La rivincita della carne al #bisteccaday

La rivincita della carne al #bisteccaday

bistecca locandina intro.png

AL VILLAGGIO COLDIRETTI LA GIORNATA NAZIONALE DELLA BISTECCA

La rivincita della carne al #bisteccaday

Venerdì 15 Giugno dalle ore 9,00

a Torino aprono i Giardini Reali Superiori

E’ la rivincita della carne con il #bisteccaday per la stragrande maggioranza silenziosa degli italiani che, nonostante gli allarmismi infondati, le provocazioni e le campagne diffamatorie, non rinuncia a un alimento determinante per la salute. L’appuntamento per la Giornata nazionale della bistecca è per venerdì 15 giugno dalle ore 9,00 con l’apertura straordinaria al pubblico dei Giardini Reali Superiori per il Villaggio della Coldiretti di Torino in Piemonte, la regione con il primato italiano nella valorizzazione delle carni da razze storiche italiane. Continua a leggere “La rivincita della carne al #bisteccaday”

Piemonte, Legambiente lancia la sfida: “Città libere dai diesel entro il 2025”

Piemonte, Legambiente lancia la sfida: “Città libere dai diesel entro il 2025”

Piemonte Legambiente

I dati e le proposte antismog di Legambiente presentate a Muoviamoci Bene, il Forum per la Mobilità Nuova in Piemonte 

E’ boom per la sharing mobility ma continua a prevalere l’uso dell’auto privata 

Elettrificazione della mobilità privata, sistemi di sharing mobility sempre più articolati e semplici da usare, mobilità collettiva in sede protetta con tempi affidabili e aggiornamenti sugli smartphone, strade e piazze libere dalle auto e quindi sicure per gli spostamenti a piedi e in bicicletta ma anche per ripiantare alberi e creare spazi per una diversa vivibilità urbana. Sono questi per Legambiente gli ingredienti fondamentali per ridisegnare lo spazio pubblico e liberare le città dallo smog.

Se n’è parlato ieri a Torino a Muoviamoci Bene, il Forum per la Mobilità Nuova in Piemonte, iniziativa organizzata da Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta in partnership con OFO, EnerPoint, ABB, EnelX, RWA Consulting, Wetaxi che è stata anche l’occasione per presentare i risultati del progetto Erasmus+ “S.T.R.E.E.T. Sustainable Transport Education for Environment and Tourism”, percorso triennale per la formazione dei Manager della Mobilità e del Turismo Sostenibile. Continua a leggere “Piemonte, Legambiente lancia la sfida: “Città libere dai diesel entro il 2025””

Festival internazionale di Poesia, a Milano i versi della Rocca dei poeti

Festival internazionale di Poesia, a Milano i versi della Rocca dei poeti

 06 maggio 2018

L’intramontabile fascino della poesia non potrà mai essere sostituito da nessuna tecnologia. Al Festival Internazionale della Poesia, che si terrà il 12 e 13 maggio a Milano presso il Mudec Museo delle Arti Contemporanee, vedrà tra i protagonisti anche il gruppo poetico cilentano La Rocca dei Poeti, originario di Roccagloriosa. Anna Maria Gallo, poetessa, che già da 3 anni collabora con l’organizzazione del Festival, ha voluto portare con sé i suoi amici cilentani in poesia: Saveria Balbi, Anna Maria Felicia Nardo, Rosa Marotta, Rosanna Petraglia e Vincenzo Marotta. Un gruppo di amici accomunati dalle origini e dalla passione per la poesia.

Un progetto, nato in una sera d’estate, durante una manifestazione, oramai, molto nota nel basso Cilento, La Rocca delle Arti, che oggi sarà presente nel weekend dedicato alle letture, ai laboratori e agli spettacoli per raccontarsi attraverso l’espressione in versi. Il gruppo poetico ha pubblicato nel maggio 2017 una antologia poetica dal nome “La Rocca dei Poeti, paesaggi dell’anima” che l’estate scorsa ha presentato proprio a Roccagloriosa, riscuotendo un grande successo di pubblico , alla presenza di varie autorità locali e del Parco del Cilento e con l’intervento artistico del tenore cilentano Daniele Lettieri… continua su: http://www.giornaledelcilento.it/it/06_05_2018_festival_internazionale_di_poesia_a_milano_i_versi_della_rocca_dei_poeti_2789762.html#.WvB4VSOLRcD

 

Di giorno ti parlo, di ‎Antonietta Fragnito‎

Di giorno ti parlo, di ‎Antonietta Fragnito‎

31946380_458825501239686_5556476624800579584_n

Di giorno ti parlo addosso come un’ allodola
Ti inondo i sogni
Ti organizzo il cuore
Ti denudo i pensieri
Combatto tutti i tuoi nemici
Curo i tuoi desideri
Mi affaccio sulla finestra della tua bocca
per sentire il profumo dei tuoi denti
Spargo a piene mani misteri
La sera
spengo la luce dei tuoi occhi
E mi addormento.

High-throughput MS-based proteomics and metabolomics: from cells to clinic

ok conference_presentation_proteomics_metabolomics_novara_2018 (trascinato)
Il convegno internazionale si terrà il 25 giugno a Novara presso il Campus “Perrone”.
Quando::
da 25/06/2018 – 09:30 a 26/06/2018 – 09:30

Il convegno internazionale “High-throughput MS-based proteomics and metabolomics: from cells to clinic”  si terrà il 25 giugno 2018 a Novara presso il Campus “Perrone”. Il convegno è organizzato dalla Divisione di Spettrometria di Massa e l’UPO con patrocinio dell’Associazione Italiana di Colture Cellulari e della Società Italiana di Biochimica e Biologia Molecolare.

Il convegno sarà seguito da una short Proteomic School: “Mass spectrometry-based proteomics for cells: from sample prep to big-data analysis and interpretation” il 26 giugno 2018 a Novara.

Continua a leggere “High-throughput MS-based proteomics and metabolomics: from cells to clinic”

THE BLASTERS e The Mandolin Brothers in Concerto al Macallè di Castelceriolo

THE BLASTERS e The Mandolin Brothers in Concerto al Macallè di Castelceriolo AL.

The Blasters locandina copia (1)

Da Salvatore Coluccio
Venerdì 04 Maggio 2018 notte di R’n’R Imperdibile al Cinema Macallè – Alessandria, Castelceriolo con THE BLASTERS band leggendaria dagli Stati Uniti in apertura The Mandolin Brothers. 
Venerdì 04 Maggio 2018 THE BLASTERS e The Mandolin Brothers in Concerto
Apertura Porte ore 21,00 Inizio Concerto ore 22,00
Ingresso  € 25 Platea Posto Unico in Piedi € 20 Galleria Posto Seduto
Info 389 422 61 72
THE BLASTERS www.theblasters.com 
The Blasters sono un gruppo rock and roll statunitense formato nel 1979 a Downey, in California. Il loro stile musicale è un insieme di rock and roll, blues, rockabilly creando il suono “Americana”. Il nome deriva dalla band di supporto del cantante rock and roll Big Joe Turner quando era accasato all’Atlantic Records, i Blues Blasters.

Il gruppo viene formato nel 1979 dai fratelli Phil (voce) e Dave Alvin (chitarra) con il bassista John Bazz e il batterista Bill Bateman. Amanti del rock and roll delle origini si fanno conoscere a Los Angeles per i loro infuocati concerti condividendo i palchi con gruppi del calibro di X, Black Flag, The Gun Club. Continua a leggere “THE BLASTERS e The Mandolin Brothers in Concerto al Macallè di Castelceriolo”

UPO: “VACCINI. TRA POLITICA E SCIENZA”

UPO: “VACCINI. TRA POLITICA E SCIENZA”

Logo_Università_del_Piemonte_Orientale

Al via la rassegna “La ricerca per la salute”, organizzata da Università del Piemonte Orientale e Fondazione Novara Sviluppo.
Può una legge obbligare una cura e favorire la copertura vaccinale? Siamo veramente informati in materia? Quali sono gli obblighi e perché non esiste un’adesione volontaria ai vaccini? Fuorvianti indicazioni possono portare a una ripresa dell’incidenza di malattie gravi o potenzialmente mortali, facilmente evitabili tramite vaccinazioni? Quali sono i dati e tassi di copertura in Piemonte e a Novara?
La Fondazione Novara Sviluppo cercherà di rispondere a questi e molti altri interrogativi nell’incontro organizzato con l’Asl di Novara che si terrà giovedì 10 maggio alle ore 18, presso la sede di via Bovio 6. Continua a leggere “UPO: “VACCINI. TRA POLITICA E SCIENZA””

E SI RIMANE STUPITI, di Roberto Busembai

E SI RIMANE STUPITI, di Roberto Busembai

E SI RIMANE STUPITI
E SI RIMANE STUPITI
E si rimane stupiti

di tanta bellezza,

quando il sole risorge

al confine del mare,

quando neve ricopre

la vetta del monte,

quando il giorno

si bacia con la notte che avanza,

e si rimane stupiti

all’amore che cresce

che ti prende nel cuore

e ti brucia la testa,

che rovina allo stomaco

e ti prende le mani,

e si rimane stupiti

di tanta sapienza

che coltiva la vita

e ogni giorno rinnova

con curata pazienza.

E si rimane stupiti

di essere vivi.
Roberto Busembai (errebi)
Immagine web

 

 

L’arte dietro i Big Data. A Torino la prima galleria per information designer, di Raphaël Zanotti

L'arte

L’arte dietro i Big Data. A Torino la prima galleria per information designer, di Raphaël Zanotti
Si chiama Wild Mazzini: esporrà e venderà le opere di chi sa rappresentare i numeri
Oddity Viz di Valentina D’Efilippo
Raphaël Zanotti torino http://www.lastampa.it/
Nessuno ci aveva ancora pensato. E dire che gli elementi perché nascesse qualcosa del genere c’erano tutti. Da tempo i migliori information designer sono considerati artisti: le loro opere sono ammirate, conservate nei musei, esposte in mostre. Ma quello che hanno creato Federica Biasio, Davide Fuschi e Clemente Adami è un unicum: la prima galleria d’arte al mondo dedicata alla rappresentazione dei dati. Aprirà domani a Torino, in via Mazzini 33. Ex magazzino artigiano, diventato lavanderia, tornato bottega per bici di lusso e ora galleria, lo spazio, Wild Mazzini, 25 metri quadri, promette di stupire.   Continua a leggere “L’arte dietro i Big Data. A Torino la prima galleria per information designer, di Raphaël Zanotti”

IL RACCONTO DEL LUPO: Il ritorno del predatore tra leggenda e realtà

Serata Informativa lupo - Bosco Marengo 20.4.2018

IL RACCONTO DEL LUPO: Il ritorno del predatore tra leggenda e realtà
Esperienze di monitoraggio e gestione
Mulino Comunale di Bosco Marengo,  venerdì 20 aprile 2018 – ore 21.00 
In questi ultimi anni è aumentato il livello di attenzione rispetto al lupo: lo scorso autunno, l’Ente di gestione delle Aree protette dell’Appennino Piemontese, in collaborazione con il Centro di Referenza Grandi Carnivori delle Aree Protette Alpi Marittime, ha organizzato un corso di formazione per operatori addetti al monitoraggio del lupo, finalizzato alla costituzione di un gruppo di lavoro attivo nel corridoio di connessione tra le popolazioni di Alpi-Appennino e operativo dal 1° gennaio 2018.
In questo contesto si inserisce la serata organizzata dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese – alessandrino, in calendario la sera del 20 aprile, alle ore 21.00,  presso la Sede Operativa del Mulino comunale di Bosco Marengo. Continua a leggere “IL RACCONTO DEL LUPO: Il ritorno del predatore tra leggenda e realtà”

Allieve della scuola di danza “PETER LARSEN DANCE STUDIO” a Montecarlo per gli esami Internazionali di danza classica

Allieve

Allieve della scuola di danza “PETER LARSEN DANCE STUDIO” a Montecarlo per gli esami Internazionali di danza classica
Anche il “Peter Larsen Dance Studio”, storica scuola di danza alessandrina diretta dal ballerino e coreografo Peter Larsen, parteciperà con alcune delle migliori allieve della scuola agli Esami Internazionali di Danza Classica del “Méthode Russe de Monte-Carlo de Lorena Baricalla”.
Gli esami si svolgeranno sabato 21 e domenica 22 aprile nel prestigioso Auditorium Principe Ranieri III a Monaco, sede dell’Orchestra Filarmonica, in presenza di personalità della danza, dell’arte, della cultura e della moda. La manifestazione è realizzata in collaborazione con il Centro Culturale Russo di Monaco ed è organizzata dalla PromoArt Montecarlo Production. Continua a leggere “Allieve della scuola di danza “PETER LARSEN DANCE STUDIO” a Montecarlo per gli esami Internazionali di danza classica”

La Fine della Guerra, di Giuseppe Buro

30728209_229414660969730_3729528086908108800_n

La Fine della Guerra

Sui tetti delle case pochi fumi
qualche passero si posa sui fili
ancora appesi, una sposa si riposa
dentro casa, una luce ancora accesa.

Aspetta quella sposa il ritorno del
suo amato, una lettera tarda ad
arrivare, ricordi ancora vivi ed è
come ieri il letto preparato.

Una nota s’avvicina lentamente
una musica silente nell’aria della
sera, ora il desio non è come una
volta.

Canta il gallo la mattina e la gatta
fa le fusa strofinando la sua coda,
il tempo fermo viene scosso dal
fischio di un treno sferragliante,

Ora s’appresta a far ritorno il suo
amato, la guerra è finita molti son
sepolti in una terra sconosciuta.

@ Giuseppe Buro

Serata Primo Levi, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

In prossimità del 25 aprile, festa della Liberazione dal nazifascismo, l’Associazione Cultura e Sviluppo organizza, per giovedì 19 aprile ( dalle ore 19 alle ore 22,30, con pausa buffet alle 20,30 circa) , un’importante iniziativa in collaborazione con la Fondazione Primo Levi. Sarà presente ad Alessandria il presidente della Fondazione, il professor Fabio Levi ( ordinario di Storia contemporanea presso l’Università di Torino), e con lui interverranno Roberta Morì e Domenico Scarpa, curatori del volume “Album Primo Levi “(Einaudi, Torino, 2017), che verrà presentato nel corso della serata. Continua a leggere “Serata Primo Levi, di Lia Tommi”

Suona una cetra vermiglia e malsana, di Francesco Luca Santo

Suona una cetra vermiglia e malsana
…suona le note di un epitaffio volgare
che mortifica gli sponsali algebrici del tuo corpo
Antea sconsiderata meretrice di uomini immondi
guardavo dalla taverna dell’oste morto
il quadro nuziale del tuo dolore
-dolce fiaccola di un silenzio d’anima-
…ma cos’era il tuo cuore
quando egli ti diede i suoi acri baci
e tagliò senza restrizioni o paure le tue mille gole di canto?
Io guardavo immobile e assorto
quegli occhi divini che il Cielo ti ha donato
e morivo come cerchio pellegrino
in un embrione malato
nelle diverse fonti di una Grecia assassina
e fiamma di Ulisse
trionfava nel dolore del giorno
Antea mia dolce signora
domani il tramonto
mi darà due ali di paglia
per morire nella calura delle tue mani

Con i disperati di Pomigliano “Abbiamo fatto la rivoluzione Salvini è il male minore”, di Francesco Grignetti. La Stampa

con i

Con i disperati di Pomigliano “Abbiamo fatto la rivoluzione Salvini è il male minore”

Nel feudo di Di Maio dove si votava comunista “L’unica salvezza è il reddito di cittadinanza”

LAPRESSE

FRANCESCO GRIGNETTI INVIATO A POMIGLIANO (NAPOLI) http://www.lastampa.it/

«Con il voto abbiamo fatto la rivoluzione. Ora speriamo che non ci deludano». Pomigliano d’Arco, la città di Luigi Di Maio, è una roccaforte grillina. Qui il movimento ha raccolto quasi il 70% dei voti. «Percentuali bulgare», racconta Francesco, circa 50 anni, sindacalista Fiom, operaio, ex comunista, oggi grillino. Ecco, la rivoluzione del voto qui dove fino a dieci anni fa c’erano grandi fabbriche e una forte classe operaia, c’è stata. Ma ora che governo si aspetta? «Ok, dovranno fare accordi in Parlamento. Per me, che vengo da sinistra, e certo non cambio idea su Salvini, ben venga anche lui. Purchè si tenga fede al principio dei principi: nessuno resti solo».   

A Pomigliano, la grande crisi morde come in tutto il Sud. Su quarantamila residenti, ci sono circa 5000 disoccupati e altri 5000 inoccupati (cioè persone che non hanno mai formalmente lavorato). Se si tolgono bambini e pensionati, fa spavento la percentuale di chi è in età da lavoro e brancola alla ricerca di una occupazione. Continua a leggere “Con i disperati di Pomigliano “Abbiamo fatto la rivoluzione Salvini è il male minore”, di Francesco Grignetti. La Stampa”

Cucina itinerante, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano Alessandria

Farà tappa anche ad Alessandria, da oggi, 23 marzo, fino a domenica 25 marzo, questa kermesse culinaria itinerante, Platea Cibis.

Essa è un viaggio attraverso l’arte della cucina, la riscoperta di antichi sapori con la caratteristica di poterli gustare per strada.

Potrete assaggiare la bistecca alla Fiorentina, la paella spagnola, qualche piatto greco o argentino, ma anche la classica cucina nostrana di Puglia, Sardegna.

E per bere? Ci si sposta in Belgio e Olanda con ottime birre.

Un appuntamento enogastronomico  adatto anche ai più piccoli.

Tutto questo, ad Alessandria, giardini di Viale della Repubblica, dalle 10 alle 23 nei giorni indicati.

Perchè la cultura passa anche attraverso il cibo.

 

Ad Alessandria il commercio è in crisi? E allora andiamo in Giappone!, di Enrico Sozzetti

Ad Alessandria

Ad Alessandria il commercio è in crisi? E allora andiamo in Giappone!

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Ad Alessandria chiudono negozi e ristoranti storici. Ogni volta che accade c’è chi si straccia le vesti, si lamenta, grida allo scandalo e indica un solo colpevole: la grande distribuzione. Non manca poi il corresponsabile che è ‘la crisi economica’, imputato che va bene per tutte le stagioni. Però siamo sicuri che sia proprio così? Oppure c’è un problema più profondo, legato alla qualità del commercio, alla capacità di innovare, culturalmente e tecnicamente, il servizio al cliente e alla reale comprensione di come il mercato sia non solo cambiato, ma trasformato definitivamente in un qualcosa che fino ad alcuni anni fa non esisteva? E poi, non dimentichiamolo, dietro ogni saracinesca che si abbassa c’è spesso una storia molto personale, che non sempre è condizionata da fattori esterni o da un calo dei consumi. Continua a leggere “Ad Alessandria il commercio è in crisi? E allora andiamo in Giappone!, di Enrico Sozzetti”

FRIDA KAHLO – un nastro intorno alla bomba. Festa della donna

10 marzo 2018 ore 21.00.  Il Cartellone Off della Rassegna Bistagno in Palcoscenico, organizzato da Quizzy Teatro, in collaborazione con la S.O.M.S., dedicato a particolari date e ricorrenze, celebra la festa della donna con un monologo teatrale accompagnato da chitarra dal vivo che narra la vita della grandissima pittrice Frida Kahlo, prodotto da Cubo Teatro/Parsec Teatro.

Ciò che conosciamo maggiormente è la classica immagine di Frida Kahlo con fiori colorati in testa e con le sopracciglia unite. Lo spettacolo però vuole approfondire la sua storia, interpretando i suoi pensieri, capendo le sue scelte e entrando veramente in contatto con questa artista, personaggio di straordinaria attualità.

Frida è in prima istanza una donna che ama, una donna capace di lottare per l’arte e la politica, una donna che andava contro le convenzioni, una donna dinamica, piena di energia, che combatteva contro il suo destino, ma soprattutto una donna capace di affrontare il dolore. Continua a leggere “FRIDA KAHLO – un nastro intorno alla bomba. Festa della donna”

Il SUSSURRO DELL’AUTUNNO, di Ester Mastroianni

Il SUSSURRO DELL'AUTUNNO

di Ester Mastroianni

Il SUSSURRO DELL’AUTUNNO

Sempre tenero è il mattino che mi desta
Se guardo laggiù, vedo i verdi monti
E l’orizzonte mi appare più bello

Nel campo d’autunno c’è un sussurro
È dolce musica, più sublimi le note
Ah, che immagini io vo ancor mirando

E che storditi echi e amati silenzi, sento,
e quel morir a me par agitarsi in petto;
mi rapisce l’eterna accesa primavera

Se odo stormire le fronde al vento,
Che giunge dal mare e smussa l’onde:
Che mi’importa delle stagioni morte

Se il nuovo mi regala l’immensità più dolce?
È di novembre la mia voce, non ho età
sono solo la fretta nell’inverno che va.

SILENCIEUX DE LA AUTOMNE

Toujours tendre est le matin me réveille
S’il regarde je vois les montagnes vertes
Et l’horizon me semble plus beau

Dans le domaine de l’automne est un murmure
Il est de la musique douce, les notes les plus sublimes
Ah, quelles images je vais même viser

Et que les échos et les silences étourdis aimé, je me sens,
et la matrice me semble bouger dans sa poitrine;
Je kidnappe allumé le printemps éternel

J’entends le vent bruissant les feuilles,
Cela vient de la mer et adoucit les vagues:
Je me soucie de la mort des saisons

Si la nouvelle me donne le plus doux immensité?
Vous Novembre ma voix, je ne fais pas l’âge
Ils ne sont que la pointe de l’hiver va.

ester@mirella M P

Visualizza traduzione

Forza e fragilità, di Maria Palomba

Forza

di Maria Palomba

Forza e fragilità

Uomo mi vedi
come una donna forte.
Vero lo sono,ma sbagli se….
pensi che non abbia bisogno di
avere qualcuno a cui appoggiarsi,
che mi ami e mi dica…
sono qua, aggrappati a me.
Anch’io sai,
ho le mie paure,incertezze e fragilità,
anch’io ho bisogno d’amore e di affetto.
Adesso mi vedi forte….
ma nella mia solitudine,
crollo e mi vedo persa,
allora si…
in quel attimo,
in quella frazione di secondo
devi esserci tu,
tenendomi tra le
tue forti braccia,
uno sguardo,un bacio e…
dirai sono qua,
vivi di me
non sei sola….
Io ti amo.
M.P.

La Zuppa cicciata ciceralese, di Giovanna Voria

Zuppa cicciata ciceralese di Giovanna Voria

La cicciata ciceralese di Giovanna Voria – foto di Luigi Savino

Questa zuppa, di origine contadina, veniva preparata il 1° maggio, a semina già avvenuta, con l’auspicio di un nuovo e abbondante raccolto. Per buon augurio veniva offerto un piatto ai vicini. Giovanna Voria di Corbella l’ha conservata, rilanciata e registrata su www.mysocialrecipe.com

Tutti i semi avanzati, circa una ventina, tra legumi e cereali, venivano, separatamente, messi a bagno e cotti. Infine, a cottura ultimata, venivano mescolati insieme per dare vita all’autentica cicciata che ancora oggi, nonostante la preparazione lunga ed elaborata, rappresenta uno dei piatti più gustosi della nostra realtà cilentana. Continua a leggere “La Zuppa cicciata ciceralese, di Giovanna Voria”

COSA AVRA’ PENSATO MAURO COLAGRECO IL 4° MIGLIOR CUOCO AL MONDO DI ME ?…

26952405_404872276631033_238775496452484966_o

Un giorno ero al mercato della frutta e verdura di Ventimiglia, ho notato Colagreco  che chiedeva spiegazioni sui prodotti, nello specifico la ” maggiorana” come veniva chiamata in dialetto ventimigliese. E io gli ho spiegato come si fa a fare con la maggiorana il mio famoso risotto !… Certo non immaginavo con chi avessi a che fare …

ACIT FILM FORUM: Il migliore dei mondi possibili?

Acit Film Forum 2018

Famiglia e società nella Germania di oggi

Se quello in cui viviamo sia davvero il “migliore dei mondi possibili”, secondo la celebre espressione di Leibniz, è un interrogativo che emerge periodicamente in epoche di grandi crisi e trasformazioni. I film di questo nuovo ciclo dell’Acit Film Forum, tutti inediti nelle sale italiane, mostrano come questa domanda attraversi il cinema tedesco nella sua rappresentazione dell’odierna società tedesca a partire dal suo nucleo più intimo: la famiglia.

Lunedì 19 febbraio: “Dreiviertelmond” (Tre quarti di luna) narra la crisi di un burbero tassista di Norimberga, abbandonato dalla moglie dopo 30 anni, e del suo incontro fortuito con una bambina turca che ha perso i contatti con la propria famiglia.
Lunedì 19 marzo: “Alki Alki” (Alcolista, alcolista) racconta, con un’originalissima formula narrativa, la lotta tragicomica che un architetto quasi cinquantenne conduce contro il suo esuberante alter ego per cercare di essere un padre di famiglia responsabile.
Continua a leggere “ACIT FILM FORUM: Il migliore dei mondi possibili?”

Che cosa vuol dire il termine eristica?

Schermata 2018-02-03 a 12.29.00

 

Redazione: Il termine eristica, sebbene risalga alla notte dei tempi, oggi è più che mai attuale in politica, in particolare durante la campagna elettorale, dove i politici con varie argomentazioni e una fluente dialettica, cercano di convincere i cittadini ad accettare le proprie tesi; negli ultimi tempi viene portato all’eccesso e in modo falsato, con tutte le conseguenze del caso, con l’avvento delle fake news sui social e non solo.

Il termine Eristica è l’arte di far prevalere la propria tesi, vera o falsa che sia, ricorrendo ai più sottili strumenti dialettici; nell’antichità fu coltivata particolarmente dalla tarda sofistica

All’eristica, non interessa se un discorso possa essere vero o falso né le definizioni delle parole che vengono impiegate; il suo unico fine è quello di confutare il proprio avversario e di persuaderlo di avere ragione mediante la retorica. Continua a leggere “Che cosa vuol dire il termine eristica?”

La sfida europea 

di Cristina Saracano

foto di Lia Tommi

Daniele Capezzone, autore di Brexit, La sfida europea, ha presentato questo pomeriggio il suo libro ad Alessandria, via Tortona 71, ospite di Libera Mente, laboratorio di idee. 

Intervistato da Fabrizio Priano, con lui nella foto, ha spiegato che se la Gran Bretagna se ne va dall’Europa, è un problema per tutta l’Europa.

In questa nazione il tempo di attesa per trovare un lavoro è di circa tre giorni, negli ultimi cinque anni si sono creati più posti occupazionali che in qualsiasi altro stato dell’Unione europea.

Bisogna essere uniti, ma non stare sotto una sola forza, perché, spiega Capezzone, facendo una simpatica similitudine,”Non tutti possono indossare lo stesso vestito, ci sono persone a cui sta largo e altre a cui sta stretto”. Questo vale anche per un’unione di stati.

Inoltra elogia l’Italia e gli italiani, sempre troppo impegnati ad autocriticarsi.

“In Italia sette persone su dieci sono proprietarie di casa e hanno piccoli risparmi in banca. In Italia ci sono piccole e medie imprese straordinarie.”

La Gran Bretagna,  sostiene inoltre, dal 2019, potrà scegliere di essere libera di uscire dall’Europa, ma di continuare a commerciare con lei.

I grossi problemi da risolvere all’interno dell’Unione, sono, secondo Capezzone: l’immigrazione clandestina e il terrorismo, per risolverli occorre essere organizzati.

Per concludere, ci ricorda che Andreotti nel 1989 non era così entusiasta della caduta del muro di Berlino, forse perché temeva una presa di posizione tedesca.

Dopo questo interessante dibattito culturale, vorrei anche spendere due parole sull’ottimo servizio di apericena a buffet che ci è stato offerto.

Perché anche il cibo è cultura.

E la cucina italiana è un’eccellenza.

UNA “FIRENZE” IN PENOMBRA DI SABRINA PIEROZZI

1

Finalmente è arrivato il giorno della tanto attesa visita guidata del “ CORRIDOIO VASARIANO”, che definirei una vera e propria passerella che attraversa la storia oltre che un percorso sopraelevato che collega nella meravigliosa Firenze , Palazzo Vecchio con palazzo pitti passando per gli Uffizzi e sopra il Ponte Vecchio!

A proposito di PONTE VECCHIO siete mai venuti a vederlo nel periodo Natalizio? Fossi in voi ci farei un pensierino.

Camminando durante la visita, mentre fotografavo quelle finestrelle silenziosamente affacciate sulle vie e sui monumenti della città, mi sono ritrovata a pensare alle meraviglie che Firenze offre non solo a chi la visita ma anche a chi vi abita…ma è veramente tutto?

No!… continua su: http://chiantipoesia.blogspot.it/2017/12/una-firenze-in-penombra-di-sabrina.html

Ricetta: Quattro formaggi alla pizza, di aven90

Ric

di aven90

Beh, che dire? Il titolo si commenta da solo.

Non solo si commenta da solo, ma possiamo anche parlare della pizza.

Si dice PIZZA quel piatto rotondo che si serve su una scatola quadrata e che si mangia a fette triangolari. Insomma, con la pizza impari la geometria.

E i formaggi?

Quelli sono tanti, credo proprio che siano più di quattro. Tuttavia, per questa ricetta possiedo anche gli ingredienti, che vi rivelo in anteprima esclusiva:

a) Mozzarella. La Mozzarella non è, come si potrebbe credere, utile a essere lanciata. Anzi è tonda, corposa e se cucinata secondo tradizione diventa filamentosa. Davvero, provate con una forchetta: vedete che la mozzarella la segue e possiamo anche suonarla a volte? Continua a leggere “Ricetta: Quattro formaggi alla pizza, di aven90”

La Stampa: Quando gridai al miracolo e poi mi costrinsi al triste “senza voto” del 2000

140979daee04d31a472b6fae70b63265-25574-kRZC-U11011650943436Z0G-1024x576@LaStampa.it

La parabola del protagonista della Nuova Cucina

ANSA

«Ciao Maestro. E grazie». Così, stringatissimo, Carlo Cracco ha salutato Marchesi su Facebook

da: http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 27/12/2017

EDOARDO RASPELLI

«Era la fine degli Anni 70; nelle vie di Milano si rapiva, si sparava, si uccideva. La gente stava tappata in casa; i giornali grondavano del sangue delle Brigate Rosse. Nei desolati ristoranti meneghini ed italiani tracimava la panna che, con i piselli ed il prosciutto, costituiva la ruffiana triade della cucina alla toscana. Si andava fuori a mangiare il sabato sera e la domenica a mezzogiorno: i ristoranti ingoiavano turisti mordi-e-fuggi, a cui rifilavano piatti precotti e stracotti. Poi, uno sconosciuto rampollo della Milano degli Affari, figlio di ristoratori ed albergatori, in un periferico sotterraneo, accanto ad un piccolo supermercato, in via Bonvesin de la Riva, accanto a corso XXII Marzo, alzò la bandiera della Rivoluzione».   Continua a leggere “La Stampa: Quando gridai al miracolo e poi mi costrinsi al triste “senza voto” del 2000”

Auguri al Colibrì, di Cristina Saracano

Alessandria: Domani, 28 dicembre 2017 vi aspettiamo per gli auguri, per conoscerci, per ascoltare un pò di musica e di poesia.

Nato dall’unione di donne trovatesi in difficoltà a causa della crisi economica, il Comitato Colibrì, operativo ad Alessandria, in via Cavour 29, offre una serie di servizi indispensabili nel sociale.

Gli uffici sono aperti il martedì dalle 17 alle 19 ed è anche possibile ritirare abiti usati per adulti e bambini.

Il Microcredito, dà la possibilità di ottenere piccole somme in prestito per poter tirare un sospiro di sollievo in questo periodo dove la vita è molto esosa, per appuntamenti 342 3261103. Continua a leggere “Auguri al Colibrì, di Cristina Saracano”

Dillo pure amore mio, di Antonio Scarito

dillo

di Antonio Scarito

Dillo pure amore mio,
lo sento hai bisogno,
di ripeterlo ogni istante,
fallo pure io t’ascolto.
Non lasciare all’emozione
di fermare le tue parole.
non scordare succede,
che qualcuno ti colpisce,
diventando un pensiero
fisso dentro la tua mente.
Vuoi volare nel suo cuore,
ha bisogno di sapere se
qualcuno già l’ascolta e
capendolo presto verrà
tanta voglia di gridare:
amore mio voglio finire
in un ballo sensuale e
sentire che pur i corpi
son padroni di parlare.

Continua a leggere “Dillo pure amore mio, di Antonio Scarito”

Viaggio in treno, di aven90 

Viaggio

di aven90 

Odio i viaggi in treno. Il ritmico sfrecciare del mezzo si binari, il paesaggio che non si vede niente, la sporcizia qua e là e il dover condividere il vagone letto con degli sconosciuti.

Mamma mia. Eppure, era un viaggio che si doveva fare. Per fortuna, ho con me qualche libro e il lettore CD, per cui il tempo posso ammazzarlo per bene.

L’ho già detto che odio i viaggi in treno? Forse sì, ma anche per i sedili scomodissimi. Forse mi stanno venendo le piattole, ma al momento non posso farci niente. Inoltre, c’è questo ragazzo che mi fissa. Continua a leggere “Viaggio in treno, di aven90 “

Il Natale di paglia rivive nella riduzione radiofonica di Radio BBSI a La mia cara Alessandria

Alessandria: Da due anni la rappresentazione del “Natale di Paglia” non va più in scena. Probabilmente agli amici del Museo etnografico “C’era una volta” non mancano certo passione, volontà e competenza, ma qualche aiuto economico. Così una delle più belle narrazioni del Natale delle nostre parti, tra vigilia, presepe, pastori che parlano con le stelle comete, nonne che raccontano nella stalla vecchie storie, crumbot e ciaramelle, ricordi di una guerra che mette in trincea anche gli affetti e i sentimenti, rischiava di perdersi.

Ma una caratteristica degli amici del Museo è senz’altro quella di non perdersi d’animo e di cercare strade alternative, quando quella maestra è impedita a percorrersi da uno o più ostacoli. Così l’idea è stata quella di non perdere un altro anno ad attendere, ma di darsi da fare subito. Il partner è stato trovato in Radio BBSI, che ha nel suo palinsesto una trasmissione ove il “Natale di paglia” potrebbe trovare posto: “La mia cara Alessandria”, dove di norma si parla di storia, di tradizioni, di radici, di dialetto, di musica e di via della città. Continua a leggere “Il Natale di paglia rivive nella riduzione radiofonica di Radio BBSI a La mia cara Alessandria”

Natale con i tuoi, ma dove vuoi… di Pier Carlo Lava

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Le tradizioni, così come i proverbi non vano dimenticate dato che fanno fanno parte della storia e della nostra cultura, taluni le rispettano, altri no e altri ancora le rispettano ma le adattano al mutare dei tempi.

Mneù di Natale EricNatale con i tuoi è un detto molto diffuso, su una delle feste religiose più importanti in Italia.

L’origine probabilmente deriva dal fatto che il Natale è considerato da molti la festa della famiglia e quindi si trascorre  con i propri cari.

Ma come per tutti i detti e i proverbi, il mutare dei tempi fa si che sovente non vengano più presi in considerazione o quantomeno vengano adattati alle nuove esigenze e abitudini di vita. Continua a leggere “Natale con i tuoi, ma dove vuoi… di Pier Carlo Lava”

Peter Larsen Dance Studio, aperte iscrizioni per stage con Olibiero Bifulco

APERTE LE ISCRIZIONI AL PETER LARSEN DANCE STUDIO PER LO STAGE CON IL BALLERINO OLIVIERO BIFULCO.

Il Peter Larsen Dance Studio, storica scuola di danza di Alessandria con sede in Via Cardinal Massaia 19, apre le iscrizioni per lo stage di danza classica e moderna che si terrà Giovedì 4 gennaio 2018, nella sede della scuola.

Docente per la giornata sarà Oliviero Bifulco, reso noto al grande pubblico dal programma televisivo “Amici”, a cui ha partecipato nella scorsa edizione. Classe 1995, Oliviero comincia a studiare danza classica all’età di sei anni. Nel 2007, riceve il primo premio al concorso Expression a Firenze: fra i giurati Giuseppe Carbone e Frédéric Olivieri. Riceve il premio al talento al concorso Dance on Stage a Milano, e il primo premio al concorso Opus Ballet a Firenze. Sempre nel 2007 supera le selezioni per l’accesso al 2° anno di corso della Scuola di ballo del Teatro alla Scala. Nel 2009 viene scelto da Kim Brandsturp, coreografo del Royal Ballet, per danzare nella produzione Morte a Venezia del Teatro alla Scala. Sempre alla Scala partecipa a numerose produzioni, tra cui Raymonda e Aida. Continua a leggere “Peter Larsen Dance Studio, aperte iscrizioni per stage con Olibiero Bifulco”

Ricetta: arancine con tutto, di aven90

Ricetta

di aven90 LE ARANCINE SONO FEMMINE

Detto questo, possiamo iniziare col nostro trattato.

Sappiamo tutti come si preparano le arancine, non starò certo a ripetere come si fanno. Stavolta, però ne prepareremo una e una sola, quella definitiva.

Ebbene, sì. Prepareremo l’Arancina con TUTTO dentro.

Non è un’impresa impossibile. Io ce la farò. Tu, leggendomi, ce la farai. Insomma, possiamo farcela.

La panatura, il riso e poi l’interno. Continua a leggere “Ricetta: arancine con tutto, di aven90”

Teatro Ambra venerdì 15 dicembre “Dove vai ?…al cinema..!”

TeatroNelloSpazioScuole

Chiude il progetto 2017 di “Teatro nello spaz…IO”
Lo spettacolo al Teatro Ambra venerdì 15 dicembre “Dove vai ?…al cinema..!”

Si chiude venerdì 15 dicembre TEATRO NELLO SPAZ..IO 4^ edizione, il progetto didattico – teatrale nato per valorizzare l’unicità della persona e stimolare l’integrazione tra persone con disabilità e non. Il progetto, ricco di laboratori nei centri diurni disabili e nelle scuole, ha avuto durata annuale (da gennaio 2017 a dicembre 2017).

Il DLF Alessandria – Asti, il CISSACA, il Servizio ETH del Cissaca, il Centro Diurno “Martin Pescatore” ed il Centro Accoglienza Disabili di San Giuliano, il centro diurno SOLELUNA, la R.I.S.S. SANT’AGATA di Sant Agata Fossili (Interactive S.C.S), l’I.C. GALILEI (la classe 5^ C della scuola primaria Villaggio Europa), la Scuola media MANZONI, hanno lavorato per favorire la spontaneità e l’integrazione, ed hanno dato “spaz..IO” alle potenzialità espressive, emotive e relazionali di ciascuno, nel rispetto delle caratteristiche del singolo. Continua a leggere “Teatro Ambra venerdì 15 dicembre “Dove vai ?…al cinema..!””

Natale con i tuoi, ma dove vuoi… di Pier Carlo Lava

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Le tradizioni, così come i proverbi non vano dimenticate dato che fanno fanno parte della storia e della nostra cultura, taluni le rispettano, altri no e altri ancora le rispettano ma le adattano al mutare dei tempi.

Mneù di Natale Eric

Natale con i tuoi è un detto molto diffuso, su una delle feste religiose più importanti in Italia.

L’origine probabilmente deriva dal fatto che il Natale è considerato da molti la festa della famiglia e quindi si trascorre  con i propri cari.

Ma come per tutti i detti e i proverbi, il mutare dei tempi fa si che sovente non vengano più presi in considerazione o quantomeno vengano adattati alle nuove esigenze e abitudini di vita.

Succede così sempre più spesso che si trascorra il Natale con parenti o amici al ristorante. Continua a leggere “Natale con i tuoi, ma dove vuoi… di Pier Carlo Lava”

L’arte del pizzaiuolo napoletano riconosciuta come patrimonio Unesco

pizza-1

Matteo Renzi

L’arte del pizzaiuolo napoletano riconosciuta come patrimonio Unesco è un simbolo bellissimo di quello che l’Italia è stata. Ma è simbolo anche di ciò che dovremo essere. La cura per la tradizione, la passione per il cibo, la capacità di farsi rappresentare all’estero dai nostri prodotti sono elementi essenziali del nostro futuro. Andiamo verso un futuro di robot e innovazioni tecnologiche: proprio per questo avremo sempre più bisogno di radici, di identità, di qualità, di gusto. Le più grandi catene al mondo di pizza non sono italiane così come pure è straniera la maggioranza dei prodotti che hanno il nome che suona italiano venduti nel mondo. Insomma: nel mondo globalizzato il Made in Italy – anche alimentare – ha tante opportunità davanti. Il riconoscimento alla pizza è un orgoglio per la tradizione ma anche uno stimolo per il futuro. Avanti

foto: www.laltraitalia.it

TORTA CAFFÈ E PINOLI, di banannakitchen

Torta

di banannakitchen

Questa ricetta della torta al caffè arriva direttamente dal ricettario di mia mamma, quindi vi assicuro che è stata provata e riprovata negli anni ed non può non essere un successo! Oltre al caffè gli altri ingredienti golosi sono i pinoli e l’uvetta… ma provate a sostituirla con dei pezzetti di prugne secche: una delizia!

Ingredienti:
200 g farina
2 uova
160 g zucchero di canna
100 g burro
2 cucchiaini lievito
2 cucchiaini caffè solubile
3 cucchiai latte
80 g pinoli
40 g uvetta o prugne secche
un pizzico di sale
Continua a leggere “TORTA CAFFÈ E PINOLI, di banannakitchen”

Alessandro e Chiara del blog di viaggi “Un Trolley per Due” dedicano una poesia a Monteriggioni

di chiantipoesia

Monteriggioni

“Fortezza si erge nel cielo toscano

vigne e colline la cingon d’assedio

Sto lungo il cammino

del viandante peregrino

e la vista mi è dolce

ancor più nella fatica.

Monteriggioni!

Del Chianti sei cinta

dell’autunno sei dipinta,

di nuvole fugaci e di vigne odorose.”

Alessandro e Chiara

www.untrolleyperdue.it