UN “NON SENSO”,di Silvia De Angelis

gabbiano-in-volo

Si assottiglia

in modo irreversibile

il senso della vita.

Ti coinvolge

in un “non senso”

dell’andare quasi indietro

che rispecchia un riverbero

d’ infante

ma senza la curiosità

morbosa dell’intorno.

Si fa sfocato lo scenario

privo di colori base

e dei numeri necessari

alla conta delle idee.

Sfumano lente

come una vela alla deriva

in un mare privo d’onda

ove il gabbiano

rivolge l’ala

a un cielo di cemento

nel volo amaro

divenuto

a ritroso

@Silvia De Angelis 2018

HAIKU DEL MARE, di Silvia De Angelis

albufeira-spiaggia-conchiglie-w

FOSSILI
Densa risacca
andirivieni d’onde
fossili a spasso

3591.jpg

ONDE
Sommose d’onde
correnti frizzantine
denso turchino

due-donne-in-bikini-sulla-spiaggia_1303-10104

SPIAGGIA
Spiaggia rovente
nei costumi succinti
abbronzatura

depositphotos_22413299-stock-photo-a-gull-on-the-sand.jpg

GABBIANO
Gabbiano in sosta
al di fuori dell’onda
mosso arenile

080450000947-02112016-1835.jpg

IPPOCAMPO
Lieve andatura
ippocampo di mare
pinna caudale

2018_meduse-mare.jpg

MEDUSE
Danza sinuosa
trasparenti meduse
fascino e plancton

@Silvia De Angelis

 

LA PALUDE DI TORRE FLAVIA, di Silvia De Angelis

3711723_1400_img_20180505_wa0007

La Palude di Torre Flavia, al confine tra i Comuni di Cerveteri e Ladispoli (Roma), è una zona umida di grande importanza per la tutela dell’avifauna migratoria e per la conservazione di rare tracce di quello che fu l’ambiente costiero laziale, con dune sabbiose e un ampio sistema di laghi, stagni e acquitrini, grandi foreste di pianura e una speciale ricchezza faunistica, testimoniata, oggi, dalla documentazione storica.

La palude ospita ecosistemi necessari alla sopravvivenza di molte specie animali e vegetali, minacciate dalla crescita delle pressioni antropiche lungo la fascia costiera.

Il luogo ospita numerose specie di avifauna migratrice, come quelle dell’airone, dell’alzavola, della anatra, del cigno, del fenicottero, del gabbiano, del mignattaio, del limicolo, che utilizzano questi ambienti paludosi, ricchi di substrato organico. Infatti si possono trovare resti organici di alghe, molluschi ed erbe marine, che si accumulano come detriti.

Per quanto riguarda i mammiferi sono presenti poche specie tra cui la talpa romana, il pipistrello, il topo domestico, l’istrice, la nutria, la volpe comune, la donnola e la faina. Continua a leggere “LA PALUDE DI TORRE FLAVIA, di Silvia De Angelis”

Come il volo del gabbiano, di Grazia Torriglia

come il volo

di Grazia Torriglia

Come il volo del gabbiano

Sarà leggera come il volo del gabbiano
una sapiente carezza sulle rughe
e silenzioso come il calar del sole
un tenero bacio sulla fronte

sarà camminare lungo due vie parallele
per ritrovarsi nei pensieri assorti là dove s’ incontrano le malinconie
e si canta al tramonto e alla luna nascente.

Grazia Torriglia@