Natale con Chagall Chagall oltre il paesaggio

Alessandria today @ Pier Carlo Lava

Alessandria, biblioteca civica “Francesca Calvo”

‘Natale con Chagall – Oltre il Paesaggio’ è il titolo della mostra che avrà luogo a partire da venerdì 22 dicembre alle ore 18 (momento inaugurale) e che permarrà fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca civica ‘Francesca Calvo’ di Alessandria (in piazza Vittorio Veneto).

L’esposizione — che presenterà due preziosi oli del celebre autore, oltre ad una parte grafica ed una stazione multimediale di grande impatto e suggestione — vuole essere innanzitutto il dono di Natale alla città di Alessandria.

View original post 457 altre parole

Leone X: una partnership per la valorizzazione del complesso di San Francesco

Alessandria today @ Pier Carlo Lava

Alessandria:Il progetto ‘Leone X’ dell’Istituto ‘Saluzzo-Plana’ di Alessandria nasce come esempio di didattica che porta la scuola sul territorio e il territorio dentro la scuola mediante forme di apprendimento attivo e partecipato.

Il complesso cittadino dell’ex-convento e chiesa di San Francesco di via XXIV Maggio è stato scelto dalla scuola alessandrina per il triennio 2018-2020 come caso di studio e operativo, con la costruzione, l’elaborazione e implementazione di un progetto di valorizzazione, gestione e tutela.

Il progetto vede coinvolti, oltre all’IISSaluzzo-Plana’, l’Amministrazione Comunale di Alessandria, la Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo e la conferenza stampa odierna per la presentazione delle peculiarità del progetto — svoltasi nell’Aula Magna del Liceo Classico ‘Plana’ — ha visto la partecipazione del Sindaco della Città di Alessandria, prof. Gianfranco Cuttica di Revigliasco (che ha anche…

View original post 559 altre parole

“Fa’ la guerra, Lucio Sergio”, una prosa storica inedita di Danilo Laccetti

CRITICA IMPURA

Di DANILO LACCETTI

Fa’ la guerra, Lucio Sergio, falla, dai, crediti nuovo Silla, il destino ti invita. Ricchezza, potenza ovunque solleticano, corruzione guasta te come già impestato ha da tempo il bel corpo di Roma, corpo antico, di quercia; salvatore dei galantuomini, fra il popolino umiliato caporione di sfollati, falliti, carne marcita da tribunali e usurai, tu, re degli accattoni, crediti pure imitazione dei Gracchi, dio degli oppressi, e lascia a Crasso il fruscìo dei suoi denari; ti pagò l’avvocato per assolverti dalle tue ruberie in terra d’Africa, oggi ai tuoi compari lance, spade che ammonticchiano nelle cantine, adunate tra coloni e zappaterra di Fiesole e dintorni. Il pontefice Caio Gulio con l’ombra divina della sua onoratissima famiglia ti benedica; quel frenetico campagnolo, console in carica, Marco Tullio, il senato lo circonda, ospizio di serpenti, dei Catilina timidi, vili, opportunisti, inerti e balbuzienti se provocati, nel buio, covati dal silenzio…

View original post 1.385 altre parole

“Giovanni Falcone: un uomo” in scena a Modena il 6 Dicembre

CRITICA IMPURA

A cura della REDAZIONE

Giovanni Falcone: un uomo

Il vibrante spettacolo del Teatro dell’Orsa, scelto dall’Amministrazione Comunale di Novi di Modena per sensibilizzare ai temi della legalità, sarà proposto in doppia replica: la mattina per gli studenti delle scuole e la sera per tutto il pubblico. Un’occasione di irrinunciabile memoria civile, da non perdere.

«La vita del giudice ucciso dalla mafia nel 1992 nell’attentato di Capaci. La narrazione si muove sulle parole pronunciate da Falcone e dai testimoni che lo hanno conosciuto: il suo impegno, le vittorie e le sconfitte. Le mosse della “battaglia” dal palazzo di giustizia, u palazzu, contro il mostro, il carciofo, Cosa Nostra. La macchina del fango: le difficoltà, il sospetto che lo circonda e crea discredito intorno alla sua azione indomita, coraggiosa, costante. La strage di Capaci ferma lui e la sua scorta, ma non le sue idee. Falcone non è soltanto un magistrato…

View original post 297 altre parole

L’irreprensibile loquacità delle cose in “Canti di Stagione” di Alessandro Lanucara

CRITICA IMPURA

Interferenze – Il Festival di Bologna In Lettere 2017

Di SONIA CAPOROSSI * 

Nei Canti di Stagione di Alessandro Lanucara percorre l’intera struttura un filo rosso di significanza di natura eminentemente tecnica, un conduttore formale che traduce in sostanza e contenuto la materia poetica di turno: una forma, a ben vedere, tecnicamente abbastanza tradizionale, che tuttavia risulta rinnovata nell’impianto e nell’uso peculiare del poeta, fino al parossismo dell’associazionismo semantico e della libera fluenza del verso. Stiamo parlando dell’elencatio, del vibrante affastellamento delle cose alle cose e delle parole alle parole, utilizzato ad arte, nelle poesie di Lanucara, per ottenere l’effetto debordante della stratificazione delle memorie e dei ricordi di un passato quasi inteso ancestralmente come valigia dell’anima in cui (s)cambiarsi emozioni e sensazioni, attraverso sovrapposizioni immaginifiche continue, sempre ricomposte da un ordine interno di natura materica, carnacea, sanguigna e scomposte sistematicamente, a loro volta, dal crudele impatto con la dura…

View original post 562 altre parole

“Dare forma all’informe e coscienza all’incosciente”: Gianluca Garrapa intervista Sonia Caporossi su Satisfiction

CRITICA IMPURA

Di GIANLUCA GARRAPA *

 

  1. Vista: ti vedo danzare nel Sole, danzare in un sacro sorriso: cosa vede nel mondo un poeta?

Sonia: Il poeta vede nel mondo l’epifania estatica della realtà in forma d’arte. Vede una realtà aumentata, in cui ogni singolo particolare balugina come fosse il riverbero della propria autocoscienza amplificata. Vede il contenuto, che può essere oggettivamente qualsiasi cosa, trasfigurato nella compostezza disarmonica della forma neocontemporanea, che si articola nel tentativo indefesso della sperimentazione verbale, strutturale e linguistica. Vede anche, e in Erotomaculae soprattutto, la tra-dizione dell’immagine, non però come farebbe un visionario o un simbolista francese, nonostante quella lezione risulti assorbita e fatta propria; bensì come uno scavatore, un minatore del senso, un filosofo artiere che conosca bene la differenza tra l’estetismo e l’estetica e, di conseguenza, rifiuti il primo a vantaggio pieno della seconda, nel tentativo di restituire alla poesia la sua…

View original post 784 altre parole

Maurizio Manzo e il rizomatico potere della Parola – Demiurgo

CRITICA IMPURA

Maurizio Manzo, “Rizomi e altre gramigne”, Ed. Zona Contemporanea 2016

Di SONIA CAPOROSSI *

“Demiurgica la vena del mutare prospettive e destini, qualora la poesia si ponga quale dimensione di ordine liturgico”, ha scritto Gian Ruggiero Manzoni in una breve nota critica preposta a Rizomi e altre gramigne di Maurizio Manzo. Ordine liturgico e rizomatica demiurgica mi sembrano definizioni pertinenti al fare poetico di questo versificatore originale che non disdegna i riferimenti filosofici del poststrutturalismo per offrire al critico e al semplice fruitore la chiave di lettura della propria poetica, a cominciare dalla citazione tratta da Millepiani posta in calce alla propria opera: “…il rizoma connette un punto qualunque con un altro punto qualunque e ognuno dei suoi tratti non rinvia necessariamente a tratti della stessa natura, mette in gioco regimi di segni molto differenti e anche stati di non-segni. […] Un rizoma non comincia e non finisce, è sempre…

View original post 369 altre parole

«On an Odissey of self-discovery»: Il veliero capovolto di Massimo Rizza e l’archetipo del viaggiatore interiore

CRITICA IMPURA

Di SONIA CAPOROSSI *

Nell’anelito della poesia-che-osa-dire-il-suo-nome, ogni istanza figurale ritrova in un archetipo letterario la propria cartina tornasole. È il caso del veliero capovolto di Massimo Rizza, silloge che ha vinto nel 2016 il concorso Opera Prima di Poesia 2.0, tutta incentrata sul percorso immaginifico e metasemantico di una sorta di tu lirico corrispondente, se è possibile pontificare tra archetipi, a un moderno antieroe joyciano che scandisce il proprio nostos interiore riconfigurato attraverso le varie fasi di un’esistenza particolare. La materia letteraria di cui è composto l’archetipo sottintende che il veliero in questione, capovolto di senso, coli a picco verso la fine delle significanze univoche o verso una rinnovata assenza di definibilità che è contemporaneamente presenza a se stessi nel tu dialogico, «on an Odissey of self-discovery», come recita l’inno all’Ulysses dei Dead Can Dance: perché il magma incandescente che pulsa e borbotta sotto il mantello del…

View original post 381 altre parole

Concorso Noi piccoli artisti della poesia

25593606_178440272896105_1731558188_n

Tina Piccolo la Grande Poetessa Ambasciatore nel mondo per la poesia.

Lancia un’altra sfida, dopo tanti successi nel campo letterario.

Fondatrice della pagina Artisti della Poesia con Aiello Giuseppe…, insieme ad una valida direttrice pagina Agnese Nucci ed alle sue valide  collaboratrici:

Loredana Mariniello

Rachele Tortale

Presentano un evento per piccoli poeti.

Concorso Noi piccoli artisti della poesia.

Brillante operazione di Polizia, arrestato lo spacciatore e sequestrata la droga

Polizia


Personale della Polizia di Stato della Questura di Alessandria ha tratto in arresto un cittadino albanese, C.T., di 26 anni, irregolare sul territorio nazionale, disoccupato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

La Sezione Antidroga e Contrasto al Crimine Diffuso della Squadra Mobile, nel corso di un servizio svolto nei pressi del casello autostradale di Tortona ha proceduto al controllo dell’uomo, in quel momento in transito. Il nervosismo manifestato dall’uomo al controllo, ha indotto gli agenti a procedere ad una verifica dell’interno dell’abitacolo.
Infatti, durante l’attività è stato rinvenuto, sotto al cruscotto, un involucro di cellophane contenente oltre due etti di cocaina.
Continua a leggere “Brillante operazione di Polizia, arrestato lo spacciatore e sequestrata la droga”

da La Stampa: Cotton fioc, dentifrici e buste. Arriva la stretta sulla plastica

cottona-kEU-U2UebOWzupIHs3w-1024x576@LaStampa.it

Primo sì all’emendamento: scattano i divieti sui prodotti non biodegradabili E da gennaio anche i sacchetti per pane e verdura si devono poter riciclare0

http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 20/12/2017

DAVIDE LESSI TORINO

È un’offensiva su tre fronti, quella dell’Italia contro l’inquinamento dei nostri mari. Tant’è che Gian Luca Galletti parla di «uno straordinario segnale all’Europa» fatto per «rispondere con i fatti a un fenomeno allarmante, che nuoce alla biodiversità e alla qualità delle acque». Il ministro dell’Ambiente non nasconde la soddisfazione per la misura approvata ieri. Un emendamento Pd alla manovra che prevede una doppia stretta: da un lato lo stop alla commercializzazione dei cotton fioc non biodegradabili; dall’altro il divieto di utilizzare microplastiche nei cosmetici. A questi provvedimenti, se ne aggiunge un terzo, varato ad agosto ma in vigore tra pochi giorni (dal primo gennaio 2018) che inciderà sulle abitudini quotidiane degli italiani: tutte le buste – anche i sacchi leggeri e ultraleggeri utilizzati nei reparti ortofrutta, gastronomia, macelleria, pescheria e panetteria – dovranno essere biodegradabili e compostabili.   Continua a leggere “da La Stampa: Cotton fioc, dentifrici e buste. Arriva la stretta sulla plastica”

Smarrita fra le stelle, di Salvatore Ciaramella

smarrita

di Salvatore Ciaramella

Smarrita
fra le stelle,
resto arresa,
tesa e sfinita,
appesa a un’alchimia
e or passata
nel vuoto incantato,
sono muta e con me
ci sono tutte le mie
parole taciute.
Strette nel petto,
spesse, confuse,
sono così libera
sotto un cielo scuro,
la mia dolcezza
resta pavida,
davanti ad un orizzonte
poco chiaro,

Continua a leggere “Smarrita fra le stelle, di Salvatore Ciaramella”

Approvato il Bilancio preventivo 2018-2020 del Comune di Alessandria

approved_3

Alessandria: Il Consiglio Comunale di Alessandria, nella seduta di ieri sera 19 dicembre, ha approvato il Bilancio di previsione finanziario 2018-2020 e i relativi allegati, ai sensi dell’art. 151 del D. Lgs. 18 agosto 2000 e s.m.i.

«Si tratta di un Bilancio importante per molteplici ragioni — dichiarano il Sindaco della Città, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, e l’Assessore comunale alla Programmazione finanziaria e Bilancio, Cinzia Lumierae il primo motivo di soddisfazione riguarda il fatto che è stato elaborato, presentato e approvato entro il 31 dicembre di questo anno».

«Molti sono gli elementi che caratterizzano questo Bilancio — precisa l’Assessore Cinzia Lumierama permettemi di sottolineare quanto mi senta orgogliosa innanzitutto per aver conseguito un obiettivo, quello dell’approvazione entro il 31 dicembre, che mi era stato richiesto esplicitamente dal Sindaco all’atto di entrare a far parte, come Assessore, della Giunta Comunale. Si tratta di un risultato assolutamente eccezionale per la storia del Comune di Alessandria e di cui non vi è memoria, per quanto si sia fatto solo ciò che la Legge indica come “scadenza naturale” per l’approvazione dei Bilanci degli Enti Locali. Continua a leggere “Approvato il Bilancio preventivo 2018-2020 del Comune di Alessandria”

da La Stampa: Le microplastiche che avvelenano i grandi laghi italiani

Garda_monitoraggio microplastiche-kl8B-U11011558904623idC-1024x576@LaStampa.it

Una fase del monitoraggio di Goletta dei Laghi 2017 sul Garda. Sono stati quasi 50 i chilometri percorsi dalla manta utilizzata dai ricercatori di Legambiente

I risultati dell’indagine di Legambiente ed Enea: Como, Maggiore e Bracciano sono i più inquinati

http://www.lastampa.it/4 Pubblicato il 20/12/2017

GABRIELE MARTINI TORINO

Finora era considerata il nemico numero uno di mari e oceani. Ma la plastica sta diventando una piaga anche per i grandi laghi e i fiumi. A svelare la (crescente) presenza di microparticelle di materiali ottenuti dalla lavorazione del petrolio nei bacini lacustri italiani sono i dati di Goletta dei Laghi 2017, la campagna di Legambiente realizzata in collaborazione con Enea che monitora lo stato di salute delle acque dolci della Penisola.  

Il problema si annida nelle molecole: la plastica non si degrada mai completamente nell’ambiente. Piuttosto si decompone in frammenti sempre più piccoli, ma molto pericolosi perché vengono ingeriti dai pesci entrando così nella catena alimentare. È una forma d’inquinamento subdola: non si vede a occhio nudo, ma l’analisi al microscopio fornisce risultati preoccupanti. Anche se non siamo ai livelli del «plastic vortex», la gigantesca isola di rifiuti galleggianti formatasi nell’Oceano Pacifico, la presenza di plastica sotto forma di microparticelle rappresenta un minaccia concreta per i nostri laghi.  Continua a leggere “da La Stampa: Le microplastiche che avvelenano i grandi laghi italiani”