NOTTE FONDA, di Antonio Solimand

NOTTE FONDA, di Antonio Solimand

NOTTE FONDA
E tardi ed è notte
Sentite chiudo
Perché stanco
Perdonatemi
Ma devo ,dirvi
Buona notte .
Ma se vi sentite
Sole..sognatemi
Vi farò compagnia
nella notte
Vado vi lascio
Vado a letto
Un saluto
Silenzioso
Per la buonanotte
a domani.

A.S.

COME LUCCIOLE, di Antonio Solimand

di Antonio Solimand

COME LUCCIOLE
A i bordi delle strade
Brilla il fuoco acceso
in fiammette
nelle serate
E lì che ti ho incontrata
Gonna corta
e tacchi a spillo
Vende amore
a passanti
E sconosciuti
Non far caso
Della gente
Dello sguardo

Continua a leggere “COME LUCCIOLE, di Antonio Solimand”

CUORE DI UN POETA, di Antonio Solimand

di Antonio Solimand

CUORE DI UN POETA
Scrivere poesie
Senza essere
Un poeta sono vere
Come solo un poeta
Può scrivere come fai tu
E.un dono che hai
della mente .
e della penna ,
che in tanti vorrebbero,
Sotto sotto ,
un poeta lo sei
La tua umiltà e vera ,
Qualcosa di eccezionale
Non servono insegnanti
per far parlare il cuore,
Per esprimere sentimenti
serve solo il cuore
per fare un poeta.

A.S.

TU DONNA TU POESIA, di Antonio Solimand

di Antonio Solimand

TU DONNA TU POESIA
Scrivo parole per poesie
Dedicate a ciò che sia.
Tu che sei la mia pazzia
Tu donna tu poesia
Che sei la vita mia
Quando mi assale
La malinconia sei tu
che la mandi via
Mi sveglio la mattina
E ti vedo i n casa mia
con un abbraccio e poi via
Tu donna tu poesia .

A .S.

LA TUA AMICIZIA, di Antonio Solimand

di Antonio Solimand

LA TUA AMICIZIA
Dopo aver parlato
Come vecchi amici
Come mai mi hai
Chiesto l’amicizia.

Sei molto bella
Così vedendo
La tua foto
Mi sei simpatica .
Scrivo poesie .
E vorrei farti
Leggerle .

C’è il mio uomo
e molto geloso
Attento.

E che ci posso fare
Se mi sei piaciuta
Da come ti ho vista .

A . S.

IL NONNO RACCONTA, di Antonio Solimand

IL NONNO RACCONTA, di Antonio Solimand

Lunga è l’attesa
Torno indietro quando
Ancora ragazzino
Correvo tra le braccia
Dei nonni e mi accoglievano
Con carezze stringendomi
A loro ,mi parlavano
Anche se non capivo
Ma il tempo passa
Ti sposi dopo un po Sei padre
Sei una gioia per i due padri
Mentre cresci guardi sei
Ancora piccino ma
Il nonno RACCONTA
Del suo passato
Delle venture e sventure.
Un giorno ti dice tu sarai padre
Il tempo passerà ancora
Sarai anche tu nonno
Potrai raccontare
I valori della vita
Che hai imparato
Tre le braccia dei nonni
Ricordando che
Il nonno RACCONTA.

A.S.

DOLCE CASA MIA, di Antonio Solimand

DOLCE CASA MIA, di Antonio Solimand

Quanta malinconia
Quoto sono via
ti penso e sei
Nel mio pensiero
E ne sono fiero
E come un amore
Ti porto nel cuore
e sento dolore
Sento parole
E sento lodevole
Per le case
Per le proprie case
E un dolore lasciare
E un piacere tornare
Nella mia casa
dolce casa mia.

A.S.

NON SONO UNO STRANIERO, di Antonio Solimand

NON SONO UNO STRANIERO, di Antonio Solimand

Ricordo quando ancora
Andavo a scuola nella piazza
Poco più di un ragazzino
Quando sono andato via
Non per colpa mia
Lasciando qui il cuore mio
Ma con una promessa
Che feci a me stesso
Mentre il tempo passa
E non scordo la promessa
Con un Po di fortuna ora posso
Adesso che son grande
e ora di tornare con ricordi
Della scuola dei vecchi compagni .la piazza
Dove giocavamo
Ma i tempi cambiano
Nessuno più mi conosce
Giro di domande sei STRANIERO con risposte
Non sono uno straniero
Con il cuore in gola
Raccontai la mia storia
Ritrovando i miei
Vecchi compagni
L’abbraccio e saluti
Non mi sento più
Un straniero.

A.S.

FIORI DI PRIMAVERA, di Antonio Solimand

FIORI DI PRIMAVERA, di Antonio Solimand

FIORI DI PRIMAVERA
Si sveglia la natura
lunghe distese pianure
Il verde con boccioli in fioritura
Che sbocciano e colorano
Il grande prato dell’amore
I fiori a primavera
Erbe e margherite
Fiori di camomilla
Fiori di ciliegie
In maggio le rose
Rosse il suo profumo
Fiori di primavera.
Le ciliegie don mature
fan parte della natura.

A.S.

IL MARE SI MUOVE, di Antonio Solimand

IL MARE SI MUOVE, di Antonio Solimand

IL MARE SI MUOVE
Quando il mare
È calmo la sera
e sembra con pace
La realtà rispecchia
Tra le onde schiumose
Verso riva e vedere
Il mare muove
Quando la luna
Si specchia nel mare
All’arrivo delle onde
Balla l’argento
Tra le onde
Quando soffia il vento
Il mare si muove
Con le onde .

A.S.

IL VENTO DI BORA, di Antonio Solimand

IL VENTO DI BORA, di Antonio Solimand

IL VENTO DI BORA
Tira la bora
D’inverno e fresca
D’estate ti soddisfa
D’inverno imbianca
Con neve e ghiaccio
D’estate al mare ti piace
Stendersi sulla sabbia
E caldo sulla spiaggia
D’inverno con l’ombrello
D’estate sotto l’ombrellone
Dopo l’inverno si cresce
Dal verde si matura
Come vuole la natura.
Ma l’estate con calura
Dopo la mietitura
Di pensa all’aratura
Per cultura dell’agricoltura
Con il vento di scirocco
Frutta e verdura con calura
Tutto diventa moscio
L’estate finisce in agosto
Si comincia a sentire
L’odore di mosto
Ci porta l’autunno
Cadono le foglie
Gli alberi sono spogli
Il vento porta via fogli
Di calendario come dicembre
Porta via un altro anno
E tanto freddo
E vento di bora.

A.S.

UN GIRO TRA MONTAGNE, di Antonio Solimand

UN GIRO TRA MONTAGNE, di Antonio Solimand

UN GIRO TRA MONTAGNE
La mattina di buon ‘ora
Siamo partiti per il giro
Tra pianura verso i monti
Nella valle di Stignano
C’è un convento
Con frati e un po di vento
Più in alto c’è S.Marco
Un po distante
Il monastero con
i frati cappuccini
Tra il verde e canti di uccellini.
Il giro continua sempre in alto
Fino San Giovanni Rotondo ,
un saluto al santuario di San Pio
di Pietrelcina.in chiesa una preghiera
Poi via a Monte Sant’Angelo
Una visita a San. Michele
Tira il vento ma non è un convento
Andiamo via così contenti,
Torni indietro con un saluto
Di un arrivederci.alla prossima.

A.S.

IL VENTO DI BORA, di Antonio Solimand

IL VENTO DI BORA, di Antonio Solimand


Tira la bora
D’inverno e fresca
D’estate ti soddisfa
D’inverno imbianca
Con neve e ghiaccio
D’estate al mare ti piace
Stendersi sulla sabbia
E caldo sulla spiaggia
D’inverno con l’ombrello
D’estate sotto l’ombrellone
Dopo l’inverno si cresce
Dal verde si matura
Come vuole la natura.
Ma l’estate con calura
Dopo la mietitura
Di pensa all’aratura
Per cultura dell’agricoltura
Con il vento di scirocco
Frutta e verdura con calura
Tutto diventa moscio
L’estate finisce in agosto
Si comincia a sentire
L’odore di mosto
Ci porta l’autunno
Cadono le foglie
Gli alberi sono spogli
Il vento porta via fogli
Di calendario come dicembre
Porta via un altro anno
E tanto freddo
E vento di bora.

A.S.

IL MARE SI MUOVE, di Antonio Solimand

IL MARE SI MUOVE, di Antonio Solimand

Quando il mare
È calmo la sera
e sembra con pace
La realtà rispecchia
Tra le onde schiumose
Verso riva e vedere
Il mare muove
Quando la luna
Si specchia nel mare
All’arrivo delle onde
Balla l’argento
Tra le onde
Quando soffia il vento
Il mare si muove
Con le onde .

A.S.

STAGIONI CHE CAMBIANO, di Antonio Solimand

STAGIONI CHE CAMBIANO, di Antonio Solimand

STAGIONI CHE CAMBIANO
Dove il caldo stressa
Soffoca e non passa
L’estate è con essa
Uno scritto rilassa
Adatta a questi tempi
Con un calore aggressivo.
Mentre altrove
Sta piovendo a dirotto
E un po più fresco .
Ma qui c’è caldo e tanto
Anche se in inverno
Non vedevi l’ora che arrivasse il caldo .
Di una bella stagione.
Ma non così dove si soffre il caldo,
E dove l’acqua fa disastri,
Non sono queste le belle stagioni.
Ha regioni Con queste stagioni ,
Anche le stagioni sono cambiate tutto sta cambiando
Anche dove sta piovendo.