovviamente è sempre in ritardo, produce di meno e conseguentemente non riesce mai a raggiungere tutti gli obiettivi prefissati. Il detto secondo taluni deriva da un’antica tradizione siciliana.

La notte precedente la festa di fidanzamento della figlia maggiore in una famiglia, questa nascondeva nella bocca di uno dei “mascheroni” delle fontane del paese uno dei gioielli, solitamente d’oro, donatile dalla nonna materna.

La mattina successiva le ragazze nubili del paese andavano a caccia del gioiello (che secondo la convinzione popolare avrebbe condotto a un rapido fidanzamento), con diritto a tenerlo per sè. Ovviamente, chi si alzava prima aveva maggiori possibilità di trovare il gioiello nella bocca del “mascherone” della fontana prescelta.

fonte: https://it.answers.yahoo.com

foto:https://www.tumblr.com/search/il%20mattino%20ha%20l’oro%20in%20bocca

Legambiente chiede l’Inchiesta Pubblica per la realizzazione della nuova discarica di rifiuti speciali in località Pitocca nei Comuni di Frugarolo e Casal Cermelli (AL)

Legambiente chiede l’Inchiesta Pubblica per la realizzazione della nuova discarica di rifiuti speciali in località Pitocca nei Comuni di Frugarolo e Casal Cermelli (AL)

Dopo la sospensione di sei mesi chiesta dal proponente (La Filippa 2.0 S.r.l. di Genova),  parte ora ufficialmente la fase di Valutazione di Impatto Ambientale per la realizzazione nel territorio dei Comuni di Frugarolo e Casal Cermelli (AL) della nuova discarica  di rifiuti speciali, denominata dal proponente “sistemazione complessiva di aree di cava e di discarica e loro predisposizione – attraverso discarica di soli rifiuti non pericolosi a servizio dell’economia circolare – per il riutilizzo a fini turistico ricreativi”.

Legambiente_logo.png

A partire dall’11/07/2019 ha quindi decorrenza -presso la Provincia di Alessandria- il procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale che, secondo le vigenti disposizioni di legge e fatte salve eventuali interruzioni e/o sospensioni, dovrà concludersi entro 120 giorni dalla data di Convocazione della Conferenza dei Servizi decisoria.

La normativa nazionale (Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale. Art. 24-bis, vedi sotto) e quella regionale (Legge regionale 14 dicembre 1998, n. 40. Disposizioni concernenti la compatibilità ambientale e le procedure di valutazione, al comma 3 dell’articolo 14, vedi sotto) prevedono le modalità di consultazione del pubblico, in modo che chiunque possa presentare le proprie osservazioni e offrire il proprio contributo, anche  attraverso lo svolgimento di una “Inchiesta Pubblica”.

Legambiente ha  partecipato a diverse serate di informazione promosse dal Comitato Torrente Orba, incontrando cittadini, associazioni e comitati, ed ha così avuto modo di verificare che la discarica proposta suscita una vasta attenzione sociale nella zona, in particolare nei Comuni di Frugarolo, Casal Cermelli e Bosco Marengo, che le potenziali ricadute ambientali del progetto possono essere assai significative rispetto alla delicatezza del contesto nel quale esso viene proposto, e che  la localizzazione della discarica è frutto di una autonoma scelta del proponente e non di atti pianificatori preesistenti e condivisi.  In questo caso ci pare evidente che lo svolgimento della “Inchiesta Pubblica” sia non solo fondamentale, ma addirittura indispensabile, ed abbiamo pertanto subito richiesto che venga effettuata (vedi allegato). Continua a leggere “Legambiente chiede l’Inchiesta Pubblica per la realizzazione della nuova discarica di rifiuti speciali in località Pitocca nei Comuni di Frugarolo e Casal Cermelli (AL)”

11 domande a Manuela Moschin autrice di Alessandria today, dai lettori del blog, a cura di Pier Carlo Lava

11 domande a Manuela Moschin dai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Manuela ciao, tu sei anche autrice su Alessandria today, dopo la pubblicazione della tua biografia e i numerosi post con i quali hai saputo farti apprezzare dai nostri lettori sono doppiamente lieto farti anche un’intervista, ci vuoi raccontare dove sei nata, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

60070435_10206275018831609_8219623813113970688_n.jpg

Buongiorno a tutti, ringrazio la redazione di Alessandria today per avermi ospitata nel vostro prezioso Blog. Complimenti per le domande mirate e originali. È stato davvero piacevole partecipare all’intervista.

IMG_4988.JPG

Inizio raccontandovi che sono nata a Mestre, in provincia di Venezia, da genitori veneziani, ma vivo e lavoro a San Donà di Piave (Ve). Sebbene io sia appassionata di arte, la mia attività lavorativa si allontana molto dall’amore per tutto ciò sia inerente alla cultura artistica. Lavoro nell’ambito dell’amministrazione pubblica in un’Azienda Ospedaliera, assieme a un gruppo di colleghi molto affabili e competenti. Prima di esercitare la professione di impiegata sono stata educatrice d’infanzia. Fin da ragazza ho sempre avuto una particolare attenzione nei confronti della psicologia del bambino. Ho letto molti volumi a riguardo. Infatti, prima di laurearmi in storia dell’arte ho sostenuto diversi esami in ambito pedagogico. Adoravo stare in contatto con i bambini, ottenendo molte soddisfazioni. Ricordo con nostalgia le ore trascorse con i più piccoli. A volte li incontro per strada ormai cresciuti ed è proprio in questi momenti che mi commuovo.

IMG_1476.png

Oltre a gestire il blog e il gruppo Facebook “L’arte raccontata nei libri” leggo moltissimo, non seguo mai i programmi televisivi. Questo molto spesso mi penalizza un po’ perché a volte mi scopro ignara rispetto ad alcuni argomenti trattati in tivù. La passione per la lettura mi travolge davvero tanto, amo tutta la letteratura e i generi che prediligo sono molti. Spero non averne dimenticato qualcuno indicando i libri di narrativa, i romanzi storici, i thriller, i thriller storici, i noir, i saggi, i gialli, le biografie romanzate, i classici e naturalmente tutti i volumi dedicati all’arte.

Sono molto attratta dalla filosofia indiana e precisamente dall’induismo e dal buddhismo. Dedico, quindi,  le mie letture anche a questi temi. Ho avuto sin da giovane una particolare sensibilità che mi ha facilitata a vivere esperienze singolari. Lo yoga e la meditazione ormai per me sono indispensabili. Continua a leggere “11 domande a Manuela Moschin autrice di Alessandria today, dai lettori del blog, a cura di Pier Carlo Lava”

Quando il passato ritorna e a volte porta guai, di Pier Carlo Lava

Quando il passato ritorna e a volte porta guai

Sindaco, Assessore e membro di Ente pubblico sono mestieri complessi, ma ora anche rischiosi.

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Entrare in politica è sempre stato un sogno ambito da molti, non per nulla che alle elezioni politiche o comunale, si candidano in tanti, salvo che a raggiungere l’obiettivo sono in pochi e purtroppo a volte non i più qualificati, questo infatti è uno dei motivi, ma non il solo, che poi generano la malagestio della cosa pubblica.

Il passato

Negli ultimi dieci anni però fare il Sindaco, l’Assessore o il dirigente di un Ente pubblico, sopratutto nei casi in cui non sussiste la necessaria preparazione unitamente alle specifiche competenze e la dovuta attenzione alle leggi, sono diventati mestieri sempre più complessi ma ora anche pericolosi, oltretutto con una retribuzione decisamente modesta in rapporto alle responsabilità.

Una problematica che a macchia di leopardo emerge periodicamente su tutto il territorio nazionale, con la conseguenza per gli interessati di essere soggetti a problemi penali e civili con la giustizia, come nel caso di un recente fatti di cronaca che riguarda Alessandria.

Il fatto riguarda la prima fase dell’inchiesta sull’Atm, la società di trasporto pubblico partecipata del Comune, fallita tre anni fa e in seguito diventata quasi totalmente privata, con una ventina di indagati iniziali, membri del cda e organismi di controllo tra il 2008 e il 2016, gli stessi si difendono davanti ai magistrati asserendo che tutte le direttive eran date dal Comune.

Conseguentemente il numero degli indagati è salito a 31, fra cui ex sindaci, assessori e contabili del Comune. Agli stessi probabilmente verrà richiesto di chiarire la loro posizione in merito alla vicenda. Continua a leggere “Quando il passato ritorna e a volte porta guai, di Pier Carlo Lava”

Mal che vada sarà stato un grande atto di giustizia sociale, di Pier Carlo Lava

Mal che vada sarà stato un grande atto di giustizia sociale

di Pier Carlo Lava

Premettiamo che con quanto segue non vogliamo fare il difensore d’ufficio di nessuno ma solo esternare le nostre considerazioni come cittadini su un argomento alquanto discusso e come al solito in politica criticato, senza attendere i tempi tecnici necessari per valutare serenamente quale potrà essere l’effettiva dimensione dei risultati conseguenti.

Mal che vada.jpg

Foto dall’archivio Ansa

Mal che vada sarà stato un grande atto di giustizia sociale e per come sono andate le cose negli ultimi 20 anni è un salto di qualità non da poco, lo aspettano poco meno del 10% degli italiani, sono circa 5milioni di poveri che negli ultimi 10 anni sono quasi raddoppiati (infatti erano 2,5 milioni).

“In Italia vivono 5 milioni di individui in condizione di povertà assoluta, il massimo dal 2005 sia in termini di famiglie (1,778 milioni, pari al 6,9% delle famiglie residenti) che in termini di singole persone (8,4% dell’intera popolazione). È il dato – aggiornato al 2017 – che ha fornito il presidente dell’Istat Maurizio Franzini durante un’audizione sulla Nota al Documento di economia e finanza del governo. Il fenomeno interessa il 6,2% dei cittadini italiani (3 milioni 349 mila) e il 32,3% degli stranieri (1 milione e 609 mila persone)”.*** Continua a leggere “Mal che vada sarà stato un grande atto di giustizia sociale, di Pier Carlo Lava”

La Mediocrazia, di Pier Carlo Lava

La Mediocrazia

Quando la mediocrità fa carriera. La Mediocrazia: “Chi dimostra o ha capacità limitate, chi non eccelle e non possiede i requisiti necessari per realizzare certi compiti”. Nel Settecento si facevano strada grazie agli intrighi. Oggi si moltiplicano ovunque (politica, scienza, cultura) travestiti da esperti. (Repubblica).

Il trionfo della Mediocrazia spiegato da un filosofo, il canadese Alain Deneault leggi su: https://www.repubblica.it/venerdi/interviste/2017/01/25/news/il_trionfo_della_mediocrazia_spiegato_dal_filosofo_canadese_alain_deneault-156837500/

La mediocrazia.jpg

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Nella società odierna stando a quanto si evince leggendo le cronache dei giornali, in politica ma non solo, sono prevalentemente i mediocri a fare carriera sino a raggiungere le posizioni di vertice.

Pertanto come si può pensare e di conseguenza sperare che gli stessi siano all’altezza del compito affidato qualunque esso sia e quindi di produrre risultati positivi, che sappiano farsi stimare dai collaboratori e che siano in possesso della capacità idonee per far si che gli stessi raggiungano gli obiettivi prefissati.

L’attuale involuzione della società italiana purtroppo motiva ampiamente la situazione di degrado e decadimento della professionalità e dei costumi che si può facilmente verificare quasi ovunque nel nostro paese.

Risalire la china non sarà semplice, possiamo solo sperare che con il contributo e l’impegno di tutte le persone qualificate e oneste, ma sopratutto con le prossime generazioni si compia un salto di qualità finalizzato a risollevare le sorti dell’Italia. Non illudiamoci di avere toccato il fondo perchè se quanto sopra non avverrà la situazione non potrà che ulteriormente peggiorare.

Novi Ligure: denunciato per aggressione a un senza tetto, di Lia Tommi

“Novi Ligure, aggredisce un senza tetto. Denunciato”

Personale della Polfer di Novi Ligure e Alessandria ha coadiuvato i Carabinieri della Compagnia di Novi ligure, al termine di indagini condotte in collaborazione con, hanno deferito in stato di libertà un pregiudicato varesino M.F., di anni 35 reo di aver aggredito un cittadino bulgaro, senza tetto, di anni 46. I fatti sono accaduti all’interno della Stazione ferroviaria di Novi Ligure, lunedì sera, presumibilmente per ragioni inerenti l’occupazione dei locali della Stazione ferroviaria a seguito del quale il senza tetto bulgaro ha subito diverse contusioni al corpo e ricoverato successivamente presso il locale ospedale.
M.F. è stato deferito all’AG e dovrà rispondere di lesioni personali aggravate e porto di armi abusivo di armi.
Inoltre sono state elevate diverse sanzioni amministrative ad M.F. e ad altri tre senza tetto presenti all’interno della ferrovia di Novi Ligure, quali la sosta non consentita in ambiente ferroviario, l’ubriachezza molesta e notificato ai 4 senza tetto provvedimento di allontanamento (daspo).

L’avvio del progetto “Alessandria Città Normale”, di Lia Tommi

L’avvio del progetto “Alessandria Città Normale”

Ha preso ufficialmente avvio questa mattina il progetto “Alessandria Città Normale”: un progetto il cui titolo – che fa esplicito riferimento alla “normalità” – nasconde in realtà una serie di azioni particolarmente interessanti e significative.

Di che si tratta?
«L’obiettivo – dichiara il Sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco – è quello di rendere il “verde” di Alessandria una dimensione sempre più curata, una realtà bella da vedere nonché una componente importante che può effettivamente contribuire alla valorizzazione della qualità complessiva della vita cittadina».
Il progetto “Alessandria Città Normale” è stato ideato e viene promosso dall’Amministrazione Comunale, insieme all’Associazione RNA-Natura & Ragazzi, alla Associazione di Promozione Sociale Social Domus e al Consorzio ABC Società Cooperativa Sociale (Enti, questi ultimi due, che si occupano della gestione delle persone richiedenti asilo).
Trattandosi di “verde” non poteva mancare il supporto operativo del Giardino Botanico “Dina Bellotti” di via Monteverde: la struttura comunale (posta sotto l’Assessorato Comunale al Verde Pubblico) che, nel progetto, ha fornito utili elementi di un percorso formativo ad hoc rivolto alle persone direttamente coinvolte in “Alessandria Città Normale”.
Previo accordo con Social Domus e Consorzio ABC, sono stati infatti individuati alcuni giovani richiedenti asilo africani (provenienti da Nigeria, Mali e Tunisia) che per due mesi hanno svolto, su base volontaria, un corso di formazione di n. 50 ore presso il Giardino Botanico Comunale finalizzato ad apprendere le necessarie competenze per gestire – non solo mediante accurata pulizia, ma anche mediante le più appropriate tecniche di potatura – le circa 370 fioriere e aree verdi con cespugli presenti ad Alessandria sul suolo pubblico.
Questa mattina le due squadre operative formate hanno ufficialmente avviato la fase di concretizzazione del progetto. Continua a leggere “L’avvio del progetto “Alessandria Città Normale”, di Lia Tommi”

Attività dei carabinieri nel novese e tortonese, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Novi Ligure:

Novi Ligure: tenta di investire il suo rivale in amore. Denunciato.
I Carabinieri della Stazione di Novi Ligure hanno denunciato in stato di libertà, L.M. 45/enne di Pasturana, reo di aver volontariamente investito il suo rivale in amore.
Qualche sera fa, nel centro cittadino di Novi Ligure L.M. si trovava a bordo della propria autovettura quando notava appoggiato alla sua auto quello che riteneva il suo “rivale amoroso”. Accelerava con irruenza andandogli contro. La prontezza di riflessi del suo obiettivo, consentiva a quest’ultimo di riuscire a schivare in parte l’investimento venendo colpito ad una gamba. L’auto di L.M. impattava violentemente sulla vettura del “rivale” provocando diversi danni.
L.M. è stato deferito all’AG di Alessandria e dovrà rispondere per lesioni personali aggravate e danneggiamento aggravato.

Basaluzzo: truffa per l’acquisto di un’autovettura. Denunciato.
I Carabinieri della Stazione di Capriata d’Orba hanno denunciato in stato di libertà un pregiudicato palermitano N.L.M, 58/enne, reo di aver raggirato ed intascato la somma di 3300 euro. L’uomo ha dapprima falsamente pubblicato su un noto sito on line l’annuncio di vendita di un’autovettura e le vittime, un uomo e una donna rispettivamente di 35 e 38 anni, dopo aver visionato l’annuncio, hanno versato al truffatore una caparra di 3300 euro. Successivamente tentavano di rintracciarlo, ma lo sconosciuto si era reso irreperibile.

Compagnia Carabinieri di Tortona:

L’11 luglio 2019, i Carabinieri di Viguzzolo (AL), in conformità con quanto deciso dal Magistrato di Sorveglianza di Alessandria, arrestavano T.P. di anni 55, domiciliata in Viguzzolo.
La donna, mentre espiava la misura dell’affidamento in prova con il divieto di allontanarsi da questa Regione, in più occasioni – accertate dai Carabinieri e prontamente segnalate al magistrato – violava le prescrizioni a cui si sarebbe dovuta attenere, recandosi in Milano dove commetteva altresì una sequela di reati.
A seguito della condotta dell’interessata, l’Autorità Giudiziaria sospendeva il beneficio concesso ed ordinava il suo accompagnamento presso il carcere di Torino per scontare la pena definitiva di anni 8 di reclusione.

I Carabinieri della Stazione di Viguzzolo, a conclusione di attività investigativa, denunciavano per furto X.C., 58/enne, cittadino cinese, agricoltore, residente in quel comune. A seguito della denuncia di furto del proprio smartphone, presentata da una cittadina di Avolasca, avvenuto a Viguzzolo il 6 luglio u.s., i Carabinieri acquisivano le immagini delle telecamere di videosorveglianza che immortalavano l’uomo mentre si impossessava del telefono cellulare della vittima. La refurtiva veniva successivamente recuperata dai militari dell’Arma e trattenuta in attesa di ricevere dall’Autorità Giudiziaria l’assenso per la restituzione alla proprietaria.

Comunicazione sul sequestro di 101 cani, di Lia Tommi

Sequestro di 101 cani:comunicazione

L’ASL- AL e il Comune di Alessandria, relativamente al sequestro amministrativo dei cani della signora Paola Lorenzetti, avvenuto nell’anno 2016, per chiarire l’operato svolto ed i fatti accaduti comunicano quanto segue:
Il sequestro amministrativo dei 101 cani detenuti è avvenuto il 19/04/2016.
Gli animali sequestrati non erano randagi accolti per puro e pietoso spirito animalista, ma la quasi totalità di essi erano dotati di microchip e riconducibili ad un proprietario.
Di fatto, all’intermo dei locali della signora Lorenzetti, veniva effettuata un’attività di pensione abusiva a fronte di compensi più o meno consistenti.
L’attività di indagine che è stata svolta ha avuto risvolti nazionali rilevando che i cani presenti, provenienti per la maggior parte con staffette da ogni parte d’ Italia, erano formalmente “adottati” da persone che desideravano liberare gli animali da canili lager, segnalati sui social network e che trovandosi di fatto nell’impossibilità di osptare il cane liberato presso la loro abitazione, collocavano l’animale in stallo presso la struttura ‘paradiso di Naif’, gestita dalla signora Lorenzetti.
Nella pratica, dunque, i cani venivano adottati da ignari proprietari che acconsentivano con il pagamento di un compenso a mantenere i cani presso il ‘Paradio di Naif’ a Valle San Bartolomeo che veniva a configurarsi di fatto, come un canile (abusivo), presentato su Facebook come luogo di residenza e cura dove gli animali vivevano liberi (e non dietro le sbarre). Continua a leggere “Comunicazione sul sequestro di 101 cani, di Lia Tommi”

Arresti per reati di morte come conseguenza di spaccio di sostanze stupefacenti, di Lia Tommi

La Polizia di Stato verso la fine di giugno, al termine di una complessa attività di indagine, deferiva all’A.G. di Alessandria due persone, S.P., di 46 anni residente in provincia di Pavia e A.M., di anni 48, abitante a Valenza, ritenuti responsabili in concorso fra loro dei reati di morte come conseguenza di altro delitto e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’attività di indagine aveva inizio in data 7 giugno 2019 quando, all’ospedale Santo Spirito decedeva per overdose di sostanze stupefacenti, N.M.F., cittadina di origine marocchina di anni 32, residente a Valenza.

I primi accertamenti consentivano di ricostruire gli ultimi giorni in vita della donna che, il 6 precedente, si trovava nella sua abitazione in compagnia del S.P. che, verso le ore 14.30 richiedeva l’intervento del servizio di emergenza 118, poichè la compagna aveva accusato un malore. La ragazza veniva trasportata presso il locale Nosocomio ed immediatamente ricoverata nel Reparto Rianimazione ove, a causa della gravità delle sue condizioni non riprendeva più conoscenza.

Il personale della Squadra Investigativa DEL Commissariato di Casale Monferrato assumeva informazioni da persone a conoscenza dei fatti e individuava nel citato S.P. l’uomo che aveva somministrato la droga alla ragazza. Poi, a seguito di accertamenti anche di natura tecnica, riusciva a reperire elementi indiziari nei suoi confronti tanto che, vistosi scoperto, ammetteva
di aver comprato, qualche ora prima dell’utilizzo, alcune dosi di eroina da un suo conoscente fornendone anche il nome.

I poliziotti identificavano il predetto nel citato A.M. riuscendo, altresì, a risalire all’effettivo luogo di dimora, diverso dalla residenza, e a reperire ulteriori elementi probatori a suo carico, non solo per i reati già addebitatigli ma anche per una costante e periodica attività di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’attività di P.G. svolta dagli investigatori culminava, in collaborazione con la Squadra Mobile della Questura di Alessandria, in una perquisizione delegata dall’A.G. competente di Alessandria, eseguita la settimana scorsa con esito positivo in quanto, presso l’abitazione in suo uso venivano rinvenuti e sequestrati gr. 13 di eroina, la somma di € 4.000,00 in contanti, suddivisa in diverse “mazzette” e di vario taglio, corrispondente agli introiti ottenuti dal traffico di droga, nonché diversi strumenti accessori finalizzati al confezionamento e/o allo smercio di sostanze stupefacenti.

A seguito dei riscontri ottenuti l’A.M. veniva tratto in arresto per detenzione di sostanze stupefacenti con finalità di spaccio e su disposizione del P.M. di turno veniva associato presso la sua abitazione in regime di detenzione domiciliare in attesa del giudizio di convalida.

Il 5 u.s., il G.I.P. del Tribunale di Alessandria, convalidava l’arresto del medesimo e applicava la misura cautelare dell’obbligo di dimora con permanenza domiciliare in orario notturno, rinviando il processo a suo carico, al fine di riunificarlo ai capi di imputazione precedentemente contestati.

Il fascismo eterno, di Umberto Eco

Alessandria: Venerdì 12 luglio 2019 alle ore 17,00. Presso la sede dell’Associazione Culturale e ASD ARTES in Alessandria, via Urbano Rattazzi, 47 si terrà la presentazione con commento e approfondimento del libro di Umberto ECO dal titolo “Il Fascismo eterno”, a cura del Prof. Francesco INGRAVALLE
Organizzata dall’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee in collaborazione con l’Associazione F. I. M. A.

Sono previsti interventi musicali in armonia con il periodo trattato a cura dell’Associazione ARTES.

Fabrizio PRIANO
Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di idee dichiara:
“L’incontro ha come tema la presentazione e il commento del libro “Il Fascismo eterno”, breve saggio tratto dalla trascrizione di un discorso tenuto da Umberto Eco alla Columbia University. La Conferenza propone una riflessione sul passato cercando analogie con il presente attraverso la presentazione del Prof. Francesco INGRAVALLE , già ospite della mostra Associazione e della cui collaborazione siamo molto orgogliosi”.
Pier Luigi CAVALCHINI, Membro Direttivo Nazionale F. I. M. A. comenta: ” IL FASCISMO ETERNO Una occasione di riflessione e approfondimento sulla mentalità del popolo italiano, sulla sua attitudine al cambiamento e all’evoluzione in senso democratico”.

“Ritengo sia possibile indicare una lista di caratteristiche tipiche di quello che vorrei chiamare l”Ur-Fascismo’, o il ‘fascismo eterno’. L’Ur-Fascismo è ancora intorno a noi, talvolta in abiti civili. Sarebbe così confortevole, per noi, se qualcuno si affacciasse sulla scena del mondo e dicesse: ‘voglio riaprire Auschwitz, voglio che le camicie nere sfilino ancora in parata sulle piazze italiane!’. Ahimè, la vita non è così facile. L’Ur-Fascismo può ancora tornare sotto le spoglie più innocenti. Il nostro dovere è di smascherarlo e di puntare l’indice su ognuna delle sue nuove forme – ogni giorno, in ogni parte del mondo.” (Umberto Eco) Continua a leggere “Il fascismo eterno, di Umberto Eco”

Le ultime parole di Giorgio Nebbia.

Le ultime parole di Giorgio Nebbia.

“L’unica cosa che ha permeato tutta la mia vita è stata l’amore per qualunque cosa e anche per le persone (Dio mi perdoni, per quasi tutte) che ho incontrato.  Qualcuno mi chiede che cosa penso di me e io dico che nella mia esistenza ho avuto due amori (come cantava Josephine Baker),  uno è la Gabriella e l’altro la merceologia. 

giorgio-nebbia-750x415

Alla Gabriella, che mi ha lasciato alcuni anni fa, devo tutto perché mi ha sostenuto è sopportato per 54 anni di matrimonio felice, sempre vicino a me, sempre silenziosa è discreta, pronta a “fare” le bibliografie, a rileggere quello che scrivevo, conosceva l’italiano meglio di me, a correggere le bozze.

Poi mi ha regalato un figlio, Mario, che ora ha 60 anni e che poi si è sposato con un’altra Gabriella e insieme mi hanno dato un altro regalo, mia nipote Silvia. Come vedete la mia vita è stata sempre piena di cose buone.

Talvolta mi sono anche arrabbiato, e me ne scuso, ma nell’insieme credo che il filo conduttore sia stato la grande ricchezza di amore che ho ricevuto dai miei studenti universitari, dai miei colleghi e amici, dalla mia famiglia. A tutti dico grazie e auguro, con tutto il cuore, una vita bella come la mia. Poi faccio un augurio anche a me stesso, con le parole di Marcello Marchesi, “che la morte mi trovi vivo”. Giorgio Nebbia Continua a leggere “Le ultime parole di Giorgio Nebbia.”