Casale Monferrato: Uffici comunali chiusi per il Santo Patrono

Casale Monferrato: Uffici comunali chiusi per il Santo Patrono

Casale_Monferrato-palazzo_del_Credito_Italiano1

Casale Monferrato, lunedì 12 novembre p.v., in occasione delle festività del Santo Patrono di Casale Monferrato Sant’Evasio, gli uffici comunali saranno chiusi.

Gianfranco Cuttica di Revigliasco: Nuove piantumazioni ad Alessandria

Gianfranco Cuttica di Revigliasco: Nuove piantumazioni ad Alessandria

La Giunta Comunale di Alessandria, a seguito della riunione tenutasi in data odierna, su istanza del Sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco, alla presenza degli Assessori Paolo Borasio, Giovanni Barosini, Piervittorio Ciccaglioni e dei Responsabili dei Servizi Comunali Verde pubblico, Patrimonio, Giardino Botanico ha valutato l’opportunità di procedere ad una piantumazione straordinaria di alberi sul territorio comunale comprensiva di piante già sviluppate di circonferenza tronco 14/16 cm., oppure 20/25 cm.

cuttica

Delle piante predette si è decisa la piantumazione di 100 esemplari, da collocare nel seguente modo:

  • circa 20 su area contigua a piazzale Berlinguer
  • circa 15 a Spinetta Marengo, via Genova
  • 10 nei pressi della scuola Morando
  • 10 nei pressi della rotonda “Paniate”
  • 10 area cani nei pressi del “Cento Grigio”
  • 35 area di via Nenni (con creazione di un parco pubblico alberato).

L’intervento sarà effettuato entro la metà del prossimo mese di dicembre.

Inoltre, si segnala che la Regione Piemonte, ai sensi della Legge 113/1992 (cd. “piante per ogni neonato”), ha dato — nel mese di ottobre c.a. —  la propria disponibilità a fornire circa 2.500 piantine di altezza circa 1 mt. Continua a leggere “Gianfranco Cuttica di Revigliasco: Nuove piantumazioni ad Alessandria”

Un bellissimo ricordo di un tempo felice

Un bellissimo ricordo di un tempo felice che non tornerà più…

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Ringrazio Sergio Ivaldi che gestisce la pagina facebook Amis ad Lisòndria per la fantastica foto della nostra città negli anni 60/70 e Daniele Zanatta per il suo commento, che unitamente a quello di molti altri, mi ha fatto venire in mente dei bellissimi ricordi di un tempo nel quale si viveva decisamente meglio di oggi.

Quando era ancora permesso sognare e fare progetti che per molti di noi poi si sono avverati. Un epoca felice e spensierata non solo per il fatto che eravamo giovani, ma anche per un ritmo di vita più lento con un umanità sincera, meno confusionario e violento di quello attuale, dove c’era più rispetto per il prossimo e un maggiore senso di civiltà.

Un bell Ivaldi Sergio Alessandria

Oggi invece abbiamo il razzismo, le fake news, la violenza, i femminicidi, il degrado urbano, l’abbandono dei rifiuti, i parcheggi selvaggi, i furbetti del quartiere… le truffe agli anziani, l’esibizionismo sui social e sopratutto la mancanza di rispetto per il prossimo.

Il commento alla foto di Daniele Zanatta: Bene, spero sia messa da parte ogni casacca ideologica e si parli davvero di come era bella la nostra città una volta, quando eravamo poveri ma giocavamo ai giardini senza alcun timore, quando la mamma, a sette anni, ci diceva di andare a comprare il latte, quando andavamo a scuola da soli, all’oratorio, al catechismo. Continua a leggere “Un bellissimo ricordo di un tempo felice”

Qualcosa di bello, di Cristina Saracano

Ad Alessandria, quando è sereno, si vedono le montagne, ma non le puoi toccare.

Ad Alessandria, non c’è il mare, ma c’è il Meier, e ne han parlato tanto, che è impossibile che non sia bello, ‘sto ponte.

E le foto, tutti a far foto sul Meier, non conosco uno che non le abbia fatte.

Ad Alessandria piove poco, meglio così, perché non ci sono portici, e se piove, all’improvviso, e sei in giro, senza ombrello, allora è grigia, come la città…

Ad Alessandria c’era una cosa particolare, me la ricordo, svettava sul corso, io ero ragazzina, passavo in bicicletta e la vedevo sempre, poi, l’hanno buttata giù. La ciminiera. Speriamo salvino almeno la fabbrica, #saveborsalino#.

Ma allora, ad Alessandria, cosa c’è di bello?

Io credo che la città bella la facciano le persone.

Con un sorriso, il coraggio, la determinazione, la voglia di andare avanti.

Solo così si possono costruire teatri sul mondo partendo da posti insignificanti.

E farli diventare bellissimi.

Noi vogliamo un’Alessandria bellissima.

Bomba d’acqua sulla città

Bomba d’acqua sulla città

Alessandria: Dopo un lungo periodo di caldo afoso, oggi improvvisamente e in anticipo rispetto alle previsioni si è scatenata una bomba d’acqua sulla città.

Ovviamente ci voleva, auguriamoci però che non faccia danni nella campagne, visto che gli agricoltori hanno già i loro problemi.

video:

https://youtu.be/Z5fcw0uP4pw

L’Assessore Ciccaglioni al quartiere Galimberti per verificare i problemi di zona

L’Assessore Ciccaglioni al quartiere Galimberti per verificare i problemi di zona

di Pier Carlo Lava

DSC_0026DSC_0025

Alessandria: Abbiamo sempre ritenuto che i problemi esistenti in città non hanno colore politico e per quanto concerne gli Assessori nemmeno vincoli di delega, in quanto sono problemi dei cittadini ai quali non importa tanto chi ha risolto il loro problema, ma solo se viene risolto e in tempi ragionevoli.

I tal senso siamo lieti di informare che ha seguito della nostra recente segnalazione su facebook, l’Assessore Piervittorio Ciccaglioni verrà in zona per verificare di persona le ataviche problematiche esistenti.

Occorre ricordare che le stesse sono state segnalate più volte e a varie Amministrazioni, ma al momento senza alcun esito positivo.

L’appuntamento in zona è previsto per venerdì mattina 24 agosto, nel corso della visita illustreremmo all’Assessore Ciccaglioni la situazione esistente che avrà modo di verificare personalmente.

Ci auguriamo che conseguentemente a questo sopralluogo venga finalmente presa in seria considerazione la relativa soluzione, che ci rendiamo conto sarà graduale e nel tempo, di tutti i problemi esistenti, sarebbe un importante messaggio positivo ai cittadini residenti nell’area del villaggio Borsalino, circa 1850 abitanti, che non si sentirebbero più di serie B.

Pizzeria Michele Condurro, da Napoli nel mondo e prossimamente anche in Alessandria

Pizzeria Michele Condurro, da Napoli nel mondo e prossimamente anche in Alessandria

20180821_17055620180821_170633

di Pier Carlo Lava

La prima pizzeria “da Michele” di Michele Condurro fu aperta a Napoli nel 1870, da allora divenne un punto di riferimento per la pizza con molti estimatori e non solo a livello locale, i discendenti hanno così continuato la tradizione e sono cresciuti aprendo locali a: Roma, Firenze, Milano, Londra, Barcellona, Tokyo, Fukuoka, Porto Cervo.

E ora la pizzeria Michele Condurro arriva anche in Alessandria in vicolo Dall’Erba, l’apertura, salvo ritardi è prevista ad ottobre negli ex locali del famoso bar Baleta, un ritrovo che nel tempo ha fatto la storia lasciando un ricordo indelebile nel cuore dei vecchi alessandrini.

Questa apertura e in seguito quella di nuove attività commericali nell’ex Cinema Moderno, dove fervono i lavori, produrranno indubbiamente riflessi positivi in tutta l’area, contribuendo a rianimare il centro storico della città, che attualmente è un po stanco.

Ora vediamo un po di storia dell’antica Pizzeria da Michele, che per Napoli è un punto di incontro fra tradizione e innovazione, cultura e cucina, esperienza e passione.

La Pizzeria Michele Condurro

Una pizzeria in cui mangiando la migliore Margherita del mondo, si vive il fascino di un presepe in frenetico movimento. Osserverete la soddisfazione sul volto di Julia Roberts, sul set di “Mangia Prega Ama”, immortalata sulle pareti della pizzeria, insieme ai volti di tante celebrità. Il nostro segreto? La semplicità e l’amore per la tradizione. Con solo due pizze sul menù a garanzia di qualità, ricerchiamo da più di cent’anni i sapori del passato. Garantiti dagli ingredienti delle eccellenze campane:dalla farina al fiordilatte all’ olio, tutto nasce da imprenditori che dedicano il loro lavoro a un ambito ristretto, garantendo tecniche e sapori eccelsi. Continua a leggere “Pizzeria Michele Condurro, da Napoli nel mondo e prossimamente anche in Alessandria”

Le zecche. In campagna o in città, il cane viene sempre in contatto con le zecche

Le zecche. In campagna o in città, il cane viene sempre in contatto con le zecche

1a articoli_zecche

1aa articoli_ciclo_ricinus

Quando è ben sazia di sangue, la zecca può misurare anche un centimetro!. I peli lunghi e ruvidi favoriscono l’annidarsi delle zecche. Le zecche provocano un certo disagio al cane che soffre di prurito diffuso. Esistono numerose specie di zecche, due delle quali sono parassiti d’elezione del cane. Collari, polveri, spray: la prevenzione è di fondamentale importanza

Quando ci si accorge delle zecche, bisogna provvedere tempestivamente

Un padrone avveduto tiene le zecche sotto controllo e non permette che il cane ne venga infestato. Le zecche sono aracnidi appartenenti al gruppo degli acari; i periodi più favorevoli per l’infestazione sono la primavera e l’estate, a causa del clima mite e umido. Largamente diffuse in natura, le zecche si fissano alla cute dell’animale, a cui restano aggrappate per tutta la durata del loro pasto di sangue (fino a 10 giorni). Pungendo il cane nelle zone in cui la pelle è più sottile (pieghe dell’addome, orecchie, spazi interdigitali), la zecca può inoculare un protozoo, Babesia canis, che attacca i globuli rossi e, moltplicandosi, li distrugge. Nel nostro Paese questo protozoo è molto diffuso nella Pianura Padana. Tra i diversi tipi di zecche che possono infestare il cane, le più comuni in Italia sono quelle della specie Ixodes ricinus, chiamate appunto “zecche dei cani” Continua a leggere “Le zecche. In campagna o in città, il cane viene sempre in contatto con le zecche”

Alessandria nel bando “Percorsi Urbani del Commercio”. In arrivo 143.802,09 euro di contributo regionale

Alessandria nel bando “Percorsi Urbani del Commercio”. In arrivo 143.802,09 euro di contributo regionale

Comune

La notizia ufficiale è di quelle che non possono che fare piacere e soprattutto segnare un ulteriore importante tassello dell’azione che l’Amministrazione Comunale di Alessandria sta portando avanti per valorizzare il proprio centro storico e per dare nuove opportunità di sviluppo, in particolare nella direzione di un sostegno delle attività commerciali e imprenditoriali che sia veicolata da una riqualificazione degli stessi “luoghi” del commercio, del turismo e del tempo libero.

Con Determinazione Regionale n. 317 del 24 luglio scorso, è stato dunque approvato l’impegno di spesa correlato alla graduatoria relativa al sostegno dei “Percorsi Urbani del Commercio” (di cui alla Deliberazione di Giunta Regionale del Piemonte n. 39-6231 del 22.12.2017) e Alessandria si è posizionata in modo eccellente, ossia al terzo posto con 29,20 punti. Continua a leggere “Alessandria nel bando “Percorsi Urbani del Commercio”. In arrivo 143.802,09 euro di contributo regionale”

Ad Alessandria non c’è niente…

a d alessandria palazzo-vetus-1080x675571200039

Palatium Vetus, Piazza della Libertà, Alessandria – Sala espositiva visitabile il giovedì (ore 15-17,30) e il venerdì (ore 9-13). Ingresso e visite guidate gratuiti

Di Maria Luisa Pirrone

Ad Alessandria non c’è niente.

Quante volte ce la raccontiamo questa storia?

Poi, un assolato giorno di luglio, a Palatium Vetus (Piazza della Libertà), succede che arrivi una famiglia di turisti tedeschi.

Si soffermano su un quadro di Pellizza che quasi nessuno guarda mai con attenzione.
Ti parlano della meraviglia che hanno provato quando hanno visto il Chiostro di S. Maria di Castello, dove alloggiano. Ti dicono che vorrebbero visitare anche la chiesa, ma purtroppo finora l’hanno trovata chiusa…

Ad un certo punto, ti chiedono perché Alessandria si chiami proprio così, Alessandria. E tu improvvisamente ti inorgoglisci.

Ti inorgoglisci perché qualcuno che viene da molto lontano e che forse ignorava che la tua città esistesse, oggi si è accorto che c’è, non l’ha trovata così brutta come pensi e ti chiede perfino quale sia la sua origine, la sua identità. E tu, che non sei abituato a parlare dei tuoi luoghi a turisti stranieri, sulle prime rimani sconcertato, quasi impacciato e frenato dal dubbio che valga veramente la pena raccontare tutto o che possa davvero interessare fino in fondo a chi, forse, ha sentito parlare solo dei Medici, di Cesare o della Magna Grecia. Continua a leggere “Ad Alessandria non c’è niente…”

Raccolta rifiuti e decoro urbano, verso un piano organico di intervento

Raccolta rifiuti e decoro urbano, verso un piano organico di intervento

amag-copiaAmag Mauro Bressan

Alessandria: Nel frattempo sono in corso le prime azioni di risposta alle criticità più stringenti. Il Sindaco Cuttica: “massimo impegno per ridare dignità ad Alessandria con la collaborazione di tutti”.

Con la nomina di Fiorenzo Borlasta nel ruolo di Amministratore Unico, nel mese di giugno 2018, a seguito delle indicazioni del Sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica e dell’Amministrazione comunale, è seguita un’ampia attività di studio e ricognizione delle attività sin qui avviate e, in particolare, è stato dato il via a iniziative che riguardano aspetti per i quali l’Amministrazione Comunale e i cittadini hanno segnalato particolari criticità, e che devono essere affrontate prioritariamente.  In particolare si tratta di:

  • DEPOSITI DI MATERIALI FUORI DAI CASSONETTI STRADALI
  • PULIZIA DELLA CITTA’ E PRESENZA DI ERBE INFESTANTI SUI MARCIAPIEDI
  • ESIGENZA DI MAGGIOR PRESENZA DI OPERATORI PER LO SPAZZAMENTO MANUALE SIA NEL CENTRO STORICO SIA NELLE AREE PERIFICHE DELLA CITTA’.

I primi interventi effettuati nel mese di luglio e programmati per il mese di agosto prevedono:

  • istituzione di squadre di diserbo cordoli e marciapiedi
  • potenziamento del servizio di lavaggio manuale delle vie della città
  • potenziamento del servizio di spazzamento meccanizzato e innaffio strade
  • maggiore attenzione nello svolgimento del recupero dei rifiuti presenti fuori cassonetto
  • campagna di lavaggio e disinfezione dei contenitori stradali
  • risoluzione delle emergenze relative all’ultimo nubifragio del mese di luglio

Continua a leggere “Raccolta rifiuti e decoro urbano, verso un piano organico di intervento”

Cose da migliorare, di Giancarlo Patrucco

Cose da migliorare, di Giancarlo Patrucco

cose ospedale-militare-326x243

http://www.cittafutura.al.it/ Alessandria

Mi sono espresso più volte sulle cose da migliorare in questa città. Più volte perché, purtroppo, le cose che avrebbero bisogno di un miglioramento sono tante, troppe: la raccolta dei rifiuti, i trasporti urbani, il verde pubblico, gli accessi pedonali, la stessa definizione di “centro cittadino” (vedi il quartiere Cristo), la circolazione stradale e via circolando.

Una cosa, però, devo sempre premettere: non è colpa precipua di questa amministrazione comunale né delle altre che l’hanno preceduta. Assolutamente. La questione ormai dura da molti anni e coinvolge non solo le amministrazioni ma anche tutti gli abitanti di questa città. Lo si vedrà dall’argomento di cui voglio parlare oggi e che definirei come “l’assetto culturale” di Alessandria. In altre parole, ammesso che gli alessandrini riconoscano un assetto culturale cittadino, si tratta di verificare come gli spazi qui da noi organizzati per favorire la frequentazione e la pratica della cultura, del bello e dell’antico siano curati e offerti a chi li vuole praticare fra noi o anche a chi volesse farlo provenendo da fuori città Continua a leggere “Cose da migliorare, di Giancarlo Patrucco”