Bottigliette d’acqua per pulire la pipì dei cani

Bottigliette d’acqua per pulire la pipì dei cani

Casale Monferrato: Oggi, mercoledì 3 aprile, nella Sala Consiliare del Palazzo Municipale, sono state illustrate le nuove disposizioni igienico sanitarie nell’ambito delle iniziative promosse per la tutela del decoro urbano dalle deiezioni canine.

bott L'assessore Caprioglio con il dirigente del settore ambiente Coggiola e i rappresentanti di Polizia Locale, Guardie Ambientali e Ispettori Ambientali.jpg

L’Amministrazione, rispondendo ai disagi ripetutamente segnalati dalla cittadinanza, emetterà una apposita ordinanza che imporrà ai possessori dei cani l’uso di bottigliette d’acqua per il lavaggio dell’area sulla quale gli animali avranno urinato.

I proprietari quindi oltre alla paletta e al sacchetto per smaltire le deiezioni di tipo solido, saranno chiamati a utilizzare acqua per pulire dove l’animale avrà urinato. Una disposizione analoga è già stata adottata in diverse città del Nord-Ovest e mira a contrastare i disagi anche da un punto di vista igienico sanitario.

Prima dell’entrata in vigore del provvedimento, prevista per maggio, verrà condotta una campagna di sensibilizzazione e informazione a cura della Polizia Locale e in collaborazione con le Guardie Ambientali d’Italia (sezione di Casale Monferrato) e gli Ispettori Ambientali in divisa del Comune (Progetto Decoro Urbano).

I migliori amici dell’uomo vanno difesi, di Pier Carlo Lava

I migliori amici dell’uomo vanno difesi, di Pier Carlo Lava

Nessuno tocchi i migliori amici dell’uomo.

Alessandria: Da tempo ho maturato la convinzione che quattro zampe sono quasi sempre meglio di due e non per una banale questione matematica. 

G.B. Shaw ha detto “più conosco gli uomini, più amo gli animali”.

In Italia ci sono circa 7 milioni di cani e 8 milioni di gatti, che vivono in appartamento come effettivi membri della famiglia e spesso il loro numero aumenta perchè oltre agli anziani soli, ci sono tante coppie che non riescono o non possono avere figli (il Piemonte registra il numero più alto di cani in Italia).

I migliori amici wollie-1a

I nostri amati animali ci tengono compagnia come fossero persone, credo che questo sia uno dei motivi per cui tanti decidono di adottarne uno o di comprarlo in un allevamento e di questo passo il loro numero in famiglia non potrà che aumentare.

Quando mi domandano perchè sono amico degli animali, rispondo: “perchè sono migliori degli essere umani”. 

Loro ti danno tutto, senza chiedere niente in cambio, solo un po di cibo, amore e affetto e sopratutto non ti tradiscono mai, come si fa a non amarli, a non difenderli da chi non li ama.

Sopratutto da chi si comporta nei loro confronti in modo crudele, li abbandona, li maltratta, li sevizia, li usa per i combattimenti o ancora peggio per la vivisezione. Continua a leggere “I migliori amici dell’uomo vanno difesi, di Pier Carlo Lava”

Togliere i peli degli amici a 4 zampe

Ci sono cani come il mio Terrier Russo che pur avendo il pelo lungo non ne perdono uno… comunque a parte questo aspetto ottimo post…  complimenti da Alessandria today

Creando Idee

Cani e gatti fanno parte della nostra vita quanto un parente, un figlio, un amico. Sono importanti, li amiamo, li coccoliamo, ci viaggiamo, non potremmo vivere senza di loro. Ma senza i loro peli sì, e lo faremmo anche volentieri. I peli degli animali, specie se si vive in appartamento e durante i temibili cambi di stagione, finiscono letteralmente ovunque. E non sono facili da rimuovere. Sono ostinati, si ammucchiano negli angoli, si infilano nelle trame dei tessuti. Ecco qualche consiglio. Innanzitutto, quando arriva il mitico periodo della muta, ovvero quando cani e gatti cambiano il pelo, eliminate i tappeti e ogni tessuto superfluo da casa. Limiterete moltissimo i danni. Di solito la muta avviene nel passaggio da inverno a primavera, e in autunno. Potete stare senza tappeti per un paio di mesi l’anno, anche se li amate. O anche, scegliete quelli in fibre di paglia, di bambù, di rattan,

View original post 153 altre parole

Un nuovo e piacevole incontro, questa volta con Zara un Labrador Retriever

Un nuovo e piacevole incontro, questa volta con Zara un Labrador Retriever

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Ogni giorno uscendo per la solita passeggiata del mattino, Raissa la mia cagnona fa nuove amicizie, dopo il Volpino di Pomerania,  http://piercarlolava.blogspot.it/2017/09/un-piacevole-incontro-con-maya-volpino.html oggi è la volta di Zara, una bellissma e simpatica Labrador Retriever con la sua giovane padroncina.

Nelle immagine alcuni momenti del piacevole incontro e per chi non conosce la storia del Labrador ecco cosa si trova in internet:

zara img_20171028_102106zara img_20171028_102151zara img_20171028_102202

Labrador: carattere, pregi e difetti

Cercherò con questo articolo di dare alcune informazioni di base circa lo standard del Labrador Retriever, la mia intenzione non è quella di andare nel dettaglio, per questo ci sono ottimi siti che lo possono fare ma solo di dare un’idea generale a chi non conosce la razza e  desidera acquistare un cucciolo di labrador.

Vedremo insieme gli aspetti generali del cane di razza “Labrador Retriever”: carattere, temperamento, testa e cranio, occhi, orecchie, arti anteriori, posteriori, zampe, coda, mantello, colore e taglia e infine i possibili difetti del labrador.

Il Labrador è uno dei migliori cani “all-around” del mondo. Non solo viene utilizzato per il recupero degli oggetti, ma si è imposto anche come cani da assistenza e come cane da fiuto(“sniffer”) per il rilevamento di droga, di armi ed esplosivi.

Labrador Retriever: le origini della razza

Le sue orgini non sono molto definite: si pensa che egli abbia avuto origine sulla costa di Terranova, dove i pescatori utilizzavano cani simili per recuperare le reti e i pesci persi nel freddo mare del nord..

Il labrador è un eccellente cane d’acqua, il mantello composto da un sottopelo fitto unito a unacoda corta e tozza come quella della lontra gli permette di essere un abile nuotatore e di resistere agli agenti atmosferici. Continua a leggere “Un nuovo e piacevole incontro, questa volta con Zara un Labrador Retriever”

Barosini. Il Comune di Alessandria per il Welfare Animale: supporto per le sterilizzazioni e le cure mediche

Barosini. Il Comune di Alessandria per il Welfare Animale: supporto per le sterilizzazioni e le cure mediche

Alessandria: L’Assessore al Welfare Animale, Giovanni Barosini, ha visitato in questi giorni il canile e gattile sanitario, il canile rifugio ‘Cascina Rosa’ e il gattile ‘Panciallegra’ per portare i saluti e gli auguri dell’Amministrazione Comunale in occasione delle prossime festività natalizie. Un gesto di vicinanza per testimoniare l’attenzione dell’Ente alle strutture che si occupano di animali sul territorio ed ai volontari che giornalmente se ne occupano.

IMG_0318IMG_0326IMG_0320

L’Amministrazione Comunale è impegnata da tempo per migliorare le strutture di ricovero con la creazione di nuove aree di sgambamento per cani e la collocazione del riscaldamento in tutti i box dei canili. Inoltre, per prevenire l’abbandono, è in fase sperimentale un progetto realizzato in collaborazione con l’associazione Tutela Animale per sostenere la sterilizzazione di cani e gatti di proprietà di cittadini residenti nel Comune di Alessandria.

Possono avvalersi di questa opportunità tutte le famiglie con un ISEE pari a  8.107.50€ (cifra che sale a  20.000€ in caso di nuclei famigliari numerosi), rivolgendosi all’ufficio Tutela Animali. Continua a leggere “Barosini. Il Comune di Alessandria per il Welfare Animale: supporto per le sterilizzazioni e le cure mediche”

Traffico di cuccioli, sequestrati 226 cani. lanazione.it

Tre persone denunciate a Barberino di Mugello anche per la detenzione abusiva di armi da fuoco.

Barberino di Mugello (Firenze), 14 dicembre 2018 – Il controllo in un allevamento di cani a Barberino di Mugello, in un’area di campagna, ha scoperchiato un calderone di irregolarità di tutti i tipi: dagli abusi edilizi alla detenzione illecita di armi da fuoco e anche un presunto traffico di cuccioli.

Il controllo è stato effettuato dai carabinieri forestali insieme alla Polizia Municipale Unione Mugello, alla Guardia di Finanza di Borgo San Lorenzo e all’Unità Funzionale complessa d’Igiene Urbana Veterinaria dell’Asl.

Sorgente: Traffico di cuccioli, sequestrati 226 cani – Cronaca – lanazione.it

Nessuno tocchi i migliori amici dell’uomo, di Pier Carlo Lava

Nessuno tocchi i migliori amici dell’uomo, di Pier Carlo Lava

I migliori amici dell’uomo vanno difesi.

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Da tempo ho maturato la convinzione che quattro zampe sono quasi sempre meglio di due e non per una banale questione matematica. 

G.B. Shaw ha detto “più conosco gli uomini, più amo gli animali”.

In Italia ci sono circa 7 milioni di cani e 8 milioni di gatti, che vivono in appartamento come effettivi membri della famiglia e spesso il loro numero aumenta perchè oltre agli anziani soli, ci sono tante coppie che non riescono o non possono avere figli (il Piemonte registra il numero più alto di cani in Italia).

I nostri amati animali ci tengono compagnia come fossero persone, credo che questo sia uno dei motivi per cui tanti decidono di adottarne uno o di comprarlo in un allevamento e di questo passo il loro numero in famiglia non potrà che aumentare.

Quando mi domandano perchè sono amico degli animali, rispondo: “perchè sono migliori degli essere umani”. 

Loro ti danno tutto, senza chiedere niente in cambio, solo un po di cibo, amore e affetto e sopratutto non ti tradiscono mai, come si fa a non amarli, a non difenderli da chi non li ama. Continua a leggere “Nessuno tocchi i migliori amici dell’uomo, di Pier Carlo Lava”

Terrier Nero Russo, caratteristiche della razza, di Pier Carlo Lava

Pier carlo e RaissaRaissa 2° e Sam

di Pier Carlo Lava

Con lui nessuna mezza misura. Si tratta di una razza da utilità, di carattere forte e particolarmente diffidente verso le persone che non gli sono familiari. È noto per la sua resistenza, si adatta bene alle differenti condizioni climatiche. È anche molto recettivo all’addestramento.

Descrizione

Una salute di ferro – Numerose razze, tra cui il Rottweiler, lo Schnauzer Gigante ed il Bovaro delle Fiandre sono state utilizzate per creare questa razza riconosciuta recentemente sul piano internazionale e che si distingue per la sua grossa taglia, il suo influsso nervoso e la sua salute di ferro. Confinato essenzialmente in seno alle brigate cinofile dell’armata rossa, è passato tardivamente ai civili ma, nello spazio di qualche decennio, è diventato uno degli orgogli della cinotecnia russa.   Continua a leggere “Terrier Nero Russo, caratteristiche della razza, di Pier Carlo Lava”

Si chiamava Sam

di Pier Carlo Lava. Alessandria

Alessandria: Era stato abbandonato da una gatta randagia di un colonia felina del quartiere Borsalino, aveva circa un mese lo abbiamo visto per caso in giardino che stava morendo, lo abbiamo preso curato è stato adottato da Ungaro un gatto adulto che gli ha fatto da mamma… e dai cani Raissa e Ira. 

Lo abbiamo salvato da morte certa è cresciuto anche se è rimasto sempre minuto, era incredibilmente dolce e affettuoso è vissuto con noi sino a 14 anni e poi per un tumore (come Ungaro e Ira la Doberman) ci ha lasciati… lo ricorderemo sempre!

Grazie agli amici di facebook per le belle parole…

Giovanni Barosini. ‘Festa a 4 zampe’ a Cascina Rosa: un murales per l’evento

Giovanni Barosini. ‘Festa a 4 zampe’ a Cascina Rosa: un murales per l’evento

casc murales 1casc murales 3casc murales 4

Alessandria: Domenica 23 settembre si svolgerà al Canile di Cascina Rosa (strada provinciale per Pavia n.22 – Valmadonna) la ‘Festa a 4 zampe’, un momento di incontro con gli ‘amici a quattro zampe’,  ospiti della struttura gestita dall’Associazione Tutela Animali (A.T.A), con l’obiettivo di conoscere più da vicino la realtà delle strutture comunali che si occupano degli animali meno fortunati ed i volontari che se ne prendono cura.

L’evento che si svolgerà anche in caso di maltempo prevede la tradizionale ‘Pesca di beneficenza’, una merenda per tutti e l’opportunità di acquistare il calendario A.T.A. 2019

«Invito personalmente tutti gli alessandrini alla festa di domenica 23 settembre a Cascina Rosa per conoscere i nostri animali e i volontari che quotidianamente li accudiscono con affetto – ha sottolineato l’assessore al Welfare Animale, Giovanni Barosini —. Sarà l’occasione per vedere il nuovo  gigantesco murales che  è stato realizzato per abbellire la facciata della struttura.

Ringrazio di cuore i tre giovani artisti Alberto Pugliese, Filippo Zorgno e Amedeo Zorgno; di Alberto e Filippo abbiamo già conosciuto la bravura perché, in occasione del 30° anno di attività dell’ATA, lo scorso 13 maggio, hanno rivitalizzato il cancello del canile sanitario; ora possiamo ammirare la loro arte sul  muro esterno di Cascina Rosa, così da renderlo visibile già da lontano.

Nella giornata di domenica 23 potremmo vederli all’opera perché completeranno a “sorpresa” una parte di muro che hanno lasciato “libero” appositamente per l’occasione. Potremmo così ammirarli e ringraziarli “dal vivo”, estendendo il doveroso e corale ‘grazie’ ai volontari dell’Associazione Tutela Animali che si dedicano  con costanza, ogni giorno , ai nostri amici pelosi”. Continua a leggere “Giovanni Barosini. ‘Festa a 4 zampe’ a Cascina Rosa: un murales per l’evento”

Barosini: ‘Festa a 4 zampe’ a Cascina Rosa

Barosini: ‘Festa a 4 zampe’ a Cascina Rosa

Alessandria: Domenica 23 settembre

Domenica 23 settembre si svolgerà al Canile di Cascina Rosa (strada provinciale per Pavia n.22 – Valmadonna) la ‘Festa a 4 zampe’, un momento di incontro con gli ‘amici a quattro zampe’,  ospiti della struttura gestita dall’Associazione Tutela Animali (A.T.A), con l’obiettivo di conoscere più da vicino la realtà delle strutture comunali che si occupano degli animali meno fortunati ed i volontari che se ne prendono cura.

L’evento che si svolgerà anche in caso di maltempo prevede la tradizionale ‘Pesca di beneficenza’, una merenda per tutti e l’opportunità di acquistare il calendario A.T.A. 2019

«Invito personalmente tutti gli alessandrini alla festa di domenica 23 settembre a Cascina Rosa per conoscere i nostri animali e i volontari che quotidianamente li accudiscono con affetto – ha sottolineato l’assessore al Welfare Animale, Giovanni Barosini —. Sarà l’occasione per vedere il nuovo  gigantesco murales che verrà realizzato nei prossimi giorni per abbellire la facciata del canile e i lavori per la creazione di un’area di sgambamento che verrà completata con piante e panchine, nella parte retrostante la struttura. L’area, una volta terminata, verrà utilizzata dai cani che vivono in canile, ma anche come luogo di addestramento per gli animali con particolari problemi caratteriali con l’ausilio di educatori cinofili.. A Cascina Rosa è  presente, infatti, l’educatrice cinofila, Lola Banti,  che oltre a lavorare sui cani del canile, in particolare su quelli problematici per dare anche a loro la possibilità  di avere una famiglia, è a disposizione dei cittadini che possono aver problemi di gestione con il proprio cane”. Continua a leggere “Barosini: ‘Festa a 4 zampe’ a Cascina Rosa”

Lui è Ben, di Pier Carlo Lava

foto-1a-98foto-1aa-97

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Tempo fa mentre ero in giro per delle commissioni mi sono fermato al bar Koela a prendere un caffè, entro e mi siedo ad un tavolino, sino a quel momento non ci avevo fatto caso, ma poi guardandomi intorno lo vedo.

Lui si chiama “Ben” è un cane da montagna dei Pirenei di sette anni, che per aspetto e dimensioni a molti incute un certo timore, ma stando a quanto mi ha detto il proprietario con il quale ho intrattenuto una breve conversazione, l’esemplare in questione non è aggressivo, anche se al posto di un ladro farei molta attenzione ad evitare di introdurmi di notte nella casa dove c’è lui… 

Poche ore prima al mattino mi ero fermato nello stesso bar con Raissa la mia cagnona, che per il suo carattere sociale e affettuoso solitamente riscuote un certo successo.  Non mi resta che fare i complimenti a Ben, per un amante dei cani, gatti e animali in genere come il sottoscritto è stato un incontro inaspettato e fantastico. Continua a leggere “Lui è Ben, di Pier Carlo Lava”

I consigli del veterinario per i nostri animali

di Pier Carlo Lava. Alessandria

Ambulatorio Veterinario Associato”Ghido” Dott. Roberto Martinengo – Dott. Antonino Distefano, Via Don Giovine 26, Alessandria – tel. 0131 260115, li abbiano incontrati per un intervista, queste le loro risposte alle nostre domande:

Il vostro studio veterinario, oltre ai piccoli animali, si occupa anche di cavalli, ecc.?

No nel nostro ambulatorio ci occupiamo di cani, gatti ed animali non convenzionali

A chi è indeciso se prendere un cane o un gatto che cosa consigliate? 

Dipende da molti fattori, quali l’ambiente in cui l’animale andrà a vivere, la presenza di bambini e/o persone anziane, il tempo che i proprietari potranno dedicare al nuovo componente della famiglia, ecc. Generalizzando si può affermare che il gatto è un animale più autonomo e richiede meno impegno da parte del proprietario nella gestione quotidiana, soprattutto se vive in appartamento.

Consigliate di adottarlo o comprarlo in allevamento?

Se non si desidera una razza specifica, l’adozione di un cane o di gatto oltre ad avere una valenza etica può riservare  soddisfazioni inaspettate nel successivo rapporto con l’animale,  valutando ovviamente a priori le caratteristiche dell’animale che si va ad adottare e l’habitat in cui lo si andrà ad inserire. Se comunque si acquista o si adotta un cucciolo o un gattino è importante che ciò non avvenga prima dei due mesi di età, poiché prima di tale periodo non sono completamente autonomi e non hanno ancora completato quella fase di socializzazione che portano a termine restando in compagnia della madre e degli eventuali fratelli. Naturalmente questo è possibile quando non si siano verificati eventi quali la morte della madre durante o subito dopo il parto, rifiuto della prole da parte della stessa, abbandono perinatale, etc. Continua a leggere “I consigli del veterinario per i nostri animali”

Malattie dell’orecchio dei cani

Malattie dell’orecchio dei cani

Malattie orecchio boxok

Alcune razze canine sono più predisposte di altre alle malattie che colpiscono l’orecchio. Al primo posto vengono senza dubbio i Cocker e i cani con le orecchie cadenti, soprattutto se ricche di pelo, poiché rendono difficile il ricambio dell’aria nel condotto uditivo. I Barboni, poi, possono soffrire di ipertricosi auricolare, cioè pelo che ostruisce il condotto uditivo: in questi casi è consigliabile tagliare loro il pelo regolarmente. I Pastori Tedeschi hanno problemi collegati a una sovrabbondante produzione di cerume, che a sua volta è alla base della formazione del catarro au­ricolare.

Se il cane si gratta la parte posteriore dell’orecchio, scrollando continuamente il capo, o se tiene le orecchie in posizione anomala, ci sono forti probabilità che sia in atto una patologia all’orecchio. In tutti questi casi è caldamente consigliato rivolgersi al veterinario per una diagnosi ed un eventuale intervento. Continua a leggere “Malattie dell’orecchio dei cani”

Leishmaniosi Canina

Leishmaniosi Canina

Vie di contagio

La leishmaniosi viene veicolata in Europa dalla puntura del Phlebotomus papatasi, comunemente chiamato pappatacio, insetto simile alla zanzara, mentre nel nuovo mondo è trasmessa da flebotomi del genere Lutzomyia. Il pappatacio colpisce principalmente da maggio ad ottobre e preferibilmente dal tramonto all’alba. È presente in tutto il mondo, tranne, a quanto pare, in Australia, ma principalmente si trova in aree vicino al mare o nelle zone tropicali.

leish

Le numerose segnalazioni degli ultimi anni di casi di leishmaniosi canina provenienti da aree tradizionalmente ritenute indenni (anche dell’Italia settentrionale), debbono portare alla conclusione che – in pratica – non esistono zone, comunemente abitate, che possano essere considerate completamente sicure. Infatti se fino al 1989 il Nord Italia era considerato praticamente indenne dalla leishmaniosi canina, oggi esistono dei focolai accertati in Veneto, Emilia-Romagna e Piemonte ed altri probabili in Trentino e Lombardia (Natale, 2004). In Piemonte sono state accertate tre differenti aree in cui la leishmaniosi canina è endemica (Torino, Ivrea, Casale Monferrato), con una sieroprevalenza che va dal 3,9% al 5,8%.

È stato identificato anche un possibile focus instabile in Valle d’Aosta: in quest’area montuosa non erano mai stati segnalati flebotomi in precedenti stazioni di cattura. In queste aree la colonizzazione può essere avvenuta spontaneamente dalle zone costiere o in seguito agli aumentati movimenti di persone dalle aree mediterranee in cui abbondano i flebotomi. In queste aree del Piemonte e della Valle d’Aosta la presenza stagionale dei flebotomi va dalla seconda metà di maggio a settembre. In base ad analogie climatiche e caratteristiche ambientali si può anche prevedere che la diffusione della malattia s’estenderà nel prossimo futuro ad altre zone dell’Europa centrale.[1] Continua a leggere “Leishmaniosi Canina”