Con i Lumi di Channukkah, Casale Monferrato a Matera e a Lecce

Dopo essere stata protagonista dell’offerta turistico-culturale della città in occasione di Expo 2015 ed essere stata esposta con successo alla Triennale di Milano e al Palazzo Ducale di Mantova in occasione di Mantova Capitale Italiana della Cultura, la prestigiosa collezione dei Lumi di Channukkah della Comunita Ebraica di Casale Monferrato sarà coinvolta con un nuovo ciclo di esposizioni in contesti di grande visibilità.

Continua a leggere “Con i Lumi di Channukkah, Casale Monferrato a Matera e a Lecce”

IN OCCASIONE DI YOM YERUSHALAIM

IN OCCASIONE DI YOM YERUSHALAIM

locandina_13_MAGGIO

Ore 10,00 – Sinagoga

Lezioni di Rav Ariel Di Porto Rabbino Capo di Torino  

“SE TI DIMENTICO GERUSALEMME”

Ore 11.30

INAUGURAZIONE BUSSOLA

dedicata dai figli Ettore e Raffaella

a Roberto Levi z.l. e Lina Segre Levi z.l.

LOCANDINA – se ti dimentico gerusalemme – Scarica l’allegato

Comunità Ebraica Casale Monferrato Vicolo Salomone Olper, 44

Le pietre d’inciampo  di Demnig  anche ad Alessandria, di Lia Tommi 

di Lia Tommi,  Alessandria 

L’artista tedesco Gunter Demnig  ha ideato, nel 1995, le pietre d’inciampo,  in memoria delle vittime dei campi di concentramento e da 23 anni incastona queste  pietre in tutta Europa.  Da stamattina, 14 gennaio  2018, queste pietre sono poste anche ad Alessandria.

Un’atmosfera silenziosa, accorata, intensa di emozione,  di profonda riflessione e rispetto per una memoria  che non deve andare persa, ha accompagnato la cerimonia  di posa delle sette  pietre.

Ne sono state poste cinque davanti alla Sinagoga di via Milano, dedicate a Saul Campagnano,  Emilia Vitale, Ermelinda  Colombina  Carmi,  Ermene Ester  Carmi e Ida De Benedetto. Altre  due in via Migliara, 10, davanti alla casa di Cesare Sacerdote e Vittorina Artom (nonno e bisnonna di Paola Vitale,  rappresentante alessandrina della Comunità  Ebraica  di Torino).

Tutti morirono ad Auschwitz,  tra il 1944  e il 1945.

Queste pietre  sono grandi come un cubetto di porfido e recano piccole targhe in ottone con incisi nome, anno di nascita, data e luogo di deportazione , data di morte e vengono poste davanti alle abitazioni delle vittime dei campi di  concentramento.

Il progetto è  stato finanziato da tutti i Lions  Club  del territorio: Lione Club  Alessandria  Host, Alessandria  Marengo e Boscomarengo  Santacroce,  i cui Presidenti erano presenti e sono intervenuti  a spiegare le nobili motivazioni  della cerimonia.