Grandi opere, Massimo Berutti (FI): “dalla Asti-Cuneo alla TAV i Cinque Stelle non possono bloccare il futuro del Paese”

Grandi opere, Massimo Berutti (FI): “dalla Asti-Cuneo alla TAV i Cinque Stelle non possono bloccare il futuro del Paese”

Roma, 20 febbraio 2019 – “Completare l’autostrada Asti-Cuneo, un’infrastruttura che darà un contributo fondamentale a supporto della competitività dell’intero Piemonte, e collegare l’Italia alla Francia con l’Alta velocità a vantaggio delle persone, di chi lavora e di chi crea lavoro sono due obiettivi imprescindibili per il Paese.

Massimo Berutti

Ora che siamo prossimi alla possibilità di completare le due opere, così da rafforzare la rete infrastrutturale piemontese e inserire l’Italia nei principali corridoi europei, è assurdo pensare di fermare le prosecuzioni come vogliono fare i Cinque Stelle”.

Lo dichiara il Senatore di Forza Italia Massimo Berutti in relazione alla mozione sulla TAV presentata da Forza Italia in Senato per impegnare il Governo a dare piena attuazione all’Accordo ratificato dal Parlamento italiano che ha riconosciuto all’opera una valenza strategica; a garantire un adeguato piano finanziario con programmazione pluriennale nella più ampia trasparenza, rispetto dei territori coinvolti e dell’ambiente; ad assumere iniziative per garantire gli stanziamenti per la realizzazione delle opere previste dal piano strategico e a coinvolgere la Commissione europea nella programmazione di ulteriori risorse. Continua a leggere “Grandi opere, Massimo Berutti (FI): “dalla Asti-Cuneo alla TAV i Cinque Stelle non possono bloccare il futuro del Paese””

Contenimento del consumo di suolo e riuso edilizio, Massimo Berutti (FI) primo firmatario di una proposta che investe sulla buona pianificazione coniugando attenzione e incentivi all’economia e tutela dell’ambiente

Contenimento del consumo di suolo e riuso edilizio, Massimo Berutti (FI) primo firmatario di una proposta che investe sulla buona pianificazione coniugando attenzione e incentivi all’economia e tutela dell’ambiente

Roma, 12 febbraio 2019 Il senatore di Forza Italia Massimo Berutti è il primo firmatario di un disegno di legge dedicato alla corretta pianificazione del territorio per il conseguente contenimento del consumo di suolo e l’incentivazione del riuso edilizio ed urbanistico. “Il disegno di legge – spiega il senatore Berutti – vuole evitare le trappole di un atteggiamento pseudo-matematico e mira a ricondurre il tema del controllo del consumo di suolo nel suo alveo logico e naturale: la “buona pianificazione”, che premia il riuso del patrimonio edilizio esistente”.

massmo-berutti

Il disegno di legge Berutti persegue due obiettivi principali: il primo è di promuovere la “buona pianificazione territoriale”, tramite una semplice serie di criteri-guida, che compongono un quadro di “livelli essenziali di prestazioni” validi per tutto il territorio nazionale.

L’altro obiettivo, è di individuare il riuso del patrimonio edilizio esistente come la strategia vincente da incentivare per contenere il consumo del suolo, indirizzando e incentivando l’attività edilizia verso tale patrimonio nel rispetto dei principi di tutela artistica, architettonica ed ambientale.

Il testo si compone di 9 articoli, dalle finalità alle definizioni, sino ad una serie di principi e obiettivi da porre alla base della pianificazione territoriale. La proposta verte poi sul tema del riuso urbanistico ed edilizio come strumenti per affrontare il problema del vasto ed in parte desueto patrimonio costruito. Continua a leggere “Contenimento del consumo di suolo e riuso edilizio, Massimo Berutti (FI) primo firmatario di una proposta che investe sulla buona pianificazione coniugando attenzione e incentivi all’economia e tutela dell’ambiente”

Contrasto alla proliferazione della fauna selvatica, Berutti (FI): “è tempo di agire anche a livello nazionale facendo interagire agricoltura, tutela dell’ambiente e caccia”

Contrasto alla proliferazione della fauna selvatica, Berutti (FI): “è tempo di agire anche a livello nazionale facendo interagire agricoltura, tutela dell’ambiente e caccia”

Roma, 8 febbraio 2019 – “È ormai evidente a tutti la necessità di un intervento a livello nazionale per contrastare la proliferazione di una fauna selvatica sempre più pericolosa e dannosa.

massmo-berutti

È in questa direzione che si inserisce l’interrogazione che ho presentato per esortare il Governo a muoversi quanto prima con azioni di contrasto opportunamente finanziate che consentano di riparare agli interventi degli ultimi anni, che anziché portare a soluzioni hanno aumentato i problemi”.

È quanto dichiara in una nota il senatore di Forza Italia Massimo Berutti in relazione all’aumento che ha contraddistinto la fauna selvatica nell’ultimo quindicennio. In questo periodo, infatti, i cinghiali presenti in Italia sono quasi raddoppiati, passando da poco meno di 600.000 esemplari nel 2004 ad oltre un milione, così come sono aumentati alcuni grandi carnivori come orsi e lupi, per i quali si stima un incremento da 5 a 10 volte rispetto alla metà degli anni ’70 del secolo scorso.

“Per i grandi carnivori, e in particolare per i lupi, è necessario coniugare alcune cautele con la massima attenzione. Si deve evitare di minimizzare il problema con il rischio di intervenire con un ritardo che per le caratteristiche di questi animali potrebbe rivelarsi imperdonabile. Continua a leggere “Contrasto alla proliferazione della fauna selvatica, Berutti (FI): “è tempo di agire anche a livello nazionale facendo interagire agricoltura, tutela dell’ambiente e caccia””

Pernigotti, Berutti (FI): “Quello di oggi è l’ennesimo capitolo di una storia triste, gestita con poca incisività dal Governo.

Pernigotti, Berutti (FI): “Quello di oggi è l’ennesimo capitolo di una storia triste, gestita con poca incisività dal Governo. Una vicenda che deve spingerci ad un intervento di sistema per le nostre imprese”

Roma, 5 febbraio 2019 – “Su quanto siglato oggi non posso che esprimere vicinanza ai lavoratori. Il sostegno al reddito è un bene, purtroppo, però, la sottoscrizione della cassa integrazione è l’ennesimo capitolo di una storia triste, gestita con poca incisività dal Governo.

massmo-berutti

Una vicenda che deve spingerci ad un’azione di sistema, che metta le eccellenze italiane in condizione di competere a livello globale senza doversi riparare all’ombra di sterili interventi di tutela. Fino a quando le aziende non potranno competere alla pari con le realtà globali grazie alla minor pressione fiscale e alla forza sui mercati stranieri, nulla cambierà e sia i marchi storici che i marchi recenti continueranno a crollare sotto i colpi di una politica nazionale sempre meno orientata all’impresa”.

Così il senatore di Forza Italia, Massimo Berutti, a margine del Tavolo tenuto oggi al Ministero del lavoro e delle politiche sociali sulla Pernigotti al quale ha preso parte. “Nonostante gli annunci, Di Maio non è riuscito a proporre un piano credibile che portasse alla vendita del marchio e all’apertura di uno scenario veramente positivo per i lavoratori e per un’importante eccellenza piemontese. Continua a leggere “Pernigotti, Berutti (FI): “Quello di oggi è l’ennesimo capitolo di una storia triste, gestita con poca incisività dal Governo.”

IRES terzo settore, Berutti (FI) “abbiamo corretto grave errore del Governo”

IRES terzo settore, Berutti (FI) “abbiamo corretto grave errore del Governo”

Roma, 31 gennaio 2019 – “Dopo averlo denunciato a dicembre, con la conversione del decreto semplificazioni avvenuta negli scorsi giorni abbiamo corretto il grave errore commesso dal Governo sull’IRES al terzo settore”.

massimo berutti

È quanto dichiara in una nota il senatore Massimo Berutti (FI) in relazione all’emendamento convintamente sostenuto da Forza Italia al Senato che ha cancellato il raddoppio, voluto dal Governo, dell’imposta sul reddito delle società (IRES) per gli enti che svolgono attività sociali, culturali e con fini solidaristici.

“Come avevo evidenziato a dicembre, l’attacco del Governo a realtà che sono la forza del nostro Paese ha messo a repentaglio il principio di sussidiarietà e la stessa esistenza di fondazioni, enti e associazioni alle quali veniva raddoppiata la pressione fiscale. Si tratta di realtà che svolgono compiti irrinunciabili, per le quali avevo promesso di impegnarmi. Il congelamento dell’aliquota è espressione concreta di quell’impegno e dell’attenzione che intendo rivolgere loro anche in futuro”.

Decreto semplificazioni, Berutti (FI): “sì alla sicurezza e alle assunzioni nelle forze dell’ordine, ma assolutamente no a cambi delle regole che mettano in difficoltà i giovani che vogliono servire lo Stato”

Decreto semplificazioni, Berutti (FI): “sì alla sicurezza e alle assunzioni nelle forze dell’ordine, ma assolutamente no a cambi delle regole che mettano in difficoltà i giovani che vogliono servire lo Stato”

Roma, 30 gennaio 2019 “Il cambio delle regole per le assunzioni di allievi agenti della Polizia di Stato è sbagliato perché mette in difficoltà i giovani che vogliono servire lo Stato e che hanno riposto le loro speranze in un lavoro a favore della comunità”.

massimo berutti

È quanto dichiara il Senatore di Forza Italia Massimo Berutti commentando l’approvazione da parte della maggioranza parlamentare di un emendamento al decreto legge semplificazioni che cambia le regole per l’assunzione dei giovani che nel 2017 hanno preso parte al concorso per allievi agenti della Polizia di Stato.

“L’emendamento voluto dalla maggioranza giallo-verde prevede l’esclusione dalle assunzioni dei giovani risultati idonei alle prove scritte del concorso che abbiano più di 26 e il diploma di scuola media. Le regole di quel concorso prevedevano, invece, il limite d’età di 30 anni e proprio il diploma di scuola media.

Si tratta di un cambio delle regole in corsa che mette in difficoltà i giovani che vogliono servire lo Stato e questo non possiamo permettercelo. Sempre sì alla sicurezza e alle assunzioni nelle forze dell’ordine, ma assolutamente no a cambi di regole che facciano perdere ai nostri ragazzi la fiducia riposta nello Stato”.

Autostrada Asti-Cuneo, Berutti (FI): “si completi l’opera con coerenza. Di Maio e Toninelli smettano di fare il gioco delle tre carte sulla pelle degli italiani”

Autostrada Asti-Cuneo, Berutti (FI): “si completi l’opera con coerenza. Di Maio e Toninelli smettano di fare il gioco delle tre carte sulla pelle degli italiani”

massmo berutti

Roma, 21 gennaio 2019 – “L’autostrada Asti-Cuneo va completata al più presto, con un iter coerente e in modo da massimizzare il vantaggio per il territorio”. È quanto dichiara il senatore Massimo Berutti (FI) commentando le indiscrezioni secondo cui sarebbe intenzione del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti completare l’Asti-Cuneo abbandonando il progetto già autorizzato. “Il continuo gioco delle tre carte che Toninelli e Di Maio stanno facendo con le grandi opere non è più sopportabile. Sull’Asti-Cuneo c’è un progetto al quale si è giunti anche grazie al lavoro degli eurodeputati italiani, primo fra tutti il collega e amico piemontese Alberto Cirio, che mette in capo ai privati la realizzazione di un’opera fondamentale per il territorio. Ora, Di Maio e Toninelli vogliono cambiare le carte in tavola con un percorso diverso che non spiegano come sarà finanziato e che porterà in capo ai cittadini il reperimento di risorse che avrebbero messo imprese private. Siamo di fronte a pura improvvisazione. Mancano visione, coerenza e capacità decisionale. Invece di lanciare dichiarazioni, slogan e proclami a vantaggio di un elettorato del “no”, è tempo che la componente pentastellata del Governo si metta all’opera per il bene del Paese che lavora e che crea lavoro”.

Effetto “gilet azzurri”, ora Forza Italia cresce al 12 per cento

Effetto “gilet azzurri”, ora Forza Italia cresce al 12 per cento

Nelle rilevazioni l’alleanza di centrodestra sfiora il 47%. Solo il 40% positivo sul governo

Fabrizio de Feo – Ven, 11/01/2019 – 09:01 http://www.ilgiornale.it

Dai sondaggi arriva una piccola sorpresa di inizio anno. Dopo aver veleggiato negli ultimi mesi quasi sempre al di sotto del 10% Forza Italia registra un segnale decisamente incoraggiante.

1544637981-lapresse-20181212191334-27983019

Il sondaggio Tecnè del 10 gennaio sulle intenzioni di voto ai partiti regala al partito azzurro un buon 11,7% in aumento dello 0,8% rispetto all’ultima rilevazione. Una percentuale che potrebbe essere rassicurante anche in vista della volata verso le Europee.

I numeri sono naturalmente fragili e le oscillazioni sono all’ordine del giorno, ma il dato potrebbe essere una base importante per costruire una ripartenza invernale. Il sondaggio Tecnè non è invece particolarmente positivo per la Lega che rispetto al 18 dicembre 2018 perde 2 punti e dal 32,8 passa al 30,8%. Restando nel centrodestra un piccolo passo indietro si registra anche per Fratelli d’Italia che dal 4,1 si attesta al 3,9. Complessivamente, comunque, il centrodestra come coalizione è ancora ampiamente in testa e con percentuali tali da consentirgli di strappare la maggioranza assoluta dei seggi in entrambi i rami del Parlamento. Rispetto a dicembre, però, la coalizione che si era presentata alle urne il 4 marzo dello scorso anno arretra dal 48,1 al 46,8. Continua a leggere “Effetto “gilet azzurri”, ora Forza Italia cresce al 12 per cento”

Pernigotti, Berutti: “Nessun passo avanti concreto dal Tavolo al Ministero del lavoro, Di Maio non riesce ad ottenere risultati”

Pernigotti, Berutti: “Nessun passo avanti concreto dal Tavolo al Ministero del lavoro, Di Maio non riesce ad ottenere risultati”

BERUTTI MASSIMO VITTORIO

Roma, 8 gennaio 2019 –  “Al di là dei proclami e delle promesse sbandierati solo qualche giorno fa a Novi Ligure da Di Maio, non c’è stato alcun passo avanti concreto sulla vicenda Pernigotti”.

Lo dichiara il senatore di Forza Italia, Massimo Berutti, a margine del Tavolo tenuto al Ministero del lavoro e delle politiche sociali al quale ha preso parte. “I lavoratori sono senza stipendio, la cassa integrazione per cessazione resta sul tavolo e non c’è alcuna traccia di ipotesi di vendita del marchio.

Evidentemente – prosegue Berutti – Di Maio non è riuscito ad incidere con la proprietà per ottenere le cose che contano. Il Tavolo di oggi è stato aggiornato e se si continua così si firmerà la cassa integrazione per cessazione senza nessun vero risultato sulla continuità del lavoro, la produzione in Italia e il marchio legato al territorio. Prendere tempo sembra la cosa che il Governo sa fare meglio, ma qui bisogna agire ed incidere, non aspettare”.

Berutti. Forza Italia. Raddoppio IRES alle società no profit, Berutti: “è un attacco spregiudicato, lavorerò intensamente per evitarlo”

Berutti. Forza Italia. Raddoppio IRES alle società no profit, Berutti: “è un attacco spregiudicato, lavorerò intensamente per evitarlo”

Alessandria, 28 dicembre 2018   “Certezze negative per il presente e ipotesi di promesse per il futuro si confermano come preoccupanti direttrici dell’azione di questo Governo anche sugli enti non a scopo di lucro”.

BERUTTI MASSIMO VITTORIO

Lo afferma in una nota il senatore Massimo Berutti (Forza Italia) commentando il raddoppio dell’imposta sul reddito delle società (IRES) decisa dal Governo per gli enti che svolgono attività sociali e culturali, attività con fini solidaristici, nonché nei confronti degli istituti autonomi per le case popolari.

“L’attacco spregiudicato del Governo a realtà che sono la forza del nostro Paese è dannoso in termini di principio, perché mette a repentaglio la sussidiarietà, togliendo risorse a chi svolge attività preziose sui territori, e in termini pratici, perché si raddoppia la pressione fiscale su fondazioni, enti e  associazioni mettendone a rischio la stessa esistenza. Si tratta di realtà che anche nell’alessandrino e nell’astigiano svolgono compiti irrinunciabili per la cui tutela lavorerò intensamente”.

 

Terzo valico, Berutti: “Sull’importanza dell’opera, Toninelli ha scoperto l’acqua calda

Terzo valico, Berutti: “Sull’importanza dell’opera, Toninelli ha scoperto l’acqua calda. Adesso che finalmente ha studiato il dossier smetta di tentare inutili blocchi allo sviluppo del Paese”

BERUTTI MASSIMO VITTORIOMb

Tortona (Al), 14 dicembre 2018 “Sul Terzo valico è arrivato l’unico epilogo possibile. Sapevamo tutti della necessità di proseguire l’opera sia per la sua importanza strategica che per il costo insostenibile che avrebbe comportato bloccarla”. Lo dichiara in una nota il senatore Massimo Berutti (FI) a seguito dell’annuncio da parte del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti dell’esito positivo dell’analisi costi-benefici. “Sull’importanza dell’opera, Toninelli ha scoperto l’acqua calda. Adesso che finalmente ha studiato il dossier, smetta di tentare inutili blocchi allo sviluppo del Paese e di fingersi innovatore. Noi continueremo a vigilare e a sostenere la prosecuzione delle infrastrutture che servono a chi lavora e a chi crea lavoro”.

Tiziana Beghin, M5S: Emergenza riso, false rassicurazioni del presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani

Tiziana Beghin, M5S: Emergenza riso, false rassicurazioni del presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani

Tiziana Beghin

EMERGENZA RISO, L’EURODEPUTATA DEL MOVIMENTO 5 STELLE TZIANA BEGHIN SCRIVE LETTERA URGENTE ALLA COMMISSIONE EUROPEA

Nonostante lo studio ufficiale dell’esecutivo europeo abbia manifestato il bisogno di una clausola di salvaguardia sulle importazioni da Cambogia e Birmania, il Consiglio non è giunto a una posizione univoca; la palla, ora, passa al Collegio dei Commissari.

tiz IT Lettera

Nonostante le false rassicurazioni del presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, l’emergenza-riso non è ancora finita”. A dichiararlo è Tiziana Beghin, eurodeputata del MoVimento 5 Stelle e membro della commissione Commercio Internazionale.

Nelle scorse settimane uno studio ufficiale della Commissione europea aveva fatto emergere la necessità di una clausola di salvaguardia che, ponendo dazi sulle importazioni da Cambogia e Birmania – che ad oggi sono pari a zero -, ridesse equilibrio al mercato del riso; tuttavia, in sede di Consiglio, non si è raggiunta la maggioranza necessaria né per ottenere l’immediata attuazione del provvedimento, né per affossare il procedimento. Continua a leggere “Tiziana Beghin, M5S: Emergenza riso, false rassicurazioni del presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani”

Rifiuti, Senatore Massimo Berutti (FI): “è il momento di costruire una strategia di investimenti sulla raccolta e sul riciclo”

Rifiuti, Senatore Massimo Berutti (FI): “è il momento di costruire una strategia di investimenti sulla raccolta e sul riciclo”

Roma, 13 dicembre 2018 “L’incendio di martedì scorso, 11 dicembre, alla discarica Tmb di Via Salaria a Roma è l’ennesimo esempio dei grossi problemi esistenti nel settore della gestione dei rifiuti”. Così il senatore Massimo Berutti (FI) a margine della conferenza stampa organizzata questa mattina da Forza Italia sulle problematiche dei rifiuti. “È il momento – prosegue Berutti – di portare sul tavolo della discussione idee concrete e progetti validi per costruire una strategia di investimenti sulla raccolta e sul riciclo, che tengano in considerazione la necessità di infrastrutture tecnologicamente all’avanguardia, che smaltiscano e producano con qualità”.

BERUTTI MASSIMO VITTORIO

In base a quanto evidenziato durante il convegno di presentazione della ventesima edizione del Rapporto Rifiuti Urbani curato dal Centro Nazionale per il Ciclo dei Rifiuti dell’ISPRA, tenuto lunedì 10 dicembre a Roma, nel biennio 2016-2017 la percentuale di rifiuti urbani raccolti con la differenziata si aggira intorno al 55%. L’obiettivo da raggiungere è il 65% entro il 2035. Dal Rapporto emerge che il problema fondamentale dello smaltimento dei rifiuti è legato alla destinazione: la maggior parte finisce in discarica e le strutture che li trattano non riescono a gestire tutto lo smaltimento.  Nonostante un sostanziale segno positivo a livello nazionale, esiste un divario significativo tra le percentuali di raccolta differenziata dei rifiuti urbani tra le regioni del nord, dove la media 2017 è del 66,2%, e quelle del sud, nella quali, per lo stesso anno, si arriva al 41,9%.

“Se per definire politiche pubbliche efficaci non possiamo prescindere dai dati, in base a quello che emerge dal Rapporto ISPRA è evidente che non possiamo più rimandare la questione degli impianti. Le discariche attuali sono inadeguate ed in esaurimento, il progetto del Governo è vago e con poche prospettive. È il momento – conclude Berutti – di costruire strategie di investimenti sulla raccolta e sul riciclo efficaci e sostenibili”.

Casa di reclusione di Asti, Berutti: “solidarietà agli agenti e massima attenzione al tema, userò tutti gli strumenti per intervenire, a partire da un’interrogazione al Ministro Bonafede”

Casa di reclusione di Asti, Berutti: “solidarietà agli agenti e massima attenzione al tema, userò tutti gli strumenti per intervenire, a partire da un’interrogazione al Ministro Bonafede”

schermata-2018-11-21-a-08-14-12

Asti, 10 dicembre 2018 – “Le inspiegabili proteste dei detenuti per la televisione e la gravissima aggressione ad un agente in servizio da parte di un carcerato sono purtroppo solo gli ultimi due episodi di una serie avvenuta alla casa di reclusione di Asti e mi spingono a lavorare con ancora più convinzione per reperite risorse materiali e umane per le forze dell’ordine”. È quanto dichiara in una nota il senatore di Forza Italia Massimo Berutti, che prosegue: “non posso che esprimere agli agenti la massima solidarietà. Una solidarietà che intendo coniugare con il mantenimento dell’attenzione al tema del supporto al prezioso lavora della polizia penitenziaria e delle forze dell’ordine in generale. Interrogherò innanzitutto il Ministro della giustizia, Alfonso Bonafede, per capire cosa intenda fare per migliorare la situazione della casa di reclusione di Asti. Al contempo, anche attraverso la legge di bilancio, cercherò ancora una volta, come già fatto in sede di conversione del decreto sicurezza, di stanziare risorse per le forze dell’ordine”.

Grillo: «Offro il doppio di Berlusconi». Dall’Osso: «Da Forza Italia solo rispetto»

Dopo il caso del deputato passato a FI per la bocciatura dei suoi emendamenti per i fondi ai disabili, l’attacco del fondatore del Movimento

Sorgente: Grillo: «Offro il doppio di Berlusconi». Dall’Osso: «Da Forza Italia solo rispetto»