Intervista Nada Nuovo un artista a 360°, a cura di Lia Tommi

Intervista Nada Nuovo un artista a 360°, a cura di Lia Tommi

video di Pier Carlo Lava, intervista effettuata presso il caffè Melchonni d Alessandria.

Alessandria today è lieta di presentare un intervista a Leonarda Nada Nuovo, conosciuta come NadaNuovoHauteCouture, un’artista poliedrica, alla continua ricerca del bello sia attraverso la sua Casa di Moda che per il tramite dei suoi disegni ma anche scrittrice. Lunedì 20 maggio 2019 , alle ore 17.00, presso la Biblioteca Civica “Francesca Calvo”, presenterà il suo ultimo libro: “La belle epoque”, 10 modi per diventare una donna perfetta.

link del post: https://alessandria.today/2019/05/13/presentazione-del-libro-la-belle-epoque-di-leonarda-nada-nuovo-di-lia-tommi/

Video: https://youtu.be/inpdrD0nm8Q

Mostra Forme Erranti, Intervista a Albina Dealessi

Mostra Forme Erranti, Intervista a Albina Dealessi

di Pier Carlo Lava

Fabrizio Priano e Pier Carlo Lava.jpg

Alessandria lunedì 6 maggio 2019 alle ore 18.00 al Caffè Alessandrino in Piazza Garibaldi 39, si è tenuta la mostra “Forme Erranti” di Albina Dealessi, organizzata dall’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee, di Fabrizio Priano.

Priamo e DealessiSab Cris

Abbiamo intervistato l’autrice nel video le sue risposte alle nostre domande.

DSC_0001

DSC_0004

DSC_0005DSC_0006

La tecnica della Xilografia

La xilografia, o silografia, è una tecnica d’incisione in rilievo in cui si asportano dalla parte superiore di una tavoletta di legno le parti non costituenti il disegno. Le matrici vengono inchiostrate e utilizzate per la realizzazione di più esemplari dello stesso soggetto, mediante la stampa con il torchio.

video: https://youtu.be/7WZI7DWT3tk

Rassegna concertistica “Musei & Musica” Gli artisti

Rassegna concertistica “Musei & Musica” Gli artisti

13 aprile 2019 ore 18,30Palazzo Cuttica – Via Parma 1, Alessandria

Concerto Inaugurale con VOJIN KOCIĆ, chitarra1° premio concorso Michele Pittaluga di Alessandria 2018

1 Schermata 2019-04-11 a 10.02.37

Grazie alla sua musicalità, al suo modo di suonare espressivo, al virtuosismo nell’interpretazione della musica per chitarra dal Rinascimento alla musica del XXI secolo, Vojin Kocić rientra di diritto tra i migliori interpreti della scena chitarristica internazionale. I critici lo hanno definito “Maestro di delicatezza” (SRF). Nato a Smederevo, in Serbia, nel 1990, Vojin Kocić prende le prime lezioni di chitarra all’età di otto anni, nella sua città natale, con Jovica Milošević, e poi con Darko Karajić, presso la Scuola di musica “Josip Slavenski” di Belgrado. In seguito riceve offerte per continuare gli studi da parte di prestigiose scuole di molti paesi tra cui Germania, Austria, Italia, Grecia, Svizzera. Nel 2011, dopo un solo anno di studi presso la Facoltà di Musica di Belgrado nella classe di Srđan Tošić, su suggerimento di Oscar Gilla (allievo di Segovia), decide di proseguire la formazione con Anders Miolin presso l’Università delle Arti di Zurigo, dove consegue il Diploma e la specializzazione, ottenendo risultati lusinghieri e numerose borse di studio e riconoscimenti come miglior studente. Vojin completa il proprio perfezionamento nel 2007, 2010, 2014 e 2015 con lo stesso Oscar Gilla presso l’Accademia Chigiana di Siena, dove riceve il “Diploma d’Onore” per i suoi successi artistici, unico chitarrista ad ottenere questo riconoscimento nella storia dell’Accademia. Ha inoltre frequentato corsi di perfezionamento con famosi maestri come Pepe Romero, Leo Brouwer, Hubert Kappel, Zoran Dukić, Dušan Bogdanović, Carlo Marchione, Pavel Steidl, Anielo Desiderio e molti altri. Sin dagli inizi della sua carriera, quando aveva solo otto anni, Vojin ha ricevuto oltre cinquanta riconoscimenti internazionali, tra cui primi premi in prestigiosi concorsi, premi speciali, borse di studio. È stato acclamato come “prodigio” e come miglior giovane musicista in ogni anno accademico da lui frequentato. Si è aggiudicato il primo concorso internazionale nella categoria “senza limiti di età” quando aveva solo 14 anni e successivamente ha vinto altri 17 premi in prestigiosi concorsi. Tra i suoi ultimi successi è senz’altro da citare il Primo Premio al Concorso Internazionale di chitarre Heinsberg (Germania 2017) dove, come vincitore, gli è stata data l’opportunità di registrare il suo primo CD a Toronto per la famosa etichetta discografica NAXOS. Nel dicembre 2014 a Ginevra Vojin si è aggiudicato l’ottava edizione del “Prix Credit Suisse Jeunes Solistes” (concorso per tutti gli strumenti e per cantanti d’opera). ). È stato quindi scelto come miglior giovane musicista in Svizzera e, oltre al premio di 25.000 franchi, ha avuto l’opportunità di debuttare al prestigioso Festival di Lucerna nel 2015. Ha tenuto oltre 200 concerti da solista in vari paesi europei e come solista si è esibito con prestigiose orchestre. Suoi concerti sono stati trasmessi da emittenti radiofoniche e televisive come SRF 2 (Svizzera), Radio Swiss Classic, NPO Radio 4 (Paesi Bassi), RAI (Italia), MONDE (Francia), Radio Televisione della Slovenia (Ars), RTCG (Montenegro), Radio Televisione della Serbia. Tiene regolarmente Master Class in festival internazionali in Germania, Svizzera, Italia, Austria. Inoltre fa spesso parte di giurie in concorsi musicali internazionali. Oltre alla chitarra classica, Vojin si dedica alla Musica Antica su strumenti storici come la vihuela, il liuto rinascimentale, la chitarra barocca e il liuto barocco, su cui si è esibito molte volte. Suona una chitarra classica Masaki Sakurai (2017) e una Greg Smallman (2010), utilizza corde Dâddario e incide per la casa discografica NAXOS.

16 maggio 2019 ore 18,30Marengo Museum, Alessandria

Marco Tamayo e Anabel Montesinos,  chitarra, e il Quartetto d’archi dell’Orchestra Classica di Alessandria

2 Schermata 2019-04-11 a 10.02.45.png

Marco Tamayo, chitarrista cubano di cittadinanza austriaca, acclamato come il “Re della chitarra” dal quotidiano “La Stampa”, è vincitore di alcuni dei più importanti concorsi internazionali tra cui il Michele Pittaluga Premio città di Alessandria nel 1999, l’Andres Segovia di Granada e quello di La Herradura in Spagna, Il Nikita Koshkin di Rust in Austria, il Leo Brouwer de La Havana a Cuba nel 1994. Si è esibito con importanti orchestre e sotto la direzione di eccellenti Direttori in ogni parte del globo ed è una delle figure di spicco della chitarra classica dei giorni nostri. Attualmente insegna al Mozarteum di Salisburgo e al Landeskonservatorium Gustav Mahler di Klagenfurt. E’ inoltre Docente ospite all’Accademia Musicale di Danzica in Polonia, e, nel recente passato, ha insegnato anche presso l’Università di Sydney in Australia. Il suo saggio dal titolo “Essential Principles for the performance on the classical guitar” ha cambiato, rinnovandolo l’approccio allo strumento ed il metodo di insegnamento. I suoi studenti godono di ottima reputazione in ambiente internazionale. Marco Tamayo è Direttore Artistico del Concorso Internazionale di chitarra Michele Pittaluga ed è anche Cittadino Onorario di Alessandria e di Solero. Marco Tamayo suona una chitarra Simon Marty, è un Artista Savarez e usa corde Alliance Blue-Cantiga. Ha fondato e dirige la Marco Tamayo Edition, una casa editrice nata nel 2014 che propone pubblicazioni aggiornate di edizioni per chitarra classica. Continua a leggere “Rassegna concertistica “Musei & Musica” Gli artisti”

Agostino Carracci, pittore e incisore italiano e primo maestro di artisti di notevole talento

Agostino Carracci, pittore e incisore italiano e primo maestro di artisti di notevole talento

http://www.museionline.info/pittori/agostino-carracci

Agostino Carracci (Bologna, 16 agosto 1557 – Parma, 23 febbraio 1602) è stato un pittore e incisore italiano. Fratello maggiore di Annibale Carracci e cugino di Ludovico Carracci fu anch’egli un artista di talento. Fu anche, a dispetto delle modeste origini familiari dei Carracci, un uomo di notevoli cultura ed ingegno.

Agostino_Carracci_25f5395d5fe12dedc9dd9d7d7f123303

Si formò nell’ambiente tardo-manieristico bolognese, frequentando dapprima la bottega di un orafo per imparare l’arte dell’incisione, quindi la bottega di Prospero Fontana, poi quella di Bartolomeo Passarotti e infine lo studio dell’architetto e intagliatore Domenico Tibaldi. Secondo il Bellori, nell’apprendistato di Agostino vi sarebbe stato anche un periodo presso la bottega dello scultore Alessandro Menganti, autore della celebre statua bronzea Gregorio XIII, che tuttora sovrasta l’ingresso principale del Palazzo Comunale di Bologna.

Negli anni settanta del Cinqucento comincia la sua attività di incisore copiando i dipinti di maestri bolognesi del tempo come Lorenzo Sabbatini, Orazio Samacchini e Denijs Calvaert. Negli anni a seguire fece viaggi di studio e soggiornò a Venezia nel 1582, a Parma tra il 1586 e il 1587, e nuovamente nella città lagunare tra il 1587 e il 1589.

Particolarmente rilevante fu l’attività incisoria che svolse a Venezia. Qui entrò in stretti rapporti con Paolo Veronese, del quale divenne in un certo senso l’incisore ufficiale, e con il Tintoretto, che ne apprezzava grandemente l’abilità grafica. Secondo quanto tramandano le fonti, questi sentimenti del Tintoretto nei confronti di Agostino sarebbero dovuti all’ammirazione suscitata nel primo dall’incisione della Crocifissione della Scuola Grande di San Rocco, capolavoro di Tintoretto, che in effetti è una della prove grafiche più note del Carracci. Il sodalizio con il Robusti fu così forte che il grande pittore avrebbe fatto da padrino di battesimo per Antonio Carracci, figlio di Agostino nato Venezia. Continua a leggere “Agostino Carracci, pittore e incisore italiano e primo maestro di artisti di notevole talento”

RIFLESSI D’ORO NEL PARCO CHINA E ORO, di Stefania Melani

RIFLESSI D’ORO NEL PARCO CHINA E ORO, di Stefania Melani

riflessi

Buongiorno luminoso e sereno amici, alcuni di voi mi hanno chiesto di postare la mia opera esposta alla
III BIENNALE DELL’ACQUARELLO E DEL DISEGNO
nel PALAZZO DUCALE, MASSA, terminata ieri.

RIFLESSI D’ORO NEL PARCO
CHINA E ORO

Soffermiamoci
nel parco
Ala interminabile
di voli..
Riflessi inestinguibili
di pace….

Stefania Melani@

Buon compleanno, Renato Zero, di Lia Tommi

Renato Zero nasce a Roma il 30 settembre 1950, dunque quest’anno compie 68 anni, oltre 50 dei quali passati sul palcoscenico. Era infatti il 1967 quando Renato iniziava la sua carriera discografica. Dopo una lunga gavetta per lui il successo è arrivato nei primi anni ’70 e da quel momento non si è mai fermato, malgrado qualche frenata d’arresto vissuta nel corso degli anni è sempre riuscito a riemergere e tornare ai vertici delle classifiche di vendita discografica.

La sua ultima fatica discografica risale allo scorso anno quando pubblicò il doppio album “Zerovskij“, cui seguì un tour teatrale avente come protagonisti tutti i brani inediti dell’ultimo album, tralasciando quindi i suoi più grandi successi. La scelta inizialmente destabilizzò anche i fans più fedeli, che però si sono poi ricreduti ed hanno apprezzato la nuova veste del loro artista.

Durante l’estate appena trascorsa Renato Zero ha però stupito ancora una volta i fans con un nuovo cambio di rotta. Durante l’evento radiofonico Power hits Summer 2018, nel quale veniva decretato il brano tormentone dell’estate, l’artista romano ha portato a sorpresa sul palco una nuova versione di “Triangolo“, la sua celebre hit datata 1978 e rimasta in classifica per ben 13 settimane; accompagnato da un corpo di ballo di oltre 100 elementi, Zero è tornato sulla scena nella sua veste più trasgressiva e ritmata, che i fans tanto amano.

Il brano, remixato per l’occasione da Paolo Galeazzi, è piaciuto così tanto ai fans da convincere il Re dei sorcini a renderlo pubblico su tutti gli store digitali e chissà se questo non sia il primo tassello di un nuovo progetto discografico di Renato Zero, che lo veda tornare alle sonorità più ritmate che hanno contraddistinto i suoi primi album.

Nell’attesa di conoscere quali saranno i suoi prossimi passi discografici, approfittiamo dell’occasione per porgergli i nostri più sinceri auguri per il suo 68esimo compleanno.

Criticare e pontificare, lo sport preferito degli italiani, di Pier Carlo Lava

Criticare e pontificare, lo sport preferito degli italiani, di Pier Carlo Lava

Criticare e pontificare copia

di Pier Carlo Lava
Alessandria: Siamo un popolo di Poeti, Artisti, Eroi, Santi, Pensatori, Scienziati, Navigatori e Trasmigratori.
E’ questa l’iscrizione che si trova sulle quattro facciate del Palazzo della Civiltà del Lavoro, il Colosseo Quadrato, che si trova a Roma, nel quartiere EUR.
Ma forse sarebbe opportuno aggiornarla, dato che almeno negli ultimi decenni siamo sopratutto diventati un popolo di critici spietati e tuttologi.
E’ questo infatti lo sport preferito degli italiani, che prima lo praticavano con un certo successo nei bar, dalle metropoli ai piccoli paesi di provincia, ma con risultati ed effetti locali e tutto sommato contenuti.
Ora però con l’avvento dei social la crescita è stata esponenziale, in real time e con effetti moltiplicati all’ennesima potenza, a livello locale, nazionale e internazionale.

Continua a leggere “Criticare e pontificare, lo sport preferito degli italiani, di Pier Carlo Lava”

Il mio canale YouTube, 1.052 video, 246.576 visite e 251 iscritti, di Pier Carlo Lava

Il mio canale YouTube, 1.052 video, 246.576 visite e 251 iscritti, di Pier Carlo Lava

I video più visti sulla mia Home page di You tube

Una piccola parte dei video, più visti, sulla mia Home Page di YouTube, ecco il link:  https://www.youtube.com/user/piercarlolava

La stessa contiene 1.052 video, da quando è stata creata ha realizzato 246.576 visite, e conta 251 iscritti.

Un goal per il futuro: La Nazionale Cantanti in città Mercoledì 18 cena benefica con alcuni artisti

un Gino Latino

Un goal per il futuro: La Nazionale Cantanti in città Mercoledì 18 cena benefica con alcuni artisti
Casale Monferrato: In questi giorni alcuni rappresentanti della Nazionale Italiana Cantanti faranno visita alle scuole della città per una serie di incontri con gli studenti.
Questo è solo uno degli eventi di avvicinamento a “Un goal per il futuro”, partita esibizione di beneficenza per Vitas Onlus tra la celebre selezione di artisti e i “Resilienti del Monferrato” che avrà luogo domenica 29 aprile allo Stadio Natal Palli.
Mercoledì 18 aprile alle ore 21 Pierdavide Carone, Sandro Giacobbe e Gino Latino, tre delle colonne della Nazionale Italiana Cantanti, saranno gli ospiti d’onore di una cena di beneficenza per Vitas alla Locanda Rossignoli di Casale Monferrato.
Il menù a 30 euro prevede vitello tonnato alla vecchia maniera, agnolotti monferrini al sugo di brasato, guanciale di vitellone brasato con patate rosmarine, bonet, acqua, vino e caffè. Partecipando alla cena si otterrà anche, incluso nei 30 euro, un biglietto per assistere a “Un goal per il futuro”. Continua a leggere “Un goal per il futuro: La Nazionale Cantanti in città Mercoledì 18 cena benefica con alcuni artisti”

PRESOTTO E BIAGIOLI IN MOSTRA A PESCIA (PT)

Presotto

L’artista di Conzano (AL) invitata a collaborare con l’artista toscano di Arte Tribale

Pescia – Prende il via, sabato 20 gennaio presso L’Elefante Libreria del Fumetto a Pescia (PT, viale Europa 16), la mostra “2 artisti per la rivista SCARAFAGGI”. Nella Sciort Galleri della libreria, Nadia Presotto e Filippo Biagioli presenteranno rispettivamente acquerelli e disegni di piccolo formato, realizzati per l’opera d’arte in forma di rivista, SCARAFAGGI.

Tale pubblicazione edita in edizione limitata e numerata a 20 copie, conta circa 55 pagine di cui 9, sono realizzate a mano da filippo biagioli. Talvolta un artista contemporaneo, viene invitato a partecipare con una pagina, alla realizzazione. Questa volta è Nadia Presotto l’invitata, che per l’occasione ha realizzato 40 acquerelli, di cui una selezione sarà appunto, in mostra presso l’Elefante Libreria del Fumetto. Continua così, con Presotto e Biagioli l’attività della Libreria, che con il suo progetto di Sciort Galleri, vuol far conoscere i linguaggi grafici più vari e interessanti del panorama italiano. Continua a leggere “PRESOTTO E BIAGIOLI IN MOSTRA A PESCIA (PT)”