“SUL FIENILE”: grande successo a Volpedo per il capolavoro di Pellizza, di Bruno Volpi

Con più di 3000 visitatori, Sul Fienile, uno dei primissimi capolavori di Giuseppe Pellizza, si congeda da Volpedo, dove è stato esposto all’interno dello studio del pittore per tutto il mese di giugno. Anche l’ultimo giorno di mostra ha visto la presenza nel borgo tortonese di centinaia di visitatori, accolti e guidati nella comprensione del quadro dai curatori dell’Associazione Pellizza da Volpedo.

La tela di importanti dimensioni (133×243,5 cm) era tornata, infatti, dal 2 al 30 giugno nel luogo dove fu concepita e dipinta, a pochi metri dal fienile di casa, ancora esistente, servito da ispirazione per l’artista. Sul fienile fu eseguito nel corso del 1893 ed esposto a Milano nel 1894, senza incontrare troppo i favori della critica. Pelizza lo riprese poi tra 1895 e 1896 per attenuare un “cielo troppo bluastro”.

Insieme al quasi contemporaneo Processione, fu il primo quadro pienamente divisionista di Pellizza. Per l’autore fu l’inizio di una nuova fase pittorica, attenta ai temi sociali e capace di rappresentare adeguatamente il “vero” grazie all’utilizzo della nuova tecnica. La fiducia di Pellizza nel valore di questa sua opera fu, per altro, confermata dalla medaglia d’oro vinta alla mostra internazionale di Monaco di Baviera nel 1901.

I visitatori hanno potuto ammirare il dipinto riportato all’originario splendore, grazie a un attento intervento di restauro, e inserito nella splendida cornice dorata voluta appositamente dal pittore per far risaltare l’opera a lui cara; questa cornice, assente persino nell’ultima delle rare esposizioni dell’opera, avvenuta nel corso della monografica alla GAM di Torino nel 1999- 2000, è stata rimontata proprio in occasione dell’evento di Volpedo.

La mostra, curata da Aurora Scotti, da molti anni studiosa dell’opera di Pellizza e autrice del Catalogo generale del pittore alessandrino, e dall’Associazione Pellizza da Volpedo, è stata organizzata dalle Gallerie Maspes di Milano, col patrocinio del Comune di Volpedo.

Significativo anche il catalogo, Edizioni Gallerie Maspes, contenente un saggio introduttivo della curatrice e una serie di approfondimenti sulla fortuna critica dell’opera, rimasta in una collezione privata per oltre un secolo e quindi raramente visibile, e sui risultati delle indagini diagnostiche condotte per comprendere la genesi dell’opera e permetterne il restauro.

Ti piace scrivere, vuoi fare parte della redazione di Alessandria today @ Web Media Network ?

Ti piace scrivere, vuoi fare parte della redazione di Alessandria today @ Web Media Network ?

di Pier Carlo Lava

ibook

Alessandria today @ Web Media Network nasce a dicembre 2017, partendo da zero ha già raggiunto 530.000 visite con una crescita costante e continua dovuta all’impegno di tutti i numerosi Autori e Autrici che scrivono e pubblicano i loro post, che con l‘occasione ringrazio per l’impegno profuso e la qualità del livello creativo del loro lavoro.

La redazione vuole ulteriormente crescere, perciò vorrei invitare chi ne vuole fare parte e pubblicare direttamente nel blog a scrivermi in privato sul messenger di facebook (Pier Carlo Lava) oppure per mail precisando quanto segue:

Nome e cognome, num. di cellulare, indirizzo email e una breve biografia con foto.

L’invito è rivolto a tutti in particolare ai blogger, in tal senso informo che attualmente sono già molti nella redazione.

Non ci sono particolari restrizioni sui temi dei post, se non un civile rispetto dei numerosi lettori di oltre 130 paesi nel mondo.

Grazie per l’attenzione e cari saluti a tutti.

Mostre&Pittura. My Way, di Sergio Franzini. Breve recensione di Maurizio Coscia (Sargon)

 

Sabato 18 maggio 2019, presso AL51LAB, in via Trotti, 39/56, è stata inaugurata la mostra del pittore Sergio Franzini alias FRANZ, intitolata My Way. Le opere dell’artista saranno esposte fino al 9 giugno C.A.

My Way, il suggestivo titolo della mostra è legato, a detta dell’autore, alla presenza di opere varie e di diverso contenuto che rappresentano tutto il suo caratteristico percorso d’arte, dal fumetto al dipinto, svoltosi sempre e solo all’insegna del suo modo originale ed esclusivo di percepire e valorizzare la realtà.

Nell’ambito della mostra, Sergio Franzini presenta una serie di realizzazioni pittoriche, spaziando da un contenuto in cui emerge, in primo piano, la sua personale visione della donna – in genere evocativa e “fiabesca”, ma anche “storica” ed ispirata al personaggio femminile che appare nei dipinti di Gustav Klimt – a una tematica di richiamo di artisti e momenti musicali riferiti alle melodie del Blues. Le sue opere sono, comunque, tutte accomunate dalla grande ricercatezza nella raffigurazione sia del disegno, sia della pittura. Infatti, l’artista riesce a colmare gli occhi dell’osservatore più attento che, desiderando scorgere nei suoi quadri particolari sempre nuovi e diversi, non rimane certamente deluso. L’invito di Sergio Franzini sotteso alle sue realizzazioni artistiche è, quindi, quello di sentirsi proiettati in una fantasmagoria di forme perfette e colori più intensi o più tenui, più chiari o più scuri, che rimbalzano dalla tela, suggestionando e che, ad esempio, in Note di sax, richiamano alla mente il famoso movie americano, The Blues Brothers.

Riguardo alla tecnica pittorica, Sergio Franzini dipinge in modo sobrio, evidenziando esperienza e spaziando dall’utilizzo dell’acquerello a quello dell’olio, dall’uso del disegno grafico a quello della china.

 

Il turismo parlato, le risorse sprecate e i campanili più difficili da abbattere del muro di Berlino. E poi Alessandria e Casale parlano di promozione….

Il turismo parlato, le risorse sprecate e i campanili più difficili da abbattere del muro di Berlino. E poi Alessandria e Casale parlano di promozione….

di Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

‘Amo – Alessandria Monferrato Oltregiogo’. Che il nuovo nome scelto per il turismo alessandrino sia quanto meno stravagante per via di un acronimo poco immediato e che necessita di una spiegazione troppo lunga rispetto alla velocità e immediatezza della comunicazione, balza subito agli occhi.

il turismo.jpg

‘Amo’ contiene sicuramente un elemento di immediata identificazione, soprattutto se letto fuori provincia e fuori regione, ed è il nome Monferrato. Alessandria può essere sufficientemente conosciuta anche al di fuori del Piemonte, ma l’Oltregiogo ha bisogno di troppe spiegazioni perché l’area collinare e montuosa tra Liguria e Piemonte è una delle regioni storiche italiane meno conosciute.

Bellissima dal punto di vista ambientale, ricca di storia e di tradizioni, è la zona che più di altre ha sofferto l’incapacità del territorio di promuoverla e farla conoscere, al punto che se vai in alcune parti della provincia alessandrina c’è chi non l’ha mai sentita nominare.

Certo, ‘Amo’ evoca l’amore, in questo caso per un territorio vasto e variegato, unico per moltissimi aspetti che però rischia di non andare da alcuna parte a causa delle guerre di campanile che lo stesso nome sintetizza con disarmante efficacia. Alessandria, Monferrato e Oltregiogo, eternamente divisi su tutto e su tutti, da sempre in contrasto gli uni con gli altri, incapaci di progettare e lavorare insieme.

Ma come si è arrivati a questo ‘Amo’? Tutto nasce dal concorso ‘Un nome per il turismo’ promosso da Alexala (agenzia turistica della provincia) in collaborazione con Radio Gold e Il Piccolo. Positiva l’idea di imboccare strade diverse da quelle canoniche per scegliere un nome, ma la decisione finale è stato un azzardo. Continua a leggere “Il turismo parlato, le risorse sprecate e i campanili più difficili da abbattere del muro di Berlino. E poi Alessandria e Casale parlano di promozione….”

Il videomaker novese Marco Cermelli ospite di Licia Colò: “La mia filosofia di viaggio è lo spingersi oltre ogni confine”

20190201_172437

Di Maria Luisa Pirrone

Domenica 14 aprile Marco Cermelli, videomaker, documentarista e pilota di droni di Novi Ligure, titolare dell’agenzia di videoproduzioni Effetto Farfalla, è stato ospite per la quinta stagione consecutiva de “Il Mondo Insieme”, il programma di viaggi condotto da Licia Colò.

Marco ha presentato il suo ultimo documentario intitolato “Un cuore a nord”, dedicato alle isole Lofoten e Vesteralen in Norvegia, e ha parlato di una sua personale filosofia di viaggio in evoluzione: «Parlare di luoghi lontani, raccontare le mie avventure attraverso le immagini e cercare ogni volta di comunicare sempre più le mie emozioni. Questa è la filosofia dello spingersi oltre ogni confine», ci racconta.

«Ormai basta digitare sul web e in un attimo possiamo essere in ogni parte del mondo. Ci sono documentari che descrivono ogni angolo del nostro pianeta», prosegue. «In un documentario del 2017, realizzato in Finlandia, ho iniziato ad associare alcune parti più intime della mia anima ai paesaggi e alla natura che incontravo sul mio cammino. Continua a leggere “Il videomaker novese Marco Cermelli ospite di Licia Colò: “La mia filosofia di viaggio è lo spingersi oltre ogni confine””

Il videomaker di Novi Ligure Marco Cermelli ospite da Licia Colò

Marco Cermelli, videomaker e documentarista di Novi Ligure, sarà ospite per la quinta volta della trasmissione Il Mondo Insieme condotta da Licia Colò.

Marco, che nel 2014 ha creato l’agenzia Effetto Farfalla (http://www.effetto-farfalla.it) specializzata in riprese con i droni, presenterà il suo ultimo documentario dal titolo “Un cuore a Nord”, dedicato ad un viaggio da lui stesso intrapreso nelle isole Lofoten e Vesteralen in Norvegia. Parlerà della filosofia dello “spingersi oltre ogni confine” e ci emozionerà con le sue incredibili immagini.

L’appuntamento, imperdibile, è per domenica 14 aprile a partire dalle 15,20 sui canali 28 del Digitale Terrestre, 157 di Sky, 18 di Tivùsat o in streaming su http://www.tv2000.it.

Comunicato stampa

Maria Luisa Pirrone

PATTO PER IL TURISMO, firmato l’accordo ANCI Piemonte – Alexala

PATTO PER IL TURISMO, firmato l’accordo ANCI Piemonte – Alexala

Castelletto Monferrato, “L’accordo siglato oggi è soltanto un punto di partenza, confidiamo di poterlo estendere presto anche ad altre province. Il turismo è fondamentale per lo sviluppo economico dei territori, ma per raggiungere obiettivi importanti è necessario fare rete e avviare delle sinergie strategiche”.

foto protocollo

Così Gianluca Colletti, Presidente della Consulta Turismo di ANCI Piemonte, commenta la firma dell’accordo-pilota per lo sviluppo turistico del territorio, sottoscritto da ANCI Piemonte e ATL Alexala a Palazzo Ghilini, sede della Provincia di Alessandria.

L’intesa prevede che i Comuni e l’Agenzia Turistica Locale collaborino per dar vita ad importanti iniziative di promozione territoriale. Il protocollo prevede inoltre la realizzazione di corsi di formazione ad hoc per amministratori e dipendenti pubblici e l’apertura di uno sportello unificato d’impresa turistica con l’obiettivo di catalizzare opportunità economiche strategiche per il territorio e al contempo, di semplificare le procedure per l’avvio di nuove attività imprenditoriali.

“Da una serie di incontri che abbiamo organizzato nei mesi scorsi – commenta il Presidente di ATL Alexala, Pierluigi Prati – è emersa la necessità del territorio di una maggiore identità territoriale e di una strategia di marketing condivisa. Continua a leggere “PATTO PER IL TURISMO, firmato l’accordo ANCI Piemonte – Alexala”

Italia Nostra ci porta a scoprire il fascino del nostro Romanico

Italia Nostra Alessandria organizza per sabato 8 giugno la gita “I percorsi del nostro Romanico“.

Tappe:

Casale Monferrato – chiesa di Sant’Evasio

Si tratta del più antico monumento della cittadina piemontese ed è considerata anche una delle più importanti cattedrali in stile romanico-lombardo di tutta la regione.

Montiglio Monferrato – Pieve di San Lorenzo

Architettura romanica di notevole interesse, sorge isolata accanto al cimitero del paese, nel luogo in cui un antico borgo si concentrava attorno alla sua chiesa. Visita guidata e trasferimento.

Montechiaro d’Asti – chiesa di San Nazario e San Celso

Rappresenta uno dei monumenti più significativi del Romanico astigiano risalente all’undicesimo/dodicesimo secolo. Fu costruita in pietra arenaria e mattoni. L’alternarsi vivace dei colori, i disegni geometrici a fasce, a scacchi, a triangoli composti con estrema precisione, fanno di questo edificio un unicum, soprattutto dopo i recentissimi restauri. All’interno, in particolare, sono stati restaurati e tinteggiati a calce gli intonaci ed è stato rimesso in luce il pavimento settecentesco.

Cortazzone – Chiesa di San Secondo

Esempio di architettura romanica risalente all’inizio del XII secolo. Notevoli le decorazioni scultoree.

Albugnano – Abbazia di Vezzolano

Risalente al 1095, posta tra le diocesi di Vercelli, Asti, Torino ed Ivrea, vicina ai potenti comuni di Asti e Chieri, la Canonica di Vezzolano testimonia con le sue importanti opere d’arte medioevale un lungo periodo di splendore tra i secoli XII e XIII. Nel chiostro, uno dei meglio conservati del Piemonte, si trovano capitelli scolpiti e un importante ciclo di affreschi trecentesco, con la notevole rappresentazione del Contrasto dei tre vivi e dei tre morti. Continua a leggere “Italia Nostra ci porta a scoprire il fascino del nostro Romanico”

Gianfranco Cuttica di Revigliasco. Turismo in Alessandria: saldo positivo

Turismo in Alessandria: saldo positivo

La Regione Piemonte ha reso noti i dati delle presenze turistiche nel territorio alessandrino. Le statistiche che penalizzano complessivamente la nostra Provincia, tuttavia, evidenziano per il nostro capoluogo un saldo positivo del 5% circa degli arrivi e del +10 % circa di presenze rispetto all’anno 2017.

url

Alessandria_Panorama.jpg

Abbiamo appreso con piacere questi dati che, in un contesto di flessione negativa per l’intera provincia premiano, invece, la Città di Alessandria – ha commentato il sindaco, Gianfranco Cuttica di Revigliasco -.

I numeri ci mostrano una città che ha saputo essere più attrattiva rispetto al passato probabilmente per merito delle molte iniziative, qualitativamente diversificate, che sono state messe in campo partendo dal volano degli 850 anni e che, certamente, hanno fatto da traino per stimolare la vivacità culturale e la creatività del territorio.

L’alta qualità della nostra offerta culturale come testimonia la  mostra ‘Alessandria Scolpita’ a palazzo del Monferrato o il focus su Pellizza da Volpedo alle Sale d’Arte,  hanno confermato la vocazione di Alessandria come hub turistica e porta del Monferrato. Siamo consapevoli che molta strada è ancora da percorrere, ma siamo altrettanto convinti di essere sulla via giusta”. Continua a leggere “Gianfranco Cuttica di Revigliasco. Turismo in Alessandria: saldo positivo”

I tesori dell’antica cattedrale rivivono alla Gambarina in una serata tra storia, arte e letture in costume

Il 28 Marzo alle 21 presso il Museo etnografico “C’era una volta”, in piazza della Gambarina ad Alessandria, si terrà un incontro sulle opere d’arte provenienti dall’antica cattedrale della città, oggi custodite all’interno dell’attuale duomo.

La serata, che ripercorre le vicende intercorse tra le due chiese, prenderà spunto della documentazione relativa a due visite pastorali, avvenute nel corso del Settecento, che descrivono gli interni del vecchio duomo, abbattuto nel 1803 su ordine del governo francese.

Tra gli arredi giunti fino a noi vi sono opere d’arte di grande pregio, a partire dalla quattrocentesca Madonna della Salve.

Durante l’incontro, inoltre, alcuni personaggi in costume leggeranno documenti e testimonianze d’epoca.

Interverranno i relatori Valentina Bonanno e Teseo Sassi, accompagnati da Maria Luisa Pirrone e David Turri.

Comunicato stampa

Maria Luisa Pirrone

Con i Lumi di Channukkah, Casale Monferrato a Matera e a Lecce

Dopo essere stata protagonista dell’offerta turistico-culturale della città in occasione di Expo 2015 ed essere stata esposta con successo alla Triennale di Milano e al Palazzo Ducale di Mantova in occasione di Mantova Capitale Italiana della Cultura, la prestigiosa collezione dei Lumi di Channukkah della Comunita Ebraica di Casale Monferrato sarà coinvolta con un nuovo ciclo di esposizioni in contesti di grande visibilità.

Continua a leggere “Con i Lumi di Channukkah, Casale Monferrato a Matera e a Lecce”

CERIGNALE… UN MONDO A PARTE. TRA LA VAL TREBBIA E LA VAL D’AVETO

CERIGNALE… UN MONDO A PARTE. TRA LA VAL TREBBIA E LA VAL D’AVETO

Cerignale si trova sulla dorsale che divide il fiume Trebbia ed il torrente Aveto. E’ un piccolo centro montano che offre un panorama invidiabile, forse il più suggestivo dell’Appennino Ligure-Emiliano.

2 img_2346_2064_thumb

1 piazzaceri.jpg

Escursioni, funghi, cacciagione e una grande paesaggistica sono gli ingredienti di una ricetta turistica esclusiva che regala week-end, soggiorni di villeggiatura e momenti di relax ai fortunati turisti che scelgono questo luogo.

4 img_2346_2066_thumb

IL BORGO

Case in pietra , vecchi mulini, sorgenti d’acqua, un’oasi tra i monti ricoperti di maestosi castagni, faggi e querce.

Cerignale è la destinazione di un turismo speciale che unisce alle bellezze naturalistiche l’esigenza di vivere intensamente la vita di un piccolo borgo montano, lontano dalla frenesia e dalle mete del turismo di massa. Continua a leggere “CERIGNALE… UN MONDO A PARTE. TRA LA VAL TREBBIA E LA VAL D’AVETO”

L’incredibile “Lachera” di Rocca Grimalda: dove il Carnevale è di casa

Di Maria Luisa Pirrone

Ieri ho scoperto che nella mia provincia esiste una festa di Carnevale incredibile e antichissima: la “Lachera” di Rocca Grimalda.

Più che una semplice “festa”, è più corretto definirla un insieme di veri e propri riti carnevaleschi che hanno, come protagoniste, maschere tradizionali del territorio, e la cui promozione e valorizzazione hanno ricevuto un forte impulso dal locale Museo della Maschera, inaugurato nel 2000 e aperto tutte le domeniche da Carnevale a ottobre.

I “rituali” sono iniziati già sabato 23 con la questua nelle campagne, terminata con il rogo sul Belvedere del paese, nei pressi della chiesa di S. Limbania, rogo attorno al quale sono, poi, esplose musiche e danze finali.

Nella giornata di ieri il corteo delle maschere ha attraversato le contrade del centro storico eseguendo varie danze della tradizione nelle diverse poste. Continua a leggere “L’incredibile “Lachera” di Rocca Grimalda: dove il Carnevale è di casa”

Nuova avventura per Matteo Gatto, di Cristina Saracano

A partire dal 3 marzo, l’alessandrino Matteo Gatto affronterà una nuova avventura: salirà sul Kilimanjaro.

L’Africa mancava all’appello tra i continenti da lui visitati: questa volta, però, si muoverà anche a piedi, non solo in mountain bike, perché dovrà affrontare un dislivello di 4 mila metri.

La sua impresa verrà filmata e trasmessa durante serate benefiche, il cui incasso sarà devoluto all’associazione Hospice di Alessandria e all’ospedale di Mahuninga in Tanzania.

Noi tifiamo per lui e abbracciamo la sua buona causa.