PRUFŰM D’IN RICORD, di Gianni Regalzi

di Gianni Regalzi

(Dedicaija a ‘n Òngel co’i cavì neier)

Gruppo amici della poesia

U j’è in ricord cum riturna ant’la ment

tutt el siri quònd ch’a vagh a drumì.

A l’è in ricord ch’lè divers da tücc j’ater,

l’è ‘l prufüm d’in amur ch’j’hò perdì.

L’era frёsch cme na ròza d’Avrì

e pulid acme l’aria ‘d muntagna, ma

forse te a t’l’hai nenta capì

e ta m’hai dacc in dulur infinì.

A me um basta stèt auzen ogni tònt

e parlèt con la vuz del me còr,

dedichet quater vers ‘d Puesia

e ricurdet che sensa te me a mòr.

Lisòndria, 3 Mars 2004

Gianni Regalzi

(El fiò del Bosch e l’anvud du smoj) Continua a leggere “PRUFŰM D’IN RICORD, di Gianni Regalzi”

Dai panettoni ai prosciutti: l’Ogm   c’è ma non si vede

AP_100810018083-25487-kAPF-U11011391442388eLI-1024x576@LaStampa.it

L’Italia vieta la coltivazione di organismi geneticamente modificati, non l’importazione.  Senza insetticidi però la biodiversità è a rischio

da: http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 18/12/2017

SANDRO CAPPELLETTO ROMA

Anatre, faraone, tacchini, polli, ovini, bovini e maiali. Tortellini, formaggi, latte, uova. Il pranzo di Natale è servito, con gli Ogm nel piatto. Panettoni compresi. Formaggi morbidi, duri, grattugiati, prosciutti di grande marca, come i salmoni, le anguille e i capitoni cresciuti negli allevamenti. La nostra normativa è ambigua: vieta la coltivazione degli organismi geneticamente modificati, non la loro importazione, né la commercializzazione. Se produco un biscotto che contiene soia Ogm devo dichiararlo nell’etichetta, ma se vendo uno zampone di maiale nutrito per mesi esclusivamente con mangimi Ogm non sono tenuto a dirlo. Sono allergico – dichiara di esserlo il 40% degli italiani – al lattosio e bevo latte di soia? La soia venduta in Italia è per il 90% Ogm. Ogni cittadino europeo consuma ogni giorno indirettamente 186 grammi di soia Ogm ed ogni giorno l’Italia ne importa diecimila tonnellate.   Continua a leggere “Dai panettoni ai prosciutti: l’Ogm   c’è ma non si vede”

Non abbandonate il progetto di riqualificazione del lungofiume!

Gi abonante-giorgio

da abo Giorgio Abonante. Alessandria

Prof. Luigi Nosenzo (Università di Pavia)

Ultimato e inaugurato il ponte Meier, abbellito il lungo-Tanaro con la risistemazione dell’area verde oggi denominata Parco Italia, resta ancora un vistoso problema da risolvere in loco: è praticamente impossibile accedere al letto del fiume!

Dalla passeggiata del Parco Italia si osserva una grande varietà di uccelli  occupare l’alveo del fiume, aironi, gabbiani, anatre, cormorani, ecc.. oltre a centinaia di piccioni. Sono lì perchè ci arrivano volando, beati loro! I pescatori e i cittadini, che le ali proprio non le hanno, sono stati invece estromessi. Ci riferiamo in particolare alla zona a valle del salto d’acqua presente sotto il ponte, che, fino a pochi anni fa, era, per antica tradizione, un punto di riferimento dei pescatori alessandrini. Continua a leggere “Non abbandonate il progetto di riqualificazione del lungofiume!”

Mistero a Crooked House: il bello del delitto

Ho visto Assassinio sull’ Orient Express e mi è piaciuto moltissimo…

- Radical Ging -

Mistero a Crooked House è il primo film tratto dalla penna della Duchessa della Morte, a tornare sul grande schermo dopo 28 lunghi anni (l’ultimo era Dieci piccoli indiani di Alan Birkinshaw). Agatha Christie, nella sua biografia ci dice che “[…] I due romanzi polizieschi che preferisco sono Crooked House ( in Italia pubblicato come È un problema) e Ordeal by Innocence (Le due verità) […]”. È quindi comprensibile che dopo una dichiarazione del genere l’hype salga, e fortunatamente nessuna aspettativa è stata delusa.

There was a crooked man, and he walked a crooked mile.

Mistero a Crooked House è tratto dal romanzo best seller È un problema, pubblicato nel 1950 in Italia, e rientra pienamente nel canone del whodunnit, il classico giallo all’inglese. La vicenda del film ruota intorno alla figura di Aristides Leonides, il grande patriarca e burattinaio delle vicende della…

View original post 980 altre parole

La paura che alimenta il populismo

Uscita dall’euro (una follia, gli inglesi si stanno pentendo della loro decisione) e paura dei migranti (proprio ora che i flussi migratori stono diminuiti) sono gli argomenti con i quali il Centro Destra potrebbe vincere le prossime elezioni politiche… sono entrambi questioni attuali che parlano alla pancia della massa dei cittadini… Pier Carlo Lava

da: http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 18/12/2017

MARCO ZATTERIN

La paura è il miglior nemico dell’uomo, ma anche un compagno di viaggio frequente e un consigliere inaffidabile. Alimenta le decisioni meno ragionate e, in assenza di risposte adeguate, è la madre che aggiunge timore ai timori, provocando rabbia contro avversari spesso falsi come le notizie che li raccontano.  

È la paura che fomenta i populismi; è la sensazione diffusa di insicurezza e incertezza che governi e parlamenti faticano ad affrontare. È la molla della rivolta: i terremoti della politica, e della società, nascono nella paura che fa credere nel cambiamento da scatenare a ogni costo, esigenza che diffonde instabilità perché, nel mondo veloce e complesso, se non si guarda lontano, non si risolve alcuna incognita.   Continua a leggere “La paura che alimenta il populismo”

VORREI, di Gianni Regalzi

Gruppo amici della poesia

Vorrei essere presente nei tuoi sogni,

essere la tua rosa senza spine, il tuo tulipano,

essere il cielo sereno dei tuoi giorni più belli,

essere il tuo sole, la tua canzone, la tua felicità.

Volare tenendoti la mano su una nuvola bianca

e, guardandoti sempre negli occhi, volar lontano.

Sdraiarmi accanto a tè sulla sabbia calda

quando tramonta il sole e, nell’aria rosa,

sfiorarti con le labbra gli occhi,

fino quando viene la notte.

Alessandria

Gianni Regalzi

Racconto di Natale

Racc st_agnes_presepio_sm_thumb1_thumb

da: http://nuvolegialle.blogspot.it/

L’era quasi Natàl. Giuàn l’era tött intrösc in di sò pensér… questo racconto andrebbe narrato così, ma sono ben consapevole che pochi sarebbero in grado di leggerlo. Mi sforzerò quindi di rendere in italiano corrente la vicenda che si sviluppa in un tranquillo angolo di Lombardia, disteso tra collinette e pianure che coprono le province di Lecco, Como, Monza-Brianza e Milano, non lontano dal confine antico tra il Ducato e la Serenissima, segnato dal corso dell’Adda e noto alla letteratura per la fuga di Renzo verso Milano nei Promessi Sposi. Continua a leggere “Racconto di Natale”

Questura di Alessandria: Arrestati ladri di pedaggi

Complimenti agli uomini e alle donne delle forze dell’ordine, che ogni giorno con risorse inadeguate e un trattamento economico scarso per il lavoro che svolgono, si impegnano per tutelare la sicurezza dei cittadini!!!. Pier Carlo Lava

Alessandria today @ Pier Carlo Lava

Arrestati

Questura di AlessandriaAnche la Polizia Stradale di Alessandria ha partecipato all’operazione che ha portato all’arresto di due componenti di una banda di origine rom dedita a furti in danno delle Autostrade, avendo scassinato diverse casse automatiche ai caselli piemontesi, lombardi, liguri, veneti ed emiliani. Il sistema era semplice ed efficace, come si può vedere in foto, ma non ha pagato. Al termine di complesse indagini, gli autori di circa 30 furti sono stati in parte individuati e i due nomadi della foto sono stati tradotti in carcere. Sono in corso ulteriori indagini per assicurare alla giustizia il resto della banda.

#poliziadistato#essercisempre

View original post

In direzione ostinata e contraria, di Lia Tommi

Don Andrea Gallo, uno dei giusti, una grande perdita… per tutti e in particolare per gli ultimi…

Alessandria today @ Pier Carlo Lava

 

Alessandria,  di Lia Tommi

“I miei Vangeli non sono quattro… noi seguiamo da anni e anni il Vangelo secondo Fabrizio  de André, un cammino cioè in direzione ostinata e contraria. E possiamo  confermarlo, constatarlo : dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori”.

Don Andrea  Gallo, nato a Campo Ligure nel 1928 e deceduto a Genova nel 2013, è  stato presbitero, partigiano, di fede cattolica e ideali comunisti,  anarchico cristiani e pacifisti,  prete di strada.

Attratto fin da piccolo dalla spiritualità dei Salesiani di San Giovanni Bosco, fece esperienza come missionario in Brasile e come cappellano in un riformatorio, dove utilizzò la pedagogia della fiducia e della libertà. In seguito è stato  cappellano del carcere di Capraia, e poi viceparroco della Parrocchia  del Carmine a Genova, dove fece scelte di campo con gli emarginati.  La Parrocchia  divenne punto di aggregazione di chi era in cerca di  amicizia…

View original post 140 altre parole

Omaggio a Tenco, di Lia Tommi

Da non perdere assolutamente…

Alessandria today @ Pier Carlo Lava

“Se stasera  siamo qui”, titolo di una indimenticabile canzone di Luigi Tenco, è  ora anche titolo di una mostra, organizzata  dalla Fondazione Cassa di Risparmio  di Alessandria, che rende omaggio al celebre cantautore di Ricaldone,  nel 50° anniversario della  sua morte.

La mostra sarà  aperta  a Palatium  Vetus, in piazza della Libertà,  dal 4 al 20 dicembre, con i seguenti orari:

– da lunedì a giovedì  9-13 e 14,30-16,30

-venerdì 9-13

-chiuso sabato e festivi

L’inaugurazione  è  prevista per il 4 dicembre, alle ore 18, con uno spettacolo gratuito presentato da Red Ronnie e la presenza di Enzo Iacchetti  che,  accompagnato al pianoforte  da Marcello  Franzoso,  canterà  brani di Tenco, che hanno ispirato  le opere esposte, realizzate da Marco Lodola e Giovanna Fra.

Marco Lodola, che già  ha, collocate stabilmente  ad Alessandria, le creazioni “Marengo” e  “Il cappellaio”, è  qui presente con una grande chitarra in legno con led, lunga…

View original post 35 altre parole

AURIJSA, di Gianni Regalzi

Gruppo amici della poesia

AURIJSA

Aurijsa esi present ant ti tò sogn,

esi la tò ròza sensa spen-ni, u tò tulipon,

esi u ciel sren del tò pü bèll giurnà,

esi u tò sù, la tò cansòn, la tò felicità.

Vulè con te per mòn ans’na niula biònca

e uardonti sempr ant’ògg, vulè lunton.

Crujemm auzen a te ans’la sabbia còuda

quond cui tramònta u sù e, ant l’aria ròza,

sfiurètt col lavri j’ògg,

fin quond cui ven la nòcc.

Lisondria, 26 Giugn 2003

Gianni Regalzi

Paura dei migranti, non dell’euro. Ecco la benzina del populismo

Paura

Inchiesta La Stampa-Financial Times: due terzi per la moneta unica, pure tra i grillini. Solo il 40% si vede multietnico. Dubbi anche tra gli elettori Pd sulle frontiere aperte

AFP

Il 41 per cento dei nostri lettori ritiene l’immigrazione più un’opportunità che una minaccia, ma ben il 38% una minaccia (o una preoccupazione), e il 21 ha un punto di vista neutrale, o incerto. Quasi il 40 per cento crede in un’Italia multi-etnica, ma il restante 60 per cento rifiuta questa idea, o almeno ha dei dubbi seri

da: http://www.lastampa.it/ il 18/12/2017

JACOPO IACOBONI, JAMES POLITI

Più che il no all’euro, un atteggiamento di crescente, forte chiusura sull’immigrazione. Secondo un’inchiesta del Financial Times-La Stampa, l’ostilità verso i migranti, e dubbi diffusi sul fatto che l’Italia possa diventare con successo una società multietnica, stanno dando benzina alle forze populiste molto più che la spinta a uscire dall’euro.  Continua a leggere “Paura dei migranti, non dell’euro. Ecco la benzina del populismo”

Peter Larsen Dance Studio, aperte iscrizioni per stage con Olibiero Bifulco

APERTE LE ISCRIZIONI AL PETER LARSEN DANCE STUDIO PER LO STAGE CON IL BALLERINO OLIVIERO BIFULCO.

Il Peter Larsen Dance Studio, storica scuola di danza di Alessandria con sede in Via Cardinal Massaia 19, apre le iscrizioni per lo stage di danza classica e moderna che si terrà Giovedì 4 gennaio 2018, nella sede della scuola.

Docente per la giornata sarà Oliviero Bifulco, reso noto al grande pubblico dal programma televisivo “Amici”, a cui ha partecipato nella scorsa edizione. Classe 1995, Oliviero comincia a studiare danza classica all’età di sei anni. Nel 2007, riceve il primo premio al concorso Expression a Firenze: fra i giurati Giuseppe Carbone e Frédéric Olivieri. Riceve il premio al talento al concorso Dance on Stage a Milano, e il primo premio al concorso Opus Ballet a Firenze. Sempre nel 2007 supera le selezioni per l’accesso al 2° anno di corso della Scuola di ballo del Teatro alla Scala. Nel 2009 viene scelto da Kim Brandsturp, coreografo del Royal Ballet, per danzare nella produzione Morte a Venezia del Teatro alla Scala. Sempre alla Scala partecipa a numerose produzioni, tra cui Raymonda e Aida. Continua a leggere “Peter Larsen Dance Studio, aperte iscrizioni per stage con Olibiero Bifulco”

QUESTURA DI ALESSANDRIA 5.0, il voto dei cittadini sui social

questura

Questura di Alessandria: 5.0 e’ il voto che avete dato finora a questa pagina: il massimo delle stelle! Questo ci gratifica e ci impegna a fare sempre meglio, ma ancora più importante, forse, sono i vostri commenti, tutti belli, bellissimi! Ne abbiamo scelto tre, che hanno colto perfettamente lo spirito della nostra pagina. Ve li proponiamo, e ci farebbe piacere sapere se siete d’accordo:
“Grazie per esserci sempre!!! Grazie al nuovo Questore di aver creato questa pagina che ci da’ l’opportunità di conoscervi e di apprezzare quello che state facendo.Sentirvi più vicini ci fa sentire anche più sicuri e tutelati!!!” (Patrizia L)

Continua a leggere “QUESTURA DI ALESSANDRIA 5.0, il voto dei cittadini sui social”

IL GIORNO PIU CORTO – ITALIAN SHORT FILM DAY: LA FESTA DEL CORTOMETRAGGIO

Italian Il_giorno_piu_corto.png

Alessandria: Dal 2010 il giorno più breve dell’anno, il 21 dicembre, è stato consacrato giorno internazionale del cortometraggio. In più di cinquanta Paesi si celebra la ricorrenza programmando corti in sala, in televisione o in eventi specifici. Il successo dell’iniziativa rende lo Short Film Day una vetrina ideale per le opere brevi che, durante l’anno, difficilmente escono dal circuito festivaliero. Il Centro Nazionale del Cortometraggio ha realizzato un programma di corti italiani recenti che vuole essere una galleria sulla produzione italiana, dedicata al nostro Paese e all’estero. Una formula che permette una larga diffusione del corto italiano nel mondo, con riscontri sempre estremamente positivi. Il Giorno più corto è l’occasione per accedere a una produzione che raramente accede alla sala, confinata perlopiù al circuito dei festival, in grado di incontrare i favori del pubblico per la sua originalità e freschezza. Continua a leggere “IL GIORNO PIU CORTO – ITALIAN SHORT FILM DAY: LA FESTA DEL CORTOMETRAGGIO”