Programma Proiezioni al Cinema Macallè Castelceriolo (AL) dal 03 al 08 Ottobre 2019

Programma Proiezioni al Cinema Macallè Castelceriolo (AL) dal 03 al 08 Ottobre 2019

da Salvatore Coluccio Programma Proiezioni al Cinema Macallècdi Castelceriolo (AL)

dal 03 al 08 Ottobre 2019  

THE RIDER Locandina.jpg

THE RIDER – IL SOGNO DI UN COWBOY

Trailer https://youtu.be/_pBwTIRsAXU

Giovedì 03 Ottobre ore 21.00

Venerdì 04 Ottobre ore 21.00

Sabato 05 Ottobre ore 21.00

Domenica 06 Ottobre ore 16.30, 21.00

LA VITA INVISIBILE DI EURIDICE GUSMAO Locandina.jpg

LA VITA INVISIBILE DI EURIDICE GUSMAO

Trailer https://youtu.be/gjIvTjAfA98  

Sabato 05 Ottobre ore 18.30

Domenica 06 Ottobre ore 18.30

LA MAFIA NON È PIÙ QUELLA DI UNA VOLTA poster.jpg

LA MAFIA NON È PIÙ QUELLA DI UNA VOLTA

Trailer https://youtu.be/udOCQw797Sg

Lunedì 07 Ottobre ore 21.00

Martedì 08 Ottobre ore 21.00

Cinema Macallè – Alessandria, Castelceriolo

Ingresso Proiezioni 5 €  Info 0131 585001 / 334 9488905

www.cinemamacalle.com

HAROLD E MAUDE

La gioventù è il periodo più bello della vita….o così dicono, certo è che in quel primo periodo di vita tutto è una conquista e tutto sembra conquistabile, ma è anche vero che tutto diventa irraggiungibile, incomprensibile e quasi opprimente. La giovinezza è il veloce sbocciare della vita, un attimo, un passaggio del quale ci arriviamo incoscIenti e ignoranti del mondo e di quel mondo invece dobbiamo reagire con maturità e conoscenza, la giovinezza è la vigoria del corpo e della mente, ma un’intera confusione psichica e sociale, un misto di bene e male, al quale ognuno reagisce come può o come natura gli ha concesso di agire. Il fiore della gioventù dura come un giorno, quello prima eravamo spensierati bambini, quello dopo un cumulo di esperienze da maturare. E spesso in questa battaglia tra l’essere e il futuro sarò non sempre si riesce a conciliare e nascono le incomprensioni interiori e pure esteriori, i conflitti, e spesso si pensa di poter morire per la paura di combattere un domani che non conosciamo.
Harold e Maude, il film che oggi mi è venuto alla mente, parlava proprio di un conflitto interiore di un giovane aristocratico, che nonostante l’agiatezza delle cose non accettava la sua identità, doveva lottare per farsi notare e comprendere da una “leggera” e insignificante madre al punto di annoverare nel suo breve percorso di vita, un’intensità di tentativi di suicidio, che non sono valsi altro che a essere controllato da uno psicologo. La sua mania, il necrologio, la visita dei cimiteri e tutto quanto legato a questo perido nefasto della vita.
Ma sarà proprio questa sua “strana” passione che gli farà incontrare la donna che lo indirizzerà al valore della vita stessa in contrapposizione alla morte, una donna prossima agli ottanta anni, ma di una vitalità e di una conoscenza di saper vivere fuori da tutti gli schemi. Sarà lei con le sue stranezze, con le sue parole e con i suoi insegnamenti “geniali” a fargli capire che la vita è una sola e come tale va consumata in tutto e per tutto, senza crearsi nessun tabù e nessuna remora.
E nascerà pure l’amore tra i due, un amore fatto di complicità, di scambio di idee e di gusti, ricerca pure dei corpi, una storia d’amore ma una storia di vita interiore, la signora anziana che insegna al ragazzo ad essere “giovani sempre” e quando il progetto di Harold di sposarla, andando contro ogni convenzione e contro ogni ostacolo, Maude nel giorno del suo compleanno, allo scoccare degli anni 80, morirà. Harold inscenerà un ennesimo tentativo di suicidio, facendo correre la sua auto in un burrone, mentre lui si allontana dal precipizio ballando e suonando il banjo, un regalo di Maude.
La morte è proprio ciò che da significato alla nostra vita.
Un bellissimo film di Hal Ashby del 1971, che non è la solita commedia romantica, ma un film che va oltre le righe e che nella sua talvolta comicità offre una leggerezza d’animo e di sentimento che fanno soltanto pensare e amare davvero la vita per quella che è e quella che possiamo inventare.
Una favola senza età e come dice a un certo punto Maude:
“Vizi, virtù… non bisogna essere troppo moralisti se no si deve rinunciare a troppe cose nella vita. Prima il piacere poi la moralità. Devi applicare questo principio alla vita… solo così riesci a viverla nella sua pienezza”

Roberto Busembai (errebi)

Immagine web: Locandina del film

FESTIVAL ADELIO FERRERO – CINEMA E CRITICA 36° Alessandria, 10-13 ottobre 2019

FESTIVAL ADELIO FERRERO/CINEMA E CRITICA 36° Alessandria, 10-13 ottobre 2019

Giuliana De Sio, Marco Giusti, Victor Rambaldi, Shel Shapiro e Adalberto Maria Merli sono tra i protagonisti della 36° edizione del Festival Adelio Ferrero/Cinema e Critica in programma ad Alessandria dal 10 al 13 ottobre 2019 con un programma ricco proiezioni ed incontri

Sabato 31 Agosto 2019 Presentazione Ufficiale del Programma Festival Adelio Ferrero Cinema e Critica 36° 8Sabato 31 Agosto 2019 Presentazione Ufficiale del Programma Festival Adelio Ferrero Cinema e Critica 36° 7

Giovedì 10 Ottobre, ore 19.00 – Associazione Cultura e Sviluppo, Piazza De André 76 – Alessandria Mirella D’Angelo interprete per Federico Fellini, Dario Argento, Tinto Brass e Sergio Sollima con Adalberto Maria Merli attore e doppiatore, interprete de “L’ultima notte di quiete” e di sceneggiati “cult” come “La Freccia Nera”, “E le stelle stanno guardare”, voce di Clint Eastwood, Jack Nicholson e Robert Redford saranno protagonisti di una serata dedicata all’avventurosa storia dell’attore cinematografico, che vede i due interpreti raccontarsi insieme per la prima volta

Venerdì 11 Ottobre – Cinema Teatro Alessandrino, Via Verdi 12 – Alessandria Omaggio a Carlo Rambaldi con i critici Danilo Arona, Roberto Lasagna, Anton Giulio Mancino, Paolo Micalizzi e Fabio Zanello. Ore 18.00 incontro con Victor Rambaldi e proiezione del cortometraggio “Trespass”, ore 21.00 proiezione del documentario “L’occhio, la mano, il viaggio” dedicato al padre Carlo a seguire la proiezione di “Alien” con la regia di Ridley Scott a quarant’anni dall’uscita nelle sale, vincitore di tre Oscar uno ricevuto da Carlo Rambaldi. Continua a leggere “FESTIVAL ADELIO FERRERO – CINEMA E CRITICA 36° Alessandria, 10-13 ottobre 2019”

Festival Adelio Ferrero/Cinema e Critica alla 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Festival Adelio Ferrero/Cinema e Critica alla 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

(Alessandria, 10-13 ottobre)

Sabato 31 Agosto 2019 , ore 17.00 – Hotel Excelsior del Lido di Venezia

Il Festival Adelio Ferrero/Cinema e Critica, in programma ad Alessandria dal 10 al 13 ottobre, sarà presentato sabato 31 agosto alle ore 17,00 presso la Sala Tropicana 1 – Area Lounge Ente dello spettacolo dell’Hotel Excelsior del Lido di Venezia. Saranno presenti Roberto Lasagna direttore artistico del Festival Adelio Ferrero 2019 Saverio Zumbo curatore sezione video saggi Benedetta Pallavidino comitato scientifico Festival Adelio Ferrero/Cinema e Critica Riccardo Bellini, Valentino Saccà e Elisa Torsiello Staff Festival Adelio Ferrero/Cinema e Critica Ospiti: Paolo Micalizzi e Roberto Pugliese critici cinematografici.

video: https://youtu.be/5OjzutbBzBI

Repubblica: E’ morto Carlo Delle Piane, 110 film in 70 anni di carriera

Repubblica: E’ morto Carlo Delle Piane, 110 film in 70 anni di carriera

Aveva 83 anni. Aveva lavorato con i grandi del cinema italiano e in particolare con Pupi Avati

010627846-538f4f1d-dd5f-40bf-ad1a-98f12d4b60ef.jpg

ROMA – E’ morto a Roma all’età di 83 anni l’attore Carlo Delle Piane. Ne dà notizia la moglie, Anna Crispino. L’attore aveva da poco festeggiato i 70 anni di carriera, durante i quali aveva lavorato con alcuni dei più importanti registi e attori, ricordando i molteplici successi al fianco di Alberto Sordi, Aldo Fabrizi, Totò, De Sica e molti altri ancora, fino al fortunatissimo decennio con Pupi Avati… continua su: https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2019/08/24/news/morto_carlo_delle_piane-234220304/

Si avvicina la nuova edizione del Festival Ferrero (Cinema e Critica).

Si avvicina la nuova edizione del Festival Ferrero (Cinema e Critica).

Schermata 2019-08-22 a 08.59.10.png

Alessandria: L’Associazione di cultura cinematografica e umanistica La Voce della Luna – che ha co-organizzato le precedenti edizioni 2017 e 2018 – tuttavia, non ci sarà, per ragioni di natura organizzativa e personale dello Staff, nonché per una diversa visione dell’ animazione culturale maturata nel corso del tempo.

Nel porgere i nostri Auguri per la manifestazione, ci teniamo a ricordare il valore artistico, formativo e culturale del cinema, che merita di essere celebrato con diverse voci e che la Voce della Luna continuerà a presidiare sul territorio alessandrino con le sue iniziative.

Barbara Rossi,

presidente Associazione di cultura cinematografica e umanistica “La Voce della Luna”

«LA MIA VITA CON JOHN F. DONOVAN»: IL RITORNO TRIONFALE DI XAVIER DOLAN

«LA MIA VITA CON JOHN F. DONOVAN»: IL RITORNO TRIONFALE DI XAVIER DOLAN

di Francesca Cerutti  https://www.frammentirivista.it

logo-alessandria-today-ok-copia

Appena usciti dalla sala dopo aver visto un film superlativo, è sempre difficile trovare le parole per descriverlo. Troppa paura che nessuna parola possa essere all’altezza delle emozioni provate. Ci si sente un po’ così dopo aver visto La mia vita con John F. Donovan del canadese Xavier Dolan, uscito in Italia lo scorso 27 giugno.

standard_d89dac26-7ee6-4398-ad08-dd770c9caede

Leggi anche:
Xavier Dolan, “enfant terrible” del nuovo cinema francese

La locandina del film.

Un’amicizia “da lontano”

Il film ruota attorno all’amicizia nata e sviluppatasi “da lontano” tra Rupert Turner (Ben Schnetzer), un giovane attore, e John F. Donovan (Kit Harington), anche lui attore, morto di overdose undici anni prima. Perché “da lontano”? Perché i due si sono scambiati lettere per cinque anni, senza mai incontrarsi.

A soli sei anni, aiutato dalla madre (Natalie Portman), il piccolo Rupert (Jacob Trembley) scrive una lettera a Donovan, il suo idolo. A sorpresa, la star gli risponde, dando così il via a una strana corrispondenza che entrambi tengono segreta al mondo per anni. Da un lato, Rupert – americano, incapace di ambientarsi in Inghilterra – teme che possa interrompersi l’amicizia con la sola persona che sembra davvero capirlo. Da un altro, John F. Donovan sa che nessuno capirebbe perché mai un uomo di più di vent’anni scriva con assiduità a un bambino. Continua a leggere “«LA MIA VITA CON JOHN F. DONOVAN»: IL RITORNO TRIONFALE DI XAVIER DOLAN”

«ARRIVEDERCI PROFESSORE»: SBAGLIATE, FATELO CON CORAGGIO!

«ARRIVEDERCI PROFESSORE»: SBAGLIATE, FATELO CON CORAGGIO!

di Francesca Cerutti

trailer-di-Arrivederci-professore-cover

È uscito lo scorso 20 giugno Arrivederci professore, film che vede l’amato Johnny Depp come protagonista. Nel giro di pochi giorni è già balzato in vetta alle classifiche del box office: ha al momento incassato quasi 85mila euro. Non male, visto che troppo spesso le pellicole di qualità vengono snobbate dal grande pubblico.

Non sprecare nessun momento

Il film si apre con quella che è una vera e propria batosta per Richard, uno stimato professore di letteratura: gli viene diagnosticato un cancro ai polmoni non curabile. Se decidesse di seguire una terapia, potrebbe sperare di vivere al massimo per un anno. Senza terapie la sua aspettativa di vita scenderebbe a sei mesi. Dopo l’ovvio sconforto iniziale, Richard decide di non fare nessuna terapia e di vivere al massimo i pochi giorni che ha ancora a disposizione.

Comincia un periodo in cui Richard fa tutto quello che gli va di fare – che per tutta la vita non aveva mai fatto, per un motivo o per un altro – e in cui spinge anche la figlia e gli studenti a vivere con intensità ogni momento. Non dice a nessuno, tranne al suo migliore amico, della sua malattia, ma dedica tutti gli ultimi mesi a lasciare il proprio testamento spirituale a chi verrà dopo di lui. La morte imminente sarà per Richard anche la possibilità di togliersi qualche sassolino dalla scarpa, con la consapevolezza di non avere nulla da perdere… continua su: https://www.frammentirivista.it/arrivederci-professore-sbagliate-fatelo-con-coraggio/

logo-alessandria-today-ok-copia

Ciao Franco, maestro indimenticabile, di Maura Mantellino

Una notizia  che colpisce al cuore di tutti noi: si è spento Franco Zeffirelli all’età di  96 anni. La scomparsa è avvenuta alla fine di una lunga malattia.

Il suo Maestro fu Luchino Visconti, con il quale collaborò per Senso, solo per citare il lungometraggio più famoso ma tante furono le collaborazioni, con Michelangelo Antonioni, Vittorio De Sica, Roberto Rossellini, Edoardo De Filippo, tra gli altri.

«Un signore delle scene», per Enrico Mentana.

Franco Zeffirelli non è stato solo cinema, ma anche arte e soprattutto cultura

Gian Franco Corsi Zeffirelli nacque a Firenze, il 12 febbraio 1923, da Ottorino Corsi e Alaide Garosi Cipriani. La sua non fu una infanzia semplice, sia per il mancato riconoscimento paterno, che avvenne solo a 19 anni, sia  per la prematura scomparsa della madre. Dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti a Firenze ed essersi laureato in scenografia, esordì come scenografo nel secondo dopoguerra, curando una messa in scena di Troilo e Cressida diretta da Luchino Visconti.

Le prime esperienze nel cinema furono insieme a Francesco Rosi, come collaboratore dello stesso Visconti ma lunga fu l’esperienza in teatro, sia come regista che come scenografo e disegnatore di costumi.

Negli anni Sessanta,  diresse l’Amleto con Giorgio Albertazzi, mentre si avvicendavano diverse esperienze di successo nei più importanti teatri internazionali, dal Metropolitan Opera House di New York al Grand Théâtre di Ginevra. Sul piccolo schermo, fu grandissimo il successo del film Gesù di Nazareth, nel 1976. Ancora un grande successo per Amleto, del 1990, una grande produzione internazionale con attori del calibro di Mel Gibson, Glenn Close e Helena Bonham Carter, vincitore, nel 1991, del David di Donatello come Miglior Film Straniero.

Nel 2003 gli fu conferita la Medaglia d’oro ai benemeriti della Cultura e dell’Arte, mentre nel 2004 fu nominato Cavaliere Commendatore dell’Ordine dell’Impero Britannico. Dichiaratamente omosessuale, si definiva cattolico ed è stato Senatore della Repubblica italiana dal 1994 al 2001, nel partito di Forza Italia. (foto dal web)

Immersi nelle storie. Tra mondi. Cinema, identità e narrazioni

Immersi nelle storie. Tra mondi. Cinema, identità e narrazioni

La Summer School di Media Education per giovani in programma ad Alessandria
il 14-15-22 giugno

Summer School 2019 con patrocinio UPO.jpg

Alessandria: Il progetto formativo “Immersi nelle storie: media literacy, visual story telling e identità di un territorio in trasformazione”, in fase di realizzazione grazie al patrocinio e sostegno della Fondazione SociAL di Alessandria, con il patrocinio del Comune di Alessandria e dell’Università del Piemonte Orientale, propone – esperienza inedita per il territorio alessandrino – l’avvio di un campus estivo per la Media Education e i linguaggi cinematografici, visivi e digitali, rivolto agli studenti e, in generale, ai giovani dai 14 anni in poi.

Questi gli elementi che sono stati illustrati nel corso della odierna conferenza stampa di presentazione, a Palazzo Comunale di Alessandria, alla presenza degli Assessori Comuali Silvia Straneo (Pubblica Istruzione), Cherima Fteita (Politiche Giovanili), di Barbara Rossi, Media Educator, Presidente di “La Voce della Luna”, Associazione di cultura cinematografica e umanistica di Alessandria, di Michele Maranzana, Docente di Scienze Umane – I.I.S. “Saluzzo-Plana” di Alessandria, e di Maria Grazia Caldirola, Tutor del progetto, Rappresentante Fondazione SociAL.

La Summer School “Immersi nelle storie” – che in questa prima edizione porta come titolo tematico ulteriore “Tra mondi. Cinema, identità e narrazioni” – viene offerta gratuitamente ai giovani partecipanti, a cui verranno riconosciuti crediti formativi, nelle giornate di venerdì 14, sabato 15 e sabato 22 giugno, negli spazi dell’Associazione Cultura e Sviluppo di piazza De Andrè 76, Alessandria. Continua a leggere “Immersi nelle storie. Tra mondi. Cinema, identità e narrazioni”

Il festival in pillole

Il festival in pillole

http://www.torinoclick.it Pubblicato il: 24 Maggio 2019

Torino click

Nel Concorso lungometraggi internazionali, 10 titoli in gara: sotto i riflettori, la nuova era geologica dominata dall’uomo (Anthropocene: The Human Epoch), il mito in bilico di una crescita economica continua (System Error) e di modelli di sviluppo ormai al limite (Breakpoint), il nuovo irrefrenabile attivismo giovanile (Youth Unstoppable), il problema dell’elettrosensibilità nel nostro mondo iperconnesso (Ubiquity).

1a Schermata 2019-05-27 a 09.10.10

Nel Concorso documentari One Hour, 7 mediometraggi per spaziare dai giovani impegnati sul fronte ambientale (Messaggi dalla fine del mondo), alle schiere crescenti di “ladri del tempo” (Time Thieves. Your Time is their Business), alla vita nascosta delle piante (Secrets in the World’s Largest Forest), all’emergenza costante dei rifiuti (UseLess) e alle false promesse di riciclo delle grandi multinazionali (A Plastic Surgery: Coca-Cola’s Hidden Secrets).

Nel Concorso cortometraggi internazionali, l’ambiente raccontato in 30 film brevi, folgoranti, drammatici, divertenti, sconcertanti: per vedere alcuni “Ritratti dal mondo”, per sapere che cosa “Il mondo deve sapere”, per dilettarsi con le “Ecoanimazioni”, per sbalordirsi con le “Ecovisioni”, per incontrare gli altri “Animalia” coinquilini del nostro Pianeta. Continua a leggere “Il festival in pillole”

SOGNO E SON DESTO – MASSIMO RANIERI IN CONCERTO

SOGNO E SON DESTO – MASSIMO RANIERI IN CONCERTO

Alessandria: SABATO 18 MAGGIO 2019 – ORE 21.00 CINEMA TEATRO ALESSANDRINO

 massimo_ranieri (1)Massimo Ranieri in Sogno e son desto 400 volte (Credit: uff.

E’ un sogno ripetuto all’infinito che spazia tra svariati generi musicali e in un certo qual modo salvifico. Dai classici della tradizione napoletana ai capisaldi della canzone d’autore – da Fabrizio De Andrè a Francesco Guccini, da Charles Aznavour a Violeta Parra – sfociando nella poesia contemporanea e nella prosa, Ranieri conquisterà il pubblico loanese in due ore di spettacolo completo in cui il nostro recita, balla, racconta barzellette, diverte e si diverte, ma soprattutto interpreta canzoni con intensità unica.

MassimoRanieri_ok

Ed è questa la cifra stilistica del suo carisma, del suo essere istrionico artista senza eguali.

“In questo spettacolo ci sono echi della cultura popolare, che ha influenzato il mio percorso artistico enormemente… È grazie a questa cultura popolare che sono qui a 53 anni di carriera: è grazie alle mie origini e all’essere rimasto napoletano e italiano e dunque nell’aver saputo rifiutare qualsiasi stravolgimento di cultura anglosassone, come oggi succede troppo spesso nel mondo della musica”, racconta l’artista partenopeo, romano d’adozione. Continua a leggere “SOGNO E SON DESTO – MASSIMO RANIERI IN CONCERTO”

L’ATTENZIONE, di vittoriano borrelli

L’ATTENZIONE, di vittoriano borrelli

Quando la realtà non piace perché abietta e reietta diventa qualcosa di inautentico da affrontare con disattenzione. È quello che succede a Francesco, protagonista de “L’attenzione”, romanzo di Alberto Moravia pubblicato nel 1965 e prodotto in un film vent’anni dopo con Stefania e Amanda Sandrelli.

L'ATTENZIONE.jpg

Scrittore alla ricerca di se stesso, Francesco si propone di scrivere un romanzo ricavandolo da un diario personale sul quale annota le vicende della sua vita familiare allo scopo di trasferire l’inautenticità, ovvero la piattezza del vivere quotidiano, nell’autenticità del dramma ideologico di cui solo un romanziere è in grado di rappresentare.

Figlio di una famiglia borghese e corrotta, e come tale inautentica, Francesco s’innamora di una donna del popolo, Cora, fino a sposarla e accoglierla in casa con la figliastra Gabriella, detta Baba, avuta da una precedente relazione con un militare durante la seconda guerra mondiale:

Ora, per contrasto con questa inautenticità, si era formato in me, con la lentezza ma anche con la naturalezza del processo che porta alla nascita, dentro l’ostrica del nucleo della perla, si era formato, dico, il mito del popolo come solo depositario di tutto ciò che vi era di autentico al mondo. Si era nel 1947; questo mito aveva ricevuto una conferma dal fascismo e dalla guerra, due catastrofi, a ben guardare, dell’inautenticità. Così si spiega come, al mio primo incontro con Cora, io mi innamorai. ” Continua a leggere “L’ATTENZIONE, di vittoriano borrelli”

[Film] Doppia proiezione: “Duel” di Steven Spielberg (mercoledì 17 aprile 2019) e “La casa di Jack” di Lars von Trier

[Film] Doppia proiezione: “Duel” di Steven Spielberg (mercoledì 17 aprile 2019) e “La casa di Jack” di Lars von Trier

(giovedì 18 aprile 2019) Al Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria

STAGIONE 2018-2019 QUESTA SETTIMANA, ULTERIORE DOPPIA PROIEZIONE! DUE CAPOLAVORI IMPERDIBILI

Duel_Spielberg_r.jpg

MERCOLEDI’ 17 aprile 2019, dalle ore 20,45

SERATA SPECIALE PER FRANCO LA POLLA. UN MAESTRO DELLA CRITICA CINEMATOGRAFICA  proiezione del film (ore 21,45):

“DUEL” di Steven Spielberg

con: introduzione e commento al film di Roberto Lasagna 

Ingresso gratuito,

presso Associazione Cultura e Sviluppo, piazza De André – Alessandria Continua a leggere “[Film] Doppia proiezione: “Duel” di Steven Spielberg (mercoledì 17 aprile 2019) e “La casa di Jack” di Lars von Trier”

Cinema Macallè: Ray Gelato meets The Good Fellas

Cinema Macallè: Ray Gelato meets The Good Fellas

Il Cinema Macallè chiude la stagione musicale 2018 / 2019 con una serata di Grande Swing 

Ray Gelato con The Good Fellas

Concerto Imperdibile di Ray Gelato e The Good Fellas   

Venerdì 12 Aprile 2019 

Ray Gelato meets The Good Fellas

Apertura Porte ore 21,15 Inizio Concerto ore 22,15

Ingresso € 30 Platea € 25 Galleria

Info e Prenotazioni 389 422 61 72

WEB Ray Gelato https://www.raygelato.com/

WEB  The Good Fellas https://www.facebook.com/TheGoodFellasItaly/

RAY GELATO.jpg

Ray (Raymond Keith Irwin) Gelato, nato a Londra, figlio di un italo-americano di Atlantic City militare Usa in Inghilterra, è influenzato fin da piccolo dai dischi del padre che ascolta Sinatra e Sammy Davis Jr. Nelle schede critiche e biografiche Ray Gelato è definito sassofonista, cantante e leader di band jazz, swing e jump blues, oltre a essere noto come uno dei principali musicisti che hanno riportato in auge lo swing.

RAY GELATO1

Tra gli “highlights” della carriera, lo stesso Ray nel suo sito annovera otto esibizioni a Umbria Jazz, il Montreal Jazz Festival, la Carnegie Hall, il Blue Note di New York, dove ha suonato anche al Lincoln Center. Ha suonato alle nozze di Paul McCartney, ha aperto per Robbie Williams alla Royal Albert Hall, e si è esibito in due occasioni per la Regina Elisabetta.

Ad Accompagnare sul palco l’artista inglese  The Good Fellas, nati nel lontano 1993 da un’idea del contrabbassista Mr. Lucky Luciano e l’inseparabile batterista Fabrice “Bum Bum” La Motta. The Good Fellas sono una delle swing band italiane più note e gettonate con un grande numero di concerti sulle spalle. Al loro attivo partecipazioni a festival del calibro dell’Umbria Jazz e del Summer Jamboree di Senigallia. Molte anche le collaborazioni tra cui quelle con il grande Germano Montefiori, il trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo e con Cochi e Renato nel loro ultimo tour teatrale.

Apertura Porte ore 21,15 Inizio Concerto ore 22,15 , Ingresso € 30 Platea € 25 Galleria POCHI POSTI DISPONIBILI

Info e Prenotazioni 389 422 61 72

“Movie Blues” la stagione musicale del Cinema Macallè è organizzata con il sostegno di Alegas e Al51 Alessandria 

da Salvatore Coluccio

Elisa Cegani, l’antidiva dei telefoni bianchi, di Donatella Pezzino

 

(Photo by Mondadori Portfolio via Getty Images)

Delicata, signorile, un po’ altera. Un fascino magnetico e decisamente femminile, ma senza la carnalità esasperata e le pose tanto di moda fra le sue colleghe. Elisa Cegani, torinese di origine veneziana, era una bellezza semplice e luminosa; in un cinema che ereditava dal muto la tendenza all’espressività marcata e quasi caricaturale, il suo stile recitativo si distingueva per linearità, intelligenza e moderazione.

Con Amedeo Nazzari in “Cavalleria” (1936)

Nata nel 1911, la Cegani apparve per la prima volta sul grande schermo in Aldebaran (1935) con lo pseudonimo di Elisa Sandri; la dirigeva Alessandro Blasetti, regista a cui sarebbe rimasta per sempre legata, anche nella vita.

In “La corona di ferro” (1941)

Elegante e controllata, l’attrice piacque subito sia al grande pubblico che agli “addetti ai lavori”, tanto da acquisire risonanza anche all’estero; in breve, divenne una delle star più quotate di quel genere cinematografico noto come “cinema dei telefoni bianchi”. Continua a leggere “Elisa Cegani, l’antidiva dei telefoni bianchi, di Donatella Pezzino”

Terzo appuntamento con la rassegna Acit Film Forum-Registe: I quattro re Magi

Terzo appuntamento con la rassegna Acit Film ForumRegiste: I quattro re Magi

Alessandria: Il terzo appuntamento della rassegna ACIT FILM FORUM-REGISTE avrà luogo lunedì 8 aprile alle ore 21.15, presso l’Associazione Cultura e Sviluppo, Piazza de Andrè 76, Alessandria, con la proiezione del film 4 Könige (I quattro re Magi, 2015) della regista Theresa von Eltz.

I quattro re magi film

Quattro giovani si trovano a trascorrere le feste di fine anno isolati all’interno di una clinica psichiatrica. La proposta di utilizzare una telecamera amatoriale per interrogarsi reciprocamente sul senso del Natale diventa per i quattro l’occasione per lasciar cadere maschere e meccanismi difensivi e vivere giorni di commovente intensità e profonda maturazione. Opera prima vincitrice del Premio Alice nelle Città, sezione dedicata ai giovani registi della Festa del Cinema di Roma.

La presenza femminile nel cinema tedesco, tradizionalmente legata alla recitazione e al fascino delle sue grandi attrici, registra un crescente numero di donne impegnate come registe, autrici di importanti film, spesso di grande successo, con una straordinaria originalità e diversità di temi e linguaggi.
Alla più recente produzione delle registe tedesche è dedicato questo ciclo dell’Acit Film Forum.
La rassegna Acit Film Forum è organizzata da Acit (Associazione Culturale Italo-Tedesca) di Alessandria e Goethe Institut di Torino, in collaborazione con Associazione Cultura e Sviluppo, Alessandria News, La Voce della Luna, Associazione di cultura cinematografica e umanistica.
I commenti introduttivi ai film sono a cura di Barbara Rossi, docente di cinema, dell’Associazione La Voce della Luna. Tutti i film sono in versione originale con sottotitoli in italiano. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Info: www.acitalessandria.altervista.org; http://www.voceluna.altervista.org; Fb: VoceLuna

Ultimo appuntamento: 

Lunedi 13 maggio, ore 21.15

Western di Valeska Grisebach, 2017, 121 min.

La storia di un gruppo di lavoratori tedeschi impegnati a costruire “infrastrutture” in Bulgaria, narrata utilizzando in forma straniante i classici stilemi del cinema western e affrontando al tempo stesso il tema dell’attuale espansione economica tedesca nei paesi dell’Europa dell’Est. Coprodotto dalla casa di produzione indipendente di Maren Ade, autrice di Vi presento Toni Erdmann. Premio della critica tedesca come miglior film e miglior interprete principale maschile.

Un progetto di ricerca sull’intimità al Circolo del Cinema Adelio Ferrero, di Lia Tommi

Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria

STAGIONE 2018-2019
UN PROGETTO DI RICERCA SULL’INTIMITA’,
IN UN TERRITORIO SCONOSCIUTO
TRA PROIBIZIONE, PAURA E LIBERTA’

MARTEDI’ 2 aprile 2019, ore 21,15
proiezione del film:

“OGNUNO HA IL DIRITTO DI AMARE –
TOUCH ME NOT”
di Adina Pintilie
con:
introduzione e commento al film
di Roberto Lasagna,

Possono assistere alla proiezione anche i non iscritti
La proiezione unica avverrà come di consueto presso la
MULTISALA KRISTALLI

Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema
(Onde evitare code, si consiglia di presentarsi con qualche anticipo)

La tessera per la nuova stagione del Circolo del Cinema costa euro 12,00
Per gli studenti fino a 25 anni la tessera costa euro 6,00
Il costo del biglietto d’ingresso per i tesserati è di euro 5,00. La tessera della nuova stagione dà anche diritto alla riduzione (euro 6,00) per tutti i film della programmazione normale del Cinema Multisala Kristalli (sale Kubrick e Kurosawa) e del Cinema Teatro Alessandrino.
I non tesserati possono accedere alla visione del film acquistando il biglietto normale (euro 7,50).

Una singolare commedia – thriller — “Il mio capolavoro” di Gastòn Duprat

Una singolare commedia – thriller — “Il mio capolavoro” di Gastòn Duprat

Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria 

STAGIONE 2018-2019

UNA SINGOLARE COMMEDIA – THRILLER AMBIENTATA NEL MONDO DELL’ARTE, IN UN PAESE SOSPESO TRA ILLUSIONE E REALTA’ 

MARTEDI’ 26 marzo 2019, ore 21,15 proiezione del film: 

Il mio capolavoro_Duprat_r

“IL MIO CAPOLAVORO” di Gastòn Duprat

con: introduzione e commento al film di Roberto Lasagna, con DAVIDE MINETTI 

Possono assistere alla proiezione anche i non iscritti . La proiezione unica avverrà come di consueto presso la

MULTISALA KRISTALLI 

Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema

(Onde evitare code, si consiglia di presentarsi con qualche anticipo) 

La tessera per la nuova stagione del Circolo del Cinema costa euro 12,00 Continua a leggere “Una singolare commedia – thriller — “Il mio capolavoro” di Gastòn Duprat”

Deus absconditus: alla Biblioteca Canna rappresentazioni dell’incorporeità nel cinema

Deus absconditus: alla Biblioteca Canna rappresentazioni dell’incorporeità nel cinema

Casale Monferrato: Il cinema, sin dagli albori della sua storia, ha affrontato in modo più o meno diretto temi legati alla spiritualità. “L’anima è assetata di armonia, mentre la vita è disarmonica. In questa non rispondenza è racchiuso lo stimolo del movimento, la sorgente della nostra sofferenza e a un tempo della nostra speranza, la conferma della nostra profondità e delle nostre facoltà spirituali”.

Sono parole di Andrej Tarkovskij, il grande regista russo che a questi concetti ispirò la sua produzione filmica, cifra interpretativa per molti registi che hanno reso grande il cinema dall’avvento del sonoro in poi, misurandosi con la sfida di rappresentare l’incorporeità del trascendente o di cogliere la dimensione spirituale della corporeità.

Per indagare questo tema la Biblioteca Civica “Giovanni Canna” propone un ciclo di cinque incontri dal titolo “Deus absconditus. Rappresentazioni dell’incorporeità nella storia del cinema” coordinati da Simone Spoladori, critico cinematografico e conduttore di trasmissioni radiofoniche dedicate al cinema sull’emittente Radio24

Il percorso proposto – dopo un incontro introduttivo dedicato a ripercorrere quali strategie enunciative permettano di dire ciò che non può essere detto e di “vedere” quel che non ha immagine – si concentrerà su quattro importanti autori che hanno messo al centro della loro poetica questi temi e queste suggestioni. Tutti gli incontri si avvarranno di un ampio materiale documentario di immagini e “citazioni” cinematografiche. Continua a leggere “Deus absconditus: alla Biblioteca Canna rappresentazioni dell’incorporeità nel cinema”

Il primo film con le musiche del duo Battisti-Mogol, di Lia Tommi

Arriva al cinema il 14 febbraio, con la regia di Marco Danieli, «Un’Avventura»: il primo film con le musiche del duo Battisti-Mogol.

” Un’Avventura” è la storia di un amore senza tempo, capace di dipanarsi su un intero ventennio, sopravvivendo a tutto. Anche al richiamo della rivoluzione sessantottina. Protagonisti della pellicola, diretta da Marco Danieli e con le coreografie di Luca Tommassini, sono Laura Chiatti e Michele Riondino : interpretano Francesca e Matteo, due innamorati della piccola provincia italiana. Altre storie, alle spalle, non ne hanno.

Francesca e Matteo sono stati l’una il primo amore dell’altro.

Ma, quando il vento del cambiamento, l’aria della rivoluzione, comincia a spirare, il loro legame viene spazzato via. Francesca parte per Londra, certa che oltre la Manica possa celarsi la ragione del successo. Matteo resta nel suo piccolo paese, dedito, tutto, alla propria musica. Vuole diventare un artista e quel sogno pazzo non lo molla nemmeno quando Francesca, dopo cinque anni di vagabondaggi, torna a casa. La fiamma tra i due si riaccende, e il film, con le coreografie di Luca Tommassini e le musiche dell’immenso duo Battisti-Mogol, si sposta a Roma.

È nella Capitale che Francesca e Matteo sperano, ciascuno, di vedere esauditi i propri desideri, coronando allo stesso tempo un amore lungo vent’anni.

“Un’Avventura” , prodotto dalla Lucky Red con Rai Cinema e Fabula re, è un film delle prime volte. La Chiatti e Riondino, che cantano e ballano già nel trailer, non si erano mai cimentati con un musical. E mai qualcuno aveva pensato di mettere per immagini le più belle canzoni di Battisti, tra cui “Un’Avventura”, portata unica e sola al Festival di Sanremo, compie quest’anno i suoi primi cinquant’anni.

“Rice to love”: per scoprire cosa sta succedendo realmente in Birmania

“Rice to love”: per scoprire cosa sta succedendo realmente in Birmania

Coldiretti: Interessi politici ed economici che hanno portato all’accusa di “genocidio intenzionale”

 Anteprima nazionale per il documentario che denuncia diseguaglianze e soprusi

RICE-TO-LOVE_layout-locandina_16-gennaio-2019_def.jpg

Sarà numerosa la partecipazione di Coldiretti Alessandria mercoledì 16 gennaio 2019 alle ore 20,30 al cinema Massimo, in via Verdi 18 a Torino, all’anteprima nazionale del documentario “Rice to Love” del regista Stefano Rogliatti, nato da un’idea di Coldiretti Piemonte.

Cosa sta succedendo realmente in Birmania?

“In Europa le importazioni di riso dalla Birmania, dal 2016 al 2018, sono aumentate oltre l’800 percento. Si tratta, però, di un riso che proviene da soprusi, violenze e sofferenze generate da interessi politici ed economici delle multinazionali – afferma  Mauro Bianco Presidente di Coldiretti Alessandria -.  Da qui il desiderio di indagare e scoprire cosa stia avvenendo veramente in Birmania. Dal giusto mix tra la nostra curiosità e l’abilità del regista Stefano Rogliatti è nato Rice to Love, un filmato unico nel suo genere che denuncia la realtà dei Paesi che fanno concorrenza sleale al nostro riso italiano”. Continua a leggere ““Rice to love”: per scoprire cosa sta succedendo realmente in Birmania”

Chi sono gli audiodescrittori? intervista ad Alessandra Novelli, a cura di Valter Scarfia

 

Già ho trattato l’argomento audiodescrizione in un precedente articolo del blog, inserendo anche un video sul canale youtube per darne una breve dimostrazione, ma vorrei approfondire l’argomento. Ho avuto la fortuna di incontrare Alessandra che si definisce appunto una audiodescrittrice:

D: cosa fa un audiodescrittore e quale è stato il percorso per diventarlo.
R: Caro Valter, intanto ti ringrazio per l’interesse e per il tuo impegno nel voler diffondere anche quest’aspetto dell’accessibilità su cui si sta cercando di lavorare molto. Da qualche tempo, appunto, mi occupo di audiodescrizioni. Tuttavia, ammetto che mi fa ancora specie definirmi “audiodescrittrice” perché ogni prodotto ti pone davanti a sfide nuove e in questo lavoro non si finisce mai di imparare.

Volendo provare a riassumere in poche parole cosa fa un audiodescrittore, direi che si occupa di rendere accessibile dei contenuti alle persone cieche e ipovedenti. Ho parlato di “contenuti” in modo generico perché esistono diversi tipi di audiodescrizione: quella filmica, quella museale, quella teatrale… L’obiettivo primario di questa disciplina, di questa tecnica, è appunto quello di tradurre le immagini in parole. Come dice Joel Snyder, uno dei massimi esperti nel settore, “the visual is made verbal”. Io nello specifico per ora ho lavorato su alcuni prodotti televisivi seriali e su un lungometraggio. In ambito audiovisivo, l’audiodescrizione è una traccia vocale che si aggiunge al prodotto originale, che descrive la scena in atto inserendosi nelle pause tra i dialoghi e i rumori significativi. Continua a leggere “Chi sono gli audiodescrittori? intervista ad Alessandra Novelli, a cura di Valter Scarfia”

“VANGOG SULLA SOGLIA DELL’ETERNITA'”: COSA MI PORTO A CASA, di Valter Scarfia

Mi è sempre piaciuto andare al cinema, piuttosto che vedere un film a casa: ti muovi per andarci, non sei solo e ti costringi su una poltrona concentrato per non perdere niente del film; mentre a casa: ti cerchi qualcosa da mangiare, ti distrai con l’iphone, dormi, ricevi chiamate o messaggi, e potrei continuare ancora.

Questo pomeriggio sono andato quindi a vedere “Vangog sulla soglia dell’eternità” e da molte cose sono stato colpito.
Intanto l’estrema serietà con la quale Vangog ha vissuto l’arte: quasi una religione, una necessità, la ricerca di dare conforto agli esseri umani, la particolare ed unica visione che ciascuno ha di ogni cosa. Vedere le cose con occhi diversi: quanto siamo miseri noi mentre controlliamo le visualizzazioni, i like delle cosucce che scriviamo e soffriamo se non siamo apprezzati! Vangog è morto povero, non ha sorriso molto ma molto ha amato: suo fratello dal quale era riamato, Gogain col quale dissentiva su molte cose ma per il quale è stato capace di compiere un gesto folle, come il taglio dell’orecchio. E poi ancora la precisa sensazione di spendersi per il futuro, di seminare sapendo che non avrebbe visto il raccolto: anche qui, che campioni di impazienza siamo noi!
Noi ci aggiriamo nei musei, cerchiamo i quadri che non comperiamo perchè non abbiamo soldi, leggiamo critiche letterarie e ignioriamo la vera domanda. Non se e quanto ci piace un quadro, una sinfonia; ma quanto questo quadro, questa sinfonia ci cambiano la vita, quanto ci scavano dentro, quanto è centrale o marginale l’arte nella nostra esistenza!
Dunque mi propongo di non lasciarmi sviare da commenti sarcastici o malevoli, di seguire l’istinto creativo anche nel caso non sia compreso. Credo che Vangog fosse stato felice solo mentre dipingeva velocemente e furiosamente e quindi, se una azione ci può dare felicità, serenità, perchè lasciarsi manipolare dalle opinioni degli altri anche se in buona fede. L’ultima cosa che mi ha colpito è il fatto che nei suoi ultimi 80 giorni di quiete, ha prodotto ben 75 quadri. Davvero stupefacente!

Santiago Italia, di Cristina Saracano

Da oggi, 3 gennaio, fino a martedì 8, è in programma al cinema Macalle’ di Castelceriolo, via Marsala 22, il film “Santiago Italia.”

Ultima fatica di Nanni Moretti, narra la storia di molti persone che, ribellatesi al regime di Pinochet, instaurato in Cile con un colpo di stato nel 1973, vennero aiutate dagli italiani.

In particolare fu fondamentale il ruolo dell’ambasciata italiana, e, successivamente, molti cileni, poterono raggiungere il nostro paese e trascorrere un’esistenza più libera.

Il film sarà proiettato tutte le sere alle 21, sabato alle 18,30 e alle 21, domenica alle 16,30, 18,30 e 21.

Il ritorno della “Tata”, di Cristina Saracano

Record di incassi per il week end di Natale per il remake di “Mary Poppins”, la storica tata, interpretata da Emily Blunt, ha registrato di 3,2 milioni.

Secondo posto per l’ironica befana nella simpatica versione di Paola Cortellesi con 2,7 milioni.

Terza classificata la storia del rock e della vita dell’indimenticabile Freddy Mercury, con “Bohemian Rapsody”, 1,9 milioni nel fine settimana natalizio, ma che rimane, comunque, il film più visto dell’anno.

Rileggendo Assassinio sull’Orient-Express

 

assassinio-orient-express

di: https://unreliablehero.wordpress.com

dicembre 6, 2017

Com’è strano rincontrare qualcuno dopo dieci anni, anche se quel “qualcuno” è un libro. Quando ho preso in mano per la prima volta Assassinio sull’Orient-Express di Agatha Christie ero ancora una teenager, con in camera una mensola sul punto di cedere sotto il peso di troppe edizioni economiche dei suoi gialli. Rileggendo questo capolavoro mi sono resa conto di quanto, in questo decennio, i miei ricordi si siano falsati, sovrapponendo all’originale impressioni tratte dai suoi adattamenti televisivi.
Tanto per cominciare, il treno che fa da sfondo agli avvenimenti narrati non è il leggendario espresso, ma un suo “cugino” meno noto, il Simplon Orient-Express:

Aperto più agli avventurieri che ai re d’un tempo. (…) La lacunosità voluta nel titolo di una storia gialla in cui tutti i particolari dovrebbero essere esatti tende a conservare in qualche modo l’aggancio con il mito per conferire diversa enfasi ai gesti e agli atteggiamenti dei vari personaggi (…) Hercule Poirot si muove (…) con la consueta sicumera e la consueta infallibilità, senza il minimo impaccio internazionale. Dopotutto, il mitico Orient-Express nacque dall’idea di un ingegnere belga e dall’impegno di un re belga. Ed Hercule Poirot è un investigatore belga. (Oreste del Buono). Continua a leggere “Rileggendo Assassinio sull’Orient-Express”

Non è mai troppo tardi per essere quello che vuoi essere

Succedeva il 7 dicembre 2017…

medicina-online-the-curious-case-of-benjamin-button-il-curioso-caso-di-benjamin-button-2008-david-fincher-bradd-pitt-cate-blanchett-wallpaper-film-frame-image-hd-photo-picture-love-scene

Da MedicinaOnLine

“…non è mai troppo tardi, o nel mio caso troppo presto, per essere quello che vuoi essere. Non c’è limite di tempo, comincia quando vuoi, puoi cambiare o rimanere come sei, non esiste una regola in questo. Possiamo vivere ogni cosa al meglio o al peggio, spero che tu viva tutto al meglio, spero che tu possa vedere cose sorprendenti, spero che tu possa avere emozioni sempre nuove, spero che tu possa incontrare gente con punti di vista diversi, spero che tu possa essere orgogliosa della tua vita e se ti accorgi di non esserlo, spero che tu trovi la forza di ricominciare da zero”.

Frase tratta dal film del 2008 “Il curioso caso di Benjamin Button” diretto da David Fincher, interpretato da Brad Pitt e Cate Blanchett; basato su un racconto del 1922 di Francis Scott Fitzgerald e vincitore di tre Premi Oscar per migliore scenografia, miglior trucco e migliori effetti speciali.

Non è mai troppo tardi per essere quello che vuoi essere

Capodanno al Cinema Macallè con “100 anni di Rita” Proiezione di GILDA 

Capodanno al Cinema Macallè con “100 anni di Rita” Proiezione di GILDA 

La chioma rossa, lo sguardo magnetico l’irresistibile sensualità, 100 anni fa nasceva Rita Hayworth una delle più grandi dive della golden age hollywoodiana

CAPODANNO LOCANDINA DEFGILDA1

Indimenticabile Gilda 

Ore 21,00 accoglienza ospiti 

Ore 21,30 Proiezione di GILDA 

Migliori Scene https://youtu.be/V48thPh_d4M

CineBuffet e Brindisi di Mezzanotte Ingresso € 20 

Prenotazioni 334 9488905 / 389 4226172

Trama GILDA Il  giocatore  e baro statunitense  Johnny Farrell (Glenn Ford), viene  assunto dal misterioso connazionale Ballin Mundson (George Macready, dalla vistosa cicatrice sulla guancia), proprietario di una illegale bisca di lusso nella Capitale argentina: diventa presto il suo braccio destro. Al ritorno da un viaggio, Ballin è accompagnato da Gilda, un’altra nordamericana appena sposata. 

L’incontro tra Johnny e Gilda è freddo; i due sembrano conoscersi, ma non lo danno a vedere.

Info 0131 585001 / 334 9488905  

Cinema Macallè – Via Marsala 1/A – Castelceriolo, Alessandria

Io Amo il Macallè ! 

Salvatore Coluccio 

SHORT FILM DAY Il Giorno più Corto: la festa del cortometraggio

SHORT FILM DAY Il Giorno più Corto: la festa del cortometraggio

Organizzato da La voce della luna – Associazione di cultura cinematografica e umanistica e Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria

Venerdì 21 dicembre 2018 alle ore 21:00 Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria Piazza F. De André, 76, Alessandria.

short

Dettagli

Dal 2010 il giorno più breve dell’anno, il 21 dicembre, è stato consacrato giorno internazionale del cortometraggio. In più di cinquanta Paesi si celebra la ricorrenza programmando corti in sala, in televisione o in eventi specifici. Il successo dell’iniziativa rende lo Short Film Day una vetrina ideale per le opere brevi che, durante l’anno, difficilmente escono dal circuito festivaliero.

Il Centro Nazionale del Cortometraggio ha realizzato un programma di corti italiani recenti che vuole essere una galleria sulla produzione italiana, dedicata al nostro Paese e all’estero. Una formula che permette una larga diffusione del corto italiano nel mondo, con riscontri sempre estremamente positivi. Continua a leggere “SHORT FILM DAY Il Giorno più Corto: la festa del cortometraggio”

Cinema Macallé – Alessandria, Castelceriolo: Programma dal 19 al 31 Dicembre

Cinema Macallé – Alessandria, Castelceriolo: Programma dal 19 al 31 Dicembre

Programma dal 19 al 31 Dicembre 2018 Cinema Macallé –  Alessandria, Castelceriolo Info 334 9488905

► mercoledì 19 dicembre RIPOSO   

► giovedì 20 dicembre RIPOSO     

► venerdì 21 dicembre 

cin LA DONNA ELETTRICA POSTER

LA DONNA ELETTRICA ore 21.00 – Ingresso € 5

cin LONTANO DA QUI POSTER

► sabato 22 dicembre 

LONTANO DA QUI ore 18.30 – Ingresso € 5  Continua a leggere “Cinema Macallé – Alessandria, Castelceriolo: Programma dal 19 al 31 Dicembre”

Domenica 16 Dicembre 2018 Primo Appuntamento con Matinée Macallé

Domenica 16 Dicembre 2018 Primo Appuntamento con Matinée Macallé

Salvatore Coluccio

Il Cinema Macallè propone un nuovo appuntamento per il suo affezionato pubblico: cinema la domenica mattina, una parentesi da ritagliarsi nella giornata festiva, dedicata alla visione di Classici della Storia del Cinema. 

 

Da domenica 16 Dicembre il Macallè attende i propri sostenitori alle ore 10.30 per condividere la passione della sala cinematografica.  

Domenica 16 Dicembre 2018 Matinée Macallé  Ore 10,30 – Ingresso € 5

SUSANNA! (Bringing Up Baby) un film di Howard Hawks con Katharine Hepburn e Cary Grant

Trailer https://youtu.be/2r7ksjLnN28  INFO  e PRENOTAZIONI al 334 9488905  

SUSANNA! TRAMA Uno svagato paleontologo sta per sposarsi, ma quello che gli preme di più è di ottenere un osso che gli permetterebbe di completare il gigantesco scheletro di un dinosauro. Durante una partita di golf lo scienziato conosce una testarda ma adorabile ereditiera che s’innamora di lui e, per conquistarlo, lo trascina in una girandola d’equivoci in cui avranno una grande responsabilità un fox terrier che si ruba il prezioso osso finalmente arrivato e una coppia di leopardi perfettamente identici, uno mansueto e l’altro ferocissimo. Alla fine, naturalmente, la ragazza conquista lo scienziato, però baciandolo fa andare in pezzi lo scheletro.

Info 0131 585001 / 334 9488905  Cinema Macallè – Via Marsala 1/A – Castelceriolo, Alessandria. Io Amo il Macallè !  

Programma Proiezioni al Cinema Macallè, dal 14 al 18 Dicembre a Castelceriolo   

Programma Proiezioni al Cinema Macallè  Dal 14 al 18 Dicembre   

Salvatore Coluccio NewsLetterMacallè, buongiorno sostenitori del  Cinema Macallè . Questa Settimana arriva LONTANO DA QUI

Schermata 2018-12-12 a 13.20.25

Jimmy e Lisa: un bambino prodigio e la sua maestra. Una donna disposta a qualsiasi sacrificio per difendere il talento del suo piccolo alunno. 

Miglior Regia al Sundance Festival con Maggie Gyllenhaal e Gael Garcia Bernal. 

Dal 14 al 18 Dicembre – Web https://www.officineubu.com/film/lontano-da-qui/

Domenica 16 Dicembre 2018 Primo Appuntamento con Matinée Macallé

Ore 10,30 Susanna! (Bringing Up Baby) un film di Howard Hawks con Katharine Hepburn e Cary Grant

Trailer https://youtu.be/2r7ksjLnN28

PRENOTA AL 334 9488905  oppure scrivi Qui  

Programma Proiezione Dal 14 al 18 Dicembre   

Venerdì 14 Dicembre ore 21.00 LONTANO DA QUI – Ingresso € 5

Sabato 15 Dicembre  ore 18.30 e ore 21.00 LONTANO DA QUI – Ingresso € 5

Domenica 16 Dicembre Matinée Macallé Ore 10,30 SUSANNA! con Katharine Hepburn e Cary Grant – Ingresso € 5 Continua a leggere “Programma Proiezioni al Cinema Macallè, dal 14 al 18 Dicembre a Castelceriolo   “

“La sposa in Nero” di François Truffaut

“La sposa in Nero” di François Truffaut

Film. Retrospettiva classici martedì 11 dicembre 2018 Al Circolo del Cinema Adelio Ferrero

NUOVA STAGIONE 2018-2019 PER LA RETROSPETTIVA CLASSICI, DAL GRANDE MAESTRO DELLA NOUVELLE VAGUE, MARTEDI’ 11 dicembre 2018, ore 21,15 proiezione del film:  “LA SPOSA IN NERO” di François Truffaut

La sposa in nero Truffaut 96dpi _10

con: introduzione e commento al film  di Benedetta Pallavidino Possono assistere alla proiezione anche i non iscritti. La proiezione unica avverrà come di consueto presso la

MULTISALA KRISTALLI 

Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema

(Onde evitare code, si consiglia di presentarsi con qualche anticipo) 

La tessera per la nuova stagione del Circolo del Cinema costa euro 12,00

Per gli studenti fino a 25 anni la tessera costa euro 6,00  Continua a leggere ““La sposa in Nero” di François Truffaut”

Programma Proiezioni al Cinema Macallè Dal 07 al 11 Dicembre 

Programma Proiezioni al Cinema Macallè Dal 07 al 11 Dicembre 

Salvatore Coluccio. Buongiorno Sostenitori del  Cinema Macallè 

Questa Settimana proponiamo le Repliche dì MUSEO – FOLLE RAPINA A CITTÀ DEL MESSICO un film con Gael García Bernal e Leonardo Ortizgris 

Vincitore dell’Orso d’Argento per la Migliore Sceneggiatura al Festival del cinema di Berlino 

Web https://www.mymovies.it/film/2018/museo/ 

Sabato 08 Dicembre – ore 21.00

CASABLANCA con Humphrey Bogart e Ingrid Bergman. Un Grande Classico per dire Io Amo il Macallè !  

COMUNICAZIONE IMPORTANTE

Sabato 08 Dicembre alle ore 17,30 presso Palazzo Monferrato in Via San Lorenzo 21 ad Alessandria, Fausto Montanari gestore e animatore del Cinema Macallè verrà premiato come vincitore del concorso dei lettori de LA STAMPA “Anche tu sei nel presepio”

Fausto verrà rappresentato dagli artigiani di San Gregorio Armeno con una statuetta a tema cinematografico.

Invitiamo Tutti i Sostenitori a partecipare alla premiazione 

Sabato 08 Dicembre alle ore 17,30 presso Palazzo Monferrato in Via San Lorenzo 21 ad Alessandria Continua a leggere “Programma Proiezioni al Cinema Macallè Dal 07 al 11 Dicembre “

“Baci rubati” di François Truffaut al Circolo del Cinema Ferrero

“Baci rubati” di François Truffaut al Circolo del Cinema Ferrero

Alessandria: Retrospettiva classici — “Baci rubati” di François Truffaut – martedì 4 dicembre 2018 – Al Circolo del Cinema

NUOVA STAGIONE 2018-2019 PER LA RETROSPETTIVA CLASSICI, DA UN GRANDE MAESTRO, UN FILM IMPERDIBILE CHE PORTA LE TRACCE DEL ‘68 MARTEDI’ 4 dicembre 2018, ore 21,15

Baci rubati Truffaut 96dpi _12

proiezione del film: “BACI RUBATI” di François Truffaut

con: introduzione e commento al film  di Mathias Balbi

Possono assistere alla proiezione anche i non iscritti

La proiezione unica avverrà come di consueto presso la

MULTISALA KRISTALLI

Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema

(Onde evitare code, si consiglia di presentarsi con qualche anticipo)

La tessera per la nuova stagione del Circolo del Cinema costa euro 12,00

Per gli studenti fino a 25 anni la tessera costa euro 6,00
Continua a leggere ““Baci rubati” di François Truffaut al Circolo del Cinema Ferrero”

Macallè, programma stagione 2019

Macallè, programma stagione 2019

da: Salvatore Coluccio

Macallè Presentazione 2018-19 (trascinato).jpg

La Stagione del Cinema Macallè 2019 presenta le nuove iniziative.

I nuovi impegni della sala di Castelceriolo continuano con la filosofia della condivisione e aggregazione 

Il Cinema inteso come spazio e bene comune

Le Novità di questa stagione, per quanto riguarda le proposte cinematografiche sono : Cine Maratona e Cinema Matinèe due modi per rivedere grandi classici nella piattaforma reale della sala buia del cinema

La stagione musicale propone appuntamenti di rilievo internazionale, di seguito il programma dettagliato

Il supporto delle aziende locali è fondamentale per la crescita culturale, ringraziamo per il supporto e la fiducia Alegas e Al51puntolab Continua a leggere “Macallè, programma stagione 2019”

“Entro Mezzanotte” pronto il Trailer! (Video all’interno)

“Entro Mezzanotte” pronto il Trailer! (Video all’interno)

I registi Peppino Orecchia e Tony Gangitano firmano la pellicola per la grande sala

entro mezzanotte il film

E’ tornata a risuonare nel web la notizia dell’imminente montaggio per il film tutto “casalingo” Entro Mezzanotte per la regia di Peppino Orecchia e Tony Gangitano prodotto con la giornalista Concita Occhipinti per la Vittoria Production Film, etichetta indipendente di Marco Longobardo.

Il film è stato girato interamente a Vittoria, città in provincia di Ragusa e la scelta degli attori volutamente cercata in una rosa di professionisti siciliani.

Home Page Facebook: https://www.facebook.com/Entro-Mezzanotte-Il-Film-2021954028025039/

La trama:

Bere, mangiare e dormire a tutti i costi. La vita di un senzatetto lontano dalla spiritualità e dalla fede adagiato in un sistema sociale indifferente, il protagonista, interpretato dall’attore Mario Opinato, si lascia andare in un via vai di peregrinazione tra furti, droga e vita allo stato brado. Incontri disperati e lame di coltello, compagni di cella e cartoni letto divisi: questi gli “ingredienti” che accompagneranno questo film firmato in doppia regia da Peppino Orecchia e Tony Gangitano per una produzione indipendente che vanta un cast eccezionale: Guia Jelo, Vincent Riotta, Maurizio Marchetti, Mimmo Mignemi e tanti altri attori professionisti ed emergenti. Un racconto ispirato a una storia vera, quella di un uomo che ha sperimentato le tenebre del cuore, l’ angoscia di sentirsi solo e abbandonato, un rifiuto per se stesso e per gli altri. Un film racconto, dunque , che cercherà di spiegare la “trasformazione” che subisce un uomo che pensa di essere un rifiuto per la società. L’identità di un uomo messa a dura prova, un precipizio che lo porterà a un gesto estremo “fermato” da un incontro…

Non ci resta che attendere la prossima news per apprendere quando il prodotto cinematografico sarà pronto per la grande sala!

Link Trailer:    https://youtu.be/_FeQ5jdV2Ns

Concita Occhipinti – Giornalista – Ufficio Stampa

Addio a un grande maestro, di Cristina Saracano

Oggi ci ha lasciati Bernardo Bertolucci, aveva 77 anni, essendo nato a Parma nel 1941.

Ha scritto pagine di storia del cinema mondiale, firmando capolavori come”Novecento” “Ultimo tango a Parigi” e “L’ultimo imperatore” con cui ha vinto nove premi Oscar, compreso miglior regia e sceneggiatura.

È stato anche produttore del cinema italiano e star della cinematografia internazionale.

Protagonista del secolo scorso, e, in parte, di quello attuale, era allo stesso tempo italiano e mondiale, umano e sofisticato, poeta e calcolatore.

Figlio di un poeta, Attilio Bertolucci, amico di Pier Paolo Pasolini, apprezzato da Alberto Moravia, vince a vent’anni il premio Viareggio con una poesia, da questo trampolino di lancio partirà la sua storia, quella di un uomo che amava la cultura e voleva renderla visibile a tutti.

Quindi, oggi a Roma, per una lunga malattia, si è spento un giovane poeta, un appassionato di musica, un regista, che lascerà un segno indelebile.

Nuovo appuntamento con il Circolo del Cinema Adelio Ferrero, di Lia Tommi

Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria
NUOVA STAGIONE 2018-2019
DAL MAESTRO DI
“C’ERA UNA VOLTA IN ANATOLIA”
E DE “IL REGNO D’INVERNO”,
PRESENTATO A CANNES 2018,

MARTEDI’ 27novembre 2018, ore 21,15
proiezione del film:

“L’ALBERO DEI FRUTTI SELVATICI”
di Nuri Bilge Ceylan
con:
introduzione e commento al film
di Benedetta Pallavidino

Possono assistere alla proiezione anche i non iscritti
La proiezione unica avverrà come di consueto presso la
MULTISALA KRISTALLI

Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema
(Onde evitare code, si consiglia di presentarsi con qualche anticipo)

La tessera per la nuova stagione del Circolo del Cinema costa euro 12,00
Per gli studenti fino a 25 anni la tessera costa euro 6,00

Il costo del biglietto d’ingresso per i tesserati è di euro 5,00. La tessera della nuova stagione dà anche diritto alla riduzione (euro 6,00) per tutti i film della programmazione normale del Cinema Multisala Kristalli (sale Kubrick e Kurosawa) e del Cinema Teatro Alessandrino.
I non tesserati possono accedere alla visione del film acquistando il biglietto normale (euro 7,50).

Dalle storie di Zerocalcare — “La profezia dell’armadillo” di Emanuele Scaringi

Dalle storie di Zerocalcare — “La profezia dell’armadillo” di Emanuele Scaringi

Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria 

Profezia armadillo_Scaringi_96dpi_11

NUOVA STAGIONE 2018-2019 TRATTO DAI PERSONAGGI E DALLE STORIE DEL MAESTRO DEL FUMETTO ZEROCALCARE PRESENTATO NELLA SEZIONE “ORIZZONTI” AL FESTIVAL DI VENEZIA 2018 

MARTEDI’ 13 novembre 2018, ore 21,15 proiezione del film: 

“LAPROFEZIA DELL’ARMADILLO”

di Emanuele Scaringi

con: introduzione e commento al film

di Francesco Borgoglio, giornalista della testata “Badcomics” 

Possono assistere alla proiezione anche i non iscritti. La proiezione unica avverrà come di consueto presso la MULTISALA KRISTALLI 

Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema. (Onde evitare code, si consiglia di presentarsi con qualche anticipo). La tessera per la nuova stagione del Circolo del Cinema costa euro 12,00. Per gli studenti fino a 25 anni la tessera costa euro 6,00  Continua a leggere “Dalle storie di Zerocalcare — “La profezia dell’armadillo” di Emanuele Scaringi”

Carlo Arrigoni un artista a tutto campo, biografia

Carlo Arrigoni 1aa

Carlo Arrigoni è della Brianza. Diplomato presso il laboratorio teatrale “Gianfranco Mauri” di Erba provincia di Como i cui insegnanti sono attori professionisti del Piccolo di Milano, Carlo Arrigoni ha alle spalle diversi spettacoli teatrali (Dante, Goldoni, Boccaccio, Shekespaere,etc) e nell’ultimo anno ha ideato lo spettacolo di letture sceniche sulla Prima Guerra Mondiale dal “Il Grande Capitano“ che ha rappresentato in alcune provincie lombarde.

Come poeta ha all’attivo tre pubblicazioni di l’ultimo libro dal titolo Incandescente, edito dalla Di Felice Edizioni, è stato presentato al Salone Internazionale del Libro di Torino.

Chi è e cosa ha fatto Carlo Arrigoni ?

Carlo Arrigoni (Besana in Brianza, 5 maggio 1975) – poeta ed attore diplomato presso il laboratorio teatrale “Gianfranco Mauri” di Erba – Co (biennio accademico 2006-2008)

Anno 2011/2012 corso di dizione presso Compagnia del Lago – Lc con l’attrice/docente Elisabetta Molteni

Anno 2015 corso di Public Speaking/Lettura Espressiva con l’attore/docente Roberto Bregaglio  Continua a leggere “Carlo Arrigoni un artista a tutto campo, biografia”

Cinema Macallé: proiezioni dal 9 al 13 novembre

di Maria Luisa Pirrone

Programma delle proiezioni al Cinema Macallè dal 9 al 13 novembre

Questa settimana il Cinema Macallè vi propone :

GIRL, il film rivelazione dell’ultimo Festival di Cannes, con ben quattro premi vinti

Repliche di QUASI NEMICI, con Daniel Auteuil e Camélia Jordana

GIRL Trailer: https://youtu.be/hC-a7kPK5kI

Venerdì 9 novembre 2018
ore 21 GIRL
Ingresso € 5

Sabato 10 novembre 2018
ore 18,30 QUASI NEMICI
ore 21 GIRL
Ingresso € 5

Domenica 11 novembre 2018
ore 16.30 GIRL
ore 18,30 QUASI NEMICI
ore 21 GIRL
Ingresso € 5 Continua a leggere “Cinema Macallé: proiezioni dal 9 al 13 novembre”

Prima uscita nazionale nuovo film di Paolo Virzì “Notti magiche” — Giovedì 8 novembre 2018 — Al Circolo del Cinema

Prima uscita nazionale nuovo film di Paolo Virzì “Notti magiche” — Giovedì 8 novembre 2018 — Al Circolo del Cinema

Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria 

prima Notti magiche_ Virzì_96dpi_10

NUOVA STAGIONE 2018-2019 IL NUOVO FILM DI PAOLO VIRZI’ PRESENTATO ALLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2018 EVENTO IN PRIMA USCITA NAZIONALE

GIOVEDI’ 8 novembre 2018, ore 21,15 proiezione del film: “NOTTI MAGICHE” di Paolo Virzì

con: introduzione e commento al film di Roberto Lasagna 

Possono assistere alla proiezione anche i non iscritti. La proiezione unica avverrà come di consueto presso la MULTISALA KRISTALLI .

Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema (Onde evitare code, si consiglia di presentarsi con qualche anticipo)  Continua a leggere “Prima uscita nazionale nuovo film di Paolo Virzì “Notti magiche” — Giovedì 8 novembre 2018 — Al Circolo del Cinema”

Nuovo appuntamento col cineforum al PerlaNera, di Lia Tommi

Proiezione Venerdì 9/11 alle ore 21.00 al Laboratorio Anarchico PerlaNera (via Tiziano Vecellio 2, AL).

NOME DI DONNA
Nome di donna, il film, diretto da Marco Tullio Giordana, narra la storia di Nina (Cristiana Capotondi), una giovane madre single che all’inizio dell’estate decide di lasciare Milano e di trasferirsi con la figlia in un paesino della bassa Lombardia.

Qui Nina trova impiego in una prestigiosa clinica privata per anziani, dove ha modo di relazionarsi con le altre donne che vi lavorano, alcune italiane e molte straniere.

Questo luogo elegante e quasi fiabesco, però, cela uno scomodo segreto, legato al torbido sistema di favori messo in piedi da Marco Maria Torri (Valerio Binasco), il manager della struttura.

Quando Nina scoprirà tutto, verrà inizialmente isolata dalle colleghe, preoccupate di perdere il posto di lavoro. Ma ben presto troveranno tutte la forza di affrontare il direttore e lanciarsi in un’avvincente battaglia per i loro diritti e la loro dignità di donne.

Il compleanno di Monica Vitti, di Lia Tommi

Nonostante sia da tempo lontana dalle scene a causa della malattia, l’attrice continua ad occupare un posto d’onore nell’immaginario degli italiani. Attrice drammatica, protagonista di film d’autore e regina della commedia italiana, compie oggi 87 anni.

“Le attrici bruttine che hanno successo in Italia oggi lo devono a me. Sono io che ho sfondato la porta”, dichiarava con una buona dose di ironia Monica Vitti. Lei non era affatto “bruttina”, ma la sua bellezza spigolosa e sofisticata non rispecchiava propriamente i canoni di un’epoca in cui dominavano le maggiorate Mangano, Loren e Lollobrigida. Un’epoca sulla quale ha comunque lasciato un’impronta indelebile grazie ad un talento poliedrico, esaltato da tutti i più grandi registi italiani: da Antonioni a Monicelli, da Dino Risi a Ettore Scola. Oggi l’attrice romana compie 87 anni: nonostante non appaia più in pubblico da diversi anni, continua ad essere una delle più grandi dive del cinema italiano.

Monica Vitti, all’anagrafe Maria Luisa Ceciarelli, nasce a Roma il 3 novembre 1931. Trascorsa l’infanzia a Messina, torna con la famiglia nella capitale dove si diploma all’Accademia d’arte drammatica nel 1953. Si avvicina al cinema come doppiatrice e ottiene il primo ruolo di rilievo come attrice in “Una pelliccia di visone” (1956) di Glauco Pellegrini. A dare una svolta alla sua carriera è tuttavia l’incontro con Michelangelo Antonioni: il regista, con cui Monica vive anche un’intensa relazione sentimentale, fa di lei prima il nome di punta della Compagnia del Nuovo da lui diretta, e poi la protagonista di alcune delle sue pellicole più riuscite. La Vitti diventa la musa del cinema dell’incomunicabilità, recitando in “La notte” (1961), film per il quale ottenne nel 1962 un Nastro d’argento come miglior attrice non protagonista, “L’eclisse” (1962) e “Deserto rosso” (1964).

Terminato il sodalizio artistico e sentimentale con Antonioni, Monica Vitti si dedica al genere comico, trovando la consacrazione definitiva con “La ragazza con la pistola” (1968) di Mario Monicelli. Nel film l’attrice veste i panni di una ragazza sedotta e abbandonata, decisa a vendicarsi dell’uomo che le aveva tolto l’onore; una performance sui generis, quasi grottesca, che rivoluziona un genere in cui erano stati protagonisti assoluti, fino a quel momento, gli uomini. Risalgono a questo periodo celebri titoli come “Amore mio, aiutami” (1969) di Alberto Sordi, “Dramma della gelosia (tutti i particolari in cronaca)” (1970) di Ettore Scola, oltre a “Vedo nudo” (1969) e “Noi donne siamo fatte così” (1971), di Dino Risi, pellicola in cui Monica Vitti interpreta dodici diversi ruoli. In quel periodo ottiene altri quattro David: nel 1971 per “Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa” di Marcello Fondato, nel 1974 per “Polvere di stelle” di Alberto Sordi, nel 1976 per “L’anatra all’arancia” di Luciano Salce e nel 1979 per “Amori miei” di Steno.

Negli anni Ottanta l’attrice recita ancora al cinema in “Il mistero di Oberwald” di Michelangelo Antonioni e “Flirt” del compagno Roberto Russo, con cui vince il premio come miglior attrice al Festival del cinema di Berlino. Dopo aver debuttato anche alla regia col film “Scandalo segreto” (1990), da lei anche scritto e interpretato, nel 1992 Monica Vitti recita per l’ultima volta nella miniserie TV “Ma tu mi vuoi bene?”. Alla Mostra del cinema di Venezia del 1995 riceve infine il Leone d’oro alla carriera.

A causa di una malattia degenerativa, la star si è progressivamente allontanata dalle scene: la sua ultima apparizione risale al 2002, quando partecipa alla prima teatrale dello spettacolo “Notre-Dame de Paris”. Da allora si sa molto poco di lei: lo scorso gennaio è stata diffusa la notizia di un suo ricovero in una clinica svizzera, ma il pettegolezzo è stato prontamente smentito dal regista e marito Roberto Russo, che assicura che Monica Vitti vive nella sua casa romana, da lui assistita assiduamente con l’aiuto di una badante.

Cinema Macallé: proiezioni e spettacoli dal 1 al 6 novembre

Proiezioni e spettacoli in programma al Cinema Macallè (Castelceriolo, Alessandria) dal 1 al 6 novembre:

Giovedì 1 novembre

Ore 16.30 QUASI NEMICI
Ore 18,30 LA DONNA DELLO SCRITTORE
Ore 21 QUASI NEMICI
Ingresso € 5

Venerdì 2 novembre

Ore 21 QUASI NEMICI
Ingresso € 5

Sabato 3 novembre

Stagione Musicale Movie Blues
Presentazione Ufficiale
Taryn Donath Quartet
Jump Blues / Boogie Woogie dagli Stati Uniti
VIDEO https://youtu.be/qoZdzRn8qu0
Ingresso €15
Prenotazioni: 389 422 61 72

Domenica 4 novembre

Ore 16.30 QUASI NEMICI
Ore 18,30 LA DONNA DELLO SCRITTORE
Ore 21 QUASI NEMICI
Ingresso € 5

Lunedì 5 novembre

Ore 21 QUASI NEMICI
Ingresso € 5

Martedì 6 novembre

Ore 21.00 QUASI NEMICI
Ingresso € 5

Trailer dei film:

QUASI NEMICI : https://youtu.be/rX27SYL7RbY

LA DONNA DELLO SCRITTORE: https://youtu.be/-nVOuttkhOs

Per informazioni:

0131 585001 / 334 9488905

Cinema Macallè – Via Marsala 1/A – Castelceriolo, Alessandria

 

Maria Luisa Pirrone