Carabinieri di Casale Monferrato, attività sul territorio, arresti e denunce

Carabinieri di Casale Monferrato, attività sul territorio, arresti e denunce

La Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato (AL), nel corso delle Festività Pasquali, ha aumentato sensibilmente i controlli del territorio, in particolare nelle ore serali e notturne, impiegando un elevato numero di militari, dedicando particolare attenzione alla prevenzione e repressione dei furti, con attività investigative e svolgendo un’attenta vigilanza nelle zone considerate più sensibili, come centri storici, centri commerciali e luoghi di culto.

Carabinieri logo

In particolare, sono stati ottenuti i seguenti risultati:

  • I Carabinieri della Stazione di Cerrina M.to (AL), al termine di una serie di accertamenti, traevano in arresto in flagranza di reato: R.G. 59enne italiano, residente a Solonghello (AL), Frazione Fabiano, disoccupato e pluripregiudicato. I militari accertavano che presso l’abitazione del 59enne, era stata manomessa la scatola di derivazione dell’energia elettrica, apponendo una deviazione in rame a monte del misuratore elettronico, ed erano stati forzati i sigilli apposti sulla valvola del misuratore del gas metano della rete pubblica. Al termine delle formalità di rito R.G., veniva sottoposto agli arrestati domiciliari presso la propria abitazione ed il giorno successivo processato presso il Tribunale di Vercelli, con la convalida dell’arresto.
  • I militari della Stazione Carabinieri di Pontestura (AL), al termine di un’attività di indagine denunciavano in stato di libertà per truffa un 24enne rumeno, senza fissa dimora, pregiudicato, poiché a metà marzo, nel Comune di Camino (AL), in compagnia di un complice in corso di identificazione, fingendosi Carabiniere, si faceva consegnare mediante raggiri, alcuni oggetti in oro da un 79enne italiano.
  • I Carabinieri della Stazione di Rosignano denunciavano in stato di libertà per furto all’interno di un centro commerciale casalese, un 64enne albanese ed un 68enne italiano, entrambi residenti a Casale M.to, i quali si impossessavano di merce di vario tipo, occultandola e superando le casse senza pagare. L’immediato intervento del personale di sorveglianza e della pattuglia dei Carabinieri permetteva di fermare i soggetti e restituire la merce.
  • Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile denunciavano in stato di libertà per furto all’interno di un centro commerciale casalese, due cittadine rumene di 15 e 20 anni, poiché si impossessavano di merce di vario tipo, occultandola e superando le casse senza pagare. L’immediato intervento del personale di sorveglianza e della pattuglia dei carabinieri permetteva di fermarle e restituire la merce.

I Carabinieri di Serravalle Scrivia arrestano due sudamericani per furti all’Outlet

I Carabinieri di Serravalle Scrivia arrestano due sudamericani per furti all’Outlet

Carabinieri logo

I Carabinieri di Serravalle Scrivia hanno arrestato due giovani sudamericani, Garcia Munoz Daleska, cubana 26enne, e Vitela Guzman Leonard David, 23enne peruviano, per un furti commessi presso vari punti vendita del centro commerciale “OUTLET” di Serravalle Scrivia.

I predetti sono stati sorpresi dagli operanti, su indicazione di un commesso, in possesso di capi di vestiario e accessori del valore complessivo di quasi mille euro, asportati dopo aver eluso le barriere di sicurezza e dopo aver rimosso le placche antitaccheggio.

I due, in transito sul territorio nazionale, sono stati tratti in arresto e condotti nelle camere di sicurezza della locale Stazione Carabinieri, in attesa del processo per direttissima davanti al Tribunale di Alessandria.

Carabinieri, due arresti per furto e spaccio

Carabinieri, due arresti per furto e spaccio

Compagnia Carabinieri di Novi Ligure:

Predosa (AL), i Carabinieri di Capriata d’Orba hanno eseguito un ordine di carcerazione per un cittadino di origine brasiliana VICARI Nelson condannato per il reato di furto.

Carabinieri ok

I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Capriata d’Orba hanno tratto in arresto un cittadino brasiliano. L’uomo dell’età di 35 anni, residente nel Comune di Predosa, è stato colpito da carcerazione in forza ad un ordine emesso dalla Procura di Mantova, in seguito alla condanna per il reato di furto commesso nel 2014 a Asola (MN). Ieri sera i militari della Stazione di Capriata D’ Orba lo hanno rintracciato, tratto in arresto e tradotto presso il proprio domicilio in regime di detenzione domiciliare, ove dovrà scontare una pena di 4 mesi.

Bosio (AL), i Carabinieri di Gavi hanno eseguito un ordine di carcerazione per un cittadino italiano PORRETTA Vincenzo condannato per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari della Stazione Carabinieri di Gavi hanno tratto in arresto un cittadino italiano, a seguito di aggravamento di pena. L’uomo, un 40enne italiano, domiciliato nel Comune di Bosio, è stato colpito da un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Reggio Calabria, in seguito alla condanna per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti commesso nel 2013. Ieri sera i militari della Stazione di Gavi lo hanno rintracciato, tratto in arresto e tradotto presso la casa circondariale di Alessandria, ove dovrà scontare un residuo di pena di 15 gg.

Ten. Col. Giuseppe Di Fonzo

Comandante Reparto Operativo

Carabinieri di Acqui Terme. Ovada: due arresti per detenzione ai fini di spaccio

Carabinieri di Acqui Terme. Ovada: due arresti per detenzione ai fini di spaccio

Compagnia Carabinieri di Acqui Terme:

Duro colpo inferto allo spaccio di stupefacenti nell’ovadese da parte dei Carabinieri del NOR di Acqui Terme con gli arresti, nella serata di ieri, di due cittadini stranieri trovati con oltre un chilo di hashish.

Droga Acqui

I Carabinieri del NOR di Acqui Terme, coadiuvati dai colleghi delle Stazioni di Molare e Ovada, erano stati allertati in merito a strani movimenti di autovetture in una zona isolata di Tagliolo Monferrato. Tali movimenti, inconsueti per la zona e l’orario, hanno fatto scattare immediatamente l’adozione di un dispositivo di servizio composto da personale in uniforme e in abito civile.

A destare i sospetti dei militari, una Seat Ibiza con a bordo due persone che sostava a lato della strada in una zona completamente isolata. Immediatamente controllata e sottoposta a perquisizione, sotto i sedili posteriori venivano rinvenuti alcuni “panetti” di hashish che davano corpo ai sospetti maturati nelle ore precedenti.

Nel prosieguo del controllo veniva poi rinvenuto un ulteriore “panetto” nascosto sotto il pannello dei comandi dell’aria condizionata, mentre nel corso delle successive perquisizioni delle abitazioni dei due occupanti dell’auto veniva ritrovato di un bilancino di precisione. Continua a leggere “Carabinieri di Acqui Terme. Ovada: due arresti per detenzione ai fini di spaccio”

Compagnia Carabinieri di Novi Ligure: Due marocchini arrestati con 90 Kg di hashish

Compagnia Carabinieri di Novi Ligure: Due marocchini arrestati con 90 Kg di hashish

Novi Ligure: Tra il 28 febbraio ed il 1° marzo uu.ss., in Novi Ligure (AL), i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Savona, unitamente a quelli della Compagnia Carabinieri di Novi Ligure, hanno tratto in arresto S.E., 36enne e K.E 32enne, entrambi cittadini Marocchini, per traffico illecito di sostanze stupefacenti, perché trovati, all’interno di un garage, in possesso di 90 Kg di hashish.

5mf7A045mf7A035mf7A02

I due avevano ricevuto lo stupefacente nella mattinata, verosimilmente arrivato dalla Spagna, e lo avrebbero poi destinato a diverse piazze di spaccio, tra le quali Savona e Genova.

A seguito delle perquisizioni domiciliari sono inoltre stati sequestrati un bilancino digitale, circa 20 gr di cocaina, un’ingente quantitativo di denaro in contante e numerose sim telefoniche nazionali e marocchine.

Gli arrestati, per i quali in data odierna è stata disposta la misura cautelare in carcere, sono ristretti presso il carcere di Alessandria.

Cadavere murato, secondo arresto. Italiano di 44 anni ritenuto autore omicidio

Cadavere murato, secondo arresto. Italiano di 44 anni ritenuto autore omicidio

'Ndrangheta: cadavere murato, eseguito secondo arresto

Redazione Ansa MILANO http://www.ansa.it/

(ANSA) – MILANO, 10 NOV – La Polizia ha arrestato un secondo presunto omicida di Antonio Deiana, scomparso nel 2012 e poi ritrovato sei anni dopo murato nello scantinato di un palazzo a Cinisello Balsamo (Milano).

Per la sua morte, le Squadre Mobile delle Questure di Milano e di Como e del Commissariato Greco Turro hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un italiano del 1974, nato a Milano e residente a Monza, ritenuto autore dell’omicidio con Luca Sanfilippo, arrestato lo scorso luglio.

La morte di Deiana fu un regolamento di conti nel mondo del traffico di droga all’interno di una famiglia di ‘ndrangheta. Le indagini, dopo il fermo di Sanfilippo, sono proseguite nei confronti di un uomo ritenuto sin dal 2015 coinvolto nell’omicidio e poi arrestato ieri.