Da Confucio alla globalizzazione, passando per Vidua, di Lia Tommi

Casale Monferrato: Da Confucio alla globalizzazione attraverso Vidua Sabato conferenza e visita guidata al Museo

Sabato 16 febbraio, alle ore 17, nella Sala delle Lunette del Museo Civico, nel Chiostro di Santa Croce, si terrà la conferenza a partecipazione gratuita “Io Cino, tu Cini, egli Cina. Da Confucio alla globalizzazione (passando per Vidua)” con relatore Fabio Lavagno (reduce da una esperienza di quattro mesi a Taiwan per perfezionare la lingua cinese, già studiata a Venezia, a Ca’ Foscari, dove si è laureato in lingue orientali, approfondite successivamente alla Sorbona di Parigi dove ha compiuto anche studi di carattere storico).
Tutti gli intervenuti alla conferenza potranno quindi, alle 18,30, prendere parte a una visita guidata gratuita alla mostra Carlo Vidua. Una vita in viaggio, dal Monferrato all’Estremo Oriente (1785-1830), recentemente aperta al Museo Civico. La mostra consente di ammirare oggetti, libri, dipinti e reperti raccolti da Carlo Vidua nel corso dei viaggi che compì, a partire dal 1818, in tutti i continenti e che costituiscono un unicum sul territorio piemontese e si pongono a livello nazionale e internazionale per rarità ed eterogeneità dei materiali. La visita sarà incentrata sugli oggetti cinesi esposti.
Il doppio appuntamento, a cura della Biblioteca Civica e “Giovanni Canna” e del Museo Civico, è organizzato nei giorni nei quali in Oriente si festeggia il capodanno: un vocabolo che ha significati, anche temporali, assai diversi tra Occidente o Oriente e diventa simbolicamente il filo conduttore di un confronto tra i modi d’essere e di pensare, di concezioni del mondo diverse se non diametralmente opposte ma ormai inestricabilmente connesse.
Globalizzazione è un concetto che da diversi anni accompagna il dibattito e l’azione culturale e politica sino a diventare parola ormai radicata nel senso comune collettivo e non di rado usata anche a sproposito. E tuttavia: sappiamo davvero affrontare i problemi connessi alla globalizzazione? Conosciamo davvero culture, tradizioni e modi d’essere anche molto distanti dai nostri, e con essi sappiamo rapportarci e confrontarci? Oppure ci affidiamo ancora e sempre a luoghi comuni profondamente radicati nel senso comune?

Fabio Lavagno. Casale Monferrato: Giovedì 8 novembre si riunisce il Consiglio Comunale

Casale_Monferrato-palazzo_del_Credito_Italiano1

Casale Monferrato: Nella seduta di martedì 30 ottobre la Conferenza Capigruppo, insieme con il Vice Sindaco Angelo Di Cosmo e il Presidente del Consiglio Comunale Fabio Lavagno ha fissato per mercoledì giovedì 8 novembre alle ore 21,00 la prossima seduta del Consiglio Comunale, con l’ordine del giorno in allegato.

«I lavori dell’Assemblea – ha spiegato il Presidente Fabio Lavagno – si apriranno con la trattazione della mozione a sostegno dei lavoratori delle Officine Meccaniche Cerutti S.p.A. di Casale Monferrato e Come Industrie S.r.l., in crisi occupazionale, e proseguiranno con la trattazione delle proposte deliberative presentate dall’Amministrazione: la prima di natura tributaria e propedeutica alla redazione del bilancio di previsione 2019-2021, la seconda e la terza di natura regolamentare».

Fabio Lavagno: Giovedì 13 settembre si riunirà il Consiglio comunale

Fabio Lavagno: Giovedì 13 settembre si riunirà il Consiglio comunale

Casale Monferrato: Nella seduta di martedì 4 settembre la Conferenza Capigruppo, insieme con il Sindaco Titti Palazzetti ed il Presidente del Consiglio Comunale Fabio Lavagno, ha fissato per giovedì 13 settembre 2018 alle ore 21,00 la prima seduta del Consiglio Comunale dopo la pausa estiva, con l’ordine del giorno in allegato.

Casale Monferrato

«I lavori dell’Assemblea – ha spiegato il Presidente Fabio Lavagnosaranno principalmente dedicati alle interrogazioni, mozioni ed ordini del giorno che sono stati presentati dai Consiglieri Comunali. Si rispetterà l’ordine cronologico di iscrizione, garantendo però anche l’alternanza tra documenti presentati dalla maggioranza e documenti ad iniziativa della minoranza. Unica eccezione: la proposta di deliberazione per il rinnovo della Convezione per la Polizia Locale del Monferrato, che assicurerà la gestione associata delle funzioni di Polizia Locale nei Comuni del territorio fino al 31 dicembre 2019».

Casale Monferrato: Martedì 15 maggio si riunisce il Consiglio comunale

Casale Monferrato: Martedì 15 maggio si riunisce il Consiglio comunale

Casale Monferrato

Nella seduta di martedì 8 maggio la Conferenza Capigruppo – insieme al   Sindaco Titti Palazzetti  e al Presidente del Consiglio Comunale Fabio Lavagno – ha concordato di organizzare i lavori del prossimo Consiglio Comunale, calendarizzato per martedì 15 maggio 2018, attraverso un’inedita modalità che prevede due distinte convocazioni: la prima  alle ore 18,30 nella forma del Consiglio Comunale aperto e la seconda, alle ore 21,00, per la consueta trattazione di argomenti iscritti all’ordine del giorno.

«L’Assemblea si riunirà in seduta aperta – ha spiegato il Presidente Fabio Lavagno   – per approfondire l’argomento introdotto da un ordine del giorno che vede come prima firmataria il Consigliere Assunta Prato e relativo al pericolo di discriminazione di genere nel linguaggio politico. Il Consiglio Comunale in seduta aperta è una possibilità prevista dall’art.34 del vigente Regolamento del Consiglio Comunale per consentire anche a soggetti estranei al Consiglio Comunale di partecipare, in via straordinaria,  al dibattito su temi di particolare e rilevante interesse per la comunità.

Per ovvi motivi organizzativi non sarà possibile procedere senza una preventiva programmazione degli interventi e, pertanto, per la convocazione pomeridiana del 15 maggio  la Conferenza Capigruppo ha previsto che la prima parte della seduta sia riservata ai contributi di Associazioni e/o Istituzioni direttamente interessate dal tema, mentre la seconda parte sia dedicata al dibattito consiliare vero e proprio, che si concluderà con la messa in votazione dell’ordine del giorno presentato dai Consiglieri».

Moro L’inchiesta senza finale

Moro L’inchiesta senza finale

Layout 1moro01

In occasione del Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo e dei 40 anni dalla morte di Aldo Moro
Fabio Lavagno e Vladimiro Satta
Moro L’inchiesta senza finale
EDUP 2018 – ISBN 9788884213129 Pagine 296 – Euro 22,00
A 40 anni dai fatti, la tuttora molto dibattuta vicenda del rapimento e dell’uccisione di Aldo Moro è cruciale per comprendere la storia del nostro Paese. Per chi cerca risposte e non si accontenta di sospetti né di inconcludenti elenchi di interrogativi in sospeso, il problema principale è quello di orientarsi.
Un qualificato contributo in questo senso viene dal libro di Fabio Lavagno e Vladimiro Satta: l’uno, sola voce dissonante all’interno della Commissione parlamentare che ha svolto un’inchiesta sulla vicenda Moro dal 2014 a fine 2017, e l’altro, ex-curatore della documentazione della Commissione Stragi e storico. Continua a leggere “Moro L’inchiesta senza finale”

Fabio Lavagno (Pd): Stanziati oltre 15 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici scolastici nella provincia di Alessandria

fabio-lavagno

Sono oltre 100 milioni destinati ad interventi per la messa in sicurezza e la riqualificazione delle scuole in tutto il Piemonte, tra cui 15 milioni e 300 mila nella provincia di Alessandria.

Sono stati molti gli istituti della nostra provincia che hanno potuto beneficiare dei finanziamenti, tra questi, ci sono le Scuole “Martiri della Libertà” (infanzia e primaria) di Casale Monferrato, le Scuole “Martiri della Benedicta”, “Zucca” e l’edificio scolastico di Viale Pinan Cichero di Novi Ligure, mentre a Tortona sarà ristrutturata la Scuola Primaria “Salvo D’Acquisto”, quella Secondaria di Primo Grado “Mario Patri” e la Scuola Secondaria di Primo Grado “Luca Valenziano”. Continua a leggere “Fabio Lavagno (Pd): Stanziati oltre 15 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici scolastici nella provincia di Alessandria”

Fabio Lavagno (Pd), Capitale italiana della cultura 2020: grande soddisfazione per Casale Monferrato nella short list 

fabio-lavagno

È grande la soddisfazione per la conferma che tra le 10 città italiane finaliste a contendersi il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2020 ci sia anche Casale Monferrato.

Oltre a Casale accedono a questa fase: Agrigento, Bitonto, Macerata, Merano, Nuoro, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Treviso. Alcune di queste sono certamente rivali di tutto rispetto.

Si tratta di un’ottima notizia per non solo per Casale e il Monferrato ma per tutto il Piemonte e testimonia il cammino che si è fatto e che si vuole continuare a fare.

Il percorso, per quanto soddisfacente, non è ancora terminato e diventare la capitale della cultura 2020 è un’ambizione che va ancora perseguita con la stessa forza e determinazione fin qui dimostrata.

Fabio Lavagno – Deputato Partito Democratico

Lavagno (PD): Importante richiamo di Renzi su impegno lotta all’amianto 

fabio-lavagno

Sono particolarmente contento che Matteo Renzi nel chiudere l’assemblea nazionale degli amministratori locali del PD, abbia ricordato l’enorme sforzo fatto per stanziare i fondi sulla bonifica dell’amianto di Casale e del Monferrato. Risultato ottenuto dopo un lungo lavoro parlamentare e realizzato dal suo Governo.

“Siamo intervenuti per sanare una ferita squallida di questo Paese”, ha detto Renzi e con forza nel ricordare il dolore per le tante vittime e nel ribadire lo sforzo ambientalista del PD ha ricordato la recente visita, a cui l’abbiamo invitato per un incontro con i rappresentati dell’AFEVA, al Parco Eternot, quel parco sorto su quello che era il più grande stabilimento di Eternit d’Europa”.

Durante questi cinque anni alla Camera l’amianto è stato uno dei temi che più mi ha visto impegnato e considerare che, a fine legislatura, quanto fatto, sia ricordato come uno dei punti più qualificanti dell’azione di governo non può che riempirmi di soddisfazione e rinnovare il mio entusiasmo. 

Fabio Lavagno – Deputato Partito Democratico

Fabio Lavagno: Progetto “Bellezz@ – recuperiamo i luoghi dimenticati”

Fabio Lavagno

Per recuperare i luoghi culturali dimenticati, il Governo Renzi mise a disposizione 150 milioni di euro. 

I cittadini hanno avuto la possibilità di segnalare un luogo pubblico da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della collettività o un progetto culturale da finanziare. 

Una commissione ha stabilito a quali progetti assegnare le risorse. 

Tra i 273 siti finanziati ce n’è sono due che si trovano in provincia di Alessandria: alla Chiesetta di S.Eusebio a Solonghello verrà riconosciuto uno stanziamento di poco superiore ai 100 mila euro, mentre altri 10 mila saranno assegnati all’area archeologica di via Ferraris ad Acqui Terme.

Fabio Lavagno – Deputato Partito Democratico