Associazione ISES. Social Wood, inaugurazione bottega solidale

Associazione ISES. Social Wood, inaugurazione bottega solidale

“Mandateli a lavorare”, ora si può: ad Alessandria la prima bottega carceraria aperta al pubblico. Ospiterà detenuti ed ex detenuti e permetterà il recupero e inclusione sociale  per adulti svantaggiati a causa di ragioni fisiche, psichiche, sensoriali o sociali.

Social 1-6be9-4bee-b957-a771bc185794

Alessandria, lunedì 10 dicembre 2018 – Il primo negozio solidale in un carcere italiano e aperto a tutti, questo l’obiettivo del progetto Social Wood, partito nel 2015 grazie ad un’idea dell’associazione ISES e pronto ora alla seconda fase. Dopo aver ottenuto importanti risultati nei primi mesi di attività, quali la possibilità di realizzare all’interno del carcere una vera e propria bottega dei prodotti artigianali realizzati dai detenuti oltre che di altri manufatti realizzati grazie alle sinergie attivate con altri progetti sociali del territorio, il progetto si prefigge ora anche l’obiettivo della costruzione di un vero e proprio Social Lab, un laboratorio sociale di artigianato all’esterno del carcere che permetterà di attivare percorsi formativi e occupazionali per persone che vivono in una condizione di disagio sociale (detenuti in art 21, ex detenuti, immigrati, persone con disabilità fisica o psichica). “Mandateli a lavorare” diventerà ora una realtà.

L’idea è quella di creare una vera e propria bottega in cui le persone possono acquistare i prodotti fatti a mano dai ragazzi – ha raccontato Andrea Ferrari, operatore ISES – Queste persone, quando escono dal carcere, difficilmente riescono a trovare una nuova occupazione, quindi aumentano le percentuali di recidiva e tutto diventa più complicato. Insegnare loro un mestiere, dare veramente valore a ciò che creano e garantire loro un lavoro una volta usciti è davvero importantissimo”. Continua a leggere “Associazione ISES. Social Wood, inaugurazione bottega solidale”

Festival delle arti recluse ad Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria: Dal 7 al 16 dicembre, si terrà ad Alessandria il Festival delle arti recluse dal titolo “Artiviamoci: le mani e le arti“.

Alessandria ha due quartieri particolari, le due carceri alessandrine: la Casa Circondariale di Piazza don Soria e la Casa di Reclusione di San Michele, oggi riunite nell’unico Istituto di Reclusione “Cantiello e Gaeta”. Le persone di questi due quartieri svolgono molte attività al di là del muro e in città: panetteria, falegnameria, produzione agricola, arte, progetti di pubblica utilità.

Il festival Artiviamoci presenta a tutta la città le opere realizzate dai detenuti all’interno dei laboratori d’arte: la bottega di pittura, l’arte contemporanea, la fotografia, la xilografia e la stampa, il cinema, la letteratura, la ceramica, il teatro.

Il programma del Festival rende possibili importanti momenti d’incontro dentro e fuori le mura del carcere. I luoghi del Festival saranno: la Casa di Reclusione Cantiello e Gaeta, San Michele e piazza Don Soria, l’Istituto Superiore Saluzzo Plana, il Comune di Alessandria, il Palazzo del Monferrato e la Sala Affreschi e Chiostro di Santa Maria di Castello.

Venerdì 14 dicembre, alle ore 18, presso la Sala Conferenze dell’Associaizone Cultura e Sviluppo in piazza Fabrizio De Andrè 76, si terrà uno spettacolo teatrale “Visti da dentro” dall’omonimo libro di Paolo Bellotti, con l ‘allestimento della Compagnia Teatro Insieme.

Erika Stefani, Lega: “Spacciatori e rapinatori in libertà, la colpa è del Pd”

Erika Stefani, Lega: “Spacciatori e rapinatori in libertà, la colpa è del Pd”

STEFANI ERIKA

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Alla festa della Lega a Capriata d’Orba, la ministra per gli Affari regionali e le Autonomie, Erika Stefani, ha dichiarato: “Spacciatori e rapinatori in libertà? La colpa non è dei magistrati ma del Pd”.

Le forze di Governo Lega e M5S quindi si comportano continuamente come se fossero ancora in campagna elettorale, infatti non perdono occasione per addossare la responsabilità di quasi tutto quello che succede al precedente Governo di Centro Sinistra.

Si ripetono così i soliti ritornelli dei politici italiani che quando vanno al Governo danno la colpa al predecessore di tutto quello che succede, ma per quanto tempo si può andare avanti in questo modo?, dato che prima o poi i cittadini cominceranno a chiedersi (come hanno fatto dopo un certo periodo durante tutti i governi precedenti) ora ci siete voi al Governo, quindi visto che i problemi permangono che cosa intendete fare, di chi è adesso la colpa.

Nell’occasione della festa in questione è stato anche detto “Se vedete spacciatori e rapinatori rimessi in libertà il giorno dopo la colpa non è dei magistrati ma del Pd”. Continua a leggere “Erika Stefani, Lega: “Spacciatori e rapinatori in libertà, la colpa è del Pd””

Torna la Stralessandria  con nuovo logo, di Lia Tommi 

20180221_003129281742035.jpgAlessandria: L’11 maggio 2018 appuntamento  con la 23^ edizione della Stralessandria, con partenza  dal Ponte  Meier,  mentre il luogo d’arrivo  torna in piazza della Libertà, rinnovato luogo di aggregazione e  di festa.

UNIAMO LE SPONDE,  slogan costitutivo del marchio Stralessandria,  indica la volontà di  futuro della città nella rinascita della Cittadella, di cui il Ponte Meier stesso è  testimonianza.

La Straragazzi,  anima scolastica  della Stralessandria,  si svolgerà  nella mattinata  del giorno precedente, 10 maggio.

Stralessandria  si pone anche CON BORSALINO, e fa proprio l’appello  di  solidarietà per la difesa  dell’attività  produttiva  della Borsalino,  quindi si gareggerà con Borsalino in testa e nel cuore. Continua a leggere “Torna la Stralessandria  con nuovo logo, di Lia Tommi “