Concorso “Storie di Economia Circolare”, di Lia Tommi

II° edizione del concorso
STORIE DI ECONOMIA CIRCOLARE. Termini prorogati al 31 luglio 2019

Il video vincitore sarà proiettato durante la XXXI edizione del Trieste Film Festival
Per il secondo anno consecutivo il CDCA – Centro Documentazione Conflitti Ambientali e il Consorzio ECODOM promuovono “Storie di Economia Circolare”, un concorso per valorizzare le esperienze virtuose di economia circolare in Italia, raccontate attraverso i linguaggi di video, foto, podcast, scrittura e fumetto (si veda il Regolamento). Giornalisti, videomaker, podcaster, fotografi e disegnatori potranno consegnare le opere entro il 31 luglio 2019.

I vincitori riceveranno i seguenti premi: 4.500 euro per la categoria video, 4.000 euro per la categoria foto, 2.500 euro per la categoria radio, 2.500 euro per la categoria fumetto e 2.000 euro per la categoria scrittura *. Il video vincitore sarà proiettato durante la 31ma edizione del Trieste Film Festival, che si svolgerà dal 17 al 22 gennaio 2020.

Sei un giornalista, un videomaker, uno scrittore, un fotografo, un illustratore e vuoi raccontarci una storia di economia circolare? Hai tempo fino al 31 luglio!

SCOPRI COME PARTECIPARE
L’iscrizione è gratuita

IL CONCORSO
Il Concorso Storie di Economia Circolare è un concorso a premi dedicato al racconto di storie virtuose di economia circolare in Italia. Il concorso è rivolto a giornalisti, videomaker, fotografi, podcaster, scrittori, storyteller e, novità della seconda edizione, a fumettisti e illustratori che vogliano mettersi in gioco per raccontare attraverso video, fotografie, podcast, graphic novel e scritti una piccola grande storia di cambiamento nel mondo dell’economia del nostro Paese. Continua a leggere “Concorso “Storie di Economia Circolare”, di Lia Tommi”

La crisi di Manitalidea e dell’intero Consorzio Manital

Ivrea: La crisi di Manitalidea spa e dell’intero Consorzio Manital sta interessando migliaia di lavoratrici e lavoratori in tutto il territorio nazionale.
L’Azienda piemontese, con sede ad Ivrea, che in regione occupa non meno di 1500 persone, da tempo non è in grado di garantire gli stipendi e sta mettendo in ginocchio le già precarie condizioni economiche di migliaia di famiglie.

img1024-700_dettaglio2_Manital.jpg

LE LAVORATRICI E I LAVORATORI SONO ALL’ESASPERAZIONE L’AZIENDA CONTINUA A NON PAGARE GLI STIPENDI E NON DA GARANZIE SULLA CONTINUITA’ E SULLE SCADENZE DI PAGAMENTO.
Centinaia di appalti pubblici e privati che anche sul nostro territorio sono alla canna del gas. Anche dalle committenze, che riteniamo ugualmente responsabili, non giungono interventi a sostegno di chi lavora e che tutti i giorni garantisce servizi e prestazioni.
Aziende private come TELECOM, EQUITALIA, LOROPIANA per non parlare di importanti Enti Pubblici (INPS, INAIL, UNIVERSITA’, TRIBUNALI, GUARDIA DI FINANZA, ecc. ecc.) oltre che Enti locali (Comune di Asti, Biella, Collegno, Alpignano, Pianezza ecc. ecc.) non assumono alcuna decisione e continuano con questi comportamenti a danneggiare solamente chi lavora.
E’ ORA DI DIRE BASTA
IL DIRITTO ALLA RETRIBUZIONE NON SI TOCCA!
I PRIMI AD ESSERE DIFESI E TUTELATI DEVONO ESSERE LE LAVORATRICI E I
LAVORATORI E LE AZIENDE NON POSSONO SCARICARE LE LORO
RESPONSABILITA’ SUI PIU’ DEBOLI.
E’ necessario un impegno chiaro e definitivo sulle prospettive di tutti gli appalti.
GIOVEDI’ 11 LUGLIO 2019
ore 10:00 – IVREA
SCIOPERO E MANIFESTAZIONE REGIONALE concentramento presso la sede di Manitalidea (Via G. Di Vittorio) corteo fino alla Piazza del Municipio di Ivrea.

ARAL spa ammessa alla Procedura di Concordato Preventivo, di Lia Tommi

ARAL spa ammessa alla Procedura di Concordato Preventivo

Il Tribunale di Alessandria, con decreto emesso in data 4 luglio 2019, ha ammesso la società ARAL spa alla procedura per concordato preventivo in continuità aziendale diretta, ritenendo il piano concordatario presentato attuabile nei termini e con le modalità proposte.
L’udienza per la convocazione dei creditori ed il relativo voto è stata fissata per il prossimo 29 novembre 2019.
“A nome del Sindaco e di tutta la Giunta Comunale esprimo il mio ringraziamento ai vertici aziendali, agli advisor e a tutti i dipendenti dell’azienda che con il loro lavoro ci hanno consentito di conseguire questo risultato importante non solo per l’amministrazione comunale, ma per la tutta la cittadinanza per le ricadute che può avere – ha commentato l’assessore all’Ambiente del Comune di Alessandria, Paolo Borasio -. Ringrazio, in particolare, il presidente, Angelo Marengo, che da quando ha preso in mano la gestione della società ha attivato una serie di azioni che hanno consentito di riportare in utile i Bilanci Aziendali e di rendere completamente funzionante l’impianto di Castelceriolo con l’eliminazione dei rifiuti lì stoccati da tempo. Questa decisione del Tribunale di Alessandria conferma il grande lavoro di risanamento che abbiamo portato avanti congiuntamente e del quale siamo molto orgogliosi. Questa è una vittoria anche della nostra Amministrazione comunale che ha sempre creduto che ARAL ce la potesse fare, nonostante la grave situazione economica in cui versava, i tanti ostacoli da superare e nonostante fosse ritenuto da molti che il fallimento fosse la soluzione migliore da perseguire”.

Social Wood e la forza sociale di Coldiretti per promuovere l’economia carceraria, di Lia Tommi

Degustazione questa mattina al Mercato Coperto di via Guasco ad Alessandria
Campagna Amica e “Fuga di Sapori”, la riqualificazione urbana passa anche da qui.

A pochi giorni dalla pubblicazione del decreto che definisce i requisiti minimi per le aziende che fanno attività di agricoltura sociale, questa mattina nel Mercato Coperto di Campagna Amica è stato organizzato un esempio di collaborazione virtuoso: quello tra il carcere di Alessandria e Coldiretti.
Una partnership nata grazie al nuovo Mercato Coperto di Campagna Amica, dove gli arredi sono stati interamente realizzati da detenuti ed ex detenuti che lavorano nella Bottega Solidale SocialWood di piazza Don Soria ad Alessandria.

Nel progetto di riqualificazione urbana, partendo dalla visione di essere sempre di più forza sociale, Coldiretti e “Fuga di Sapori” hanno voluto promuovere l’economia carceraria e raccogliere fondi per progetti di pubblica utilità.
E’ stato così che accanto ai prodotti a km0 è stato possibile degustare e acquistare birra, dolci, liquori, sott’oli e manufatti interamente realizzati sia nel carcere di Alessandria che di altre parti d’Italia.

“Il nostro essere forza sociale significa anche promuovere la formazione e il lavoro interno agli Istituti di Pena di Alessandria, ma anche aprirsi a progetti che permettano di migliorare la città, proprio come sta accadendo con piazza Don Soria. – ha affermato il presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – Abbiamo creduto fortemente in SocialWood, per le sue finalità e i suoi progetti. Con questa collaborazione, il nostro obiettivo è dare la possibilità ai detenuti di ritrovare fiducia in se stessi e spinta motivazionale. Coldiretti continuerà su questo percorso perché tutto ciò che riguarda il benessere della persona è una nostra priorità”.
Non a caso, infatti, oggi è stata pubblicizzata la “Festa della Sbirra – Illegale non berla” in programma il 29 e 30 giugno davanti alla Casa Circondariale per raccogliere fondi per la riqualificazione di piazza Don Soria.
“Con la degustazione di oggi si è consolidato questo rapporto volto a creare valore sociale in città e proporre accanto ai prodotti di qualità di Campagna Amica anche quelli Made in Carcere. Molti sono gli esempi e i progetti che vedono Coldiretti impegnata a livello nazionale in questi contesti, con interventi di sostegno dentro e fuori le strutture carcerarie – ha aggiunto il direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – Da sempre lo spirito della Coldiretti è quello di stare a stretto contatto con la terra e al fianco delle persone meno fortunate. Detto questo non potevamo non accogliere con plauso questa forma di collaborazione”.
Anche questa mattina, intanto, è proseguita la raccolta firme #stopciboanonimo per estendere a livello europeo l’obbligo di indicare in etichetta l’origine degli alimenti.

IMU: approvato l’emendamento proposto da Confagricoltura, di Lia Tommi

IMU: approvato l’emendamento proposto da Confagricoltura
che equipara società IAP a persone fisiche con stessa qualifica

Confagricoltura esprime soddisfazione per l’approvazione, da parte della Camera dei deputati, dell’emendamento relativo all’applicazione delle agevolazioni IMU alle società in possesso della qualifica IAP (imprenditore agricolo professionale).
La misura – art. 16 ter del DL 34/2019, cosiddetto “Decreto crescita” approvato con voto di fiducia dai Deputati – era stata proposta e sostenuta da Confagricoltura per chiarire definitivamente la questione che aveva suscitato interpretazioni difformi da parte di diversi Comuni e di alcune sezioni regionali dell’ANCI in relazione al pagamento dell’IMU.
Con l’approvazione da parte della Camera (ora si passa al voto definitivo in Senato), i soggetti IAP societari vengono equiparati alle persone fisiche in possesso della stessa qualifica, e quindi non sono soggetti al pagamento dell’imposta.
“L’emendamento – evidenzia Luca Brondelli di Brondello, componente della Giunta dell’organizzazione degli imprenditori agricoli e presidente di Confagricoltura Alessandria – ha effetto retroattivo, poiché richiama espressamente l’interpretazione autentica della disposizione (ex art. 1 dello Statuto del contribuente) confermando quanto sempre sostenuto da Confagricoltura fin dall’entrata in vigore dell’IMU. Inoltre, questo emendamento testimonia l’opera di tutela delle imprese svolta da Confagricoltura”.

Ti piace scrivere, vuoi fare parte della redazione di Alessandria today @ Web Media Network ?

Ti piace scrivere, vuoi fare parte della redazione di Alessandria today @ Web Media Network ?

di Pier Carlo Lava

ibook

Alessandria today @ Web Media Network nasce a dicembre 2017, partendo da zero ha già raggiunto 530.000 visite con una crescita costante e continua dovuta all’impegno di tutti i numerosi Autori e Autrici che scrivono e pubblicano i loro post, che con l‘occasione ringrazio per l’impegno profuso e la qualità del livello creativo del loro lavoro.

La redazione vuole ulteriormente crescere, perciò vorrei invitare chi ne vuole fare parte e pubblicare direttamente nel blog a scrivermi in privato sul messenger di facebook (Pier Carlo Lava) oppure per mail precisando quanto segue:

Nome e cognome, num. di cellulare, indirizzo email e una breve biografia con foto.

L’invito è rivolto a tutti in particolare ai blogger, in tal senso informo che attualmente sono già molti nella redazione.

Non ci sono particolari restrizioni sui temi dei post, se non un civile rispetto dei numerosi lettori di oltre 130 paesi nel mondo.

Grazie per l’attenzione e cari saluti a tutti.

Confagricoltura e il pacchetto giovani, di Cristina Saracano

“Non discriminiamo le imprese giovanili:
i fondi ci sono, tutte meritano di essere aiutate”
Nella seduta del 27 marzo scorso la Giunta regionale del Piemonte ha deciso di destinare
15 milioni di euro al “pacchetto giovani” del Programma di Sviluppo Rurale – bando 2017 – attraverso l’impiego di risorse non utilizzate negli anni precedenti per decadimenti, rinunce
e ridimensionamenti delle domande a suo tempo presentate.
Confagricoltura Piemonte ha commentato positivamente l’iniziativa, esprimendo però
disappunto in merito al fatto che sono state ancora una volta trascurate altre imprese
condotte da under 40, le quali, legittimamente, aspirano agli stessi benefici. “Siamo
sempre contenti quando si sostengono i giovani. Vogliamo tuttavia sottolineare – dichiara
Enrico Allasia, presidente di Confagricoltura Piemonte – che ci sono altre centinaia di
aziende, altrettanto giovani, che non hanno potuto fruire del pacchetto previsto nel bando
2017. Ci riferiamo a chi ha presentato domanda per l’insediamento in agricoltura nel 2016
e che, per carenza di fondi, non ha potuto ottenere finanziamenti per la realizzazione dei
miglioramenti aziendali. Ci sono molti casi: si tratta di giovani che hanno investito a loro
rischio e a loro spese, molti dei quali indebitandosi in modo significativo. A nostro avviso
questi neo imprenditori hanno altrettanto diritto a essere finanziati e a veder riconosciuti i
loro sforzi”.
“Siamo profondamente rammaricati – commenta il presidente di Confagricoltura
Alessandria, Luca Brondelli di Brondello – che non sia così, perché anche per loro si
sarebbero dovute trovare le risorse, facendo scorrere le graduatorie. Ciò non è avvenuto
e, in qualche modo, occorrerà trovare rimedio. Confagricoltura continuerà ad adoperarsi
per evitare che si creino discriminazioni, perché tutti i giovani che hanno voglia di investire
in modo produttivo e che dedicano impegno e sacrificio ai loro progetti è giusto che
vengano aiutati”.
Alessandria, 4 aprile 2019

Lotta al caporalato: Confagricoltura Piemonte sottoscrive il Protocollo per la promozione del lavoro regolare

Con la sottoscrizione del Protocollo d’intesa per la promozione del lavoro regolare in agricoltura, avvenuta il 13 marzo in Regione Piemonte, Confagricoltura ribadisce il proprio impegno contro il lavoro nero e il caporalato nel settore primario.

Un impegno che vede attiva la Confederazione a tutti i livelli, nazionale e locale, e che acquista ulteriore rilevanza in virtù della propria rappresentanza sindacale.

Confagricoltura è infatti la prima organizzazione in Italia per la quota di giornate lavoro versate all’INPS, ovvero per numero di dipendenti nelle aziende agricole; non è un caso, infatti, che i rinnovi dei contratti di lavoro nazionali, regionali e provinciali vengano da sempre firmati nelle sedi di Confagricoltura.

Continua a leggere “Lotta al caporalato: Confagricoltura Piemonte sottoscrive il Protocollo per la promozione del lavoro regolare”

Siamo il paese delle meraviglie …

Siamo il paese delle meraviglie

di Pier Carlo Lava

L’Italia, come certificano i dati Istat è in recessione e nonostante questo ci sono molti cantieri bloccati anche dalla burocrazia… ecco un piccolo esempio…

53906735_2120161718079678_8284842573676150784_n

foto La Stampa

L’economia italiana nel quarto trimestre 2018 ha registrato una contrazione dello 0,2%. È quanto comunica l’Istat in base ai dati provvisori e si tratta del secondo trimestre consecutivo di calo dopo il -0,1% del periodo luglio-settembre.

Così l’Italia è entrata in recessione tecnica dopo cinque anni (su base tendenziale il Pil è invece aumentato dello 0,1% e la variazione acquisita per il 2019 è stimata da Istat pari a -0,2%).

fonte: https://www.ilsole24ore.com

La web tax della legge di Bilancio 2019

La web tax della legge di Bilancio 2019

La nuova web tax consiste in un’aliquota del 3% sui ricavi percepiti da determinati soggetti.

La dichiarazione dell’imposta è annuale e riguarda l’ammontare dei servizi tassabili prestati entro 4 mesi dalla chiusura del periodo d’imposta.

Schermata 2019-03-13 a 12.16.09

Il versamento dell’imposta va effettuato, invece, entro il mese successivo a ciascun trimestre.

Le disposizioni di attuazione dell’imposta sui servizi digitali sono da emanare entro 4 mesi dalla data di entrata in vigore della legge di Bilancio (1° maggio 2019). L’imposta sarà operativa dal sessantesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del citato decreto attuativo (ovvero al massimo dal 30 luglio 2019).

Soggetti interessati dalla web tax

La web tax della legge di Bilancio 2018 si applicava ai soggetti che in un anno avessero effettuatopiù di 3.000 prestazioni di servizi digitali.

Erano escluse le operazioni verso i soggetti privati,  quindi l’imposta colpiva solo le operazionibusiness to business. Continua a leggere “La web tax della legge di Bilancio 2019”

Cia e sindacato Proprietari Immobiliari: il convegno

In occasione dell’apertura del Centro Servizi Asppi (Associazione Piccoli Proprietari Immobiliari) Alessandria, presso gli uffici Cia di via Savonarola 31, si svolgerà nell’aula magna dell’IIS Nervi Fermi (spalto Borgoglio, 77 – Alessandria), lunedì 28 gennaio alle ore 14.30, un incontro dal titolo “Mettiamo prima la casa”.

L’appuntamento, aperto a tutti, è rivolto in particolare ai proprietari immobiliari, agenti immobiliari, commercianti, amministratori condominiali, fiscalisti, amministratori pubblici.

Continua a leggere “Cia e sindacato Proprietari Immobiliari: il convegno”

Confagricoltura Alessandria: preoccupazione per la peste suina

“Nei prossimi anni il numero di cinghiali in Italia ed in Europa è destinato a crescere in maniera esponenziale”. Così commenta il presidente di Confagricoltura Alessandria Luca Brondelli, riportando quanto emerge da un recente studio del gruppo del Enetwild Consortium, che gestisce per conto di EFSA un progetto per fornire dati comparabili a livello europeo al fine di analizzare il rischio di trasmissione di malattie dalla fauna selvatica al bestiame ed agli esseri umani; dati che sono essenziali anche per la gestione delle popolazioni di selvatici. Continua a leggere “Confagricoltura Alessandria: preoccupazione per la peste suina”

Riforma del Terzo Settore: sportello informativo gratuito a Casale Monferrato

A partire dal 7 febbraio, nei locali dell’Agenzia Famiglia (via Martiri di Nassiriya 8), ogni giovedì non festivo dalle 16 alle 18 sarà gratuitamente a disposizione il nuovo sportello informativo sulla recente Riforma del Terzo Settore.

L’iniziativa nasce in seguito alla richiesta avanzata dagli enti no-profit aderenti alla Consulta per il Volontariato cittadina all’Assessorato ai Servizi Sociali.

La Riforma del Terzo Settore (DLGS 117/2017 e le sue successive modifiche) è la riunificazione in un unico testo normativo delle disposizioni riguardanti tutte le associazioni, fondazioni, onlus, associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato e gli enti senza finalità lucrative che precedentemente erano regolamentate con diverse e specifiche leggi.

Per fare chiarezza sulla tematica sarà a disposizione degli enti del Monferrato casalese il dottore commercialista Alberto Riccio, membro della Consulta per il Volontariato in rappresentanza del Lions Club Casale Monferrato Host.

Per accedere allo sportello è consigliato prendere un appuntamento al numero 0142 461519 (Agenzia Famiglia dal lunedì al venerdì 10-12; 16-18).

«Siamo orgogliosi di poter mettere a disposizione del vivace tessuto di realtà volontaristiche del nostro territorio uno strumento utile a fare chiarezza su un tema complesso», spiegano Claudio Debetto, vice presidente dell’associazione EForum che gestisce l’Agenzia Famiglia, e Alberto Riccio.

«Ringrazio il dottor Riccio per la disponibilità; è raro trovare un professionista che metta gratuitamente a disposizione la sua esperienza» conclude l’assessore ai Servizi Sociali Ornella Caprioglio.

Comunicato stampa

Maria Luisa Pirrone

Dalla città dei Campionissimi parte il ciclo delle Assemblee di Zona di Confagricoltura Alessandria

Nella mattinata di giovedì 17 gennaio presso l’Ufficio Zona di Novi Ligure, in Via Pietro Isola 22, si è svolta la prima Assemblea di Zona dell’anno di Confagricoltura Alessandria.

Al tavolo dei relatori erano presenti il presidente provinciale Luca Brondelli di Brondello, il presidente della Zona di Novi Ligure Giorgio Massa, il direttore provinciale Cristina Bagnasco e il direttore di Zona di Novi Ligure Tiberio Quattordio.

Dopo l’introduzione di Massa, che ha ringraziato la struttura per l’operosità che presta quotidianamente e la base associativa per la condivisione degli argomenti e gli spunti di lavoro, vi è stato il saluto del direttore provinciale Cristina Bagnasco, alla sua prima esperienza alle assemblee zonali in questa nuova veste.

Continua a leggere “Dalla città dei Campionissimi parte il ciclo delle Assemblee di Zona di Confagricoltura Alessandria”

Crolla la produzione industriale, -2,6%. Italia come i big Ue: “Rischio recessione”

Crolla la produzione industriale, -2,6%. Italia come i big Ue: “Rischio recessione”

Istat, per il settore delle automobili negativo bilancio 11 mesi 2018, calo del 5,1%

Produzione industriale (combo)

La produzione industriale ingrana la retromarcia nei maggiori Paesi europei, pesando come un macigno sull’andamento dell’economia. Il dato italiano, che mostra a novembre 2018 un calo del 2,6% su base annua e dell’1,6% su ottobre, è solo l’ultimo dopo quelli altrettanto negativi di Germania e Francia, tanto da lasciare presagire una possibile recessione in tutta Europa. Dati negativi oggi anche in Spagna e in Gran Bretagna.

I dati italiani – Crolla a novembre 2018 la produzione nel settore auto. Secondo i dati Istat, l’indice corretto per gli effetti di calendario ha registrato un calo del 19,4% su base annuale, cioè nel confronto con novembre 2017, e dell’8,6% su base mensile, ovvero nel confronto con ottobre 2018. Il dato conferma, ma con un ulteriore peggioramento, l’andamento di ottobre, quando era stato registrato un calo tendenziale del 14%. Nella media degli 11 mesi 2018, la produzione è diminuita del 5,1%…. continua su: http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2019/01/11/crolla-la-produzione-industriale-26-a-novembre_c456215c-c8cb-40ee-b8a8-f14b519c33fa.html