Se si fanno le cose per il Paese il governo va avanti 4 anni

Se si fanno le cose per il Paese il governo va avanti 4 anni

di Luigi Di Maio ( Capo Politico del MoVimento 5 Stelle ) Di seguito la mia intervista al Corriere della Sera

luigi-di-maio-30124.660x3681.jpg

«Bisogna dire la verità al Paese». «La Lega sia responsabile Hanno vinto le Europee dimostrino qualcosa».

Luigi Di Maio, continua a ripetere che il governo durerà altri 4 anni ma intendete andare avanti così, litigando su tutto?
«Per noi il governo va avanti se fa le cose per gli italiani e se agli italiani dice la verità. Francamente non vedo litigi, vedo solo continui attacchi al M5S. Una volta sul salario minimo, un’altra sull’Europa, è un continuo e mi dispiace, ma se si fanno le cose per il Paese il governo va avanti 4 anni».

Intanto ieri vi siete scontrati sul voto per von der Leyen: ora l’Italia rischia l’irrilevanza nella nuova Commissione?
«Vede? Nessuno si è scontrato, noi non ci siamo scontrati, siamo stati attaccati ingiustamente. Dovrebbe chiedere alla Lega perché ha cambiato idea all’ultimo minuto. Dovrebbe chiedere loro perché hanno attacco noi e non Orbàn, che sono loro alleati e hanno votato la von der Leyen. Ecco, attaccassero Orbàn invece che il M5S. Pensi che alcuni europarlamentari leghisti hanno anche candidamente ammesso di aver dissimulato. Quindi che dobbiamo pensare?».

Che succede ora?
«Abbiamo sempre detto che il voto delle Europee è stato chiaro e spetta alla Lega la nomina del commissario. Se ora sono in grado di farselo nominare un commissario, dopo essersi isolati in Europa, ben venga. Altrimenti gli diamo una mano. Ad ogni modo in Europa daremo tutto il supporto necessario. La responsabilità è della Lega. Ripeto: hanno vinto le elezioni, ora sono loro prima degli altri a dover dimostrare qualcosa agli italiani».
Continua a leggere “Se si fanno le cose per il Paese il governo va avanti 4 anni”

Non metteremo le mani nelle tasche degli italiani !, di Pier Carlo Lava

Non metteremo le mani nelle tasche degli italiani !

Ma in quelle dei pensionati, tanto sono già abituati, visto quello che succede da anni alle pensioni potremmo dire: “Governo che vai stesso provvedimento che trovi”.

pensionati anziani-che-camminano-con-le-mani-dietro-la-schiena copia.jpg

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Aveva iniziato Matteo Renzi con un provvedimento di legge che successivamente era stato dichiarato incostituzionale dalla Corte Costituzionale, ma che nonostante tutto questa sentenza aveva sortito un esito relativo dato la parziale restituzione del maltolto… .

Caduto Renzi i pensionati italiani pensavano che finalmente sarebbe finita, tanto più che il Governo Giallo Verde aveva espressamente dichiarato Non metteremo le mani nelle tasche degli italiani”, ma purtroppo questa è stata una promessa non mantenuta. Infatti recentemente è stato varato un provvedimento di legge che toglie dalle tasche dei pensionati ben 3,5 miliardi di euro, dei quali solo 250 milioni a chi percepisce redditi da pensione definiti d’oro da oltre i 100.000 euro, una platea di circa 24.000 persone, con tassazioni che vanno dal 10 al 40% e sin qui anche se parliamo di diritti acquisiti forse… ci potrebbe anche stare.

Pensioni “d’oro”

Dal 1° gennaio 2019, e per la durata di 5 anni, le pensioni, i cui importi complessivamente considerati eccedano la soglia di 100 mila euro lordi annui, vengono ridotte con applicazione di aliquote di riduzione crescenti per specifiche fasce di importo.

Le aliquote di riduzione sono le seguenti:

– 15% da euro 100 mila a euro 130 mila; – 25% da euro 130 mila a euro 200 mila; – 30% da euro 200 mila a euro 350 mila; – 35% da euro 350 mila a euro 500 mila; – 40% oltre 500 mila. Continua a leggere “Non metteremo le mani nelle tasche degli italiani !, di Pier Carlo Lava”

Quando la coperta è corta… di Pier Carlo Lava

Modi di dire: Quando la coperta è corta…

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Quando la coperta è corta è un termine solitamente usato in economia, nei casi in cui sia il Governo Nazionale che gli enti locali abbiano difficoltà di bilancio, anche se ovviamente si adatta perfettamente anche nel contesto molte altre situazioni esistenti da tempo nella nostra società.

1a debito-pubblico-lira-640x342 copia

In tema di enti locali calza a pennello nell’attuale situazione del Comune di Alessandria che presenta un debito di 79 milioni di euro, quale la conseguenza di un accumulo derivante dalla malagestio delle varie amministrazioni che si sono succedute negli ultimi decenni, anche se va detto con diversi livelli di responsabilità.

Quando la coperta è corta… è un modo dire che è insufficiente, perciò chiunque si trovi in questa condizione deve scegliere se coprire i piedi, lasciando scoperta una parte del corpo, oppure se coprire il corpo lasciando scoperti i piedi.

Nella società in tema di economia domestica si può definire come segue: o si usano i soldi per i bisogni quotidiani e per ripianare in debiti contratti, oppure, come fanno in molti in questi ultimi decenni, si continua a vivere al di sopra delle proprie possibilità facendo altri debiti e scaricando le proprie difficoltà sul futuro e sugli altri.

Questi persone fanno proprio quello che recita il motto dell’art. quinto, “chi ha il grano in mano ha vinto”… Continua a leggere “Quando la coperta è corta… di Pier Carlo Lava”

Valenza: Pettazzi, grazie alla Lega rilancio comparto orafo è obiettivo Governo

Valenza: Pettazzi, grazie alla Lega rilancio comparto orafo è obiettivo Governo

Alessandria, 18 apr – “Grazie alla Lega, il rilancio del comparto orafo di Valenza è un obiettivo chiaro e preciso di questo Governo. Il suo inserimento nel progetto di Unioncamere, per il rilancio di una rete di laboratori che coinvolga le aree rappresentative dei distretti dell’oro, è all’attenzione del Ministero per lo Sviluppo economico.

Risposta Governo 1di2Risposta Governo 2di2

Continuiamo vigilare a sostegno di questa prospettiva e a lavorare affinché si avvii un percorso virtuoso di riorganizzazione del polo produttivo della gioielleria di alto livello qualitativo che possa coniugare la manualità della lavorazione, l’originalità dell’ideazione e la tradizione artigiana con una strategia vincente in chiave 4.0″.

Così il deputato alessandrino della Lega Lino Pettazzi a proposito della risposta del Mise alla sua interrogazione sul comparto orafo di Valenza sottoscritta da tutti i deputati del Carroccio in Commissione Attività produttive della Camera e dai deputati alessandrini Riccardo Molinari (capogruppo Lega alla Camera) e Rossana Boldi (vice presidente Commissione Affari Sociali della Camera). 

Intervista a Fabrizio Priano F.lli d’Italia, candidato alle Elezioni della Regione Piemonte

Intervista a Fabrizio Priano F.lli d’Italia, candidato alle Elezioni della Regione Piemonte

di Pier Carlo Lava

Alessandria, abbiamo incontrato Fabrizio Priano F.lli d’Italia, candidato alle Elezioni della Regione Piemonte per un intervista, nel video allegato le sue risposte alle seguenti domande:

F.lli d'Italia

Dopo una lunga militanza in Forza Italia e PDL hai aderito a F.lli d’Italia, ci spieghi i motivi di questa decisione?

Quali sono i punti salienti della politica di F.lli d’Italia?

Come valuti sinora l’azione di Governo Lega – M5S?

Come valuti sinora l’azione di Governo di Centro sinistra della Regione Piemonte?

Ti candidi per le Elezioni regionali del Piemonte, per quali motivi gli elettori dovrebbero votarti?

Come valuti l’azione dell’attuale Governo di Alessandria?

Quali sono le cose che tu avresti fatto per la città e quali che non avresti fatto?

video: https://youtu.be/W_qj6kzIynY

 

La Flat tax al 15% della Lega e l’Art 53 della Costituzione italiana…

La Flat tax al 15% della Lega e l’Art 53 della Costituzione italiana…

di Pier Carlo Lava

Governo:

La lega dopo un provvedimento simile su partite Iva e professionisti con reddito sino a 65.000 euro propone di applicare una Flat tax del 15% anche per le famiglie i cui redditi dei componenti sommati arrivano a 50.000 euro.

La proposta di Matteo Salvini verrebbe applicata a tutte ad eccezione di quelle relative alla fascia più povera della popolazione per la quale l’aliquota sarebbe zero.

Schermata 2019-03-18 a 12.28.09

Armando Siri Sottosegretario leghista afferma che secondo i calcoli effettuati “riguarderebbe 28 milioni di famiglie, 50 milioni di persone e 35 milioni di contribuenti, per attuarla sarebbero necessari 12 miliardi di euro che andrebbero trovati con tagli di spesa, rimodulazione delle agevolazioni fiscali e utilizzando un po di utile flessibilità dei conti”.

Inoltre si potrebbero anche toccare gli 80 euro del Governo Renzi, ma a condizione che il risultato finale sia la riduzione complessiva della pressione fiscale.

Una proposta che però non piace a Luigi Di Maio M5S “Costa troppo, è una promessa alla Berlusconi” e rilancia con la proposta:  “Ridurre scaglioni e pressione fiscale” sulle aliquote dell’attuale sistema di imposta progressiva.

Secondo la Lega la Flat tax è nel programma di Governo, quindi si apre così dopo la Tav un altro punto di divergenza e scontro con il movimento guidato da Luigi Di Maio. Continua a leggere “La Flat tax al 15% della Lega e l’Art 53 della Costituzione italiana…”

Matteo Renzi. Enews 569 Sabato 2 marzo 2019

Matteo Renzi. Enews 569 Sabato 2 marzo 2019

Se vuoi leggere le altre Enews, clicca qui

Enews straordinaria giusto per un breve saluto su primarie, Governo e libro.

unnamed

1. Primarie. Oggi si vota per le primarie del PD. Auguri ai tre candidati: Martina, Zingaretti, Giachetti. Mi fa piacere che tutti e tre abbiano escluso accordi coi Cinque Stelle e ritorni al passato. Chiunque vinca non dovrà temere da parte mia alcuna guerriglia come quella che io ho subito. Alcuni media dicono che si deve andare a votare “contro Renzi”. Io penso che sia il riflesso condizionato di chi a sinistra combatte da sempre il Matteo sbagliato. Le primarie del PD sono per l’Italia; al massimo sono contro Salvini e Di Maio. Ok, anche se votasse meno gente dell’altra volta non significa nulla: il PD è l’unica forza politica che si affida alla democrazia, altro che piattaforma Rousseau. Grazie ai volontari dei gazebo!!

2. Sono ottimista sul futuro dell’economia mondiale perché penso che Usa e Cina faranno l’accordo sul commercio. Sono preoccupato invece sul futuro dell’economia italiana perché il PIL scende (e il debito sale, occhio alle agenzie di rating please), il lavoro arranca, l’industria dell’auto rischia, la fiducia stenta. E il Governo? Il Governo dorme. In questo scenario il premier Conte annuncia un piano anti dissesto idrogeologico che era un piano realizzato da noi cinque anni fa (Italia sicura) e su cui nessuno ricorda che proprio Conte, come primo atto, aveva chiuso la nostra unità di missione e liquidato il progetto Casa Italia. Hanno fatto perdere otto mesi e tanto PIL all’Italia con la loro incompetenza. E adesso vediamo che cosa si inventano per giustificare la marcia indietro sulla Tav. Continua a leggere “Matteo Renzi. Enews 569 Sabato 2 marzo 2019”

Atp Finals Tennis, Rosso (FdI): Roma continua a maltrattare Torino 

Atp Finals Tennis, Rosso (FdI): Roma continua a maltrattare Torino 

“Torino ancora una volta è maltrattata da Roma, qualunque sia il governo”, lo dichiara Roberto Rosso, capogruppo in Comune per Fratelli d’Italia.

roberto_rosso

“Ci hanno scippato le Olimpiadi ci stanno provando con il Salone del libro – prosegue – ora per le Atp Finals di Tennis dobbiamo sperare che, grazie alla proroga, qualcuno da lassù rinsavisca e cambi idea e si decida di investire su questa città che malgrado la profonda crisi economica e sociale che sta vivendo continua a versare all’Erario molte più tasse di quanti fondi riceva”.

“Azzerare i vertici di Bankitalia e Consob” Il governo torna unito – La Stampa

Salvini e Di Maio si ricompattano nell’attacco agli istituti di vigilanza, accusati per i crac bancari. «Non vogliamo confermare le persone ai loro posti dopo quello che hanno fatto in passato»

Sorgente: “Azzerare i vertici di Bankitalia e Consob” Il governo torna unito – La Stampa

IRES terzo settore, Berutti (FI) “abbiamo corretto grave errore del Governo”

IRES terzo settore, Berutti (FI) “abbiamo corretto grave errore del Governo”

Roma, 31 gennaio 2019 – “Dopo averlo denunciato a dicembre, con la conversione del decreto semplificazioni avvenuta negli scorsi giorni abbiamo corretto il grave errore commesso dal Governo sull’IRES al terzo settore”.

massimo berutti

È quanto dichiara in una nota il senatore Massimo Berutti (FI) in relazione all’emendamento convintamente sostenuto da Forza Italia al Senato che ha cancellato il raddoppio, voluto dal Governo, dell’imposta sul reddito delle società (IRES) per gli enti che svolgono attività sociali, culturali e con fini solidaristici.

“Come avevo evidenziato a dicembre, l’attacco del Governo a realtà che sono la forza del nostro Paese ha messo a repentaglio il principio di sussidiarietà e la stessa esistenza di fondazioni, enti e associazioni alle quali veniva raddoppiata la pressione fiscale. Si tratta di realtà che svolgono compiti irrinunciabili, per le quali avevo promesso di impegnarmi. Il congelamento dell’aliquota è espressione concreta di quell’impegno e dell’attenzione che intendo rivolgere loro anche in futuro”.

Legambiente: “Nel 2019 si rischia un taglio del servizio. Basta parlare di Tav; qual è la strategia di Governo e Regione per i pendolari?”

Legambiente: “Nel 2019 si rischia un taglio del servizio. Basta parlare di Tav; qual è la strategia di Governo e Regione per i pendolari?”

Legambiente presenta Pendolaria, il Rapporto sullo stato del trasporto ferroviario in Italia. Treni, in Piemonte scende il numero dei pendolari. Legambiente: “Servono risorse per il servizio ferroviario regionale. I dati dimostrano che la Tav è una falsa priorità” Legambiente: “Nel 2019 si rischia un taglio del servizio. Basta parlare di Tav; qual è la strategia di Governo e Regione per i pendolari?”

legambiente piemonte e valle d'aosta

C’è un’Italia in movimento, che aspetta il treno. Il trasporto ferroviario è un po’ lo specchio del Paese e delle sue contraddizioni, con segnali di straordinaria innovazione e regioni dove, invece, il degrado del servizio costringe centinaia di migliaia di persone a rinunciare a prendere il treno per spostarsi.

A raccontare quanto succede sulle ferrovie italiane è il rapporto Pendolaria di Legambiente, che dal 2008 analizza ogni anno la situazione del trasporto ferroviario in Italia, con numeri e storie e il duplice obiettivo di illustrare i risultati di politiche e investimenti e di dare forza alla costruzione di un paese più sostenibile.

Il numero dei passeggeri a livello nazionale aumenta, toccando quota 5,59 milioni e segnando un nuovo record rispetto al 2012 (+7,9% in 4 anni). Sono infatti 2 milioni e 874 mila coloro che ogni giorno usufruiscono del servizio ferroviario regionale e 2 milioni e 716 mila quelli che prendono ogni giorno le metropolitane, presenti in 7 città italiane, in larga parte pendolari. E per entrambi i numeri sono in crescita, come per l’alta velocità.

Ma il paradosso c’è: diminuiscono i chilometri di linee disponibili e la crescita nasconde differenze rilevanti nell’andamento tra le diverse Regioni e tra i diversi gestori. In alcune parti del Paese la situazione è migliorata, mentre in altre è peggiorata e si è ampliata la differenza nelle condizioni di servizio. Continua a leggere “Legambiente: “Nel 2019 si rischia un taglio del servizio. Basta parlare di Tav; qual è la strategia di Governo e Regione per i pendolari?””

Cassulo (Lega): “Dal Governo quasi 8 milioni di euro ai piccoli e medi comuni dell’Alessandrino.

Cassulo (Lega): “Dal Governo quasi 8 milioni di euro ai piccoli e medi comuni dell’Alessandrino. Finalmente ripartono gli investimenti per strade, scuole, edifici pubblici” 

“Finalmente i piccoli comuni possono respirare, e ricominciare a progettare il futuro con un minimo di serenità: solo in provincia di Alessandria sono in arrivo in questi giorni contributi del Governo per quasi 8 milioni di euro, indirizzati ai centri con meno di 20 mila abitanti. Ossia quelli finora più trascurati in assoluto: un bel cambio di passo, e di prospettiva. Era ora!”

pier sandro cassulo

Pier Sandro Cassulo è responsabile della Lega per gli enti locali in provincia di Alessandria, e segretario del Carroccio ad Ovada:  per 25 anni è stato sindaco di Capriata d’Orba (di cui è attualmente consigliere comunale). Per cui la situazione dei piccoli comuni di casa nostra la conosce a fondo, ed è in grado di apprezzare in modo particolare la ventata di novità, e la forte ‘iniezione finanziaria’ voluta in particolare dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“Già nei mesi scorsi – sottolinea –  era stata molto gradita dai nostri amministratori la decisione del Governo di ‘sbloccare’ l’utilizzo degli avanzi di amministrazione per gli investimenti, dopo anni di restrizioni paradossali, decise dai precedenti esecutivi di centro sinistra, per cui anche chi aveva soldi in cassa non poteva di fatto utilizzarli. Ora, grazie alla Finanziaria 2019 fortemente sostenuta dalla Lega, arrivano finanziamenti fondamentali, che significano per i nostri comuni la possibilità  di intervenire concretamente sul recupero di strade, edifici pubblici, scuole. Si rimette insomma mano, finalmente, ad un patrimonio immobiliare che gli enti locali erano stati nei fatti costretti a tenere ‘congelato’, con un progressivo deterioramento di strutture che ora potremo far rinascere, grazie al provvidenziale provvedimento del Governo”. Continua a leggere “Cassulo (Lega): “Dal Governo quasi 8 milioni di euro ai piccoli e medi comuni dell’Alessandrino.”

Matteo Renzi. PD: Governo è troppo impegnato a litigare per produrre atti su cui discutere e votare

Matteo Renzi. PD: Governo è troppo impegnato a litigare per produrre atti su cui discutere e votare

Matteo Renzi. Enews 561 Lunedì 14 gennaio 2019

Buongiorno a tutti. Vi scrivo dal Portogallo dove sono per conferenze e incontri. Tornerò comunque in Senato già nelle prossime ore, ma anche questa settimana il Senato rinvia i propri lavori: il Governo è troppo impegnato a litigare per produrre atti su cui discutere e votare, infatti. E i decreti sul reddito di cittadinanza sono stati rinviati. Io, nel frattempo, stamattina mi sono svegliato davanti all’Oceano, giusto in tempo per pensare a una bellissima canzone di Francesco Guccini.

matteo renzi

Vorrei ringraziarvi per gli auguri di buon compleanno (si invecchia, siamo già a 44) e per le tantissime email su Firenze Secondo Me che hanno accompagnato l’ultima enews. Non riesco davvero a spiegare fino in fondo quanto questo progetto sia stato importante per me e quanto sia convinto della necessità di una gigantesca, capillare, profonda battaglia educativa. Ma dalle email che leggo vedo che molti di voi l’hanno colta meglio di me.

La battaglia educativa e culturale prosegue anche con i Comitati Civici che moltiplicano le loro attività in tutto il Paese (qui Roma la settimana scorsa). Per fondare un comitato, questo è il link. È bello vedere i comitati che si inventano iniziative, valorizzano nuove persone, che fanno rete. Cresce in tutta Italia l’esigenza di un’alternativa politica e culturale. E anche i comitati vanno in questa direzione. Suggerisco a tutti di leggere uno straordinario pezzo di Mauro Berruto, che trovate qui, e che sintetizza meglio di molti altri la situazione che stiamo vivendo.

Quanto alle notizie della settimana, ho fatto una lunga diretta facebook, con l’ormai tradizionale #TopTen venerdì 11 gennaio dal mio ufficio in Senato. Se vi interessa, la trovate qui. Si spazia su tutto: dal ricordo di De Andrè alla polemica di Salvini contro Claudio Baglioni, dall’interrogazione parlamentare per richiamare l’attenzione sui Curdi dopo l’annuncio del ritiro degli americani dalla Siria fino alla decisione di mettere soldi pubblici a garanzia di una banca, la Carige, facendo copia e incolla del Decreto Gentiloni sul Monte dei Paschi di Siena.

Mi limito allora in questa enews ai tradizionali tre punti. Continua a leggere “Matteo Renzi. PD: Governo è troppo impegnato a litigare per produrre atti su cui discutere e votare”

Reddito e quota 100, slitta consiglio ministri. «Ammessi 260.000 invalidi»

Reddito e quota 100, slitta consiglio ministri. «Ammessi 260.000 invalidi»

Giovedì 11 Gennaio 2019

4221918_1207_dimaio

Un tesoretto di 400 milioni per il reddito di cittadinanza. Che «non perde 400 milioni, anzi c’è un tesoretto di 400 milioni perché – ha spiegato Luigi di Maio a Radio Anch’io – alzando la soglia dei soggiornanti a 10 anni, abbiamo ridotto la platea degli stranieri e ci avanzano questi soldi che ridistribuiremo in pensioni di cittadinanza e di invalidità e nei centri di impiego»… continua su: https://www.ilmessaggero.it/economia/news/reddito_cittadinanza_news_oggi_ultime_notizie-4221918.html

Cannabis legale, nuovo terreno di scontro tra Lega e M5S. ANSA.it

Salvini, proposta legalizzazione non passerà mai. Ministro, non è nel contratto di governo(ANSA)

La cannabis è il nuovo fronte di scontro tra Lega e Movimento 5 Stelle. La proposta di legalizzazione “non passerà mai e non è nel contratto di governo”. Lo ha detto il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini sulla proposta di legge del Movimento 5 Stelle sulla cannabis, a margine dell’inaugurazione della sede dell’Ugl a Milano. “C’è qualche parlamentare che si preoccupa di legalizzare le canne – ha ribadito Salvini successivamente in una diretta su Facebook – Non è una priorità del paese non c’è nel contratto di governo”.

Sulla stessa linea Forza Italia.  “La tutela dei giovani dalle dipendenze è un impegno che tutto il quadro politico dovrebbe condividere. Ecco perché siamo fermamente contrari ala legalizzazione della cannabis proposta dal Movimento 5 Stelle e tanto superficialmente caldeggiato dallo sesso Beppe Grillo”. Lo dichiara la deputata di Forza Italia Annagrazia Calabria.

“Quello che viene definito ‘uso ricreativo’ della cannabis – prosegue – è, in realtà, un grave pericolo per le nuove generazioni, che devono essere avviate a maturare la cultura della salute e del rispetto di sé, non dello sballo. Peraltro, quella che imprudentemente viene definita ‘droga leggera’, come dimostrano molti studi apre le porte al consumo di stupefacenti pesanti e può causare l’insorgere di patologie psichiche latenti. Il senso di responsabilità deve prevalere sulla demagogia”, conclude

Sorgente: Cannabis legale, nuovo terreno di scontro tra Lega e M5S – Politica – ANSA.it