” Qualcosa accadde “, di Grazia Torriglia

qualcosa

di Grazia Torriglia

” Qualcosa accadde “

Ti ho scritto
tanto
e tanto ….
non mi vedevi…
non mi volevi..poi,,,,
qualcosa accadde,,,

forse la mente
si è voltata a guardarmi
e ha visto
la mia passione…
l ha sentita
ed ha voluto prenderla .

Io .
felice
ho visto tremare le stelle
e sbiancare la luna..
anch essa
sorpresa di tanto …..
stupore .

Grazia Torriglia

“S. Silvestro”, di Rina Sarcone

san silcestro

di Rina Sarcone

“S. Silvestro”

Questa notte di S. Silvestro
si ripete dai tempi
della memoria
dove con gli occhi
si sogna un anno
che porta via le ceneri
di fatiche e sudore
e tra le emozioni
lacrime di speranza
per un anno che verrà
Nella mente progetti
d’amore e palpiti nuovi
per una felicità da troppo
tempo sospirata in un
brindisi di bollicine
tra fuochi d’artificio
per ritrovare fiumi
di carezze nelle acque
della rinascita e bagnare
l’anima innocente nella
solitudine vagante…

Rina S.

PERCHE, di Luigi Meloni

PERCHE

di Luigi Meloni

PERCHE

Perche’ mi dilagni l anima,
perche soffi nel mio respiro
come un alito di vento, facendoti
vedere, poi mi parli mentre
svanisci dalla mia vista, dalle
cose che sento provo, immagino.

Sei cambiata quando le nostre
punte si toccavano, calde e pure,
eri la stella del mattino, il
bacio che tanto volevi, tra i
fiori freschi benedetti dal
mattino.

Ora che mi sento oppresso da questa
via che sto intraprendendo, legato dal
tempo,dellla consolazione di donare
mi ha girato sottosopra.

Continua a leggere “PERCHE, di Luigi Meloni”

Il tributo di sangue della tragedia di Capodanno

Guerra di Capodanno, senza controllo non c’è Ordinanza che tenga

Il tributo di sangue della tragedia di Capodanno

di Pier Carlo Lava

Anche quest’anno la guerra di Capodanno ha registrato un tributo di sangue e dopo anni di calo i dati sono nuovamente tornati a crescere. In tutta Italia ci sono stati 212 feriti di cui 36 gravi, con il coinvolgimento di 50 minorenni. Questi numeri, qualora c’e ne fosse stato bisogno, confermano per l’ennesima volta che quando si maneggia la polvere da sparo non ci sono garanzie di sicurezza che tengano, pertanto come si fa ad affermare come sostengono alcuni, che le Ordinanze comunali sui botti sono illegittime?. Se anche fosse… non credo che qualche attimo di piacere per gli occhi valga il rischio di essere menomati per la vita o anche peggio.

Inoltra si deve altresì considerare che sia gli animali domestici che quelli selvatici, dopo i primi botti cercano di fuggire come impazziti e in taluni casi abbaiano furiosamente, con un evidente segno di sofferenza e il rischio di traumi che in seguito possono incidere sui loro comportamenti, creando problemi alle famiglie. Continua a leggere “Il tributo di sangue della tragedia di Capodanno”

Presentazione del libro “Gigli a colazione”, di Gianfranco Isetta

di Lia Tommi,  Alessandria

La raccolta di poesie verrà presentata il 13 gennaio 2018, alle ore 17,30, presso la Libreria Mondadori di Alessandria. 

L’autore dialogherà con Mauro Ferrari e Cristina Saracano. 

Letture a cura di Lia Tommi. 

La casa della luna, di Annalena Cimino

La casa

di Annalena Cimino

di Annalena Cimino

La casa della luna

La mia casa è dove nasce la luna,

fiera, silente illumina il mio cammino

tra le fronde inermi e le sagome scure

d’una notte d’inverno.

Non ho paura del silenzio,

né del suo sguardo,

riuscirò a raggiungerla

prima che scendano le tenebre.

Nella quiete veglierà il mio sonno,

consolerà le mie lacrime,

dove nasce e muore,

lì c’è la mia vita.

Annalena Cimino – 27 dicembre 2016

SUL CIGLIO DEI PENSIERI, di Carmen Fogli

SUL CIGLIO DEI PENSIERI

di Carmen Fogli

SUL CIGLIO DEI PENSIERI

Apposta mi sono seduta
sul ciglio dei tuoi pensieri
altrove non potrei stare
anima in pena sarei

essi sono emozionali
mi cullano la malinconia
mi esaltano quando non lo sono
mi trasformano in riso e pianto

mi trattengono tra le maglie
di una rete prigioniera
dove non voglio liberarmi
perché mi ci addormento la sera.
fc.

LA GATTA, di Angela Scotti

13231227_567438563416588_1867888926_n

di Angela Scotti

Sinuosa e fà le fusa

e nella sua solennità

è Sua Maestà

_ la gatta _

dal passo felpato

elegante e bellissima

come una dea 

fu venerata

simbolo religioso

ed oggetto di culto

di maternità

di vita e fecondità, Continua a leggere “LA GATTA, di Angela Scotti”

GENNAIO, di Roberto Busembai

GENNAIO

di Roberto Busembai

GENNAIO

Disteso sopra un letto bianco,
del gelo e delle nebbie
si copre ogni tanto,
lascia talvolta crescere
sul lontano crinale di collina
uno spiraglio di sole
talvolta la mattina,
nuvola spesso e
pure pioggia tanto,
facendo dei prati senz’erbe
un mare di fango,
porta via con l’ultima festa
dell’Epifania,
il riso e la gioia
per donare solo titubanza,
lui che dell’anno è il principe
nascituro e
come tale impazza senza
donare niente.
Gennaio è il mese
che pone sempre
le basi per un anno da scoprire,
e le pone gelando sulle strade
o facendo cadere piogge fredde
sulle giornate grigie
di un inverno che
non è ancora alle strette.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine by Aaron Burden from Unsplash

Riprendi un cuore, di Antonio Scarito

Riprendi un cuore

di Antonio Scarito

Riprendi un cuore
se vuoi amarlo,
fagli sentire
che è importante,
guarda con occhi
quel sul corpo e
dille sempre che
per lui ardi.
Dalle carezze,
non risparmiale,
a volte baci,
senza fermati ,
colora tutto
con parole dolci e
abbracciala per
pur sentir se
i vostri cuori
insieme battono

Continua a leggere “Riprendi un cuore, di Antonio Scarito”

Che notte… questa notte !!!, di Milena M.

Che notte

di Milena M.

Stai russando come un treno

non riesco a dormire e, vorrei tanto fuggire,

schiavizzata al dovere, sottomessa al tuo potere.

Ma che vita è questa qua?

prendi, posa, porta là !!!

son le due e russi ancora

che ti faccio per zittirti?

Prego Iddio, non mi ascolta

e vai avanti con questa solfa!!!

Oh, oh, mio Dio che concerto, 

da trombone ora sei violino,

forse sente anche il vicino!!!

E’ passata un’altra ora

e tu purtroppo russi ancora,

mi vien voglia di soffocarti,

forse è meglio strangolarti…

ci ripenso e ti do un bacio, 

per un attimo ha funzionato. Continua a leggere “Che notte… questa notte !!!, di Milena M.”

“Ero straniero”: 90mila firme per far vincere l’umanità

EroStranieroDi Rosmina Raiteri, Ics Onlus

A fine ottobre si è conclusa la raccolta firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare “Ero straniero. L’umanità che fa bene” per il superamento della Bossi Fini. Il risultato non è stato per nulla scontato: sono state consegnate alla Camera dei Deputati 90.000 firme, mentre ne sarebbero bastate 50.000. È stata la conferma di uno straordinario successo di partecipazione che il legislatore non potrà ignorare.

La portata politica dell’iniziativa richiedeva e richiede di tenere ben alta l’attenzione sul problema e di estendere la partecipazione anche alle persone straniere  impossibilitate a firmare in quanto prive della cittadinanza italiana.

Continua a leggere ““Ero straniero”: 90mila firme per far vincere l’umanità”

Taci e baciami, di Savino Calabrese

Taci e baciami,

di Savino Calabrese

Taci e baciami, voltati e
accarezzami, tu non
hai idea di quanto
sei bella, io ti amo e
tutto il resto é menzogna,
tu sei la mia unica poesia,
io di te mi nutro, poggia
la tua testa sul mio
petto e ti copriro’con
con il mio respiro.
Poi bacero’ con
dolcezza il tuo
petto di stelle.

Savino calabrese.
Il tuo petto di stelle.

Malinconica estate

Cantiere poesia

Mesto colle di ginestre d’oro
abbracci il golfo prospicente il mare,
Falesie giocano con far sonoro,
e gioiosi flutti si fan baciare.
Sfiori le spighe dorate di sole
profumo e aroma di pane sognato,
son come topazi le esili viole,
carezzi con mano il piccolo prato.
Eppur serbavi in cuore un’aria schiva
ed i tuoi occhi un’aria misteriosa,
i pensieri seguivano la riva,
il corpo immerso in quella luce rosa.
Il tramonto t’incoronava dea
nuda di sole all’ombra della sera,
come la luna accoglie la marea.
nel dolce canto della capinera.
Rifioriranno i rami di mimosa
donerà l’ombra il tiglio profumato,
la farfalla volteggerà curiosa,
a ricordar le gioie del passato.

Raffaele Saba

View original post