Zonta Club, un giorno solo non basta

Teatro Civile ed un’esposizione per dire NO alla violenza sulle donne

Alessandria: Un femminicidio ogni due giorni non descrive la violenza sulle donne come un “fenomeno” ma come una piaga sociale che va eradicata, al più presto. Per questo un giorno solo, il 25 novembre, non basta a Zonta Club Alessandria per sensibilizzare la popolazione nel riconoscere la violenza, affrontarla ed eliminarla. In particolare, Zonta si rivolge ai giovani,  al mondo della scuola, dove dovrebbe essere materia curriculare l’educazione all’affettività, alla parità di genere.

Dal 30 novembre al 2 dicembre, Zonta ha portato in due città della provincia di Alessandria lo spettacolo “E’l modo ancor m’offende” con la compagnia teatrale “La diritta via” impegnata nel teatro civile. Continua a leggere “Zonta Club, un giorno solo non basta”

AIDO cresce nel segno dei giovani

Alessandria: Una celebrazione religiosa per ricordare gli iscritti AIDO che nel 2017 sono mancati donando ad altri l’opportunità di una nuova vita grazie ad un organo ricevuto.

Un momento di preghiera per tutti i volontari impegnati nella sensibilizzazione al dono, per tutti gli operatori sanitari a cui spetta il compito di informare le famiglie su una scelta che può cambiare la vita di molti, per tutti gli amministratori pubblici che hanno avviato, presso le Anagrafi dei loro Comuni, il servizio “Una scelta in Comune”. Tutto questo è la S.Messa del Donatore che AIDO provinciale ha celebrato nella prima domenica d’Avvento con la presenza di S.E. Mons. Guido Gallese, vescovo di Alessandria. Continua a leggere “AIDO cresce nel segno dei giovani”

Rendicontazione 5xMILLE, di Fondazione SociAL

Rendicontazione

di Fondazione SociAL

Mercoledì 13 dicembre dalle ore 17:00 alle ore 19:00
Fondazione SociAL piazza Fabrizio De André 76, Alessandria

Con la Legge finanziaria per il 2006 (Legge 23 dicembre 2005, n. 266, articolo 1, commi 337 e ss.) è stata introdotta la possibilità per il contribuente di devolvere il 5×1000 della propria imposta sul reddito delle persone fisiche a soggetti che operano in settori di riconosciuto interesse pubblico per finalità di utilità sociale.

Il 5×1000, dunque, è di certo una importante risorsa per il mondo del volontariato, tanto per le grandi realtà che per quelle più piccole e, per questo, oggetto di consulenza da parte del Centro Servizi. Continua a leggere “Rendicontazione 5xMILLE, di Fondazione SociAL”

La lettera, di V.R.

La lettera

di V.R.

Ed è rimasta questa lettera a nascondere gelosamente tante piccole poesie scritte a mano. Non la vedrà nessuno, non le leggerà nessuno, almeno finché le sue parole continueranno a gridare da dentro. Rimarrà conservata e così dimenticata tra i fogli di un diario scritto male.
Ma un giorno, chissà quando, qualcuno aprirà quel diario e si sorprenderà nel trovarla. E seppure non compaiano nè nomi e nè indirizzi, sarà chiaro a quel fortuito trovatore, a chi era rivolta.
Eppure, in cuor mio, pur senza sapere come nè quando, sono certa che quella lettera prima o poi arriverà al suo vecchio destinatario, perché nonostante i suoi tempi, il destino sa quando un incontro è scritto tra le sue pagine; pagine simili a quei fogli ormai ingialliti dagli anni e forse pure un poco sbiaditi, ma sicuramente mai cancellati da niente e nessuno.

https://raccontiondivaghi.wordpress.com/

La scomparsa di Agatha Christie: la vera Gone Girl

La scomparsa

DA MARCO AMICI

Disclaimer: a oggi sono stati pubblicati molteplici libri, articoli e biografie sulla scomparsa di Agatha Christie. Sono stati tratti film (Il segreto di Agatha Christie), ed episodi di serie tv (The Wasp and the Unicorn, Doctor Who). Questo post non vuole essere esaustivo e non vuole recare danno a nessuna persona citata.

Tutti, almeno una volta, ci siamo ritrovati nelle atmosfere accoglienti e calde dei libri della Duchessa della Morte. Ci siamo divertiti a leggere delle idiosincrasie dell’investigatore baffuto più celebre del mondo, Monsieur Poirot, o abbiamo riflettuto su come quella zitella adorabile di Miss Marplepotesse risolvere tutti quei misteri. Insomma, tra una coltellata e qualche tazza di tè, ci siamo rincuorati, leggendo le ultime pagine, consapevoli che l’ordine naturale degli eventi era stato ricostituito.

Ma la vita non è un romanzo, e se lo fosse di sicuro non seguirebbe una trama ben precisa. Rimane infatti sconosciuto ai più, il grande mistero che avvolge la figura della scrittrice di gialli più tradotta e venduta al mondo…. continua su: https://radicalging.wordpress.com/2017/12/03/la-scomparsa-di-agatha-christie-la-vera-gone-girl/

Il compromesso, di V.R.

Il compromesso

di V.R.

Il compromesso è questo:
fammi ridere, ridere tanto;
leggimi poesie;
portami a vedere il mare.
Procurami una tela su cui dipingere
e dipingi accanto a me.
O se non vuoi: leggi, scrivi, suona,
purché io possa sentire che tu ci sia.
E quando poi la vita ci porterà ai lati opposti di questa strada,
ricordati e ricordami di chi siamo stati
e ad ogni notte che viene,
seppur soltanto col pensiero,
torna da me.
Soltanto dopo che tutto questo sarà accaduto,
io finalmente ti dirò che sono tua:
anche se, in realtà, già da sempre lo fui;
da ancor prima di vedere il tuo sorriso
sotto il tramonto del cielo di maggio.

https://raccontiondivaghi.wordpress.com/

Sono dieci anni che ti cerco, di plce4myhead

di plce4myhead
Sono dieci anni che non ti dimentico.
Sono dieci anni che avrei voluto passare con te quelli che sono passati invece nella solitudine più oscura dell’anima.

Caro Francesco,
Ciao. Da quanto tempo non ci si vede.
Come stai? Io così cosi,tu?
Vedi,Francesco,io non sono quel tipo di persona che mente e ti dice che sta bene anche quando bene non sta.
Io se sto di merda,me lo leggi in faccia. Lo leggi nel cappuccio calato in testa. C’è poco da fare,Francesco.
Ma tu non mi conosci,o almeno non mi conosci più.
Non sai quella che sono diventata in questi dieci anni,come sono cambiata da quella bambina con il ciuffo il testa e lo sguardo sempre attento sui tuoi gesti strambi.
Non sai quello che mi è successo,ed io…io avrei voluto che tu sapessi tutto,ogni cosa,ogni passo.

Continua a leggere “Sono dieci anni che ti cerco, di plce4myhead”

Finta poesia, di V.R.

finta

di V.R.

Abbiamo tanto da dirci
-da non dirci-
da scrivere milioni di poesie e racconti.
Dove per te, un giorno,
sono un fiore
e tu un drago.
Poi, un altro, diventi un pirata,
ed io l’onda che sconquassa il mare.
Un giorno siamo amici,
un giorno ci uccidiamo.
Un giorno siamo amanti
mentre l’altro scappiamo.
E oggi chi sarai per me, mio poeta?
Tu sarai un gabbiano dalle ali grandi:
così maestoso, ma non lo sai.
Ti senti goffo mentre nutri amore per lei;
quella piccola anatra che sta sul bordo dello stagno.

Continua a leggere “Finta poesia, di V.R.”

L’ORLO DEL MATTINO, di rebeccastories

l'orlo rebecca-lena-polaroid-sx70-manipulation

di rebeccastories

Il vento che stramazza sull’asfalto, tossisce un po’ di ruggine dai lampioni. A tratti lo sento sfiatare odio dentro le grondaie.

Ho pensato di spalancare la finestra per farmi investire un po’ anch’io.

Immediatamente il ghiaccio ha urtato le guance già spuntate del mio viso e non ho respirato, per soffrire meno. Tutti i pori mi sono stati incisi, qualche lama si è conficcata tra le pieghe molli delle palpebre e il malessere è scoppiato subito nel mio baricentro, irresistibile, come lo stritolarsi di una bolla d’acido. Le spalle e le estremità delle dita sono i luoghi in cui fa più male, è dove il liquido sbatte. Tremano; il busto trema, e i denti mi pare di sentirli combattere fra loro. Qualche falange sussulta, mi grida di chiuderla quella finestra. Ma l’inondazione è compiuta. Disturbante, manesca, una nauseata pena, e Odio. Odio abissale violento, verso niente e quindi forse verso tutto. Chiudo la finestra. Continua a leggere “L’ORLO DEL MATTINO, di rebeccastories”

Marengo riapre, guarda all’estero e torna a scommettere su Napoleone

Marengo

di Enrico Sozzetti. Alessandria

Il Museo di Marengo di Alessandria riapre. La conferma arriva quasi in coda alla presentazione dell’evento che venerdì 8 dicembre segnerà l’apertura di una nuova stagione per la struttura espositiva che racconta della battaglia del 14 giugno 1800 e dell’epoca napoleonica. Si riaprono così le porte dell’edificio, con tanto di piramide esterna su un’idea originale di Napoleone, ristrutturato negli anni a suon di milioni e che un po’ per colpe locali, un po’ per congiunture istituzionali (come la riforma delle Province) era finito prima ai margini della promozione culturale, poi chiuso.

Il Museo di Marengo e il parco torneranno a vivere, per ora nei fine settimana, grazie all’accordo fra Comune di Alessandria (gestisce le attività culturali e promozionali) e Provincia, proprietaria dell’intera struttura che comprende oltre al parco e all’edificio principale, anche l’auditorium e una serie di spazi originariamente destinati a uffici e poi anch’essi in larga misura abbandonati. Continua a leggere “Marengo riapre, guarda all’estero e torna a scommettere su Napoleone”

DICHIARAZIONE DI NON AMORE, di rebeccastories  

Dichiarazione

di rebeccastories  

Stendetevi: profumi d’ineffabile
calore. Posatela quassù, l’arsura
languida, il soffio, la molle velatura
di fremiti, di amarezza e di amabile
terrore.

Fioritemi: fulgidi, dai vasi angusti
dei globi, come nuovi occhiali floridi
di sapore. Tra folte fila d’iridi,
radica profondo, in mezzo ai mille fusti
il cuore?

Questa Polaroid, come poche altre, non è una semplice illustrazione, ma nasce prima della poesia. A volte amo tentare su me stessa una sorta di autoanalisi, assecondando le mie idee, quelle più istintive, non studiate, che compaiono improvvisamente nella mia mente senza essere cercate. Le congelo in queste “foto d’inconscio”, e le studio a fondo, cercando di trarne fuori quelle verità, illusioni, che la mia testa tenta di nascondermi. Continua a leggere “DICHIARAZIONE DI NON AMORE, di rebeccastories  “

Cellulare ai Ragazzi, di SaraTricoli

Cellulare

di SaraTricoli

Dopo aver letto un interessatissimo articolo su di un blog amico intitolato: I nuovi idioti, sfidare la morte per un selfie, rischiare di essere stuprata per un “flashing”… (clicca sul titolo per leggerlo) ho avuto un interessante scambio con l’autore. Ad un certo punto ho riferito il mio accordo (tra me e i miei figli) e devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa nel ricevere il suo appoggio. Soprattutto dopo aver ricevuto tante critiche da altri adulti…

Ma iniziamo dal principio:

Sono sempre stata piuttosto contraria a dare troppo libertà tecnologica e troppo presto ai miei figli, infatti hanno ricevuto il cellulare e quindi maggiore autonomia verso internet solo l’anno scorso al compimento dei 12 anni. Io avrei aspettato ancora, lo confesso, ma erano praticamente gli unici tra i loro amici e conoscenti coetanei a non averlo… quindi sono capitolata!
Prima del cellulare ero più serena perché potevano usare solo il mio computer per andare su internet.  Sempre con la mia supervisione, in modo da sapere cosa vedevano e su quali siti andavano.

Continua a leggere “Cellulare ai Ragazzi, di SaraTricoli”

L’ECO DELLA CONTRORA – PRESTA LA TUA VOCE AL MIO LIBRO

l'eco-controra-rebecca-lena-book-trailer

di rebeccastories

 Partecipa al primo book trailer che ha la voce dei lettori!  

COS’E’ UN BOOK TRAILER?

È un video di pochi minuti, esattamente come quello di un film, atto a presentare, pubblicizzare e soprattutto comunicare un libro.

E IL LIBRO?

È il mio, “Racconti della Controra” è inedito e puoi sfogliarlo liberamente a questo link
http://issuu.com/rebeccalena/docs/racconti_della_controra__rebecca_le
In particolare, puoi:
– leggerlo distrattamente, lasciandoti sfiorare dal flusso di parole, dalle atmosfere afose, odorose, malinconiche, violente, meravigliate, oniriche, ansiose, paradossali
– leggerlo con attenzione, spulciando le note in fondo e lasciandoti trasportare dalla narrazione
– scavare fra le righe, ricercando i significati più reconditi e impossibili che ho sepolto apposta per te
– non leggere e guardare solo le figure.
Continua a leggere “L’ECO DELLA CONTRORA – PRESTA LA TUA VOCE AL MIO LIBRO”

Allungarsi oltre, di Antonio De Simone

Allungarsi

di Antonio De Simone

Scendere quelle scale
che portano al mare
giungere fino alla riva
toccare l’acqua
percepirne
l’inizio
che si allunga
verso e oltre
il nostro orizzonte.

Antonio De Simone

Eng_Get stretched beyond
Get off those stairs leading down to the sea
come down to the shore
tap water
perceive the beginning
stretching out
towards and beyond
our horizon.

https://antodesimone.wordpress.com

Nasce un nuovo blog, ecco la linea editoriale

Aless.

Buongiorno a tutti i visitatori, desideriamo informare che la redazione del blog è cresciuta, questi i componenti:

Pier Carlo Lava – Amministratore e Autore

Federica Ghisolfi – Autrice, sezione sport e cronaca

Maria Luisa Pirrone – Autrice, sezione cultura

Lia Tommi – Autrice, sezione cultura

Cristina Saracano – Autrice, sezione cultura

A seguito di quanto è emerso in una recente riunione di redazione abbiamo deciso di creare un nuovo blog, Alessandria Today: https://alessandriatoday.wordpress.com/ (che affiancherà il già esistente Alessandria Post: http://piercarlolava.blogspot.it/) per il quale è prevista un impronta prevalentemente culturale, ambientale, welfare e verde Urbano.

Pertanto tutti i post relativi alla cultura, poesie, racconti, eventi culturali, interviste ad esponenti culturali, ecc., quelli relativi all’ambiente e quelli relativi al welfare e al verde Urbano, verranno pubblicati gradualmente ma con priorità nel nuovo blog Alessandria today. Continua a leggere “Nasce un nuovo blog, ecco la linea editoriale”