“L’incubatrice, il giacimento e il Purgatorio”, come nasce il libro, gli autori, temi trattati, disegni e caratteristiche tecniche editoriali

“L’incubatrice, il giacimento e il Purgatorio”, come nasce il libro, gli autori, temi trattati, disegni e caratteristiche tecniche editoriali

Alessandria, al Museo della Gambarina conferenza stampa di presentazione del libro di Piercarlo Fabbio e Piero Teseo Sassi, con la collaborazione di Mauro Remotti: “L’incubatrice, il giacimento e il Purgatorio”. Il libro sarà in vendita presso il Museo della Gambarina.

Come nasce il libro, gli autori, temi trattai e disegni

Fabbio e Sassi conf stampaLibro dupp

Come nasce il libro

Un giorno può capitare di incontrarsi sulla passerella pedonale del ponte Meier… Quel manufatto era stato costruito proprio per questo. Per far incrociare le persone in arrivo da diverse anime di Alessandria.

La lunghezza del passaggio era quella di una piazza del tempo, che durava da 850 anni. Così era successo a Teseo e Piercarlo. Il primo veniva dalla Cittadella, cioè da Bergoglio; il secondo dal centro di Alessandria, ossia Rovereto. E lì avevano incominciato a discutere, senza essersi preparati prima, senza sapere il perché, senza la sicurezza delle cose certe e conosciute, senza tentennamenti.

Avevano preso a parlare della nascita di Alessandria, addirittura spingendosi a ipotizzare come potesse funzionare quel territorio senza ancora la presenza di una città. Deserto o viva plaga animata quel tanto che basta per essere considerata già socialmente pregevole? E perché doveva proprio lì nascere un’urbe?

Si erano dunque ritrovati nella biblioteca del Museo della Gambarina. Non si erano neppure dati appuntamento, ma erano lì, l’uno di fronte all’altro. Continua a leggere ““L’incubatrice, il giacimento e il Purgatorio”, come nasce il libro, gli autori, temi trattati, disegni e caratteristiche tecniche editoriali”

La scrittrice Daniela Carelli si presenta ai lettori di Alessandria today

La scrittrice Daniela Carelli si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la scrittrice Daniela Carelli, della quale in seguito verrà pubblicata anche un intervista in esclusiva per il blog a cura del poeta Marcello Comitini.

Daniela Carelli copia.jpg

Daniela Carelli è nata a Napoli e vive a Milano dal 2000.

Laureata all’Accademia di Belle Arti, ama definirsi una “donna multitasking” (polifunzionale).

Creativa a 360° è vocal coach, scrittrice, blogger e cantautrice.

Ha collaborato con artisti quali: Edoardo ed Eugenio Bennato, Peppino di Capri, Audio 2, Bocelli e tanti altri…

Ha scritto canzoni per artisti come Gigi Finizio, Alessandro Safina e Antonino.

E’ vocal coach: insegna canto moderno, tecnica vocale ed emozionale. Suo il metodo originale VoicEmotion®.

Sito: www.danielacarelli.it

In qualità di scrittrice, nel 2011 pubblica il suo romanzo d’esordio “Volevo fare la segretaria” edito da Sassoscritto Editore. Continua a leggere “La scrittrice Daniela Carelli si presenta ai lettori di Alessandria today”

La formazione dello scrittore, 10 / di Marco Candida

La formazione marco_candida

by Giulio Mozzi di Marco Candida

[Questo è il decimo articolo della serie La formazione dello scrittore, che appare in vibrisse il giovedì (ed è parallela a quella La formazione della scrittrice, che appare invece il lunedì). Ringrazio Marco per la disponibilità. Con questo articolo la rubrica va in vacanza: riprenderà giovedì 4 settembre con il contributo di Raul Montanari. gm]

Ho scritto il primo romanzo a dodici anni. 1990. Quell’anno passavano in televisione la serie televisiva Twin Peaks. Avevo visto La Casa Russia con Sean Connery e Michelle Pfeiffer. A scuola leggevamo in classe Zanna Bianca di Jack London e io avevo trovato presso le bancarelle in Piazza Duomo a Tortona Martin Eden e Il richiamo della foresta nell’edizione cartonata e molto voluminosa dei Fratelli Melita.

Il richiamo della foresta è stato un grande libro, ma Martin Eden è stato un libro che ha rappresentato per me, come per molti altri, un caposaldo. Casa Russia. Twin Peaks. Martin Eden. Ricordo d’essermi seduto per la prima volta alla scrivania nella mia stanza soprattutto con le suggestioni e le atmosfere date da queste storie nella testa – come non rimanere suggestionati dalla colonna sonora composta da Angelo Badalamenti per la serie televisiva girata da David Lynch?  Continua a leggere “La formazione dello scrittore, 10 / di Marco Candida”

La redazione di Alessandria today da il benvenuto a Fabio Avena un nuovo autore

La redazione di Alessandria today da il benvenuto a Fabio Avena un nuovo autore

di Pier Carlo Lava

Il suo primo post nel blog: https://alessandria.today/2018/03/23/riflessione-sullamore-di-fabio-avena/

Alessandria today è lieta di comunicare che Fabio Avena, poeta e scrittore, da oggi è  un nuovo componente della redazione, qui di seguito pubblichiamo la sua biografia:

fabio avena

Fabio Avena, biografia

Nasco a Palermo il 22 Marzo del 1976. Vivo ad Ispica, nel ragusano. Altruista, umilmente riservato, sensibilmente empatico, genuinamente estroso. Da sempre attento osservatore di dettagli che possono sfuggire a chi vive in superficie. La mia passione primaria è il ballo, in particolar modo la Street dance.

Ho partecipato individualmente e in gruppo a manifestazioni, gare di danza urbana esibendomi anche in teatro. In età adolescenziale disegnavo su carta, riempiendo quaderni interi con figure, volti pieni di dettagli, elaborando veri e propri fumetti a tema supereroistico. Diplomato al liceo classico.

La mia formazione interiore è avvenuta gradualmente, perlopiù da autodidatta. Affascinato da diverse realtà sociali e stili di vita, penso che il linguaggio della strada mi sia stato molto più utile di varie nozioni apprese sui banchi di scuola. Continua a leggere “La redazione di Alessandria today da il benvenuto a Fabio Avena un nuovo autore”

Fra Aria e Pietra, di Aldino Leoni

Fra Aria e Pietra, di Aldino Leoni

114. Aldino Leoni, Fra aria e pietra, Prefazione di Barbara Viscardi Balduzzi, pp. 84, € 12,00 ISBN 978-88-6679-174-4

Aldino Leoni (Alessandria 1949) è uno dei promotori, fin dalla fondazione nel 1981, della Biennale di Poesia, manifestazione storica della cultura letteraria italiana. Particolarmente interessato all’oralità della poesia, ha dato musica e canto a testi sia di autori del passato (“Trovatori del Monferrato”, Umanisti e Rinasci- mentali), sia di autori di oggi.

leoni fra aria e pietra scheda

Con il Gruppo dell’Incanto ha proposto lavori monografici su Gozzano, Rèbora, Turoldo, Dell’Arte e ha all’attivo concerti con un esteso repertorio di poesie-canzoni (“oltrecanzoni e ipercanzoni”, secondo Guido Oldani).

La sua produzione poetico-musicale è raccolta nel 33 giri Poesia in-canto; nei cd Fra i rami, Città Stella e I Gatti; nelle audiocassette Il Sacco di Sant’Agostino, Poesie d’amore e Dice un sole (testi propri e di Antonietti, Bisutti, Bonessio di Terzet, Ciccia- relli, Marchetti, Pasanisi, Penotti, Ritrovato, Valensisi).

La sua poesia è pubblicata da puntoacapo nei volumi A mani ferme, La piazza delle scintille, Uno: fotopoesie. È autore dei teatralconcerti Il bambino della Cittadella e L’insopportabile esplosione. Si è occupato di didattica della poesia e di teatro-scuola.

Nel web: www.aldinoleoni.blogspot.com Continua a leggere “Fra Aria e Pietra, di Aldino Leoni”

Luca Oggero scrittore, si presenta ai lettori di Alessandria today

Luca Oggero scrittore, si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia dello scrittore Luca Oggero, del quale in seguito pubblicheremo anche un intervista in esclusiva per il blog a cura del poeta Marcello Comitini.

luca io rosdisegno copia

Biografia

Piemontese, classe 1975 , Luca Oggero è stato un musicista, un educatore professionale, uno scapestrato e un alcolista per quasi vent’anni. Nel 2013 è riuscito finalmente a smettere di bere e ha sostituito il vino con la narrativa, scrivendo e pubblicando prima il romanzo autobiografico “Morte e resurrezione di un povero cristo” con allegato il disco solista “Porci senz’ali ed altri animali” (Araba Fenice Edizioni, 2013) e poi la raccolta di racconti erotico-grotteschi “Le tragiComiche porNovelle” (Matisklo Editore, 2016).

Suoi racconti e poesie sono inoltre stati pubblicati sul book-magazine cartaceo “Antisociale” vol. 2,  3, 4 , 5 e 6 (Amande Edizioni), nel libro di racconti di AA.VV. “Criceti – come correre una vita senza andare da nessuna parte” (Gli Elefanti Edizioni), sulla rivista “Pastiche” e nella raccolta di poesie “Rose & proiettili” (Matisklo Editore). Continua a leggere “Luca Oggero scrittore, si presenta ai lettori di Alessandria today”

Caro Fausto… di Cristina Saracano

1919: sono passati cent”anni da quando, tra le colline di un paesino sconosciuto del Piemonte sudorientale, a metà strada tra Tortona e Novi Ligure, nasceva Fausto Coppi.

Con quella sua aria da ragazzo fatto uomo in fretta, anche per colpa dei suoi vent’anni compiuti in tempo di guerra, con quel suo naso così pronunciato, il sorriso discreto, da uomo di campagna, ha saputo entrare nei cuori degli italiani e non solo.

Amatissimo anche in Francia, protagonista del gossip degli anni Cinquanta in un’Italia perbenista e bacchettona, Fausto è stato soprattutto un campione umano.

Un’amica della famiglia, Luciana Rota, giornalista sportiva, ha raccolto le emozioni e i ricordi di suo padre, ha ritrovato le memorie di Bruna, la prima moglie e ne ha fatto un libro.

Con molto piacere, questo pomeriggio ne ho letto alcune pagine, durante una presentazione con l’autrice.

Pagine di storia, di vita, di semplicita’ e delicatezza, di persone comuni, pagine d’amore per la bicicletta, che è un po’ come lo scorrere delle nostre esistenze.

Tra le curve di Castellania si celano sorprese e incognite come nella vita di tutti i giorni.

Nelle incertezze ci si fa più forti, come quando il campionissimo s’alzava sulla sella e pedalava con energia.

A volte si cade, ci si rialza, e se non dovesse succedere, si ha comunque la certezza di avercela messa tutta.

Valentina Carinato, scrittrice e poetessa. Intervista a cura di Marcello Comitini

Dopo la biografia della scrittrice e poetessa Valentina Carinato che trovate pubblicata a questo link: https://alessandria.today/2018/12/29/valentina-carinato-scrittrice-e-poetessa-si-presenta-ai-lettori-di-alessandria-today/
Alessandria today ha il piacere di pubblicarne l’intervista.

Valentina Carinato

Valentina benvenuta su Alessandria today. È veramente un piacere ospitarti. Ci vuoi raccontare chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Buonasera e grazie per l’accoglienza.  Mi chiamo Valentina, abito a Loria in provincia di Treviso faccio la commessa in un supermercato.  Nel tempo libero oltre alla scrittura vado alle mostre, al cinema e studio musica.

Scrivere racconti e scrivere poesie sono esperienze nate contemporaneamente? E cosa ti ha spinto a iniziarle?

La poesia è nata all’età di 11anni per il bisogno di provare a tirare fuori quello che ho dentro. Il racconto è nato negli ultimi anni per sviscerare, per spiegare ogni particolare. Personalmente penso che i racconti sono poesie dilatate.

Esiste una relazione tra l’esigenza che ti spinge a scrivere racconti e quella che ti spinge a scrivere poesie?

La base è sempre una: le emozioni.

Quali sono le letture che preferisci? E quali quelle che hanno contribuito alla tua formazione di scrittrice?

Amo la narrativa specialmente se è ambientata in un altra epoca e in un altro stato perché mi incuriosisce conoscere altri punti di vista. Leggo classici, contemporanei, storie d’amore, di paura, libri di psicologia.
Gli autori fondamentali per la mia formazione sono Alexandre Dumas padre, Gabriele D’Annunzio, Curzio Malaparte, Jojo Moyes, Carlos Ruiz Zafon e Alessandro Baricco. Continua a leggere “Valentina Carinato, scrittrice e poetessa. Intervista a cura di Marcello Comitini”

Anime gemelle, di Patrizia Caffiero

Dal blog di Patrizia Caffiero  Prima della pioggia 

368b693d39796eea1fcc90ba32e58544

Marco pianta disastrata, verde fatica, boccia di vetro con i pesci morti.

Marco – che spiluccava erba dalla sua giacca e chiedeva chi fosse quella ragazza sul prato.

Delle due fate, una ti è cara, l’altra scavalca la roccia per mostrare i muscoli decisi.
Ma non riscuote successo perché latte bianco.
Caro, latte bianco si è infiltrato nel ramo
una rondine succhia quella gemma di soffione e
una canzone sbuccia la corteccia
quattro api in fila in corsa prendono la goccia di liquido
che ti ritorna infine nella bocca labbra – lucenti – di- lenzuolo.

Formidabile spazio vuoto dove entra livore
di non possedere la donna
donna senza le gambe per prendere la metro
e l’ascensore sulle ali supersoniche
che portano all’appartamento
della città degli impicci internazionali.

Marco ha fatto da perno ha fatto da sindone
nella tela rotta dello sfregio taciturno
il primo della fila di tutti quei re di denari
copie di copie di destino infrangibile
recinto, spezie e fortini per costruire quella pelle insondabile
il tamburo, batacchio di favore
spezza la pesca e mangiane – è il corpo
è l’ostia sottile che calca il palato.

Marco riposa nelle istantanee
degli ulivi beltà indecente
cascare nel burrone, casa rosa sull’argilla.
Contadini arricchiti scarpe grosse.
Chi è lui?
– Un angelo.

Tra le stelle – Parmi les étoiles – Among the stars, Marcello Comitini

Tra le stelle, di Marcello Comitini

a Claude Esteban

Tra le stelle

Sono in piedi e avanzo lentamente
i piedi sepolti dalla sabbia.

Guardo in alto. Vedo nello spazio immenso
tra una stella e l’altra
l’oscuro nulla della notte immobile.

Temo che il buio ostacoli i miei passi
che un po’ di vento freddo mi rovisti il cuore,
che un soffio più deciso lo disperda
come polline sul mare.

Temo.

Ma nell’oscuro nulla il vento mi spingerà
più in alto.
Io ancora esisterò.

Parmi les étoiles

Je suis debout et j’avance lentement
les pieds enterrés dans le sable.

Je regarde vers le haut. Je vois dans l’immense espace
entre une étoile et une autre
le néant sombre de la nuit immobile.

Je crains que les ténèbres entravent mes pas
Que le vent , le plus petit et froid, fouille mon cœur,
qu’un souffle plus déterminé le disperse
comme le pollen sur la mer.

Je crains.

Mais dans le néant sombre, le vent va me pousser
plus haut.
J’existerai encore.

Among the stars

I am standing and I move slowly
the feet buried in the sand.

I look upwards. I see in the immense space
between one star and another
the dark nothingness of the motionless night.

I fear the darkness hinders my steps
the wind, smallest and cold, ransack my heart,
that a more determined breath scatters it
like pollen on the sea.

In the dark nothingness, the wind will push me
higher.
I will still exist.

“CON I PIEDI NEL FANGO” di Carofiglio ad ACSAL, di Lia Tommi

Gianrico Carofiglio presenta il libro “Con i piedi nel fango”, all’ associazione Cultura e Sviluppo di piazza De André, Alessandria , martedì 15 gennaio , dalle 20 alle 22.

Dopo la pausa natalizia, riprendono le attività culturali dell’Associazione Cultura e Sviluppo. Nella prima conferenza del 2019, che avrà luogo in un giorno e un orario inusuali (martedì 15 gennaio, alle ore 20), si avrà modo di incontrare un relatore di particolare prestigio, ossia il dottor Gianrico Carofiglio.

Magistrato, già senatore della Repubblica e autore di numerosi libri – racconti, romanzi, saggi – tradotti in tutto il mondo, nel 2018 Carofiglio ha pubblicato, con Jacopo Rosatelli, dottore di ricerca in studi politici e professore nelle scuole superiori, un piccolo ma molto denso volume intitolato “Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità” (edizioni Gruppo Abele).

Proprio a partire da questo loro appassionato e appassionante “dialogo”, si discuterà con i due autori sul rapporto complesso tra politica e verità, sulla dimensione etica dell’impegno pubblico, sul nostro presente particolarmente incerto e sulla necessità di agire in modo responsabile verso un orizzonte di valori e ragioni condivise.

 

Pasquale De Falco, scrittore e poeta. Intervista a cura di Marcello Comitini

Dopo la biografia dello scrittore e poeta Pasquale De falco che trovate pubblicata a questo link

https://alessandria.today/2019/01/03/pasquale-de-falco-scrittore-e-poeta-e-un-nuovo-autore-della-redazione-di-alessandria-today/

Alessandria today ha il piacere di pubblicarne l’intervista.

Pasquale De Falco

Benvenuto, Pasquale!

Sono felice d’avere l’occasione di intervistarti e in particolare di presentarti ai lettori di Alessandria today. Loro e io avremo così la possibilità di conoscerti meglio e di conoscere meglio la tua attività letteraria.

Mi sembra ovvio iniziare chiedendoti in che misura pensi che lo spirito campano e quello lombardo si siano fusi insieme e interagiscano con il tuo attuale modo di pensare e di vivere.

Sono nato a Napoli e trasferito in pianta stabile in Lombardia dal 2009, quindi dopo 10 anni ho avuto modo di conoscere abbastanza bene lo spirito lombardo. Partiamo dal presupposto che la differenza che a volte viene espressa tra Nord e Sud non rientra nel mio mio modo di pensare. I pro e i contro si trovano in entrambe le regioni. Ho vissuto 6 anni a Milano e non ho notato grandi differenze con Napoli, due città molto aperte culturalmente e mentalmente. Caotiche entrambe e molto globalizzate. Qualche differenza l’ho notata nei piccoli paesi della provincia varesotta e pavese dove ho abitato, i piccoli centri lombardi sono più freddi dal punti di vista dei rapporti sociali rispetto allo spirito campano molto rivolto alla socialità anche tra non conoscenti. Sono sincero, il mio modo di vivere e pensare non è mutato lasciando Napoli, sono una persona fortemente legata alla tradizione e modus vivendi napoletano.

Dalla tua biografia ho notato che il tuo primo libro è un romanzo pubblicato nel 2016, nonostante tu abbia iniziato a scrivere da giovanissimo. Com’è nata l’esigenza di pubblicare?

Quando ho iniziato a scrivere, la scrittura era qualcosa di molto intimo di cui andavo molto geloso. Raramente prima del 2006 ho pubblicato qualche poesia su qualche rivista cartacea o online. Qualche anno prima del 2006 è nata in me l’idea di far leggere i miei scritti, non tanto per “diventare uno scrittore” ma maturando come persona e maturando nello scrivere è nata in me  l’esigenza di far conoscere agli altri le mie idee, giuste o sbagliate che siano. Continua a leggere “Pasquale De Falco, scrittore e poeta. Intervista a cura di Marcello Comitini”