Liberalismo a stop-and-go, di Michele Filippo Fontefrancesco

liberalismo

di Michele Filippo Fontefrancesco

http://www.cittafutura.al.it

Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia.

Sulle colonne de “Lo Spiffero”, mettevo in evidenza un’istanza di fondo che l’azione legislativa apriva, un problema di un ventennio di enunciato liberalismo, ma in sostanza di titubante avanti ed indietro tra liberalizzazione e chiusura (http://www.lospiffero.com/ls_ballatoio_article.php?id=26249). L’on. Bargero mi rispondeva (http://www.lospiffero.com/ls_ballatoio_article.php?id=2625) evidenziando l’attualità di uno dei temi propri dell’economia politica da oltre due secoli; quello del se e come lo Stato debba regolamentare l’intraprendenza privata, il mercato. Continua a leggere “Liberalismo a stop-and-go, di Michele Filippo Fontefrancesco”

Alessandria, scalo al buio. Intanto Slala punta sulla telematica e chiede consiglio a Virano, di Enrico Sozzetti

Lo scalo

di Enrico Sozzetti

Lo scalo ferroviario di Alessandria non interessa, al momento, ad alcun privato. Mercitalia (gruppo Ferrovie dello Stato) ha messo sul mercato, a inizio giugno, circa duecentomila metri quadrati di Alessandria Smistamento e centomila metri quadrati dello scalo di Novi San Bovo.

Il bando di manifestazione di interesse era aperto a operatori economici “interessati alla cessione” e all’apertura di “attività del settore terziario in grado di generare occupazione, di qualificare le risorse occupate e migliorare la capacità di competere sui mercati internazionali”.

Come sia finita, è ormai noto. Metrocargo Italia, operatore intermodale controllato da I.Log Iniziative Logistiche e che fa parte del network ferroviario e logistico che comprende anche FuoriMuro e InRail, è stato l’unico offerente per San Bovo. Mentre per Alessandria Smistamento non sono pervenute offerte. Continua a leggere “Alessandria, scalo al buio. Intanto Slala punta sulla telematica e chiede consiglio a Virano, di Enrico Sozzetti”

Consuntivo di legislatura e prospettive future, di Maria Rita Gelsomino

consuntivo futuro R.O.S.A.@@1501201414102199

di Maria Rita Gelsomino

http://www.cittafutura.al.it

Il Presidente della Repubblica Mattarella ha sciolto le Camere e ha indetto le elezioni politiche per il 4 marzo prossimo, la legislatura sul piano politico può considerarsi conclusa anche se sul piano formale durerà fino a marzo.  In questo quinquennio si sono succeduti tre esecutivi: governo Letta (aprile 2013- febbraio 2014) governo Renzi (febbraio 2014 – dicembre 2016) governo Gentiloni dicembre 2016 attualmente in carica.

 L’economia italiana ha registrato ritmi di ripresa, anche se inferiori al resto dell’Europa, praticamente da pochi mesi. Vediamo qual è stata l’evoluzione dei più importanti indicatori in questi cinque anni. Il Pil  è aumentato globalmente, nella passata legislatura, dell’1,7%, pari a circa lo 0,3% all’anno. Ricordando che nella legislatura 2008 – 2012 era retrocesso complessivamente del 6%, possiamo affermare che nell’attuale legislatura siamo passati da una fase di recessione ad una condizione di stagnazione. Continua a leggere “Consuntivo di legislatura e prospettive future, di Maria Rita Gelsomino”

La Questione Kurda

Alessandria: Pubblichiamo comunque questo evento, anche se si è tenuto l’8 settembre del 2016, per dare voce ad un popolo oppresso…

La questione kurdist@@260820162157493

UIKI. Segreteria Nazionale

http://www.cittafutura.al.it

Il crollo dei vecchi equilibri in Medio Oriente
La drammatica espansione dell’auto-proclamatosi Stato Islamico in Siria e in Iraq nel 2013, ha rappresentato un ulteriore passo verso l’accelerazione del collasso dell’accordo franco-britannico Sykes-Picot, che -circa un secolo fa- divise le province dell’impero ottomano e causò, per i curdi e per altri gruppi etnici, la perdita dello status di semi-autonomia di cui avevano goduto sino a quel momento.

L’accordo Sykes-Picot (1916) fu ideato dalla Gran Bretagna e dalla Francia per attuare i loro interessi politici e strategici in Medio Oriente nel secolo successivo. Il modello coloniale e imperiale di governo fu quindi sostituito tout-cort dagli stati-nazione. Come diretta conseguenza della imposizione di tale modello europeo, la maggior parte dei regimi in Medio Oriente finirono per corrispondere con un unico gruppo etnico e religioso. La maggior parte dei gruppi etnici e religiosi della regione, però, hanno resistito alle linee di confine degli stati-nazione creati artificialmente “a tavolino”. Continua a leggere “La Questione Kurda”

Un nuovo mondo, di Cristina Saracano

26220118_336599330150839_4878647161886964246_n

di Cristina Saracano

Hai una laurea, forse due, conoscenze informatiche, conoscenze linguistiche, trent’anni, o non più di quaranta, nessun bambino, un fidanzato poco ingombrante, un aspetto gradevole, un piglio deciso, con un sorriso dolce!

Sarai la prescelta per il nuovo lavoro: hai studiato molto e guadagnerai poco, forse incontrerai anche il tuo capo nel buio del corridoio, con la speranza che non ti sfiori, che non usi la sua forza per trascinarti dove non vorresti.

Ci saranno altre donne, amiche, si parla tanto di solidarietà femminile, e se, invece, fossero invidiose, umorali, fastidiose come le mosche e le zanzare, acide, per dirla tutta, delle stronze?

Il mondo del lavoro è diventato un corsa a ostacoli con l’imprevisto sempre lì, dietro l’angolo pronto a cambiarti tutte le risposte alle domande che t’eri fatta. Continua a leggere “Un nuovo mondo, di Cristina Saracano”

Domenico Ravetti, PD, ai vertici ASL e ASO: Considerare con massima attenzione richieste sindaci e medici ovadese

04/07/2017 -  X LEGISLATURA - Ravetti

Ospedale di Ovada e 118,

Ravetti: ”CHIEDO AI VERTICI ASL ASO DI CONSIDERARE CON LA MASSIMA ATTENZIONE QUANTO RICHIESTO DAI SINDACI E DAI MEDICI DELL’OVADESE.”

Tutti i 16 sindaci dell’Ovadese hanno firmato la lettera che sarà inviata prossimamente ai vertici dell’Asl ed ell’ASO per chiedere che il 118 ricominci a portare al Pronto soccorso di Ovada i codici verdi ora indirizzati a Novi.

La scelta dei primi cittadini è sostenuta da un gruppo nutrito di medici di base del territorio che qualche settimana fa ha avanzato la stessa proposta. Dalle informazioni che ho raccolto, proprio questi ultimi si assumerebbero la responsabilità di chiedere per i propri pazienti, caso per caso, il trasporto a Ovada invece che altrove. Continua a leggere “Domenico Ravetti, PD, ai vertici ASL e ASO: Considerare con massima attenzione richieste sindaci e medici ovadese”

Lino Balza: Caro Cassulo, facce nuove e pulite

Lino Balza copia

Alessandria: “Meno male che Lino Balza smentisce la sua ipotetica candidatura!!!!!

C’è infatti bisogno (in tutti i partiti e movimenti) di gente nuova (e giovane) che non abbia mai fatto parte (sia a livello di maggioranza, di opposizione o di movimenti o liste civiche) del vecchio regime”. 

Con tali autorevoli parole ha esultato Gian Battista Cassulo, autorevole direttore dell’autorevole “L’inchiostro fresco”, dopo che  avevo informato i colleghi della stampa: “Escludo l’ipotesi di una mia candidatura alle prossime politiche.

Non è la prima volta. Nel 2009 ad es. quale candidato alla presidenza della Provincia (“Ambiente Delitto Perfetto” pag. 57), o ancora prima nel 1995 quando Carla Reschia mi annuncia addirittura quale assessore provinciale (“L’avventurosa storia del giornalismo di Lino Balza” pag. 258), eccetera. Escludo anche oggi. Io e Beppe ne abbiamo amenamente parlato (vedi foto) e condiviso: siamo coetanei e arciconvinti che la nostra generazione debba essere elettoralmente rottamata. Continua a leggere “Lino Balza: Caro Cassulo, facce nuove e pulite”

Chi c’è nella redazione di Alessandria today?

di Pier Carlo lava

Alessandria: Questa al momento è la composizione attuale della redazione di Alessandria today, in attesa di una nuova entrata…:

1 alessandria today (Pier Carlo Lava)

2 Cristina Saracano

3 forzagrigi (Federica Ghisolfi)

4 Lia Tommi

5 M.Luisa Pirrone

6 Mattia Cattaneo

link biografie:

https://alessandriatoday.wordpress.com/informazioni/

https://alessandriatoday.wordpress.com/la-redazione/

Alessandria today  La redazione

Abolizione della tassa sulla prima casa, una misura di buon senso

tassa-casa

Così commenta Matteo Renzi sulla sua pagina facebook a seguito dell’annuncio del Presidente della Repubblica francese…

Il Presidente della Repubblica francese, Macron, ha annunciato in queste ore l’abolizione della tassa sulla prima casa. Provvedimento che aiuterà soprattutto il ceto medio perché la casa di proprietà – in Francia come in Italia – è innanzitutto un bene rifugio del ceto medio. Abbassare le tasse passa anche da misure come questa. Chi ha la casa di lusso o la seconda casa paga l’Imu, chi ha la prima non più. A me sembra una misura di buon senso e apprezzo il fatto che Macron abbia messo un altro tassello riformista dopo la riforma del mercato del lavoro.

Continua a leggere “Abolizione della tassa sulla prima casa, una misura di buon senso”

In merito alla #18app, la card per i 18enni

18app-bonus-cultura

Così commenta Matteo Renzi sulla sua pagina facebook…

Vi ricordate le polemiche quando lanciammo #18app, la card per i 18enni? Tante critiche, persino qualche insulto da chi neanche aveva letto le motivazioni della nostra iniziativa. Assegnare ai ragazzi che diventano maggiorenni un bonus di 500€ da spendere in libri, teatro, musei, musica nasceva dal desiderio di rendere i ragazzi italiani orgogliosi e consapevoli dell’appartenenza a una comunità basata sulla cultura.

La cultura, infatti, è la nostra identità, più forte di ogni paura. Siamo italiani, orgogliosi di esserlo. Con l’arrivo del #2018 il bonus spetta ai ragazzi nati nel Duemila. Il mio augurio è che i neo diciottenni spendano bene questi soldi. Per il momento l’80% dei ragazzi ha acquistato libri e questo mi sembra un segnale di speranza in un Paese in cui più della metà degli italiani non ha letto un libro nel corso dell’ultimo anno. E speriamo che anche attraverso iniziative come questa essere cittadino italiano sia percepito sempre più come una grande ricchezza, un privilegio unico.
Viva l’Italia e buon 2018 a tutti

foto: http://www.teamworld.it/

Michael Jacobs, Una nuova forma di capitalismo (Fabian Society UK)

jacobs

by francogavio

da: https://democraticieriformisti.wordpress.com

Dopo l’utopia di John Quiggin[1], l’animosità radicale di Colin Crouch[2], le puntualizzazioni diJohn Quiggin[3], il “protestantesimo” di Steve Keen[4] immergiamoci ora nel pensiero critico di MichaelJacobs[5]. Secondo l’economista britannico d’orientamento labourista – egli fu uno dei consiglieri più ascoltati dell’ex PM Gordon Brown – l’attuale  paradigma che sovra intende il capitalismo non deve essere del tutto deradicato, bensì piegato alle esigenze di un interesse collettivo.

Pur rimanendo fermo nella sua opposizione alla dottrina neoliberista, Jacobs – il quale appartiene a quella scuola di pensiero che potremmo definire con il termine “innovatori”, di cui fanno parte, con qualche distinguo, economisti del calibro di Mariana Mazzucato, William Lazonick, Stephanie Kelton, Andrew Haldane e Randall Wray – rivalorizza la funzione della governance pubblica, non più intesa come soggetto puramente distributivo, bensì come agente di stimolo e d’incentivazione alla creazione di processi innovativi sostenibili e per mezzo dei quali generare un benessere diffuso ed equo.

Le diverse sfumature concettuali che ruotano intorno questa tesi sono ben delineate negli undici saggi presenti nell’opera “Ripensare il capitalismo[6] a cura dello stesso autore e della Mazzucato. Continua a leggere “Michael Jacobs, Una nuova forma di capitalismo (Fabian Society UK)”

A proposito di Fake news…

fake-news

A proposito di Fake news… Così commenta Matteo Renzi sulla sua pagina facebook: L’ultima che sta girando molto via sms è che avrei organizzato un complotto per aiutare miei amici e cugini di terzo grado impegnati nella fabbricazione di sacchetti. Ebbene sì. Voi non immaginate quanto sia diabolica la nostra mente: prepariamo complotti tutti i giorni, anche tra San Silvestro e Capodanno.
La storia è molto semplice. Nel 2017 l’Italia ha attuato una direttiva europea che tende a eliminare la plastica dai sacchetti. L’obiettivo sacrosanto è combattere l’inquinamento alla luce degli impegni che abbiamo firmato a Parigi e che rivendichiamo: noi a differenza di Trump non abbiamo cambiato idea.

Continua a leggere “A proposito di Fake news…”

Peppino Impastato, a 70 anni dalla nascita, di Lia Tommi 

20180105_175231532816488.jpg

di Lia Tommi,  Alessandria 
“Io voglio fottermene! Io voglio gridare che la mafia è  una montagna di  merda!”

Il 5 gennaio 1948 nacque a Cinisi Peppino Impastatogiornalista, attivista e poeta. Nel 1976 fondò  Radio Aut, radio libera e autofinanziata,  con cui denunciò gli affari mafiosi di Cinisi e Terrasini. Due anni  dopo si candido’ nella lista di Democrazia Proletaria alle elezioni comunali,  ma durante la campagna elettorale  venne assassinato. Il suo corpo venne fatto esplodere con il tritolo sui binari della ferrovia. Pochi giorni dopo,  Cinisi lo elesse simbolicamente.

Sulla sua storia è  stato realizzato nel 2001  il film “I cento passi”, di Marco Tullio Giordana, che prende il titolo dalla distanza tra casa Impastato e quella del boss  Gaetano Badalamenti.

Stesso nome è  stato scelto per l’azienda vinicola, costituita vicino a Palermo da due cooperative del progetto Libera Terra, che gestiscono beni confiscati  ai boss di  Cosa  Nostra. 

La buona strada, di Angelo Marinoni

Cerimonia in memoria di Modesta Valenti, anziana senza fissa dimora, ricordata con una targa

di Angelo Marinoni. Alessandria

https://appuntialessandrini.wordpress.com

A inizio anno è normale domandarsi cosa ci si aspetti, più razionalmente cosa effettivamente sia cambiato rispetto al 31 dicembre dell’anno appena concluso: se non rispetto al 31 dicembre, rispetto all’ultimo trimestre 2017 sicuramente sappiamo che il 2018 inizia con una discreta dote di novità qualcuna buona e qualcuna che potrebbe esserlo, e qualcuna che non lo sarà.

A parte la solita serie di aumenti generati dall’inflazione (che dai media generalisti diventa una calamità al primo gennaio mentre negli altri mesi è una catastrofe la sua assenza) il nuovo anno, fra l’altro, ci porta un governo dimissionario, una serie di amministrazioni civiche appena insediate con una lista dei compiti lunghissima, ma con verve diverse nell’affrontarla e un colosso parastatale gestore di tutte le infrastrutture stradali e ferroviarie. Continua a leggere “La buona strada, di Angelo Marinoni”

In merito alla questione dei sacchetti plastica nei supermercati…

sacchetto_plastica

Matteo Renzi sulla questione dei sacchetti di plastica: Sarebbe bello se il 10% del tempo utilizzato per parlare di sacchetti di plastica lo dedicassimo ad affrontare i temi della cultura del nostro Paese. Dell’orgoglio di essere italiani, dei nostri musei, del teatro, dei libri, della nostra grande bellezza.
Sui sacchetti ho già scritto e ribadisco: combatteremo sempre l’inquinamento ambientale da plastica e l’inquinamento verbale da fake news.
Ma la politica dovrebbe essere meno timida sulla cultura. E penso che questo sarà uno dei grandi elementi di differenza nella prossima campagna elettorali
Da un lato c’è la destra: quella che ha tagliato sulla cultura, quella che diceva che con la cultura non si mangia.
Dall’altro ci sono i Cinque Stelle che nelle amministrazioni locali hanno tagliato sulla cultura, a cominciare da Torino.

Continua a leggere “In merito alla questione dei sacchetti plastica nei supermercati…”