“Addio vuoto tamburo che hai stordito la mia gioventu”, di Cesare Moceo

“Addio vuoto tamburo che hai stordito la mia gioventu”, di Cesare Moceo

addio tumblr_px55zocRP11wut6yjo1_400

“Addio vuoto tamburo che hai stordito la mia gioventu”

Scottato dal camminare da sempre
sul fuoco che cova sotto la cenere

faccio rinascere con me ogni dì

magnanime rinunce

pennellate di pace a venirmi in soccorso

fra i marosi ancora impetuosi
della mia avanzata età

e irradiarmi di luce calma
nel pieno rigoglìo del mio tramonto

torbido di sinceri desideri e di ribollenti passioni

Non sono un poeta

né credo di poterlo mai essere
e né voglio piacere per forza ad alcuno

ognuno ha i suoi “vizi”

io mi ubriaco d’inchiostro
e vado in escandescenze di versi

E a chi da fastidio il mio “alito”
può benissimo allontanarsi

.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati Foto

foto tumbir

Momenti d poesia. Io…s ignor Nessuno, di Cesare Moceo

Momenti d poesia. Io…s ignor Nessuno, di Cesare Moceo

io.jpg

Io … signor Nessuno

Facile sarebbe
smettere i vestiti della bontà
e indossare nere volontà
che si avvolgano all’anima
Ma a che pro ?
Io non sono un Everest
nella mia vita
mi guardo indietro
a ripercorrere i miei sessantasei anni
e rivedo ogni giorno di essi
quando costruivo
mattone su mattone
il mio vissuto senza compromessi
di cui andare fiero
Eppure sono nato povero
di tasca ma non di mente
con l’emotività che ha permeato
la mia intelligenza
E stramazzano oggi nell’anima
flebili raggi di sole
a penetrare la penombra dei tormenti
trascinando dietro di sé
minute pallide emozioni
che si mescolano tra loro
nel destino infame di illudermi
mentre vortici di venti gelidi
s’aggirano con entusiastico fervore
in quell’angusto spazio mortale
alternati a calde saette
in un miscuglio il cui terribile impeto
erompe nella delusione e nella follia
dando peso e grande valore
agli altari fumanti del mio esser Nulla
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di cultura. Il mio destino, di Cesare Moceo

Momenti di cultura. Il mio destino, di Cesare Moceo

il mio.jpg

Il mio destino

D’un tratto

sembra che il tempo
si sia fermato

lasciandomi intrappolato protetto
tra le pareti dell’anima

E una marea di sensazioni
sento che mi pervade

dolce rassicurante

a darmi consapevolezza
della continuità del mio vivere

Affezionato alla mia libertà

resto ancorato
al mio spirito selvatico

nel raccoglimento poetico
che mi affascina

a prendere per i fondelli…Il destino

E faccio di necessità virtù

nel mio sentire con animo fraterno
ogni creatura del mondo

cercando e trovando la mia via di fuga
tuffandomi da quelle sporgenze

nel mare nero dell’inchiostro
a soffrire e gioire tra quei flutti

con l’unico scopo di mettermi in salvo
raccontando il mondo e il suo vibrare

Là mi bagno l’anima
dei drammi di tutti i giorni

e là nuoto affondo e affioro
tra le onde della speranza
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Al di qua del mare, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Al di qua del mare, di Cesare Moceo

Al di qua del mare.jpg

Al di qua del mare

Ringrazio ogni dì

il mio Angelo custode
e i miei occhi

che mi fan vedere ancora

i resti ben conservati di me
e della mia interiorità

dentro cui vado peregrino
a raccogliere la vera essenza del mio vivere

E apprezzo le emozioni
in mezzo alle quali mi muovo

a far confluire in un’unica speranza
i loro rivoli e farmi capire ogni cosa che vale

rintanarmi nella rettitudine
a dar il giusto valore all’onore

e fondere in questa mia passione
le sensazioni che invadono l’anima

…almeno finché potrò…
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Sono l’apparire del mio destino, Cesare Moceo

Momenti di poesia. Sono l’apparire del mio destino, Cesare Moceo

sono tumblr_597c3661d02030b689d559226f35ea4b_5488b9ad_640.jpg

Sono l’apparire del mio destino

Mi spiaccio

dello spirito drammatico
che emana il mio scrivere

e del suo sopportare tutto quello
che accade intorno e dentro il mio vivere

E mi s’incolla addosso
come una seconda pelle

un vestito di tormenti
confezionato su misura

perplesso e scolorito

che rimane appiccicato
a imperturbabile memoria

E così spiego
il mio essere solitario

nel giganteggiar dei pensieri

lontano da chi
sentendomi suo malgrado diverso

si autoesclude

respingendo ogni sapere
e arrancando nel vuoto che lo circonda
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

foto tumbir

Momenti di poesia. Mi accordo di… di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Mi accordo di… di Cesare Moceo

69487341_2214039215388646_3731518434882617344_n.jpg

E mi accorgo di essere un nuovo povero
(premiata con menzione d’onore 2017)

Vivo nell’inquietudine

di perdermi nelle paure
e patire la povertà

con le frontiere dell’onestà
più volte spostate

anche divelte e poi rimesse

a rinsaldare il mio senso
di appartenenza alla vita

Intingere i pensieri nella memoria

a catturare i ricordi più felici
e trovare invece la dignità perduta
nel terreno della frustrazione

E cerco di capire chi siete voi
che avete corrotto i miei pensieri

e dite di conoscere
tutto quel che arde nel mio cuore

costringendomi a subire tormenti interiori

e a cuocermi l’anima

assalito dal dubbio
d’aver mancato gli scopi della vita

sacrificata a rincorrere miraggi irraggiungibili
tra i sogni sparsi nella pietà

Mi tengo a galla confidando nelle illusioni

pur conoscendone la fragilità
a frantumarsi nelle difficoltà

e con la speranza di giorni migliori

aspiro a rifugi più generosi
per strappare ai malvagi flutti della mente

il doloroso impeto nel quale
non dovrei più piangere

ma inveire contro il mondo intero

E allora vado in cerca
di un qualsiasi ricovero

e di un pezzo di pane anche azzimo
a potermi sfamare

e convincermi che siamo nati tutti
con gli stessi diritti e doveri

Mi ritrovo invece a divorarmi l’anima scotta

con lo sconforto d’intuire
d’essere stato derubato del futuro

di non esser stato mai vivo
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Sogni di fine estate, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Sogni di fine estate, di Cesare Moceo

Buon giorno a tutti…

69276026_2212282255564342_1270405855338037248_n.jpg

Sogni di fine estate

In questa notte
scintillante di luci

riflesse tra le onde
quiete del mare

dal cielo stellato

immagino d’essere

l’infinitesimo senso
del tutto di cui faccio parte

e… sogno

Sogno di quando il mondo
uscirà dal suo squallore

per ritrovarci tutti

fiori colorati

oppure

luminose stelle

brillanti su una nuova terra
impregnata di sudore pudore e d’amore

a cantare la gioventù trascorsa
e osannarla nel nostro andare

E aspetto così

sognando

i raggi dell’alba

…e con loro i tormenti…
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Il destino della speranza, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Il destino della speranza, di Cesare Moceo

Il destino.jpg

Il destino della speranza

“La sola cosa
che valga la pena
d’esser vissuta

è quella
di portare la felicità
nella vita degli altri”

Divisi tra lussi e ambizioni

consuetudini che sbiadiscono
i colori dei sentimenti

viviamo paranoie

che nascondono le cause dei malesseri
e generano ossessioni

mettendo a nudo i dolori riflessi
negli specchi della connivenza

Ripromettersi di ricostruire
le mura portanti dell’esistenza

imprimendo l’orme dei sogni

in mattoni scomodi
e ingombranti da caricarsi addosso

e nell’accettare
che il destino della Speranza

non è scomparire nell’oblìo
ma rinascere ancora e sempre
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Notte prima della vittoria, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Notte prima della vittoria, di Cesare Moceo

Notte.jpg

Notte prima della vittoria
(da un balcone dell’ospedale)

Paesaggio di spiaggia spoglia
vedon i miei occhi
dove fino a ieri feste di vita
allietavano i cuori
Al di là dei tetti
luci tremule nelle case
s’intravedono
tra fosche umide nuvole
impregnate di sale
che salgono piano dal mare
e accarezzano il cielo
Oltre le finestre
risate di bambini e d’adulti felici
immagino a ricordarmi la vita
continue voci di tentativi
di sovvertire le emozioni
da parte dei pensieri
a impregnare la mia intimità
palesemente scossa
con l’intento di rilanciare
nell’umore svampito
passioni sfrenate
e senza alcun sentimento
Là fomentano drammi incalzanti
che guardano a queste
come ultima espressione
di un falso quieto vivere
Se li aspetta il cuore
nei suoi palpiti d’amore
pur cosciente
di non esser più corrisposto
Li attende l’anima
nella sua consunzione d’ateismo
che vuol condensare
le sue ultime forze
per inclinare le volontà della mente
a suo vantaggio
e li fomenta infine la stessa mente
lei scaltramente furba
nel desiderio egoista
di condurre alla sua mercè
sia il cuore che l’anima
E tutt’e tre infelici
cantano uni e trini
inni di guerra
per attraversare
la solitudine della notte
mentre dal mio sguardo
perso in quel vivere
io prendo l’essenzialità
nel rilucere dei miei occhi
come fossero guizzi di saette
Poi il silenzio
e ritorna felice il futuro
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Ferite sempre aperte, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Ferite sempre aperte, di Cesare Moceo

tumblr_oeoxfklXPm1ussvdno1_500

Ferite sempre aperte

Ciò nonostante

non mi tolgo dalla mente
e dalla voglia di castigo

l’ombra oscura

di chi ha attentato al mio Essere
e ai miei occhi

lasciandoli a bruciare di luce tormentata

nè il suo cuore nero

che ha pulsato di soprusi
di odio e di nulla

E intanto nell’anima
ancora infuria la tormenta

e il mio cielo d’amore
resta buio e turbolento

pur nell’algida eleganza che l’avvolge
intrisa d’aura celestialità
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Avamposti solitari, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Avamposti solitari, di Cesare Moceo

68807519_2204315679694333_2559835435090051072_n.jpg

Avamposti solitari

Pensieri incompiuti
vestiti d’abiti eleganti e scarpe lucide
passeggiano alteri
tra le strade tortuose del vivere
a prendere in giro i piaceri
nell’attesa che siano condivisi
da menti acerbe
Viuzze che divengon viali
con curve rischiose e per giunta in salita
fanno da contorno senza sapore
alla vita che scorre
E là
se l’anima non è
a prova di schegge di cemento
smetti di sognare
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Aspettando… il mio futuro, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Aspettando… il mio futuro, di Cesare Moceo

aspettando.jpg

Aspettando… il mio futuro

Arrossire

al fissare negli specchi del vivere
la propria vergogna

nel pensiero dei sensi di colpa
imbarazzanti nella mente

Paranoie d’insicurezze
rassegnate a se stesse

ambiziose del desiderio di compiacersi
e lasciare sulla pelle

sensazioni di sfiducia tanto audaci
da leggere nei pensieri
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Il mio pudore, la mia vita, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Il mio pudore, la mia vita, di Cesare Moceo

Il mio pudore, la mia vita

“Non mi sono mai vantato di saper scrivere poesie, la gloria non mi interessa,solo di lasciare un buon ricordo di me,vivo di quel che sono, scrivo di ciò che sento.In ciò che scrivo,testimonianze su carta, voglio essere semplicemente me stesso, anche pensare di essere un re se ne ho voglia o anche un suddito e se voglio inventare,facendo viaggiare la fantasia,mi ritengo libero di farlo…”

68682891_2198054763653758_8012389244490219520_n

Nessuno mai saprà
quante volte di nascosto

sono venuto e vengo ancora
a piangere su queste acque deserte

Mesto e con il viso stravolto

con le illusioni
a vegliare su certi demoni interiori

siedo a lungo su questa panchina

a parlarti di me amico mare
e alle tue onde

consapevoli anch’esse dei miei tormenti

E mentre il vento si porta via
le loro creste e le mie lacrime

tra l’eccitazione dell’afflizione

tenui raggi di sole mi costringono
al mio pudore e alla mia vita
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Lontano dal mio incanto(1972).Trafitto dal rimpianto.(2017) di Cesare Moceo

Lontano dal mio incanto(1972).Trafitto dal rimpianto.(2017) di Cesare Moceo

tumblr_pwj7rdSYv51turrjgo1_500.jpg

Lontano dal mio incanto(1972).Trafitto dal rimpianto.(2017)

È l’alba

M’aggiro negli angusti spazi
del mio futuro

impaurito dal loro diventar ardente fornace
al soffio caldo del vento

infiammato dal fuoco nemico
che cova sotto le ceneri della mente

nel suo giacere vergognosamente oppresso dal peso infame della cattiveria umana.

E io

agnello di Dio

m’inerpico sui colli della mia fede

brucandone i principi
e saziandomi di quelle erbe

imperlate di sempre fresca rugiada

E là vivo,lontano dagli incanti(1972)

Sono ancora qua

ad aspettare i miei incanti

trafitto dai rimpianti

ad ammirare e avvolgere di simpatia
chi nelle drammatiche occasioni

realizza la concordia delle anime
lungi dell’interesse e dall’egoismo personale.(2017)
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

foto tumbir

A Voi… che verrete dopo di me… io chiedo perdono… di Cesare Moceo

A Voi…che verrete dopo di me…io chiedo perdono… di Cesare Moceo

tumblr_pc5sbuDq2d1xpvivqo1_540

A Voi…che verrete dopo di me…io chiedo perdono…

È finita così

che moriamo un po’ alla volta
ogni giorno

e sembriamo d’avanzare
quando invece la vita recede

E così

queste gocce che fan traboccare
i vasi dell’esistenze

e che son pregne
di tutto quel che prima abbiamo fatto

che abbiamo vissuto

non hanno la colpa della nostra fine

ma son solo il finimento
di quel qualcosa

che noi stessi abbiamo tramato
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

foto tumbir

Momenti di poesia. Il fascino dei versi, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Il fascino dei versi, di Cesare Moceo

DSC_0010 copia.JPG

foto Museo Gambarina Alessandria di Pier Carlo Lava

Il fascino dei versi

Quasi rimpicciolito e appassito
affido ai miei versi e al loro fascino

se mai ne emanano

la sicurezza d’esser cibo per l’anima
e vestiti con cui coprirla

e non solo angosce
che trascinano in antri bui

nei quali sfogare ogni dolore
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

 

Momenti di poesia. Il fascino dei versi, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Il fascino dei versi, di Cesare Moceo

Il fascino dei versi

Quasi rimpicciolito e appassito
affido ai miei versi e al loro fascino

se mai ne emanano

la sicurezza d’esser cibo per l’anima
e vestiti con cui coprirla

e non solo angosce
che trascinano in antri bui

nei quali sfogare ogni dolore
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Impertinenti bocche a ferragosto, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Impertinenti bocche a ferragosto, di Cesare Moceo

Impertinenti bocche a ferragosto

Labbra
schiuse attorno
a alture di seni
consumate dal desiderio
d’assaporarne le cime
Boccioli di passione
a germogliare
tra carezze di baci
e diffonderne
afrodisiaci effluvi
E scendono giù
lungo i declivi
di pelle fiorita di seta
a soffermarsi là
dove l’umida natura le bagna
e regala il gusto del ridere
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. In corsia, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. In corsia, di Cesare Moceo

…scritta 6 anni addietro…all’alba del giorno dell’intervento che ho subito al cuore…(e fra 15 giorni…)

67899244_2179274192198482_1854430483136380928_n

In corsia.

Nel silenzio

sguardi che celano i ricordi

lacrime di dolore
che scivolano su gote tirate

occhi tristi e vispi

proiettati al domani
a emanare paure e dolcezze

a raccontare emozioni
e soffocare il dolore

Sento respiri affannati

persi in gesti vorticosi

e quei fiati

mi sembrano petali di rose fiorite
in cuori impauriti

a affidare la pena a desideri segreti

e alla fede

che placa i venti del male
e alimenta nella mente

percussioni di sogni
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. La mia essenzialità, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. La mia essenzialità, di Cesare Moceo

La mia.jpg

La mia essenzialità

Lascio

che lo scorrere pigro del tempo

renda i miei oggi
pronti per i loro domani

E cerco la mia essenzialità
in questo salmo di volontario augurio

dove esproprio i sentimenti
in favore d’ardori coscienti/incoscienti

che annullano i confini della mia interiorità
con le denunce dei miei bisogni intrinseci

E approfitto del parlar di certe mie “poesie”

per dar occasioni di conoscenza a Voi
della mia alienazione dal mondo

nel convincimento che in fin dei conti

l’essenzialità

non è qualcosa che si può toccar con mano

ma solo percepire col cuore

E inseguo già col fiatone la mia vita
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Presa di coscienza, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Presa di coscienza, di Cesare Moceo

68262354_2177080012417900_3416913678178451456_n

Presa di coscienza

Lacrime diffuse

sparse nel cielo

volano da millenni dalla graticola
su cui si e’ compiuto il Sacrificio

e io con gli occhi rivolti alla storia
cucio le mie tele

abbracciato alla mia passione

per bagnarle di quella Fede

ispirato da quell’antichitá
a darmi speranze e suggestioni

e riconoscere i miei peccati
nel desiderio espresso

di prenderne coscienza
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Recite d’entusiasmi, Cesare Moceo

Momenti di poesia. Recite d’entusiasmi, Cesare Moceo

…riesumata…

67885706_2170417553084146_3849358683783823360_n.jpg

Recite d’entusiasmi

Vivere la vita

con tutti i vuoti da colmare
negli inizi nati già epiloghi

e scorrazzare
in quei deserti senza sole

cercando un’oasi
dove fermarsi a riposare

e abbeverare l’anima
impregnata d’arsura

Distendersi là a guardare la luna

con i suoi fatui bagliori
a delineare sagome di passioni

sensuali e fatiscenti simulacri
adorati per il loro narcisismo e le arroganze

e nella pazienza che prelude al trionfo
imparare ad amare e odiare il Nulla

E non serve dimostrare
la miserabilità di certe critiche
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. La gradevolezza del passato, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. La gradevolezza del passato, di Cesare Moceo

Lì seduta ad ammirare la bellezza che mi circondava…il silenzio innondava i miei pensieri. Cinzia Marsala

67707304_2167499546709280_4054625384291893248_n.jpg

La gradevolezza del passato

Ricordo la mia infanzia
e le cazzate

nelle quale ho vissuto
i miei entusiasmi e le mie speranze

e persino le mie lacrime

Ora mi sforzo
di parlare ancora con voce umana

tra le frenesie
che mi portano ai deliri

nell’incontro con il mio infinito

e l’ascoltarmi con interesse

nel caso avessi da rivolgermi
nuovi pensieri

E faccio da maestro
e da discepolo a me stesso

per germogliare

tutto ció che in me
e’ rimasto tra le radici
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Tenacie e dolcezze senza ideologie, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Tenacie e dolcezze senza ideologie, di Cesare Moceo

Buongiorno a tutti. ..

67894109_2168345639958004_2555476992472383488_n.jpg

Tenacie e dolcezze senza ideologie

Amo i miei giorni
prima scelta del mio vivere

pensando sempre di colmare
gli interessi del “nulla”

con esperienze che fan crescere il dolore

sofferenze della solitudine

paure interiori a far sentire insicuri
nella povertà miserabile dei malesseri

e giù sensi di gratitudine

suoni silenti a far piangere lacrime amare

Nulla potrò contro il destino

quando lui stesso mi dirà di ritirarmi
dagli inchiostri e dalla vita

Mi resta ancor ora il piacere
di non essere più abbastanza giovane

e veder con gli occhi della saggezza

le mie ceneri dentro l’urna
dei miei versi senza eleganza

addobbata di critiche e di misteri

E non contemplate per favore i miei scritti

con la disinvoltura di qualcosa trovata all’angolo di una strada

ma fatene almeno antitodo

contro la tristezza e la malinconia
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Cembalo gonfio di vana gloria ?, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Cembalo gonfio di vana gloria ?, di Cesare Moceo

67946869_2168552499937318_957616078798716928_n.jpg

Cembalo gonfio di vana gloria ?

Non so mai quanto

con i miei versi

riesco a esprimere nè cosa

quando improvvise tormente di buio
si avventano tra i pensieri

Folate d’aria pesta
m’accarezzano la nuca

come fossero gelide manine
dalle dita vitree

occhi assenti

a attraversare con inutili sguardi
la mente immersa in quel buio

E nausee e stanchezze

pervadono i gangli
in attesa d’un’agognata Luce
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Intense apprensioni, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Intense apprensioni, di Cesare Moceo

67661041_2163713680421200_3363090002723471360_n.jpg

Intense apprensioni

Mi giro e mi rigiro nei passi a ritroso
sul palcoscenico del presente

e facendo patti con il “piacere”
che m’è caduto addosso

nella recita dell’angheria del tormento

Stai pure con me
a patto che lasci in pace i Miei

dico percosso dai brividi

e costretto dalla dittatura
che la vita che mi ha imposta

Resta tranquillo con me

rimaniamo insieme

fraternamente abbracciati
nella nostra amichevole presa in giro

così che

nel turbinio di questo desiderio

invaso da gelide scosse

nell’aria d’attorno
impregnata di malvagi presagi

io possa amarmi di più e ancora
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. non dipendo da nessuno… di Cesare Moceo

Momenti di poesia. non dipendo da nessuno… di Cesare Moceo

“Parlo con molti,mi diverto con tutti,mi fido di pochi e soprattutto non dipendo da nessuno…”

67758398_2162747347184500_5921175586532753408_n.jpg

Forse…sono anch’io
un disabile psichiatrico

Storie dolenti e drammatiche

segnate da croci sante
e sangue versato

a cui servono domande
che cercano risposte

indignazioni giuste
a ridare dignita’ a se stessi

E si puo’ esser rivoluzionari
senza esser violenti

anche sentendosi moscerini
a combattere pachidermi

nell’avidita’ della cultura

che sgombra l’intelligenza
e arricchisce l’anima

nel suo sentire universale

che diventa

il compagno di viaggio ideale
della propria vita
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. È possibile volare senza far rumore ? di Cesare Moceo

Momenti di poesia. È possibile volare senza far rumore ? di Cesare Moceo

tumblr_mvou54KqSg1r1zra4o1_540.jpg

È possibile volare senza far rumore ?

Mollare gli ormeggi alle emozioni
lasciandole andare alla deriva

tra le buie costellazioni delle notti
a esprimere tutti i rimpianti dell’anima

Sciarpe al collo

superbe e indisponenti
a soffocare nobili sentimenti

calure stagnanti

nella voglia di sostituirle
con veli sacerdotali

a inventare creature da fiabe
e predicare fanciullesche felicità

E ripararsi nella ampie insenature

che la natura ha preparato
lungo le coste frastagliate dei giorni

a celebrare la memoria
dei ricordi adottati dal presente

per aiutarci nel bisogno impellente
d’allargare le mani

e raccogliere e distribuire
le gioie del perdono
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. La legittimazione dell’odio, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. La legittimazione dell’odio, di Cesare Moceo

67450309_2162299950562573_3966513077947465728_n.jpg

La legittimazione dell’odio

Rimango fermo
in certi attimi
con le braccia incrociate
a guardarmi attorno
a fissare interdetto
le fiammelle di vita
che tremolano in segreto
accanto ai miei pensieri
E singhiozzi di commozione
mi prendono il petto
a far arrivare agli occhi
lacrime di miseria
vaga e indistinta
indesiderata eppur ammirata
a legittimarne “l’Essere”
Animato dalle mie
romantiche convinzioni
mi bastan quegli sguardi
per capire che di lì a poco
potrà trionfare l’odio
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti poesia e riflessione: Io, clochard ossequioso della fede, di Cesare Moceo

Io, clochard ossequioso della fede, di Cesare Moceo

67472904_2154351618024073_7358252376551063552_n.jpg

Io, clochard ossequioso della fede

Percorsi di sincerità
impongono alla vita
sapori polverosi
che rendono difficile
il vivere dei pensieri
E dedico la mia dignità
a spolverare gesti e parole
nel sentire dei significati
dello scorrere dell’etica
nell’anima impoverita
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Tracce, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Tracce, di Cesare Moceo

Logo Alessandria today ok copia.png

Tracce

Qualunque cosa
tu possa sognare,
di fare,
incominciala,
così che
dietro il tuo passaggio
rimanga polvere
sulla quale lasciare…tracce…
<> <> <> <> <> <> <> <> <> <>
La mente in ostaggio
di pensieri e parole,
a Te,
che nel bene o nel male,
mi hai regalato
frammenti di vita normale,
vorrei affidare
un’impronta di me,
traccia in cui potrai
cercarmi e ritrovarmi;
e rivivermi,
in questi ricordi
che ti lascio,
incantevoli spazi immensi
dove sarà seducente
perdersi e ritrovarsi,
felice d’averli condivisi.
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Le strade del cuore, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Le strade del cuore, di Cesare Moceo

Le strade del cuore

Strade

da intraprendere
per assopire presenze d’assenze

da percorrere

in occasioni di bufere

scalcinate

solitarie

dove non incontri nessuno
se non te stesso

da evitare
nello scompiglio dei pensieri

per non aver l’imposizione dalla vita
d’incontrare il tuo esser “nulla”

E frugo

con il pensar dell’anima

nelle immagini di voi dentro al cuore

per trovar di me qualche frammento
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Per cento euro, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Per cento euro, di Cesare Moceo

67139693_2152114624914439_6672505330997395456_n.jpg

Per cento euro

“Vorrei imparare a scordarmi di pensare”

Per un attimo queste parole
mi sembrano azzeccate per i miei giorni

quasi un colpo di genio del mio vivere

che m’accompagna volteggiando
nel giro panoramico della vita

E mi ubriaco di questi pensieri

fino a raggiungere
sublimi orgasmi di vuoto

assieme a compagnie forse… sbagliate
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Giorni… di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Giorni… di Cesare Moceo

Buongiorno a tutti…

67094882_2149896418469593_7834342663724728320_n

E rifulgono in me splendidi soli

Giorni

con l’intenzione di viverli al meglio
al passeggio dentro me stesso

tra i verdi prati della mia anima

E saltellare di felicità

ridendo a crepapelle
fino a cadere giù

disteso supino
a far l’occhiolino al Cielo

a esaltare la stima di me stesso
quale panacea dei miei tormenti

languido

a riposare in quei pensieri

a regalarmi con queste emozioni

l’amore

senza contare
quanti desideri più mi bastano

o quanti soli
splenderanno nel mio silenzio
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Chierici, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Chierici, di Cesare Moceo

Chierici

Fasci d’erba e di fiele

imbrattati d’amaro miele

addobbano montagne d’amori
che vanno in frantumi

sgretolati sotto i colpi martellanti
di baci irritanti

a render pan per focaccia
a chi non sente

o non vuol sentire il lamento del cuore

Innaffiati d’odio e rancori

prostrati all’opposto del sole

sopravvivono d’impulsi spontanei
ad ogni rumore di pioggia

finché interrogati dal Cielo

divengon chierici
a dar la loro scontata risposta
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Vivo la vanità… di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Vivo la vanità… di Cesare Moceo

67288315_2148445225281379_4342864861479305216_n.jpg

Vivo la vanità di un anziano viziato

Improvvise esaltazioni

senza padri

mi trafiggono l’anima ammantata di solitudine

culmini d’emozioni fiammeggianti

in attimi

a volte senza sapore né colore
nella puerile debolezza del mio Essere

artifizi del pensiero

a acuire i dolori e sollecitare gli occhi alle lacrime nella coscienza della vita

E vado avanti per la mia strada

predicando a me stesso l’etica del silenzio

l’arte di chi tace quando c’è da tacere
e parla solo se c’è da parlare
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Le sinfonie della mente, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Le sinfonie della mente, di Cesare Moceo

67401412_2143148912477677_3195947128446779392_n

Le sinfonie della mente

Me ne sto
dietro le ante dell’eta’

seduto in un angolo della mia grotta

tranquillo

quasi immalinconito
dall’avanzar degli anni

Pensieri solitari faccio
in un altra dimensione

dove lievi risacche cullan la mente
nel narrarmi certi racconti di fantasie

che mi dan compagnia

protetto in questo angolo di vita
dalla calura d’estate

e mi conducon nei sogni
verso l’Infinito

E in questa pace

ritrovo le piu’ dolci
sinfonie della mia vita
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati
Foto di
Giovanna Sidoti

Momenti di poesia. Giorni, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Giorni, di Cesare Moceo

67073759_2140027769456458_8285438049416904704_n.jpg

Il mio grezzo vivere

Giorni

in cui il moltiplicarsi dei pensieri
nell’aria rafferma della mente

appare come un puzzle
che nel suo non esser formato

diviene una forma di vita assennata

E sulla pelle consunta

ferite rimaste aperte
si mutano in voraci cicatrici

a cercare il loro sole
per un ultimo conforto
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Lo scrigno della vita, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Lo scrigno della vita, di Cesare Moceo

Lo scrigno della vita

Accetto di buon grado
gli attimi ripetitivi dei miei giorni
e il convincermi senza speranza
dell’inutilita’ dei miei dubbi
che capestrano la mia solitudine
e la sua inesperienza
E vorrei restarne distante
e nascondere al mondo
i contrasti mutevoli del mio vivere
nel bisogno interiore
che a intermittenza mi pervade
di sfuggire la realta’
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. E condividiamo il nostro dolore, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. E condividiamo il nostro dolore, di Cesare Moceo

E condividiamo il nostro dolore

Come due gemelli siamesi

ci stringiamo l’uno all’altra
nel desiderio di fonderci

di godere insieme
fino all’ultima stilla di fiato

E stiamo immobili mani nelle mani

labbra sopra labbra

nel silenzio che echeggia sinistro
tra gli sguardi che s’incontrano

abbracciati ciglia contro ciglia
in un contatto a donarci sollievo

a fuggire dal dolore

a difenderci dal buio della mente
e dai tormenti che incalzan le paure
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Chissà… il domani, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Chissà… il domani, di Cesare Moceo

Chissà.jpg

Chissà… il domani

Il mio scrivere

impossibile da far capire a chi

ha in sè futili risorse
e aloni di sospetti interiori

goduti nell’illusione di voler essere
il più apprezzato al mondo

E io

a cuocere ancora nella prudenza

che m’ha insegnato da piccolo
a piacermi pur nella solitudine

tra pianti e tormenti

sofferenze e indifferenze
imposte dal naturale scorrere del tempo
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Lacrime di felicità, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Lacrime di felicità, di Cesare Moceo

lacrime.jpg

Lacrime di felicità
(eppure è successo a me)

Ombre d’eccitazioni s’insinuano
donando colpi di sole
alla fantasia nel suo esser realtà
travolgendola nella sua crudeltà
e lasciandola felicemente innamorata
dell’orco che ti ha salvato la vita
E parli e ridi e piangi lacrime di felicità
che nessuna parola potrà mai asciugare
nell’amore che rasenta le morbosità
fin quando alla fine della storia
penserai… qua ricomincia la tua favola
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Il poeta (secondo me) di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Il poeta (secondo me) di Cesare Moceo

Il poeta.jpg

Il poeta (secondo me)

Ultimo tra gli ultimi
orlato da germogli d’affetti
adunamenti paradisiaci
nei quali vive la voglia
d’allontanarsi dalla sua vergine anima
lascia il respiro lento del suo mare
nella magia che avvolge i pensieri
E se Voi leggendolo
v’accorgerete che sia andato
oltre la più intima e confusa fantasia
fermatevi a riflettere
ch’Egli vuol solo rappresentarvi
tutta la sua miseria
e donarvi immagini
d’amorose e fiorite ferite
coltivate nell’ansia delle sue pene
e nell’ondeggiar tumultuoso di un passato
appannato dagli aliti dei suoi abissi
E così v’accorgerete che anche l’oblìo
ha la sua memoria
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Vivo i giorni, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Vivo i giorni, di Cesare Moceo

Buongiorno a tutti. ..

Accontentarsi, ma come si fa ?

vivo i giorni.jpg

Vivo i giorni

sedotto dalla solitudine
nell’anima inquieta

arido deserto
disseminato di spinosi pianti

tra silenzi e tarli

che impongono il proprio diritto
d’esser attesi

E sono arrivato ormai
dove s’e’ fermato il tempo

dove echi di note stonate
fanno mancare il respiro

e urlano dentro
lamenti e tristezze

dove brillano lacrime silenziose
che scivolano asciutte

dentro le rughe dei ricordi
di splendenti ore di sole cocente

E non servon piu’ albe colorate

ne’ attese di caldi abbracci
o rapimenti d’incanti

in questo vento di nulla
che accarezza l’anima ribelle

e rimprovera al mondo
il mancar di compagnia

senza aver il coraggio
di dirmi in faccia …e’ solo colpa mia

.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Un attimo di poesia. Cesare Moceo

Un attimo di poesia. Cesare Moceo

Buon giorno a tutti. ..

Signore,Ti prego,dammi tempo

Fugace chiasso di gente allegra

vedo frecciare
sulle candide piste della vita

tramonti che nei giorni

si spostano ancora più in là
ad arrancare negli anni

Languido e privo forze

ma pervaso ancora da ardenti desideri
anche se scherniti e umiliati

assorbo ceffoni ben assestati

a dar continuo fiato agl’inchiostri

e far fiorire emozioni mature
da acerbi sentimenti

E lascio che il mondo
parli e sparli a piacere

nel suo inventare
imbrogli con punteruoli ricurvi

appellativi abbelliti con fronzoli
da lingue biforcute sempre pronte

a finanziare trame
di romanzi da collezione

vuoti e senza alcun spessore

infondere asperità e odi negli animi

e disputare nei cuori
insistenze irriducibili e veementi
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Un attimo di poesia. Innamorato della mia vecchiaia, di Cesare Moceo

Un attimo di poesia. Innamorato della mia vecchiaia, di Cesare Moceo

Vorrei veder il mio inverno…

“…mostrerei agli uomini quanto sbagliano quando pensano di smettere di innamorarsi man mano che invecchiano, non sapendo che invecchiano quando smettono di innamorarsi.”
(Gabriel Garcìa Marquez)

Innamorato della mia vecchiaia

nell’immagine riflessa
del mio caos interiore

resto consapevole del mio egoismo

di rallegrarmi del destino
d’essere stato “il prescelto”

E mi piace tener in conto
la pace del tempo a venire

adesso

che sono ancora cosparso di “luce”
e posso lottare ad armi pari

col questo terribile nemico
che vorrebbe imprigionarmi

assecondandone col cuore l’ostinato abbraccio

nell’affettuosa speranza
di poterne scoprire le vulnerabilità
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Ridere… di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Ridere… di Cesare Moceo

ridere.jpg

Ridere…ridere…e sempre ridere

Or dunque ahahah

sono arrivato al punto
di agire con prudenza

di parlare solamente
quando piscian le galline ahahah

in questa mia vita
relegata ormai a diletto

che la mia passionalita’
rende rapida e allegra ahahah

E ricorro
a mille inganni della mente

all’ironia dei sentimenti

a certe astuzie
che odorano di muffa e di fracasso

per realizzarmi in nuove eleganze ahahah

e perpetuarmi
senza rinunciare al piacere
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia… di Cesare Moceo

Momenti di poesia… di Cesare Moceo

“…c’è un pezzo di cielo dove il sole rimane dietro le nuvole…” (Cristina Gangale)

Momenti.jpg

Àncore di speranza

Scoprire ad un tratto
i rischi della vita

e aumentarne nell’Io
l’attrazione

vibrando interiormente
al ricordo dei giorni già scorsi

Vado per la mia strada

sentendo ancora
i pianti degli uomini

lacrime di tristezza e di rabbia

a risvegliare nella mente
il mio saper bene

a quali tormenti
porta la paura

e come fa presto

a cedere il posto
allo sconforto

E anche come
diventa difficile

tenere vivo
il conto del tempo
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. In corsia, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. In corsia, di Cesare Moceo

66528615_2124673484325220_4407360057491062784_n.jpg

In corsia

Nel silenzio

sguardi che celano i ricordi

lacrime di dolore che scivolano
su gote tirate

occhi tristi e vispi
proiettati al domani

a emanare paure e dolcezze

raccontare emozioni
e soffocare il dolore

Respiri affannati

persi in gesti vorticosi
e nelle parole

petali di rose

fioriti nei cuori impauriti

Affidare la pena
ai desideri segreti

alla fede che placa
i venti del male

e alimenta nella mente

percussioni di sogni
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. di Cesare Moceo

Momenti di poesia. di Cesare Moceo

Io e la mia religione

“Nessuna disperazione
ha mai sconfitto la speranza” (Cesare Moceo)

Figure avare di volti

lagnose utopie senza contorni

riempiono i giorni d’isterie e paure

come se queste
volessero lenire dolori e tormenti

E ringrazio quelle astratte visioni

nella mia necessità di viverle

nel bisogno impellente
di quegli anonimi visi

che cospargono di brividi e d’affetto
le mie ansie e le mie preoccupazioni

Cammino e penso

vado fiero di me e spero

e fermento

al pensare che qualcuno certamente
saprà darmi una spiegazione

magari

quando sarò di là
nella mia prossima religione
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati