In evidenza

UN GIORNO QUALSIASI

donna fili876

E’ tardissimo e, come sempre debbo recarmi in ufficio al centro della città, sempre caotica e difficilissima da gestire in tutte le ore della giornata.

Infilo velocemente un abito e finisco di truccarmi, per non sembrare “una mummia imbalsamata”, visto che ancora sonnecchio in piedi, e mi reco, al parcheggio dell’auto, per iniziare con la prima tappa del nuovo dì.

La macchina fa un po’ di capricci, prima di mettersi in moto, ma poi conoscendomi, sa che non posso permettermi di restare a terra e quindi, timidamente dà i primi segni di vita….

Il traffico è pazzesco, ma non amo correre, e tanto meno fare scorrettezze alla guida, quindi rassegnata, e con i pensieri un po’ dappertutto, proseguo il tragitto.

Giunta quasi a destinazione, mi rendo conto, che nella notte, è stata completamente cambiata la segnaletica stradale, e come se non bastasse sono stati eliminati tantissimi parcheggi adibiti ai dipendenti del Comune.

Mi sento quasi svenire, di fronte a quella inaspettata visione…..ma come sempre, quando mi trovo in difficoltà, cerco di rimanere calma, elaborando una probabile soluzione del momento.

In questo caso non sembra arrivare e inizio a girare dappertutto, con la speranza di trovare posticino per la mia modesta utilitaria….ma purtroppo non intravedo il ben che minimo parcheggio.

Improvvisamente vedo un’autovettura fare retromarcia, e davvero incredula, mi precipito in quei pressi, aspettando che “il mio angelo custode” esca e liberi il posto per me.

Finalmente sistemo il mio veicolo e, guardando l’ora, mi rendo conto di essere appena in tempo per prendere possesso della mia scrivania. Non faccio in tempo a incamminarmi quando vedo d’un tratto, precipitare la mia auto in una voragine senza fine…talmente profonda che la mia

utilitaria è diventata quasi un puntino per quanto è lontana……

Telefono subito alla mia metà, che in realtà è vicinissimo a me e mi dice che, nel sonno, mi sono particolarmente agitata……

Tiro un respiro di sollievo ,e mi rendo conto, di quanto la fantasia possa coinvolgerci in assurdi scenari, che al momento sono davvero privi di soluzione!

@Silvia De Angelis

Fca: Manley, rivediamo piano Italia dopo ecotassa

Fca: Manley, rivediamo piano Italia dopo ecotassa

Reuters, per la tassa sulle auto di cilindrata media-alta

Redazione Ansa http://www.ansa.it

03ceb2d33687df3cd3a2ef904dc74ca8

L’amministratore delegato di Fca, Mike Manley © ANSA/AP

Fca sta rivedendo il suo piano di investimenti in Italia dopo il via libera alle tasse sugli acquisti di auto di cilindrata medio-alta e diesel. Lo ha detto l’amministratore delegato di Fca, Mike Manley, secondo quanto riporta la Reuters sul proprio sito. “Lo stiamo rivedendo. Fino a che la revisione non sara’ ultimata non posso commentare ulteriormente”.

“Comprendiamo le motivazioni di Fca, ma noi non siamo disposti a mettere in discussione il piano industriale che ci è stato presentato a Mirafiori e che prevede 5 miliardi di investimenti dal 2019 al 2021. Quel che è certo è che faremo tutto il possibile per evitare che ciò accada”. E’ il commento del segretario generale della Uilm, Rocco Palombella. Con il blocco degli investimenti pronti  a mobilitazione, dice la Fiom.”

L’amministratore delegato di Fca da Detroit ha valutato positivamente la vendita di Magneti Marelli, i risultati finanziari per proprietà e azionisti, ma ha anche dichiarato che sono in discussione piano di investimenti, industriale e occupazionale in Italia. Queste dichiarazioni mettono a rischio l’occupazione per i lavoratori degli stabilimenti italiani che da anni sono in cassa integrazione perché i piani industriali dichiarati non sono stati realizzati” afferma afferma Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive.

Quando non ci sono i gatti i topi ballano

La schiavitù dell’auto, una dipendenza come la droga.

Viviamo in un contesto di anarchia, menefreghismo e mancato rispetto delle regole del codice della strada e non solo.

Questa situazione è anche in conseguenza del fatto che la Polizia municipale, per motivi vari (dei quali abbiamo sovente parlato) non è più in grado di presidiare il territorio come in passato. 

E come recita un vecchio proverbio, “quando non ci sono i gatti i topi ballano”.

by Pier Carlo Lava. Alessandria 

Alessandria: L’involuzione, da auto-muniti ad auto-dipendenti, ormai non se ne parla quasi più, forse ci siamo assuefatti, come se fosse una droga della quale non possiamo più farne a meno.

Certo nella società odierna l’auto è un mezzo di locomozione importante, in diverse situazioni anche insostituibile, su questo non si discute.

Per molte persone si è però creata una vera forma di “dipendenza”, escono in auto per andare vicino a casa, all’edicola, in farmacia, dal tabaccaio a prendere le sigarette per andare a prendere il caffè in piazza della Libertà cercando di parcheggiare davanti al bar (ovviamente in divieto di sosta), oppure per andare a fare shopping in centro pretendendo anche di trovare posto davanti al negozio.

Queste persone saranno probabilmente fra i più accaniti sostenitori della cancellazione della ZTL.

La schiavitù dell’auto, perchè è di questo che si tratta, è lampante nei casi in cui si vedono parcheggi selvaggi di ogni tipo (doppia, tripla fila, in curva, sulle strisce pedonali, nei posti riservati agli invalidi ecc.), creando problemi al prossimo, circolazione rallentata, automobilisti bloccati, pedoni e mamme con i bambini nel passeggino, costretti a fare lo slalom. Continua a leggere “Quando non ci sono i gatti i topi ballano”

Frontale tra due auto nell’Astigiano: un morto e un ferito. Sky TG24

Foto di archivio (ANSA)

L’auto guidata da un 72enne si è scontrata con quella di un 37enne, morto sul colpo. Il 72enne è stato ricoverato e non è in gravi condizioni

Un 72enne astigiano è ricoverato all’ospedale di Asti per le ferite riportate in un incidente stradale avvenuto sulla statale di Costigliole d’Asti. Le condizioni del 72enne non sarebbero gravi. 

Alla guida della sua Audi, l’uomo si è scontrato con la Fiat Panda di un 37enne di Canale, in provincia di Cuneo. Il giovane è morto sul colpo.

Sul posto sono intervenuti per i rilievi i carabinieri della Compagnia di Canelli. Ancora da chiarire l’esatta dinamica dell’incidente… continua su: Frontale tra due auto nell’Astigiano: un morto e un ferito | Sky TG24

AUMENTANO I PUNTI DI RICARICA ELETTRICA SUL TERRITORIO COMUNALE

AUMENTANO I PUNTI DI RICARICA ELETTRICA SUL TERRITORIO COMUNALE

Tortona: In un’ottica di salvaguardia ambientale e contenimento delle emissioni, l’Amministrazione Comunale di Tortona ha accolto la proposta della Società Enel X Mobility s.r.l., per la realizzazione di una rete di ricarica per veicoli elettrici in ambito urbano.

ricariche enel x 2ricariche enel x1

Il grupppo Enel considera la mobilità elettrica una opportunità per lo sviluppo sostenibile, ragion per cui ha deciso di investire anche sul territorio del Comune di Tortona, facendosi carico dell’istallazione e della gestione di almeno sei nuove stazioni di ricarica.

Nei giorni scorsi è già stata attivata la prima, in Piazza Vittime XI Settembre, mentre a breve verranno attivate ulteriori postazioni a Rivalta Scrivia in Piazza Elemento e a Tortona in Viale De Gasperi angolo Via Cuniolo e in Viale Kennedy angolo via Balustra.

Nel corso del mese di dicembre è prevista infine la realizzazione di ulteriori 3 punti di erogazione in Città.

“La progettualità presentata da Enel integra le opportunità e le iniziative attuate dall’Amministrazione per migliorare la qualità dell’aria e contenere le emissioni inquinanti; considerato anche l’ampio utilizzo della prima colonnina di rifornimento di energia per i veicoli elettrici, istallata nell’ottobre 2017 in Piazza Allende, dichiara l’Assessore ai Lavori Pubblici Davide Fara – abbiamo ritenuto importante ed utile ampliare la rete di rifornimento di veicoli elettrici”.

Succede in via Moccagatta ad Alessandria

Succede in via Moccagatta ad Alessandria, un comodo parcheggio… sull’aiuola

Un comodo parcheggio.JPG

Alessandria: Un comodo parcheggio… sull’aiuola, gli automobilisti sono incredibili!!!, se potessero entrerebbero direttamente con l’auto dentro il locale dove devono andare… chi la guidava dopo avere parcheggiato in tal modo, fregandosene altamente del codice della strada e del prossimo e sceso e si è avviato tranquillamente a piedi, alcune presumibili… passanti osservano la scena. Occorre ricordare che a pochi metri di distanza esistono due grandi parcheggi a disposizione.

Cresce il car-sharing, di Cristina Saracano

Con 500 mila utenti, l’Italia ottiene il secondo posto in Europa, dopo la Germania per car-sharing, registrando ad agosto 2018 un aumento del 30% rispetto a un anno prima.

Interessanti anche le iniziative delle case automobilistiche: Kia, ad esempio, vuole sensibilizzare gli utenti sulla riqualificazione del territorio. Infatti si sta occupando di sistemare aree sportive dismesse, come, ad esempio, un campo basket nella periferia milanese.

Alfa Romeo, invece, nell’ambito del museo di Arese, questo weekend propone “Cofani aperti”, per poter vedere anche le parti interne di un’auto e scoprire qualcosa in più.

NWG Electric Car, di Pier Carlo Lava

nvg IMG_6545

Alessandria: L’auto nelle foto è stata vista parcheggiata tempo fa in via Sclavo, incuriositi abbiamo fatto una ricerca in internet, ecco cosa è emerso:.

NWG Spa, nata a Prato nel 2003, è oggi tra le più importanti realtà nel settore della Green Economy con le divisioni NWG Fotovoltaico e NWG Turbosolar per le energie rinnovabili, NWG E-Mobility per la mobilità elettrica, NWG Home per il risparmio energetico in casa, NWG for Planet per la compensazione delle emissioni di CO2, NWG Academy per la formazione. Forte dei risultati ottenuti con la divisione Fotovoltaico, a fine 2011 l’azienda ha dato il via a un processo di rafforzamento del brand e alla prima diversificazione di prodotto.  Continua a leggere “NWG Electric Car, di Pier Carlo Lava”

Il salto, di Marcello Comitini

Il salto, di Marcello Comitini

Pablo-Picasso-Child-with-flower
Pablo Picasso, Child with flower

allo stupore dolente dei Genovesi

Eccomi ancora sui sedili posteriori dell’auto.
Nello specchietto retrovisore mi vedo lontano e piccolo.
Giocavo con la palla rossa e blu che mi ha regalato
la nonna per questo viaggio.
Mio padre diceva a mia madre di essere arrabbiato
perché aveva dimenticato di chiudere
il gas e la finestra del bagno.
Io immaginavo la nonna che entrava a casa
per chiudere il gas e la finestra mentre si guardava intorno
e sentiva la malinconia della mia assenza. Saranno contenti
– pensava – d’essere tutti in vacanza.
Non sono mai stati nel Midi della Francia in un sole più buono
e un vino più dolce di quello che fanno in Toscana.
È vero mio padre e mia madre non ci sono mai stati
ma già sanno qualcosa. Lo capisco dai loro visi sereni.
Mio padre diceva la nonna ormai è fuori di testa. Crederà
che non siamo partiti
diventerà triste e morirà di dolore. Non dovevi
dimenticare la finestra aperta e non chiudere il gas.
Mi vedo nello specchietto retrovisore
che ho messo da parte la palla e guardo mio padre.
Anche mia madre lo guarda scuotendo la testa.
Abbiamo voglia di dirgliene quattro
e poi ridere insieme di questo nostro amore che cresce.
Mio padre sorride e mi guarda
nello specchietto retrovisore. Io gli sorrido.
Nel piccolo spazio tra me e il sedile di fronte
lancio la palla che rimbalza e la prendo. Rimbalza e la prendo.
L’auto è il mio cortile il sedile è il muro di fronte
la palla è la musica del mare alla fine del viaggio.
Mia madre sorride e si volta a guardarmi.
Abbiamo tanta strada da fare
forse è meglio che dormi. Non voglio dormire.
Guardo la strada davanti a me tra i loro visi girati
voglio raccogliere sogni.
Cerco di non chiudere gli occhi, di sentire la voce
di nonna che dice ormai sei un ometto.
Poi non vedo più nulla. Tra le mie braccia la palla e la nonna
che apre e chiude la bocca in un silenzio di morte.

 

Quando non ci sono i gatti i topi ballano, di Pier Carlo Lava. 

Quando non ci sono i gatti i topi ballano, di Pier Carlo Lava. 

La schiavitù dell’auto, una dipendenza come la droga.

Viviamo in un contesto di anarchia, menefreghismo e mancato rispetto delle regole del codice della strada e non solo.

Questa situazione è anche in conseguenza del fatto che la Polizia municipale, per motivi vari (dei quali abbiamo sovente parlato) non è più in grado di presidiare il territorio come in passato. 

E come recita un vecchio proverbio, “quando non ci sono i gatti i topi ballano”.

di Pier Carlo Lava. 

Alessandria: L’involuzione, da auto-muniti ad auto-dipendenti, ormai non se ne parla quasi più, forse ci siamo assuefatti, come se fosse una droga della quale non possiamo più farne a meno.

Certo nella società odierna l’auto è un mezzo di locomozione importante, in diverse situazioni anche insostituibile, su questo non si discute.

Per molte persone si è però creata una vera forma di “dipendenza”, escono in auto per andare vicino a casa, all’edicola, in farmacia, dal tabaccaio a prendere le sigarette per andare a prendere il caffè in piazza della Libertà cercando di parcheggiare davanti al bar (ovviamente in divieto di sosta), oppure per andare a fare shopping in centro pretendendo anche di trovare posto davanti al negozio. Continua a leggere “Quando non ci sono i gatti i topi ballano, di Pier Carlo Lava. “

Vicende metropolitane… il pedone, le strisce pedonali e l’automobilista, di Pier Carlo Lava

sicurezza_stradale

Vicende metropolitane… il pedone, le strisce pedonali e l’automobilista
Il codice della strada non è un optional, respect please
di Pier Carlo Lava
Alessandria: E’ giusto che un pedone ringrazi un automobilista che si ferma davanti alle strisce pedonali?. A questa domanda molti risponderebbero di no affermando che è un obbligo previsto dal codice della strada come in effetti recita il presente articolo:
Art. 191. * Comportamento dei conducenti nei confronti dei pedoni.
1. Quando il traffico non e’ regolato da agenti o da  semafori,  i conducenti  devono  fermarsi  quando  i   pedoni   transitano   sugli attraversamenti  pedonali.  Devono  altresì  dare   la   precedenza, rallentando e all’occorrenza fermandosi, ai pedoni che  si  accingono ad attraversare sui  medesimi  attraversamenti  pedonali.  Lo stesso obbligo sussiste per i conducenti  che  svoltano  per  inoltrarsi  in un’altra strada al cui ingresso si trova un attraversamento pedonale, quando ai pedoni non sia vietato il passaggio. Resta fermo il divieto per i pedoni di cui all’articolo 190, comma 4. (3). http://www.aci.it/ Continua a leggere “Vicende metropolitane… il pedone, le strisce pedonali e l’automobilista, di Pier Carlo Lava”

Che le auto vengano a noi

inquinamentoauto-326x245

Per quanto si riesce a capire, o immaginare, la serie di recriminazioni e contro-annunci che ha lastricato la cronaca di questi ultimi mesi sulle serrande abbassate e le vie intristite,  registra una sorta di nuovo compromesso tra Amministratori e Commercianti. Più o meno in linea con le concessioni  politiche precedenti e i desiderata  del Centro storico che si possono così riassumere:  il commercio è malato (di stenti) e la città rischia un nuovo dissesto, ma medici e pillole sono pronti al capezzale. Come dire: preoccupati sì, ma non rassegnati e inattivi.

L’armistizio verte sostanzialmente sul mantenimento dello status quo : un intreccio di iniziative già viste, che avrà pure i suoi limiti d’efficacia, ma rassicura i soggetti interessati.

Continua a leggere “Che le auto vengano a noi”

Parcheggio selvaggio e strade dissestate, di Nicola Parodi

Parcheggio selvaggio e strade dissestate, di Nicola Parodi     http://www.cittafutura.al.it/

Alessandria: via Verona con cartelli uso “grida manzoniane”

Non sono passati troppi mesi dalla fine dei lavori di risistemazione delle lastre dei marciapiedi di via Verona nel tratto fra via Volturno e via Santa Maria di Castello e già si intravedono i segni di ammaloramenti preludio di ulteriori rotture. Non intendo minimamente criticare le modalità di esecuzione dei lavori, non avrei i titoli necessari. Ma si può usare quanto succede in questa via come paradigma delle vie del centro con marciapiedi a raso. Infatti, osservando i punti in cui si verificano le sconnessioni delle lastre e le rotture è possibile formulare delle ipotesi su alcune delle cause dei danni.

Un mezzo in movimento possiede un energia cinetica (proporzionale alla massa e al quadrato della velocità) che viene scaricata a terra principalmente in caso di frenata o cambio di direzione, analogamente il fondo stradale deve assorbire (azione e reazione) le forze generate dalle oscillazioni verticali del veicoli. Continua a leggere “Parcheggio selvaggio e strade dissestate, di Nicola Parodi”

ACI e Comune di Alessandria: Lancio la campagna ‘Invita Revisione 2018’

aci IMG_6824

ACI e Comune di Alessandria: Lancio la campagna ‘Invita Revisione 2018’

L’ACI Alessandria in collaborazione con il Comune di Alessandria lancia la campagna ‘Invita Revisione 2018’, una iniziativa di sensibilizzazione per la promozione di un corretto approccio alla mobilità con l’invito ad adottare comportamenti virtuosi finalizzati all’incremento della sicurezza della circolazione stradale.

La comunicazione sarà inviata dall’ACI Alessandria a circa 13.000 proprietari di veicoli, non solo i cittadini di Alessandria, ma di tutto il territorio provinciale per informarli della necessità di effettuare la revisione del proprio mezzo nel periodo compreso tra marzo 2018 e febbraio 2019.

“La revisione dell’auto è un servizio utile per sé e per l’ambiente e per tale ragione questa Amministrazione ha accolto con piacere l’invito dell’ACI Alessandria a collaborare per la realizzazione di questa campagna – ha commentato il vicesindaco e assessore alle Politiche per la Mobilità, Davide Buzzi Langhi -.  Continua a leggere “ACI e Comune di Alessandria: Lancio la campagna ‘Invita Revisione 2018’”

Quando non ci sono i gatti i topi ballano, di Pier Carlo Lava

La schiavitù dell’auto, una dipendenza come la droga.

di Pier Carlo Lava

Viviamo in un contesto di anarchia, menefreghismo e mancato rispetto delle regole del codice della strada e non solo. Questa situazione è anche in conseguenza del fatto che la Polizia municipale, per motivi vari (dei quali abbiamo sovente parlato) non è più in grado di presidiare il territorio come in passato. 

E come recita un vecchio proverbio, “quando non ci sono i gatti i topi ballano”.

Alessandria: L’involuzione, da auto-muniti ad auto-dipendenti, ormai non se ne parla quasi più, forse ci siamo assuefatti, come se fosse una droga della quale non possiamo più farne a meno. Certo nella società odierna l’auto è un mezzo di locomozione importante, in diverse situazioni anche insostituibile, su questo non si discute. Continua a leggere “Quando non ci sono i gatti i topi ballano, di Pier Carlo Lava”

Tragedia a Cuorgnè, morti due giovani di Pont nello schianto

Una delle vittime stava diventando padre, la moglie incinta si è sentita male. Scontro violentissimo tra due auto, anche tre feriti. CUORGNE’. Tragedia nella notte tra sabato e domenica a Cuorgnè, due giovani vite sono state spezzate.

Due auto si sono scontrate al km 33,5 a Salto, frazione di Cuorgnè, sulla 460… continua su: Tragedia a Cuorgnè, morti due giovani di Pont nello schianto – Cronaca – La Sentinella del Canavese

Il Piano della Mobilità è una priorità

di Pier Carlo Lava

Una protezione per i pedoni in via Marengo (e dati ISTAT 2016 sugli incidenti stradali)…

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Restiamo in attesa di verificare come si comporterà la nuova amministrazione comunale, per quanto concerne il piano della mobilità, ZTL compresa e relativamente agli interventi necessari per migliorare la sicurezza nella circolazione stradale dei ciclisti, intervenendo in modo incisivo e funzionale sul sistema attuale delle piste ciclabili. Le fasce di utenti della strada si possono suddividere in tre categorie, automobilisti – motociclisti, ciclisti e pedoni, con le ultime due considerate a buona ragione le più deboli. 

Alessandria è da sempre una città autodipendente e almeno sinora nessuna delle varie Amministrazioni che si sono succedute al Governo della città ha provveduto a realizzare interventi atti a ad una maggiore tutela di ciclisti e pedoni.  Continua a leggere “Il Piano della Mobilità è una priorità”

Il codice della strada non è un optional, respect please

Vicende metropolitane… il pedone, le strisce pedonali e l’automobilista

di Pier Carlo Lava

Alessandria: E’ giusto che un pedone ringrazi un automobilista che si ferma davanti alle strisce pedonali?. A questa domanda molti risponderebbero di no affermando che è un obbligo previsto dal codice della strada come in effetti recita il presente articolo:

Art. 191. * Comportamento dei conducenti nei confronti dei pedoni.

1. Quando il traffico non e’ regolato da agenti o da  semafori,  i conducenti  devono  fermarsi  quando  i   pedoni   transitano   sugli attraversamenti  pedonali.  Devono  altresì  dare   la   precedenza, rallentando e all’occorrenza fermandosi, ai pedoni che  si  accingono ad attraversare sui  medesimi  attraversamenti  pedonali.  Lo stesso obbligo sussiste per i conducenti  che  svoltano  per  inoltrarsi  in un’altra strada al cui ingresso si trova un attraversamento pedonale, quando ai pedoni non sia vietato il passaggio. Resta fermo il divieto per i pedoni di cui all’articolo 190, comma 4. (3). http://www.aci.it/

Occorre però considerare che la stragrande maggioranza degli automobilisti sono degli incivili e non rispettano questo articolo e non solo, quindi nella migliore delle ipotesi passano velocemente sui piedi del pedone mentre attraversa e nella peggiore lo investono, a volte con conseguenze nefaste come sovente ci riportano le cronache. Perciò quanto un automobilista si ferma mentre attraverso la strada sulle strisce mi viene spontaneo ringraziarlo… Continua a leggere “Il codice della strada non è un optional, respect please”

Inquinamento, polveri sottili superiori ai limiti da sei giorni: scattano i blocchi alle auto da Milano a Torino 

Sei giorni consecutivi oltre i limiti di Pm10 a Milano, Torino e in altre zone della Pianura Padana fanno scattare il blocco alle auto inquinanti. Dalla mattina di Santo Stefano, nel capoluogo lombardo non sono circolare le macchine alimentate a diesel fino agli Euro 4 compresi e limitazioni al traffico sono previste anche a Bergamo e […] dettagli su: Inquinamento, polveri sottili superiori ai limiti da sei giorni: scattano i blocchi alle auto da Milano a Torino – Il Fatto Quotidiano

Incidenti stradali in calo, coinvolti il 60% uomini e il 40% donne

istat_logo copia

di Pier Carlo Lava

La cronaca purtroppo ce lo ricorda con una frequenza impressionante, dato che gli incidenti stradali con morti e feriti sono all’ordine del giorno e sovente anche in situazioni nelle quali non sussistono problemi dovuti alla pericolosità delle strade.

Alessandria: Secondo i dati Istat nella provincia di Alessandria nel 2016 sulle strade urbane ci sono stati 1064 incidenti, che hanno coinvolto per il 60% uomini e per il 40% donne (in calo rispetto al 2015, dove sono stati 1191) con 9 morti e 1055 feriti. Continua a leggere “Incidenti stradali in calo, coinvolti il 60% uomini e il 40% donne”

PERCHE’ SI EMETTONO ORDINANZE ?, di Gianni Senetta

Ordinanze

di  Gianni Senetta

Gentile Sindaco della città di Alessandria Gianfranco Cuttica Di Revigliasco mi scusi se mi permetto di scriverle in questo luogo con una lettera aperta ma non capisco perchè le ordinanze da lei emesse o anche da altre sedi non vengono rispettate.


Guardi il filmato, per tutti sono visibili i manifesti in giro per la città con il divieto di transito e passaggio per le strade del centro, nessuno che rispetta e peggio ancora, nessuno che fa rispettare, eppure l’organo competente esiste, ridotto ma esiste ma addirittura a diventare fantasma mi pare eccessivo.


Ormai, Alessandria è diventata una città anarchica, ognuno fà quello che vuole, si comporta come vuole, bada a se stesso scavalcando i diritti altrui eppure la nostra Costituzione si distingue in Diritti e Doveri ma molti, il secondo vocabolo non sa cosa voglia dire.

Continua a leggere “PERCHE’ SI EMETTONO ORDINANZE ?, di Gianni Senetta”

Se ci scapperà il morto di chi sarà la responsabilità?

di Pier Carlo Lava

La sicurezza dei cittadini non è un optional, le strisce pedonali di Spalto Marengo in zona ospedale rappresentano un costante pericolo per i numerosi pedoni che ogni giorno le attraversano, occorre intervenire prima che succeda un grave incidente. Il problema va risolto con tempestività, sarebbe un segnale che la sicurezza dei cittadini non è un optional.

Alessandria: Se ci scapperà il morto di chi sarà la responsabilità?, solitamente questa domanda viene posta da tutti dopo che sono successi i fatti, noi vogliamo porla prima, allo scopo di sensibilizzare chi di competenza a prendere gli opportuni provvedimenti per ridurre le possibilità che questi fatti succedano.

Ci riferiamo all’incidente stradale successo martedì 12 dicembre 2017 in Spalto Marengo sulle strisce pedonali antistanti l’entrata dell’Ospedale civile, dove un auto che si ferma per consentire ad un pedone di passare viene tamponata e a sua volta lo investe, fortunatamente con lesioni non gravi. Continua a leggere “Se ci scapperà il morto di chi sarà la responsabilità?”

Torino riparta dall’auto intelligente

da: http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 18/12/2017

CARLO RATTI*

«Fiat Strada – handbuilt by robots». Terminava così un bellissimo spot pubblicitario della Fiat Ritmo (ribattezzata Fiat Strada in Gran Bretagna) che alla fine degli Anni Settanta movimentava le televisioni del Regno Unito. Assemblate da bracci meccanici sulle incalzanti note delle Nozze di Figaro di Mozart, le Ritmo danzavano da sole sulla pista del Lingotto di Torino, come animate da vita propria, vere e proprie auto senza guidatore ante litteram.  

Torino come capitale dell’automobile irrompeva non solo negli spot pubblicitari ma anche nelle pellicole cinematografiche: indelebili nella memoria collettiva le immagini di «The Italian Job»(1969), con i ladri che sfrecciano in Mini per le strade e i monumenti del capoluogo sabaudo, restituendo l’idea di una Torino «smart» e all’avanguardia.   Continua a leggere “Torino riparta dall’auto intelligente”