La Poetessa Marinella Brandinali si presenta ad Alessandria Today

a cura di Marina Vicario

Ho chiesto alla Poetessa Marinella Brandinali di descriversi e parlare un po’ di sé. Nei giorni precedenti le ho proposto di candidarsi con alcune poesie a “Verseggiando” (organizzato dalla poliedrica e bellissima Izabella Teresa Kostka). Ebbene! Marinella Brandinali partirà alla volta di Biella per parteciparvi come finalista.

Buona lettura!

Colgo l’invito di Marina Vicario, direttrice Ufficio Stampa di Pluriversum Edizioni, per presentarmi ai lettori di Alessandria Today.

Preferisco le interviste ma cercherò di provare a raccontare un po’ di me e come sono arrivata alla poesia.

Sessant’anni fa in una sera d’inverno aprivo gli occhi Marinella Brandinali io, e il mio destino era tracciato, spensierata come un mattino d’aprile crescevo sotto gli occhi di un padre sole, fino all’età scolare dove cominciai a tracciare i miei scritti con tenera emozione.

Ma il destino era in agguato mi ha regalato un amore, un figlio sempre con fatica, come il duro inverno poche tracce di sole hanno illuminato il cammino e i miei scritti sempre più flebili hanno smesso di parlare.

Han taciuto per anni, come fiori avvizziti sono rimasti nel mio giardino sino a 5 anni fa, dove un onda in crescendo ha spezzato gli argini, portando nuove lacrime e parole.

Per gioco i miei scritti son tornati, a parlare di me, e del mondo circostante, han portato nuovo vigore e son nati 3 libri con altre voci e, pian piano, le mie flebili parole sono diventate realtà.

Due anni fa MARE VENTO E ANIMA è stato il mio primo libro in assolo, poi a seguire l’anno scorso 20 POSSIBILITA’ DI ESSERE DONNA  (edito da Pluriversum Edizioni) che festeggia il mio essere donna con le altre tanti concorsi dove il finale è stato emozione e puro scambio

Da pochi mesi l’ultima fatica SIMBIOSI DI UN RESPIRO (sempre edito da Pluriversum Edizioni) , che rimane nell’aria sospeso, come una dolce folata.

Resto qua, a parlare di me, di voi, della vita e del cuore, con certezza di entrare in punta di piedi ed emozionare.

Sono io un fiore di ghiaccio con il cuore caldo da donare, sono …respiro

Grazie per aver letto un po’ di me.

Marinella Brandinali


Pluriversum Edizioni

 

http://www.pluriversumedizioni.it/prodotto/simbiosi-di-un-respiro/

Pluriversum Edizioni

http://www.pluriversumedizioni.it/prodotto/20-possibilita-di-essere-donna/

 

Storia di una stella gialla – racconto breve di Sofia Celadon – a cura di Vicario Marina

a cura di Vicario Marina

Storia di una stella gialla di SOFIA CELADON

Immobile, ferma, cucita su questo strano pigiama con le righe. Così sembra prospettarsi la mia vita d’ora in avanti. Destinata a restare muta per il resto dei miei giorni, capace solo di guardare, ascoltare. Ora sono ammucchiata insieme ad altre mie compagne, anche loro fisse su quegli strani indumenti. A quanto pare siamo destinate ad un compito molto speciale, o almeno così ho sentito da quella strana persona che passa il filo tra la mia trama di stoffa. E aspetto, in una strana stanza maleodorante.

Ad un tratto si avvicina un alto e imponente ufficiale, con un lungo fucile sotto il braccio. Mi prende con forza e scrive sopra alla mia stoffa gialla qualcosa, ma non so dire cosa sia. Devo dire che un po’ mi fa il solletico. Malamente mi piega, lasciandomi bene in vista. Cammina per qualche minuto, fino a che non mi porge ad un altro strano uomo. Costui però è fragile, con lo sguardo assente e i capelli radi.

Mi guarda con aria avvilita e, senza emettere un suono, indossa il pigiama a cui io sono legata. L’ufficiale gli dà una sonora bastonata sulla schiena, sento fremere il suo corpo, dopo di che lo spinge via. Come mai l’ha picchiato? Che ha fatto di male questo mio nuovo padrone? Trema, sento la paura scorrergli nelle vene. In lontananza vedo delle baracche malconce e una lunga rete, avvolta da filo spinato. Come se fossi finita in una gabbia per animali pericolosi. Continua a leggere “Storia di una stella gialla – racconto breve di Sofia Celadon – a cura di Vicario Marina”