‘For Stories’ Review : Rock and Country

Back to the roots of music

Mark Stone and the Dirty Country Band proof, that it only takes three people to perform good and expressive music. Mark Stone (Guitar/Vocals), Todd Jameson (Bass), and Johnny Strutt (Drums) were able to capture the best of country music with some added rock elements, on their new album ‘For Stories’

The song ‘Before You’re Gone’ kind of requires to be listened to during a road trip, maintaining out of blasting that energetic music. It’s driven by an ongoing and snappy beat, which sets the tone for a song with the determination of craving more.

On ‘Faster Than They Fall In’ Mark Stone reefers to rock elements and adds some thundering and biting guitar bits to it. The intro sounds like something, heavy metal bands back in the 80s could have played around with. But still, the country aspects can’t be unheard and that’s what makes it to an unique composition…

View original post 90 altre parole

Indivisibile alchimia

Plumari Sebastiano Aurelio

immagini-fiori_NG1

La tua presenza è semplice incanto
e io come paglia ardo di te

L’anima vola e supera gli ostacoli del tempo e dello spazio
e sarà dolce cullarti fra le mie braccia

e non avere altro pensiero che te
e sarà dolce bruciare fra le tue fiamme

Si ferma il mio respiro
per sentire la melodia della tua voce

e ascoltarla all’infinito
fra sogno e realtà
indivisibile alchimia d’amore

authorplumari

View original post

Il tempo

Plumari Sebastiano Aurelio

cmimg_12787

Inesorabile tempo
ti combatterò
per vincere
e proteggere
questa magia di anime
sfidando l’eternità

♥♦♥ ♥♦♥ ♥♦♥

Inexorable time
I will fight you
to win
and protect
this magic of souls
challenging eternity

♥♦♥ ♥♦♥ ♥♦♥

Tiempo inexplicable
Pelearé contigo
ganar
y proteger
esta magia de las almas
desafiante eternidad

authorplumari

View original post

Essenza di Te

Plumari Sebastiano Aurelio

weekend-romantico

La tua presenza è gioia di vita
è essenza di fiori 
è il sole luminoso 
è calore e dolcezza

La tua presenza è presagio d’amore
è essenza dei sensi
è l’invisibile che si mostra
è mosaico dell’anima

La tua presenza
è semplicemente 
il mistero dell’amore

authorplumari

Your presence is joy of life
it’s essence of flowers
it’s the bright sun
it’s warmth and sweetness

Your presence is an omen of love
it’s essence of the senses
it’s the invisible that shows itself
it’s a mosaic of the soul

Your presence
it’s simply
the mystery of love

View original post

La festa dei morti in Sicilia

Cristalli in Ombra

Salve!

Oggi parleremo della commemorazione dei defunti in Sicilia, delle credenze che le ruotano intorno. Tutto ciò è sempre tratto dal libro “Les fluides d’Aristote” di Salvatore D’Onofrio.

In Sicilia, nella notte tra l’1 e il 2 Novembre è usanza far trovare ai propri bambini dei regali (che possono essere dei giocattoli, ad esempio) associati a della frutta secca, frutta fresca, frutta martorana, a vari dolci e a dei biscotti definiti “ossa dei morti”, il cui nome preciso è Moscardini; tuttavia, vengono anche definiti in tanti altri modi.

moscardini“Fonte immagine: Google”

Questi doni vengono portati ai bambini mentre questi ultimi assistono alla messa di commemorazione dei defunti. Ai bambini viene detto che sono stati appunto i propri cari morti a portar loro questi regali. Vengono posti in varie zone della casa, perfino all’interno delle scarpe ai piedi del letto, così che il bambino la mattina seguente effettui una sorta di caccia…

View original post 541 altre parole

My first blog about Dreams

Site Title

Hellooo.. I know you must be thinking its such a weird thing to talk about dreams. But trust me it will change the way you think, you dream, you speak and most of the emotions and especially your dreams will be meaningful. We all go through bad dreams, sometimes good ones makes our day better, or sometimes they are just meaningless. Following the thoughts of your everyday moment and thus the dreams are formed. You live your dreams by mind, you feel them through heart and your emotions are expressed in your sleep.

Lets talk about my dreamy world, I love my dreams so badly. I want to learn to control my dreams as I can control myself in daytime. Yeah!! You can surely control them through your mind. Its all about mind power which is going to be used to make all this possible. Follow my blog to read…

View original post 3 altre parole

Dreams

Site Title

A place where I can go and no one knows

Where mysteries, illusion, excitement grows,

Imagining the whole through sacred mind

Till it becomes a meaningful adventure

Hoping for a great flight

Falling down to a hard night,

Apart from the secrets of life

There is a way to think beyond these rights,

I call its all mine, its all mine!!

Envisioning the beautiful canvas all around your eyes

There’s a place where I go in my sleepy times,

I can treasure the world which I loves the most

Where it’s unrevealed and don’t need a host,

This place is so dazzling as it seems

Such a magical thing, I call my dreams.

View original post

Brian Selznick_La straordinaria invenzione di Hugo Cabret_Recensione

Buondì lettori 🙂 Eccomi con una nuova recensione: il libro di oggi è La straordinaria invenzione di Hugo Cabret, di Brian Selznick. Ho iniziato a leggere questo libro gli ultimi giorni del 2017 e l’ho finito di leggere l’altra sera, quindi è un ultimo/primo libro dell’anno. Di seguito la scheda del libro, la trama e come sempre, la mia recensione. Buona lettura 🙂

Titolo: La straordinaria invenzione di Hugo Cabret
Autore: Brian Selznick
Genere: Storico-drammatico
Editore: Mondadori
Prezzo: 16,00 euro
Pagine: 542
Anno di pubblicazione: 2007

Acquistabile quihttps://www.ibs.it/straordinaria-invenzione-di-hugo-cabret-libro-brian-selznick/e/9788804614159

Trama: La luna, le luci di una città, una stazione affollata, due occhi spaventati. Le immagini a carboncino scorrono come in un cinema di carta fino a inquadrare il volto di Hugo Cabret, l’orfano che vive nella stazione di Parigi. Nel suo nascondiglio segreto, Hugo coltiva il sogno di diventare un grande illusionista e…

View original post 478 altre parole

Disney – Pixar Coco (2017)

Risultati immagini per coco disney

Lo so che non dovrei amare la musica ma non è colpa mia. La musica è nelle mie vene. (Miguel)

Il 28 Dicembre è arrivato  al cinema il nuovissimo lungometraggio Disney Pixar COCO. Una festa di colori e di musica, una celebrazione della vita che farà divertire, ridere, emozionare e piangere.

Miguel ha dodici anni e la musica nel sangue, ma nella sua famiglia ogni forma di musica è bandita da quando la trisavola Imelda fu abbandonata dal marito chitarrista e costretta ad occuparsi da sola della figlia Coco. Nel Día de los muertos, deciso a partecipare ad un concorso musicale, sottratto della propria chitarra, Miguel decide di rubarla dalla cappella del suo trisavolo, il cantante Ernesto de la Cruz, gloria nazionale, ritrovandosi così a passare dal regno dei vivi a quello dei morti.

Il protagonista del film è un bambino che vuole ribellarsi alla storia della famiglia:

View original post 327 altre parole

Nella ovattata quiete, di Gino Felix

Nella

di Gino Felix

Nella ovattata quiete
della notte
brilli come una stella
nei miei sogni
nei desideri d’amore
ardenti di passione
annuso i tuoi respiri
mentre mi avvinghio
alla tua carne
affamato di te
della tua anima
così affine alla mia
in un canto antico
di pura gioia.

Fra Paradiso Purgatorio e Inferno, di Michele Melillo

Fra Paradiso

di Michele Melillo

Esclusia

FRA PARADISO PURGATORIO ED INFERNO

Adoro le irte salite
Aborro le facili discese
In questo mio cammino eterno
Fra Paradiso ed Inferno

Ed ho un grande desiderio nell’anima e nel cuore
Che tutte le terre siano un mare d’amore
Che si torni ad apprezzare la bellezza ed il profumo di un fiore
E che sparisca dal mondo ogni dolore

Tutti abitiamo in un grande Purgatorio
Dove siamo alla perenne ricerca del nostro io
Alcuni dopo tanto lo trovano
Altri alla fine lo perdono
Continua a leggere “Fra Paradiso Purgatorio e Inferno, di Michele Melillo”

Lettera al mare

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

Le ultime volte che sono tornata a casa, sono andata a guardare il mare quasi ogni giorno. Ogni giorno alla stessa ora, o meglio, allo stesso momento: al tramonto. Arrivavo sempre un poco prima dello spettacolo, accompagnata dai miei pensieri, dalla musica, da un libro o da un foglio su cui scrivere. E finalmente stavo bene. Le ultime volte a casa sono andata costantemente a passeggiare sulle rive del mare, andandolo a trovare come se fosse un vecchio amico, un fratello, un amante. E non importa se si trattava di una giornata di pioggia o di quiete, d’estate o d’inverno, riusciva sempre a calmarmi e a ricordarmi che la bellezza esiste, senza essere soltanto una favoletta di tutti i sognatori. Ed infine, il tramonto. Distrattamente, altri nostalgici e pensatori come me, si soffermavano a guardarlo. Ogni giorno, in quel momento, l’aria si riempiva di tanti sospiri e pensieri che dal…

View original post 70 altre parole