Il piacere di respirare, di Marcello Comitini

Rosso Pompeiano

Una poesia sulla libertà di un uomo solo che
dedica questi versi all’infinita e squisita 
gentilezza di Pier Carlo Lava

Seduto al balcone lui
volta le spalle al sole.
Io ne vedo solo la testa
oltre il parapetto in cemento
come fosse decapitato
contro il rosso pompeiano del muro.
I suoi capelli
evocano vecchie nuvole
illuminate in un immobile cielo invernale.
I suoi occhi guardano in basso
forse le sue ginocchia.
Forse pensa a quand’era bambino
alle ginocchia di sua madre.
O quando teneva tra le braccia
quella donna
che gli ha piantato un coltello nel cuore
o quell’altra
che gli ha rinfacciato
di non essere nessuno
d’essere meno di una foglia
caduta sui piedi di un viandante.
Gli rimane il piacere di respirare d’esistere,
di brancolare affannato nella nebbia
dei suoi ricordi
come in un lungo viale
che porta verso l’eternità. È tutta la sua tristezza,
la sua fatidica libertà.

Borsalino e Champagne, di Pierluigi Selmi

Borsalino e Champagne, di Pierluigi Selmi

di Pier Carlo Lava

Alessandria today presenta lo scrittore Pierluigi Selmi, che ieri sera alle 18.00, in Via Tortona 71, nel salone di rappresentanza della “Basile”, ha presentato il suo libro:

Borsalino_e_champagne

Borsalino e Champagne

Vi siete mai chiesti come mai, nei paesi andini, quasi tutte le donne locali portano la bombetta? Quel copricapo, da noi classico, sembrava una strana coincidenza etnica… Un giorno, però, Selmi ha incontrato una persona che gli ha raccontato una storia vera, che ha svelato perché la bombetta (in lingua locale bombin) della ditta Borsalino (i famosissimi cappellai italiani) fosse divenuta in pochissimo tempo un oggetto di culto per le donne indio della Cordigliera. Il piccolo, grande mistero è come di consueto svelato con maestria dall’autore che, con la proverbiale generosità d’informazioni e curiosità, spiega come tante donne andine in pochissimi anni lo abbiano scelto e indossato… Continua a leggere “Borsalino e Champagne, di Pierluigi Selmi”

Marcella Nardi scrittrice: Dall’informatica alla scrittura, vive fra Milano e Seattle e ama costruire borghi e castelli medievali in scala ridotta

 

di Pier Carlo Lava

Marcella Nardi, ex Informatico, è appassionata di viaggi, fotografia, storia antica, libri gialli e d’avventura. Ha riscoperto l’amore per la scrittura e si è aggiudicata il terzo posto in un concorso per storie brevi. 

Vive tra Milano e Seattle (USA), costruisce castelli in miniatura ed è un’insegnante. Insegna l’Italiano e l’Inglese. 

La sua biografia ci ha incuriosito, perciò in esclusiva per il blog l’abbiamo intervistata per conoscerla meglio, queste le sue risposte alle nostre domande:

Ciao Marcella e benvenuta nel blog, ci racconti chi sei, dove vivi e che cosa fai nella vita, oltre a scrivere?

R: Ciao a te, Pier Carlo, e a quanti ci stanno leggendo. Direbbe Toto Cotugno “sono un’italiana vera”. Nasco a Castelfranco Veneto, Treviso, da padre vicentino e mamma tarantina. 

Ho vissuto in molti posti in Italia e per ultimo ventuno anni a Milano. Da circa sei anni vivo a Seattle, USA. Sono un Informatico che a un certo punto, dopo ventidue anni, ha deciso di riappropriarsi della sua vita e del suo tempo. 

Da quando sono qui in USA mi dedico, oltre allo scrivere, ai miei numerosi hobby e insegno italiano e inglese base/intermedio. Tra le passioni c’è la storia  antica e medievale, la fotografia, il giardinaggio, viaggiare per il mondo e dedicarmi lavori di bricolage, anche complessi. 

Costruisco borghi e castelli medievali in scala ridotta.  Due o tre volte l’anno tengo presentazioni su temi vari inerenti al Medioevo italiano presso la sede di Seattle della Dante Alighieri.    Continua a leggere “Marcella Nardi scrittrice: Dall’informatica alla scrittura, vive fra Milano e Seattle e ama costruire borghi e castelli medievali in scala ridotta”

Intervista alla scrittrice Patrizia Umilio, a cura di Pier Carlo Lava

Intervista alla scrittrice Patrizia Umilio, a cura di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare un intervista alla scrittrice Patrizia Umilio. Patrizia afferma che: “Essere” se stessi, uscire dalle prigioni invisibili in cui siamo sprofondati, è una sfida che richiede impegno e coraggio. Ma è l’unico dono che abbiamo per noi e per gli altri.

Queste le sue risposte alle nostre domande:

1 Patrizia Umilio copia

Patrizia ciao e benvenuta su Alessandria today è veramente un piacere farti un’intervista, ci vuoi raccontare dove sei nata, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Ciao a tutti! Sono davvero onorata di essere qui con voi.

Sono nata a Cossato, in provincia di Biella, il primo giorno d’aprile del 1963, secondogenita in una famiglia di operai. Sono arrivata in questo mondo per una sorta di “miracolo” e, fin dalla primissima infanzia, la mia vita si è rivelata “dedicata” alla spiritualità.

All’età di sei anni, un sogno premonitore, il primo di molti, annunciava una sciagura che, improvvisamente, si sarebbe abbattuta sulla mia famiglia e su tutto il mio mondo. E questo accadde: mia madre, in seguito ad un  incidente stradale, sprofondò in un coma profondo riemergendo, mesi dopo, completamente cambiata nel corpo e nella psiche. Da questa esperienza e dalle immediate, disastrose conseguenze, dal radicale cambiamento nel carattere di mia madre, sono nate le domande sul coma e, soprattutto, sul senso dell’esistenza.  Era iniziato un viaggio che mi avrebbe portata, con gli anni, a crescere interiormente e a sviluppare quelle sensibilità innate.

Ma non posso sopravvivere di sola spiritualità, per cui ho un lavoro in una scuola come Direttore Amministrativo, occupazione che assorbe quasi tutta la mia giornata. Nel tempo che rimane scrivo, faccio un po’ la nonna e anche, ancora, un po’ la mamma.

Abito fuori Biella, ma trascorro le mie giornate in città. Ricordo ancora i tempi floridi di questa provincia, mentre oggi ne vivo la decadenza. Ricca di industrie, in passato questa zona è stata vivace e attiva. Oggi, invece, i luoghi si sono spopolati, la crisi economica ha minato, in profondità, le speranze della gente. Di contro la Natura, nel suo inesorabile avanzare non più oscurata dai fumi e dalle ombre delle fabbriche, ha riconquistato il giusto spazio e sta restituendo una terra più a dimensione umana, ricca di torrenti, prati, monti e luoghi antichi mistici e silenziosi nei quali ritrovare se stessi.

Quando hai iniziato a scrivere e cosa ti ha spinto a farlo?

Ho sempre avuto una naturale predisposizione alla scrittura, forse perché amavo leggere qualsiasi libro mi capitasse. Nell’adolescenza ero capace di stare sveglia notti intere per arrivare alla fine dei libri che mi piacevano. A scrivere davvero, però, ho cominciato dopo la morte di mia madre, forse per la necessità di interpretare il grande dolore che sentivo dentro, per tradurlo ed esorcizzarlo. Una terapia.

Ci vuoi definire il termine scrittrice?

“Essere” un medico, uno scienziato, una scrittrice, credo significhi interpretare qualcosa che è tuo. E’ una vocazione che hai, a volte nemmeno ne sei consapevole. Ma quel che sei è già lì. Devi solo formalizzarlo. E’ in te, E’ te. E’ qualcosa di spontaneo, senza forzature, naturale.

Ne ho spesso discusso. Aver scritto un libro fa di me una scrittrice? E averne scritti due o tre? Non credo. Scrivo, ma fatico a etichettarmi come “scrittrice”.

Che libri leggi solitamente?

Mentre da ragazzina divoravo libri senza sosta, purtroppo, negli anni, ho dovuto fare i conti con il tempo. Prediligo i libri a carattere spirituale o filosofico. Di solito sono la prima lettrice di ciò che io stessa scrivo.

 

 

 

Ci vuoi parlare dei libri che hai scritto:  “Londra 1870”, “Il Quadro Rosa” e “Le fiabe del Reame di Ara e storie per ciuffolare un po”?

“Il Quadro Rosa” è un romanzo autobiografico pubblicato nel 2013 con la casa editrice “Fabbrica dei Segni” di Novate Milanese. Narra la mia storia personale, fra sogni, visioni e comunicazioni con Entità Superiori che, con molta pazienza, mi hanno sorretta e confortata nei momenti più drammatici dell’esistenza. Contiene una parte filosofica che mi è stata appositamente dettata affinché venisse divulgata. Voleva essere un messaggio di aiuto e incoraggiamento per chi, come me, doveva continuamente attraversare i mari in tempesta della Vita. Continua a leggere “Intervista alla scrittrice Patrizia Umilio, a cura di Pier Carlo Lava”

“VENDETTA”, l’ultimo caso del commissario Marcella Randi

w4_VENDETTA_EBOOK

Di nuovo bentrovati,

alcuni di voi mi conoscono già. Sono italiana e da 10 anni vivo a Seattle, USA. Tra le mie tante passioni la più grande è quella dello scrivere romanzi e racconti. Al mio attivo, oltre a due premi nazionali, ho una serie poliziesca giunta al quinto caso, due romanzi mystery/storici e un romance/erotico.

Vendetta è l’ultimo caso affrontato dalla mia detective, Marcella Randi. Come potete notare sono io. Ho solo invertito le prime tre lettere del mio cognome.

Vendetta è un caso molto particolare…

Abbazia benedettina di Viboldone, luglio 2018. La violenta aggressione a suor Monica porta il commissario Marcella Randi indietro di circa settecento anni, attraverso la lettura di un manoscritto di quell’epoca. Tra le sue righe, forse, ci sono indizi e riferimenti per la cattura del malvivente.

Quell’antico libro sembra essere il diario privato di un ricco possidente con la passione per le investigazioni. Il manoscritto, i cui eventi risalgono al XIV secolo, parla, attraverso la “voce” di quest’uomo, delle sue indagini, non ufficiali, su un caso molto complesso: due omicidi e una morte sospetta e tre croci d’oro con rubini incastonati, proprio come quella rubata a suor Monica, durante l’aggressione.

Oltre ai fatti narrati, il libro è ricco di dettagli in merito alle interessanti, e talora moderne, considerazioni e metodi di quell’uomo di settecento anni fa. Al suo fianco c’è un altro personaggio di spicco, una donna… Gli eventi in esso narrati si svolgono nei pressi di Urbino, nel monastero di San Pietro in Cagli e nelle zone del contado circostante, sotto l’allora giurisdizione dei duchi di Montefeltro. La risoluzione del caso porta Marcella Randi a considerare come davvero, fin troppo spesso, fatti e persone non sono quello che sembrano.

Vi auguro buona lettura!

Marcella Nardi/Randi

 

UN ANNO DI ME, di vittoriano borrelli

UN ANNO DI ME

di vittoriano borrelli

Il 2017 sta per chiudere i battenti ed è tempo di bilanci. Come ogni anno mi appresto a tirare le somme di ciò che avvenuto negli ultimi dodici mesi su questo blog. 

L’anno che sta arrivando tra un anno passerà. Io mi sto preparando, è questa la novità”. Così cantava Lucio Dalla nella sua mitica ed indimenticabile “L’anno che verrà”. Sembra essere questo il rendiconto tipico delle nostre storie che passano inesorabilmente con il tempo senza che ce ne accorgiamo, salvo ricordarcene proprio nell’ultimo giorno dell’anno.

Ma c’è un vissuto che resta e che ci rende più forti o più deboli a seconda di come sono andati gli eventi. Ogni attimo che respiriamo è già passato, sta a noi farlo prolungare o sopravvivere nel futuro prossimo che è già qui. Continua a leggere “UN ANNO DI ME, di vittoriano borrelli”

Al tuo cuore con la poesia di Rosario Tomarchio: alla famiglia ed alle persone care

Al tuo cuore con la poesia di Rosario Tomarchio: alla famiglia ed alle persone care

Vorrei essere una fontana/ Che dona allegramente acqua/ A tutti gli anziani al riparo delle calde ore,/ in circolo ricordano il loro passato/ e progettano sogni infiniti/ […]‒ “Vorrei essere una fontana”

Al tuo cuore con la poesia

La figurazione millenaria dell’anziano ‒ dell’essere umano che ha permesso agli anni di solcargli il viso e le mani ‒ che, in circolo davanti ad una fontana, si cimenta nella narrazione di ciò che la sua mente rammenta in quell’istante, al riparo dal sole.

Ancor più solcato è il Pensiero e, libero senza il tremolare delle ginocchia, affronta la scia di immagini talvolta supportata da sogni a cui non si può decretar la fine.

La voce narrante esprime la volontà di esser acqua ‒ la trasformazione in una fontana ‒ forse per poter sentire quei segreti che gli anziani si narrano o forse per rinfrescare i loro respiri con nuova linfa. 

“Al tuo cuore con la poesia” è una breve raccolta poetica dell’autore siciliano Rosario Tomarchio. L’autore conta di numerose pubblicazioni sia poetiche come “La musica del silenzio” (Statale 11, 2010), “Storia d’amore” (Aletti editore, 2012), “Ricordi di poesie” (Rupe Mutevole Edizioni, 2013), “Cielo” (Rupe Mutevole Edizioni, 2014) sia brevissimi saggi come “Il mito della semplicità”, “In cammino”, “Dalla grotta al tempio”, “In viaggio per incontrare Gesù”. Continua a leggere “Al tuo cuore con la poesia di Rosario Tomarchio: alla famiglia ed alle persone care”

“JOSHUA E LA CONFRATERNITA DELL’ARCA” di Marcella Nardi

“JOSHUA E LA CONFRATERNITA DELL’ARCA” di Marcella Nardi

Buon pomeriggio amici lettori!

Alessia Toscano ha letto “Joshua e la Confraternita dell’Arca”, di Marcella Nardi

1a foto Marcella

Titolo: Joshua e la Confraternita dell’Arca

Autore: Marcella Nardi

Genere: Giallo/Thriller storico – Mystery & Suspense

Disponibile in ebook a € 0,99

e in formato cartaceo a € 6,24

Contatto Facebook: Marcella Nardi

Sito: Marcella Nardi  

da: https://romancenonstop.blogspot.com

TRAMA:

Un thriller mozzafiato, tra storia e mistero, che cattura l’attenzione del lettore dalla prima all’ultima pagina e che illumina gli scenari più bui della storia del cristianesimo e dell’ebraismo. Un romanzo che parla di uomini pronti a tutto, interessati non alle verità della fede, ma a proteggere i due più grandi misteri dell’umanità.

Cos’è davvero l’Arca dell’Alleanza? Cosa si cela al suo interno? Chi era realmente Mosè?

E se, a dispetto della tradizione millenaria sulla Terra Promessa, Mosè non fosse stato altri che un guerriero in cerca di potere e fama che non aveva trovato presso la corte egiziana? Se fosse scappato dall’Egitto per realizzare altrove i suoi sogni di gloria, mettendo a ferro e fuoco chiunque ostacolasse i suoi piani?

1aa Foto Il parere di Alessia-2

Joshua, il figlio putativo del carpentiere Joseph, era davvero l’unigenito figlio di Dio?

Quale fu l’effettivo ruolo dei dodici apostoli? E se i dogmi in cui crediamo fossero solo la conseguenza di un loro tradimento, ideato ad arte, per far convergere su Joshua le profezie ebraiche sul Messia al fine di raggiungere il loro grande scopo? Mandando il Maestro al macello, e facendolo apparire risorto, i dodici diedero vita a una nuova religione. Plausibile? Forse… Continua a leggere ““JOSHUA E LA CONFRATERNITA DELL’ARCA” di Marcella Nardi”

Intervista al poeta e scrittore Marcello Comitini

Intervista al poeta e scrittore Marcello Comitini

Questo slideshow richiede JavaScript.

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare in esclusiva per il blog un intervista tutta da leggere, al poeta e scrittore Marcello Comitini, che ringraziano per la sua cortese disponibilità

Marcello ciao e benvenuto su Alessandria today. È veramente un piacere ospitarti. Ci vuoi raccontare chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Grazie del benvenuto, Pier Carlo. Sono io che ti ringrazio di questa ospitalità che mi permette di far conoscere anche ai vostri numerosissimi lettori quali realtà si muovono nella mente di chi scrive poesie per mestiere, il mestiere che ha sempre desiderato in cuor suo, anche se, come tutti i lavori o mestieri, richiede fatica. 

Non so cosa faccio nella vita, come non so cosa faccio io della mia vita perché non sono mai stato in grado di coniugare ciò che avrei voluto essere e ciò che sono stato costretto a fare. Ho svolto diversi lavori ma non l’insegnamento che era il solo che avrei voluto svolgere.

Sino al mio ventinovesimo anno di età il posto di insegnante mi ha tenuto in una condizione di precarietà. Le situazione economica della mia famiglia non poteva consentirmi quell’incertezza. Così sono stato costretto a dirottare su altri lavori che hanno assicurato a me, ma soprattutto alla mia famiglia, la sicurezza economica. In cambio il lavoro ha preteso che io mi allontanassi dalla mia città natale (Catania), dalla famiglia e dalla poesia. Una condizione dolorosa che mi ha spinto a sentirmi estraneo in qualunque città abbia lavorato e affetto da bipolarismo contrastante con processi ideativi che occupavano il mio intimo e quelli che dovevo mettere in atto per svolgere il mio lavoro. Continua a leggere “Intervista al poeta e scrittore Marcello Comitini”

L’Affaire Dresde, di Pierluigi Selmi

L’Affaire Dresde, di Pierluigi Selmi

da http://www.ibuc.it/

L_Affaire Dresde,

L’Affaire Dresde, un intrigo internazionale che nasce all’inizio del 1700 a Modena, all’epoca del ducato. Alcuni documentidimostrano che la Vendita di Dresda, la vendita di 100 opere della quadreria ducale che il Duca Francesco III fece ad Augusto III, Re di Polonia e Principe Elettore di Sassonia, per la strabiliante somma di 100.000 zecchini d’oro, fu una colossale combine tra il Duca e l’inviato del Re di Polonia che consegnarono al Re, invece degli originali, delle copie. Dove sono finiti gli originali?

Ai nostri giorni l’intera collezione è offerta a un tycoon americano che vanta la più grande raccolta di opere d’arte museale del mondo e che, tra le mirabili opere che tiene nel suo ufficio, espone anche una copia della Gioconda. Continua a leggere “L’Affaire Dresde, di Pierluigi Selmi”

Intervista alla scrittrice Marcella Nardi, la signora in giallo, di Pier Carlo Lava

Intervista alla scrittrice Marcella Nardi, la signora in giallo, di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare un interessante intervista in esclusiva per il blog, alla signora in giallo, la scrittrice di gialli e thriller Marcella Nardi.

 

Marcella ciao e benvenuta su Alessandria Today è veramente un piacere ospitarti, ci vuoi raccontare dove sei nata, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Ciao Pier Carlo e un saluto a chi ci legge su Alessandria Today. Sebbene viva da 10 anni in USA, vicino Seattle, sono italiana. Sono nata a Castelfranco Veneto (TV), ho vissuto in tante città italiane sia per il lavoro di mio padre, prima, sia per il mio dopo. Negli ultimi 20 anni in Italia ho abitato in Brianza, alle porte di Milano.

Sono laureata in Informatica e ho lavorato per 22 anni a Segrate (Milano) in questo settore. 

Ho tante passioni, alcune fin da bambina, altre maturate negli anni. Vorrei permettermi di segnalare il mio sito web ufficiale: www.marcellanardi.com. C’è tutto su di me e sui miei hobby: fotografia, viaggi, art & craft, realizzazione in scala ridotta di castelli e villaggi medievali (ho vinto due prestigiosi premi qui in USA).

Da dieci anni vivo alle porte di Seattle. Seattle è una bellissima città a misura d’uomo. Il clima è stupendo, salvo che l’estate dura poco. Solo due/tre mesi e prima e dopo ci sono piogge. I paesaggi di tutto questo Stato sono favolosi. Il turismo infatti sta aumentando. Seattle è il secondo mercato mondiale per l’esportazione del fresco, soprattutto di prodotti ittici.    Continua a leggere “Intervista alla scrittrice Marcella Nardi, la signora in giallo, di Pier Carlo Lava”

La poetessa e scrittrice Angela Maria Intruglio si presenta ai lettori di Alessandria today

La poetessa e scrittrice Angela Maria Intruglio si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia della poetessa e scrittrice Angela Maria Intruglio, della quale in seguito verrà pubblicata anche un intervista in esclusiva per il blog, a cura del poeta Marcello Comitini.

Angela Maria Intruglio copia

AUTOBIOGRAFIA

Mi chiamo Angela Maria Intruglio, sono siciliana e sono nata a Màscali in provincia di Catania, un paese vicino al mare. Vivo nella mia amata Sicilia, dove ho svolto da insegnante, tutta la mia attività lavorativa. E’stato nei periodi più incisivi ed emozionanti del mio cammino su questa Terra, che la Poesia è venuta a cercarmi. Ha bussato con insistenza alla porta della mia anima e senza che me ne rendessi conto, ho ceduto totalmente a Lei che mi aveva già scelta, regalandomi le stimmate del sacro fuoco poetico.

La Poesia ha fatto sì, che ubbidissi al comando supremo di scrivere e, con estrema umiltà, mi sono abbandonata al suo volere. Ho accettato l’appellativo di poetessa, dopo aver compreso,  che solo attraverso la Poesia, ho potuto raggiungere ed esprimere la parte più intrinseca e spirituale del mio essere, legata alle emozioni e al sublime dell’universo. Grazie a questa genuina consapevolezza, oggi riesco serenamente a condividere, senza reticenza, i miei versi e i miei  scritti.

Continua a leggere “La poetessa e scrittrice Angela Maria Intruglio si presenta ai lettori di Alessandria today”

Storia di Ana, di Pierluigi Selmi

Storia di Ana, di Pierluigi Selmi

da http://www.ibuc.it/

Storia_di_Ana

La rivoluzione dei garofani: un Portogallo rovesciato da una rivoluzione incruenta, latina, si potrebbe dire all’acqua di rose se il fiore di riferimento non fosse il garofano.

Un altro bel libro di Selmi, la cui produzione letteraria prende sempre più la cifra di un viaggio nel passato, mai remoto, di tutti i continenti. Ed ecco l’Australia, il Sudamerica, la Germania, la Tailandia, gli USA, la Russia, la Cina osservati dal suo sguardo limpido e agnostico, concentrato sul fermentare delle ideologie mentre si dipana il pragmatismo contemporaneo. E, come sempre, trasuda la dimensione umana, fatta di sentimenti, godimenti, storie personali…Qui a fare da pre-testo è la storia della portoghese Ana, cattolica di buona famiglia, rivoluzionaria suo malgrado. I fatti descritti sono originali, storicamente non ovvi, di fonte certa e di grande effetto.

Se il mercato della letteratura in italiano fosse meno barbaro, Selmi vi avrebbe un posto importante. Continua a leggere “Storia di Ana, di Pierluigi Selmi”

ULTIMA CENA A BERLINO, di Pierluigi Selmi

ULTIMA CENA A BERLINO, di Pierluigi Selmi

da http://www.ibuc.it/

UltimaCena.indd

Un romanzo di grande respiro, che compone numerosi aspetti della migliore letteratura: rigore storico nella ricostruzione dell’ambiente (il protagonista vive di qua e di là dal muro di Berlino in tempo di guerra fredda); qualità microdrammaturgica, che impronta le emozioni di ogni paragrafo; ricchezza di elementi espressivi, che mostrano la personalità di una scrittura versatile, piena di esperienza umana e di cultura; rilievo filosofico, qualificato dalla dovizia e profondità degli inserti autoriali; spigliatezza della narrazione, ove l’autore si permette licenze che il lettore è entusiasta di accordargli, grazie al piacere umanissimo che lui gli somministra abilmente.Giovanni Cancellieri, il grande chef modenese giramondo, questa volta è preso nel vortice di un intrigo politico finanziario internazionale, anche se quasi da spettatore, e sembra dire: “Ne ho passate così tante l’ultima volta, in “Un cuoco quasi fritto”, tra Bangkok e Mosca, che devo riposare…”.

Pur con questa distanza, vi regala un gradito servizio: ricette meravigliose che nel tessuto drammaturgico si collocano proprio in momenti strategici, quando la tensione, l’unheimlich (siamo o non siamo nelle viscere della Germania?), lo straniante del romanzo spionistico-storico-amoroso, cerca respiro. Continua a leggere “ULTIMA CENA A BERLINO, di Pierluigi Selmi”

Il poeta Domenico Ruggiero si presenta ai lettori di Alessandria today

Il poeta Domenico Ruggiero si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia del poeta Domenico Ruggiero, del quale in seguito verrà pubblicata anche un intervista in esclusiva per il blog a cura di Marcello Comitini.

domenico ruggiero DSC_0143-DOMENICP

DOMENICO RUGGIERO

Domenico Ruggiero nasce a Bitonto (Ba) il 6 marzo del 1950; vive la sua giovinezza a Trani e compie la prima parte degli studi diplomandosi al Liceo Ginnasio “F. De Sanctis”.

Si iscrive all’università di Bari e si laurea in Ingegneria Elettrotecnica. Nel 1980 si trasferisce a Pordenone e si dedica all’insegnamento presso l’ITIS “J.F. Kennedy”. 

Già esperto del gioco del BRIDGE, nel 1996 è nominato dalla F.I.G.B. “precettore” del gioco del Bridge a scuola, nell’ambito delle iniziative intercorse tra il Ministero della Pubblica Istruzione e il C.O.N.I..

Interviene con tale qualifica in corsi sperimentali presso gli Istituti Superiori, portando la propria esperienza al servizio degli studenti che apprendono il dono della logica e della riflessione, nonché l’arte della comunicazione, con favorevole beneplacito delle Autorità Scolastiche. Continua a leggere “Il poeta Domenico Ruggiero si presenta ai lettori di Alessandria today”