Alessandria la Festa Provinciale del Calcio, sostenuta dal Gruppo AMAG

Alessandria la Festa Provinciale del Calcio, sostenuta dal Gruppo AMAG

Sabato allo stadio Cattaneo di Alessandria la Festa Provinciale del Calcio, sostenuta dal Gruppo AMAG.  Il Presidente Arrobbio “Questi bambini sono il nostro futuro”

amag Festa del Calcio 3_OKamag Festa del Calcio 4 _OK

La pioggia non ha fermato, sabato pomeriggio allo stadio Renato Cattaneo di Alessandria, la grande  Festa Provinciale del Calcio, organizzata dal Comitato Regionale del Piemonte-Valle d’Aosta della Federazione Italiana Gioco Calcio, in stretta collaborazione con il Gruppo AMAG.

Circa 200 bambini, classe 2010 e 2011 (Primi Calci e Piccoli Amici), di 16 diverse società sportive di tutta la provincia di Alessandria si sono ritrovati nel primo pomeriggio allo stadio Cattaneo, accompagnati dai dirigenti delle loro società, e da molti genitori.

“Una splendida festa – commenta Gianni Baldin, vice presidente del Comitato Regionale del Piemonte-Valle d’Aosta della FIGC – che ha coinvolto bambini e famiglie, e che dimostra come il calcio sia, prima di tutto, un’occasione per crescere, stare insieme, divertirsi. Il maltempo non solo non ci ha fermati, ma ci consente di raddoppiare: oggi infatti abbiamo premiato tutti i partecipanti con la maglietta del Gruppo Amag, ma alla fine, data la pioggia battente, si è preferito non far scendere i ragazzi in campo. Ci rifaremo però uno dei prossimi sabati, e sarà l’occasione per radunarci nuovamente, stavolta speriamo in una bella giornata di sole”. Continua a leggere “Alessandria la Festa Provinciale del Calcio, sostenuta dal Gruppo AMAG”

Acqua, gocce di vita: giovedì mattina gli studenti degli Istituti Comprensivi di Acqui Terme in visita al potabilizzatore  di Quartino di Melazzo e al depuratore di Acqui, accompagnati dal personale di Amag Reti Idriche

Acqua, gocce di vita: giovedì mattina gli studenti degli Istituti Comprensivi di Acqui Terme in visita al potabilizzatore  di Quartino di Melazzo e al depuratore di Acqui, accompagnati dal personale di Amag Reti Idriche

amag_visita2

Tempo ‘clemente’ e cielo sereno per gli studenti  – più di 100 – degli Istituti Comprensivi di Acqui Terme che giovedì mattina sono andati alla ‘scoperta’ degli impianti di potabilizzazione e depurazione di Amag Reti Idriche, trascorrendo una mattina all’aria aperta, dedicata alla sensibilizzazione ambientale.

Accompagnati dai tecnici del Gruppo Amag, oltre che dai loro insegnanti, gli studenti acquesi hanno prima visitato l’impianto di potabilizzazione a Quartino di Melazzo, dopo una camminata di circa un chilometro in mezzo alla natura. Qui è stato illustrato ‘il ciclo dell’acqua’ e il funzionamento del sistema idrico integrato (acquedotto, fognatura e depurazione), prima di una visita all’impianto che rende potabile l’acqua, per ‘toccare con mano’ come funziona, e quanta professionalità ci sia dietro l’acqua che esce dalle nostre tubature domestiche. Continua a leggere “Acqua, gocce di vita: giovedì mattina gli studenti degli Istituti Comprensivi di Acqui Terme in visita al potabilizzatore  di Quartino di Melazzo e al depuratore di Acqui, accompagnati dal personale di Amag Reti Idriche”

LA CARICA DEI MIGLIORI

LA CARICA DEI MIGLIORI

Formazione, competenze professionali, esperienze internazionali, ma soprattutto talento. Ecco come degli under 43 sono diventati i migliori manager d’Italia

Comunque lo si veda, un premio aiuta a costruire quella cultura del merito che in Italia stenta ad attecchire. Il “Premio Giovane Manager” è nato così, proprio per valorizzare i talenti più giovani che con il loro lavoro stanno contribuendo al successo delle imprese in cui sono impiegati e – di conseguenza – alla competitività del Paese. È un vero e proprio contest, ideato e alimentato dai componenti del Coordinamento Giovani di Federmanager, un bel gruppo di manager under 43 che si riunisce di solito il weekend, tra skypecall, rientri dall’estero e tempo sottratto alla propria vita privata. Sono loro che, con entusiasmo, hanno costruito questa seconda edizione del Premio, creando un network di persone competenti, desiderose di incontrarsi, scambiarsi informazioni e occasioni di crescita. E, perché no, competere per il titolo di “migliore manager d’Italia”.

Dopo aver coinvolto 1.600 giovani, la selezione dei curricula e delle esperienze è stata realizzata da Hays Italia in totale indipendenza. Sono state realizzate 4 tappe territoriali intermedie, ciascuna conclusa con l’individuazione di 10 vincitori. E, dopo Roma, Bologna, Firenze e Milano, i 40 che hanno superato la fase intermedia si sono riuniti all’Allianz Stadium di Torino, dove giocano i confermati campioni d’Italia. Proprio tra gli spalti dello stadio, in una location da “primi in classifica”, sono stati decretati i 10 migliori tra loro, e il vincitore finale dell’edizione, al quale è andato il titolo di “Platinum Manager”.

Ve li presentiamo qui brevemente per ricordare di quale merito vogliamo parlare. Fuori dalla solita retorica. Durante Futurum Italy, che il titolo del meeting del Gruppo Giovani che si è svolto a Torino il 12 e il 13 aprile scorso, oltre 100 manager under 43 si sono confrontati su un’idea di futuro di cui essere protagonisti. Un’idea di futuro che, ce lo auguriamo, possa trovare cittadinanza in questo Paese.

1.600 manager coinvolti, 180 curricula analizzati, 40 vincitori di quattro tappe territoriali, 10 premiati all’Allianz Stadium nella finalissima di Torino del 12 aprile scorso

zanoli

Giancarlo Zanoli

È il “Platinum Manager 2018”, primo classificato tra i migliori dieci manager italiani under 43 selezionati dal Premio Giovane Manager di Federmanager.

Laurea magistrale in Direzione aziendale e Ph.D. in Sociologia economica, si affaccia al mondo del lavoro nel settore sanitario presso il TRI – Toronto Rehabilitation Institute.

Durante le ultime esperienze professionali si occupa, dapprima in qualità di direttore generale e successivamente anche come componente del Consiglio di amministrazione, della gestione di strutture sanitarie ambulatoriali private convenzionate.

Nell’attuale ruolo in Humanitas Holding è responsabile dei medical care di Milano, i poliambulatori, punti prelievi e centri di prevenzione.

Determinato, con spirito d’iniziativa e con una forte propensione al problem solving, coordina abilmente il lavoro di squadra.

Cavallo 

Chiara Cavallo

Laureata in Economia e commercio all’Università di Pisa, consegue un Master in management dell’innovazione alla Scuola superiore Sant’Anna di Pisa.

Per sei anni lavora come consulente strategico, sviluppando progetti di marketing, business development e performance improvement, prevalentemente nel settore Energy & Utilities e con una significativa esperienza nei Luxury Goods.

Ricopre ruoli, a carattere globale, di strategia e di marketing in vari settori industriali, come Chief marketing officer in diversi business di GE, lavorando in Italia e all’estero.

Da marzo 2018 è alla guida della strategia, del marketing e delle attività di educazione clinica come Chief strategy officer di GE Healthcare Europe. Recentemente è nominata direttore del board di COCIR.

Sposata, ha una bambina di 4 anni.

Continua a leggere “LA CARICA DEI MIGLIORI”

Il Ministro Centinaio: “La Centrale del Latte esempio di filiera virtuosa. Il governo impegnato a difendere e promuovere le eccellenze del Made in Italy”

Il Ministro Centinaio: “La Centrale del Latte esempio di filiera virtuosa. Il governo impegnato a difendere e promuovere le eccellenze del Made in Italy”

Il Ministro delle Politiche Agricole e del Turismo visita lo stabilimento produttivo alessandrino e si confronta con i rappresentanti locali delle categorie agricole e industriali: “Il governo è in campo per sostenere l’agricoltura di tradizione che guarda al futuro. Essenziale fare rete tra produttori, trasformatori, distributori e consumatori”.

centinaiofoto di gruppo

Alessandria: La Centrale del Latte di Alessandria e Asti ha ricevuto stamani l’importante visita istituzionale del Ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, presso la sede di Viale Massobrio 10/12 ad Alessandria. A fare gli onori di casa il Presidente della Centrale alessandrina, Gian Paolo Coscia, insieme al Sindaco del capoluogo, Gianfranco Cuttica di Revigliasco e all’On. Riccardo Molinari.

Dopo una breve visita guidata allo stabilimento di produzione, il Ministro è stato protagonista di un momento di confronto sui temi caldi del comparto agricolo, industriale e turistico.

A introdurre i lavori il Presidente Coscia che ha ricordato come la missione della Centrale del Latte resti immutata dal lontano 1933, anno della sua fondazione: “Assicurare la qualità di alimenti fondamentali quale sono il latte fresco e i suoi derivati insieme alla responsabilità sociale nei confronti dei territori serviti e delle sue comunità. Ne sono un esempio il sostegno costante a enti caritatevoli ma anche e soprattutto la diffusione della cultura alimentare tramite incontri divulgativi e campagne di comunicazione realizzate insieme al Comune di Alessandria, all’ASL e al sistema educativo e della ricerca”. Continua a leggere “Il Ministro Centinaio: “La Centrale del Latte esempio di filiera virtuosa. Il governo impegnato a difendere e promuovere le eccellenze del Made in Italy””

Donne, industria e responsabilità sociale: ecco come si può fare. Incontro in Confindustria Alessandria promosso dallo Zonta Club, di fronte a decine di studenti

Donne, industria e responsabilità sociale: ecco come si può fare. Incontro in Confindustria Alessandria promosso dallo Zonta Club, di fronte a decine di studenti

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com/

donne zonta-donne-impresa-e1555086159120

Alessandria: «Le aziende devono farsi carico del problema, devono avere responsabilità sociale e impegnarsi per favorire e agevolare le donne in maternità». Parole di amministratore delegato. Che sicuramente stridono e provocano scintille se confrontate con quelle che a volte le donne si sentono dire durante un colloquio di lavoro con il manager di turno: «Alla sua età dovrebbe fare figli invece di cercare il posto fisso, mi dia retta». Succede in Italia e accade troppo spesso.

Però la condizione lavorativa femminile, lontana dai modelli di altre nazioni europee, sta mediamente migliorando, almeno a scorrere alcune statistiche nazionali relative sia all’occupazione (ma il trend è ancora negativo in termini di parità salariale e condizione generale sui luoghi di lavoro), sia alle imprese in rosa.

Rispetto a queste ultime, una conferma arriva dalla Camera di Commercio che in un recente rapporto ha quantificato, al 31 dicembre 2018, le imprese femminili in provincia di Alessandria in 9.984 sulle 42.804 totali, pari al 23,3 per cento delle imprese provinciali (dato leggermente superiore alla media regionale che è del 22,5 per cento).

L’alessandrino si qualifica così come la prima provincia in Piemonte. «Sono soprattutto imprese individuali e i settori dove si concentrano le imprese femminili sono il commercio e l’agricoltura» ricorda il report dell’ente camerale. Continua a leggere “Donne, industria e responsabilità sociale: ecco come si può fare. Incontro in Confindustria Alessandria promosso dallo Zonta Club, di fronte a decine di studenti”

Sciopero Gruppo Gavio container (luoghi dei presidi)

Sciopero Gruppo Gavio container

Confermato lo sciopero di Lunedì 15 Aprile 2019. Il Gruppo Gavio e le società che gestiscono il trasporto container stanno gestendo in modo irresponsabile il tavolo di rinnovo dell’accordo di 2 ̊ livello compreso la deroga all’orario di lavoro scaduti da un anno.

sciopero UIL luoghi presidii

La posizione e le richieste di tutta la delegazione sindacale sono state chiare nel comunicato dell’8 Aprile. Se l’azienda avesse avuto a cuore le ragioni dei lavoratori avrebbe convocato il tavolo negoziale il 15 aprile, invece del 30. In queste circostanze servono fatti non parole.

Pertanto si confermano tutte le richieste unitarie.

Le Organizzazioni sindacali ritengono che il Gruppo Gavio debba:

a) responsabilmente ritirare i provvedimenti di sospensione dal lavoro nei confronti dei tre dipendenti della filiale di Padova, in quanto la stessa ha operato un abuso di potere, l’iniziativa non è contemplata dalle regole dettate dal CCNL in vigore; Continua a leggere “Sciopero Gruppo Gavio container (luoghi dei presidi)”

Italia per le Imprese: Roadshow per l’Internalizzazione con le PMI verso i mercati esteri

Italia per le Imprese: Roadshow per l’Internalizzazione con le PMI verso i mercati esteri

Martedì 16 aprile 2019 a partire dalle 8.30 si terrà a Palazzo Monferrato (via San Lorenzo – 21 Alessandria) il Roadshow Italia per le Imprese, un’iniziativa nata per affiancare le PMI che intendono individuare nuove opportunità di affari legate all’internazionalizzazione e affrontare la sfida nei mercati mondiali. 

Italia

Pianificato dalla Cabina di regia per l’Italia internazionale, il Roadshow per l’internazionalizzazione delle imprese è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre all’Agenzia ICE, a SACE e a SIMEST, l’iniziativa si avvale dell’intervento di Confindustria, Unioncamere, Rete Imprese Italia e Alleanze delle Cooperative Italiane.

La tappa di Alessandria è organizzata dall’Agenzia ICE in collaborazione con Confcommercio Alessandria e la Regione Piemonte, partner territoriali dell’iniziativa.

Obiettivo dell’iniziativa è affiancare le aziende sui temi dell’internazionalizzazione, per sostenere quelle realtà che intendono aprirsi ai mercati esteri per individuare nuove opportunità di business. Continua a leggere “Italia per le Imprese: Roadshow per l’Internalizzazione con le PMI verso i mercati esteri”

Industria, ad Alessandria il segno è ‘più’. Le imprese fanno la loro parte, ma lo stesso farà la politica? Le analisi di Confindustria e i commenti dopo il confronto di Torino

Industria, ad Alessandria il segno è ‘più’. Le imprese fanno la loro parte, ma lo stesso farà la politica? Le analisi di Confindustria e i commenti dopo il confronto di Torino

di Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com/

unnamed

Le imprese «fanno la loro parte». Ma il sistema pubblico fa lo stesso? Una domanda legittima perché mentre il privato lotta quotidianamente con la burocrazia, con i lacci e lacciuoli di norme spesso in contraddizione fra loro e che sembrano pensate per rendere difficile la vita a un imprenditore invece di agevolarla, la pubblica amministrazione è mediamente in costante ritardo nel dare risposte e facilitare lo sviluppo.

Ma il mondo industriale non si perde d’animo e cerca sempre il confronto e la discussione, come ha fatto Confindustria Piemonte che ha voluto aprire «un’interlocuzione con la politica in vista delle elezioni regionali del 26 maggio per il rinnovo del presidente della Regione e del Consiglio regionale piemontese attraverso la presentazione di un documento in grado di offrire una visione di mandato alla prossima legislatura».

È stato questo il senso dell’assise di Confindustria Piemonte, convocata a Torino per illustrare il documento ‘Il Piemonte verso il futuro’. L’evento, introdotto da una fotografia de ‘L’economia piemontese’ del vicepresidente della Fondazione Edison, Marco Fortis, è proseguito con la ‘Presentazione dei temi prioritari’ illustrati dal presidente di Confindustria Piemonte, Fabio Ravanelli, e con la tavola rotonda ‘Le forze politiche rispondono alle istanze degli imprenditori piemontesi’ cui hanno partecipato i tre candidati alla presidenza: Giorgio Bertola, Sergio Chiamparino e Alberto Cirio che hanno risposto alle domande dei coordinatori dei sei tavoli di lavoro (Semplificazione, Capitale umano, Infrastrutture, Innovazione, Finanza ed Europa) che hanno prodotto il documento strategico di Confindustria Piemonte. Ha poi concluso i lavori il presidente nazionale di Confindustria, Vincenzo Boccia. Continua a leggere “Industria, ad Alessandria il segno è ‘più’. Le imprese fanno la loro parte, ma lo stesso farà la politica? Le analisi di Confindustria e i commenti dopo il confronto di Torino”

L’oro e i gioielli brillano. Ma solo se sposano l’innovazione. E Valenza è premiata dal primo rapporto piemontese della Fondazione Agnelli e del Politecnico di Torino

L’oro e i gioielli brillano. Ma solo se sposano l’innovazione. E Valenza è premiata dal primo rapporto piemontese della Fondazione Agnelli e del Politecnico di Torino

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

L'oro

Valenza: C’è anche una impresa della provincia di Alessandria fra i sette casi di studio del primo rapporto dell’Osservatorio su innovazione e imprenditorialità in Piemonte realizzato dalla Fondazione Agnelli e dal Politecnico di Torino. Una storia che assume un valore particolare perché arriva dal distretto orafo di Valenza e testimonia come una azienda possa crescere, anche in contesti di mercato molto complessi, a patto che persegua «scelte strategiche di riposizionamento e di trasformazione», come ha rilevato Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d’Italia che è intervenuto alla presentazione del rapporto, avvenuta nella sede torinese dell’istituto bancario centrale.

Di scena è la ‘Raselli Franco Spa’ di Valenza nata alla fine degli anni sessanta del secolo scorso come piccola azienda orafa dedicata alla produzione di gioielli e che è cresciuta «fino a circa novanta milioni di fatturato nel 2018, pur operando in un segmento che negli ultimi 30 anni è stato soggetto a una profonda trasformazione che ha portato alla scomparsa della maggioranza delle imprese e ad una consistente riduzione del contributo al prodotto interno lordo del settore orafo». Continua a leggere “L’oro e i gioielli brillano. Ma solo se sposano l’innovazione. E Valenza è premiata dal primo rapporto piemontese della Fondazione Agnelli e del Politecnico di Torino”

Amag Ambiente, 253 cassonetti bruciati in 4 anni. Borlasta: “Grave danno, ma con fotocamere e fototrappole oggi vigilanza migliorata”

Amag Ambiente, 253 cassonetti bruciati in 4 anni. Borlasta: “Grave danno, ma con fotocamere e fototrappole oggi vigilanza migliorata”

Alessandria: “Non si può affermare con certezza che siano sempre piromani, anzi molto spesso la causa rimane ignota. Però l’esperienza ci dice che i casi di autocombustione sono rarissimi: quando un cassonetto dei rifiuti prende fuoco, è quasi sempre per mano umana”.

cassonetto bruciatoREPORT INCENDI 2015-2019

Fiorenzo Borlasta, amministratore unico di Amag Ambiente, nell’analizzare il fenomeno parte dai numeri, che non mentono mai: “Sono stati 253 i cassonetti della nostra azienda che hanno preso fuoco da gennaio 2015 ad oggi, per complessivi 131 episodi. Se consideriamo un esborso medio, fra intervento e sostituzione del contenitore, di 1.000 euro a ‘pezzo’, ci accorgiamo che si tratta di un costo rilevante, che finisce col pesare sulle spalle di tutta la nostra comunità, a causa delle ‘bravate’ di pochissimi individui scriteriati”. 

Ovviamente in caso di incendio l’intervento ‘di emergenza’ per spegnere le fiamme non compete agli addetti di Amag Ambiente, ma ai vigili del fuoco, e viene poi aperta un’indagine di ufficio contro ignoti.  “Gli inquirenti lavorano molto seriamente, e non sta certamente a me fornire dati su questo fronte: quel che posso dire è che Amag Ambiente è ovviamente assicurata per i propri mezzi e contenitori, mentre la situazione è decisamente più complicato se l’incendio si estende ad altri beni o mezzi altrui. Insomma, meglio sarebbe che le persone che compiono questi gesti, quasi sempre per noia o spavalderia, comprendessero che danno stanno arrecando a tutta la collettività”. Continua a leggere “Amag Ambiente, 253 cassonetti bruciati in 4 anni. Borlasta: “Grave danno, ma con fotocamere e fototrappole oggi vigilanza migliorata””

M5S Alessandria: Esposto 2015 sulla partecipata “Energia & Territorio”

M5S Alessandria: Esposto 2015 sulla partecipata “Energia & Territorio”

A seguito delle perquisizioni della guardia di finanza in provincia vi rimandiamo il comunicato del Febbraio 2015 dove spiegavamo le ragioni del nostro esposto alla procura della repubblica su “Energia & Territorio”.

movimento_5_stelle

ALESSANDRIA – Il Movimento 5 Stelle ha deciso di vederci chiaro su  Energia & Territorio, la partecipata della Provincia di Alessandria. I Consiglieri regionali Giorgio Bertola (Capogruppo a Palazzo Lascaris) e Paolo Mighetti, insieme ai Consiglieri comunali del M5S Alessandria hanno deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Alessandria.

“La Società E&T – hanno ricordato i pentastellati –  nel corso degli anni, ha più volte modificato il proprio oggetto sociale, occupandosi degli ambiti più disparati. Dalle infrastrutture informatiche e telecomunicazioni al risparmio energetico, dalle manutenzioni di impianti  termici alla gestione dei finanziamenti fino alla gestione di siti internet, rapporti con la Cina, gestione delle multe, progettazione e addirittura la realizzazione di una strada in Sardegna.

Il continuo cambio e ampliamento dell’oggetto sociale, caratteristica abbastanza strana per una società partecipata quasi per la sua totalità da un ente pubblico, oltre a non portare evidenti benefici alla collettività, ha causato negli ultimi anni ingenti perdite, finite a carico dei cittadini. Continua a leggere “M5S Alessandria: Esposto 2015 sulla partecipata “Energia & Territorio””

Arrobbio (Gruppo Amag): “Siamo uno dei ‘motori’ di Corso Acqui alla Ribalta: la nostra mission è reivestire gli utili sul territorio”

Arrobbio (Gruppo Amag): “Siamo uno dei ‘motori’ di Corso Acqui alla Ribalta: la nostra mission è reivestire gli utili sul territorio”

Alessandria: “Il Cristo è comunità autentica, e merita il massimo sia sul fronte dei servizi che del sostegno ai progetti del quartiere: per questo abbiamo deciso di sostenere con forza, nei fatti e non solo a parole, la grande festa del prossimo week end, Corso Acqui alla Ribalta. E così faremo anche per gli altri eventi importanti nel corso dell’anno, al Cristo come su tutto il territorio alessandrino”.

arrobbio-paolo.jpg

Paolo Arrobbio è, da alcuni mesi, il Presidente del Gruppo Amag, e in sintonia con il sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco ha deciso di ‘premere l’acceleratore’ sugli investimenti per la crescita del territorio. “Il comune di Alessandria è il nostro maggior azionista – sottolinea Arrobbio – , e ci sembra corretto partire da qui, e in particolare da un quartiere così orgoglioso della propria identità e delle proprie radici come il Cristo, per mettere in campo una concreta operazione di sostegno alle iniziative di promozione del territorio. Dove c’è una comunità coesa e solidale, che sa sviluppare solidarietà,  divertimento e cultura, ma anche commercio ed economia locale, ci siamo anche noi!”

url.jpg

“Il Gruppo Amag – sottolinea Arrobbio –  è e sarà più che mai l’azienda di servizi di tutto l’alessandrino: acqua, gas, luce, energia, rifiuti. Attenzione: al contrario di altri, tutto ciò che ricaviamo dalle nostre attività noi lo reinvestiamo, e lo reinvestiremo, sul territorio stesso. Solo così si può generare un circolo virtuoso, a sostegno della comunità alessandrina. E chiariamo: oggi è il Cristo, domani saranno anche altri quartieri di Alessandria, e i comuni soci e clienti del nostro Gruppo. L’ambizione è crescere, tutti insieme. Sono certo che lo comprenderanno anche i cittadini: chi sceglie Amag, investe sulla crescita del proprio territorio”. Continua a leggere “Arrobbio (Gruppo Amag): “Siamo uno dei ‘motori’ di Corso Acqui alla Ribalta: la nostra mission è reivestire gli utili sul territorio””

Industria, produzione in crescita. Ma nell’Alessandrino c’è poca capacità di fare ricerca e innovazione?

Industria, produzione in crescita. Ma nell’Alessandrino c’è poca capacità di fare ricerca e innovazione?

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Una analisi statistica per dire che Alessandria è «la migliore del Piemonte» e una considerazione conclusiva che dovrebbe preoccupare non poco, ma che quasi passa in secondo piano benché rappresenti la perfetta sintesi di in sistema imprenditoriale (e associativo perché le organizzazioni di rappresentanza hanno pesanti responsabilità) lontano dalla piena maturità, efficienza e capacità che periodiche indagini sembrano invece attribuire al territorio.

unnamed

A distanza di una decina di giorni dalla diffusione dei risultati dell’indagine congiunturale di Unioncamere Piemonte (frutto della collaborazione con Confindustria Piemonte, IntesaSanpaolo e Unicredit) è arrivata la nota provinciale elaborata dalla Camera di Commercio di Alessandria. In apertura del comunicato sembra andare tutto bene. «L’indice della produzione industriale nel quarto trimestre 2018 – si legge – segna più 2,8 per cento rispetto a un anno fa: il miglior dato del Piemonte (dove la media segna meno 0,4 per cento)».

Rispetto alla rilevazione che ha coinvolto 151 imprese industriali della provincia (pari a 5.724 addetti e un fatturato complessivo di 2,2 miliardi di euro) non mancano le parole positive di Gian Paolo Coscia, presidente dell’ente camerale, che parla del «migliore dato del Piemonte» e di un trend «che ha interessato tutto il 2018, con una punta di più 7 per cento nel primo trimestre 2018. Continua a leggere “Industria, produzione in crescita. Ma nell’Alessandrino c’è poca capacità di fare ricerca e innovazione?”

Matrisciano M5S: La pdl di Fornaro su Pernigotti è un pannicello caldo

Matrisciano M5S: La pdl di Fornaro su Pernigotti è un pannicello caldo

“La proposta di legge di Fornaro, oltre a presentare profili di incostituzionalità, è un pannicello caldo. Infatti prevedere la semplice decadenza del marchio in caso di spostamento della produzione non basta. Serve dell’altro.

Susy Matrisciano

La proposta su cui sta lavorando il Ministro Di Maio al MiSE è più completa e risponde a due necessità: quella di prevedere una eventuale procedura di salvaguardia del marchio nel caso in cui l’azienda entri in crisi e – soprattutto – fare in modo che la capacità dell’azienda stessa di essere ricollocata sul mercato resti inalterata.

Non servono iter veloci delle pdl per piantare delle bandierine, al contrario occorrono provvedimenti fatti bene che risolvano i problemi alla radice”.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)