Sozzetti: L’abbraccio solidale di Alessandria e il ‘fiume di sorrisi’ in Cittadella

Sozzetti: L’abbraccio solidale di Alessandria e il ‘fiume di sorrisi’ in Cittadella

l'abbraccio

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

L’ambulatorio è unico in Italia. Lo è perché è totalmente gratuito, compresi gli apparecchi necessari per le cure, che sono lunghe e durano anni. Ma lo è anche perché è l’espressione, concreta, della solidarietà che coinvolge una comunità intera. La cena benefica “Un fiume di sorrisi” che anche quest’anno viene organizzata (sabato 16 giugno) all’interno della Cittadella di Alessandria a sostegno delle attività dell’ambulatorio di labiopalatoschisi, all’interno dell’ospedale infantile ‘Cesare Arrigo’, è solo uno degli aspetti di un intreccio solidale che coinvolge aziende anche di altre regioni, senza ormai contare i moltissimi cittadini che, senza clamore, aderiscono, sostengono, aiutano una associazione e una attività nata per aiutare chi è più in difficoltà. Continua a leggere “Sozzetti: L’abbraccio solidale di Alessandria e il ‘fiume di sorrisi’ in Cittadella”

Vivendo con la Sclerosi Multipla

Vivendo con la Sclerosi Multipla

Vivendo

Alessandria today: Condividiamo sul nostro blog le informazioni che ci sono pervenute alfine di aumentare la consapevolezza e la conoscenza della Sclerosi Multipla e dei bisogni delle persone che ne sono affette.

Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla – Infografica

MyTherapy a proposito della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla che si è celebrata lo scorso 30 maggio, ha realizzato per l’occasione un infografica che mette in evidenza quanto siano alte le percentuali di prevalenza e incidenza della SM in Italia.

Che cos’è la SM:

La SM, Sclerosi Multipla è una malattia autoimmune del sistema nervoso centrale che colpisce il cervello, il tronco encefalico e il midollo spinale.

La mielina, sostanza che riveste il corpo dei neuroni, risulta danneggiata compromettendo la normale trasmissione degli impulsi nervosi verso il cervello.

Alcuni dati:

114.000 persone vivono con la SM

Il 70% ha tra i 20 e i 40 anni

Il 70% di persone affette da SM, soffre di disturbi cognitivi

Ogni anno si diagnosticano circa 3.400 nuovi casi di SM

1 persona su 3 ha lasciato il lavoro a causa della SM

Elena Valeriani
Community Manager Italia
MyTherapy
Landwehrstr. 60/62
80336 Monaco di Baviera

Sozzetti: Baraldi, l’addio ospedaliero fra aperture di reparti e ricorsi. Ora tocca a Centini da Siena raccogliere un delicato testimone

Sozzetti: Baraldi, l’addio ospedaliero fra aperture di reparti e ricorsi. Ora tocca a Centini da Siena raccogliere un delicato testimone

Baraldi.jpg

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

“Sono stati anni (tre, ndr) molto impegnativi e intensi di attività che si concludono con una crescita di produzione, di servizi e di prestazioni di oltre dodici milioni euro, con investimenti importanti e un utile di bilancio per due anni consecutivi (2016 e 2017) che consentono all’azienda di fare un investimento particolarmente importante e strategico progettato in tutti questi anni: l’unificazione della terapia intensiva Neonatale al presidio Civile, la realizzazione di nuove sale parto in alcune sale operatorie ristrutturate e il trasferimento della Ostetricia in area vicina alle stesse”.

Giovanna Baraldi, arrivata all’ultimo giorno del mandato di direttore generale dell’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria ha voluto diffondere un comunicato in cui sintetizza il bilancio dell’attività.

È stato l’ultimo atto, successivo a diversi altri momenti di sintesi che sono andati in scena fra aprile e maggio. In attesa di scoprire quale sarà l’approccio aziendale del nuovo direttore, il senese Giacomo Centini, classe 1981, già direttore amministrativo dell’azienda ospedaliera universitaria Senese e finora consulente strategico della McKinsey & co, società internazionale di consulenza manageriale, e quale squadra metterà a punto (direttore sanitario e amministrativo), resta appunto il bilancio di Giovanna Baraldi. Continua a leggere “Sozzetti: Baraldi, l’addio ospedaliero fra aperture di reparti e ricorsi. Ora tocca a Centini da Siena raccogliere un delicato testimone”

Sozzetti: Il manager di Siena e l’esperto di territorio per la sanità alessandrina che intanto saluta Giovanna Baraldi e Gilberto Gentili

Sozzetti: Il manager di Siena e l’esperto di territorio per la sanità alessandrina che intanto saluta Giovanna Baraldi e Gilberto Gentili

Il manager

di Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

Durante l’inaugurazione delle cinque tele donate all’ospedale infantile ‘Cesare Arrigo’ dall’Ics Onlus, realizzate dai detenuti della Casa di reclusione di San Michele di Alessandria, Carlo Origo, direttore della Struttura complessa di Ortopedia e Traumatologia Pediatrica, ha sollecitato un commento a Giovanna Baraldi, direttore generale dell’azienda ospedaliera ancora per due giorni, concludendo “è la sua ultima inaugurazione”.

E lei, prontamente, ha risposto “non è detto, in questo paese tutto è possibile”. Cosa abbia spinto Giovanna Baraldi a pronunciare queste parole non è chiaro dato che nemmeno due ore prima la giunta regionale aveva nominato i nuovi direttori generali delle aziende sanitarie e ospedaliere piemontesi, con mandati di durata triennale.

Giovanna Baraldi intanto chiude il mandato in coincidenza con l’invio, per via telematica, alla Sezione Lavoro del Tribunale di Alessandria, del ricorso di Davide Dealberti in ordine al processo motivazionale sfociato nella delibera di assegnazione del posto di direzione del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Alessandria.

Ad attivare la procedura saranno gli avvocati Gianpaolo Sartirana del foro di Alessandria e Marco Durante dello Studio Fieldfisher di Torino. Continua a leggere “Sozzetti: Il manager di Siena e l’esperto di territorio per la sanità alessandrina che intanto saluta Giovanna Baraldi e Gilberto Gentili”

Ravetti, PD: Nominati i nuovi Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Regionali.

Ravetti, PD: Nominati i nuovi Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Regionali.

04/07/2017 -  X LEGISLATURA - Ravetti

Alessandria: Giacomo Centini all’Aso e Antonio Brambilla all’Asl Al

Apprezzo la nomina dei direttori generali della sanità, fatte secondo principi di competenza professionale e trasparenza”. Lo dichiara il capogruppo del Pd in Regione Piemonte, Domenico Ravetti, commentando la delibera della giunta regionale che oggi ha nominato i direttori generali nella sanità piemontese.

“Sono diverse le conferme – continua – e per alcune grandi aziende sanitarie sono stati scelti profili di grande professionalità ed esperienza. Sono – sottolinea – soddisfatto del lavoro svolto dalla commissione di valutazione e condivido il percorso scelto dalla Giunta per selezionare i ruoli di vertice per il settore più importante e delicato di competenza della Regione. Sono certo – prosegue – che insieme al massimo rigore e attenzione agli equilibri di bilancio, i nuovi vertici sanitari garantiranno il massimo impegno per i servizi offerti ai cittadini. Continua a leggere “Ravetti, PD: Nominati i nuovi Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Regionali.”

Sozzetti: Ospedale di Alessandria, la Corte dei Conti rileva ‘disfunzioni del sistema e criticità gestionali’

Sozzetti: Ospedale di Alessandria, la Corte dei Conti rileva ‘disfunzioni del sistema e criticità gestionali’

osp

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

“Sono emerse nei confronti dell’azienda ospedaliera irregolarità, nonché disfunzioni del sistema e criticità gestionali tali da rendere necessario e opportuno relazionare all’amministrazione regionale, al fine di stimolare l’adozione di misure correttive da parte tanto della Regione, quanto dell’azienda in esame”. La delibera della Corte dei Conti è del 19 aprile 2018, quello sotto esame è il Bilancio 2016 e l’azienda è quella ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria, diretta per tre anni (dal primo maggio 2015) da Giovanna Baraldi (l’incarico è stato prorogato per tutto il mese di maggio in attesa della nomina dei nuovi direttori da parte della Regione Piemonte).

Alle contestazioni, l’azienda ha risposto con lettere e documenti, seguiti da un incontro nella sede di Torino della magistratura contabile. Alcuni andamenti particolarmente critici hanno registrato un miglioramento fra il 2017 e il 2018, come è avvenuto per i tempi di pagamento, però emergono voci su cui la Corte dei Conti si è soffermata con particolare attenzione, evidenziando, per esempio, il contenzioso giudiziale che “spicca” per 348.848 euro. Continua a leggere “Sozzetti: Ospedale di Alessandria, la Corte dei Conti rileva ‘disfunzioni del sistema e criticità gestionali’”

Sozzetti. Specchio delle mie brame, chi sarà il direttore… non del reame, ma della sanità alessandrina?

Sozzetti. Specchio delle mie brame, chi sarà il direttore… non del reame, ma della sanità alessandrina?

specchio

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

E alla fine il lungo elenco è arrivato. La commissione tecnica incaricata ha concluso il lavoro e ora tocca alla giunta regionale piemontese l’ultima parola. Antonio Saitta, assessore regionale alla Sanità, lo aveva detto chiaro e tondo: la proroga degli incarichi ai direttori di Asl e aziende ospedaliere durerà solo un mese perché entro la fine di maggio verranno nominati i nuovi vertici.

Scorrere i 48 nomi lascia capire qualcosa, ma non molto. Infatti i candidati potevano indicare una o più sedi come preferenza ed è per questa ragione che nell’elenco molti nomi compaiono in più aziende. Si scopre, così, che c’è chi vorrebbe magari tornare, da direttore generale, dove la carriera ha registrato un cambio di marcia, e chi ha invece indicato più sedi, ma intanto ha già incassato una promessa ben precisa. Vedremo. Continua a leggere “Sozzetti. Specchio delle mie brame, chi sarà il direttore… non del reame, ma della sanità alessandrina?”

Sozzetti: Ospedale di Alessandria, la Corte dei Conti rileva ‘disfunzioni del sistema e criticità gestionali’

Sozzetti: Ospedale di Alessandria, la Corte dei Conti rileva ‘disfunzioni del sistema e criticità gestionali’

osp

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

“Sono emerse nei confronti dell’azienda ospedaliera irregolarità, nonché disfunzioni del sistema e criticità gestionali tali da rendere necessario e opportuno relazionare all’amministrazione regionale, al fine di stimolare l’adozione di misure correttive da parte tanto della Regione, quanto dell’azienda in esame”.

La delibera della Corte dei Conti è del 19 aprile 2018, quello sotto esame è il Bilancio 2016 e l’azienda è quella ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria, diretta per tre anni (dal primo maggio 2015) da Giovanna Baraldi (l’incarico è stato prorogato per tutto il mese di maggio in attesa della nomina dei nuovi direttori da parte della Regione Piemonte).

Alle contestazioni, l’azienda ha risposto con lettere e documenti, seguiti da un incontro nella sede di Torino della magistratura contabile. Alcuni andamenti particolarmente critici hanno registrato un miglioramento fra il 2017 e il 2018, come è avvenuto per i tempi di pagamento, però emergono voci su cui la Corte dei Conti si è soffermata con particolare attenzione, evidenziando, per esempio, il contenzioso giudiziale che “spicca” per 348.848 euro. Continua a leggere “Sozzetti: Ospedale di Alessandria, la Corte dei Conti rileva ‘disfunzioni del sistema e criticità gestionali’”

PIERO CHIAMBRETTI 3° Evento Ventennale Centro del Cuore, al cinema teatro alessandrino

PIERO CHIAMBRETTI 3° Evento Ventennale Centro del Cuore, al cinema teatro alessandrino

logo_3_194

3° Evento per il Ventennale del Centro Cuore Clinica Città di Alessandria. 

Uno spettacolo condotto da Piero Chiambretti per ripercorrere ricordare 20 anni del Centro Cuore che si terrà

Sabato 12 Maggio ore 17.00

Presso il Cinema – Teatro Alessandrino Via Verdi 15121, Alessandria

http://www.gruppoanteprima.com/

Il Centro Cuore – Dipartimento Cardiovascolare dell’Istituto Clinico Città di Alessandria compie 20 anni.

Era il 12 marzo del 1998 quando il prof. Mario Fabbrocini con la sua equipe eseguì il primo intervento cardiochirurgico alla Città di Alessandria sita no al 2013 in via Bruno Buozzi. Continua a leggere “PIERO CHIAMBRETTI 3° Evento Ventennale Centro del Cuore, al cinema teatro alessandrino”

Sozzetti: Ospedale, in arrivo il ricorso per Ostetricia e Ginecologia. E su Giovanna Baraldi piovono le critiche del M5S per la revisione ‘inusuale’ dell’atto aziendale

Ospedale, in arrivo il ricorso per Ostetricia e Ginecologia. E su Giovanna Baraldi piovono le critiche del M5S per la revisione ‘inusuale’ dell’atto aziendale

Osp

di Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

Mandato finito, solo un mese di proroga in attesa delle nomine dei nuovi vertici da parte della Regione Piemonte, ma per Giovanna Baraldi, direttore generale dell’azienda ospedaliera di Alessandria, non si può parlare di un finale tranquillo.

Ad Alessandria è arrivata la notizia che a giorni sarà depositato il ricorso, presentato dagli avvocati Gianpaolo Sartirana del Foro di Alessandria e Marco Durante dello Studio Fieldfisher di Torino, di Davide Dealberti in merito al risultato del concorso per l’assegnazione dell’incarico di direttore del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Alessandria.

I legali ritengono “ci siano diverse criticità in ordine al processo motivazionale, che è sfociato nella delibera di assegnazione del posto, tali da rendere opportuno sottoporre il caso all’autorità giudiziaria”. Continua a leggere “Sozzetti: Ospedale, in arrivo il ricorso per Ostetricia e Ginecologia. E su Giovanna Baraldi piovono le critiche del M5S per la revisione ‘inusuale’ dell’atto aziendale”

I BAMBINI PIEMONTESI NON VACCINATI POSSANO TERMINARE L’ANNO SCOLASTICO. IN UMBRIA AVVOCATURA DI STATO SI E’ ESPRESSA PER EVITARE ESPULSIONI COME PREVISTO DA LEGGE

I BAMBINI PIEMONTESI NON VACCINATI POSSANO TERMINARE  L’ANNO SCOLASTICO. IN UMBRIA AVVOCATURA DI STATO SI E’ ESPRESSA PER EVITARE ESPULSIONI COME PREVISTO DA LEGGE

Parte dall’Umbria, Regione a guida PD, un’iniziativa di buonsenso: avviare un dialogo con il Governo “affinché tutti i minori possano giungere alla fine dell’anno scolastico”. Un impegno contenuto in una mozione votata all’unanimità in Consiglio Regionale.
Tutt’altra situazione in Piemonte, dove ogni tentativo in questa direzione è stato prontamente respinto dalla maggioranza di centrosinistra. Anche la nostra comunicazione inviata ai dirigenti scolastici ha sortito l’unico effetto di provocare una reazione stizzita da parte dell’Assessorato.
Eppure, quanto da noi espresso trova conferma in un’interpretazione dell’Avvocatura di Stato umbra che, in risposta ai dirigenti scolastici, ha replicato sostenendo che è la legge 119 stessa e la successiva circolare 01679 emessa dal Ministero dell’Istruzione a sostenere che “potrà essere prodotta copia di formale richiesta di vaccinazione all’ASL e detta vaccinazione dovrà essere effettuata entro fine dell’anno scolastico”.

Sozzetti: Sanità, Atenei, ospedali e il Protocollo ‘fantasma’ che si aggira in Piemonte (e non mancherebbe nemmeno un licenziamento)

Sanità, Atenei, ospedali e il Protocollo ‘fantasma’ che si aggira in Piemonte (e non mancherebbe nemmeno un licenziamento)

Sanità f8-xG0GSZeMdc7CC52jC6Zm3S9gWgSVGKFZcHg6ghztoFij22y7KbmR4iM8i-PktkcEnpG_6uGgkHjrK0lnogXt82V9-TM8NSu_g_-QhWs0-JyLl0Fqt2zRRH6We9k_2yPdxs68rGCjo=s0-d-e1-ft

di Enrico Sozzetti. Alessandria
https://160caratteri.wordpress.com/
C’è un ‘fantasma’ che si aggira in Piemonte. È il testo di un protocollo di intesa che risale al 2014, ma di cui finora non si riesce a trovare traccia all’interno degli atti delle aziende che avrebbero dovuto recepirlo. La vicenda interessa in modo diretto le due università piemontesi (Torino e Piemonte Orientale) e le rispettive aziende ospedaliero-universitarie. Ma se Novara è, ovviamente, in prima fila, Alessandria non è esente dall’interesse in quanto è sempre aperta la partita del possibile sdoppiamento del corso di medicina che coinvolgerebbe anche l’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’.
Prima degli ultimi sviluppi, ripercorriamo la storia che ruota intorno al rapporto fra le aziende ospedaliere universitarie e le scuole di medicina piemontesi. Esiste una delibera, la numero 9-7209 del 10 marzo 2014, relativa al protocollo di intesa tra Regione Piemonte, Università del Piemonte Orientale e Università di Torino. Continua a leggere “Sozzetti: Sanità, Atenei, ospedali e il Protocollo ‘fantasma’ che si aggira in Piemonte (e non mancherebbe nemmeno un licenziamento)”

Sozzetti: Sanità, ‘no’ a direttori prorogati. Intanto Alessandria deve fare i conti con il concorso contestato, le tensioni in direzione e i sindacati vittoriosi

Sanità, ‘no’ a direttori prorogati. Intanto Alessandria deve fare i conti con il concorso contestato, le tensioni in direzione e i sindacati vittoriosi

Sanità

di Enrico Sozzetti
https://160caratteri.wordpress.com
L’accorpamento fra l’ospedale e l’Asl Al si allontana. Parola di Antonio Saitta, assessore regionale alla Sanità. “Il merito della proposta e la discussione che è scaturita sotto la presidenza di Domenico Ravetti della Commissione Sanità è andata nella direzione di fare emergere in modo chiaro l’esigenza di mettere in rete le competenze e di come usarle.

L’integrazione è il tema vero, insieme alla ripartizione dei compiti e ai Dipartimenti interaziendali. Ai nuovi direttori verranno dati obiettivi nuovi, non sono economici ma anche di salute, e un metodo preciso: gli atti aziendali dovranno essere fatti insieme”. Parole pronunciate la termine della presentazione del Bilancio sociale e di mandato dell’azienda ospedaliera.

E Ravetti (oggi capogruppo Pd in Consiglio regionale, dopo avere ricoperto la carica di presidente della Commissione Sanità) dal canto suo risponde con un semplice ‘no’ alla mozione presentata dai Consiglieri regionali del gruppo di Forza Italia con cui chiedono alla Giunta regionale di prorogare gli incarichi attuali dei direttori generali delle aziende Sanitarie per almeno dodici mesi. Continua a leggere “Sozzetti: Sanità, ‘no’ a direttori prorogati. Intanto Alessandria deve fare i conti con il concorso contestato, le tensioni in direzione e i sindacati vittoriosi”

Sozzetti: Ospedali, Scuole di Medicina e il Protocollo che per ora non si trova. La pulce nell’orecchio di Confintesa Ugs Medici

Ospedali, Scuole di Medicina e il Protocollo che per ora non si trova. La pulce nell’orecchio di Confintesa Ugs Medici

Ospedali

di Enrico Sozzetti
https://160caratteri.wordpress.com
Alessandria: La vicenda relativa a Gian Carlo Avanzi, direttore della struttura complessa di Medicina e Chirurgia d’Urgenza dell’ospedale ‘Maggiore’ di Novara e candidato alla carica di Rettore dell’Università del Piemonte Orientale, su cui è intervenuto il sindacato Confintesa Ugs Medici (https://160caratteri.wordpress.com/2018/04/09/medicina-ad-alessandria-una-battaglia-ancora-tutta-da-vincere/ e https://160caratteri.wordpress.com/2018/04/23/confintesa-ugs-medici-avanzi-e-il-concorso-ospedaliero-la-parola-allupo-e-al-maggiore-di-novara/), potrebbe indirettamente aprire un nuovo fronte che vede coinvolta questa volta la Regione Piemonte. Sarebbe infatti al centro di una prossima interrogazione consiliare, si apprende da ambienti torinesi, il rapporto fra le aziende ospedaliere universitarie e le scuole di medicina piemontesi. Continua a leggere “Sozzetti: Ospedali, Scuole di Medicina e il Protocollo che per ora non si trova. La pulce nell’orecchio di Confintesa Ugs Medici”

Ortopedia: il Policlinico di Monza fa scuola nel mondo

clinica_1

Ortopedia: il Policlinico di Monza fa scuola nel mondo

Monza, 24 aprile 2018
È nata un’importante convenzione tra il Policlinico di Monza Spa e il Vsevolozhsky Clinical Interdistrict Hospital di San Pietroburgo. L’Ospedale Interdistrettuale Clinico di Vsevolozhsky è ad oggi la base del Dipartimento di Traumatologia e Ortopedia della Prima Università Medica Statale della metropoli russa.
Grazie a questo accordo viene oggi formalizzato un interessante processo di formazione tramite il quale Chirurghi ortopedici russi raggiungono la Clinica Città di Alessandria per assistere agli innovativi interventi di protesi d’anca e di ginocchio eseguiti dal Dott. Andrea Camera (Presidente della Fondazione Spotorno per l’eccellenza protesica dell’anca e del ginocchio) e della sua Équipe composta dagli specialisti: Dott. Andrea Capuzzo, Dott. Riccardo Tedino e Dott. Stefano Biggi. Continua a leggere “Ortopedia: il Policlinico di Monza fa scuola nel mondo”

Sozzetti: Confintesa Ugs Medici, Avanzi e il concorso ospedaliero: la parola all’Upo e al ‘Maggiore’ di Novara

f8-xG0GSZeMdc7CC52jC6Zm3S9gWgSVGKFZcHg6ghztoFij22y7KbmR4iM8i-PktkcEnpG_6uGgkHjrK0lnogXt82V9-TM8NSu_g_-QhWs0-JyLl0Fqt2zRRH6We9k_2yPdxs68rGCjo=s0-d-e1-ft

Confintesa Ugs Medici, Avanzi e il concorso ospedaliero: la parola all’Upo e al ‘Maggiore’ di Novara
di Enrico Sozzetti
https://160caratteri.wordpress.com

Dopo l’uscita del pezzo “Medicina ad Alessandria? Una battaglia ancora tutta da vincere” scrivono Cesare Emanuel, rettore dell’Università del Piemonte Orientale, e Mario Minola, Commissario dell’azienda ospedaliera universitaria ‘Maggiore della Carità’ di Novara.

L’intervento è relativo alla parte finale dell’articolo dove si parla di un potenziale caso sollevato da Pietro Luigi Garavelli, medico e sindacalista di Confintesa Ugs Medici che su Facebook è intervenuto con alcuni post in cui ha manifestato la personale “curiosità da sindacalista in quanto Gian Carlo Avanzi (candidato alla carica di Rettore insieme a Salvatore Rizzello, ndr) pur vincendo un concorso ospedaliero, non si dimise, né prese aspettativa dall’Università, come previsto, mi pare, dalla normativa vigente”.

Il riferimento era alla posizione del medico all’epoca del conferimento dell’incarico ospedaliero di direttore della Struttura complessa di Medicina e Chirurgia d’accettazione d’urgenza, avvenuto con una delibera dell’azienda ospedaliero universitaria Maggiore della Carità del marzo 2010. Continua a leggere “Sozzetti: Confintesa Ugs Medici, Avanzi e il concorso ospedaliero: la parola all’Upo e al ‘Maggiore’ di Novara”

“Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria 
per combattere la distrofia di Duchenne

Un goal IMG_8857un goal IMG_8863

“Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria 
per combattere la distrofia di Duchenne
Un evento con la Nazionale Italiana Artisti TV per Parent Project onlus

Domenica 22 aprile 2018
Stadio “Giuseppe Moccagatta” – Spalto Rovereto – Alessandria

Si è svolta oggi pomeriggio nella Sala Giunta del Palazzo Comunale di Alessandria la conferenza stampa di presentazione ufficiale dell’evento “Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria: un progetto promosso da Parent Project Onlus per combattere la distrofia di Duchenne attraverso un evento calcistico con la Nazionale Italiana Artisti TV e gli atleti della Polizia di Stato – Questura di Alessandria, in programma domenica 22 aprile 2018 alle ore 16 allo Stadio Comunale “Moccagatta”. Continua a leggere ““Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria 
per combattere la distrofia di Duchenne”

Sozzetti: Ospedale e Asl, nuovi direttori entro maggio. Ma la fusione per ora non si farà.

Ospedale

Sozzetti: Ospedale e Asl, nuovi direttori entro maggio. Ma la fusione per ora non si farà. Intanto apre il Poliambulatorio di Oculistica e a giugno toccherà alla nuova terapia intensiva
di Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com/
Alessandria: Gli incarichi dei direttori delle aziende sanitarie e ospedaliere del Piemonte saranno prorogati di un mese ed “entro la fine di maggio ci saranno le nuove nomine, niente commissari”.

Antonio Saitta, assessore regionale alla Sanità, conferma lo slittamento, ma anche la volontà di dare un assetto definitivo a tutte le Asl e le Aso. Lo dice durante la presentazione del Bilancio sociale e di mandato 2015-2018 che chiude la stagione di Giovanna Baraldi alla guida dell’azienda ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’.

Una fine che viene celebrata con i numeri di un fatturato in crescita e un incremento di dodici milioni (138.964.994 di euro nel 2015, 146.029.390 nel 2017) raggiunto a risorse sostanzialmente invariate, oltre dieci milioni di investimento per impianti e fabbricati e circa nove milioni per attrezzature, solo per ricordare alcuni dei numeri maggiori. Continua a leggere “Sozzetti: Ospedale e Asl, nuovi direttori entro maggio. Ma la fusione per ora non si farà.”

Sozzetti: L’ospedale di Alessandria, il corso nazionale e i commenti (ancora amari) sulla nomina per l’Ostetricia e la Ginecologia

L'ospedale

L’ospedale di Alessandria, il corso nazionale e i commenti (ancora amari) sulla nomina per l’Ostetricia e la Ginecologia
di Enrico Sozzetti
https://160caratteri.wordpress.com
Quattro giorni di corso specialistico e ancora una volta l’ospedale di Alessandria è stato al centro di un evento scientifico nazionale. Protagonista è stata la Scuola italiana di chirurgia mini invasiva ginecologica (Sicmig) con il corso “Approccio endoscopico alla patologia uterina. Isteroscopia, laparoscopia e robotica” che ha riunito nel capoluogo 270 tra medici e personale infermieristico.

Fra i relatori alcuni dei migliori chirurghi italiani specializzati. Il corso, che ha visto la presenza anche di Mario Malzoni, presidente della Società italiana di endoscopia ginecologica, ha alternato le lezioni alle esercitazioni (con postazioni virtuali e modelli inanimati), oltre a trasmissioni in diretta dalla sala operatoria di interventi isteroscopici, laparoscopici e robotici.

Una tecnica chirurgica da tempo fiore all’occhiello, anche per il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’azienda ospedaliera di Alessandria. Una tecnica che ha portato Alessandria alla ribalta nazionale e internazionale grazie a Giuseppe Spinoglio che per lungo tempo ha guidato il reparto di chirurgia. Continua a leggere “Sozzetti: L’ospedale di Alessandria, il corso nazionale e i commenti (ancora amari) sulla nomina per l’Ostetricia e la Ginecologia”

Sozzetti: Ospedale, verso il ricorso per Ginecologia. Mentre la fusione della sanità alessandrina rallenta

TTf2AZMoXzjPuHcZnEogTz0STIfYeqi_cZpax_czNgTbFfAODswZxp_fNq4pS2ygn5ijupj5XOkfz4MEQm4QZkZEJPr3aEne20Aue3oGoMOUUIcrkBr2jTfpCVvfO-RHn3tj56dxPjH-77NE1L26=s0-d-e1-ft

di Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com/

Alessandria: E così, nel giorno della presentazione pubblica del Bilancio sociale e di missione 2015-2018 dell’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria, arriva la notizia che Davide Dealberti, chirurgo ginecologo specializzato in chirurgia mini invasiva e in complessità ostetriche, ha deciso di valutare ufficialmente se esistono gli estremi per fare ricorso. Il medico ha infatti affidato l’incarico agli avvocati Gian Paolo Sartirana di Alessandria e Marco Durante dello studio Fieldfisher di Torino di tutelare i proprio diritti.

I legali, dopo una attenta valutazione, dovranno decidere “quali azioni attuare e quale giurisdizione adire, amministrativa ovvero ordinaria”, come precisa una nota diffusa nella serata di ieri. Continua a leggere “Sozzetti: Ospedale, verso il ricorso per Ginecologia. Mentre la fusione della sanità alessandrina rallenta”

Sozzetti: L’ospedale di Alessandria, il corso nazionale e i commenti (ancora amari) sulla nomina per l’Ostetricia e la Ginecologia

L'ospedale

L’ospedale di Alessandria, il corso nazionale e i commenti (ancora amari) sulla nomina per l’Ostetricia e la Ginecologia
di Enrico Sozzetti
https://160caratteri.wordpress.com
Quattro giorni di corso specialistico e ancora una volta l’ospedale di Alessandria è stato al centro di un evento scientifico nazionale. Protagonista è stata la Scuola italiana di chirurgia mini invasiva ginecologica (Sicmig) con il corso “Approccio endoscopico alla patologia uterina. Isteroscopia, laparoscopia e robotica” che ha riunito nel capoluogo 270 tra medici e personale infermieristico.

Fra i relatori alcuni dei migliori chirurghi italiani specializzati. Il corso, che ha visto la presenza anche di Mario Malzoni, presidente della Società italiana di endoscopia ginecologica, ha alternato le lezioni alle esercitazioni (con postazioni virtuali e modelli inanimati), oltre a trasmissioni in diretta dalla sala operatoria di interventi isteroscopici, laparoscopici e robotici.

Una tecnica chirurgica da tempo fiore all’occhiello, anche per il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’azienda ospedaliera di Alessandria. Una tecnica che ha portato Alessandria alla ribalta nazionale e internazionale grazie a Giuseppe Spinoglio che per lungo tempo ha guidato il reparto di chirurgia. Continua a leggere “Sozzetti: L’ospedale di Alessandria, il corso nazionale e i commenti (ancora amari) sulla nomina per l’Ostetricia e la Ginecologia”

“Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria 
per combattere la distrofia di Duchenne

Un goal IMG_8857un goal IMG_8863

“Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria 
per combattere la distrofia di Duchenne
Un evento con la Nazionale Italiana Artisti TV per Parent Project onlus

Domenica 22 aprile 2018
Stadio “Giuseppe Moccagatta” – Spalto Rovereto – Alessandria

Si è svolta oggi pomeriggio nella Sala Giunta del Palazzo Comunale di Alessandria la conferenza stampa di presentazione ufficiale dell’evento “Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria: un progetto promosso da Parent Project Onlus per combattere la distrofia di Duchenne attraverso un evento calcistico con la Nazionale Italiana Artisti TV e gli atleti della Polizia di Stato – Questura di Alessandria, in programma domenica 22 aprile 2018 alle ore 16 allo Stadio Comunale “Moccagatta”. Continua a leggere ““Un Gol nel tuo Cuore” ad Alessandria 
per combattere la distrofia di Duchenne”

Il Club Rotarac dona un defibrillatore portatile di Pronto Soccorso alla Nuova Guardia Civica Alessandria.

def FullSizeRenderdef IMG_6981

Il Club Rotarac dona un defibrillatore portatile di Pronto Soccorso alla Nuova Guardia Civica Alessandria.

Consegna di un defibrillatore alla Nuova Guardia Civica Alessandria

Oggi, martedì 10 aprile, alle ore 10, in Sala Giunta il Club Rotaract Alessandria, rappresentato dal presidente Guglielmo Pepoli, ha donato un defibrillatore portatile di Pronto Soccorso alla Nuova Guardia Civica Alessandria.

Il defibrillatore sarà destinato a far parte della dotazione su unità mobile delle squadre di volontari che abbiano l’abilitazione di primo soccorso BLS e DAE. Continua a leggere “Il Club Rotarac dona un defibrillatore portatile di Pronto Soccorso alla Nuova Guardia Civica Alessandria.”

ANPI. Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco

Amedeo Bianco - Locandina

ANPI. Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco

Casale Monferrato: Nell’ambito delle manifestazioni organizzate dalla sezione casalese dell’ANPI in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, per celebrare i 70 anni dall’entrata in vigore della nostra Costituzione Repubblicana, ​venerdì 6 aprile alle ore 21​, nella prestigiosa sala delle Lunette (chiostro di Santa Croce), si terrà un incontro sul diritto alla Salute sancito dall’articolo 32: “​la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti​”.

Relatore sarà il Dott. ​Amedeo Bianco​, profondo conoscitore del nostro Sistema Sanitario Nazionale. Laureato in Medicina e Chirurgia, specialista in patologie dell’apparato digerente e in oncologia clinica, Dirigente Medico all’Ospedale Mauriziano di Torino, è stato Presidente dell’Ordine dei Medici di Torino, poi dal 2006 al 2015, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri; dal 2013 al 2018 Senatore eletto nelle file del Partito Democratico. Continua a leggere “ANPI. Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco”

Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco

Amedeo Bianco - Locandina

Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco

Casale Monferrato: Nell’ambito delle manifestazioni organizzate dalla sezione casalese dell’ANPI in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, per celebrare i 70 anni dall’entrata in vigore della nostra Costituzione Repubblicana, ​venerdì 6 aprile alle ore 21​, nella prestigiosa sala delle Lunette (chiostro di Santa Croce), si terrà un incontro sul diritto alla Salute sancito dall’articolo 32: “​la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti​”.

Relatore sarà il Dott. ​Amedeo Bianco​, profondo conoscitore del nostro Sistema Sanitario Nazionale. Laureato in Medicina e Chirurgia, specialista in patologie dell’apparato digerente e in oncologia clinica, Dirigente Medico all’Ospedale Mauriziano di Torino, è stato Presidente dell’Ordine dei Medici di Torino, poi dal 2006 al 2015, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri; dal 2013 al 2018 Senatore eletto nelle file del Partito Democratico. Continua a leggere “Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco”

Primari ospedalieri ad Alessandria? Ride bene chi arriva ultimo, di Enrico Sozzetti

Primari

Primari ospedalieri ad Alessandria? Ride bene chi arriva ultimo

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Anni per completare il concorso (a un certo punto è stato anche sospeso) e poi chi lo vince? Il terzo classificato che si piazza a ben undici punti di distacco dal primo candidato selezionato. Succede all’azienda ospedaliera di Alessandria, ancora guidata, per poco meno di un mese, da Giovanna Baraldi. La notizia è ormai nota.

È stato affidato a Nicola Strobelt l’incarico di dirigere la struttura complessa di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale per i prossimi cinque anni. Strobelt, nato a Milano nel 1965, arriva dall’ospedale di Bergamo, dove ha ricoperto l’incarico di responsabile della struttura semplice ‘Medicina Materno – Fetale Ostetricia e Ginecologia’. Sarà lui a raccogliere il testimone da Oria Trifoglio che dall’ottobre del 2013 ha diretto come ‘facente funzioni’ la struttura complessa del ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’.

Un interregno decisamente, e forse anche un po’ stranamente, lungo che il medico-politico (è stata vicesindaco di Rita Rossa, oggi è in Consiglio comunale in rappresentanza del Quarto Polo per il quale si era candidata a sindaco l’anno scorso, salvo poi apparentarsi con la Rossa prima del ballottaggio, peraltro vinto dal centrodestra con Gianfranco Cuttica di Revigliasco) ha gestito arrivando al momento del pensionamento proprio con questa qualifica. Continua a leggere “Primari ospedalieri ad Alessandria? Ride bene chi arriva ultimo, di Enrico Sozzetti”

ANPI. Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco

Amedeo Bianco - Locandina

ANPI. Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco

Casale Monferrato: Nell’ambito delle manifestazioni organizzate dalla sezione casalese dell’ANPI in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, per celebrare i 70 anni dall’entrata in vigore della nostra Costituzione Repubblicana, ​venerdì 6 aprile alle ore 21​, nella prestigiosa sala delle Lunette (chiostro di Santa Croce), si terrà un incontro sul diritto alla Salute sancito dall’articolo 32: “​la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti​”.

Relatore sarà il Dott. ​Amedeo Bianco​, profondo conoscitore del nostro Sistema Sanitario Nazionale. Laureato in Medicina e Chirurgia, specialista in patologie dell’apparato digerente e in oncologia clinica, Dirigente Medico all’Ospedale Mauriziano di Torino, è stato Presidente dell’Ordine dei Medici di Torino, poi dal 2006 al 2015, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri; dal 2013 al 2018 Senatore eletto nelle file del Partito Democratico.

Con grande disponibilità il Dr. Bianco ha accettato il nostro invito rendendosi disponibile non solo all’incontro serale per la popolazione, ma anche a ​incontrare in mattinata gli studenti del Liceo Lanza con indirizzo Sociale​. Gli incontri saranno occasione propizia per ragionare sul grande valore dell’articolo 32, che sancisce un principio che ai più appare scontato, ma così non è in molti Paesi del mondo, anche a economia avanzata, e che anche nella nostra Italia deve essere strenuamente difeso dal rischio sempre più incombente di smantellamento del Servizio Sanitario Nazionale.

Un incontro che non mancherà di interessare la cittadinanza, e a cui auspichiamo la massiccia presenza dei medici e dei diversi professionisti che nel SSN prestano la loro opera, al fine di sviluppare un approfondito dibattito. Potremo conoscere e discutere sui pregi, spesso misconosciuti, sulle criticità e sulle prospettive del nostro Sistema Sanitario, anche attraverso il confronto con l’organizzazione dei sistemi di altri Paesi avanzati.

Amedeo Bianco

Nato a Napoli, vive a Torino. Laureato presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Torino nel 1973. Ha conseguito il diploma di Specialista in Malattie dell’Apparato Digerente presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Firenze e il diploma di Specialista in Oncologia Clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Torino.

Dal 1976 medico internista presso l’Ospedale Mauriziano Umberto I di Torino. Dal 2000 Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Torino e riconfermato per il triennio 2003/2005 e 2006/2008. Dal marzo 2000 componente del Comitato Centrale della FNOMCeO. Dal marzo 2006 Presidente della FNOMCeO (Federazione Nazionale dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri).

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto al Senato della Repubblica. In Senato è stato membro della XII Commissione Igiene e Sanità.

A.N.P.I. Sez.di Casale Monferrato – Via Mameli, 21 – 15033 Casale Monferrato ( AL )

Giornata mondiale dell’autismo, oltre i pregiudizi: le storie di chi fa il conservatorio, lavora nell’hi tech o apre una pizzeria

pizzaut-675

La determinazione di genitori ed educatori riesce a far raggiungere a molti ragazzi traguardi difficili. Pier Carlo Morello è diventato dottore in Scienze umane e pedagogiche. Everis ha appena assunto dieci persone con Asperger o autismo grazie a un progetto nato in Danimarca. Il progetto Atlantide 2 costruirà una rete integrata che accompagni la persona nel passaggio dall’età scolastica a quella adulta

 

C’è chi studia al conservatorio, chi sogna di gestire una pizzeria, chi si è guadagnato un lavoro a tempo indeterminato per un’azienda che si occupa di tecnologia e chi si è laureato superando difficoltà e pregiudizi. Sono ragazzi autistici. Secondo le indagini dell’Isfol (l’Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori) in Italia oggi solo una persona con autismo su 10 ha un impiego e molto dipende dal percorso avviato dalla nascita all’età adulta, dal supporto della famiglia, degli educatori, del sistema assistenziale che ha ancora molte lacune. Alcune storie mostrano come la determinazione di genitori ed educatori speciali riesca a far raggiungere a questi ragazzi traguardi insperati, altre come qualcosa si stia muovendo. Anche nella lenta Italia, dove spesso questi ragazzi sono abbandonati a loro stessi e dove è più facile ricevere una porta in faccia. Continua a leggere “Giornata mondiale dell’autismo, oltre i pregiudizi: le storie di chi fa il conservatorio, lavora nell’hi tech o apre una pizzeria”

60 Organizzazioni unite per #Diffondilasalute

Sono circa 60 le organizzazioni che hanno deciso di dare il loro sostegno alla nostra campagna “La salute è uguale per tutti”, per la riforma costituzionale lanciata lo scorso 24 febbraio.Il nostro grazie a tutte le organizzazioni, perché “Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme“.

Scopri le associazioni.

La salute è un bene da diffondere, fallo con un bacio!

Scattati un selfie, e pubblicalo sui social con l’hashtag #diffondilasalute

Partecipa anche tu alla campagna. Scopri come su www.diffondilasalute.it

https://www.cittadinanzattiva.it/primo-piano/salute/11227-60-organizzazioni-unite-per-diffondilasalute.html

Sanità e fusioni aziendali fra pensieri (quando ci sono) e parole a ruota libera… E il buon senso? Altra storia… di Enrico Sozzetti

sanità

Sanità e fusioni aziendali fra pensieri (quando ci sono) e parole a ruota libera… E il buon senso? Altra storia…

di Enrico Sozzetti da: https://160caratteri.wordpress.com

“Per discutere e decidere di sanità, bisogna ascoltare chi ha le competenze”. Detta così, suona come un principio sacrosanto. Ma ad Alessandria la conoscenza delle procedure, i percorsi amministrativi e legislativi, le competenze e il buon senso sembrano merce rara. La breve storia dell’ultima seduta della Commissione Politiche sociali e sanitarie (il presidente è Piero Castellano) del Comune di Alessandria è un esempio da manuale. Infatti è stata convocata per ascoltare tre ospiti, invitati a dire la loro sul progetto di accorpamento dell’Asl e dell’azienda ospedaliera – attualmente all’esame della Commissione regionale Sanità, prima di passare alla discussione in Consiglio regionale – sulla quale si è già espresso in modo contrario il Consiglio comunale, approvando oltre due settimane fa un ordine del giorno proposto dal consigliere Pierpaolo Guazzotti (oggi svolge la libera professione occupandosi prevalentemente di chirurgia orale e implantologia in uno studio privato) e votato dalla maggioranza di centrodestra, insieme a Oria Trifoglio (Quarto polo) e Vincenzo Demarte (gruppo misto). Continua a leggere “Sanità e fusioni aziendali fra pensieri (quando ci sono) e parole a ruota libera… E il buon senso? Altra storia… di Enrico Sozzetti”

Accorpamento ASL ASO Alessandria. Ravetti “Noi vogliamo dare un’opportunità ai cittadini, non ai protagonisti della politica del passato.

04/07/2017 -  X LEGISLATURA - Ravetti

Manca la volontà di dialogare seriamente. Questo confronto è avvelenato dalle strumentalizzazioni.

Destra irresponsabile e incompetente! Basta con le chiacchiere, il bar è chiuso e i giochini sono spenti. In questa deriva della ragione tocca alla Giunta imporre la svolta opportuna.”

Ho letto il resoconto dei lavori eccentrici della Commissione Sanità del Comune di Alessandria del 28 marzo u.s.  e ho raccolto su vari fronti diverse bizzarre dichiarazioni politiche; ora giungo a meditate conclusioni a tutela dei servizi ospedalieri e territoriali della nostra provincia. Grazie al M5S, in particolare alla serietà del collega Paolo Mighetti, e con l’intero sostegno della maggioranza abbiamo avviato una discussione sull’ipotesi di accorpamento dell’Asl e dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria; l’unico obiettivo è quello di rafforzare e rendere più efficiente la sanità della provincia di Alessandria e la sanità piemontese, sottoponendo all’approvazione del Consiglio regionale e al confronto sul merito ogni ipotesi di riorganizzazione.

Purtroppo mi spiace constatare come invece la discussione, che dovrebbe attenersi al piano dell’organizzazione sanitaria e dovrebbe riguardare le modalità di miglioramento dell’offerta sanitaria per i pazienti, sia scivolata sul piano delle opportunità individuali e dei posizionamenti politici in particolare della destra. Continua a leggere “Accorpamento ASL ASO Alessandria. Ravetti “Noi vogliamo dare un’opportunità ai cittadini, non ai protagonisti della politica del passato.”

Enrico Sozzetti: Fusioni sanitarie alessandrine, adesso chi ha qualcosa da dire lo può fare

Fusioni

Fusioni sanitarie alessandrine, adesso chi ha qualcosa da dire lo può fare

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Adesso tutti gli alessandrini esperti che discettano di sanità possono dire la loro sul progetto di accorpamento dell’azienda ospedaliera di Alessandria e l’Asl Al. Al termine dell’ultima riunione della Commissione regionale Sanità, guidata da Domenico Ravetti, sono state infatti avviate le consultazioni sulla proposta di legge.

“L’apertura di questa fase – spiega lo stesso Ravetti – permetterà a tutti i soggetti interessati (ordini professionali, sindacati, amministrazioni comunali e altri) di inviare osservazioni sul provvedimento. Avevamo detto sin dal principio che volevamo alimentare nella nostra provincia un dibattito serio sul futuro del sistema sanitario.

A prescindere dalla lettura di certe stupefacenti dichiarazioni e nonostante alcuni attacchi personali, ora sarà formalmente possibile inviare le relazioni a testimonianza delle diverse posizioni”. Continua a leggere “Enrico Sozzetti: Fusioni sanitarie alessandrine, adesso chi ha qualcosa da dire lo può fare”

Associazione IDEA: Istituire la figura permanente di un medico urologo/a presso il Centro riabilitativo “Borsalino”

Associazione lettera IMG-20180220-WA0008

Associazione IDEA: Istituire la figura permanente di un medico urologo/a presso il Centro riabilitativo “Borsalino”

Alessandria: In data 16 febbraio  l’associazione “Idea” ha organizzato un incontro informale e di conoscenza reciproca con il Dott. Rocchetti Andrea attuale responsabile del laboratorio di Microbiologia dell’ospedale di Alessandria.

Il tema dell’incontro scelto per incominciare a parlare di problematiche  quotidiane e di non semplice soluzione è stato quello delle infezione delle vie urinarie.
La Microbiologia è un servizio trasversale che lavora a stretto contatto con tutte  le strutture ospedaliere e territoriali per fornire supporto alla diagnosi ed alla terapia delle malattie infettive siano esse di origine virale, batterica, fungina e parassitaria.

Per offrire un servizio adeguato all’attesa dei cittadini gli standard di qualità devono essere alti e le tecnologie utilizzate all’avanguardia. Continua a leggere “Associazione IDEA: Istituire la figura permanente di un medico urologo/a presso il Centro riabilitativo “Borsalino””

Fusioni sanitarie alessandrine, adesso chi ha qualcosa da dire lo può fare

Fusioni

Fusioni sanitarie alessandrine, adesso chi ha qualcosa da dire lo può fare

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Alessandria: Adesso tutti gli alessandrini esperti che discettano di sanità possono dire la loro sul progetto di accorpamento dell’azienda ospedaliera di Alessandria e l’Asl Al. Al termine dell’ultima riunione della Commissione regionale Sanità, guidata da Domenico Ravetti, sono state infatti avviate le consultazioni sulla proposta di legge “L’apertura di questa fase – spiega lo stesso Ravetti – permetterà a tutti i soggetti interessati (ordini professionali, sindacati, amministrazioni comunali e altri) di inviare osservazioni sul provvedimento. Avevamo detto sin dal principio che volevamo alimentare nella nostra provincia un dibattito serio sul futuro del sistema sanitario. A prescindere dalla lettura di certe stupefacenti dichiarazioni e nonostante alcuni attacchi personali, ora sarà formalmente possibile inviare le relazioni a testimonianza delle diverse posizioni”. Continua a leggere “Fusioni sanitarie alessandrine, adesso chi ha qualcosa da dire lo può fare”

Ravetti” Mai pensato a riforme calate dall’alto: è aperta la fase formale delle Consultazioni.”

04/07/2017 -  X LEGISLATURA - Ravetti

In IV Commissione Regionale Sanità, Politiche Sociali e Politiche per gli Anziani convocata lunedì 19 marzo u.s. abbiamo deciso di avviare una fase di Consultazioni sulla proposta di legge “Accorpamento ASL ASO di Alessandria”. L’apertura di questa nuova fase permetterà a tutti i soggetti interessati (Ordini professionali, Sindacati, Amministrazioni Comunali e altri) di inviare osservazioni sul provvedimento.

Avevamo detto sin dal principio che volevamo alimentare nella nostra provincia un dibattito serio sul futuro del Sistema Sanitario; a prescindere dalla lettura di certe stupefacenti dichiarazioni e nonostante alcuni attacchi personali, ora sarà formalmente possibile inviare le relazioni a testimonianza delle diverse posizioni.

Considerata l’importanza dell’argomento mi auguro che il confronto non scivoli sul piano basso del conflitto politico e, ancor peggio, sulla raccolta delle opinioni dissociate da un’analisi scientifica competente.

L’accorpamento di due Aziende Sanitarie Regionali non è una materia semplice su cui chiunque può esercitarsi; quello che è più semplice capire è che dobbiamo tutti impegnarci per migliorare la situazione attuale. E’ passato il tempo dei cambiamenti calati dall’alto; ora le comunità devono condividere e accompagnare i processi decisionali. Però non è nemmeno il tempo di abbandonare le responsabilità.   

Domenico Ravetti

Vice Presidente del Gruppo Consiliare del PD

Presidente IV Commissione Sanità, Politiche Sociali, Politiche per gli Anziani

Marco Tallone: ONDE D’URTO NELLA CEFALEA MUSCOLO-TENSIVA

sez tallone

Marco Tallone: ONDE D’URTO NELLA CEFALEA MUSCOLO-TENSIVA

L’onda d’urto è la terapia fisica più sperimentata al mondo, nata durante la Seconda Guerra Mondiale, è stata impiegata inizialmente nella cura dei calcoli renali per poi passare negli anni 80 anche nel campo ortopedico e fisiatrico.

Ormai le sue proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche, antiedemigene e riparative sono apprezzate e provate scientificamente. Inizialmente usate per la cura di tendinopatie, calcificazioni, spine calcaneali, ultimamente vengono usate anche per la cura della cefalea muscolo-tensiva, la cervicalgia e la lombalgia (dolore alla schiena). Continua a leggere “Marco Tallone: ONDE D’URTO NELLA CEFALEA MUSCOLO-TENSIVA”

Prevenire è vivere, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Nel 2001 la Lega Italiana contro i Tumori istituì la “Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica”, in coincidenza con l’avvento della primavera come messaggio di speranza e con lo scopo di diffondere la cultura della prevenzione come metodo di vita.

In questi anni la LILT ha compiuto tanta strada e concentrato l’attenzione sul valore della prevenzione “primaria” (individuazione e rimozione dei fattori di rischio) e “secondaria ” (anticipazione diagnostica, grazie alla rapida evoluzione dell’immaging).In questo modo si è arrivati ad elevare la percentuale di guaribilita’ della patologia tumorale a oltre il 60%.

Da quest’anno la LILT è anche impegnata ad attivare il percorso della prevenzione “terziaria” ( prendersi cura di coloro che hanno già vissuto l’esperienza cancro).

Resta comunque fondamentale la prevenzione primaria, subordinata ai corretti stili di vita di ognuno di noi: lotta al tabagismo e alla cancerogenesi ambientale e professionale, regolare attività fisica, corretta alimentazione.

La LILT è impegnata a portare avanti nelle scuole, insieme a MIUR e CONI, progetti di educazione alimentare e di attività fisica.

 

La prevenzione in rosa, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Sabato 17 e domenica 18 marzo, dalle 10 alle 17,30, sarà presente un ambulatorio mobile in piazza della Libertà per visite dermatologiche, diabetologiche e oculistiche (sabato), cardiologiche e senologiche (domenica), completamente gratuite ed effettuate a cura di medici specialisti che afferiscono alle Associazioni di volontariato coinvolte .

Promotori:

– Prevenzione e salute a km 0

– LILT Lega Italiana per la lotta contro i tumori , sez, di Alessandria

– APMC Associazione Prevenzione Malattie del Cuore

– ADAL Associazione Diabetici Alessandria

– Prevenzione è progresso

– BIOS Alessandria

L’evento è inserito nel calendario del Marzo Donna della Consulta Pari Opportunità del Comune di Alessandria.

Le infezioni da HPV e tumori ginecologici, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Inner Wheel, in collaborazione e in favore di LITL- Lega Italiana per la lotta contro i tumori, organizza una cena, seguita da una conferenza dal titolo “Le infezioni da HPV e i tumori ginecologici “,per mercoledì 14 marzo, alle ore 20, nella sala “Belle Epoque dell’Hotel Alli Due Buoi Rossi, in via Cavour, 32, ad Alessandria.

Relatori  dottor Giovanni Gomba e dottor Guido Bottero. L’evento è inserito nel calendario del Marzo Donna della Consulta Pari Opportunità del Comune di Alessandria.

Sanità e fusione di aziende: parole in libertà, mentre la competenza resta un miraggio

Sanità

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Sanità alessandrina fra parole in libertà, scarsa conoscenza delle norme, il tutto mescolato a memoria cortissima e strumentalizzazioni politiche. Al centro del contendere del dibattito politico, in cui non mancano aspiranti statisti che non conoscono bene nemmeno le competenze delle due aziende, c’è il progetto di fusione, avviato dalla Regione Piemonte, fra l’Asl e l’Aso (azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria). Il Consiglio comunale del capoluogo ha approvato un ordine del giorno, presentato dalla Lega Nord, contrario all’operazione. Dopo alcuni passaggi in Commissione consiliare, il testo è stato portato rapidamente in discussione durante i lavoro consiliari.

Evidentemente il risultato elettorale ha galvanizzato la maggioranza di centrodestra, dimenticando altresì che le amministrazioni locali ben poco possono fare sul piano della programmazione sanitaria. Ma tant’è. E allora giù di accetta sul progetto, che peraltro non è nemmeno ancora andato all’esame della Commissione regionale sanità e che potrebbe subìre modifiche e aggiustamenti vari prima dell’eventuale approvazione. Continua a leggere “Sanità e fusione di aziende: parole in libertà, mentre la competenza resta un miraggio”

Forno, sulla Mozione di Ravetti PD, relativa all’accorpamento ASL e ASO di Alessandria

ospedale

Alessandria: MOZIONE N. 1212 PRESENTATA AL CONSIGLIO REGIONALE IL 17 OTTOBRE 2017 RELATIVA ALL’ACCORPAMENTO ASL E ASO DI ALESSANDRIA: RIFLESSIONI.

Prima di tutto sono dovute le presentazioni: mi chiamo Giancarlo Forno e nella mia “prima vita professionale” ho svolto le funzioni di Direttore Sanitario dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria fino al 2005.

Ho letto solo recentemente il testo completo della mozione presentata al Consiglio regionale, primo firmatario Domenico Ravetti, sull’”Accorpamento dell’ASL (Azienda Sanitaria Locale) e dell’ASO (Azienda Sanitaria Ospedaliera) di Alessandria”.

Mi è stato insegnato che ogni decisione “politico/istituzionale”, nel senso specifico del termine, deve sempre essere supportata da una analisi calibrata sull’argomento in trattazione: più è importante la decisione, maggiormente approfondita deve essere l’analisi a monte.

Ebbene, nel caso di cui trattasi non è nota l’analisi sul tema; in ogni caso, la mozione difetta di oggettive motivazioni che portino alle conclusioni prospettate (accorpamento ASL-ASO Alessandria).

Vorrei procedere per gradi seguendo il testo.

“Premesso che (…) i tentativi compiuti negli anni per mettere in rete tutti i presidi sanitari con l’obiettivo di razionalizzare, qualificare e potenziare l’offerta non hanno prodotto risultati soddisfacenti. La cooperazione tra ASL e ASO è sempre stata debole perché hanno prevalso le esigenze delle singole aziende”. Continua a leggere “Forno, sulla Mozione di Ravetti PD, relativa all’accorpamento ASL e ASO di Alessandria”

Il dolore della solitudine, di Agostino Pietrasanta 

Il dolore

Domenicale ● Agostino Pietrasanta  Alessandria  https://appuntialessandrini.wordpress.com/

Distratti, io credo, da un’irritante campagna elettorale, condizionati inevitabilmente dall’emergenza di una tempesta di neve e freddo pressoché fuori stagione, i diversi media e, di conseguenza tutti noi non ci siamo resi informati su quanto esprimeva un meeting mondiale della pontificia accademia per la vita; solo grazie, ed ancora una volta, al quotidiano di ispirazione cattolica, sulle cui scelte in politica molte volte siamo perplessi, abbiamo preso adeguata conoscenza dei dibattiti e delle conclusioni dell’importante convegno.

Spiace l’atteggiamento di indifferenza generalizzata, rispetto ad una questione di interesse per ogni persona, ogni famiglia ed ogni comunità anche, ma non solo, medico/scientifica.

In considerazione di tale premessa, mi permetto di fare alcune affermazioni; ci troviamo in presenza di indicazioni che non innovano tanto sul versante delle proposte etiche da sempre sostenute dalla Chiesa, quanto piuttosto di fronte ad un richiamo di vera e propria natura politica, oltreché pastorale di cospicua rilevanza. Continua a leggere “Il dolore della solitudine, di Agostino Pietrasanta “

Sanità e fusione di aziende: parole in libertà, mentre la competenza resta un miraggio

Sanità

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Sanità alessandrina fra parole in libertà, scarsa conoscenza delle norme, il tutto mescolato a memoria cortissima e strumentalizzazioni politiche.

Al centro del contendere del dibattito politico, in cui non mancano aspiranti statisti che non conoscono bene nemmeno le competenze delle due aziende, c’è il progetto di fusione, avviato dalla Regione Piemonte, fra l’Asl e l’Aso (azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria).

Il Consiglio comunale del capoluogo ha approvato un ordine del giorno, presentato dalla Lega Nord, contrario all’operazione. Dopo alcuni passaggi in Commissione consiliare, il testo è stato portato rapidamente in discussione durante i lavoro consiliari.

Evidentemente il risultato elettorale ha galvanizzato la maggioranza di centrodestra, dimenticando altresì che le amministrazioni locali ben poco possono fare sul piano della programmazione sanitaria. Ma tant’è. E allora giù di accetta sul progetto, che peraltro non è nemmeno ancora andato all’esame della Commissione regionale sanità e che potrebbe subìre modifiche e aggiustamenti vari prima dell’eventuale approvazione. Continua a leggere “Sanità e fusione di aziende: parole in libertà, mentre la competenza resta un miraggio”

Lega Nord, Alessandria: Consiglio comunale, i motivi del no all’accorpamento ASL e ASO

Comune

Nella Provincia di Alessandria il servizio sanitario è garantito da:

  • dall’Ospedale “S. Antonio e Biagio”, dall’Ospedale Infantile “C. Arrigo” e dal Centro Riabilitativo “Borsalino” che costituiscono l’AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA (ASO) di Alessandria;
  • dalle strutture facenti parte dall’ASL-AL che si occupa del territorio (medici di base, assistenza domiciliare ecc.) e di 5 presidi ospedalieri: Casale M., Acqui T., Novi L., Ovada, Tortona.    

È ovvio che, pur essendo l’ASO e ASL due entità burocraticamente distinte, debbano collaborare per garantire il massimo dell’efficienza in base alle risorse disponibili.

Il giorno 17/10/2017 al Consiglio della Regione Piemonte è stata presentata una proposta di accorpamento dell’ASO e dell’ASL (con la creazione, cioè, di un’unica struttura burocratico-organizzativa) indicando, tra le motivazioni, proprio la difficoltà di comunicazione delle due strutture alla base dei problemi di efficienza con spreco di risorse. Continua a leggere “Lega Nord, Alessandria: Consiglio comunale, i motivi del no all’accorpamento ASL e ASO”

Una riflessione del Dr. Giancarlo Forno, sulla Mozione di Ravetti PD, relativa all’accorpamento ASL e ASO di Alessandria

ospedaleAlessandria: MOZIONE N. 1212 PRESENTATA AL CONSIGLIO REGIONALE IL 17 OTTOBRE 2017 RELATIVA ALL’ACCORPAMENTO ASL E ASO DI ALESSANDRIA: RIFLESSIONI.

Prima di tutto sono dovute le presentazioni: mi chiamo Giancarlo Forno e nella mia “prima vita professionale” ho svolto le funzioni di Direttore Sanitario dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria fino al 2005.

Ho letto solo recentemente il testo completo della mozione presentata al Consiglio regionale, primo firmatario Domenico Ravetti, sull'”Accorpamento dell’ASL (Azienda Sanitaria Locale) e dell’ASO (Azienda Sanitaria Ospedaliera) di Alessandria”.

Mi è stato insegnato che ogni decisione “politico/istituzionale”, nel senso specifico del termine, deve sempre essere supportata da una analisi calibrata sull’argomento in trattazione: più è importante la decisione, maggiormente approfondita deve essere l’analisi a monte.

Ebbene, nel caso di cui trattasi non è nota l’analisi sul tema; in ogni caso, la mozione difetta di oggettive motivazioni che portino alle conclusioni prospettate (accorpamento ASL-ASO Alessandria).

Vorrei procedere per gradi seguendo il testo.

“Premesso che (…) i tentativi compiuti negli anni per mettere in rete tutti i presidi sanitari con l’obiettivo di razionalizzare, qualificare e potenziare l’offerta non hanno prodotto risultati soddisfacenti. La cooperazione tra ASL e ASO è sempre stata debole perché hanno prevalso le esigenze delle singole aziende”. Continua a leggere “Una riflessione del Dr. Giancarlo Forno, sulla Mozione di Ravetti PD, relativa all’accorpamento ASL e ASO di Alessandria”

Giovanna Baraldi, direttore dell’ospedale di Alessandria, non è più fra i manager della sanità

Giovanna Baraldi

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Giovanna Baraldi, direttore generale dell’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria, non è più fra i manager della sanità. Nella tarda serata di lunedì è stato pubblicato sul sito del ministero l’elenco nazionale degli idonei al conferimento dell’incarico di direttore generale delle aziende sanitarie locali, delle aziende ospedaliere e degli altri enti del servizio sanitario nazionale. In tutto sono 758 (di cui 209 donne) i candidati risultati idonei al termine del lungo lavoro della Commissione del Ministero della Sanità che ha lavorato dal 4 settembre all’8 febbraio.

E Giovanna Baraldi non compare, mentre altri altri manager hanno superato l’esame. Così fra i piemontesi inseriti nell’elenco nazionale compare Gilberto Gentili, direttore dell’Asl Al, insieme ad alcuni dirigenti che hanno lavorato in provincia di Alessandria: Gianni Bonelli (Asl di Biella), Flavio Boraso (direttore generale Asl Torino 3), Nicola Giorgione (direttore di presidio all’ospedale San Giovanni Bosco), Ida Grossi (direttore generale Asl Asti), Stefano Manfredi (direttore generale Asl di Lecco). Continua a leggere “Giovanna Baraldi, direttore dell’ospedale di Alessandria, non è più fra i manager della sanità”

La GRF – Giornata di raccolta del farmaco, torna in tutta Italia

Giornata del farmaco

Sabato 10 febbraio 2018

In oltre 3.800 farmacie che espongono la locandina della #GRF18, sarà possibile acquistare un farmaco da banco da donare ai poveri assistiti da più di 1.720 enti caritativi convenzionati con Banco Farmaceutico. In 5 anni, le richieste di aiuto sono salite del 27,4%. Cresce il numero dei poveri soprattutto tra i minorenni (+3,2% in 1 anno)

Sabato 10 febbraio 2018 si svolgerà in tutta Italia la XVIII edizione della GRF – Giornata di Raccolta del Farmaco. In 104 Province, nelle oltre 3.800 farmacie che aderiscono all’iniziativa e ne espongono la locandina, sarà possibile, grazie alle indicazioni del farmacista e all’assistenza di oltre 14.000 volontari, acquistare uno o più medicinali da banco da donare ai poveri. I farmaci acquistati saranno consegnati direttamente agli oltre 1.720 enti assistenziali convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus. 

Continua a leggere “La GRF – Giornata di raccolta del farmaco, torna in tutta Italia”

Nel team per lo sviluppo della terapia genica contro la leucemia, c’è un medico tortonese

2155561_1517592410-kTK-U11012205547646lCF-1024x576@LaStampa.it

Un piccolo paziente è stato salvato nell’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma, grazie anche all’apporto di Mattia Algeri, che da tre anni lavora nell’equipe del professor Locatelli

Un bambino di 4 anni malato di leucemia è stato curato con successo all’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma con una terapia genica sperimentale: il suo cuore, piccolo ma consapevole della difficile sfida che la vita gli ha chiesto di affrontare, è gonfio di speranza e probabilmente ora sorride, insieme a quello dell’équipe del dipartimento di onco-ematologia pediatrica guidata dal professor Franco Locatelli. Orgoglio tutto italiano, di cui fa parte anche il medico tortonese Mattia Algeri che, a 34 anni, condivide con i colleghi dell’intero dipartimento questa grande soddisfazione.  Il bimbo sottoposto a questa sperimentazione, legata all’innovativa tecnica di manipolazione delle cellule del sistema immunitario per combattere il cancro, è il primo paziente italiano curato con questo approccio rivoluzionario. «Questa metodica è stata inventata per la prima volta nel 2012, al Children Hospital di Philadelphia – spiega il dottor Algeri -. Il gruppo di ricercatori del nostro ospedale è partito da lì e, dopo un lavoro durato 3 anni, l’ha modificata geneticamente, sviluppando un protocollo nostro ed accademico, cioè non sponsorizzato da case farmaceutiche.  Sono stati effettuati test preclinici che rendessero efficace e sicura la procedura: i linfociti T – le cellule fondamentali per la risposta immunitaria – sono stati prelevati dal nostro piccolo paziente e poi modificati attraverso un ricettore sintetizzato in laboratorio». Il gruppo clinico di cui fa parte Mattia Algeri ne ha poi gestito l’infusione: un percorso lungo, che richiede tempo per la lavorazione delle cellule e che nei prossimi mesi sarà intrapreso da diversi bambini. Negli Stati Uniti un trattamento del genere costa circa 400.000 euro. In Italia, grazie al ministero della Salute, regione Lazio e l’Associazione italiana ricerca contro il cancro che hanno finanziato lo studio, questa terapia è stata somministrata gratuitamente. «A breve procederemo con una seconda infusione in un altro bambino – prosegue il medico tortonese -: sono fiero di essere qui e di essere parte di questo immenso progetto. Sono grato al professor Locatelli, che 3 anni fa mi ha offerto la possibilità di raggiungerlo nella capitale (Mattia aveva intrapreso la specialità al termine della laurea in Medicina all’Università degli Studi di Pavia, ndr) ». Il passo successivo sarà applicare questo trattamento, che ora permette di attaccare ed eliminare completamente le cellule cancerogene presenti nel sangue e nel midollo, anche ai tumori solidi. E mentre il bimbo di 4 anni, cui anche Mattia è particolarmente affezionato, può riprendere in mano la sua vita e tornare presto all’asilo, al Bambin Gesù hanno già puntato un altro nemico da sconfiggere: il neuroblastoma, molto aggressivo in età pediatrica.  Continua a leggere “Nel team per lo sviluppo della terapia genica contro la leucemia, c’è un medico tortonese”

Leucemia, bimbo di 4 anni salvato dalla terapia genica. Primo caso in Italia

af38dfd00e718917b6d76afa30fe19bd-kqGE-U11012187145610dlC-1024x576@LaStampa.it

Manipolare geneticamente le cellule del sistema immunitario per renderle capaci di riconoscere e attaccare il tumore. Lo hanno fatto i medici dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma

Intervento rivoluzionario al Bambino Gesù di Roma su un paziente di 4 anni affetto da leucemia linfoblastica acuta refrattario alle terapie convenzionali: i linfociti sono stati manipolati e reindirizzati contro il bersaglio tumorale. Si tratta del primo paziente italiano curato con questo approccio rivoluzionario all’interno di uno studio accademico, promosso dal ministero della Salute, Regione Lazio e Airc.  La leucemia linfoblastica acuta di tipo B cellulare rappresenta il tipo più frequente di tumore dell’età pediatrica: la malattia fa registrare 400 nuovi casi ogni anno in Italia. Il bambino aveva già avuto due ricadute (recidive) di malattia, la prima dopo trattamento chemioterapico, la seconda dopo un trapianto di midollo osseo da donatore esterno (allogenico). Ad un mese dall’infusione delle cellule riprogrammate nei laboratori del Bambino Gesù, il piccolo sta bene ed è stato dimesso: nel midollo non sono più presenti cellule leucemiche. Franco Locatelli, direttore del dipartimento di Onco-Ematologia Pediatrica, Terapia Cellulare e Genica dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù ha spiegato che per il bimbo leucemico «non erano più disponibili altre terapie potenzialmente in grado di determinare una guarigione definitiva. Qualsiasi altro trattamento chemioterapico avrebbe avuto solo un’efficacia transitoria o addirittura un valore palliativo. Grazie all’infusione dei linfociti T modificati, invece, il bambino oggi sta bene ed è stato dimesso». «E’ ancora troppo presto per avere la certezza della guarigione - ha aggiunto -, ma il paziente è in remissione: non ha più cellule leucemiche nel midollo. Per noi è motivo di grande gioia, oltre che di fiducia e di soddisfazione per l’efficacia della terapia. Abbiamo già altri pazienti candidati a questo trattamento sperimentale».  L’Officina Farmaceutica del Bambino Gesù ha infatti completato la preparazione delle cellule per un adolescente affetto dalla stessa malattia, la leucemia linfoblastica acuta, mentre è in corso la preparazione di CAR-T anche per una bambina affetta da neuroblastoma, il tumore solido più frequente dell’età pediatrica.  Continua a leggere “Leucemia, bimbo di 4 anni salvato dalla terapia genica. Primo caso in Italia”

Medici ospedalieri che se ne vanno, convenzioni con l’Emilia Romagna, banca che chiude ‘a metà’: sanità di eccellenza o al risparmio?

medici

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Alessandria: Ospedale delle specialità, hub di riferimento per il Quadrante Alessandria – Asti, azienda di livello nazionale con grandi aspirazioni, ma anche struttura che continua a perdere professionisti che non appena maturano le condizioni per la pensione non ci pensano un attimo solo a presentare la domanda per andarsene, o, ancora, che se ne vanno per scelta.

È uno stillicidio quasi quotidiano quello che si registra all’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria, proprio mentre Giovanna Baraldi, direttore generale in scadenza di mandato a fine aprile (salvo proroghe ancora tutte da definire) non perde occasione per dire che invece va tutto bene.

In occasione della recente festa di S. Antonio, il direttore ha diffuso una nota in cui dichiara, nero su bianco, che nel 2017 “sono stati ben 185 i nuovi assunti, suddivisi tra 48 medici, 96 operatori dedicati alle professioni sanitarie, 21 operatori socio sanitari e 20 addetti del personale tecnico e amministrativo. Continua a leggere “Medici ospedalieri che se ne vanno, convenzioni con l’Emilia Romagna, banca che chiude ‘a metà’: sanità di eccellenza o al risparmio?”

Una laurea in medicina val bene una cena alessandrina? Basta che non sia delle beffe (la cena)…

medicina

di ENRICO SOZZETTI

https://160caratteri.wordpress.com

Metti una sera a cena per parlare di un progetto di sviluppo in cui mancano alcuni protagonisti e istituzioni. In cui siedono intorno a un tavolo personaggi che non mancano di predicare bene e razzolare male.

E che scelgono volutamente di privilegiare la presenza di alcuni commensali, lasciando a casa altri. Succede ad Alessandria. Un capoluogo di provincia dove potrebbe sbarcare il nuovo corso di laurea in Medicina, destinato a innescare inattesi processi di sviluppo e a modificare profondamente il peso e ruolo delle aziende sanitarie.

Ma non c’è niente da fare, ad Alessandria una cosa normale è difficile da realizzare. Singolare, e significativa, la frase che chiude una breve nota diffusa da Domenico Ravetti, presidente della Commissione regionale Sanità e consigliere regionale. “Un corso di laurea, in particolare di Medicina e Chirurgia, cambia in meglio le città. Continua a leggere “Una laurea in medicina val bene una cena alessandrina? Basta che non sia delle beffe (la cena)…”

In Europa oltre 37mila decessi l’anno

310x0_1517223499800.LP_1578060

Oms: nel mondo 500mila casi di infezioni antibiotico-resistenti

I batteri resistenti più comunemente riportati sono stati Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae, Staphylococcus aureus e Streptococcus pneumoniae

29 gennaio 2018

 Potrebbero essere un milione i decessi all’anno in Europa già nel 2025 per malattie infettive non più curabili, mentre il 2050 viene indicato da studi commissionati dal governo britannico come data limite, con quasi 10 milioni di persone nel mondo che potrebbero morire ogni anno per lo stesso problema. Servono quindi “urgenti politiche di ricerca e di investimento per rendere disponibili nuovi farmaci efficienti, economici e soprattutto a disposizione di tutti”. A lanciare l’allarme  l’Associazione Dossetti, in occasione del convegno “Superbugs 2050 il countdown  iniziato. Piano Nazionale di contrasto dell’Antimicrobico-Resistenza: dichiarazione di intenti o impegno concreto?” in Senato. Al convegno è stato evidenziato che gli antibiotici sono strumento essenziale per contrastare diversi tipi di infezione, ma l’utilizzo eccessivo ed inappropriato ne limita l’efficacia, dando vita ad una delle più gravi minacce alla salute pubblica che le Istituzioni sono chiamate a fronteggiare.   Secondo i dati diffusi in Europa le infezioni sono 4 milioni, con oltre 37 mila decessi l’anno, comportano un significativo incremento della spesa non solo sanitaria stimato in circa 1,5 miliardi di euro l’anno. In Italia la resistenza agli antibiotici è tra le più elevate in Europa. Ogni anno dal 7 al 10 per cento dei pazienti va incontro a un’infezione batterica multiresistente. Le infezioni correlate all’assistenza colpiscono circa 284.100 pazienti. Continua a leggere “In Europa oltre 37mila decessi l’anno”

Christian Fai, Motoclub Le dune di S.Anna Arresi: Ho diritto a curarmi!

unnamed

Christian chiede che la sua terapia riabilitativa non sia interrotta e che possa continuare a curarsi.

Petizione diretta a Beatrice Lorenzin

Riabilitazione al S. Maria Bambina di Oristano per Christian

Ora puoi firmare subito cliccando o toccando qui sotto Firma con un solo click

Mi Chiamo Christian Fai, Presidente del Motoclub Le dune di S. Anna Arresi, vivo a Masainas (Carbonia-Iglesias) e faccio il conducente di Autobus presso l’ARST S.p.A., l’Azienda Regionale Sarda del trasporto Pubblico.

Il 20 agosto ho avuto un’incidente in moto durante il Motoraduno SuperSic Day di Torregrande in memoria di Marco Simoncelli mentre facevo la staffetta durante il giro turistico. Attualmente sono su una sedia a rotelle in quanto non riesco a far muovere le gambe. Dopo 3 mesi in giro tra gli ospedali S. Martino di Oristano, Brotzu e il Marino di Cagliari e una riabilitazione iniziata e non finita per peggioramento delle mie condizioni mentre ero alla casa di cura S. Anna di Cagliari, ora mi viene negata la possibilità di tornare al S. Maria Bambina di Oristano, unico centro di riabilitazione presente in Sardegna in cui sono presenti macchinari e ausili di ultima generazione, in cui poter riprendere la riabilitazione , solamente perché a causa della dicitura “riabilitazione a domicilio” scritta nel foglio dimissione della casa di Cura S. Anna, la Asl di Carbonia non può o non vuole AUTORIZZARE il mio percorso riabilitativo, nonostante dei 30 giorni previsti alla casa di cura S. Anna di Cagliari ne abbia fatto solamente 9 e che al momento delle dimissioni il 30 di ottobre le mie condizioni erano nettamente peggiori rispetto a quando sono stato ricoverato per la riabilitazione. Continua a leggere “Christian Fai, Motoclub Le dune di S.Anna Arresi: Ho diritto a curarmi!”

Ecco come l’UE concepisce la democrazia e il diritto della popolazione a essere informata sui rischi sanitari

photo

Ennesima dimostrazione unilaterale dell’autoritarismo dell’UE e della sua sottomissione alle industrie farmaceutiche a detrimento della salute dei cittadini, rendendo evidente l’assenza di effettiva democrazia nelle istituzioni europee, sostituita da un’apparente legalità strumentalizzata dagli interessi delle grandi lobby. Situazione veramente penosa e indegna di istituzioni civili che dovrebbero essere rappresentative degli interessi della popolazione, mentre si dimostrano al servizio esclusivo delle multinazionali. Ci attende un futuro sempre più opprimente e lesivo dell’intelligenza e dignità umana.

Claudio Martinotti Doria Cavaliere di Monferrato by maciknight57

Stefano Montanari – Ultimo tango a Bruxelles

Il video è reperibile al seguente link:

https://www.youtube.com/watch?v=lgcUeAAD5Gk

PandoraTV

Pubblicato il 27 gen 2018 

Stefano Montanari racconta l’incredibile tentativo di boicottaggio della conferenza organizzata dall’euro-parlamentare Michelle Rivasi, che prevedeva la partecipazione del premio Nobel Luc Montaginer Andrew Wakefield, oltre che di Stefano Montanari e Antonietta Gatti. Video di Telecolor Intervista a cura di Chiara Delogu.  Continua a leggere “Ecco come l’UE concepisce la democrazia e il diritto della popolazione a essere informata sui rischi sanitari”

Roberto Burioni, Medico: Il Morbillo non è un tagliando

Morbillo

di Roberto Burioni, Medico

Marco Travaglio in una recente intervista, attaccando la legge Lorenzin, ha testualmente detto “.. il morbillo era considerato non la peste bubbonica come è considerata ultimamente ma era considerato quasi un tagliando che un bambino doveva fare assieme ad altre malattie”

Ecco, magari questa bella cosa del tagliando dovrebbe spiegarla a Simone Tezzon, che vedete qui in una foto in officina a causa di quello che Travaglio considera un semplice tagliando.

Qui il racconto di Tezzon Simone:

“Ho avuto il morbillo a 44 anni. Non ero vaccinato.[…]. Ora immaginate un uomo di 44 anni alle prese con problemi di tosse e febbre alta…e con una ditta da portare avanti…che fa? Si imbottisce di tachipirina e lavora. Finché un giorno di inizio anno scorso (2017) stramazza. Al p.s. fanno accertamenti e mi spediscono d’urgenza all’ospedale S.Anna di S.Fermo (CO). Immaginate il primario… che riceve una barella con sopra un uomo di 44 anni che ha subito nel tragitto due infarti polmonari… il collasso di un polmone e un embolia polmonare. Paziente comatoso… Continua a leggere “Roberto Burioni, Medico: Il Morbillo non è un tagliando”

Duecentoquarantadue, di Roberto Burioni, Medico

241242

di Roberto Burioni, Medico

Duecentoquarantadue.

Marco Travaglio qualche giorno fa ha detto in una intervista che il morbillo “era considerato un tagliando”. Marco Travaglio è nato nel 1964. Nel 1964 242 bambini sotto i cinque anni sono stati uccisi dal morbillo.

Sono 242 se io divento Senatore, rimangono 242 se io mi candido con il PD, non cambia il numero se lascio l’università e mi metto a fare il pittore, sono 242 anche se io alle elezioni non vado a votare.

E’ un numero, un numero agghiacciante e non un’opinione.

Ora io chiedo a voi (e pure a Travaglio) di immaginarvi duecentoquarantadue piccole bare bianche, duecentoquarantadue banchi d’asilo vuoti per sempre, duecentoquarantadue funerali e oltre quattrocento genitori nel dolore per la perdita di un bambino. Continua a leggere “Duecentoquarantadue, di Roberto Burioni, Medico”

Roberto Burioni, Medico: Grazie, ma la mia battaglia la conduco fuori dal Parlamento

Roberto Burioni medico26903696_2512693988955769_4356751348031603803_n

Roberto Burioni, Medico

Qualche giorno fa ho ricevuto da Matteo Renzi la proposta di candidarmi come indipendente nelle liste del PD alle prossime elezioni politiche. Me l’ha fatta con le parole giuste: “vorrei rovinarle la vita proponendole di dare una mano al suo Paese in Parlamento”.

Parole giuste perché io sento il dovere di fare qualcosa per migliorare la Nazione dove vivo e dove crescerà mia figlia; insomma di mettere a disposizione degli altri quello che so e quello che so fare. Ricevere questa proposta è stato per me un grande onore: come sapete ho profondissima stima di Matteo Renzi, che con coraggio e decisione ha preso senza tentennamenti la parte della scienza in questa Italia talvolta oscillante tra viltà, opportunismo e superstizione.

Molti mi hanno detto “stai lontano dalla politica, è uno schifo”. Ma io non la penso così: la politica è per me la forma più alta di impegno civile e l’ho sempre considerata come il traguardo più prestigioso per un Cittadino. Continua a leggere “Roberto Burioni, Medico: Grazie, ma la mia battaglia la conduco fuori dal Parlamento”

La fusione sanitaria di Alessandria tra progetti per l’azienda unica e parole al vento

La fusione

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Nello stesso momento in cui il Consiglio comunale, ad Alessandria, ospitava i lavori della Commissione consiliare Politiche sociali e sanitarie, convocata per discutere una proposta di ordine del gioro presentata da Pierpaolo Guazzotti (Lega Nord), la giunta regionale, a Torino, su proposta dell’assessore alla Sanità, Antonio Saitta, ha approvato la proposta di delibera che prevede l’accorpamento dell’Asl e dell’Aso (azienda ospedaliera) di Alessandria.

A questo punto forse sarebbe stato il caso di modificare l’ordine dei lavori, infatti l’annuncio, formulato durante l’incontro da Domenico Ravetti, consigliere regionale e presidente della Commissione Sanità, ha di fatto modificato radicalmente lo scenario della discussione. Invece no.

Piero Castellano, presidente della Commissione consiliare, ha deciso di proseguire con il dibattito. E così dalle 10 alle 14 è andato in scena un confronto dove le parole a vuoto hanno abbondato, mettendo in evidenza la scarsa conoscenza della macchina della sanità da parte di diversi consiglieri, oltre a uno scontro politico inutile visto che né la Commissione, né il Comune, da questo punto di vista, hanno alcuna competenza in materia. Continua a leggere “La fusione sanitaria di Alessandria tra progetti per l’azienda unica e parole al vento”

Sanità, nuova azienda ad Alessandria. Ecco come potrebbe essere

Sanità

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Primo capitolo per la sanità alessandrina. Questa la nota ufficiale della Regione Piemonte

DAL 2019 AD ALESSANDRIA UN’UNICA AZIENDA SANITARIA

INTANTO LA REGIONE PIEMONTE LAVORA ALL’ AS@P, L’AZIENDA SANITARIA PIEMONTESE

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Sanità, ha approvato oggi la proposta di delibera che prevede l’accorpamento dell’Asl e dell’Aso di Alessandria.

Era stato il Consiglio regionale, con una mozione proposta dal presidente della IV Commissione e approvata il 17 ottobre scorso, ad impegnare la Giunta regionale a presentare un atto in tal senso, in base agli strumenti previsti dalla legge regionale 18/2007 “Norme per la programmazione socio-sanitaria ed il riassetto del servizio sanitario regionale”. Continua a leggere “Sanità, nuova azienda ad Alessandria. Ecco come potrebbe essere”

Volevamo un’idea di futuro da interpretare

Ravetti

Domenico Ravetti, Accorpamento Asl Aso di Alessandria. 

Volevamo un’idea di futuro da interpretare. Ora l’abbiamo e possiamo ambire ad avere una prospettiva migliore.

A novembre dell’anno scorso in Consiglio Regionale avevamo approvato una mozione che impegnava la Giunta ad adottare la proposta propedeutica all’accorpamento ASL AL e AO SS. Antonio e Biagio e C. Arrigo di Alessandria. L’atto è stato adottato e ora il confronto ripartirà in IV Commissione e successivamente in Aula.

I sostenitori del nuovo progetto hanno chiaro che l’obiettivo è quello di creare una nuova azienda sana e forte per garantire migliori servizi ai cittadini di tutta la provincia di Alessandria. Sulle ragioni del cambiamento e sulle scelte da compiere nel prossimo futuro avremmo bisogno di mettere al bando i simboli dei Partiti e le contrapposizioni animate solo per avvantaggiare alcuni politici, non certo i cittadini / pazienti. In questo senso ho colto con piacere l’atteggiamento di “apertura” dimostrato da molti consiglieri e assessori del Comune di Alessandria durante i lavori della Commissione Sanità a cui sono stato invitato. Continua a leggere “Volevamo un’idea di futuro da interpretare”

La fusione sanitaria di Alessandria tra progetti per l’azienda unica e parole al vento

La fusione

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Nello stesso momento in cui il Consiglio comunale, ad Alessandria, ospitava i lavori della Commissione consiliare Politiche sociali e sanitarie, convocata per discutere una proposta di ordine del gioro presentata da Pierpaolo Guazzotti (Lega Nord), la giunta regionale, a Torino, su proposta dell’assessore alla Sanità, Antonio Saitta, ha approvato la proposta di delibera che prevede l’accorpamento dell’Asl e dell’Aso (azienda ospedaliera) di Alessandria.

A questo punto forse sarebbe stato il caso di modificare l’ordine dei lavori, infatti l’annuncio, formulato durante l’incontro da Domenico Ravetti, consigliere regionale e presidente della Commissione Sanità, ha di fatto modificato radicalmente lo scenario della discussione. Invece no.

Piero Castellano, presidente della Commissione consiliare, ha deciso di proseguire con il dibattito. E così dalle 10 alle 14 è andato in scena un confronto dove le parole a vuoto hanno abbondato, mettendo in evidenza la scarsa conoscenza della macchina della sanità da parte di diversi consiglieri, oltre a uno scontro politico inutile visto che né la Commissione, né il Comune, da questo punto di vista, hanno alcuna competenza in materia. Continua a leggere “La fusione sanitaria di Alessandria tra progetti per l’azienda unica e parole al vento”

Sanità, nuova azienda ad Alessandria. Ecco come potrebbe essere

Sanità

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Primo capitolo per la sanità alessandrina. Questa la nota ufficiale della Regione Piemonte

DAL 2019 AD ALESSANDRIA UN’UNICA AZIENDA SANITARIA

INTANTO LA REGIONE PIEMONTE LAVORA ALL’ AS@P, L’AZIENDA SANITARIA PIEMONTESE

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Sanità, ha approvato oggi la proposta di delibera che prevede l’accorpamento dell’Asl e dell’Aso di Alessandria.

Era stato il Consiglio regionale, con una mozione proposta dal presidente della IV Commissione e approvata il 17 ottobre scorso, ad impegnare la Giunta regionale a presentare un atto in tal senso, in base agli strumenti previsti dalla legge regionale 18/2007 “Norme per la programmazione socio-sanitaria ed il riassetto del servizio sanitario regionale”. Continua a leggere “Sanità, nuova azienda ad Alessandria. Ecco come potrebbe essere”

Domenico Ravetti, Accorpamento Asl Aso di Alessandria: Volevamo un’idea di futuro da interpretare

Ravetti

Ora l’abbiamo e possiamo ambire ad avere una prospettiva migliore.

A novembre dell’anno scorso in Consiglio Regionale avevamo approvato una mozione che impegnava la Giunta ad adottare la proposta propedeutica all’accorpamento ASL AL e AO SS. Antonio e Biagio e C. Arrigo di Alessandria. L’atto è stato adottato e ora il confronto ripartirà in IV Commissione e successivamente in Aula. I sostenitori del nuovo progetto hanno chiaro che l’obiettivo è quello di creare una nuova azienda sana e forte per garantire migliori servizi ai cittadini di tutta la provincia di Alessandria.

Sulle ragioni del cambiamento e sulle scelte da compiere nel prossimo futuro avremmo bisogno di mettere al bando i simboli dei Partiti e le contrapposizioni animate solo per avvantaggiare alcuni politici, non certo i cittadini / pazienti. In questo senso ho colto con piacere l’atteggiamento di “apertura” dimostrato da molti consiglieri e assessori del Comune di Alessandria durante i lavori della Commissione Sanità a cui sono stato invitato. Al contrario in questi giorni mi sono parsi del tutto strumentali e sterili le affissioni di manifesti, così come alcuni mesti comunicati stampa. Continua a leggere “Domenico Ravetti, Accorpamento Asl Aso di Alessandria: Volevamo un’idea di futuro da interpretare”

Baraldi a fine mandato? Sì. O anche no? L’ospedale di Alessandria alla ricerca di nuove identità

Baraldi

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com/

Mancano meno di quattro mesi alla fine del mandato di Giovanna Baraldi alla direzione generale dell’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria e il discorso pronunciato prima della messa che ogni anno celebra la giornata dedicata alla Festa di Sant’Antonio suona un po’ come un addio, fra diversi momenti di sintesi rispetto alle cose fatte e ai ringraziamenti a tutto il personale, ma anche un po’ come una sorta di ‘prenotazione’ per ‘tempi supplementari’ alla guida dell’azienda.

Giovanna Baraldi riassume in pochi minuti i quasi tre anni di attività e dopo avere ringraziato l’intero personale (“Oggi in questa azienda siamo in 2.345”), fatto il punto sulle attività quotidiane “dei processi di diagnosi e cura” che hanno “sempre al centro il paziente” e ricordato le azioni di programmazione messe a fuoco “in un contesto di armonia”, lancia alcuni messaggi rivolti, anche in chiave un po’ criptica, alla politica discretamente rappresentata nei banchi riservati alle autorità (da quella locale a quella regionale, passando per alcuni aspiranti parlamentari già in campagna elettorale). Continua a leggere “Baraldi a fine mandato? Sì. O anche no? L’ospedale di Alessandria alla ricerca di nuove identità”

In un anno 185 assunzioni all’ospedale di Alessandria: “E manca ancora personale”

S2JN4PS82528-7890-kkJG-U11011924941605gJF-1024x576@LaStampa.it

by Federica Ghisolfi

Purtroppo sono sempre di più le esigenze, che esige un ospedale, e per questo anche se sono state abbastanza le assunzioni, il personale è ancora insufficiente, per adempiere a tutte le varie esigenze.

Nel 2017 sono arrivati altri 48 medici, 96 infermieri, 21 operatori socio sanitari e 20 addetti ai settori tecnico e amministrativo. In tutto i dipendenti della struttura sanitaria sono 2347

Lo scorso anno, sono stati 185 i nuovi assunti all’Azienda ospedaliera di Alessandria: 48 medici, 96 infermieri, 21 operatori socio sanitari e 20 addetti ai settori tecnico e amministrativo. Ma, come sottolinea il direttore generale Giovanna Baraldi, «l’organico non è ancora completo come auspichiamo, soprattutto in alcune discipline è molto complesso reperire personale, ma, rispetto a due anni fa, siamo riusciti ad invertire la tendenza di coloro che vengono assunti rispetto a coloro che cessano l’attività».  I dipendenti dell’Aso sono 2.347 e sono «il vero patrimonio dell’azienda». Per questo sono loro al centro della tradizionale festa di Sant’Antonio abate, patrono dell’ospedale civile, e che prende il via oggi pomeriggio. Domani, infatti, alle 18 (dopo la messa, con inizio alle 16,45, presieduta dal vescovo Guido Gallese e l’inaugurazione degli affreschi restaurati della chiesa dell’ospedale) nel salone di rappresentanza si svolgerà la «cerimonia delle benemerenze», con la consegna di attestati a chi, dai primari al personale tecnico-amministrativo, ha lasciato l’Azienda ospedaliera, a volte dopo un servizio ultratrentennale. Continua a leggere “In un anno 185 assunzioni all’ospedale di Alessandria: “E manca ancora personale””

Sanità, fusione lenta tra le aziende. Ad Alessandria la temperatura è alta e le piastrelle scivolose… di Enrico Sozzetti

Sanità

di Enrico Sozzetti

I sessanta giorni dall’approvazione della mozione presentata dal primo firmatarioDomenico Ravetti sono trascorsi, ma alla scadenza del termine non c’è traccia della proposta di deliberazione della giunta al Consiglio regionale per accorpare l’Aso e l’Asl di Alessandria. Almeno questa è la sensazione che si prova quando si pone la domanda diretta.

“Vedremo nei prossimi giorni cosa capita” è la risposta laconica di Ravetti, presidente della Commissione regionale Sanità e acceso sostenitore della mozione approvata con 24 sì dei gruppi di maggioranza e dei consiglieri del M5SPaolo Mighetti, Federico Valetti e Francesca Frediani e 5 no dei gruppi di minoranza.

Se questa è stata la conclusione della seduta del 7 novembre del Consiglio regionale, nelle settimane successive è sembrato che il processo prima dovesse subire una netta accelerazione, al punto da ipotizzare il via libera entro aprile proprio a ridosso della scadenza del mandato di Giovanna Baraldi, direttore generale dell’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria, poi sono emersi i primi segni del raffreddamento. Al punto che a oggi non si ha alcuna conferma della elaborazione del documento. Continua a leggere “Sanità, fusione lenta tra le aziende. Ad Alessandria la temperatura è alta e le piastrelle scivolose… di Enrico Sozzetti”

Domenico Ravetti, PD, ai vertici ASL e ASO: Considerare con massima attenzione richieste sindaci e medici ovadese

04/07/2017 -  X LEGISLATURA - Ravetti

Ospedale di Ovada e 118,

Ravetti: ”CHIEDO AI VERTICI ASL ASO DI CONSIDERARE CON LA MASSIMA ATTENZIONE QUANTO RICHIESTO DAI SINDACI E DAI MEDICI DELL’OVADESE.”

Tutti i 16 sindaci dell’Ovadese hanno firmato la lettera che sarà inviata prossimamente ai vertici dell’Asl ed ell’ASO per chiedere che il 118 ricominci a portare al Pronto soccorso di Ovada i codici verdi ora indirizzati a Novi.

La scelta dei primi cittadini è sostenuta da un gruppo nutrito di medici di base del territorio che qualche settimana fa ha avanzato la stessa proposta. Dalle informazioni che ho raccolto, proprio questi ultimi si assumerebbero la responsabilità di chiedere per i propri pazienti, caso per caso, il trasporto a Ovada invece che altrove. Continua a leggere “Domenico Ravetti, PD, ai vertici ASL e ASO: Considerare con massima attenzione richieste sindaci e medici ovadese”

Le famiglie ignorano le cure palliative del fine vita

Hospice Il gelso: Cura, professionalità e rispetto, nell’ultimo viaggio

di Pier Carlo Lava

Alessandria, intervista agli operatori dell’Hospice Il Gelso e dell’Associazione Fulvio Minetti Onlus.

Dott.ssa Mirella Palella: Responsabile medico Hospice e cure palliative

Dott Giovanni De Pascalis: medico Hospice e cure palliative

Valeria Ghelleri: Coordinatore Infermieristico Hospice e cure palliative

Francesca Biolatto: Presidente Associazione Fulvio Minetti

link video Intervista: https://youtu.be/K0lNs0SQuxc