Fare affari con il web

La nuova frontiera del marketing è la rete, ecco il successo per le vostre aziende. Come testimoniano tutte le più recenti ricerche, sono ormai milioni le piccole e medie imprese che in tutto il mondo investono nel web marketing,  utilizzando sempre di più i device mobile, come smartphone e tablet, che coinvolgono oltre il 35% della popolazione mondiale. L’Italia dimostra una grande attitudine verso la tecnologia mobile: 158% di penetrazione, conquistando il primato assoluto tra i Paesi della Comunità Europea. Un recente studio, promosso dall’American Chamber of Commerce in Italy, con il contributo scientifico e analitico di McKinsey & Company, ha evidenziato come le aziende con una forte presenza nel mondo digitale siano cresciute a una velocità più che doppia rispetto alle altre. L’Istat ha analizzato che le aziende che investono nel web, hanno avuto un aumento della produttività del 7% fino al 23% con un incremento per addetto di 4.900  euro. Così come, secondo una ricerca di IAB Italia del 2012, le aziende italiane che investono nel digitale crescono in termini di vendite, con il 5,7% di incremento rispetto a quelle che non investono.

Questo è lo spazio che il nostro giornale online mette a disposizione di enti e aziende pubbliche e private che vogliono promuovere i loro prodotti, eventi, servizi, e tutto ciò che si vuole mettere a conoscenza del grande pubblico. Uno spazio illimitato da arricchire attraverso approfondimenti scritti e immagini, per poter raggiungere un numero di visualizzazioni “infinite” oltre che, da molteplici locazioni geografiche (non solo dall’Italia, ma anche dall’estero).

Per informazioni non esitate a contattarci all’indirizzo email: commerciale@lospiffero.com

da: http://www.lospiffero.com/

Gavi (AL), la Chiesa parrocchiale di San Giacomo

Storie di Territori

Ieri, c’era la possibilità di visitare, grazie ad una guida, la chiesa parrocchiale di San Giacomo in Gavi. Paola Carrea, questo il nome della guida, mi ha illustrato la chiesa dal punto di vista storico ed architettonico. Ed io ne ho approfittato per scattare qualche foto.

L’interno dell’edificio, fortemente modificato in periodo barocco, e’ scandito da tre navate e al termine di ognuna si apre un’abside semicircolare, le colonne sono monolitiche con capitelli lavorati a sbalzo raffiguranti mostri, figure antropomorfe e animali.

San Giacomo Gavi 2

Molte opere d’arte si trovano all’interno della Chiesa tra le quali: l’affresco tardomedievale di ‘San Sebastiano e San Rocco’ , l’affresco del ‘Battesimo di Gesu’ del XVII secolo, l’affresco trecentesco della ‘Madonna della Misericordia’, la statua marmorea della ‘Vergine’ opera del 1764 di Carlo Cacciari, contornata dai dipinti su rame dei ‘Misteri’, l’imponente cassa processionale dell”Assunta’ scolpita in legno nel 1854 da Luigi Montecucco, il dipinto del ‘Battesimo…

View original post 223 altre parole

Gavi, l’Oratorio dei Bianchi

Storie di Territori

Oratorio Bianchi 1

La congregazione dei Bianchi in Gavi è intitolata ai SS. Giacomo e Filippo (anno 1399). E’ il più antico tra gli Oratori. I capitoli della sua Confraternita, composti nel 1723 e confermati nel 1736, ne affermano l’origine antichissima che, per tradizione, risale a 400 anni prima dei capitoli. Nel 1585 fu visitata da Mons. Bossio, Vescovo di Novara, il quale volle controllarne la vera entità dopo il Concilio di Trento.

Oratorio Bianchi 2Oratorio Bianchi 4oratorio-bianchi-3.jpg

Nel 1725 la congregazione si unì all’Arciconfraternita di Morte et Oratione di Roma.
Da quel momento i Confratelli cominciarono ad alternare la cappa bianca con quella nera, quest’ultima usata per l’accompagnamento dei defunti, dando così inizio alla suggestiva tradizione delle donne vestite di nero che seguono velate la Processione Eucaristica dell’Ottava del CORPUS DOMINI. I compiti della Confraternita erano la sepoltura dei defunti meno abbienti e dei prigionieri del Forte, la gestione dell’Ospedale, che dava ospitalità ai più disagiati, e…

View original post 414 altre parole

Non sono scomparsa…almeno credo.

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

Trovo inutile iniziare questo post con me che metto nero su bianco le solite scuse con l’intento di giustificare, per l’ennesima volta, il mio essere sparita da questo spazio. Non sono una persona costante, ve ne sarete accorti più e più volte: probabailmente chi stava seguendo i post delle mie vacanze estive avrà pensato che un bell’americano mi abbia rapito nel bel mezzo della mia avventura [promettoche prima o poi vi racconterò come è andata la mia seconda settimana in U.S.A.], chi si era abituato ai post del Salotto di Angelavrà pensato che mi avranno rubato il divano e le scorte di pasticcini che adoravo offrirvi ogni volta e chi si era rassegnato ai miei post lagnosi avrà tirati un sospiro di sollievo.

WordPress dice che sono passati 23 giorni dal mio ultimo post, a me sembra un’eternità che non entro qui dentro, che non metto nero su…

View original post 340 altre parole

SOLO PER TE (SONETTO) – SILVIA COZZI

solo per te

di SILVIA COZZI

Solo per te scrivo la mia canzone

prima che il più bel sogno fugga via.

Sul pentagramma note d’emozione,

seguono il ritmo della fantasia.

E prende corpo l’immaginazione

nelle parole di una melodia,

che mette ordine alla confusione

nei versi sciolti della mia poesia.

Mentre la sera piano ci accarezza

e il sole rosso all’orizzonte muore,

di me e di te rimane la certezza

di un sentimento chiuso in fondo al cuore

che sfida il tempo con la tenerezza

di un resistente e delicato fiore.

SC

“A UNA MADRE” DI SONIA CAPOROSSI, da Poetarum Silva

da Poetarum Silva

Tramonto in versi di un iconoclasta
Quando l’astro dell’estro muore nell’ombra
Del suo prosastico baluginare
Io mi rispecchio in te
Frammento affabile infranto
Di immagini anamorfiche
A cui rassomigliare
Io mi rifletto in te
Lo specchio spocchioso che spacco
Ogni giorno ed ogni sera
Per non rassomigliarti più.

Alba in versi di un valentiniano
Quando il maglio del mostro sorge nell’ombra
Dal mio poetico pinnacolare
Nel plasma sanguigno di un fitto dolore
Io mi ritrovo in te
Amica che ammara al riflusso dell’onda
Di un cieco vagare per mari d’intesa
Nel bieco pleroma dei miei troppi Dei
Passati di moda, diversi dai tuoi
Gli stessi che invoco ogni giorno ed ogni sera
Per non ritrovarti più.
Continua a leggere ““A UNA MADRE” DI SONIA CAPOROSSI, da Poetarum Silva”

Il vulcano, di Maria Cannatella

eruzione-etna-vulcano

di Maria Cannatella

Un vulcano da anni spento,

si era svegliato in un solo momento.

Che paura abbiamo avuto,

un gran botto in un minuto.

Quel vulcano un poco strano,

ha fatto uno scoppio in un secondo nano.

La sua lava incandescente,

ha spaventato la povera gente.

Il fumo alto nel cielo,

lo ha fatto apparire ancora più nero. Continua a leggere “Il vulcano, di Maria Cannatella”

Al Museo della Gambarina, “I filmati di Natale con le statue del Presepe del Museo”.

Museo della Gambarina

Alessandria: Il Museo “Gambarina” vi aspetta il 6 gennaio alle ore 16.30 presentando “I filmati di Natale con le statue del Presepe del Museo”.

Museo della Gambarina Alessandria

Elena Garneri

Mentana: “Nel giornalismo non si assumono i giovani perché i vecchi non se ne vanno”. E tu, direttore?

mentana

da GIORGIO LEVI

Leggo su Huffington Post e riporto. Aggiungo soltanto che Mentana aveva detto più o meno le stesse cose qui a Torino una quindicina di giorni fa. Ma i vecchi chi sono? E tu direttore come ti collochi? Giovane o anziano?

Una domanda tipica per chiunque voglia intraprendere una carriera nel mondo del giornalismo: “Quale può essere una soluzione per il futuro per un giovane che vuole fare il giornalista?”. La risposta del Direttore del Tg La7, Enrico Mentana, all’università di Firenze per un’iniziativa sul giornalismo al tempo del web, è secca: “Un piano B è una cosa importante”. Continua a leggere “Mentana: “Nel giornalismo non si assumono i giovani perché i vecchi non se ne vanno”. E tu, direttore?”

Tutorial: Settimana di Natale!, di aven90

Tutorial

di aven90

Ebbene, oggi parte la settimana che ci porterà dritti dritti a Natale, la festa preferita da grandi e piccini!

Con l’articolo di oggi, voglio spiegarvi come si passa il tempo prima che arrivi questo lieto evento.

Lunedì: cioè oggi. Oggi leggete l’articolo di Aven, mettete like, lo commentate e lo condividete. Poi andate a comprare i regali per tutti. E vi prego non calzini.

Martedì: cioè domani. Leggete l’articolo di Aven, mettete like, lo commentate e lo condividete. Dopodiché, se non lo avete fatto, metterete le lucine divertenti per tutta casa, che poi il primo bambino o animale domestico di turno si divertirà a distruggere. Continua a leggere “Tutorial: Settimana di Natale!, di aven90”

La forza del destino, di Antonio De Simone

La forza.jpg

di Antonio De Simone

Lì sulla strada
del destino
apparteniamo
alla vita
con la forza
che anima
il mondo
che batte
ancora e sempre
nel cuore.

Antonio De Simone

Eng_The power of destiny
There on the road
of destiny
We belong to life
by force
that soul
the world
that beats
still and always
in the heart.

https://antodesimone.wordpress.com

Giù il cappello. L’ombra del fallimento della Borsalino si allunga su Alessandria

unnamed

di Enrico Sozzetti

Alessandria: La Borsalino ha visto respingere la seconda richiesta di concordato preventivo, aprendo le porte alla procedura fallimentare. L’industria che va bene, che produce, che cresce di fatturato (la stima per il 2017 è di diciassette milioni), che investe però non basta a fare dimenticare, e superare, le “ragioni tecniche e legali che nulla hanno a che fare con l’attività gestionale dell’azienda” che sono alla base (le parole sono della società Haeres Equita) della decisione del tribunale. Insomma, si fallisce per ragioni tecniche e finanziarie non legate all’attuale gestione, a dimostrazione che scrollarsi di dosso un pesante passato a volte è impossibile.

La Borsalino, storica impresa di Alessandria che ha portato il cappello in tutto il mondo, dopo essere stata salvata quasi all’ultimo momento da Philippe Camperio, imprenditore italo-svizzero sbarcato nel capoluogo con la Haeres Equita (sede legale a Valenza nello studio del commercialista Carlo Frascarolo) che è sceso in campo circa due anni impegnando risorse milionarie e affittando il ramo di azienda fino alla fine di giugno, adesso è sull’orlo del burrone più che mai. In attesa di conoscere le motivazioni del tribunale, stanno però prendendo corpo interrogativi sui quali non si è soffermato quasi nessuno. Continua a leggere “Giù il cappello. L’ombra del fallimento della Borsalino si allunga su Alessandria”

Torino riparta dall’auto intelligente

da: http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 18/12/2017

CARLO RATTI*

«Fiat Strada – handbuilt by robots». Terminava così un bellissimo spot pubblicitario della Fiat Ritmo (ribattezzata Fiat Strada in Gran Bretagna) che alla fine degli Anni Settanta movimentava le televisioni del Regno Unito. Assemblate da bracci meccanici sulle incalzanti note delle Nozze di Figaro di Mozart, le Ritmo danzavano da sole sulla pista del Lingotto di Torino, come animate da vita propria, vere e proprie auto senza guidatore ante litteram.  

Torino come capitale dell’automobile irrompeva non solo negli spot pubblicitari ma anche nelle pellicole cinematografiche: indelebili nella memoria collettiva le immagini di «The Italian Job»(1969), con i ladri che sfrecciano in Mini per le strade e i monumenti del capoluogo sabaudo, restituendo l’idea di una Torino «smart» e all’avanguardia.   Continua a leggere “Torino riparta dall’auto intelligente”