Sabato e domenica senza Sole, di giorgiolevi

unnamed

di giorgiolevi

Il Sole 24 Ore non sarà in edicola sabato e domenica e negli stessi giorni il sito non sarà aggiornato. La redazione ha scelto di scioperare per due giorni di fronte alla decisione dell’azienda di disdettare unilateralmente un accordo integrativo, con l’immediata conseguenza di un taglio delle retribuzioni.

Una protesta che porta il giornale a non essere in edicola per ben 4 giorni e che non è stata certo presa a cuore leggero. La mossa dell’azienda, un atto senza precedenti nella storia delle relazioni sindacali del Sole 24 Ore, è tanto più ingiustificata perché arriva a soli 10 mesi dalla firma di uno stato di crisi che ha condotto all’uscita 35 colleghi, con sensibili risparmi. Continua a leggere “Sabato e domenica senza Sole, di giorgiolevi”

Mentana: “Nel giornalismo non si assumono i giovani perché i vecchi non se ne vanno”. E tu, direttore?

mentana

da GIORGIO LEVI

Leggo su Huffington Post e riporto. Aggiungo soltanto che Mentana aveva detto più o meno le stesse cose qui a Torino una quindicina di giorni fa. Ma i vecchi chi sono? E tu direttore come ti collochi? Giovane o anziano?

Una domanda tipica per chiunque voglia intraprendere una carriera nel mondo del giornalismo: “Quale può essere una soluzione per il futuro per un giovane che vuole fare il giornalista?”. La risposta del Direttore del Tg La7, Enrico Mentana, all’università di Firenze per un’iniziativa sul giornalismo al tempo del web, è secca: “Un piano B è una cosa importante”. Continua a leggere “Mentana: “Nel giornalismo non si assumono i giovani perché i vecchi non se ne vanno”. E tu, direttore?”

Equo compenso anche per freelance, partite Iva e Co.co.co

equo freelance

GIORGIO LEVI

La norma sull’equo compenso per i professionisti, all’interno del Collegato fiscale alla legge di Bilancio per il 2018, è stata pubblicata in Gazzetta ufficiale.

La nuova legge prevede numerose misure e introduce un principio-tutela per il quale i professionisti avranno un minimo salariale sotto il quale non si potrà scendere, determinato proporzionalmente alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, al contenuto e alle caratteristiche della prestazione. Continua a leggere “Equo compenso anche per freelance, partite Iva e Co.co.co”

Uscito il primo report del Pd sulle fake news

Uscito fake-news

Uscito il primo report del Pd sulle fake news. La guerra con Di Maio e Salvini da GIORGIOLEVI

Matteo Renzi l’aveva promesso all’ultima Leopolda: “Realizzero un rapporto periodico sul fenomeno delle fake news”. Così, oggi è uscito il primo rapporto. Con tutta la coda di polemiche con Di Maio e Salvini. La sintesi si può leggere agevolmente qui su NextQuotidiano. Chi vuole entrare nei dettagli può leggersi l’intero studio allegato qui di seguito.In allegato il pdf della ricerca: Report del Pd sulle fake news

https://giorgiolevi.com

La risposta di Tim a Consob sulla cessione di Persidera, joint venture con Gedi nel settore televisivo

Gedi

da GIORGIOLEVI

Tim ha reso pubblica, con un comunicato, la risposta inviata a Consob che aveva chiesto chiarimenti sulla cessione di Persidera, società nel settore della comunicazione televisiva nata nel 2014 da una joint venture tra l’operatore telefonico e Gedi, ex Gruppo Espresso. Gedi (attraverso Rete A) detiene il 30% del capitale, mentre il restante  70% è nel portafoglio di Tim, titolare di Telecom Italia Broadcasting.

Persidera si è proposta in questi anni sul mercato italiano come il più importante operatore di rete indipendente dotato di cinque multiplex digitali nazionali, con un’infrastruttura di grande capillarità e capace di erogare servizi ad elevato standard qualitativo. Ed è stata il fornitore di riferimento dei principali editori televisivi del mercato in Italia. Continua a leggere “La risposta di Tim a Consob sulla cessione di Persidera, joint venture con Gedi nel settore televisivo”

La foto di Mussolini in prima pagina per sminuire il blitz fascista a Repubblica. Libero supera se stesso

unnamed

di giorgiolevi

Ogni volta penso che i titoli di Libero andrebbero presi per quel che valgono. Cioè, niente. Un giorno sono gli immigrati, un altro lo ius soli, poi i musulmani, i comunisti, gli sbarchi, la Boschi. Titoli al limite della decenza, della deontologia professionale, della correttezza umana. Lo sono fatti così, quel poco che vendono in edicola si basa sulla provocazione estrema. Arriveremo anche agli ebrei, quando il vento dell’antisemitismo piomberà sulla nostra politica, e non manca molto.

Tuttavia, oggi questo titolo in prima pagina non è una provocazione, è una stupidaggine. Una sciocchezza storica, che dà la misura della conoscenza. Mussolini ha mandato a morire milioni d’italiani, in guerra, nei campi di concentramento, con il massacro di partigiani combattenti e civili patrioti. Alla fine ha fatto la fine che meritava. Ci vorranno altri cento anni per dimenticare quei milioni di morti, altroché “Il nemico è ancora il duce”. Continua a leggere “La foto di Mussolini in prima pagina per sminuire il blitz fascista a Repubblica. Libero supera se stesso”