L’artista Alessandro Mazza si presenta ai lettori di Alessandria today

L’artista Alessandro Mazza si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori l’artista Alessandro Mazza.

Alessandro è nato nel 1969 a Reggio Calabria e vive a Roma.

foto AM.jpg

Scrittore, cantautore, operatore culturale, tiene corsi di scrittura poetica; ha fatto anche il fotografo, il videoreporter, l’editore, il grafico, il critico letterario e musicale.

Si è laureato in Lettere moderne con una tesi dal titolo IL PROBLEMA DEL LINGUAGGIO POETICO NEL FORMALISMO RUSSO.

Ha pubblicato finora nove volumi di-versi (IL CONFINE DELLA PIOGGIA, 1990; OUTTAKE, 1997; NUOVO DIARIO DELL’ASSENZA, 2004; SUL FUTURO DELL’ARCHEOLOGIA, 2008; VERSI ETERNI PER RAGIONI SCADUTE, 2010; REQUIEM, 2013; PENULTIMI VERSI, 2016; NE VARIETUR, 2018; CANTI DELL’ESTINZIONE, 2019); due “senza andare né venirne a capo” (LIBRO DEL SILENZIO, 2014; VOLEVO DIRTI CHE NON E’ SOLO L’AMORE, 2017), addirittura un disco (TITOLI BELLI CHE POI CI FANNO I FILMS, 2015).

Numerosi i readings poetici che ha portato negli ultimi anni in giro per l’Italia: l’ultimo finora è stato il reading musicale “Alla ricerca della voce giusta”, con Sandra Iai.

È l’ideatore e il “Capitano” dell’associazione “LibEreria”, un consorzio di artisti rivoluzionari che fanno editoria indipendente e organizzano spettacoli di poesia, narrativa, musica, pittura, scultura, teatro e cinematografia.

Dice di sé:

“Alessandro Mazzà, quotidiano di ricerche antropologiche”.

Alessandria today presenta: “Fiori e dintorni” di Nadia Presotto e Renato Luparia

Alessandria today presenta: “Fiori e dintorni” di Nadia Presotto e Renato Luparia

di Pier Carlo Lava

Presotto e Luparia copia.jpg

Alessandria today è lieta di presentare una nuova rubrica del blog: “Fiori e dintorni” a cura di Nadia Presotto e Renato Luparia.

I nostri lettori avranno così il piacere di leggere i loro post che verranno in seguito pubblicati e apprezzarne il contenuto, in tal senso ci farà molto piacere leggere sul blog o sulle varie pagine facebook: Alessandria today e News online di Alessandria e non solo i vostri commenti, che dagli appassionati dell’ambiente, dei fiori, del verde e della natura siamo certi non mancheranno. Continuate a seguirci numerosi come sempre e a prestissimo…

Biografia degli autori:

Nadia Presotto e Renato Luparia

Dipinto di Nadia Presotto.jpg

Biografia: Nadia Presotto vive e opera a Conzano (AL). Appassionata d’ arte, frequenta corsi di disegno e gli atelier di numerosi artisti; studia il colore applicato alle varie tecniche, dall’ acquarello all’ olio realizzando tele con i colori ad olio e luminosi acquarelli. Ha frequentato il corso di incisione presso l’ Istituto Belle Arti di Vercelli e partecipato a workshop internazionali.

Ha esposto presso: Museo Etnografico di Alessandria, Museo Diocesano di Lu, Villa Serra di Sant’ Olcese (Ge), Calcagno Art Studio di Venezia in concomitanza con la Biennale d’ Arte del 2011, al Goethe Institut di Friburgo (Germania), Villa Vidua di Conzano (AL), Teatro Comunale di Riva Valdobbia.

Personali anche alla Galleria Les Artistes di Alessandria, nella Sala Consiliare di Lu e il Museo Colombiano di Cuccaro. Nel 2014 presso la sala del Sindaco del Comune di Gozzano (No) e La Locanda dell’Arte di Solonghello (AL). Nel 2015 presso la Galleria Casa d’ Arte Viadeimercati di Vercelli, Ca’ Lozzio di Oderzo (TV), nel 2016 presso il Castello di Casale Monferrato, e nel 2017 in Palazzo Riggio a Nicosia (EN) e all’, Enoteca di Canelli Nel 2018 personale presso la Tenuta Tenaglia di Serralunga di Crea, Al Castello di Costigliole d’ Asti. Continua a leggere “Alessandria today presenta: “Fiori e dintorni” di Nadia Presotto e Renato Luparia”

Caffè Letterario: mercoledì 8 Paola Casulli

Caffè Letterario: mercoledì 8 Paola Casulli

Casale Monferrato: Continuano gli incontri pomeridiani del Caffè Letterario, la rassegna che valorizza l’opera delle scrittrici, romanziere e poetesse che a Casale Monferrato sono nate, risiedono o lavorano. L’iniziativa è organizzata dal Comune in collaborazione con la Consulta delle Donne di Casale Monferrato e  con il Presidio Soci Nova Coop di casale Monferrato.

Paola-Casulli1caffè_letterario-casulli

La rassegna, giunta al suo quinto appuntamento, propone un incontro particolarmente ricco e poliedrico per mercoledì 8 maggio. Protagonista sarà Paola Casulli, da alcuni anni Bibliotecaria della “Giovanni Canna”, qui in veste di artista poliedrica: poetessa, innanzitutto, ma anche creatrice e animatrice di un blog, fotografa, pittrice.

Paola Casulli conta al suo attivo diversi volumi di poesie in cui il mare è spesso sfondo e musa ispiratrice dei versi (Nata ad Ischia, all’isola dedica molte liriche, ripercorrendone “i suoi unici e meravigliosi scorci paesaggistici e umani”. Anima da alcuni anni il blog incantoerrante.com nel quale insieme alle poesie si rincorrono fotografie (e sensazioni) dei suoi viaggi, i suoi dipinti, i suoi articoli e i suoi reportage: l’incontro con Paola Casulli sarà dunque un “viaggio” tra poesia, fotografia, sensazioni raccolte percorrendo territori ed incontrando donne e uomini; gli interventi musicali di Roberta Tribocco (flauto traverso) avranno la funzione di raccordare i percorsi poetici e narrativi proposti da Paola. Continua a leggere “Caffè Letterario: mercoledì 8 Paola Casulli”

Fotografia: la donna negli “sguardi” di Beatrice Orsini, di Donatella Pezzino

Una, nessuna e centomila. Questa è la donna che Beatrice Orsini ha voluto cogliere nella sua rassegna “Metamorfosi: sguardi di donna” inaugurata lo scorso sabato 9 marzo a Domodossola nello Studio Quadra di Via Marconi con la presentazione del pittore Sebastiano Parasiliti.

Nei 15 autoscatti in mostra prende forma un’immagine di donna che prescinde da qualsiasi situazione contingente per rivelare il femminino nella sua scabra nudità. Con un uso sapiente del bianco e nero e del contrasto, l’artista di Varese gratta l’etichetta di superficie con la quale ogni contesto sociale ci vuole ben riconoscibili (moglie, madre, figlia, donna in carriera, ecc.) evidenziando il corpo sottile e dai contorni imprecisi nel quale ogni donna può riconoscere le sue fragilità, le sue disillusioni, le sue costrizioni entro uno spazio-tempo che spesso isola e opprime.

L’effetto chiaroscurale, ottenuto con un sorprendente gioco di ombre e punti luce, sottolinea la marginalità del corpo rispetto allo sfondo; altrove è un velo, uno specchio o un paio di scarpe in primo piano a marcare questa distanza abissale dall’ambiente circostante. Che si tratti di una stanza chiusa o di un esterno, lo spazio accentua la condizione di estraneità propria dell’anima alla perenne ricerca di un sé che le piccole disarmonie di ogni giorno contribuiscono a smarrire.

Distanze e solitudini che, però, non implicano un semplice distacco dalle cose: tra il soggetto e gli oggetti circostanti si instaura un rapporto di scambio e di trasformazione (“metamorfosi”, appunto), processo nel quale l’annullamento apre a nuove forme di rinascita. Il surrealismo, che a tratti sfiora la dimensione onirica, non limita la concretezza delle situazioni e dei ritratti: al contrario, ne rafforza la capacità evocativa, forgiando un linguaggio espressivo nuovo e del tutto personale.

L’esposizione, che resterà visitabile per i prossimi due mesi, incarna l’essenza di un percorso artistico nel quale la fotografia si propone quale prosecuzione e al tempo stesso trasposizione in immagini della scrittura. Una preziosa occasione per conoscere uno dei migliori talenti emergenti di questi ultimi anni, forte di un’eccezionale creatività unita a rare doti di sensibilità ed eleganza.

Donatella Pezzino

La “fine art” del noto fotografo Renato Luparia in mostra al Bio Cafè, di Lia Tommi

Venerdì 8 febbraio 2019 alle ore 18,00 , in Alessandria , al Bio Cafè di via dell’Erba 12, nell’ambito del progetto ARTE DIFFUSA, ideato da Fabrizio PRIANO,
Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di idee: vernissage della mostra dal titolo:

IL SUONO del SILENZIO di RENATO LUPARIA

L’autore presenta immagini in bianco/nero “fine art” stampate su carta cotone con marchio Digigraphie.

Il silenzio nelle opere di Luparia ha molteplici sfaccettature: è prima di tutto chiave di lettura; è sensazione tangibile; è immagine che si manifesta nel nitore e nello splendore di fotografie evocative di campi privi di limiti, di alberi che si fanno segni grafici, circondati da nebbie che suggeriscono un possibile cammino di conquista. O semplicemente di contemplazione del/nel silenzio. (Roberto Mutti per Milano Photofestival 2017)

Renato Luparia è nato a Casale Monferrato e vive a Conzano (AL). Fin da giovanissimo si interessa di fotografia e sperimenta le tecniche del bianco/nero, colore, diapositiva e, recentemente, del digitale.
Collabora con giornali e riviste e le sue fotografie sono state pubblicate su libri e calendari.
Numerose le mostre personali in spazi pubblici e privati, tra questi: Villa Vidua di Conzano (AL), Casa d’Arte viadeimercati di Vercelli, Goethe Institut di Freiburg (Germania), Ca’Lozzio di Oderzo (TV), Spazio d’Arte Rilegatoamano di Biella, Castello dei Paleologi di Casale Monferrato (AL), Villa Giulia di Verbania, Libreria Internazionale Hoepli di Milano.
Nel 2011 ha partecipato alla prima edizione del MIA (Milan Image Art Fair) e a “Les Rencontres International de Photographie” di Arles (Francia). Nel 2015 ha esposto alla prima Biennale d’Arte di Alessandria “Omnia” e nel 2017 è stato invitato alla Fondazione Federica Galli di Milano per la Mostra “Attraverso l’albero” dove sono state abbinate le sue immagini alle stampe della Maestra dell’incisione italiana.
Nel 2018 ha pubblicato con l’Archivio Fotografico Italiano il libro Italia Intima con presentazione e mostre a Milano, Scicli (Ragusa), Arles e Grenoble (Francia).
Le stampe fotografiche “Fine Art” di Renato Luparia fanno parte di collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero.

Corso di fotografia, di Cristina Saracano

Schermata 2018-12-14 a 14.41.21

Alessandria: Impara a vedere, impara a fotografare, questo è il nuovo corso di fotografia che si terrà a partire dal 31 gennaio alle 20,30 presso lo studio di via San Lorenzo 107, Alessandria.

Daniele Robotti, fotografo, ci portera’ in diretto contatto con questo mondo esplorando le tecniche, l’uso della fotocamera e lasciando spazio alla creatività.

Saranno 10 lezioni, il giovedì, più 4 extra shooting con modella e due uscite il sabato pomeriggio.

Il costo è di 180,00 euro, 140,00 per chi vorrà iscriversi entro il 10/01/2019.

Info http://www.robotti.it

 

Its all about love: Stefano Lotumolo al Castello

Its all about love: Stefano Lotumolo al Castello

Casale Monferrato: A partire da sabato 17 novembre, fino a domenica 9 dicembre, nelle sale del secondo piano del Castello di Casale Monferrato sarà visitabile gratuitamente la mostra “Its all about love” con le immagini del fotografo freelance Stefano Lotumolo, autore di reportage in tutto il mondo e in particolare in Africa e in Asia.

 

La mostra si inserisce in un progetto che ha lo scopo di «sensibilizzare e far conoscere al nostro bellissimo popolo alcune delle realtà presenti in questo mondo, mostrandole in maniera diversa, durante sprazzi di vita quotidiana. Attraverso le mie foto cerco di trasmettete un messaggio d’amore e condivisione tra culture, con la speranza che la diversità diventi un valore aggiunto e non più un limite» spiega Lotumolo.

Il percorso espositivo si inserisce, con circa 80 opere, in una tournée di mostre già realizzate a Lucca, Bari, Civitavecchia, Alghero e comprende la produzione di un lungometraggio (in uscita nel 2019) e di un libro, in pubblicazione nel mese di novembre.

L’esposizione sarà visitabile nei giorni di sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

Nelle giornate di sabato 1 e domenica 2 dicembre sarà presente lo stesso autore a incontrare e guidare i visitatori condividendo esperienze e memorie.

Valeria Yurlovich fotografa professionista, quando l’arte della fotografia non è un optional

Valeria Yurlovich fotografa professionista, quando l’arte della fotografia non è un optional

di Pier Carlo Lava

Ho incontrato Valeria Yurlovich, una fotografa professionista con lo studio in via Marengo 70, Alessandria per un intervista, ecco le sue risposte alle nostre domande. Ringrazio Valeria per l’interessante intervista e per chi dopo averla letta volesse ulteriormente approfondire il suo sito è il seguente: https://www.fotograf-fy.it/

Tu non sei italiana, perciò ti chiedo ci vuoi raccontare dove sei nata e qualcosa della tua città di origine?

Esatto, diciamo – italiana acquisita  Sono nata a Minsk, in Bielorussia. E’ una città bellissima, la capitale, grande ma non grandissima (circa 2 mln di abitanti), abbastanza moderna (quasi interamente ricostruita nel primo dopoguerra), ma con una ricca storia e cultura…

Quando e come è nata la tua passione per la fotografia?

Bella domanda… scatena un mucchio di emozioni e bellissimi ricordi dentro di me…  Ricordo benissimo la prima foto in assoluto che ho fatto.  Avevo 7 anni quando ho preso in mano la vecchia macchina fotografica con il rullino… ed è stato amore a prima vista. Dopo non ho più abbandonato la mia ‘nuova amica’. Fotografavo di tutto e dappertutto specialmente nei viaggi. Tornavo sempre con una marea di pellicole da sviluppare ed e’ sempre stato il momento più atteso del viaggio – sfogliare le foto appena stampate e rivivere i momenti da ricordare… Ancora prima, da piccola (anzi, da piccolissima) sfogliavo i vecchi album di famiglia o rovesciavo le scatole piene di vecchissime fotografie in bianco-e-nero e le potevo guardare per ore e ore… Quando avevo 16 anni ho fotografato il mio primo matrimonio. Mi sono fatta prestare da un caro amico una delle prime DSLR, sempre con la pellicola e ricordo ancora oggi le emozioni e la responsabilità che sentivo immortalando quei momenti unici e irripetibili… quei momenti che possono essere rivissuti in seguito solo guardando le fotografie…

Continua a leggere “Valeria Yurlovich fotografa professionista, quando l’arte della fotografia non è un optional”

111 luoghi: c’è anche Casale Monferrato. Appello ai fotografi appassionati del territorio

111 luoghi: c’è anche Casale Monferrato. Appello ai fotografi appassionati del territorio

Casale Monferrato

Il Comune di Casale Monferrato è stato scelto da Alessandro Martini eMaurizio Francesconi (autori del volume 111 luoghi di Torino che devi proprio scoprire), come protagonista da inserire nel volume 111 luoghi di Langhe, Roero e Monferrato che devi proprio scoprire.

Per questo motivo, i due autori hanno richiesto immagini della Gipsoteca Bistolfi, della Cattedrale (Sacrestia Aperta, Nartece e sottotetti), della Sinagoga e Musei Ebraici, del Paraboloide, del Parco Eternot e Vivaio Eternot.

Il Comune ha deciso di cogliere l’occasione per costituire un archivio fotografico che sarà disponibile in licenza Creative Commons al quale potranno partecipare i fotografi, anche dilettanti, che decideranno di inviare scatti dei soggetti sopra elencati e anche altri soggetti a discrezione, tutti riguardanti il patrimonio artistico, storico e naturalistico casalese. Continua a leggere “111 luoghi: c’è anche Casale Monferrato. Appello ai fotografi appassionati del territorio”

111 luoghi: c’è anche Casale Monferrato. Appello ai fotografi appassionati del territorio

111 luoghi: c’è anche Casale Monferrato. Appello ai fotografi appassionati del territorio

Casale Monferrato

Il Comune di Casale Monferrato è stato scelto da Alessandro Martini e Maurizio Francesconi (autori del volume 111 luoghi di Torino che devi proprio scoprire), come protagonista da inserire nel volume 111 luoghi di Langhe, Roero e Monferrato che devi proprio scoprire.

Per questo motivo, i due autori hanno richiesto immagini della Gipsoteca Bistolfi, della Cattedrale (Sacrestia Aperta, Nartece e sottotetti), della Sinagoga e Musei Ebraici, del Paraboloide, del Parco Eternot e Vivaio Eternot.

Il Comune ha deciso di cogliere l’occasione per costituire un archivio fotografico che sarà disponibile in licenza Creative Commons al quale potranno partecipare i fotografi, anche dilettanti, che decideranno di inviare scatti dei soggetti sopra elencati e anche altri soggetti a discrezione, tutti riguardanti il patrimonio artistico, storico e naturalistico casalese. Continua a leggere “111 luoghi: c’è anche Casale Monferrato. Appello ai fotografi appassionati del territorio”