Voce ed emozioni: perfette alleate per vivere meglio

a cura di Marina Vicario

SEMINARIO ” VOCE TEATRALE “


Perché alcune volte la voce non esce fuori come si desidererebbe?
Come mai l’emotività può creare imbarazzanti difficoltà di articolazione ed emissione vocale?

Continuano gli appuntamenti al Teatro Parvum di Alessandria sul tema ”LA VOCE TEATRALE “ per conoscere e capire l’importanza della voce come mezzo espressivo e comunicativo. Il laboratorio è condotto da Daniela Tusa attrice, regista ed insegnate di teatro alla Scuola d’Arte Drammatica I Pochi.

  • Ascoltare la propria voce
  • Imparare a conoscere la propria voce
  • Giocare e creare con la voce
  • Esprimersi e comunicare con la voce
  • Esercizi di articolazione e pronuncia


Un seminario di approccio alla conoscenza dello strumento voce. Un viaggio attraverso le emozioni che scaturiscono da questa esplorazione. Verranno proposti facili esercizi pratici per ricercare, sperimentare e creare con la voce in relazione al movimento corporeo. Il percorso è utile per acquisire una maggiore consapevolezza e confidenza con la propria voce, liberandola da quei blocchi emotivi che ne impediscono l’espressione.

Domenica 14 aprile dalle ore 9 alle ore 14, Teatro Parvum Via Mazzini 85, Alessandria.

Per info ed iscrizioni chiamare o inviare whatsapp entro venerdì 12 aprile al : 3476910817

Torna in scena “Parenti Serpenti” – da non perdere! di Marina Vicario

a cura di Marina Vicario

Dopo il successo dello scorso autunno la Compagnia I Pochi torna in scena con lo spettacolo “Parenti serpenti” di Carmine Amoroso, sabato 23 marzo alle ore 21 al Teatro Ambra di Alessandria in viale Brigata Ravenna n. 8

In scena gli attori: Silvia Pivotto, Giancarlo Guazzotti, Alida Ciotti, Marcello Barbera, Sara Amodio, Claudio Notti, Fabrizio Odicino, Andrea De Luca, Lodovica Reggio e Michele Nicoletta Levcenco. La regia è di Daniela Tusa, la scenografia di Gianni Trinchieri e le musiche di Andrea Negruzzo.

La storia di PARENTI SERPENTI nota al pubblico grazie al film diretto da Mario Monicelli nel 1992, si svolge in Italia agli inizi degli anni ’90 . Si sta per festeggiare il Natale e come ogni anno i componenti di una famiglia si riuniscono per passare le festività insieme. Tutto sembra scorrere tranquillamente, nell’ordinaria routine festiva composta da cenone della vigilia, un Natale “ con tutti crismi”: fuori nevica ed il clima è assai allegro, ridanciano, amorevole, si cede spesso ai ricordi degli anni passati, dell’infanzia, alla nostalgia del tempo che passa e che cambia le cose, fino a quando l’anziana madre Trieste annuncia ai figli la decisione presa assieme al marito Saverio che li metterà spalle al muro costringendoli a fare i conti per la prima volta con una grande responsabilità: prendersi cura dei genitori anziani, che stanno per raggiungere quell’età in cui la perdita dell’autosufficienza diventa una probabilità concreta. Spaventati da questa eventualità i figli si scoprono incapaci di affrontare la situazione, la notizia inaspettata genera in loro un senso di frustrazione che farà emergere il loro esasperato egoismo.

Biglietti € 12 intero, ridotto € 10. Prevendita c/o Arcosport Corso Lamarmora 35 Alessandria tel. (Whatsapp) 3387702567.

Daniela Tusa – una regista con i sogni a rigenerazione di Marina Vicario

L’intervista con Daniela Tusa è una di quelle conversazioni che non vorresti finissero mai; un mare di esperienze e nella sua voce un entusiasmo con una “compostezza” teatrale impeccabile, senza mancare di naturalezza. Incantevolmente semplice e modesta (non vuole dare consigli, nonostante se lo potrebbe permettere) questa attrice e regista si racconta, portando a noi, un ritratto di una donna straordinaria.

Grazie Daniela per consentire ai lettori di Alessandria Today di conoscerla meglio.
Quando nasce Daniela Tusa come regista?
Nasco prima di tutto come attrice. Mi sono formata al Teatro Stabile di Genova negli anni ’90 e con altri maestri nel mio percorso formativo.
Prima di questa grande esperienza avevo frequentato la scuola de I Pochi ad Alessandria; fu l’attività in questa scuola che mi diede lo slancio per intraprendere in maniera professionistica quello che, fino ad allora, era una semplice passione.
Nel 2008 ho iniziato ad insegnare nella scuola de I Pochi con mia grande gioia. Da lì è incominciato, con all’esigenza di mettere insieme uno spettacolo annuale per il saggio di fine corso, quella di intraprendere un percorso tutto mio personale di interpretazione dei testi, creando la compagnia de I Pochi che è attiva dal 2015. Ciò è stata la vera la spinta di voler fare anche la regista.

Quali sono i progetti a cui è più legata che porta nel cuore come grande esperienza lavorativa sul palco?
Beh! In realtà tutti i progetti che ho intrapreso. Per quanto riguarda come regista ovviamente sono legata di più al primo testo che ho messo in scena con la compagnia de I Pochi nel 2016 “La visita della vecchia signora” di Friedrich Dürrenmatt che è stato sicuramente molto importante perché ha fatto nascere il progetto della compagnia. Avevo forte necessità e forte desiderio di creare un gruppo che mi seguisse con costanza, che cominciasse a formarsi intorno a questa esperienza comune e a sviluppare anche gli intenti e ambizioni personali di ognuno, di ogni membro del gruppo.

Attualmente anche i progetti che sto portando avanti mi stanno appassionando come “UNO DI TROPPO” che andrà in scena appunto il 2 marzo prossimo e “PARENTI SERPENTI” che stiamo ancora portando sul palco. Sicuramente sono un piccolo punto di arrivo per quello che è come esperienza come regista, che ancora deve crescere tantissimo. Posso dire che sono i due allestimenti in cui mi pare di aver imparato di più sulle esigenze, soprattutto organizzative, che comporta l’allestimento di uno spettacolo.

Come attrice sono legata a diversi momenti di attività teatrale come quelli, molto divertenti, insieme alla compagnia GANK in tournée per due anni con La bisbetica domata. Molto belle e formative anche le esperienze precedenti con Laura Bombonato nel 2003 con Le serve di Genet, che mi ha insegnato tantissimo.
Non da poco è l’esperienza che ho maturato con Daniel Gol con Teatrodistinto, dove ho potuto finalmente mettere insieme due esigenze: quello di interpretare un personaggio, ma anche di creare la scena e quindi di iniziare quel percorso che mette insieme sia attrice che regista. Ovvero le mie due passioni che ho sempre avuto quella di giocare e di mettermi in gioco, ma anche mettermi da parte e limitarmi alla osservazione del gioco degli altri. Continua a leggere “Daniela Tusa – una regista con i sogni a rigenerazione di Marina Vicario”

2 marzo 2019 – I Pochi in scena – di Marina Vicario

 

La compagnia I Pochi presenta questa nuova esilarante commedia sulla complessità e le nevrosi della società contemporanea, sugli aspetti assurdi e patetici della relazione umana.

Sei personaggi animati da una grande bisogno d’amore in una società dove è difficile incontrarsi e conoscersi,dove ognuno ancor prima di disporsi all’ascolto dell’altro, è impegnato a dare retta alle proprie ansie incontrollabili generando situazioni via via sempre più esasperanti e al limite della realtà, ma dall’effetto comico assicurato.

Sabato 2 marzo 2019 dalle ore 21:00 alle 23:00
Ambra Brama di Musica & Teatro
Viale Brigata Ravenna 8, 15121 Alessandria

Con Andrea Bartolo, Luca Cacciabue, Sara Marcellino, Claudio Notti, Olga Pezzan e Michel Zavattaro.
Regia Daniela Tusa

Biglietto €12, ridotto €10

Commedia Community: Arrivano i “Parenti Serpenti” al Teatro Civico di Gavi

Commedia Community: Arrivano i “Parenti Serpenti” al Teatro Civico di Gavi Venerdì 14 dicembre alle ore 21.00

parenti 1parenti 2

Continua la stagione del Teatro Civico di Gavi (AL) con la divertentissima piece teatrale Parenti serpenti, resa nota al grande pubblico dall’omonimo film sceneggiato da Carmine Amoroso e diretto da Mario Monicelli nel 1992. La stagione teatrale del Civico di Gavi è organizzata dal COMUNE DI GAVI in collaborazione con l’Associazione Culturale Commedia Community (Teatro della Juta) e resa possibile grazie al prezioso sostegno della Fondazione Piemonte dal Vivo e della Fondazione CRT. Appuntamento quindi a Venerdì 14 dicembre alle ore 21.00 con la Compagnia dell’Ambra e il suo Parenti serpenti per la regia di Daniela Tusa.

Un Natale in famiglia come sempre da tanti anni. Un Natale pieno di ricordi e di regali da scambiare, in un rito stanco che resta però l’unico appiglio possibile per tentare di ravviare i legami familiari. Un Natale a casa dei genitori anziani che aspettano tutto l’anno questo momento per rivedere i figli cresciuti e andati a lavorare in altre città; uno sbarco di figli e parenti affettuosi e premurosi che si riuniscono in armonia. Continua a leggere “Commedia Community: Arrivano i “Parenti Serpenti” al Teatro Civico di Gavi”

DA EDOARDO LEO A LELLA COSTA: PRESENTATA LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO CIVICO DI GAVI

DA EDOARDO LEO A LELLA COSTA: PRESENTATA LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO CIVICO DI GAVI

Il Teatro Civico di Gavi è pronto ad ospitare la nuova stagione teatrale 2018/2019, organizzata dal Comune di Gavi in collaborazione con la Fondazione Piemonte Dal Vivo e con l’associazione culturale Commedia Community di Arquata Scrivia (Teatro della Juta).

La stagione prenderà il via domenica 18 novembre 2018 con l’attore di fama nazionale Edoardo Leo, in scena con lo spettacolo TI RACCONTO UNA STORIA, in cui l’attore romano, reduce dal successo della trilogia cinematografica “Smetto quando voglio” e dalla conduzione sanremese del “Dopo Festival”, si confronterà con monologhi e racconti brevi di autori contemporanei, accompagnato dalle improvvisazioni musicali dell’attore e musicista Jonis Bascir. Uno spettacolo di apertura fatto per sorridere e pensare, con tutta la verve di un attore bravissimo come Edoardo Leo.

Di seguito gli altri appuntamenti della stagione 2018-19. che verranno arricchiti in seguito da ulteriori spettacoli “fuori cartellone”: Continua a leggere “DA EDOARDO LEO A LELLA COSTA: PRESENTATA LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO CIVICO DI GAVI”

Al Teatro della Juta: Dado Bargioni, Andrea Negruzzo e Daniela Tusa

La stagione del TEATRO DELLA JUTA di Arquata Scrivia prosegue con uno spettacolo prodotto dall’Associazione Commedia Community, che vede protagonisti i musicisti DADO BARGIONI e ANDREA NEGRUZZO e l’attrice tortonese DANIELA TUSA

Venerdì 16 febbraio in scena lo spettacolo/concerto QUEL GIORNO A GENOVA, racconti, pensieri e canzoni ispirati dal mare e dalla città dei cantautori. I testi sono di Mauro Buzzi e Enzo Ventriglia, e raccontano suggestioni, poesia e profumi dei vicoli genovesi, con le loro storie e le loro passioni. Per lo più sono storie di donne, racconti che vengono dal mare, crudi e delicati allo stesso tempo. Continua a leggere “Al Teatro della Juta: Dado Bargioni, Andrea Negruzzo e Daniela Tusa”

Quel giorno a Genova, Dado Bargioni, Andrea Negruzzo e Daniela Tusa

La stagione del TEATRO DELLA JUTA di Arquata Scrivia prosegue con uno spettacolo prodotto dall’Associazione Commedia Community, che vede protagonisti i musicisti DADO BARGIONI e ANDREA NEGRUZZO e l’attrice tortonese DANIELA TUSA

Venerdì 16 febbraio in scena lo spettacolo/concerto QUEL GIORNO A GENOVA, racconti, pensieri e canzoni ispirati dal mare e dalla città dei cantautori. I testi sono di Mauro Buzzi e Enzo Ventriglia, e raccontano suggestioni, poesia e profumi dei vicoli genovesi, con le loro storie e le loro passioni. Per lo più sono storie di donne, racconti che vengono dal mare, crudi e delicati allo stesso tempo. Continua a leggere “Quel giorno a Genova, Dado Bargioni, Andrea Negruzzo e Daniela Tusa”

Quel giorno a Genova, Dado Bargioni, Andrea Negruzzo e Daniela Tusa

La stagione del TEATRO DELLA JUTA di Arquata Scrivia prosegue con uno spettacolo prodotto dall’Associazione Commedia Community, che vede protagonisti i musicisti DADO BARGIONI e ANDREA NEGRUZZO e l’attrice tortonese DANIELA TUSA

Venerdì 16 febbraio in scena lo spettacolo/concerto QUEL GIORNO A GENOVA, racconti, pensieri e canzoni ispirati dal mare e dalla città dei cantautori. I testi sono di Mauro Buzzi e Enzo Ventriglia, e raccontano suggestioni, poesia e profumi dei vicoli genovesi, con le loro storie e le loro passioni. Per lo più sono storie di donne, racconti che vengono dal mare, crudi e delicati allo stesso tempo. Continua a leggere “Quel giorno a Genova, Dado Bargioni, Andrea Negruzzo e Daniela Tusa”