Giornata mondiale per la lotta al tumore al pancreas: anche Novi e Arquata si vestono di luce viola e di speranza

Di Maria Luisa Pirrone

Ci sono anche Novi Ligure e Arquata Scrivia tra le città italiane che giovedì 15 novembre, Giornata Mondiale per la lotta al tumore al Pancreas, illumineranno di viola edifici, monumenti, piazze e altri luoghi rappresentativi al fine di creare consapevolezza sulle neoplasie pancreatiche e richiedere alle istituzioni di impegnarsi a diffondere informazioni e campagne di prevenzione.

Continua a leggere “Giornata mondiale per la lotta al tumore al pancreas: anche Novi e Arquata si vestono di luce viola e di speranza”

Alessandrini al lavoro per Emergency: incontro alla Casa di Quartiere, di Maria Luisa Pirrone

 

Di Maria Luisa Pirrone

“Alessandrini al lavoro per Emergency”: è questo il titolo dell’incontro che Emergency Alessandria ha organizzato per giovedì 29 novembre alle 21 presso la Casa di Quartiere in via Verona 116.

Saranno ospiti alcuni professionisti dell’Ospedale Civile di Alessandria che racconteranno la loro esperienza con Emergency: dal centro di cardiochirurgia di Khartoum in SudanMassimo Serra, cardiochirurgo, e Emanuela Desogus, perfusionista; dal centro chirurgico per le vittime guerra di Kabul in AfghanistanAlice Ghiani, infermiera.

Dove e Come Mi Curo, Alessandria. Protesi anca: SS. Antonio e Biagio 4° in Piemonte per n° interventi

Dove e Come Mi Curo, Alessandria. Protesi anca: SS. Antonio e Biagio 4° in Piemonte per n° interventi

www.doveecomemicuro.it, portale di public reporting delle strutture sanitarie italiane, ha realizzato un’indagine sugli ospedali più performanti per volume d’interventi per frattura del collo del femore e per tempestività dell’operazione (fondamentale per il buon esito e per la sopravvivenza del paziente). Nel comunicato stampa riportiamo, oltre ai dati relativi alla frattura del collo del femore, anche le classifiche regionali (e nazionali in un allegato a parte) dei 5 ospedali ai primi posti per numero di interventi per protesi d’ancaprotesi di ginocchio e protesi di spalla. Inoltre, le percentuali dei residenti che scelgono di farsi operare nella propria Regione (fonte dati: PNE 2017).

Schermata 2018-10-29 a 17.17.47

Quanto alle fratture del collo del femore – raddoppiate in Europa in 50 anni – evidenziamo che solamente poco più di un terzo degli ospedali italiani accreditati (37%) rispetta gli standard minimi per volume e per percentuale d’interventi eseguiti entro 48 ore dal ricovero.

C’è, però, un dato positivo: migliora la tempestività dell’operazione sugli over 65. Le strutture che eseguono almeno il 60% delle operazioni entro 48 ore dal ricovero sono passate, infatti, dal 31% nel 2010 al 58% nel 2016.

Francesco Traina, Direttore della Struttura Complessa di Ortopedia e Chirurgia Protesica dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, dice in un’intervista (che alleghiamo) che l’obiettivo è arrivare al 100% e che gli studi invitano a intervenire addirittura entro 24 ore. Spiega, poi, quale prevenzione è possibile contro l’osteoporosi – prima causa delle fratture del collo del femore – fin dall’infanzia e a quali controlli sottoporsi se si rientra nella fascia di rischio di sviluppare la malattia (che, nel nostro Paese, colpisce 1 donna su 3 e 1 uomo su 5). Continua a leggere “Dove e Come Mi Curo, Alessandria. Protesi anca: SS. Antonio e Biagio 4° in Piemonte per n° interventi”

“Quel che il corpo racconta”: un convegno in Alessandria sul rapporto mente-corpo

di Maria Luisa Pirrone

Alessandria: Il 19 e 20 ottobre presso il Liceo Scientifico G. Galilei di Alessandria si svolgerà il convegno dal titolo “Quel che il corpo racconta”, organizzato dall’associazione Alboran.

L’associazione, attiva sul territorio alessandrino dal 2005, è composta da psicoterapeuti ad orientamento psicodinamico individuale e di gruppo, con la specificità dell’utilizzo dello psicodramma analitico.

Il convegno, incentrato sulla comunicazione attraverso il corpo, è un evento formativo rivolto a medici, psicologi, insegnanti, educatori professionali, assistenti sociali, infermieri, operatori della riabilitazione. Vedrà la partecipazione di specialisti di rilievo nazionale in campo psicologico e medico e tratterà la complessa tematica della relazione mente-corpo, di come l’una sia portatrice di comunicazioni dell’altro, con un approccio trasversale attraverso tutto l’arco di vita.

L’interesse primario del convegno è quello di promuovere il dialogo e il confronto tra professionisti che si occupano, a livello diverso, del complesso rapporto dialogico mente – corpo durante le varie fasi della vita.

Si porrà l’attenzione a cosa accade quando l’emotività traumatica rimane incistata nel processo primario, quando il corpo è rappresentato da un indistinto “psicosomatico”. Si indagherà se e in che termini i sintomi possano essere considerati rudimentali racconti di una sofferenza che il corpo narra e ripete alla ricerca di qualcuno che se ne prenda cura.

Si analizzerà il significato celato dietro l’uso del corpo da parte delle giovani generazioni, sempre più strumento di comunicazione ambigua attraverso segni indelebili impressi sulla pelle, oggetti metallici che la attraversano, pasticche che trasformano le percezioni, privazioni alimentari inaudite.

E ancora, sarà esplorato il posto che occupa il corpo nell’era digitale, dove la “rete” sembra mediare tutte le relazioni e relegare il corpo alle sue funzioni vitali di base.

Per ulteriori informazioni si può contattare il numero 339-5993055 o visitare il sito http://www.alboranpsicoterapia.com.

Di seguito i relatori, tutte le informazioni per l’iscrizione e il programma delle giornate:

FISIOTERAPIA PER TUTTI, di Marco Tallone, fisioterapista

FISIOTERAPIA PER TUTTI, di Marco Tallone, fisioterapista

LA SPINA CALCANEALE

Parliamo in questa rubrica della ‘spina calcaneale ‘. La spina è una calcificazione a livello dell’osso del calcagno che forma una specie di sovraosso il quale crea infiammazione ai tessuti del tallone. La spina letteralmente punge il tessuto sottostante infiammandolo e creando a lungo andare un grande dolore e disagio.

fisio foto tallone

La patologia della spina calcaneale si forma lungo tantissimi anni ma da’ sintomi solo dopo un po’di tempo,  le cause sono dovute principalmente alle attivita’ della vita come stare in piedi per molto tempo nella giornata, infatti è frequente in parrucchiere, operai, impiegati, addetti alle vendite e operatori sanitari.

In realtà quello che causa la formazione della spina è una membrana fibrosa che copre tutta la pianta del piede e la protegge nell’appoggio e nel cammino che si chiama fascia plantare.

A lungo andare, a forza di subire questi sovraccarichi, la fascia plantare si irrigidisce e forma nella sua inserzione a livello del tallone-calcagno questa calcificazione detta spina calcaneale.  Si comporta cioè come qualsiasi altro tendine del corpo, che subendo un sovraccarico, dapprima si infiamma poi col passare del tempo, se il vizio continua, forma una calcificazione nel tentativo di bloccare e proteggere il tendine sovrasollecitato. Continua a leggere “FISIOTERAPIA PER TUTTI, di Marco Tallone, fisioterapista”

Va in pensione il Pap Test, ora le donne faranno il Test Hpv

Va in pensione il Pap Test, ora le donne faranno il Test Hpv

Una novità che gradualmente riguarderà tutta Italia per lo screening sul virus del Papilloma Virus Humano, responsabile del tumore al collo dell’utero
Ansa

Blood cells and Papilloma Virus in the vein

ILEXX VIA GETTY IMAGES

https://www.huffingtonpost.it

Dopo oltre 70 anni, l’utilizzo del Pap Test come primo screening per individuare lesioni precancerose al collo dell’utero sta lasciando il posto al Test Hpv, un esame ancora poco noto e in grado di individuare in modo molto precoce la presenza del Papilloma Virus Humano. Già realtà in 6 regioni italiane del Centro Nord, l’utilizzo del Test Hpv dovrebbe andare a regime entro il 2020 a livello nazionale, mentre il Pap Test resta consigliato in seconda battuta, per approfondire eventuali casi di positività.

L’Hpv o papilloma virus è molto diffuso nella popolazione, si trasmette per via sessuale e la maggior parte delle persone ne è portatrice senza saperlo. Alcuni tipi di HPV possono portare all’insorgenza del tumore del collo dell’utero e il nuovo test è in grado di individuarne la presenza prima ancora che si presentino modificazioni visibili al Pap test. Ma si effettua nello stesso modo di quest’ultimo, ovvero tramite prelievo di un campione di cellule dalla cervice uterina. Secondo il Piano Nazionale Prevenzione 2014-18 del Ministero della Salute, entro il 2018 tutte le regioni avrebbero dovuto prevedere il Test Hpv come screening primario per donne tra 30 e 64 anni. Continua a leggere “Va in pensione il Pap Test, ora le donne faranno il Test Hpv”

D.O.C. in concerto a Cantalupo Ligure in favore di AIL: la buona musica che aiuta

Di Maria Luisa Pirrone

Sabato 11 agosto alle 21,15 a Cantalupo Ligure si potrà assistere a un bel connubio tra musica e solidarietà con i D.O.C. (Direzione Ostinata e Contraria), che presenteranno “E qualcosa rimane…”, concerto con le più belle canzoni degli ultimi 50 anni, da De André ai Pink Floyd, dai Nomadi e la P.F.M. a Battisti, da De Gregori a Fossati e tanti altri.

L’evento è collegato alla terza edizione del Valborberatrail-Memorial Mario Tacchella, una gara di trail running a scopo benefico che verrà disputata, sempre a Cantalupo, il 28 e 29 settembre.

L’ingresso al concerto sarà ad offerta libera e l’intero ricavato verrà devoluto alla sezione alessandrina dell’AIL, associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma.

Uomo e robot, insieme si può. La chirurgia di eccellenza di Alessandria, voluta da Spinoglio e oggi diretta da Priora, è destinata ‘a crescere’ assicura Centini (in attesa del recupero delle vecchie sale)

Uomo e robot, insieme si può. La chirurgia di eccellenza di Alessandria, voluta da Spinoglio e oggi diretta da Priora, è destinata ‘a crescere’ assicura Centini (in attesa del recupero delle vecchie sale)

Questo slideshow richiede JavaScript.

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Sullo smartphone appare la riproduzione degli organi e permette già di individuare sul piccolo schermo l’area dell’intervento e le vie di accesso. I monitor interni invece rilanciano l’immagine reale: la microtelecamera inquadra i sottili tubi da cui sbucano gli strumenti che stanno per essere utilizzati per un intervento di splenopancreasectomia distale per un tumore della coda pancreatica. L’operazione è poi andata bene, benché sia una di quelle il cui indice di complessità viene classificato come ‘alto’.

Fabio Priora, direttore della Struttura complessa di Chirurgia generale dell’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria, ripone in tasca il cellulare e spiega come l’operazione che si appresta a compiere sia “certamente complessa”, ma rappresenti perfettamente la nuova frontiera dell’innovazione chirurgica cui ha guardato Giuseppe Spinoglio quando ha avuto l’intuizione di puntare sul robot chirurgico. Spinoglio ha guidato per lungo tempo la chirurgia alessandrina e ha creduto nella robotica al punto di trasformare la prima esperienza pionieristica in un centro di riferimento nazionale e internazionale, coinvolgendo anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che ha investito risorse per sostenere il progetto di sviluppo che fra il 2005 e il 2010 ha registrato il salto di qualità. Continua a leggere “Uomo e robot, insieme si può. La chirurgia di eccellenza di Alessandria, voluta da Spinoglio e oggi diretta da Priora, è destinata ‘a crescere’ assicura Centini (in attesa del recupero delle vecchie sale)”

“Articolo 32”: proiezione del docufilm di Emergency alla Casa di Quartiere

Di Maria Luisa Pirrone

“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”, recita l’articolo 32 della Costituzione italiana.

“Articolo 32” è anche il titolo del film documentario che verrà proiettato questa sera alle 21,15 alla Casa di Quartiere e che parla proprio del lavoro di Emergency in italia, raccontando un paese dove anche un diritto umano fondamentale, come quello ad essere curato, non trova attuazione.

Famiglie in fuga dalla guerra, stagionali impegnati nella raccolta dei pomodori e tanti italiani, i cosiddetti “nuovi poveri”, descrivono le loro difficoltà ad accedere alle cure mediche di cui hanno bisogno.

Il racconto degli operatori si alterna al dialogo con Erri De Luca, Ascanio Celestini e Cecilia Strada.

Il gruppo Emergency di Alessandria sarà presente con un banchetto di raccolta fondi e per un aggiornamento sui progetti in corso.

 

“Articolo 32”

Regia Antonio Di Peppo

Con Erri De Luca, Ascanio Celestini, Cecilia Strada

Produzione Mario Viscardi Piano B

Casa di Quartiere, via Verona 116, Alessandria

Giovedì 19 luglio, ore 21,15

Il Centro Cuore alessandrino di nuovo al Congresso Mondiale Cardiotoracico

Il Centro Cuore alessandrino di nuovo al Congresso Mondiale Cardiotoracico

Scelti due lavori sulla tecnica di Bentall, grazie a un eccezionale tasso di sopravvivenza e a procedure innovative 

Dopo il Sudafrica e il Kazakistan, il 14 e 15 settembre il Dipartimento Cardiovascolare “Centro Cuore” della Clinica Città di Alessandria volerà in Slovenia, a Lubiana. Per il terzo anno consecutivo, infatti, parteciperà al Congresso Mondiale Cardiotoracico, giunto alla 28esima edizione.

Tutti e due i lavori che il Centro Cuore ha inviato, che riguardano la tecnica di Bentall, sono stati selezionati tra tanti per la presentazione orale e, in seguito, saranno pubblicati per intero sulla rivista della Società che organizza il Congresso, la “World Society of CardioVascular and Thoracic Surgeons”.

Merito di un tasso di sopravvivenza a lungo termine, dopo un intervento praticato con la tecnica di Bentall, raro nella letteratura mondiale e a una procedura innovativa nel trattamento degli pseudoaneurismi che possono insorgere dopo le operazioni che applicano la stessa metodica. Continua a leggere “Il Centro Cuore alessandrino di nuovo al Congresso Mondiale Cardiotoracico”

Dr. Marco Tallone: MANIPOLAZIONI DELLA COLONNA LOMBARE

Dr. Marco Yallone: MANIPOLAZIONI DELLA COLONNA LOMBARE

fisio foto tallone

Parliamo in questa rubrica delle manipolazioni vertebrali cioè quelle che producono nell’immaginario collettivo popolare il cosidetto “schiocco” anche se non è proprio necessario ottenerlo.

Bisogna tenere in considerazione, per una corretta manipolazione, fattori anatomo-patologici, anamnesi, quadro clinico, evoluzione, età, sintomi.

Ogni manovra deve essere fatta a mezza forza la prima volta, bisogna controllare dopo ogni manipolazione e quando una tecnica cessa di produrre benefici o non ne produce si passa a un’altra diversa manipolazione.

Le tecniche vengono divise in gruppi: manipolazioni rotatorie, in estensione e antideviazione.

La scelta delle procedure dovrà inoltre tenere conto di alcuni elementi: non usare leve negli anziani per via dell’osteoporosi,  usare tecniche generalmente rotatorie per il disco della quarta vertebra lombare (L4), usare tecniche in estensione per il disco della quinta vertebra lombare (L5), non usare tecniche in estensione nelle lombalgie acute. Continua a leggere “Dr. Marco Tallone: MANIPOLAZIONI DELLA COLONNA LOMBARE”

Aborto e migranti, Papa Francesco: proteggere i “non nati” e i poveri

cq5dam.web.738.462

Durante l’udienza alla Pontificia Accademia per la Vita della Fondazione Gravissimum Educationis, il Pontefice ha toccato i temi dell’aborto, dell’immigrazione e della globalizzazione, mettendo in guardia sulla “cultura dello scarto”

“Quando consegniamo i bambini alla privazione, i poveri alla fame, i perseguitati alla guerra, i vecchi all’abbandono, non facciamo noi stessi il lavoro sporco della morte?”, queste le parole di Papa Francesco nell’udienza alla Pontificia Accademia per la Vita della Fondazione Gravissimum Educationis. “Escludendo l’altro dal nostro orizzonte, la vita si ripiega su di sé e diventa bene di consumo“, ha detto il Papa che nel corso dell’incontro ha toccato i temi dell’aborto, dell’immigrazione e della globalizzazione.

La cultura dello scarto

Papa Francesco ha definito una “cultura dello scarto”, che si esprime nell’aborto e nell’eutanasia e nell’ingiustizia sociale: “La difesa dell’innocente che non è nato deve essere chiara, ferma e appassionata, perché lì è in gioco la dignità della vita umana, sempre sacra, e lo esige l’amore per ogni persona al di là del suo sviluppo. Ma ugualmente sacra – ha continuato Papa Francesco – è la vita dei poveri che sono già nati, che si dibattono nella miseria, nell’abbandono, nell’esclusione, nella tratta di persone, nell’eutanasia nascosta dei malati e degli anziani privati di cura, nelle nuove forme di schiavitù, e in ogni forma di scarto”, ha detto Bergoglio facendo implicito riferimento alla crisi dei migranti del Mediterraneo e alle politiche attuate in merito dagli Stati. Continua a leggere “Aborto e migranti, Papa Francesco: proteggere i “non nati” e i poveri”

Medicina, dieci borse di studio in più dalla Regione

1529923351891.jpg--medicina__dieci_borse_di_studio_in_piu_dalla_regione

UNIVERSITÀ

Medicina, dieci borse di studio in più dalla Regione

La Regione Piemonte aumenta anche quest’anno i posti a disposizione per gli specializzandi in Medicina delle università piemontesi: ci saranno perciò dieci borse di studio supplementari, che vanno ad aggiungersi alle dieci già previste per lo scorso anno accademico. “Anche in questa occasione ci siamo concentrati sulle situazioni che presentavano le maggiori criticità, facendoci carico di un problema che non sarebbe competenza della Regione – precisa l’assessore Saitta – Resta il tema dei fabbisogni che, sia in Piemonte che a livello nazionale, sono decisamente più elevati: la Conferenza Stato-Regioni ha dato il via libera al numero complessivo delle borse, che sono 6.200 a fronte di una richiesta delle Regioni di 8.569, quindi 2.369 in meno, ma solo a fronte dell’impegno del governo ad aumentare le risorse dal prossimo anno e a dare precedenza nel riparto immediato alle situazioni con maggiore carenza”. “Ho affrontato il problema nei giorni scorsi in occasione dell’incontro avuto con il ministro Grillo in qualità di coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni – aggiunge Saitta – Il ministro si è dichiarato disponibile ad occuparsi della questione e la incontrerò nei prossimi giorni per definire le modalità operative da mettere in campo. Continua a leggere “Medicina, dieci borse di studio in più dalla Regione”

Alessandria-AIL ONLUS: martedì 26 giugno presentazione delle attività 2017

Alessandria-AIL ONLUS: martedì 26 giugno presentazione delle attività 2017.

di Maria Luisa Pirrone

Alessandria: La sezione alessandrina dell’AIL (Associazione italiana contro leucemie, linfomi e mieloma) presenterà le attività svolte nel 2017 in una serata divulgativa organizzata per domani, martedì 26 giugno, alle 21 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo, in piazza De André 76.

Di seguito il programma:

Ore 21
Attività di Alessandria-AIL nel 2017
Dott. Giovanni Zingarini (Presidente)

Ore 21.15
Grazie a tutti i volontari

Ore 21:30
Collaborazione con l’ASO di Novara

Ore 21.45
La musica fa bene
Donatrice di CSE – Musicista Rock

Ore 22
Parlando di collaborazione…..esperienze di :
-Data Manager
-Fisioterapiste
-Estetiste oncologiche

Ore 22.30
Storie di vita – Storie di Caregiver

Ore 22.45
La leonessa continua a ruggire e balla per noi…

Studio sul riordino della rete ospedaliera e su un nuovo ospedale in provincia di Alessandria: è lite

decb16a0-7477-11e8-852b-9a135e4d8431_ER87DU8V12420-kpEC-U11101454205922B5B-1024x576@LaStampa.it

Reso noto il documento elaborato da Ires Piemonte, insorge il Mns e Saitta assicura: nessun taglio in provincia

MAURO FACCIOLO

ALESSANDRIA

È lite politica sullo studio di Ires Piemonte sul «riordino della rete ospedaliera e la costruzione di un nuovo ospedale nel Piemonte Sud Est» commissionato all’unanimità lo scorso autunno dal Consiglio regionale su proposta di Domenico Ravetti (Pd). La bozza dello studio è stata distribuita ora ai consiglieri. Gli esperti prospettano due opzioni: «Riordinare la rete ospedaliera e potenziare la rete territoriale», oppure «riordinare la rete ospedaliera con la realizzazione di un nuovo ospedale, trasformando i presidi di Acqui, Tortona e Novi». Con la costruzione di un nuovo ospedale multispecialistico con 350 posti letto, nell’area fra le due città , per gli ospedali di Novi e Tortona viene proposta l’alienazione. Mentre Acqui andrebbe dismesso. Insorgono il capogruppo del Movimento nazionale per la sovranità, Gian Luca Vignale, e il responsabile politico del movimento, Marco Botta, secondo i quali «anche l’Ires certifica il fallimento di Saitta e Chiamparino». Replica Ravetti : «Quello studio offre una base scientifica da cui partire per fare le valutazioni sul futuro della sanità, le polemiche sono incommentabili». Interviene anche l’assessore alla Sanità, Antonio Saitta: «Smentisco fermamente che la giunta regionale abbia allo studio alcuna ipotesi di chiusura per gli ospedali di Acqui Terme, Tortona e Novi o di trasformazione per gli ospedali di Casale e Ovada. Nessuno di questi provvedimenti è contenuto nel Piano di edilizia sanitaria approvato e nessun atto è previsto per il futuro in tal senso». Continua a leggere “Studio sul riordino della rete ospedaliera e su un nuovo ospedale in provincia di Alessandria: è lite”