Muovi i capelli, di Giuseppe La Mura

Muovi i capelli, di Giuseppe La Mura

https://giuseppelamura.wordpress.com/

Muovi i capelli

Muovi i capelli

Come se fosse il vento a muoverli

È così che poi anche le labbra

Si muovono da sole

Camminano verso i baci

E verso l’amore

Un pò come le farfalle

Che volano senza pensarci

Come pure le parole

Scritte così

Alla fine d’ogni giorno

Son lì che parlano di me e di poesie

Mentre tu

Senza saperlo e neanche volerlo

Mi manchi da impazzire

E hai scritto anche oggi

Coi tuoi silenzi

Tante pagine nel mio cuore

E ci saranno ancora, di Giuseppe La Mura

E ci saranno ancora, di Giuseppe La Mura

https://giuseppelamura.wordpress.com/

E ci saranno ancora

E ci saranno ancora

Giorni come questi

Giorni dove le parole

Resteranno nascoste tra le nuvole

O forse appiccicate ai muri

Come fossero lucertole al sole.

E ci saranno ancora

Amori che cammineranno in silenzio

Uomini e donne schiacciate sotto ai muri

E per difendersi dalla paura

Correranno in fretta

Tra le fredde pietre

Per non lasciarsi incantare

Dalle sensuali sirene perse nelle notti.

E ci saranno ancora

Giorni di vuoti e solitudini

Che riempiremo di inspiegabili dolori

E forse ancora peggio,

Anche di inutili poesie.

Capita a volte, di Giuseppe La Mura

Capita a volte, di Giuseppe La Mura

https://giuseppelamura.wordpress.com/

Capita a volte

Capita a volte

di arrendersi alla pazienza,

di voler sfondare muri e porte,

per andare verso chi li erige

e non ci volge sguardo o parola.

Capita a volte,

di sentire un profondo senso di impotenza,

l’amaro della sconfitta.

Capita,

perchè vorresti capire, chiarire, parlare, dialogare. Continua a leggere “Capita a volte, di Giuseppe La Mura”

Se tutto fosse così semplice, di Giuseppe La Mura

Se tutto fosse così semplice, di Giuseppe La Mura

https://giuseppelamura.wordpress.com/

se tutto

Se tutto fosse così semplice

non mi divertirei a cercare le parole

ad inventarmi le poesie,

a parlar da solo a un fiore.

avrei già te

e mi basteresti tutta

per darti tutto di me

le poesie,

non le scriverei qui da solo

ma coi sorrisi, guardando te

con gli abbracci, stringendo te

con le attese di un tuo si, baciando te.

E allora scrivo

cerco le emozioni nascoste tra le parole,

cerco la poesia che può esserci in un fiore,

e mi invento Te.

 

Giuseppe La Mura nov 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

C‘è una emozione, di Giuseppe La Mura

C‘è una emozione, di Giuseppe La Mura

https://giuseppelamura.wordpress.com/

C‘è una emozione

C‘è una emozione

Che cerchi di nascondere

Sai,

L’incomprensione fa male.

È come parlarsi in una lingua diversa

È come stare in un luogo che non è casa

L’incomprensione la subisci

Perchè cerchi di farti capire

Ma dall’altra parte

Ogni verso del tuo rigo

E tutte le tue parole vengo lette all’incontrario. Continua a leggere “C‘è una emozione, di Giuseppe La Mura”

Mi manchi, di Giuseppe La Mura

Mi manchi, di Giuseppe La Mura

https://giuseppelamura.wordpress.com/

Mi manchi

Mi manchi

Perchè con la tua voce

Ci facevo l’amore.

Quando eri accanto a me

Ti accarezzavo con gli occhi

Entravo nei tuoi pensieri

Mi aprivi il cuore

Perchè avevi lo stesso desiderio

Di stare lì con me

E colmarti la solitudine

Mentre mi parlavi

Mentre mi amavi. Continua a leggere “Mi manchi, di Giuseppe La Mura”

Basta un alito di vento… di Giuseppe La Mura

Basta un alito di vento… di Giuseppe La Mura

Basta un alito di vento

ti diranno

che in fondo sai vivere,

sai sorridere

sai scrivere il tuo tempo.

Ma non conoscono

che sai soffrire bene

sai portare il dolore

come fosse un fiore

un raggio di sole,

una canzone appena accennata quando dentro di te piove

e fuori c’è il sole.

ti diranno un mucchio di cose

saranno come foglie,

come cenere,

basterà un alito di vento che spazzerà tutto via

e tra i silenzi ti resterà il nulla,

il peso del dolore.

E‘ trascorso del tempo, di Giuseppe La Mura

E‘ trascorso del tempo, di Giuseppe La Mura

è trascorso del tempo

E‘ trascorso del tempo

le parole sembrano dei ponti su cui cammini

e si sgretolano l’attimo dopo il tuo passaggio.

non ricordi più il trascorrere dell ore,

anestetizzata a qualsiasi forma di dolore.

Qualcuno ti sta accanto,

è la luce,

ti riempie silenziosamente gli angoli freddi di calore.

E’ la tua vita

ma non senti più così vivo il peso del suo odore

e ti dimentichi ogni giorni

delle promesse fatte

 quando dicevi di scrivere per sempre

la parola Amore.

 Giuseppe La Mura ott 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: from Movie “To The Wonder”

Tutto ricomincia, di Giuseppe La Mura

Tutto ricomincia, di Giuseppe La Mura

Tutto ricomincia

Tutto ricomincia

A partire dai giorni d’un calendario

Si susseguono gli anni

E non importa contarli

Ma viverli con il cuore

Lontano dalle paure e gli inganni.

E sento che sussurra il vento

Mi porta la tua voce

Vuoi chiedermi se anche

In questi nuovi giorni

Avrò sempre cura di Te.

Resterai sospesa

Come le parole sorrette dalle righe.

Ti sfiorerò senza mai toccarti

Ti amerò in bilico

Come sempre.

 

Giuseppe La Mura ott 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

E‘ già mattino, di Giuseppe La Mura

E‘ già mattino, di Giuseppe La Mura

E‘ già mattino

E‘ già mattino

sembra di aver dormito in spiaggia.

il sale che brucia

la sabbia che irrita gli occhi.

Guardi alla notte trascorsa,

come fosse stato un lungo viaggio agitato.

Una notte che ha il sapore della guerra,

dell’odore del sangue gettato per terra, 

la sconfitta.

E di ciò che ti avanza di questa notte

lo serbi nel cuore,

lo stringi nei silenzi

tra pianti, paure, fragilità

illusioni e ingenuità.

Avanzano le ore,

le lancette avanti e dietro di loro il tempo,

e prima che la luna faccia ancora notte

troverai un giaciglio dentro di te,

nel mare della dignità

per dare al cuore

un volto nuovo.

troverai uno spazio notturno

dove gettare via il peso inutile dei soldi

delle avidità e delle sue vanaglorie.

Un giorno, forse, afferrerai che son stupide zavorre

che inchiodano l’anima

e sottraggono parole.

E solo allora,

ritroverai strade malinconiche

cammini sgombri

di nuvole e sale

perchè dietro di essi

scoprirai che si cela

il vero mistero dell’amore.

Giuseppe La Mura ott 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Quante volte il cuore, di Giuseppe La Mura

Quante volte il cuore, di Giuseppe La Mura

Quante volte il cuore

Quante volte il cuore

avrà percorso quelle strade

che conosci fin troppo bene

già da ragazzina.

quante volte ancora

ti ostinerai a ripercorrerle

ogni giorno, istante, battito, primavere e anni avvenire.

e ogni volta sarà sempre come la prima volta.

ti batterà forte il cuore,

oh si che ti batterà sempre più forte,

fino ad arrivarti in gola,

come quando correvi per non far tardi a scuola. Continua a leggere “Quante volte il cuore, di Giuseppe La Mura”

E così arrivò l’autunno, di Giuseppe La Mura

E così arrivò l’autunno, di Giuseppe La Mura

e così

E così arrivò l’autunno

i colori si smarrirono lungo i viali d’un tramonto

Restiamo tinti d’arancio e giallo.

Le matite

Con le quali dipingemmo l’estate le consumammo

ma non dimenticammo i nostri baci incisi nel cuore.

Quelli restano lì,

Inchiodati come foglie alle radici

Come il verde lega la speranza

e mi ricordano e mi parlano sempre di Te

di quando eravamo a letto

di quando fumavano dopo aver fatto all’amore Continua a leggere “E così arrivò l’autunno, di Giuseppe La Mura”

Amarti, di Giuseppe La Mura

Amarti, di Giuseppe La Mura

Amarti

Amarti

È nel vederti cos’hai dietro gli occhi

E sentire che sprofondi dentro

Nell’inconsistenza dei miei silenzi

Nel vuoto che lasci

Quando mi lasci,

 E porta via tutto di Te,

Tranne i profumi

Che restano appiccicati come i tuoi occhi

Sulla mia pelle.

Ti prendi i miei desideri

Li lasci posare sulle tue labbra

E non li mordi.

Li assapori soltanto.

Lasci che intraveda le tue gambe

Svolazzi via quella veste e la camicia appena aperta

Che a malapena racchiude i tuoi seni caldi.

Cosi mi fai morire

Mi prendi e mi tieni sospeso

Arrapandomi il Cuore.

 

Giuseppe La Mura ott 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Troverai un modo, di Giuseppe La Mura

Troverai un modo, di Giuseppe La Mura

troverai

troverai un modo

per dar un senso a questa notte

proverai a raccontarti un sogno

un intimo desiderio

cercherai il modo di assaporare cos’è un bacio

prenderai una pesca vellutata

e la morderai così

gusterai ogni singolo morso

il sapore della polpa in bocca

e arriverai lentamente al nocciolo

sentirai la rudezza della vita

l’amaro insieme al dolce

 

Giuseppe La Mura set 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

https://giuseppelamura.wordpress.com/