PAROLE NUOVE di Fiorella Rega – Prefazione di Anna Maria Merola

PAROLE NUOVE di Fiorella Rega – Prefazione di Anna Maria Merola

Se per gioco, al posto di una presentazione, volessi racchiudere in un termine, in un aggettivo che, da solo, con sintesi ardi- ta, definisse per me la poesia di Fiorella, sceglierei: “penetrante”.

Le parole non si limitano mai ad accarezzare l’ascolto, ma ti catturano, ti rapiscono, ti sorprendono. Fluiscono, si muovo- no, e, per dirlo alla maniera dell’autrice, danzano.

Parole nuove

I brani si leggono con scioltezza, non ti bloccano in pas- saggi contorti od oscuri, e poi senti — e lo senti prepotentemente — che “qualcosa” ha toccato, e con forza, almeno una corda del tuo essere. Come “un risveglio”. Da Lei: “[…] lei si destò dal sonno e rise. E cominciò a volare”.

Quando il cuore riprende il suo battito dopo il buio delle notti, dopo il tempo delle attese, è allora che nascono “le parole nuove”.

Le parole sono “nuove” quando riaccendono nel lettore emozioni sopite, quando toccano e fanno risuonare i tasti di un pianoforte stanco e in disuso.

Poesia 1.png

Il nuovo è nelle immagini che riescono ad armonizzare, spesso con audacia, (“Ti ho pensato come nuvole sparse” da Pensieri) elementi all’apparenza dissonanti.

Fiorella coglie l’essenzialità del vivere e riesce a trasfon- derla nei versi con la stessa essenzialità, coniugando la leggerezza con la profondità del sentire, la fede con il quotidiano, l’amo- re con la libertà.

A volte i versi sono brevi e brucianti, altre volte hanno una lenta cadenza antica. E tu scopri che quelle poesie sono vive, palpitano, sussurrano o gridano, danno voce all’essere, ti parla- no dell’eccezionalità del quotidiano, raccontano di una donna, moglie, madre, credente… in cammino. Continua a leggere “PAROLE NUOVE di Fiorella Rega – Prefazione di Anna Maria Merola”

La poetessa salernitana Fiorella Rega si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)

La poetessa salernitana Fiorella Rega si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le poesie della poetessa salernitana Fiorella Rega.

Fiorella Rega copia.png

Note biografiche

Carmen Rega, in arte Fiorella Rega, è nata a Salerno e vive a Mercato S. Severino (SA). Dopo gli studi classici, ha conseguito la laurea con lode in sociologia all’Università degli Studi di Salerno. Nel novembre del 2018, ha pubblicato la sua prima silloge poetica, Parole Nuove (Paguro Edizioni), con la quale ha ottenuto numerosi riconoscimenti, fra cui la menzione speciale della giuria al Premio Internazionale “Giglio Blu di Firenze” 2019 e la menzione di merito e l’inserimento nell’antologia “Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti” 2018.

Scrive sulla rivista letteraria internazionale “Fiorisce un Cenacolo”. È stata presidente di giuria alla Prima Edizione del “Premio Artistico Letterario San Vincenzo Ferrer” 2019. Per la narrativa, è autrice del racconto breve L’arte di ascoltare pubblicato nel libro Lettere da

Babbo Natale e regali indimenticabili (Paguro Edizioni, 2019). Conduce seminari sulla poesia nelle scuole di ogni ordine e grado sul suo territorio. Attualmente è impegnata nella stesura di una nuova silloge poetica, la cui pubblicazione è prevista per dicembre 2019.

OBLIO

Nulla è più vicino al cuore

del dolore.

Colate di cielo nero

a radicare i piedi:

ogni passo è fermo.

La strada della notte allarga

le sue scure braccia.

È inutile mordere istanti

dalle ali spezzate.

Andare oltre le scelte

è la scommessa

dopo l’oblio di giorni confinati

Continua a leggere “La poetessa salernitana Fiorella Rega si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)”

Momenti di poesia. DIVISA, di Fiorella Rega

Momenti di poesia. DIVISA, di Fiorella Rega

Un anno senza di te , papà..
Voglio ricordarti così e dirti che sarai sempre nel mio cuore!

Divisa.jpg

DIVISA

Oggi

canterò di te

origine

della mia storia

e alzerò la voce

perché ascolti

il Cielo

ove ora dormono

le mie radici.

Sono albero a metà.


Fiorella Rega