Tragedia alla Volpato: figlio investe e uccide il papà sulla carrozzina

Tragedia alla Volpato: figlio investe e uccide il papà sulla carrozzina

L’incidente durante la retromarcia di un camion. Indagini in corso, area sotto sequestro

Il Piccolo

03 Agosto 2019 di MONICA GASPARINI http://www.ilpiccolo.net

aa 1564828875919.jpeg--volpato__figlio_investe_e_uccide_il_papa_sulla_carrozzina.jpeg

PONTESTURA – Un infortunio sul lavoro, ma anche una tragedia famigliare. Ieri sera ha perso la vita Bruno Volpato, 79 anni, che gestisce la ditta omonima.

L’uomo costretto a muoversi su una carrozzina per disabili è stato investito dal camion guidato dal figlio Marco, 47 anni, che stava facendo retromarcia. A nulla sono valse le urla di una persona che stava parlando con il 79enne, e che è riuscito a spostarsi poco prima dell’impatto. 

Sul posto sono intervenuti i tecnici dello Spresal, i Carabinieri di Pontestura e i colleghi del Norm di Casale diretti dal tenente Salvatore Puglisi. 

I medici del 118 hanno trasportato Bruno Volpato al pronto soccorso ma le lesioni sono risultate essere fatali. 

L’intera area è stata posta sotto sequestro, camion compreso. Marco Volpato è sotto indagine per omicidio colposo. Le indagini sono in corso. 

La ‘Volpato’ è un’officina meccanica per riparazione e manutenzione di auto e mezzi pesanti. 

Il Piccolo: Anziano ‘in fuga’ da casa imbocca l’autostrada contromano

Il Piccolo: Anziano ‘in fuga’ da casa imbocca l’autostrada contromano

E’ successo sulla bretella di Novi Ligure. Un 89enne si era allontanato e la moglie ne aveva denunciato la scomparsa

Il Piccolo

02 Agosto 2019 di ELIO DEFRANI http://www.ilpiccolo.net/

1564744182377.jpg--anziano__in_fuga__da_casa_imbocca_l_autostrada_contromano.jpg

immagine d’archivio

NOVI LIGURE — Per un 89enne francese di origini algerine è scattato il ricovero coatto in ospedale: l’anziano ha imboccato contromano la bretella autostradale di Novi Ligure, diretto verso la A7. Fermato dalla polizia stradale di Ovada, arrivata sul posto tempestivamente per evitare che potesse accadere una tragedia, ha dato in escandescenze e per lui – vista l’età – il medico del 118 ha disposto un trattamento sanitario obbligatorio.

L’89enne era alla guida di una Toyota Yaris con targa francese e ha imboccato la bretella tra la A26 e la A7 contromano, in direzione della Milano-Serravalle. La pattuglia della polstrada ci ha messo pochi minuti a rintracciare l’auto, che fortunatamente si era fermata all’interno dell’area di servizio Marengo Sud ma con il guidatore pronto a imboccare di nuovo il tratto contromano. Al volante gli agenti hanno trovato l’anziano E. S., in evidente stato confusionale tant’è che alla richiesta dei documenti ha dato in escandescenze. Sul posto è arrivata anche l’ambulanza e il medico ha disposto il ricovero all’ospedale di Novi Ligure.

La polizia stradale poi ha scoperto che l’uomo si era allontanato dalla propria abitazione a Gonfaron (nei pressi di Cannes) e la moglie ne aveva denunciato la scomparsa. L’auto è stata sottoposta a fermo e la patente dell’uomo revocata.

Il Piccolo: Rivalta Bormida, esplosione in casa, muore un uomo di 85 anni

Rivalta Bormida, esplosione in casa: muore un uomo di 85 anni

Il Piccolo.png

IL DRAMMA La vittima è Nino Pesce. Nell’abitazione anche la moglie

1564987042042_1564987061.jpg--rivalta_bormida__esplosione_in_casa__muore_un_ottantenne.jpg

05 Agosto 2019 di I.P. http://www.ilpiccolo.net/

RIVALTA BORMIDAUn forte rumore poi il drammatico epilogo. Nino (Stefano) Pesce, 85 anni di Rivalta Bormida, ha perso la vita per l’esplosione, probabilmente, della caldaia della sua abitazione di via Paolo Bocca, appena fuori paese. Il fatto è avvenuto nella tarda serata di domenica. Con lui anche la moglie Angela che, fortunatamente, non è stata coinvolta nella deflagrazione. Sul fatto stanno indagando i Carabinieri e i Vigili del Fuoco che dovranno accertare la natura del fatto. Non si esclude, al momento, un crollo strutturale. 

Con Loretta Pavan una storia di rivincita sulla malattia grazie allo sport

Con Loretta Pavan una storia di rivincita sulla malattia grazie allo sport

Lunedì 5 agosto il viaggio in bici da Vicenza alla Spagna fa tappa all’Ospedale

Il Piccolo.png

LA TESTIMONIANZA

04 Agosto 2019 di REDAZIONE http://www.ilpiccolo.net/

1564824839839.jpg--con_loretta_pavan_una_storia_di_rivincita_sulla_malattia_grazie_allo_sport.jpg

Loretta Pavan

ALESSANDRIA – C’è anche l’ospedale Santi Antonio e Biagio tra le tappe del lungo viaggio da Vicenza a Tarifa che Loretta Pavan affronterà in bicicletta come ultima sfida contro il cancro. All’ex imprenditrice di 58 anni nel 2006 è stato diagnosticato un tumore al seno, la stessa malattia che già si era portata via in giovane età le due sorelle.

Dopo un periodo difficile di ricoveri, interventi, terapie e bilanci, Loretta Pavan ha così deciso di cambiare vita saltando in sella alla sua bicicletta da cui non è ancora scesa. Oggi, sabato 3 agosto, infatti, parte insieme al compagno di avventure Giorgio Murari per un giro di 3.000 km, fino in Spagna, con un dislivello di 28 metri metri.

Un viaggio di tredici giorni in totale autonomia per affrontare e sconfiggere ancora una volta il tumore grazie allo sport, dopo aver già conquistato il Monte Grappa per ben 56 volte e Capo Nord l’anno scorso. Continua a leggere “Con Loretta Pavan una storia di rivincita sulla malattia grazie allo sport”

L’Ovadese Maela Mandelli ai vertici di Trussardi

L’Ovadese Maela Mandelli ai vertici di Trussardi

Il Piccolo.png

OVADA

La manager è stata nominata Chief Executive Officer e lavorerà al rilancio della maison italiana

29 Luglio 2019 ore 15:23 http://www.ilpiccolo.net/ di REDAZIONE

maela_mandelli_.jpg

A sinistra Maela Mandelli con Giuseppe Pinto da poco Chief Operating Officer

OVADA – Sarà Maela Mandelli il nuovo Chief Executive Officer della maison italiana Trussardi. La manager, ha ricoperto per sei anni il ruolo di managing director Paesi Bassi, Grecia, Medio Oriente e Africa di Pvh Corporation, il gruppo multibrand proprietario, tra gli altri, dei brand Calvin Klein eTommy Hilfiger.

In precedenza, ha maturato esperienze commerciali di rilievo in Diesel, in cui ricopriva la carica di global sale director, e in Nike, dove nel 2007, dopo dieci anni dal suo ingresso in azienda, è stata promossa a business director Emea per l’abbigliamento.

Ora sarà al fianco del presidente Tomaso Trussardi e si occuperà di accelerare il piano di rilancio e di sviluppo internazionale del gruppo promosso da QuattroR Sgr, la società di gestione del risparmio che da febbraio 2019 detiene il 70% del gruppo. 

Il Piccolo: Ultraleggero cade in autostrada, morto il pilota

Ultraleggero cade in autostrada, morto il pilota

logo_colored.png

ALESSANDRIA

Dramma sull’autostrada A26, nessuna auto coinvolta. Lo choc del testimone

29 Luglio 2019 ore 10:23 di MONICA GASPARINI

http://www.ilpiccolo.net

1564388031184.jpg--ultraleggero_cade_sull_autostrada__morto_il_pilota.jpg

ALESSANDRIA – Tragedia dei cieli poco fa nell’Alessandrino. Un ultraleggero si è schiantato sull’autostrada A26, nella zona di Astuti. Morto il pilota. 

Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e l’elisoccorso. Al momento non si conoscono altri particolari, le squadre stanno intervenendo.

I resti del velivolo si trovano lungo la corsia di emergenza. La dinamica dell’accaduto deve essere accertata. Sembra non siano state coinvolte auto in transito. 

L’ambulanza della Croce Verde arrivata sul posto ha soccorso un dipendente del centro commerciale Bennet che si trovava in stato di choc dopo aver visto i resti di pilota e velivolo. L’uomo, sentito il forte rumore, è infatti corso (in salita) lungo la scarpata raggiungendo l’autostrada per capire cosa fosse accaduto. La scena che si è presentata ai suoi occhi è stata terribile. Per lui non è stato necessario in trasporto in ospedale. Seguono aggiornamenti.

Il Piccolo: Schianto, feriti una mamma e i suoi tre figli

Schianto, feriti una mamma e i suoi tre figli

logo_colored.png

POLIZIA STRADALE

Autostrada A7: l’auto della donna si è scontrata con un camion

27 Luglio 2019  di MONICA GASPARINI

http://www.ilpiccolo.net/

1564213754657_1564213795.jpeg--schianto__feriti_una_mamma_e_i_suoi_tre_figli_.jpeg

ALESSANDRIA – Una mamma e i suoi tre figli sono rimasti coinvolti la scorsa notte in un incidente stradale avvenuto sull’autostrada A7 nei pressi di Castelnuovo Scrivia.

Lo scontro è avvenuto tra la sua auto e un camion. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polstrada che stanno ricostruendo la dinamica.

La donna è stata trasportata al pronto soccorso dell’ospedale civile di Alessandria: ha riportato un trauma cranico e lesioni a un arto. I suoi tre bambini sono stati ricoverati all’Infantile. Tutti e quattro hanno riportato lesioni serie ma non sono in pericolo di vita.

Alessandria, non è solo il clima ad essere bollente… Coppia amoreggia in auto sul piazzale del retail park

Alessandria, non è solo il clima ad essere bollente… Coppia amoreggia in auto sul piazzale del retail park

Il Piccolo

http://www.ilpiccolo.net/

Alessandria non è

Alessandria, venerdì ore 14, 34 gradi

ALESSANDRIA – Non è solo la temperatura ad essere bollente, ma anche certi spiriti. Ad inviarci questa immagine è stato un lettore che è rimasto interdetto e stupito da una certa nonchalance.

Ora di recuperare l’auto dopo la pausa pranzo, nel parcheggio di un retail park della città, sotto il sole cocente, si è trovato davanti ad una scena quantomeno insolita: un uomo e una donna, in pieno giorno, intenti ad amoreggiare appassionatamente sui sedili anteriori di un’auto. Caldo fuori, caldo dentro(evidentemente) e una certa scomodità: ma quando la passione chiama…

Le inchieste del commissario Gomez: Marenzana, Cotroneo, Æno i protagonisti di un’estate in giallo

Le inchieste del commissario Gomez: Marenzana, Cotroneo, Æno i protagonisti di un’estate in giallo

Il Piccolo

Uno scrittore e due disegnatrici per otto puntate di suspense su Il Piccolo

di MAURIZIO NERI http://www.ilpiccolo.net/

Le inchieste

Angelo Marenzana, Æno e Marilisa Cotroneo

ALESSANDRIA – Un commissario. Una città. Alessandria, di qualche anno fa. Uno scrittore, alessandrino, autore di romanzi gialli. Due illustratrici, anch’esse alessandrine, di grande bravura. E poi due delitti. Da risolvere con una precisa e inesorabile inchiesta letteraria. Questi gli elementi che compongono ‘Leggere d’estate’, l’iniziativa de Il Piccolo che accompagnerà i lettori per tutto il mese d’agosto.

Un’iniziativa che mette ‘sulla stessa pagina’ tre eccellenze della nostra provincia che, con grande generosità, ci regalano il loro talento nobilitando con parole e matite le pagine di questo giornale. Il grande protagonista di questa avventura letteraria è il commissario Ferdinando Gomez. Un commissario nato dalla fantasia di Angelo Marenzana, noto scrittore di gialli che di Alessandria ha sempre fatto l’ambientazione ideale dei suoi romanzi. Marenzana, alessandrino doc, è protagonista della narrativa italiana da oltre un ventennio. Un autore che dopo aver pubblicato ‘L’uomo dei temporali’ con Rizzoli e ‘Alle spalle del cielo’ con Baldini & Castoldi, è tornato in libreria nel febbraio di quest’anno con ‘Il delitto del fascista Nuvola Nera’, edito da Sergio Fanucci Editore nella collana Nero Italiano. Continua a leggere “Le inchieste del commissario Gomez: Marenzana, Cotroneo, Æno i protagonisti di un’estate in giallo”

Il Piccolo: Capriolo sfonda parabrezza e muore in auto

Capriolo sfonda parabrezza e muore in auto

Il Piccolo

Matteo, 22 anni, di Spinetta: “Sono un miracolato”

Capriolo

http://www.ilpiccolo.net/

INCISA – «Me lo hanno detto i Carabinieri che sono arrivati subito sul posto e, anche, i medici del Pronto Soccorso di Asti: sono un miracolato». Matteo Conti ha ancora i brividi mentre racconta e gli scorrono davanti agli occhi le immagini di un tranquillo pomeriggio d’estate in cui si è sfiorata la tragedia.

Matteo, 22 anni, di Spinetta, è al volante della sua Ford Fiesta: sono da poco passate le 15, sta raggiungendo il locale dove lavora, in provincia di Asti. A pochi metri dall’abitato di Incisa, dalle case sbuca un capriolo.

«Io non me ne sono reso conto: ho solo sentito il colpo tremendo sul tettuccio della macchina e il parabrezza che va in frantumi. Un rumore sordo, di vetri che si disintegrano: non ho capito la causa – racconta ancora Matteo – e neppure ho cercato di capire. Sono riuscito a fermare l’auto e a buttarmi fuori. Mi sono sdraiato sul ciglio della strada e non mi sono più mosso».

Un automobilista sulla vettura subito dietro, che ha assistito alla scena, ha accostato e ha chiesto l’intervento di Carabinieri e dei soccorsi. Di ambulanze ne sono arrivate due: una per trasportare Matteo all’Ospedale di Asti, sulla seconda è stato caricato il capriolo, finito sul sedile posteriore, con la testa appoggiata, però, su quello del guidatore.

Tragedia in stazione: una persona si getta sotto un treno

Tragedia in stazione: una persona si getta sotto un treno

FRUGAROLO. Linea tra Novi Ligure e Alessandria interrotta

19 Luglio 2019 ore 12:33

GN4_DAT_1639248.jpg--tragedia_in_stazione__una_persona_si_getta_sotto_un_treno_.jpg

Gente in coda alla stazione di Novi per prendere i bus sostitutivi

FRUGAROLO – Tragedia alla stazione ferroviaria di Frugarolo, dove una persona si è gettata sotto il treno 2508 in transito.

Il corpo, trascinato per centinaia di metri, è stato orrendamente mutilato, tanto che al momento non è stato ancora possibile individuare il sesso della persona deceduta sotto il convoglio e nemmeno le sue generalità.

In seguito all’incidente, per permettere i rilievi degli agenti della polizia ferroviaria e dei magistrati, la linea ferroviaria riservata ai treni in transito verso Torino è interrotta e il servizio di trasporto effettuato con autobus sostitutivi.

Lunghe code di persone alla stazione ferroviaria di Novi Ligure in attesa degli autobus che devono trasportare i viaggiatori da Novi ad Alessandria.

La tragedia alla stazione di Frugarolo si è verificata poco prima delle 10.30 e, secondo persone che erano sul posto, si tratta di un palese atto anticonservativo di una persona che si è lanciata tra i binari mentre attivava il treno 2508, partito da Genova Brignole e diretto a Torino Porta Nuova. Il convoglio non prevede la fermata a Frugarolo, quindi stava viaggiando alla normale velocità di transito consentita in stazione.

da: http://www.ilpiccolo.net/

Piscina comunale, ora nuotano le rane…

Piscina comunale, ora nuotano le rane…

Segnalazione dei residenti: la vasca sarà svuotata

23 Luglio 2019 ore 08:05

Piscina comunale.jpg

ALESSANDRIA – Chi l’ha detto che alla piscina comunale non nuota più nessuno da anni? Provate a chiederlo ai residenti del lungo Tanaro, che da qualche giorno faticano a dormire per il gracidare di un gran numero di rane che, proprio nelle vasche dove fino a qualche anno fa sguazzavano adulti e bambini, ha deciso di ‘traslocare’.

«Il problema è stato evidenziato da alcune persone che abitano in zona – ammette l’assessore all’Ambiente, Paolo Borasio – Purtroppo, l’acqua putrida che riempie la piscina e che nessuno in tutto questo tempo ha svuotato, ha finito per provocare pure questo problema. Non bastava il proliferare dei topi, che da più tempo infestano la struttura ormai dismessa».

Come si pensa di intervenire? «I tempi della burocrazia sono quelli che sono… Ad ogni modo, finalmente, siamo in dirittura d’arrivo e proprio nei prossimi giorni dovrebbe essere affidato l’incarico dal settore Lavori pubblici per svuotare la vasca. A quel punto, i miei uffici provvederanno a posizionare le trappole per cattura i topi e debellare, una volta per tutte, questo guaio».

da: http://www.ilpiccolo.net/

Schianto sull’A21, muore 19enne salvi i suoi amici

Schianto sull’A21, muore 19enne salvi i suoi amici

L’auto sulla quale viaggiavano si ribalta nella scarpata. Carambola a Spinetta, tre i feriti

23 Luglio 2019 ore 08:21

di MONICA GASPARINI

1563823266480.jpg--schianto_sull_a21__muore_19enne_salvi_i_suoi_amici

Lo scontro a Spinetta: tre i feriti

ALESSANDRIA – Ancora sangue sulle strade dell’Alessandrino. Nella notte tra sabato e domenica un ragazzo ha perso la vita lungo l’autostrada A21, poco dopo il casello di Alessandria Est. Sull’auto, guidata da una 18enne, viaggiavano, oltre alla vittima, anche altri due amici.

La vettura, dopo una sbandata, è finita nella scarpata, ribaltandosi.Per Lorenzo Calò, che abitava a Casale con la famiglia, non c’è stato nulla da fare. I medici del 118 non hanno potuto fare nulla per salvargli la vita. La dinamica dell’incidente è al vaglio degli agenti della Polstrada di San Michele e la Procura potrebbe decidere di eseguire l’esame autoptico per stabilire con certezza la causa della morte.

Gli altri ragazzi sono stati trasportati all’ospedale: non sono in pericolo di vita.

Schianto anche a Spinetta Marengo, poco prima del cavalcavia: due coniugi sono rimasti feriti in modo serio.

da: http://www.ilpiccolo.net/

Ciclista investito, è grave. Trasportato prima ad Acqui e poi trasferito all’ospedale di Alessandria

Ciclista investito, è graveTrasportato prima ad Acqui e poi trasferito all’ospedale di Alessandria

1563997016189.jpeg--ciclista_investito__e_grave_.jpeg

RIVALTA BORMIDA

24 Luglio 2019 ore 21:43 di M.GA.

RIVALTA BORMIDA – Un ciclista di 75 anni è stato investito verso le 19 a Rivalta Bormida. Subito soccorso dai medici del 118, l’uomo è stato trasportato prima all’ospedale di Acqui e poi trasferito ad Alessandria.

Le condizioni del 75enne sono gravi: dopo l’impatto ha perso conoscenza ed è stato intubato. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia Stradale. 

da: http://www.ilpiccolo.net/

Giovane aggredita dal branco: ferita. Parlano i genitori

Giovane aggredita dal branco: ferita. Parlano i genitori

La ragazzina attirata con l’inganno in piazza D’Azeglio

19 Luglio 2019 ore 08:18

logo_colored.png

di MONICA GASPARINI

ALESSANDRIA – Brutale aggressione del branco nei confronti di una ragazzina di 12 anni. È accaduto martedì sera, 16 luglio, ad Alessandria, in piazza Massimo D’Azeglio.

La giovane, che fortunatamente è riuscita a scappare, ha riportato lievi lesioni. Di certo, però, questi sono giorni della paura. I genitori hanno sporto denuncia ai Carabinieri, raccontando le fasi «dell’agguato messo in atto da un gruppetto di sette persone, praticamente coetanee della vittima».

È la mamma a raccontare quello che è successo alla figlia. «È un atto gravissimo, anche perché nel gruppetto c’erano anche alcuni ragazzini un po’ più grandi che non hanno fatto nulla per impedire quella spedizione punitiva». Sull’episodio sono in corso indagini da parte dei militari del Comando provinciale e della procura alessandrina.

da: http://www.ilpiccolo.net/

“Eterno Fausto” e i monologhi di Arrigazzi per ricordare la vittoria al tour de France, di Lia Tommi

24 LUGLIO 1949, FAUSTO COPPI VINCE IL TOUR DE FRANCE.
ALLA BIBLIOTECA CANNA SI RICORDA IL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELL’IMPRESA CON LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MIMMA CALIGARIS ETERNO FAUSTO E I MONOLOGHI TEATRALI DI EMANUELE ARRIGAZZI

In questi primi mesi del 2019, centenario della nascita di Fausto Coppi, sono state moltissime le inziative per ricordare il campione di Castellania.
Ma in questo luglio 2019 cade anche un’altra ricorrenza tonda tonda nella biografia di Fausto: il 24 luglio 1949 entrò al Parco dei Principi di Parigi da trionfatore e conquistò il Tour de France alla prima partecipazione. Fausto in quell’anno aveva già vinto la Milano Sanremo e, soprattutto, il Giro d’Italia con una impresa storica: la mitica vittoria nella tappa Cuneo-Pinerolo, al termine di 192 chilometri di fuga solitaria dopo aver scalato, sotto la pioggia e nel freddo delle vette alpine, cinque colli (Bartali fu secondo, a undici minuti da Fausto).
Il 24 luglio 1949 Coppi diventò dunque il primo corridore al mondo ad aggiudicarsi la storica accoppiata Giro-Tour. Quell’impresa segnò idealmente la nascita del mito di Coppi: Fausto Coppi infatti non fu solo un grandissimo campione di uno sport popolarissimo, ma divenne anche una figura emblematica, anche per le sue vicende personali, radicata nella memoria popolare. Un mito, appunto, che sopravvive ancora oggi. Continua a leggere ““Eterno Fausto” e i monologhi di Arrigazzi per ricordare la vittoria al tour de France, di Lia Tommi”

Scovati i primi “furbetti” del Reddito di Cittadinanza in provincia di Alessandria

Scovati i primi “furbetti” del Reddito di Cittadinanza in provincia di Alessandria

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: A nostro avviso era prevedibile che considerando i vizietti di certi italiani (vedi i numerosi casi alcuni anche recenti dei furbetti del cartellini negli Enti pubblici) non sarebbero di certo mancati anche i “furbetti” del Reddito di Cittadinanza e che i primi a seguito dei relativi controlli, che a quanto pare in questo caso funzionano, sarebbero già stati immediatamente scovati anche nella provincia di Alessandria.

soldi-reato.jpeg

“Tra le province di Asti e Alessandria (di competenza dell’Agenzia sotto la direzione di Sergio Fossati) sono già stati scoperti sei trasgressori, almeno tre della nostra provincia. Sono i primi dati suscettibili di variazione, al rialzo: su questi sei l’indagine è già conclusa con esito negativo (per i trasgressori), ma dagli uffici dell’Ispettorato non escludono che nei prossimi mesi la lista dei “cattivi” potrebbe allungarsi”. da da: http://www.ilpiccolo.net/ di Alessandria – Giordano Panaro.

Del resto era risaputo che sarebbe stato altamente probabile che una percentuale non piccola di chi ora lo percepisce stia da tempo svolgendo un lavoro di ogni genere in nero, per “sbarcare il lunario”.

In tal senso va ricordato che i requisiti per avere effettivo diritto a percepirlo erano chiari perciò chi non li ha rispettati questa volta dovrà ovviamente pagarne le conseguenze come prevede la legge.

Queste le sanzioni per chi lo percepisce senza averne i requisiti .

Il reddito di cittadinanza può essere revocato in caso di irregolarità. Il legislatore ha previsto che qualcuno potesse fare il “furbetto”, presentando dichiarazioni mendaci al fine di ottenere comunque il sussidio. Le pene previste dalla legge per dati del reddito di cittadinanza errati sono:

  1. da due a sei anni di reclusione per chi rende o utilizza dichiarazioni o documenti falsi o omette informazioni dovute;
  2. da uno a tre anni di reclusione per l’omessa comunicazione delle variazioni del reddito o del patrimonio, anche se provenienti da attività irregolari, o di altre informazioni dovute e rilevanti ai fini della revoca del beneficio;
  3. la revoca del beneficio con effetto retroattivo alla condanna in via definitiva per i due reati precedenti o per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, reato previsto all’articolo 640-bis del codice penale: dunque il soggetto incriminato dovrà restituire tutto quanto indebitamente percepito;
  4. la revoca del beneficio, con retroattività, quando l’amministrazione accerta la non corrispondenza al vero delle dichiarazioni e delle informazioni poste a fondamento dell’istanza o la mancata comunicazione di variazioni del reddito.

Continua a leggere “Scovati i primi “furbetti” del Reddito di Cittadinanza in provincia di Alessandria”

Gianfranco Cuttica di Revigliasco:  Sconcerto, amarezza e delusione, Alessandria non merita tutto questo

Gianfranco Cuttica di Revigliasco:  Sconcerto, amarezza e delusione, Alessandria non merita tutto questo

Sconcerto, amarezza e, perché no, delusione. Questi i sentimenti che il Sindaco esprime di fronte alla notizia, apparsa sul giornale “Il Piccolo” di venerdì 24 maggio, che denuncia una presunta manipolazione giornalistica messa in atto da “Striscia la Notizia”, il cui servizio girato ai giardini pubblici ha danneggiato profondamente l’immagine della nostra città a livello nazionale, nonché la reputazione degli inconsapevoli attori.

url.jpg

Dall’articolo sembra infatti che il gruppo di cittadini di origine extra comunitaria coinvolti dall’inviato della nota trasmissione sia stato strumentalizzato: attirati dalla curiosità e dalla voglia di vivere un momento di celebrità, gli inconsapevoli protagonisti, che intervenivano convinti che si parlasse di reddito di cittadinanza, nel servizio venivano indicati come “allegri” spacciatori e biechi delinquenti che terrorizzavano e controllavano con violenza i giardini pubblici davanti alla stazione. Proprio la presunta sfrontatezza di questi individui, che impavidi si mostravano dinanzi alle telecamere a sfida della legalità e dell’ordine, è stata utilizzata da Striscia per dipingere come drammatica la situazione di degrado dell’area giardini.

A quanto pare, però, i soggetti ripresi dalle telecamere non erano tutti pericolosi spacciatori, ma persone perbene con regolare permesso di soggiorno e con regolare lavoro, che, proprio per quelle immagini compromettenti, diffuse su scala nazionale e non solo, sono state bollate come temibili delinquenti. A seguito del grave danno alla loro reputazione, alcuni di loro hanno deciso di rivolgersi alla Polizia Municipale e alla magistratura alessandrina per essere tutelati. Continua a leggere “Gianfranco Cuttica di Revigliasco:  Sconcerto, amarezza e delusione, Alessandria non merita tutto questo”

INSTAGRAM CONTEST #alessandriainbici

INSTAGRAM CONTEST #alessandriainbici

Dal 15 agosto al 15 settembre è aperto un concorso fotografico a premi.

Per partecipare sarà sufficiente pubblicare su INSTAGRAM una fotografia con l’ hashtag #alessandriainbici scattata in un luogo significativo di Alessandria e che abbia un riferimento alla bicicletta.

logo

Tra le nove fotografie che riceveranno più like, e che saranno pubblicate su IL PICCOLO, una giuria valuterà le migliori che verranno premiate: alla prima classificata una action camera Polaroid Cube offerta da LINELAB; alle altre buoni acquisto presso negozi di biciclette della città.

Tutte le foto saranno mostrate in occasione della premiazione che avverrà sabato 21 settembre a Palazzo Monferrato.

Il Contest è indetto da CVA, FIAB Alessandria, MUSEO AcdB, UISP AL e AT e rientra negli eventi organizzati per la Settimana Europea della Mobilità che si svolgerà tra il 16 e il 22 settembre.

Scatta #alessandriainbici

il regolamento dettagliato al link http://www.gliamicidellebici.it/articolo_pro.asp?id=137