Cena di autofinanziamento al Laboratorio Sociale, sabato 22 giugno alle ore 20,30

Con questa cena, completamente.vegetariana, puoi sostenere le attività del laboratorio sociale di via Piave 63, Alessandria: dalla scuola di italiano alla saletta culturale e molto altro ancora.

Prenotazione obbligatoria al numero 3203182586, costo 20 euro, possibilità di cibo vegano su richiesta.

Bandiere Verdi 2019: territori montani protagonisti nella lotta ai cambiamenti climatici

Bandiere Verdi 2019: territori montani protagonisti nella lotta ai cambiamenti climatici

Assegnati 17 riconoscimenti, il primato al Piemonte seguito dal Veneto. Continuano però le aggressioni alla montagna: 8 le bandiere nere. Tutela della biodiversità a rischio, valorizzazione dell’agricoltura e delle antiche tradizioni, ma anche mobilità sostenibile, efficienza energetica e didattica innovativa al centro delle pratiche virtuose dell’arco alpino premiate dalla Carovana delle Alpi di Legambiente

car 0615_report_BandiereVerdieNere_CarovanaDelleAlpi2019 (trascinato)car Logo Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta

Nell’arco alpino le buone pratiche sono in costante crescita. Quest’anno sono ben 17 le bandiere verdi assegnate da Legambiente, due in più rispetto allo scorso anno, e che premiamo l’impegno di cittadini, associazioni e comuni, nel tutelare e valorizzare in chiave sostenibile ed ecofriendly le Alpi, fronteggiando con intelligenza gli effetti sempre più pesanti dei cambiamenti climatici. Tutela della biodiversità a rischio, sostenibilità ambientale e mobilità dolce, turismo slow, ma anche efficienza energetica e didattica innovativa i temi al centro delle 17 bandiere verdi 2019 che ben testimoniano la voglia di un futuro sempre più green e innovativo che si respira in questi territori montani, oggi sempre più fragili per via dei cambiamenti climatici. Per questo è fondamentale mettere in campo azioni ad hoc, ma anche ripensare la gestione del territorio e replicare quelle esperienze virtuose che vanno in questa direzione. Continua a leggere “Bandiere Verdi 2019: territori montani protagonisti nella lotta ai cambiamenti climatici”

Ti piace scrivere, vuoi fare parte della redazione di Alessandria today @ Web Media Network ?

Ti piace scrivere, vuoi fare parte della redazione di Alessandria today @ Web Media Network ?

di Pier Carlo Lava

ibook

Alessandria today @ Web Media Network nasce a dicembre 2017, partendo da zero ha già raggiunto 530.000 visite con una crescita costante e continua dovuta all’impegno di tutti i numerosi Autori e Autrici che scrivono e pubblicano i loro post, che con l‘occasione ringrazio per l’impegno profuso e la qualità del livello creativo del loro lavoro.

La redazione vuole ulteriormente crescere, perciò vorrei invitare chi ne vuole fare parte e pubblicare direttamente nel blog a scrivermi in privato sul messenger di facebook (Pier Carlo Lava) oppure per mail precisando quanto segue:

Nome e cognome, num. di cellulare, indirizzo email e una breve biografia con foto.

L’invito è rivolto a tutti in particolare ai blogger, in tal senso informo che attualmente sono già molti nella redazione.

Non ci sono particolari restrizioni sui temi dei post, se non un civile rispetto dei numerosi lettori di oltre 130 paesi nel mondo.

Grazie per l’attenzione e cari saluti a tutti.

Ci si può lasciar morire di inedia a 17 anni: considerazioni cliniche sul caso Noa

Ci si può lasciar morire di inedia a 17 anni: considerazioni cliniche sul caso Noa

di Mauro Fornaro https://appuntialessandrini.wordpress.com

ci si può.jpeg

Alessandri: La morte della giovane olandese Noa Pothoven ha suscitato un’enorme eco mediatica per le modalità con cui è avventa, inoltre l’evento è stato occasione per la riattivazione di una serie di questioni etiche (la libertà di lasciarsi morire), giuridiche (la liceità dell’assistenza al suicidio da parte di personale sanitario), socio-assistenziali (le supposte deficienze del sistema sanitario in ambito psichiatrico), pedagogiche (il ruolo dei genitori), per non dire della questione della liceità dell’eutanasia, benché sollevata impropriamente essendosi Noa “liberamente” suicidata per inedia.

Più frettolose sono apparse le indagini sulle motivazioni soggettive di un comportamento sorprendente, per non dire scandaloso, di una diciassettenne nel fiore degli anni e dall’avvenente aspetto. Come è possibile arrivare a tanto? Continua a leggere “Ci si può lasciar morire di inedia a 17 anni: considerazioni cliniche sul caso Noa”

Evento benefico pro Gaslini Genova e Fondazione Telethon

“UN SORRISO PER LA VITA”

Evento benefico pro Gaslini Genova e Fondazione Telethon

Una partita di calcio di solidarietà tra la rappresentativa Vecchie Glorie Genoa C.F.C. E gli over 40 di Silvano d’Orba (AL) per raccogliere fondi per i bambini meno fortunati. L’incontro si svolgerà sabato 15 giugno alle h. 18 presso il campo sportivo comunale Stefano Rapetti di Silvano D’Orba, per sostenere i progetti del’Istituto Giannina Gaslini di Genova e della Fondazione Telethon.

gaslini-ambulatori-950x375Telethon

Il supporto dei finanziamenti Telethon a ricercatori presso il Gaslini di Genova ha origini lontane che di anno in anno viene implementato per alimentare una preziosa risorsa sia per la comunità biomedica nazionale ed internazionale, sia per i pazienti e le loro famiglie puntando a trasformare i risultati della ricerca scientifica di eccellenza, selezionata e sostenuta nel tempo, in farmaci e terapie disponibili per tutti i pazienti del mondo.

E’ questa la visione che da tempo si sta realizzando in realtà, grazie al continuo sviluppo di collaborazione tra il Gaslini di Genova e Telethon perchè la ricerca non si fermi al risultato scientifico di successo, ma diventi realmente accessibile per ogni malato. Continua a leggere “Evento benefico pro Gaslini Genova e Fondazione Telethon”

Alessandria today è lieta di presentare “Voglia di vivere”, di Rinaldo Ponassi

Alessandria today è lieta di presentare “Voglia di vivere”, di Rinaldo Ponassi

Collana Le impronte puntoacapo-editrice. Rinaldo Ponassi, Voglia di vivere (storia vera) pp. 94 € 12,00 ISBN 978-88-6679-111-9

Voglia di vivere.png

Voglia di vivere non è un romanzo, bensì una dolorosa storia vera, che l’autore ha vissuto in prima persona e che alcuni di noi hanno condiviso durante il suo svolgersi. Con poche pennellate, con l’abilità di un pittore consumato, Rinaldo ha efficacemente tratteggiato in poche pagine le due figure dominanti della sua vita: il papà, Alberto, il suo vero maestro di vita ed una persona molto importante ai fini della sua formazione, e Cinzia, l’amatissima moglie, nonché anima del libro. La sua presenza è costante e la sua figura si percepisce dalle parole accorate con le quali Rinaldo la ricorda. Il loro è stato un amore intenso e insostituibile, dal quale è nata Chiara, la loro unica figlia. (Dalla Presentazione di Gian Pietro Bernuzzi)

Sembrava una giornata come tutte le altre, e non potevamo certamente presagire che avrebbe rappresentato l’inizio del nostro calvario e dato una svolta terribile alla nostra vita. Quando tornai a casa dal lavoro, Cinzia mi disse di avere notato un gonfiore all’altezza della scapola sinistra: sembrava la puntura di un insetto, ma mia moglie era sicurissima di non essere stata punta. Preoc- cupato, la esortai a consultare il medico di famiglia, che le prescrisse una pomata e la tranquillizzò. Continua a leggere “Alessandria today è lieta di presentare “Voglia di vivere”, di Rinaldo Ponassi”

DEMOS: Anche ad Alessandria nasce Democrazia Solidale

DEMOS: Anche ad Alessandria nasce Democrazia Solidale

Dalla recentissima esperienza della lista civica “Chimaparino Sì-Demos” alle elezioni regionali (oltre 24 mila voti in tutto il Piemonte, percentuale dell’1,26 con il seggio sfumato per poco) a Democrazia Solidale “Demos” anche nella nostra regione e ad Alessandria.

logo-demos.jpg

“Siamo in un momento politico molto particolare per il nostro Paese, ma anche per il contesto internazionale, con nuovi soggetti che vanno affermandosi, su cui si addensano nubi inquietanti, dove con troppa superficialità si parla e si compiono azioni di guerra e dove ancora troppa violenza quotidiana strappa la vita a migliaia di persone” sottolinea Mario Giro, già viceministro degli Affari esteri, che coordina “Demos” a livello nazionale insieme al consigliere regionale del Lazio Paolo Ciani.

Pietro Bartòlo, il medico dei migranti di Lampedusa, che ha ispirato anche un film. “Fuocammare”, forte di oltre 135 mila preferenze nella circoscrizione Isole e quasi 123 mila in quella Centrale, l’altra circoscrizione in cui era candidato, è stato eletto al Parlamento europeo

“In questo quadro preoccupante la nostra Italia, da troppi anni ormai sballottata e scossa da un mix di politica gridata e comunicazione totalizzante, dove l’avvento della globalizzazione ha cambiato nel profondo i tratti, i modelli culturali e sociali del paese ma anche le relazioni interpersonali, quelle della vita quotidiana delle persone. Si è svilito il ruolo della politica, insultata, ridicolizzata, banalizzata. Con indubbie responsabilità gravi degli attori in gioco, ma anche con l’incoscienza di credere che della politica si potesse fare a meno” aggiunge il senatore Michelino Davico, già sottosegretario agli Interni, che ha coordinato la lista “Chiamparino Sì-Demos”. Continua a leggere “DEMOS: Anche ad Alessandria nasce Democrazia Solidale”

“Il centrodestra sfonda, ma la Giunta di Alessandria viene punita dagli elettori: quattro assessori in corsa alle Regionali e nessuno va a Torino”

“Il centrodestra sfonda, ma la Giunta di Alessandria viene punita dagli elettori: quattro assessori in corsa alle Regionali e nessuno va a Torino”

“Sperando che le elezioni rimangano ancora ‘il momento clou’ del confronto, il risultato elettorale di Alessandria città alle Regionali sembra stonare con l’ondata favorevole al Carroccio e agli altri alleati” sottolinea Paola Ferrari di “Chiamparino Sì-Demos”.

paola-ferrari-2-1chiamparino-si

“Erano infatti in lizza ben quattro assessori, e con che deleghe! Dal vicesindaco al Bilancio passando per i Lavori pubblici. Risultato? Tutti a casa! Mi spiace dal punto di vista personale, ma politicamente parlando si tratta di una palese bocciatura della Giunta al governo, dopo due anni di mandato e sulla strada delle verifica di midterm. È evidente la mancanza di progettualità politica, che invece è stata completamente sostituita dall’ordinaria amministrazione – aggiunge -. Le quattro mancate elezioni a Torino sono la prova di come i continui slogans ‘alla pancia della gente’ siano ben diversi dalle concrete risposte che si devono dare ai cittadini. Un ulteriore segnale contrario a quest’Amministrazione, nel contesto della lunga onda favorevole, lo hanno anche dato i dati delle Europee, dove in città la Lega incamera quasi il 41 per cento, per poi scendere al 38 per cento alle Regionali ”.

Conclude Ferrari: “Parlando di rappresentatività, allo stato attuale Alessandria città, non avrà dunque suoi protagonisti in grado di portare direttamente le istanze nel consesso delle decisioni”.

La Sagra GustoSlow

La Sagra GustoSlow

Con la sagra GustoSlow la Condotta Slow Food di Alessandria e la Ristorazione Sociale aderiscono e aggiungono il loro tassello al mosaico del Pride di Alessandria.

Schermata 2019-05-31 a 08.38.53.png

Saranno la condotta Slow Food di Alessandria e la Ristorazione Sociale a ospitare e a organizzare la sagra gastronomica della festa di chiusura del Pride di Alessandria che si terrà proprio presso la Ristorazione Sociale di viale Michel la sera di sabato primo giugno a partire dalle ore 20.

GustoSlow – questo il nome della sagra – presenterà piatti, prodotti, vini e birre del nostro territorio: dagli agnolotti premiati al Festival del Raviolotto, al riso e alle robiole dei Presidi Slow Food, ai salamini e le verdure dell’Arca del Gusto di Slow Food.

“Per noi – ha dichiarato Dalia Ghisu, fiduciaria della Condotta Slow Food di Alessandria – è naturale aderire al Pride. Soprattutto è coerente con lo spirito e i valori di Slow Food e di Terra Madre: la valorizzazione, il riconoscimento e la tutela delle differenze e della loro ricchezza.” Continua a leggere “La Sagra GustoSlow”

Il battito del mio cuore.

61396484_10214763899836177_6827531866308870144_n

 

 

 

Il battito del mio cuore

lo sento come una carezza
che mi sfiora il viso
che mi entra dentro il cuore
ed è pieno d’ amore e calore
il tuo sguardo mi penetra

dentro l’animo
e lo innalza fino al cielo
dove uno stormo di gabbiani
lo porta fino al sole
che ride di fronte a tanta
felicità e dolcezza
il battito del mio cuore vola
nei miei pensieri

e brinda con me
per una favola eterna

chiamata amore

Momenti di poesia. Amore e lacrime, di Amos Grilli

Momenti di poesia. Amore e lacrime, di Amos Grilli

61235532_1397556797059690_6464056923011416064_n.jpg

Amore e lacrime.

È come
goccia lenta
che rode
un sasso.
Questa pena
che tormentata
l’animo mio.
Ella mi
scalfisce
il cuore.
E riempie
gli occhi miei
d’un incessante
pianto.
Tu cinicamente
ridi
udendo questa
mia disperazione.
Che come
aiuto giunge
all’udire
della gente
empia.
Che dell’amore
ne fa meschino
uso.
E non ha
pietà.
Di chi per
esso piange.

Momenti di poesia. Pe campà felice, di Renato Papaccio

Momenti di poesia. Pe campà felice, di Renato Papaccio

Pe campà.jpg

Pe campà felice

Se fà fatica pe campà
felice , senza pensieri
senza problemi

Nu rimedio ce stà , nun
è stà assentì a nisciuno
e probleme e ll’ate nun tieno
che ne fà

Senza truvà ragione ,alluntanate
da chi parla troppo e te,
pecchè sulo ammiria e fà parlà

Po mumento pienzo sulo ammè
ca te voglio bene,
stamme vicino

Ossajie e te l’aggia dimostrato
che sultanto io ce tengo
pe te

O’ bene che te voglio
è cchiù forte da ragione
e nu desiderio forte d’ammore

A chiave pe stà felice
Peccerella mia songo io
te ne fà na ragione..

Renato Papaccio

Legambiente: Elezioni regionali 2019 – Piemonte. 30 domande ai candidati

Legambiente: Elezioni regionali 2019 – Piemonte. 30 domande ai candidati

Mobilità sostenibile. Ritiene che i temi della mobilità sostenibile, ed in particolare la disincentivazione all’uso dell’auto privata non solo nei centri urbani ma anche per tutti gli spostamenti casa-scuola-lavoro, siano prioritari rispetto ad esempio alla realizzazione di nuovi assi viari? Considerata la carenza di fondi intende privilegiare il trasporto pubblico su ferro o quello su gomma?

Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta

Infrastrutture. Ritiene prioritaria la riapertura delle linee ferroviarie tagliate in tutto il Piemonte nel 2011/2012 e il completamento e l’apertura a Torino delle stazioni ferroviarie sotterranee Dora e Zappata e l’ulteriore potenziamento del Sistema Ferroviario Metropolitano?

Mobilità e turismo sostenibile. Considerato il crescente interesse turistico delle aree vinicole piemontesi, ritiene che la riapertura delle storiche ferrovie piemontesi ed il restauro dei fabbricati ferroviari storici possano creare a loro volta motivo di attrazione con un relativo indotto economico, ed intende quindi impegnarsi in tal senso? Continua a leggere “Legambiente: Elezioni regionali 2019 – Piemonte. 30 domande ai candidati”

VENTO Bici Tour

VENTO Bici Tour

vento tappe_VBT19_schema

VENTO Bici Tour è alla sua settima edizione, torna a pedalare attraverso i territori e le bellezze della valle del fiume Po: dal  24 maggio al 3 giugno da Chivasso al Lido di Venezia. Il tour culturale in bicicletta lungo il filo della futura ciclovia VENTO, promosso dal gruppo di ricerca del Politecnico di Milano, per il terzo anno consecutivo è aperto a tutti, in due lunghi weekend di pedalata collettiva: da venerdì 24 a lunedì 27 maggio da Chivasso a Piacenza e da venerdì 31 maggio a lunedì 3 giugno da Reggio Emilia a Lido di Venezia

vento PROGRAMMA 1°WE_VBT19.pdf

Sabato 25 maggio la pedalata collettiva di Vento partirà la mattina da Casale M.to e farà tappa a Valenza dove le Condotte Slow Food di Alessandria e quella del Casalese, in collaborazione con la Pro Loco, organizzeranno il pranzo per i ciclisti composto da prodotti di eccellenza che fanno parte di progetti legati a tradizioni e piccole produzioni locali che Slow Food si impegna a preservare e valorizzare ( l’Agnolotto – Festival del Raviolotto e il Po 2017, robiola di Roccaverano Dop, frittatina di Cipolla di Breme e muletta monferrina entrambe nell’Arca del Gusto, barbera locale tutto rigorosamente servito in contenitori biocompostabili). Continua a leggere “VENTO Bici Tour”