Fotografia: la donna negli “sguardi” di Beatrice Orsini, di Donatella Pezzino

Una, nessuna e centomila. Questa è la donna che Beatrice Orsini ha voluto cogliere nella sua rassegna “Metamorfosi: sguardi di donna” inaugurata lo scorso sabato 9 marzo a Domodossola nello Studio Quadra di Via Marconi con la presentazione del pittore Sebastiano Parasiliti.

Nei 15 autoscatti in mostra prende forma un’immagine di donna che prescinde da qualsiasi situazione contingente per rivelare il femminino nella sua scabra nudità. Con un uso sapiente del bianco e nero e del contrasto, l’artista di Varese gratta l’etichetta di superficie con la quale ogni contesto sociale ci vuole ben riconoscibili (moglie, madre, figlia, donna in carriera, ecc.) evidenziando il corpo sottile e dai contorni imprecisi nel quale ogni donna può riconoscere le sue fragilità, le sue disillusioni, le sue costrizioni entro uno spazio-tempo che spesso isola e opprime.

L’effetto chiaroscurale, ottenuto con un sorprendente gioco di ombre e punti luce, sottolinea la marginalità del corpo rispetto allo sfondo; altrove è un velo, uno specchio o un paio di scarpe in primo piano a marcare questa distanza abissale dall’ambiente circostante. Che si tratti di una stanza chiusa o di un esterno, lo spazio accentua la condizione di estraneità propria dell’anima alla perenne ricerca di un sé che le piccole disarmonie di ogni giorno contribuiscono a smarrire.

Distanze e solitudini che, però, non implicano un semplice distacco dalle cose: tra il soggetto e gli oggetti circostanti si instaura un rapporto di scambio e di trasformazione (“metamorfosi”, appunto), processo nel quale l’annullamento apre a nuove forme di rinascita. Il surrealismo, che a tratti sfiora la dimensione onirica, non limita la concretezza delle situazioni e dei ritratti: al contrario, ne rafforza la capacità evocativa, forgiando un linguaggio espressivo nuovo e del tutto personale.

L’esposizione, che resterà visitabile per i prossimi due mesi, incarna l’essenza di un percorso artistico nel quale la fotografia si propone quale prosecuzione e al tempo stesso trasposizione in immagini della scrittura. Una preziosa occasione per conoscere uno dei migliori talenti emergenti di questi ultimi anni, forte di un’eccezionale creatività unita a rare doti di sensibilità ed eleganza.

Donatella Pezzino

“Metamorfosi: sguardi di donna”, l’opera fotografica di Beatrice Orsini in mostra a Domodossola, di Donatella Pezzino

Eleganza, fragilità, crudezza, essenzialità. Nella fotografia, come nella poesia, di Beatrice Orsini, si incontrano tutti gli opposti e le sfaccettature dell’animo femminile. Linguaggio è il corpo, sempre in primo piano, mentre l’ambiente circostante si avverte , più che come sfondo, come manifestazione stessa del vissuto interiore.

“Metamorfosi: sguardi di donna” raccoglie 15 autoscatti in bianco e nero, fortemente contrastati, dal sapore concettuale ed in chiave surrealista, nei quali  la ricerca di sé passa attraverso l’estraniamento del corpo e il suo annullamento nel tempo e nello spazio.

Le opere saranno esposte Sabato 9 marzo a Domodossola (VB) presso lo spazio Gallery , ufficio dei Private Banker, in via G. Marconi, 26. Una splendida occasione per approfondire un percorso artistico innovativo e  di grande impatto.

Donatella Pezzino