Intervista a Fiorenzo Borlasta, Amministratore unico di Amag Ambiente

Intervista a Fiorenzo Borlasta, Amministratore unico di Amag Ambiente

di Pier Carlo Lava

Alessandria, relativamente a raccolta rifiuti e pulizia della città si sono visti dei miglioramenti, ma il problema dell’abbandono rifiuti, in particolare nelle aree periferiche della città, non è ancora stato completamente risolto..

Su questo tema e molti altri ne abbiamo parlato con Fiorenzo Borlasta Amministratore unico di Amag Ambiente che risponde alle seguenti domande:

Amag Ambiente

Quanti sono i dipendenti di Amag Ambiente, quanti operano all’esterno e con quali quanti mezzi?

Qual’è stato il fatturato 2017 e come si è chiuso il bilancio?

Ci può parlare degli investimenti in cifra e mezzi nel 2018?

E quali le principali iniziative intraprese sempre nel 2018?

Nella pulizia della città si intravedono dei miglioramenti, ma nelle aree dei cassonetti gli incivili continuano ad abbandonare rifiuti, cosa si intende fare in tal senso?

C’è chi sostiene che solo con il ritorno al porta a porta si potrà risolvere il problema e far crescere la percentuale della raccolta differenziata, lei cosa risponde?

Che previsioni si possono fare relativamente a fatturato e del bilancio 2018?

Quali il budget e le iniziative che si intende intraprendere nel 2019?

video: https://youtu.be/gjtXP6EUDio

Alessandria, Città, Raccolta rifiuti, Pulizia, Mezzi, Bilancio, Investimenti, Dipendenti, Fatturato, Iniziative, Porta a porta, 

Casale Monferrato: Martedì 3 luglio assemblea sindacale dei dipendenti del Comune

Casale Monferrato: Martedì 3 luglio assemblea sindacale dei dipendenti del Comune

Casale Monferrato Comune

Si comunica che martedì 3 luglio dalle 9,00 alle 11,00 il personale del Comune di Casale Monferrato sarà impegnato in un’assemblea sindacale.

Per questo motivo, nella fascia oraria interessata, non sarà garantita la normale operatività degli uffici-servizi, fatta eccezione per quelli essenziali.

Tutti i dipendenti senza contratto, uno anche clandestino: panificio multato di 51 mila euro

daa40bca-6d94-11e8-b428-a41bb8577be9_1276060_1416927951-k3AE-U111013280756096iF-1024x576@LaStampa.it

Attività nel Tortonese sanzionata dagli ispettori del Lavoro: nessuno degli 11 addetti era in regola

Erano tutti irregolari, senza contratto di lavoro e senza copertura previdenziale, gli undici lavoratori controllati in un panificio del Tortonese dagli ispettori del Lavoro. Uno di loro era anche clandestino.  L’attività è stata sospesa, in attesa della regolarizzazione delle posizioni; accertate inoltre sanzioni amministrative per un importo di 51 mila euro e imponibili contributivi evasi pari a circa 80 mila euro.

http://www.lastampa.it/2018/06/11/alessandria/tutti-i-dipendenti-senza-contratto-uno-anche-clandestino-panificio-multato-di-mila-euro-NoP47YKl0xy9Jfkx18Nt0H/pagina.html

 

Scarsa produttività al lavoro, per i dipendenti è colpa dei manager

113630415-b1123bf9-62c3-42e1-ac83-8a9957f5724f

Un terzo dei lavoratori in Italia fatica regolarmente per essere produttivo nel proprio lavoro. La prima ragione viene imputata ai dirigenti, poi a tecnologia e sistemi interni

MILANO – Il maggiore ostacolo alla produttività del lavoro è la cattiva gestione e il comportamento dei manager. Questo il risultato dell’indagine WorkForce in Europe 2018 condotta da Adp, la multinazionale americana di gestione e amministrazione del personale, su oltre 10.000 lavoratori nel continente di cui 1.300 dipendenti in Italia.Lo studio rivela che un terzo dei lavoratori in Italia (32%) fatica regolarmente per essere produttivo nel proprio lavoro, la causa viene imputata principalmente ai manager per il 22%, ai supporti tecnologici lenti e insufficienti (19%) insieme a sistemi e processi inefficienti (18%), oltre talvolta alla mancanza di personale (16%). Fuori dal coro appaiono gli over 55ì: il 31% non riscontra alcun ostacolo. Il 25% si dichiara sempre al massimo della produttività.Entrando nel particolare la ricerca offre una fotografia della forza lavoro italiana in ciascuna industry. Continua a leggere “Scarsa produttività al lavoro, per i dipendenti è colpa dei manager”