TROVERO’ IL MODO, di Vittoria Cacciapaglia

TROVERO’ IL MODO

Troverò il modo di vivere ogni giorno che sia storto o dritto,
Ostacoli e salti troppo lunghi a volte,
E poi dentro ti senti spezzare in due,
Sempre il bilico tra il devo e dovrei,
I forse, i ma e i perché tutti questi dolori del corpo,
Li sento come una punizione per questa e la prossima vita,
La mano, il braccio, la schiena e l’anima che non si vede è tutto dolente,
Ma io vorrei solo un piccolo raggio di sole, per camminare dritta, per vivere
senza dovermi sentire ogni giorno legata al file sottile della speranza.

@Vittoria Cacciapaglia-2018-Tutti i diritti riservati

Vesto il mio corpo, di Ornella Spedicato

Vesto il mio corpo
col vento di scirocco,
quel vento dispettoso
che mi conduce nell’oblìo,
Caldo, avvolgente,
a tratti molto afoso,
da togliere il respiro,
da scompigliare i sensi.
Mi vesto di speranza
tra spine, rovi e more,
disfatta dalla calura
che conduce all’imbrunire.
Mi siedo, mi aggroviglio,
raccolgo i miei pensieri,
quel che resta di questo giorno
tra un poco sarà ieri.
(Ornella Spedicato)

Avevi la barba lunga, di Antonio Pontremoli

Avevi la barba lunga
un po’ trasandata
ma eri felice mostrando
il sorriso più bello,
preparato per regalarlo agli alati.
Un abbraccio come perdono,
tutto più chiaro .
Neanche una goccia di sudore
a solcarti il viso , non una goccia
amara dalle labbra , non più il dorso della mano sotto il mento a
proteggere.
Non più concorsi di bellezza,
ormai sei luce che traspare
da un cappotto antico.
Sorrido pensandoti,non sei in un posto caldo, sei vicino al suo viso.

I MISTERI DELLA VITA NELL’UNIVERSO, di Gioacchino Savarese

product_thumbnail

I MISTERI DELLA VITA NELL’UNIVERSO
di Gioacchino Savarese
Anteprima
Prezzo € 10,00 (IVA esclusa)
Stampa in 3-5 giorni feriali
Il libro “I MISTERI DELLA VITA NELL’UNIVERSO” parla del Mistero più importante ed immenso dell’Universo: la VITA. Nel libro tratto argomenti come la nascita della Vita, l’Ufologia, Alieni, Vita dopo la Morte, Insegnamenti e tante altre cose; tutto ruota intorno alla Vita. Del resto la Vita è l’essenza dell’Universo, ed è anche il dono più importante che abbiamo e che dobbiamo tutelare e proteggere. Ho lavorato a questo libro per molti anni e per me poterlo pubblicare è non solo un Sogno, ma un obiettivo che viene raggiunto dopo molto impegno, sacrifici e dedizione.
http://www.lulu.com

“Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria 
per combattere la distrofia di Duchenne

Un goal IMG_8857un goal IMG_8863

“Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria 
per combattere la distrofia di Duchenne
Un evento con la Nazionale Italiana Artisti TV per Parent Project onlus

Domenica 22 aprile 2018
Stadio “Giuseppe Moccagatta” – Spalto Rovereto – Alessandria

Si è svolta oggi pomeriggio nella Sala Giunta del Palazzo Comunale di Alessandria la conferenza stampa di presentazione ufficiale dell’evento “Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria: un progetto promosso da Parent Project Onlus per combattere la distrofia di Duchenne attraverso un evento calcistico con la Nazionale Italiana Artisti TV e gli atleti della Polizia di Stato – Questura di Alessandria, in programma domenica 22 aprile 2018 alle ore 16 allo Stadio Comunale “Moccagatta”. Continua a leggere ““Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria 
per combattere la distrofia di Duchenne”

La Caduta, di Domenico Turco

Domenico Turco

La Caduta

Continua la sequenza
ininterrotta, ruota
degli innocenti giorni
sacri a Dei senza fede
che pregano le Stelle
per annosa abitudine o per scherno.

La Bellezza delle forme visibili
non significa niente:
nella mente risiede
il senso più profondo,
la radice nascosta
nella terra nera dell’apparenza.

Afferra l’inviolata
bacchetta magica sotto la pioggia,
abbandonata al freddo dell’inverno,
al centro della campagna deserta
che odora di fango e rane saettanti
lungo i margini del fiume.

Il miracolo sorge spesso in terra
sconsacrata, presso luoghi dannati
che sanno di putredine, di vuoto,
di rose insanguinate,
di brune foglie morte, di sfacelo,
di macerie spezzate,
come ossa, nel regno
del silenzio – musica senza suoni
a commento della Caduta, muto
“tam-tam”, cadenzato – da <<Finis Mundi>>…

Di Domenico Turco – Proprietà letteraria riservata©

“Memorie Istantanee”, di Daniela Lotti

“Memorie Istantanee”

Corrono gli sguardi
uno dietro all’altro.
Si fermano, girano,
incontrano universi.

Corrono gli sguardi
su paesaggi colorati.
Tremano nell’attesa
di memorie istantanee.

Corrono gli sguardi
e catturano il mondo dei sogni
abbandonato dalla realtà.

Ogni tanto uomo
fermati a pensare
e continua a guardare
con occhi nuovi.

(Danil)

Abrasioni, di Sabyr Poesia

Abrasioni

Nulla resta intatto
Nulla resta privo di contatto.
Ho sfiorato il chiodo
e assaggiato la ruggine.
Ho sentito la spina
il suo strisciare sulla pelle.
Toccarsi è inevitabile
in ogni incontro,
lo si fa sempre, anche distrattamente…
Suscettibile alla piccola ferita
provo quasi ad amarla
profondamente e veramente,
La goccia di sangue in fondo
è la sua parola di dolore
ma talvolta scottarsi e sfregarsi
cuore a cuore, corpo a corpo
è la benedizione
per scoprirsi nudi e vivi.

Sabyr

Lo Specchio In Faccia, di Paolo Caiazzo

Lo Specchio In Faccia

Mi son scontrato oggi col mio alter ego,
-che brutta l’impressione a prima vista-,
situazione che proprio non mi spiego:
“Qual terra è steril, quale di conquista”?

Annuisce soddisfatto il mio siamese
ammiccando alla mia insoddisfazione,
poi con bocca aperta, poco cortese,
mi sputa in faccia la sua osservazione:

“Un fantoccio tu sei di cartapesta
piantato al centro di una gran città,
cerone e rimmel ti ornano la testa,
tu vivi in una fiaba,io la realtà”.

Paolo Caiazzo. Maggio 2004. Tratta da “Lapis”.

FIORE PERDUTO DELL’INNOCENZA, di Andrea Nesta Marchetti

FIORE PERDUTO DELL’INNOCENZA

Fiore perduto dell’innocenza
Antico amore d’anni felici
A te va il pensiero
nei giorni dello smarrimento
Nel plumbeo cielo della memoria
Della prosperità avevi il volto
Della grazia il candore
Troppo grande per essere amore
Troppo profondo per essere conoscenza
Smarrito nelle pieghe dell’esistenza
Confuso nel gioco di parole
Vilipeso da mani pesanti
Sparisti dalla vita senza rimpianti…

Aveva un urlo negli occhi, di Sabyr Poesia

Aveva un urlo negli occhi

Un livido dentro
scurisce il cuore
e non passa.
Ma l’amore non è mai morsa.
Lei lo scoprì tardi
Un abbraccio si fece catena.
Poi divenne un pugno
Aveva un urlo negli occhi
le labbra spaccate
ormai muri rossI
alle parole vane,
quando la trovarono
sul greto del fiume
ferita come un uccellino
colpito dal cacciatore.
Le chiesero il suo nome.
Rimase in silenzio.
Eppure il dolore
ha sempre una voce.
Aveva un urlo negli occhi,

Sabyr

BASTA VIOLENZA SULLE DONNE

IL SOLE SI È SPENTO, di Ester Mastroianni

31100450_926824554143846_2330222454766567424_n

IL SOLE SI È SPENTO

… ho viaggiato sul mare
fra le onde più alte
le ho domate con la gioia
seguendo la corrente
di mille primavere

Adesso seguo le tracce
di luce, rapita dalle nubi
Ho cercato
il sapore dei giorni felici
passati con te,
e quelli vissuti
a colmare le attese

Continua a leggere “IL SOLE SI È SPENTO, di Ester Mastroianni”

SMS. L’ennesima avventura, di Maurizio Salici

L'immagine può contenere: cielo, nuvola, crepuscolo, albero, spazio all'aperto e natura
Scrivo con il cuore

SMS. L’ennesima avventura.

Osservo l’orizzonte,
attendo il nascere del sole
che spunta timidamente
da dietro una siepe,
dall’altra parte è ancora buio
e le luci nelle case della città
somigliano a quelle di un presepe.

Nasce una nuova aurora
mentre il ticchettio
del mio orologio a pendolo
scandisce il trascorrere
dei minuti e di ogni ora.

Tra il cinguettio degli uccellini,
il canto di un gallo quasi stonato,
il rumore dei motori delle macchine
che iniziano a passare per la strada,
mi accorgo che il sole
è già nato.

Continua a leggere “SMS. L’ennesima avventura, di Maurizio Salici”

SMS. La strana stagione, di Maurizio Salici

L'immagine può contenere: nuvola, cielo, spazio all'aperto e natura
Scrivo con il cuore

SMS. La strana stagione.

Cerco quasi con fatica
il calore di una stagione
a me amica;
mentre il sole
è sempre più coperto
da troppe nuvole.

Nuvole che lasciano
quasi per sbaglio
un po’ di spazio,uno spiraglio,
a un raggio di sole primaverile
mentre ci avviamo
alla fine di aprile.

La terra quasi in cerca
di quel calore
che il sole regala
con amore;
fiori che a stento
riescono a sbocciare
e piante
che non riescono a fiorire.

Continua a leggere “SMS. La strana stagione, di Maurizio Salici”

E lui va via, di Genny Iero

E lui va via

Ormai a lui non penso più
l’ho lasciato in fondo
alla sua isola lontana.
Ho chiuso lettere
e finestre su un
passato che più
non mi appartiene.
Ho cambiato i colori
alla mia anima
e messo fiori
dal profumo intenso
sulla soglia del cuore.
Ormai lui è un dolore
che svanisce
silenzioso nella notte.
Note mute che non canterò più
perché ormai ci sei tu
canzone
dei miei nuovi giorni.
Ci sono occhi
per innamorarmi ancora
i tuoi occhi stupendi
come perle
in fondo a un oceano
che sono la mia alba
e il mio tramonto
dentro un cielo
blu oltremare.
Ci sei tu vita mia
che hai cancellato
i confini del prima e del poi
per regalarmi un attimo
lungo una vita
mentre sorridendo immobile
guardo il viso dell’altro
che svanisce
dietro le cortine fumose
del tempo nel mio
lento divenire tua.. ❤️❤️..

Genny Iero