L’impresa ‘digitale’ deve essere sempre più concreta. Si può fare, anche se le velocità dell’economia sono diverse

L'Impresa

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Se sei un’impresa che finalmente ha deciso di investire nella digitalizzazione, allora gli strumenti informativi ed economici messi a disposizione dalla Camera di Commercio di Alessandria sono una opportunità da cogliere. Se sei un’impresa che da anni investe nella tecnologia e nel digitale, puoi tranquillamente proseguire per conto tuo perché sei troppo avanti rispetto a quanto sta iniziando a fare il sistema pubblico.

Il ‘piano impresa 4.0’ dell’ente camerale alessandrino arriva all’inizio dell’anno, quando le aziende preparano i piani di investimenti e i contributi da intercettare attraverso uno specifico bando possono essere un buon aiuto. Dall’inizio del mese è operativo, nella sede camerale di via Vochieri 58, il ‘Punto impresa digitale’ (Pid), nato per “supportare le aziende nella loro trasformazione digitale”. Continua a leggere “L’impresa ‘digitale’ deve essere sempre più concreta. Si può fare, anche se le velocità dell’economia sono diverse”

CONDIZIONI DI VITA: CITTADINI INSODDISFATTI, NESSUN SEGNO DI PROGRESSO

istat-flash

 by Federica Ghisolfi

Purtroppo al giorno d’oggi, il tenore di vita, è aumentato, però sia le pensioni che gli stipendi, sono rimasti gli stessi, con l’avvento dell’Euro, per cui la gente è costretta a rinunciare a qualcosa.

Nei primi mesi del 2017, dopo l’evidente crescita registrata nel corrispondente periodo del 2016, la soddisfazione dei cittadini per le condizioni di vita non mostra ulteriori segni di progresso. Rispetto al 2016, si rileva una complessiva conferma delle stime sulla percezione della situazione economica di famiglie e individui. Stabile anche la soddisfazione per le relazioni familiari, le condizioni di salute e il lavoro mentre è in leggera diminuzione quella per le relazionali amicali e il tempo libero.In lieve flessione, pur mantenendosi su livelli superiori al 2015, la stima delle persone di 14 anni e più che esprimono un’alta soddisfazione per la propria vita nel complesso: dal 41% del 2016 al 39,6% del 2017.  Continua a leggere “CONDIZIONI DI VITA: CITTADINI INSODDISFATTI, NESSUN SEGNO DI PROGRESSO”

Due nuove iniziative della Giunta Comunale per il rilancio del commercio e dell’economia cittadina

due IMG_8136due IMG_8138

Alessandria: L’Assessore Comunale con deleghe alle Politiche del lavoro e sviluppo economico, Artigianato e Agricoltura, Commercio, Mercati e Marketing territoriale di Alessandria ha convocato l’odierna conferenza stampa, a seguito delle decisioni della Giunta Comunale che è entrata nel merito delle azioni per il rilancio di Alessandria, del suo centro e di tutto ciò che la caratterizza dal punto di vista economico, commerciale e imprenditoriale in senso lato.

Alla conferenza stampa erano presenti anche il Sindaco della Città di Alessandria e il Direttore Comunale competente.

Le specifiche iniziative sono state adottate con una Deliberazione di Giunta Comunale e riguardano due nuovi Regolamenti che ora passano al vaglio del Consiglio Comunale per il varo definitivo.

Si tratta, per un verso, del “Regolamento per le iniziative a favore dell’economia locale”, con un’attenzione particolare al settore del commercio (soprattutto quello di “vicinato” ubicato nel centro storico e in particolare sofferenza) e, per altro verso, del “Regolamento per le agevolazioni sui tributi locali per le imprese operanti e di nuova costituzione presenti nel territorio comunale”. Continua a leggere “Due nuove iniziative della Giunta Comunale per il rilancio del commercio e dell’economia cittadina”

Gli assegni familiari, di Maria Cannatella

reddito-famiglia-1217

di Maria Cannatella

Voglio il mio assegno familiare, di Maria Cannatella

qualcuno me lo deve pagare.

Questa storia, inizia a fare troppa baldoria.

Gente incompetente,

che dietro una scrivania non serve a niente.

Perchè anche l’ente interessato,

ha bisogno dell’orecchio avere tirato.

Per colpa di una bastarda residenza,

hanno snobbato perfino una sentenza.

Ma io voglio ciò che mi spetta,

è un mio diritto e pure in fretta.

Nessuno si degna di aiutarmi.

Questa non vuol dire una semplice filastrocca bastarda con la rima,

ma una vera e propria incazzatura di una onesta cittadina. Continua a leggere “Gli assegni familiari, di Maria Cannatella”

L’industria (quella che investe e innova) non si lamenta. E l’economia ‘è solida’

L'Indistria

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

“In questo momento, non possiamo lamentarci”. Luigi Buzzi, presidente di Confindustria Alessandria, riassume con la consueta pacatezza i risultati dell’edizione numero 173 dell’indagine congiunturale trimestrale che l’associazione di via Legnano 34 effettua attraverso una serie di interviste (questa volta il campione è stato di 106 aziende associate tra quelle manifatturiere e dei servizi alla produzione) e i cui risultati sono stati elaborati dall’Ufficio studi guidato da Giuseppe Monighini.

Risultati tutti positivi e sintetizzati dal titolo ‘Industria, economia solida’. Il 2018 si apre come si era chiuso il 2017, anzi con alcuni trend in ulteriore consolidamento all’insegna di numeri tutti preceduti dal segno ‘più’. Il dato di previsione dell’occupazione è in crescita a +14, quello della produzione è a +18, gli ordini totali a +19, sale l’indice degli ordini export a +31, e quello della redditività è a +9. Continua a leggere “L’industria (quella che investe e innova) non si lamenta. E l’economia ‘è solida’”

La sfida europea 

di Cristina Saracano

foto di Lia Tommi

Daniele Capezzone, autore di Brexit, La sfida europea, ha presentato questo pomeriggio il suo libro ad Alessandria, via Tortona 71, ospite di Libera Mente, laboratorio di idee. 

Intervistato da Fabrizio Priano, con lui nella foto, ha spiegato che se la Gran Bretagna se ne va dall’Europa, è un problema per tutta l’Europa.

In questa nazione il tempo di attesa per trovare un lavoro è di circa tre giorni, negli ultimi cinque anni si sono creati più posti occupazionali che in qualsiasi altro stato dell’Unione europea.

Bisogna essere uniti, ma non stare sotto una sola forza, perché, spiega Capezzone, facendo una simpatica similitudine,”Non tutti possono indossare lo stesso vestito, ci sono persone a cui sta largo e altre a cui sta stretto”. Questo vale anche per un’unione di stati.

Inoltra elogia l’Italia e gli italiani, sempre troppo impegnati ad autocriticarsi.

“In Italia sette persone su dieci sono proprietarie di casa e hanno piccoli risparmi in banca. In Italia ci sono piccole e medie imprese straordinarie.”

La Gran Bretagna,  sostiene inoltre, dal 2019, potrà scegliere di essere libera di uscire dall’Europa, ma di continuare a commerciare con lei.

I grossi problemi da risolvere all’interno dell’Unione, sono, secondo Capezzone: l’immigrazione clandestina e il terrorismo, per risolverli occorre essere organizzati.

Per concludere, ci ricorda che Andreotti nel 1989 non era così entusiasta della caduta del muro di Berlino, forse perché temeva una presa di posizione tedesca.

Dopo questo interessante dibattito culturale, vorrei anche spendere due parole sull’ottimo servizio di apericena a buffet che ci è stato offerto.

Perché anche il cibo è cultura.

E la cucina italiana è un’eccellenza.

DISOCCUPAZIONE 15-24ENNI AL 32,7%, IN CALO DI 1,3%

ISTAT

By Federica Ghisolfi

Siamo nel 2018, e non si dovrebbe parlare più di disoccupazione, però purtroppo non è così. I giovani d’oggi, rispetto a quelli di una volta, non sono disposti al sacrificio, e non accettano tutti i lavori, e anche perchè al giorno d’oggi vogliono lavorare, con orari agevoli, e il più possibile flessibili.

A novembre 2017 il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), è pari al 32,7%, in calo di 1,3 punti percentuali rispetto al mese precedente. Dal calcolo del tasso di disoccupazione sono per definizione esclusi i giovani inattivi, cioè coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, nella maggior parte dei casi perché impegnati negli studi, condizione prevalente in queste età. Tenendo conto anche di questi giovani inattivi, l’incidenza dei disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è invece pari all’8,6% (cioè meno di un giovane su 10 è disoccupato), in calo di 0,3 punti rispetto a ottobre. Il tasso di occupazione dei 15-24enni cresce di 0,5 punti, mentre quello di inattività cala di 0,2 punti.Guardando alle altre classi di età, il tasso di occupazione nell’ultimo mese cresce tra i 25-34enni (+0,2 punti percentuali) e gli over 50 (+0,3 punti), mentre cala tra i 35-49enni (-0,1 punti). Il tasso di disoccupazione cala tra i 25-34enni (-0,5 punti), rimane stabile tra i 35 e i 49 anni e cresce tra gli ultracinquantenni (+0,3 punti). Continua a leggere “DISOCCUPAZIONE 15-24ENNI AL 32,7%, IN CALO DI 1,3%”

Consuntivo di legislatura e prospettive future, di Maria Rita Gelsomino

consuntivo futuro R.O.S.A.@@1501201414102199

di Maria Rita Gelsomino

http://www.cittafutura.al.it

Il Presidente della Repubblica Mattarella ha sciolto le Camere e ha indetto le elezioni politiche per il 4 marzo prossimo, la legislatura sul piano politico può considerarsi conclusa anche se sul piano formale durerà fino a marzo.  In questo quinquennio si sono succeduti tre esecutivi: governo Letta (aprile 2013- febbraio 2014) governo Renzi (febbraio 2014 – dicembre 2016) governo Gentiloni dicembre 2016 attualmente in carica.

 L’economia italiana ha registrato ritmi di ripresa, anche se inferiori al resto dell’Europa, praticamente da pochi mesi. Vediamo qual è stata l’evoluzione dei più importanti indicatori in questi cinque anni. Il Pil  è aumentato globalmente, nella passata legislatura, dell’1,7%, pari a circa lo 0,3% all’anno. Ricordando che nella legislatura 2008 – 2012 era retrocesso complessivamente del 6%, possiamo affermare che nell’attuale legislatura siamo passati da una fase di recessione ad una condizione di stagnazione. Continua a leggere “Consuntivo di legislatura e prospettive future, di Maria Rita Gelsomino”

Abolizione della tassa sulla prima casa, una misura di buon senso

tassa-casa

Così commenta Matteo Renzi sulla sua pagina facebook a seguito dell’annuncio del Presidente della Repubblica francese…

Il Presidente della Repubblica francese, Macron, ha annunciato in queste ore l’abolizione della tassa sulla prima casa. Provvedimento che aiuterà soprattutto il ceto medio perché la casa di proprietà – in Francia come in Italia – è innanzitutto un bene rifugio del ceto medio. Abbassare le tasse passa anche da misure come questa. Chi ha la casa di lusso o la seconda casa paga l’Imu, chi ha la prima non più. A me sembra una misura di buon senso e apprezzo il fatto che Macron abbia messo un altro tassello riformista dopo la riforma del mercato del lavoro.

Continua a leggere “Abolizione della tassa sulla prima casa, una misura di buon senso”

Il carrello di Natale, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano

Alessandria: Sto pensando, come di solito si scrive sui social, che sono le undici del 25 dicembre 2017 e in questo quartiere periferico sono rimasto solo.

Intorno a me solo campi fangosi e incolti, silenziosi e freddi, le persone, al calduccio, le gambe sotto al tavolo per ore, i bambini rumorosi, gli anziani sonnecchianti tra piatti e posate, i cuochi esperti o improvvisati, stanchi.

E pensare che fino a ieri non mi avete dato pace, mi avete trascinato nei vostri slalom consumistici, nelle vostre corse tra il banco gastronomia e i surgelati. Continua a leggere “Il carrello di Natale, di Cristina Saracano”

Bitcoin: così i nostri computer vengono usati come minatori (a nostra insaputa)

Qello dei bitcoin è un piatto troppo ricco per passare indenne dai tentacoli dei cyber criminali. L’ascesa del valore della criptovaluta ha dato una scossa importante al mondo finanziario. Ma all’ombra di questo fenomeno inarrestabile, si muovono i pirati informatici di mezzo mondo. E quello che si sta delineando è un quadro tutto nuovo, sul fronte della cybersicurezza, con i cybercriminali meno interessati a carte di credito e dati sensibili e più golosi di un fenomeno tutto nuovo: il mining, ovvero la generazione di criptovaluta attraverso la potenza di calcolo del proprio personal computer. Il risultato, dal punto di vista dell’utente, è sorprendente: si passa dall’essere vittime all’essere complici inconsapevoli dell’attacco… continua su: Il Sole 24 ORE

Un Paese allo sbando

Un paese

da INFOSANNIO

(Emanuele Bonini per la Stampa) – In Europa l’ Italia è il Paese che ha più poveri in termini assoluti. Quasi dieci milioni e mezzo sono le persone che lungo la Penisola hanno difficoltà a tirare avanti, a pagare l’ affitto regolarmente, a poter affrontare spese impreviste o avere il riscaldamento. La classifica cambia se si guarda alle percentuali rispetto alla popolazione residente. Ci sono realtà peggiori come quella romena o bulgara, dove quasi la metà della nazione vive in condizioni di ristrettezza economica (49,7% e 47,9% rispettivamente), ma è comunque indice della fatica che ancora fanno gli italiani a uscire dalla crisi.

I dati diffusi da Eurostat nel 2016 registrano 78,5 milioni di cittadini europei in stato di «privazione sociale o materiale», vale a dire in condizioni di povertà. Una situazione migliorata da due anni a questa parte, se si considera che nel territorio dell’ Ue nel 2014 la fascia di popolazione con problemi economici contava 98,1 milioni. Continua a leggere “Un Paese allo sbando”