Pernigotti: Durigon-Molinari, proprietà turca cambi atteggiamento. Novi non si tocca

Pernigotti: Durigon-Molinari, proprietà turca cambi atteggiamento. Novi non si tocca

pernigotti-11

Roma, 15 nov. –La produzione di Pernigotti deve rimanere a Novi. Ribadiamo quello che il governo ha dichiarato fin da subito: lo stabilimento di Novi non si tocca così come non si toccano tutti i lavoratori. Vogliamo vederci chiaro e capire anche la gestione economica e i bilanci della proprietà turca da quando è arrivata nel 2013.

Non possiamo accettare, ad esempio, che oggi al tavolo del Mise si siano presentatati consulenti che ignoravano persino quanta gente lavora nello stabilimento di Novi. 

Per questo auspichiamo che cambi l’atteggiamento della famiglia Toksoz e che l’incontro tra il premier Conte e la proprietà turca porti ad un punto di incontro che salvi uno stabilimento storico e dall’alto valore economico e sociale. Occorre conoscere a fondo un’azienda per poterla gestire al meglio e rilanciarla non basta acquistarla e sfruttarne il marchio”.

Lo dichiarano a margine del tavolo di crisi tenutosi questa mattina al Mise il sottosegretario al lavoro Claudio Durigon e il capogruppo alla camera della Lega Riccardo Molinari.

Pernigotti: Lega, lavoriamo per soluzione rapida. Il 15 novembre tavolo di crisi al Mise

Pernigotti: Lega, lavoriamo per soluzione rapida. Il 15 novembre tavolo di crisi al Mise

Roma 8 nov . – “Sulla delicata situazione della società Pernigotti il governo è presente e lavora per trovare al più presto una soluzione. Ci siamo attivati per convocare un tavolo di crisi e, grazie anche  al ministro Di Maio, il 15 novembre a partire dalle 10.00 ci incontreremo al Ministero dello sviluppo economico.

Capiamo perfettamente lo stato d’animo dei dipendenti e non li lasceremo soli in questo momento di crisi”.

Lo dichiarano il sottosegretario al lavoro Claudio Durigon e il capogruppo alla camera della Lega Riccardo Molinari.

ufficiostampalega@camera.it