Momenti di poesia. Incubi e stelle, di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Incubi e stelle, di Stefania Pellegrini

Parole nomadi

Boris Musatov

Incubi e stelle nel cielo stanotte
te ho sognato
sull’ala fragile del giorno.
Acqua fluttuava
a racchiuderci come bolla nelle ore.
Per istanti ho inseguito il desiderio
di percorrere sentieri
dove raggiungere la tua mano,
sentivo la tua voce e rabbrividivo
nel blu cobalto della notte.
Camminavo su impronte
scavate dal gelo,
seguendo la luce di stelle
che nasceva lontano.
Ma la bruma avvolgeva
pian piano il mio corpo
e la tua ombra lenta scivolava via
nella velata veste bianca. 

Stefania Pellegrini ©

Non lasciarmi, ti prego

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/solitudine.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/innamorati.jpg

 

Non abbandonarmi proprio adesso

ho paura di quello che mi aspetta.

Restami accanto

consolami

stringimi forte

non lasciare che il vento mi porti via.

Non lasciarmi

non lasciarmi proprio adesso

ho bisogno del tuo affetto

del tuo amore.

Restami accanto

dimmi che mi vuoi bene

non lasciarmi naufragare in una bufera di illusioni.

Non lasciarmi sola

in questa notte buia e fredda.

Non lasciarmi

resta qui con me

ancora un poco

ti prego.

 

 

Momenti di poesia. I fiori di lillà, di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia, I fiori di lillà, di Stefania Pellegrini

Parole nomadi

I fiori di lillà

Delicata, fragile oggi
più di ieri ti ho trovata,
nello sguardo vagante
di una bimba persa
la sua bambola di pezza.
Ho indugiato
tra i tratti del tuo volto
per snodare dal ricordo
il turbinio delle stagioni,
per ritrovarti negli occhi
che ho conosciuto.
Poi ho provato a richiamarti
dal limbo in cui vivi da tempo
come una perla chiusa
nella sua conchiglia.
Timorosa ti ho sfiorato,
carezzato la piccola mano
ossuta, sperando!
Sperando non so neppure
io cosa, forse di vedere
sul tuo pallido volto
fiorire un timido sorriso,
un cenno di saluto,
un raggio di sole improvviso
che bucasse le nubi
del tuo cielo ombroso.
Ma i tuoi occhi distanti
non hanno saputo distogliere
lo sguardo dalla finestra.
E i fiori di lillà
che ti ho portato ieri
stanno appassendo nel vaso.

Stefania Pellegrini ©

Ogni diritto riservato all’autrice