Momenti di poesia. Lo sprone della nostra vita di Grazia Denaro

  1. 633d62999b6f8ed619367bee28a3b82cFerma il tempo – fermalo ora:

    – mai finiranno i nostri abbracci –

    e ridendo ribalti le coltri

    per approcciarti più vicino a me

    aprendomi le porte del paradiso.

     

    Non smettere di starmi vicino –

    dimmi, sussurrami

    che mai finirà quest’amore

    che m’invola al cielo

    accendendomi palpiti

    quando la tua bocca

    alla mia si fonde

    e nella pace dell’anima

    mi dona quell’emozione

    che mi gioisce dentro.

     

    Noi siamo rami intrecciati,

    siepi marzoline profumate

    che rifulgono nell’oro

    dell’aria azzurra del cielo:

    – fulgida luce –

     che è lo sprone della nostra vita.

     

    @Grazia Denaro@

Momenti di poesia, Fu dolce quell’ora di Grazia Denaro

26a76302462c96f7e24b4fdaae5dbe92

Fu dolce quell’ora di magico incanto

d’abbacinanti luci

 ed esaltanti tocchi di rosso fuoco:

-soffi suadenti adagiati al cuore-

S’accesero coni d’azzurro

in un pullulare d’afflati

ed emozioni di caldi fremiti

che inviarono a quella danza divina

ed avvolgente di treccia d’amore

irretente i sensi

in un bagliore magnifico

che non arretra ma risplende.

 

@Grazia Denaro@

Cercami

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/cercami.jpg

 

Cercami là

dove finisce il blu

starò in silenzio

ascoltando le tue parole

piene di vane promesse

piene d’amore mai detto.

Cercami là

dove non esistono confini

dove l’odio si sposa con l’amore

dove la speranza non ha fine.

Cercami là

in fondo a un sogno

dove la finzione diviene realtà

dove un cuore infranto

non provi dolore.

Cercami là

alla fine del mondo

sarò lì

seduta ad aspettare

un sogno svanito

corroso dal tempo.

Cercami là

in fondo al tuo cuore

io sono proprio lì

nascosta dentro il tuo amore.

L’uomo imperfetto

 

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/cigni.jpg
“Amore che da sempre fuggi
nascondendo il tuo calore
nei paesi di tutto il mondo.
Dimmi!
Perché non ti fermi un momento?
Non sei stanco di girare tutto in tondo?”
“Sono stanco e tanto!
Ma voglio nascondermi lontano, lontano
dove le persone non meritevoli
non assaggino il mio mistero
“Sei cattivo e orgoglioso!
Cosa avrà mai fatto questa povera gente?”
“Mille cose abominevoli!
Avere l’amore è davvero un dono.
Non tradire se ami davvero
il tuo cuore deve essere sincero.
Non fare promesse se non puoi mantenerle
fare soffrire è questione di poco.
Non mentire se ti è possibile
la sincerità dev’essere vera!
Non tradire il tuo essere folle
è l’amore che ti fa correre forte”
“Tradire, vane promesse, mentire
sono cose davvero meschine.
Ma oramai è il mondo che va così
e dell’amore che è un dono
non importa proprio a nessuno”
“Non direi affatto così
importa davvero
e tanto lo sai!
Ma è l’uomo imperfetto
che rovina il tutto
e dell’amor non se ne prende cura!”

Speranza

tutto è vuoto
tutto è silenzio
tutto risulta oscuro

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/mondo2.jpg

Ho perso la forza di combattere

in questo mondo che gira al rovescio.

Emozioni pure non percepico più

tutto è vuoto

tutto è silenzio

tutto risulta oscuro.

In questo mondo perso e disastrato

voglio avere ancora una speranza

voglio leggere nei cuori e negli sguardi

che ci sia ancora amore!

Momenti di poesia. Vieni di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Vieni di Stefania Pellegrini

Parole nomadi fb

Vieni amore vicino,
porta quiete al mio giorno,
rassicuralo
del prima e del dopo.
Un disagio di scomode incertezze
guida oggi
ai giorni fecondi.
Ma là dove il tempo intinse i colori,
una patina
cristallizza gli umori.
Non trova la mente l’aitante scroscio
che metteva
vivacità ai giorni.
Ogni cosa cambia ordine,
a sé ritorna,
Vieni camminiamo,
cerchiamo vibrazioni d’altra vita.
Sebbene il vento
inarchi le onde,
arricci le nuvole in cielo
cerchiamo la voce nel silenzio
del divenire.
Perché le ore non sviliscano
al pallido sole.
Vieni, alla banchina del molo
il cuore cerca approdo.

Stefania Pellegrini ©

©Ogni diritto riservato©

i miei blog: Parole nomadi, Il mio tempo migliore, SETA FINA

Momenti di poesia. Ricorderemo di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Ricorderemo di Stefania Pellegrini

Ricorderemo questi baci
il canto sommesso che sale
e muove come l’onda.
Sapore fruttato
fragola, miele
tra le umide labbra.
Dolcezza di piena che travolge,
brezza leggera alita la schiena.
Ricorderemo il desiderio che sale
dalla voce del cuore,
la melodia che rinnova
la perla di luna
mentre veglia i sogni
dei teneri amanti.
Ricorderemo questi baci!
Il giorno che ci sveglieremo
e non saremo più accanto.

Stefania Pellegrini ©

CULTURA A KM 0: la poetica del teatro itinerarante

a cura di Marina Vicario

Il tradizionale Spettacolo Itinerante del Teatro del Rimbombo quest’anno si tinge d’amore in tutte le sue forme e in tutte le sue età.
Uno spettacolo sentimentalmente itinerante, con la prossima tappa per la vie di Carrosio, per vivere le emozioni che l’amore racconta ma che la nostra ragione non sa spiegare.
Una produzione a 22 mani firmata dal teatro del Rimbombo!

Sabato 17 Agosto 2019 ORE 21:00 CARROSIO – SPETTACOLO GRATUITO NON OCCORRE PRENOTAZIONE

EVENTO FACEBOOK info:
https://www.facebook.com/events/401345224061890/

L’organizzatore Piero Carosio, in questa intervista, si fa portavoce del gruppo per darvi l’occasione di conoscere, più approfindatamente, la compagnia e l’evento dedicato all’amore.

Come nasce il vostro progetto di teatro itinerante?
Il progetto nasce a settembre 2018. Lo spettacolo itinerante del teatro del rimbombo nasce per poter dare spazio agli autori di tutto il gruppo, L’amore da 0 a 100 è stato scritto per esempio da ventidue mani differenti.
curatori e registi sono Paolo Plazza e Pierfranca Zuccotti sono stati i curatori dei testi e registi dei pezzi teatrali che vedrete in scena.

Quali sono gli argomenti che portate in scena?
Come ogni itinerante che si rispetti sono presenti nei pezzi diversi temi ma il filo rosso che unisce confluisce nell’amore. In questo caso da 0 a 100, in riferimento alle varie età della vita. L’amore è un gioco con cui inizi a ‘giocare’ presto per poi non smettere mai, un argomento di cui non si può smettere di parlare.

È uno spettacolo per tutti?
Sì, certamente.
Questo spettacolo naviga in quegli eventi dell’amore di quello dei bambini fino ad una età più adulta.

Cosa vedremo esattamente nello spettacolo a Carrosio?
La poetica utilizzata è quella dello spettacolo itinerante.
La particolarità sta nel far vivere spazi non teatrali.
Portiamo il teatro nei cortili, nelle strade e negli scorci più caratteristici del paese di Carrosio.
Il pubblico verrà accompagnato da alcuni attori, come una guida, fino a raggiungere le singole stazioni, dove potranno vedere un pezzo dello spettacolo vivendo su un piano più immersivo la magia teatrale.
In particolare quest’anno accadranno eventi molto realistici che porteranno lo spettatore a credere che stiano accadendo per davvero.

Quali sono i progetti futuri?
Il teatro del rimbombo ha in programma attualmente la stagione teatrale di Castelnuovo Bormida, Silvano D’orba e Monastero Bormida ricca di nuovi spettacole. Inoltre ripartiremo in autunno con i corsi teatrali per adulti, bambini e di teatro benessere nei teatri della stagione.

Gli attori che vi parleranno dell’amore
Uno degli attori: Fabio Sacchinelli a Castelnuovo Bormida

Il grauppo al completo! Complimenti RAGAZZI!

Momenti di poesia. Ricerca d’amore di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Ricerca d’amore di Stefania Pellegrini

Corpi avvolti tra lenzuola bianche
scomposte in giochi sensuali
profumi inebrianti
di passione ardente.
Labbra calde, gocce
di fresca rugiada si posavano
sull’onda di luce che emanava
la vellutata pelle.
Intrecci di mani, di gambe
carezze in fantasie della mente
si sposavano
tra cavalcanti desideri.
In te mi specchiavo, mi fondevo
in unico sguardo,
in unica essenza che traduceva
la passione del cuore.
Mi abbandonavo al trasporto
che nutriva e alimentava
la mia ricerca d’amore. 

Stefania Pellegrini ©

Ogni diritto riservato

Momenti di poesia, Il suo supremo incanto di Grazia Denaro

35895382_2021843381224019_208638906965426176_n

Splende l’aurora boreale

in uno sfolgorio di luci e colori

scorgo i tuoi occhi in lontananza

mio desiderato fiore che al sole brilli

con i tuoi capelli d’oro

ad esaltare la tua prestanza

che si rispecchia in mezzo alla natura.

 

Tenerezza mi tocca il tuo viso

illuminandomi della tua essenza

che si spande

nell’aria fluttuante di questa valle

con una voce che mi dona

così tanto entusiasmo

da abbracciare il mio onirico sogno

che dal vivo ora

mi professa il suo supremo incanto.

 

@Grazia Denaro@

Notte di San Lorenzo, di Ines Favorita

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/07/stella1.jpg

Il sentimento che provo non ha logica

non ha un filo conduttore di razionalità

è tutto racchiuso nel cuore

nel segreto del mio cuore.

E per quanto io voglia dar retta alla ragione

c’è sempre lui

incalzante

prepotente

che mi porta a te!

Anche questa sera voglio sognare:

io e te a guardare le stelle

abbracciati teneramente in silenzio.

Sogni da adolescente immatura…

Ma non riesco a far tacere il mio cuore.

Amore?

Che sia amore acerbo?

La devo smettere se non voglio farmi del male

la devo smettere di pensare a te!

Sempre puntuale è il tuo pensiero

il tuo nome è da sempre marchiato sul mio cuore…

e il tuo viso…

il tuo viso lo rivedo ogni sera nel cielo stellato.

Chimera!

Illusione!

Ti vado cercando in mezzo la gente

sperando di incontrare il tuo sguardo

di leggere nei tuoi occhi

una scintilla d’amore!

Vorrei che i miei pensieri arrivassero a te

sfiorando le tue labbra con il mio amore.

Che in questa notte magica e misteriosa

tu

finalmente

t’innamorassi di me!

Che la stella più bella che non ho visto cadere

venisse a cercarti

per dirti

che questa sera sto pensando a te!

 

 

Momenti di poesia, I giorni magici di allora di Grazia Denaro

44451

 Bello ti ritrovo

dopo anni di lontananza.

 

La mia anima

sente sciogliersi quel nodo

che da sempre le alberga dentro.

 

Il tintinnio della tua voce

scaturisce brividi sulla pelle

e di petali odorosi

m’investe il tuo profumo

riportandomi ai giorni magici

 di allora.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia. Certe nubi di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Certe nubi di Stefania Pellegrini

Certe nubi

Fa male questo silenzio
che si frappone tra le iridi
dei nostri occhi e il cuore
che smorza la luce alle fioriture.
Dove sono fermi i pensieri
che articolavano le parole?

La giornata piatta langue
di luce riflessa.
Si perde tra i treni, le stazioni
delle nostre stagioni.
Cerca odore di notturni musici
là dove cedevano
i gesti ai baci e i venti contrari
non piegavano i sogni.

Lo so che amore è anche attesa
pazienza, gioire degli attimi
fugaci e l’autunno può ancora
fiorire gli incontri,
ma oggi rodono certe nubi in petto.

Stefania Pellegrini ©

Momenti di poesia. Tra abbaglio e ragione, di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Tra abbaglio e ragione, di Stefania Pellegrini

Parle nomadi

Tra abbaglio e ragione

Guardarla talvolta estasiato
afferrato dalla vertigine dei sensi
abbagliato come
dal blu cobalto del mare
puntinato di stelle
o il rosso cocente del sole.
Bella parea come sirena di mare.
Della dolcezza di corde di cetra
risuonava la voce
civettava in onde gioiose.
La pelle trasparente
vibrava dei colori del mare
all’alba, al tramonto
talvolta colore ambrato aveva
della luna.
Ma poi capitava di leggerle
nello sguardo l’ombra del vento
che andava veniva
in guizzi di fulmine negli occhi
e tra le ciglia
luci e ombre incerte d’inganno.
E quell’aria strana
fra le pieghe di un sorriso spento,
cos’era?
Tra abbaglio e ragione
scoprirle le spalle, i seni
avidamente cercarne il cuore
le segrete dell’anima.
La pioggia scendeva stanca
la luce si fece avara e alfine la trovò
ma che delusione penetrare
l’aridità di un deserto di sale!

Stefania Pellegrini ©

Granelli di sabbia

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/beach-908279_1920.jpg

 

Camminando a piedi nudi

sulla sabbia bagnata

cerco appena di socchiudere gli occhi

e penso a tantissimi

granelli di sabbia.

Li conto piano: uno… due… tre…

Sono i giorni

gli attimi

che ho trascorso con te.

Rappresentano le lunghe ore felici

del nostro amore.

Riapro con leggerezza gli occhi

guardo il cielo

e vedo dei gabbiani in volo:

“Beati loro”, sussurro

e poi guardo il mare

il sole

la spiaggia

e ricomincio ancora una volta

a contare quei piccoli

granelli di sabbia: uno… due… tre…

e ancora penso

ma capisco che è finita.

Resto lo stesso

a contare i miei bellissimi

granelli di sabbia: uno… due… tre…

restando sospesa a contemplare il mare

restando sospesa in una giornata

che via via finisce

con un velo di malinconia.