Sere d’autunno, da bugianen55

sere

da bugianen55

Nella chiarezza v’è delle autunnali
sere un tenero, un misterioso incanto:
lo splendore degli alberi sinistro,
il languido frusciare delle foglie
porporine, il velato e calmo cielo
sopra la terra triste e desolata,
e, annunzio delle prossime bufere,
un brusco, freddo vento qualche volta,
un mancare e sfinirsi – e quel sorriso
mite di sfioritura, su ogni cosa,
che in essere senziente noi chiamiamo
sacro pudore della sofferenza.

FËDOR IVANOVIČ TJUTČEV

https://cantierepoesia.wordpress.com

“PERCORSI DELLA MEMORIA”, di Daniela Cobaich Mascaretti, by Maura Mantellino

Percorsi

Percorsi dellamemoria… di Daniela Cobaich Mascaretti

Oggi vi presento il nuovo libro di Daniela Cobaich Mascaretti intitolato PERCORSI DELLA MEMORIA – Antologica Atelier Edizioni.

Maura Mantellino

Roberto Sbrana, scrittore e saggista:

“Daniela Cobaich Mascaretti è nata in Liguria, dove vive e lavora. 

Di origine Istriana e mitteleuropea, coltiva nella prima giovinezza il naturale slancio alla pittura, confluito poi, nella maturità, in una ricerca poetica in versi, in una ricerca intima di sé stessa. Dall’aspra terra ligure e dalla terra rossa istriana, nasce un’alchimia di colori, “uno sposalizio simbolico” delle sue due terre: la malinconia nostalgica della sua Istria perduta coi colori accesi del mare di Liguria. I suoi versi sono macchie con lampi e squarci, fuoco e tenebre, candidi bagliori in un espressionismo lirico, che sconfina in una espressione astratta, in interessanti ritmi, aperti alla sua estrinsecazione artistica e sentimentale. Fondamentali alcune sue icone: Ungaretti, Quasimodo, Montale, Neruda, Walt Whitman, Emily Dickinson.”  Continua a leggere ““PERCORSI DELLA MEMORIA”, di Daniela Cobaich Mascaretti, by Maura Mantellino”

ISTAT: La produzione e la lettura di libri in Italia

Persone

ISTAT: Nel 2016 oltre l’86% dei circa 1.500 editori attivi pubblica non più di 50 titoli all’anno; oltre la metà (54,8%) sono “piccoli editori”, che producono al più 10 opere in un anno, e il 31,6% sono “medi” editori, che producono in un anno da 11 a 50 opere.

I “grandi editori”, con una produzione libraria superiore alle 50 opere annue, rappresentano il 13,6% degli operatori attivi nel settore e pubblicano più di tre quarti (76,1%) dei titoli sul mercato, producendo quasi l’86% delle copie stampate.

Oltre il 50% degli editori attivi nel 2016 ha sede nel Nord del Paese; la città di Milano da sola ospita più di un quarto dei grandi marchi. Continua a leggere “ISTAT: La produzione e la lettura di libri in Italia”

Un Alba rosso fuoco

di Pier Carlo Lava

AlessandriaI colori della natura che ci circonda, del mare e del cielo non finiranno mai di stupirci, basta però fermarsi a guardare con gli occhi e l’anima, cogliere l’attimo, perchè a volte le immagini che illuminano i nostri occhi e accendono i nostri cuori, durano solo un attimo, ecco come si presentava il cielo all’alba di qualche giorno fa in Alessandria.

Un fenomeno che, nonostante la spiegazione scientifica, non mancherà ogni volta che si ripeterà di appassionarci, ancora, sempre e sarà come al solito fonte di poesia e romanticismo. Immagini quelle allegate, che senza dubbio alcuno, possono diventare fonte di ispirazione poetica per tutti i nostri amici, poeti e poetesse… .

Ma perché all’alba il cielo è rosso?, ecco cosa emerge da una ricerca su internet:

Continua a leggere “Un Alba rosso fuoco”

Forse verrà la neve, da bugianen55

forse verrà

da bugianen55

Quassù, l’aria ai vetri sa di neve fuori tempo

ferma ancora in attesa d’un segnale.

La luce insegue il gioco delle dita ai tasti

il pulviscolo sul fiato del caffè nel bordo bianco

e luce e voci dei pensieri pare non collidano.

– Le luminarie stese al muro a sciorinare echi sacri-

Forse verrà la neve, distrattamente e con pigrizia

guarderò l’agave sorpresa, fuori al davanzale immacolato. 

astrofelia franca donà

https://cantierepoesia.wordpress.com

Niente!, di Elvio Bombonato

Nienye Umberto-Saba-Malinconia-amorosa

“Niente!”: una poesia per bambini di un’Italia scomparsa

La poesia è stata scritta da Umberto Saba per i bambini della scuola elementare. Presenta un’Italia ancora in prevalenza contadina (l’acqua, protagonista, il grano, il mulino, il forno, il pane), nella quale il pane è un bene prezioso.

NIENTE!

di Umberto Saba

E l’acqua zampillò dalla sorgente:

“Che vuoi per dissetarmi?”
le chiese un fiorellino.
“Niente!”

E l’acqua ruscellò viva e gentile

(5)

per la scesa del monte profumato,
fino a un campo di grano appena nato.
“Che vuoi per dissetarmi ?”
Le chiesero vocine fioche fioche.
E l’acqua si donò, dicendo: “Niente !”

(10)

Il grano maturò, si fece spiga,
e l’acqua ora danzava nel mulino:
“Che vuoi per macinarci?”
“Ancora niente!”
E il pane uscì dal forno.
(15)

La mamma lo guardava e l’ammirava.
“Che vuoi per un pan bianco?”
Le domandò il figliuolo più piccino.
La mamma glielo porse dolcemente
E, sorridendo, gli rispose: “Niente!”
(20)

*** Continua a leggere “Niente!, di Elvio Bombonato”

E penso a te, di Maria Cannatella

maxresdefault

di Maria Cannatella

E penso a te, lo ammetto,

tutte le volte che mi distraggo da questa vita reale.

Penso a te, che non so cosa fai,

ogni istante mi lascio trasportare dai miei pensieri,

dai tuoi ricordi lontani.

E penso a te, ma non vorrei,

so che è inutile continuare ancora,

pensarti sempre in tutto quello che faccio,

perchè tu mi vieni sempre in mente,

senza nemmeno volerlo. Continua a leggere “E penso a te, di Maria Cannatella”

Voci urbane, di Cristina Saracano

dsc_0052

di Cristina Saracano – Alessandria

foto di Enrico Barbetti

VOCI URBANE

Quelli un po’folli

Son sognatori

Che vanno molto lontano,

appartengono alla città,

alle sue voci urbane,

eco di accenti stranieri,

e dicono:

“Desidera ciò che ami

E vivrai per sempre.”

 

Bologna città mia, da bugianen55

piazza-maggiore

da bugianen55

Bologna come sei bella
Nel tuo scialle di perla
Leggero di antica seta
Città segreta e smarrita
Avvolta di nebbia
Che tace le geometrie nette
Che stonda col tempo i mattoni
Ti ho vista di pioggia e di sole
Che quando sono insieme
Tutti i vecchi vanno in amore
Così in un detto popolare
Tinte accese di pietre
Contro il blu d’estate
Le case intonacate
Varietà di rossi e ocra
Colori dei tuoi campi
Appena fuori porta

Continua a leggere “Bologna città mia, da bugianen55”

Non temere il male, di Elena Milani

di Elena Milani

Non temere il male
non temere nulla,
non è nulla la delusione,
il dispiacere è poca cosa
rispetto alla ricchezza del tuo cuore.
Sii felice di vivere,
tieni il mento sollevato,
è davanti il meglio che deve venire
ed anche il peggio
sta affilando i coltelli,
ma sai già che non saranno le ferite
a toglierti la speranza,
crediti eroe del tuo tempo
comunque vada.
L’amore per te stesso,
per la vita,
per chi devi crescere,
per chi devi accudire
è una bisaccia piena di sale
che ti fa faticare
e passare tutti i confini.

elena

Non litigare con tuo fratello, di Elena Milani

Non litigare con tuo fratello

di Elena Milani

Non litigare con tuo fratello
e perdi tempo
per acquistare il suo regalo di Natale.
Fallo con amore,
poco deve costare
ed impegnativa la scelta.
Perdi tempo
e non tenerne un briciolo per te.
Dimenticati per un pomeriggio,
offriti al caso
propizio di occasioni
e chiudi l’ombrello,
affinche’ i tuoi capelli vivi
respirino la pioggia , arruffandosi.
Potessi farlo io,
non mi farei pregar due volte
e andrei cercando nuvole
laddove il vento le porta
e farei di leggerezza la vita,
come non ci fosse un domani.

elena
2016

Non è cambiato nulla, di Elena Milani

non è

di Elena Milani

Non è cambiato nulla.
Se guardo indietro
non ho nessun rimpianto,
non sento pesi grevi
sulla mia coscienza,
io in casa mia
ci sono stata per tutti.
Sui tagli di forbice
ci sono passata sempre
con l’ago ed il filo sottile
dentro la cruna stretta.
Non volano le ombre dei fantasmi
attorno a me,
ma spiriti benevoli,
adorabili resti.
Il bene a tutti i costi
non è più un mio puntiglio,
ora lascio correre
anche quando racconto
quella me di ieri
ad un’amica,
ad un amico.

Continua a leggere “Non è cambiato nulla, di Elena Milani”

Io credo in Dio, di Elena Milani

io credo

di Elena Milani

Io credo in Dio,
Padre di tutti,
Che non ha colore
e nemmeno religione.
È il Dio Amore
che tutti ama e giustifica.
Il Dio che attende
senza stancarsi.
Il Dio che privilegia
l”intelligenza del cuore
e si annoia
davanti ai discorsi dei saccenti.
Io credo in Dio,
che riempie fino all’orlo il bicchiere,
che sia grande o piccolo
non importa….
li colma della stessa importanza.
Io credo nel Dio attento
che pur non toccando con mano,
fa centro nell’anima
e, nel bel mezzo di una guerra,
voluta dall’uomo,
coglie un gesto d’amore,
anche e soprattutto,
se inconsapevole.
Io non credo ai miracoli.

Continua a leggere “Io credo in Dio, di Elena Milani”

Classifica articoli e pagine su Alessandria today

Classifica articoli e pagine

Questa al momento è la classifica degli articoli e delle pagine su Alessandria today.

Alessandria today

La redazione

Solo il vento mi fa sentire vivo, di lorenzoqsimano

solo

di lorenzoqsimano

Solo il vento mi fa sentire vivo;
diritto m’attraversa e grazie ad esso
mi sento come foglia
sospinta dalla vita complicata,
ma che vibra alle sue dure carezze
e freme delle sue musiche intense,
ricordando l’aria fresca che un giorno
mi disse che ero vivo.

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

https://qsimano.wordpress.com