Il gruppo Amag di Alessandria? Non sta poi tanto male, ma gli oltre 50 milioni di crediti pesano sulla trasformazione in una holding efficiente

Il gruppo Amag di Alessandria? Non sta poi tanto male, ma gli oltre 50 milioni di crediti pesano sulla trasformazione in una holding efficiente

Author: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

Il gruppo Amag.png

Come sta il Gruppo Amag di Alessandria? Salute discreta con l’aspetto finanziario che non riserva particolari preoccupazioni, è la sintesi che arriva da Paolo Arrobbio, presidente della multiutility. Che subito dopo non nasconde quello che definisce il «vero problema»: i crediti. Il totale al fine settembre era pari a oltre 53 milioni e cinquecentomila euro, con Amag Reti Idriche e Alegas a fare la parte del leone.

Per gestire il recupero dei crediti è stato anche allestito un ufficio apposito che in un paio di mesi ha rastrellato un milione di euro, ma il lavoro sarà ancora lungo e complesso. Arrobbio ha parlato con chiarezza di fronte alle Commissioni consiliari Programmazione e Bilancio e Sviluppo del Territorio, riunite nell’aula di Palazzo Rosso. Con il presidente hanno risposto alle domande dei consiglieri, l’amministratore delegato di Amag, Adelio Ferrari, e l’assessore e vicesindaco di Alessandria, Davide Buzzi Langhi. Continua a leggere “Il gruppo Amag di Alessandria? Non sta poi tanto male, ma gli oltre 50 milioni di crediti pesano sulla trasformazione in una holding efficiente”

Start Cup Piemonte Valle d’Aosta: vince ClearBox, l’azienda per ClearBox, ​l’azienda, vince la ​XV Start Cup Piemonte Valle d’Aosta​

Start Cup Piemonte Valle d’Aosta: vince ClearBox, l’azienda per ClearBox, l’azienda, vince la XV Start Cup Piemonte Valle d’Aosta​.

La competizione, promossa dagli incubatori I3P, 2i3T ed Enne3, ha visto salire sul podio anche Enermove, che mette a punto​ ​sistemi per la ricarica wireless in movimento di carrelli elettrici industriali a guida manuale per logistica e grande distribuzione, e Usophy, il “Netflix dei libri universitari”. Assegnati anche premi e menzioni speciali per un montepremi totale di 60.000 euro.un’Intelligenza Artificiale antropocentricache sviluppa soluzioni di Intelligenza Artificiale antropocentrica​.

1 UPO Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta_ vince ClearBox, l’azienda per un’Intelligenza Artificiale antropocentrica  .jpg

Analizzare e ridisegnare il complesso e delicato rapporto tra gli essere umani e l’Intelligenza Artificiale (IA), per creare una sinergia in grado di sfruttare appieno il potere della IA, pur mantenendo il controllo umano: questo l’obiettivo di ClearBox,l’azienda che si è aggiudicata ad Alessandria il primo posto della XV edizione della Start Cup Piemonte Valle d’Aosta 2019, iniziativa promossa dagli incubatori I3P, 2i3T ed Enne3 per sostenere la nascita di startup ad alto contenuto di conoscenza e promuovere lo sviluppo economico del territorio piemontese e valdostano.

ClearBox AI Solutions ha un team internazionale composto anche da ricercatori italiani che, dopo esperienze all’estero, hanno scelto di tornare Italia per lanciare questo progetto imprenditoriale. ClearBox, che è incubata presso I3P – Incubatore d’Imprese Innovative del Politecnico di Torino, propone soluzioni di Intelligenza Artificiale antropocentrica: applicate ai modelli di Machine Learning (ML), sono in grado di indagare le variabili per le quali il modello ha preso una certa decisione e di generare una spiegazione comprensibile anche a utenti meno esperti.

Al secondo posto della Start Cup Piemonte Valle d’Aosta si classifica Enermove, supportata dall’I3P: la startup progetta, realizza e installa sistemi per la ricarica wireless in movimento di carrelli elettrici industriali a guida manuale per logistica e grande distribuzione, eliminando così le attuali problematiche della ricarica e i costi del fermo macchina. Enermove si aggiudica un premio in denaro di 7.500 euro. Continua a leggere “Start Cup Piemonte Valle d’Aosta: vince ClearBox, l’azienda per ClearBox, ​l’azienda, vince la ​XV Start Cup Piemonte Valle d’Aosta​”

Enne3, incubatore di impresa dell’università, apre ad Alessandria: “Adesso è il momento di sviluppare idee folli, sogni, desideri”

Enne3, incubatore di impresa dell’università, apre ad Alessandria: “Adesso è il momento di sviluppare idee folli, sogni, desideri”

Author: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

Enne 3

Alessandria: L’idea è stata ufficializzata nel 2015 e nell’ottobre del 2019 si concretizza. Così Alessandria, grazie a Novara, avrà finalmente il primo incubatore di impresa, Enne3, nato peraltro all’interno dell’Università del Piemonte Orientale alla fine del 2009. Allora aveva un capitale sociale di quattrocentomila euro e i soci erano l’Ateneo, Finpiemonte, i novaresi Associazione Industriale, Comune, Camera di commercio e Provincia.

Dopo alcune non brillanti annate e una recente ripresa positiva, sia in termini economici, sia di nuovi insediamenti d’impresa, è arrivato il momento della dismissione di alcune quote societarie detenute dalle amministrazioni pubbliche. La prima è stata rilevata dalla Fondazione Bpn di Novara per il 10,2 per cento (valore 35.900 euro), mentre una quota analoga del valore di 35.000 euro è stata acquisita dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria a conclusione dell’asta pubblica indetta dal Comune di Novara che doveva cedere le quote di proprietà.

«Una volta definitivo il nuovo assetto, Enne3 sarà in grado di aprire una sede anche ad Alessandria» aveva assicurato Cesare Emanuel, allora Rettore dell’università e oggi presidente dell’incubatore il cui direttore è Lorenzo Lener. I contatti con il territorio sono continuati, raccogliendo la disponibilità della Fondazione Cra, all’epoca presieduta da Pier Angelo Taverna. Oggi, con Luciano Mariano al vertice della fondazione alessandrina, si completa il lungo percorso che vedrà l’incubatore di impresa Enne3 aprire una sede ad Alessandria, all’interno del Dipartimento di scienze e innovazione tecnologica (Disit) di viale Michel. Continua a leggere “Enne3, incubatore di impresa dell’università, apre ad Alessandria: “Adesso è il momento di sviluppare idee folli, sogni, desideri””

Guala Closures, menzione per lo sviluppo internazionale. Ma anche nuovo interesse di gruppi e fondi che guardano alla società alessandrina

Guala Closures, menzione per lo sviluppo internazionale. Ma anche nuovo interesse di gruppi e fondi che guardano alla società alessandrina

Author: Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Guala

Alessandria: Premiata per la strategia di internazionalizzazione. E nuovamente nel mirino di gruppi internazionali. È la Guala Closures di Alessandria, 4.700 dipendenti, 29 stabilimenti in 5 continenti, oltre 15 miliardi di chiusure vendute ogni anno un fatturato 2018 di 543 milioni di euro. La società guidata da Marco Giovannini (presidente e amministratore delegato) ha ricevuto, in occasione della cerimonia di consegna del ‘Premio Eccellenze d’impresa 2019’ (nato dalla partnership tra Gea-Consulenti di Direzione, Arca Fondi Sgr e Harvard Business Review Italia), la menzione speciale per le «strategie di internazionalizzazione che l’hanno portata ad avere una presenza attiva in oltre cento paesi. Un footprint globale certificato anche dai risultati economici del Gruppo che fanno registrare un fatturato realizzato per più del novanta per cento all’estero» si legge su una nota. Lo stesso Giovannini, per l’occasione, ribadisce che l’internazionalizzazione è l’asset strategico «realizzato all’insegna dell’innovazione e della sostenibilità, elementi capaci di portare un vero valore aggiunto ai clienti e a tutte le comunità dei paesi in cui operiamo».

Finora dai cinque centri di ricerca e sviluppo sparsi in tutto il mondo sono usciti oltre 140 brevetti che hanno cambiato completamente il mercato delle chiusure per bevande.Un esempio è l’ultimo prodotto: i tappi connessi per vino, liquori e olio d’oliva. La linea si chiama Něstgate e comprende, al momento, sette chiusure per vino, liquori e olio d’oliva, dal design elegante; prevede un’ampia scelta di varianti fra legno e sughero, anti-riempimento, rivestimento in alluminio o resina per il segmento lusso. I tappi sfruttano la tecnologia Nfc che con un semplice ‘tocco’ viene raccontato al consumatore il brand che, a sua volta, potrà raccogliere dati per le relazioni con i clienti e per controllare la tracciabilità dei prodotti. Continua a leggere “Guala Closures, menzione per lo sviluppo internazionale. Ma anche nuovo interesse di gruppi e fondi che guardano alla società alessandrina”

ALEGAS: punto informativo in centro ad Alessandria venerdì ad Aperto per Cultura e sabato alla presentazione della stagione dell’Alessandria Volley

ALEGAS: punto informativo in centro ad Alessandria venerdì ad Aperto per Cultura e sabato alla presentazione della stagione dell’Alessandria Volley

Alegas, l’azienda del Gruppo AMAG che si occupa della vendita del gas e dell’energia elettrica, sarà presente venerdì 6 settembre alla manifestazione “Aperto per Cultura” con un suo punto informativo situato all’inizio di Corso Roma (presso info point Ascom) a partire dalle ore 18 fino alle ore 23 circa.

Alegas

Il giorno successivo, sabato 7 settembre, Alegas sarà nuovamente presente con un suo desk in Piazzetta della Lega dalle ore 17 alle ore 19.30 in occasione della presentazione della stagione 2019-20 dell’Alessandria Volley, di cui Alegas è sponsor.

“E’ per noi motivo di soddisfazione e di orgoglio – afferma Paolo Arrobbio, Presidente del Gruppo AMAG – sostenere in maniera concreta un’iniziativa di grande qualità e ‘richiamo’ come Aperto per Cultura, capace di accendere su Alessandria e sulla sua offerta culturale, artistica ed enogastronomica i riflettori di un pubblico ampio, che va ben oltre le mura cittadine. Così come l’Alessandria Volley del resto, che negli ultimi anni ha ottenuto una serie di importanti successi sportivi, e sta contribuendo alla diffusione, tra le generazioni più giovani e non solo, dei migliori valori dello sport, della competizione positiva, dello stare insieme”.

Andrea Innocenti, Amministratore Unico di ALEGAS, si sofferma sull’offerta di prodotti e servizi dell’azienda, e sul suo legame con il territorio: “I nostri punti informativi in occasione degli eventi del week end – afferma – sono significativi del nostro modo di intendere il rapporto con Alessandria, e con tutto il nostro bacino di riferimento, peraltro sempre più ampio: a diretto contatto con le persone, per illustrare non solo la nostra proposta competitiva sul fronte gas ed elettricità, ma anche la nostra filosofia aziendale, basata su un rapporto diretto con la clientela. Sia nella fase pre vendita che in quella post vendita, la presenza diretta di ALEGAS sul territorio – con sportelli fisici e non solo tramite call center e web – rappresenta un valore aggiunto fondamentale per i nostri clienti e una garanzia di affidabilità e serietà“. Continua a leggere “ALEGAS: punto informativo in centro ad Alessandria venerdì ad Aperto per Cultura e sabato alla presentazione della stagione dell’Alessandria Volley”

Pernigotti, entro settembre verrà chiusa la trattativa di vendita. Si può essere davvero contenti?

Pernigotti, entro settembre verrà chiusa la trattativa di vendita. Si può essere davvero contenti?

6 agosto 2019 di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com/

pernigotti2-e1565103137343.jpg

Tutti soddisfatti per la Pernigotti di Novi Ligure e gli accordi raggiunti a Roma, nella sede del Ministero dello Sviluppo Economico. Il primo è stato raggiunto «con ‘Emendatori’, azienda che fa capo all’imprenditore Giordano Emendatori, per la cessione da parte di Pernigotti della divisione “Ice & Pastry” (“I&P”) che comprende la produzione e commercializzazione di basi e ingredienti per gelati e prodotti di pasticceria; il secondo accordo è con il Gruppo Spes e riguarda la produzione di cioccolato, praline e torroni nello stabilimento novese, tramite l’impiego del personale, dei macchinari e dello storico know-how di Pernigotti».

La nota diffusa al termine dell’incontro precisa che «per entrambi gli accordi, il closing (conclusione della trattativa di vendita) è previsto entro la fine del mese di settembre». Dal 23 luglio, Pernigotti ha intanto ripreso la produzione per «la campagna commerciale del Natale 2019, richiamando al lavoro 110 lavoratori tra dipendenti in cassa integrazione e somministrati».

In ogni  caso la Pernigotti Spa resterà titolare del marchio “Pernigotti 1860”, continuando la distribuzione e commercializzazione di cioccolato, praline, torrone e creme spalmabili. La proprietà turca, la famiglia Toksoz, non ha mai arretrato di un solo millimetro su questo punto, anche perché il valore industriale è in questo marchio, nato poco dopo la metà dell’Ottocento a Novi Ligure. Quali possano essere gli sviluppi alla luce del futuro assetto, è tutto da verificare. Anche perché le due realtà imprenditoriali con cui è stato raggiunto l’accordo sono molto diverse fra loro. Continua a leggere “Pernigotti, entro settembre verrà chiusa la trattativa di vendita. Si può essere davvero contenti?”

Pernigotti, Massimo Berutti: “accordi frutto della forza del territorio da non disperdere”

Pernigotti, Massimo Berutti: “accordi frutto della forza del territorio da non disperdere”

massmo-berutti-1-1-1.jpg

Roma, 6 agosto 2019 – “Gli accordi preliminari tra Pernigotti e due realtà diverse tra loro, ma parimenti solide, possono consentire di non disperdere una realtà storica importante per Novi Ligure, il Piemonte e tutto il Paese. Questi accordi sono la dimostrazione che la storicità di un marchio, la professionalità dei dipendenti e la forza di un territorio sono le componenti che possono consentire di affrontare anche le situazioni più difficili e trovare soluzioni pragmatiche e innovative”.

Lo dichiara a margine del Tavolo al Mise il senatore Massimo Berutti. “La partita non è ancora chiusa, ma l’attenzione delle opposizioni ha consentito di portare a casa alcuni risultati. Non le promesse irrealizzabili di alcuni, ma almeno una speranza concreta per il futuro”.

Molinari e Cabella (Lega): “Pernigotti riparte grazie al Governo, ai sindacati e alla determinazione dei suoi lavoratori”

Molinari e Cabella (Lega): “Pernigotti riparte grazie al Governo, ai sindacati e alla determinazione dei suoi lavoratori”

Lega

“Una grande soddisfazione per la ripartenza della produzione di un’azienda storica come Pernigotti, che fa parte della storia imprenditoriale di Novi Ligure. E anche la dimostrazione che questo Governo ha le idee molto chiare, e pone la tutela delle nostre imprese in cima alle sue priorità”.  Così Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera, e Gian Paolo Cabella, sindaco di Novi Ligure, commentano la notizia dell’accordo raggiunto al Ministero dello Sviluppo Economico, che consentirà la ripartenza della produzione nello stabililmento novese, e il mantenimento degli stessi livelli occupazionali.

“L’obiettivo – sottolineano Molinari e Cabella  – di dare un futuro al marchio Pernigotti, salvaguardando produzione e professionalità, è  il frutto di un lavoro durato mesi, a Roma e sul territorio. Grazie al Ministro Di Maio, al Sottosegretario Durigon e alle rappresentanze sindacali, che hanno saputo battersi perchè un’azienda dal dna completamente italiano, e piemontese, possa continuare il proprio percorso, e guardare al futuro con nuovo slancio.

Ma un plauso soprattutto ai lavoratori della Pernigotti, che hanno vissuto sulla loro pelle, nell’ultimo anno, una situazione difficilissima, senza mai perdersi d’animo, e continuando a battersi per il loro lavoro con grande forza, compostezza e dignità”

Ufficio Stampa Lega Piemonte

PERNIGOTTI, MATRISCIANO (M5S): SALVAGUARDATE PRODUZIONE E OCCUPAZIONE

PERNIGOTTI, MATRISCIANO (M5S): SALVAGUARDATE PRODUZIONE E OCCUPAZIONE

“Da cittadina piemontese prima e da parlamentare del M5S poi, sono molto soddisfatta per l’accordo che il Governo, nella figura del Ministro Luigi Di Maio e del vicecapo di gabinetto del MiSE, Giorgio Sorial, ha raggiunto per la Pernigotti di Novi Ligure.

susy-matrisciano

Un risultato importante, direi storico visto che – com’è emerso durante il tavolo che si è svolto oggi presso il Ministero durante il quale è stato presentato l’accordo preliminare per la reindustrializzazione dello stabilimento – la produzione resterà a Novi e saranno salvaguardati tutti i posti di lavoro.

I due nuovi investitori, la cooperativa torinese Spes e l’imprenditore Giordano Emendatori, garantiranno al territorio sviluppo industriale e, appunto, attenzione e valorizzazione del capitale umano, due aspetti per me fondamentali.

Ancora una volta, abbiamo dimostrato qual è la nostra stella polare: quella di difendere i diritti e la dignità dei cittadini e di garantire a marchi storici, come Pernigotti, di rimanere dove devono stare, cioè nel nostro Paese”.

Lo afferma in una nota la senatrice piemontese del MoVimento 5 Stelle, Susy Matrisciano, capogruppo M5S in Commissione Lavoro al Senato.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)

ALEGAS: Attenti alle truffe telefoniche, e a domicilio. Rivolgetevi ai nostri sportelli di Alessandria e Tortona, aperti tutto il mese di agosto

ALEGAS: Attenti alle truffe telefoniche, e a domicilio. Rivolgetevi ai nostri sportelli di Alessandria e Tortona, aperti tutto il mese di agosto

alegas attenti Truffe anziani 5 .jpg

Alessandria: “Attenti alle truffe, sia telefoniche che a domicilio: continuiamo a ricevere segnalazioni, ad Alessandria come ad Acqui Terme o a Tortona, di persone, soprattutto anziane, sollecitate con proposte di ogni tipo, magari usate come pretesto per entrare in casa. Per avere chiarimenti, prima di firmare proposte di qualsiasi tipo, contattate i nostri addetti: siamo aperti tutto il mese di agosto”.

Paolo Arrobbio, Presidente del Gruppo AMAG, e Andrea Innocenti, Amministratore Unico di ALEGAS, intervengono a doppia voce per segnalare un fenomeno che, nelle settimane estive, pare farsi più intenso, e certamente rischioso.

Ovviamente è ALEGAS, l’azienda del Gruppo AMAG attiva nella vendita di luce e gas, ad essere più spesso utilizzata da malintenzionati come pretesto per proposte poco trasparenti. Continua a leggere “ALEGAS: Attenti alle truffe telefoniche, e a domicilio. Rivolgetevi ai nostri sportelli di Alessandria e Tortona, aperti tutto il mese di agosto”

Le bottiglie ‘connesse’ di Guala Closures sbarcano in California grazie a Böen

Le bottiglie ‘connesse’ di Guala Closures sbarcano in California grazie a Böen

2 agosto 2019 Author: Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Le bottiglie connesse sono a stelle e strisce. E grazie a un semplice gesto come quello di avvicinare uno smartphone alla chiusura il consumatore «viene trasportato direttamente nella tenuta di Böen».

Le bott guala-boen.jpg

Il marchio della California, parte di Copper Cane Wines & Provisions di Joseph Wagner, è infatti il primo brand vinicolo statunitense che adotta la tecnologia Near-Field Communication (Nfc), sviluppata da Guala Closures e SharpEnd che consente un accesso immediato alle informazioni sul vino acquistato. Una operazione resa possibile dalla tecnologia e da e-Wak, la chiusura per il vino in alluminio con tecnologia Nfc integrata di Guala Closures, recentemente premiata all’Alufoil Trophy 2019.

«Senza scaricare alcuna applicazione e semplicemente avvicinando lo smartphone alla bottiglia – si legge su una nota diffusa da Guala Closures – è possibile accedere alle informazioni sul vino, immergersi nei vigneti, viaggiare virtualmente fino alla tenuta di Böen, conoscere come è stato prodotto il vino, trovare abbinamenti e condividere le esperienze con altri appassionati, sia all’interno della piattaforma, sia attraverso i social media». Continua a leggere “Le bottiglie ‘connesse’ di Guala Closures sbarcano in California grazie a Böen”

Il BIP (Biglietto Integrato Piemonte) diventa realtà anche ad Alessandria

Il BIP (Biglietto Integrato Piemonte) diventa realtà anche ad Alessandria

Le nuove card sostituiscono i biglietti cartacei. Il via a Settembre ma AMAG Mobilità invita gli utenti a recarsi negli uffici per espletare la pratica già a partire dal 1 Agosto ed evitare così eventuali code e disagi.

Schermata 2019-07-29 a 17.13.40

Annunciamo oggi l’avvio di una nuova tappa del percorso di riqualificazione del servizio di trasporto pubblico della città di Alessandria, dopo quelle che hanno riguardato l’ammodernamento del parco automezzi.

Ci riferiamo alle tecnologie a bordo bus, e, in particolare, agli apparati tecnologici installati su ogni mezzo del parco circolante che, nell’immediato futuro, ci daranno la possibilità di installare le paline elettroniche con gli orari in tempo reale alle fermate degli autobus ma che ci consentono da subito di utilizzare il BIP, Biglietto Integrato Piemonte.

AMAG Mobilità comunica l’avvio della fase di distribuzione delle tessere BIP che saranno a disposizione degli abbonati a partire da giovedì 1 agosto p.v. in vista dell’avvio del sistema che diventerà operativo su tutti i mezzi del Trasporto Pubblico Locale nel prossimo mese di settembre. La Direzione invita gli utenti a recarsi nelle prossime settimane, minimizzando così il rischio di code alla ripresa dopo la pausa estiva. Continua a leggere “Il BIP (Biglietto Integrato Piemonte) diventa realtà anche ad Alessandria”

ALEGAS per il terzo anno consecutivo sponsor dell’ HSL Derthona, di 3

ALEGAS per il terzo anno sponsor dell’HSL Derthona: “Crescere e vincere insieme, per il territorio”

19029302_1939057329674070_3135241135162203416_n-1.jpg

Un team calcistico vincente, l’HSL Derthona, che arriva da due promozioni consecutive, e si appresta ad una nuova stagione da protagonista, simbolo della sua città.
Un’azienda vitale e innovativa come ALEGAS, che fa squadra per il territorio, e che ha nel proprio DNA il sostegno delle migliori attività sportive, sociali e culturali di tutto l’Alessandrino.

“La partnership con l’HSL Derthona continua – sottolinea Paolo Arrobbio, Presidente del Gruppo AMAG – e per il terzo anno consecutivo il logo ALEGAS sarà sulla maglia dei leoncini tortonesi. La nostra azienda del gas e dell’energia, grazie ad un’offerta integrata e dai prezzi molto competitivi, è la vera ‘punta di diamante’ della nostra multiutility. Come il Derthona abbiamo ‘fame’ di vittorie, e l’obiettivo nei prossimi 12 mesi è continuare a crescere. Anche quest’anno saremo sponsor del calcio tortonese, sperando di festeggiare, nel 2020, la terza promozione consecutiva dell’HSL Derthona. Venerdì sera saremo allo Chalet Castello, in occasione della presentazione ufficiale della squadra e dei progetti per la nuova stagione alle porte, saremo al fianco della Società, dello staff tecnico e dei giocatori. Ma soprattutto dei tanti tifosi, che sono la vera risorsa di un team vincente”. Continua a leggere “ALEGAS per il terzo anno consecutivo sponsor dell’ HSL Derthona, di 3”

Consegnati ieri sera ai Giardini Reali a Torino gli Oscar Green regionali

Menzione speciale al birrificio contadino “Cascina Motta” per la categoria Creatività

Consegnati ieri sera ai Giardini Reali a Torino gli Oscar Green regionali

L’azienda si trova a Sale: è alessandrino, il primo birrificio italiano a produrre e trasformare in azienda tutte le materie prime per le proprie birre

Massimo Prandi con premio.jpg 

Menzione speciale per la “categoria Creatività” a Massimo Prandi titolare dell’azienda “Cascina Motta”, a Sale, zona di Castelnuovo Scrivia, che ieri sera ha ricevuto il premio durante la cerimonia di consegna degli “Oscar Green” regionali, il concorso che premia le aziende che si distinguono sul territorio per innovazione e competitività. 

Coldiretti Alessandria ha partecipato all’iniziativa, che si è svolta ai Giardini Reali a Torino, con una numerosa delegazione: un momento molto importante di crescita e di confronto in attesa dell’evento nazionale.

Oscar Green 2Oscar Green1

“Cascina Motta” è il primo microbirrificio italiano a produrre e trasformare in azienda tutte le materie prime per le proprie birre: il primo sulla scena nazionale a realizzare interamente in azienda tutti i processi della produzione della birra, dal campo alla bottiglia. Ha inaugurato quest’anno la propria sala cotta, con la brassatura della prima birra, la Cavagna. Un ulteriore tassello a completamento di un progetto innovativo nato dieci anni fa con la conversione dell’intera superficie aziendale di dodici ettari al regime di agricoltura biologica per la coltivazione di orzo distico ed altri cereali da birra e luppolo. Infatti, la peculiarità dell’azienda è proprio quella di coltivare tutte le materie prime necessarie alla realizzazione delle proprie birre, completando anche in sede il processo della maltazione e della prima lavorazione dei coni. Continua a leggere “Consegnati ieri sera ai Giardini Reali a Torino gli Oscar Green regionali”

Bisio Progetti vince contro Nestlé. E punta a crescere nel mercato miliardario delle capsule per caffè e bevande

Bisio Progetti vince contro Nestlé. E punta a crescere nel mercato miliardario delle capsule per caffè e bevande

Author: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

header-image-e1564071175129.jpg

Una produzione media all’anno di 2,5 miliardi di capsule compatibili per il caffè che colloca l’azienda al primo posto fra i produttori a livello europeo, che oggi è il mercato che rappresenta il novanta per cento di quello mondiale. Un giro di affari di quasi sessanta milioni di euro e duecento dipendenti.

Una realtà industriale importante per il territorio, certo non paragonabile per dimensioni e fatturato a colossi internazionali. Eppure la ricerca e lo sviluppo su cui ogni anno l’azienda investe una percentuale rilevante e i brevetti messi a punto le hanno permesso di vincere contro una multinazionale.

Protagonista è la Bisio Progetti (Gruppo Guala di Alessandria) che ha vinto una causa contro la Nestlè e potrà produrre le capsule per caffè compatibili con il sistema Dolce Gusto, quelle della multinazionale svizzera.

Il Tribunale di Milano ha chiuso così una vicenda che ha preso le mosse nel dicembre del 2016. Bisio Progetti si era rivolta al Tribunale di Milano, Sezione specializzata in Materia di impresa, per «instaurare» (è la definizione giuridica) una causa nei confronti della Nestlé. «È un’azione di accertamento negativo della contraffazione dei brevetti. Continua a leggere “Bisio Progetti vince contro Nestlé. E punta a crescere nel mercato miliardario delle capsule per caffè e bevande”

Amag Alessandria, i conti che arrivano dal passato e il futuro con le luci a led

Amag Alessandria, i conti che arrivano dal passato e il futuro con le luci a led

Date: 23 luglio 2019

Author: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

Le aziende a partecipazione pubblica possono coniugare qualità del servizio e attenzione ai clienti con la necessità di fare utili, essere competitivi, investire in ricerca, sviluppo e innovazione? La risposta è nella gestione industriale, nella qualità manageriale dei vertici e nel ruolo della politica. Che è l’anello più critico della catena.

amag-e1563908323754.jpg

La storia del gruppo Amag di Alessandria è esemplare, come ha dimostrato l’andamento dell’audizione del presidente, Paolo Arrobbio, e dell’amministratore delegato, Adelio Ferrari, da parte delle Commissioni consiliari Sviluppo del Territorio e Programmazione e Bilancio del Comune di Alessandria.

I numeri e i dati di bilancio snocciolati da Arrobbio, le precisazioni sul concorso, poi revocato, per l’assunzione di tre persone con una modalità che equiparava i titoli di studio al possesso della patente, gli obiettivi aziendali, non hanno rappresentato pressoché alcuna novità rispetto a quanto discusso e dibattuto, nelle scorse settimane, dalla politica e a quanto illustrato all’assemblea dei soci in occasione della presentazione del bilancio e del rinnovo delle cariche con l’arrivo di Ferrari al posto di Mauro Bressan.

Ma è dall’analisi dei conti, e dagli interventi in aula, che si capisce quanto la politica possa far compiere balzi in avanti a una azienda partecipata o rendere quasi insostenibile la gestione. Continua a leggere “Amag Alessandria, i conti che arrivano dal passato e il futuro con le luci a led”

E’ Ora di dire BASTA! free shopping delle imprese italiane, di Pier Carlo Lava

BASTA! free shopping delle imprese italiane, di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Sono anni che il nostro paese è diventato preda da cacciare delle multinazionali che che non trovano nessun ostacolo a fare acquisti di imprese in ogni settore merceologico, siano esse società di piccole, medie o grandi dimensioni, arrivano fanno la loro offerta e acquistano senza problemi.

pier.jpg

Il numero delle imprese italiane sopratutto nei grandi brand conosciuti e affermati nel mondo, per qualità dei prodotti, innovazione e design finite in mano a società estere ormai non si conta più come se non facesse notizia.

A volte poi succede come nel caso della Pernigotti di Novi Ligure un antica e rinomata società italiana del settore dolciario famosa per il torrone, i cremini, i gianduiotti, le uova di Pasqua e i preparati per gelateria che viene acquistata da una società turca, strapagata e malgestita al punto che in pochi anni accumula milioni di euro di perdite e poi decide di chiudere lasciando sul lastrico centinaia di lavoratori.

Oppure come nel caso del Mercatono UNO che recentemente era stato acquisito da una società che in solo otto mesi ha accumulato perdite enormi e ora di colpo ha deciso di chiudere senza preoccuparsi della situazione di migliaia di lavoratori e delle relative famiglie e ovviamente nessuno Governo compreso si è preoccupato di verificare chi era la società acquirente… Continua a leggere “E’ Ora di dire BASTA! free shopping delle imprese italiane, di Pier Carlo Lava”

Cambio al vertice della Centrale del Latte: Pietro Cerlesi sarà il nuovo Direttore Generale

Cambio al vertice della Centrale del Latte: Pietro Cerlesi sarà il nuovo Direttore Generale

Il manager milanese, con una lunga esperienza nel settore lattiero-caseario, sostituirà Franco Butti che a Settembre andrà in pensione dopo ventiquattro anni di lavoro in Centrale di cui gli ultimi sette come DG.

Alessandria, 18 Luglio 2019

Pietro Cerlesi.jpg

È stato un Consiglio di Amministrazione particolarmente importante per la storia della Centrale del Latte di Alessandria e Asti quello svoltosi ieri: Franco Butti, in azienda dal 1995, lascerà il posto entro il 30 settembre prossimo a Pietro Cerlesi che assumerà il ruolo di Direttore Generale.

A comunicare lo storico passaggio di consegne è il Presidente, Gian Paolo Coscia: “Oggi abbiamo presentato ufficialmente l’ingresso in Centrale di Pietro Cerlesi, avvenuto in seguito alla scelta del Direttore Butti di andare in pensione. A nome di tutto il Consiglio intendo ringraziare Franco Butti per lo straordinario impegno profuso a favore della Centrale in tanti anni di appassionato lavoro e, in particolare, per la guida sicura con cui ha diretto l’azienda negli ultimi anni. La scelta del nuovo Direttore avviene dopo una lunga e accurata analisi di mercato e siamo certi che la consolidata esperienza di Pietro Cerlesi nella filiera del latte e dei suoi derivati rappresenti la migliore garanzia per portare avanti le politiche di sviluppo avviate con il recente rafforzamento della governance”.

Pietro Cerlesi, milanese, classe 1959, arriva in Centrale da Italcanditi – Vitalfood, dove dirigeva lo stabilimento di Pedrengo (BG), dopo una lunga esperienza nel settore lattiero-caseario: laureato in Scienze Agrarie, alla fine degli anni ‘ottanta entra in Centrale del Latte di Milano dove percorre un articolato percorso di crescita che lo porta a diventare Capo Servizio Produzione e Responsabile di stabilimento, per poi andare a dirigere tra il 2007 e il 2008 lo stabilimento di Bologna del Gruppo Granarolo. Successivamente assume la direzione operativa di Centrali Produttori Latte Lombardia per poi ricoprire dal 2012 al 2016 la direzione generale di ABIT Piemonte (Gruppo TreValli Cooperlat). Continua a leggere “Cambio al vertice della Centrale del Latte: Pietro Cerlesi sarà il nuovo Direttore Generale”

Confindustria: aumentano i segni ‘meno’, ma gli imprenditori reagiscono. Però non trovano personale specializzato e si pensa a un progetto insieme al mondo scolastico

Confindustria: aumentano i segni ‘meno’, ma gli imprenditori reagiscono. Però non trovano personale specializzato e si pensa a un progetto insieme al mondo scolastico

Author: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

maurizio-miglietta

Alessandria: Le previsioni degli imprenditori alessandrini per i prossimi tre mesi mescolano segni positivi e negativi, preoccupazione e ottimismo, volontà di investire e incertezze sul futuro del paese. Il periodo estivo coincide peraltro sempre con un calo delle attività e quindi un rallentamento è fisiologico, benché l’estate 2019 stia facendo i conti con segnali particolarmente contrastanti sui mercati.

In ogni caso gli imprenditori alessandrini sono intenzionati a «reagire e mantenere il ruolo sociale», perché in fondo la provincia di Alessandria, «non è messa troppo male rispetto ad altre». È all’insegna della «reazione» a una fase di frenata, anche se non forte, e di profonda incertezza, l’edizione numero 179 dell’indagine congiunturale trimestrale di Confindustria Alessandria cui ha collaborato un campione di 106 aziende associate su 450. Maurizio Miglietta, presidente di Confindustria (nella foto), Renzo Gatti, direttore, e Giuseppe Monighini, responsabile dell’Ufficio Studi, snocciolano dati, analisi e commenti con un solo comune denominatore: se l’economia rallenta, gli imprenditori investono.

E se i numeri di produzione, occupazione ed esportazione nei settori metalmeccanico, chimico, gomma-plastica e alimentare vedono prevalere più segni negativi che positivi, è anche vero che complessivamente l’indicatore dell’occupazione registra un più 4, il totale degli ordini un più 1 e gli ordini export un più 2 (ma un meno 5 di produzione). Il terzo trimestre del 2019 è lontano dallo stesso periodo del 2018 quando l’occupazione era a più 6, la produzione a più 13, il totale ordini a più 7 e gli ordini export più 12. Continua a leggere “Confindustria: aumentano i segni ‘meno’, ma gli imprenditori reagiscono. Però non trovano personale specializzato e si pensa a un progetto insieme al mondo scolastico”

EDILIZIACROBATICA® azienda leader in Italia del settore edile per lavori su corda

EDILIZIACROBATICA® azienda leader in Italia del settore edile per lavori su corda

Effettua interventi senza l’utilizzo di ponteggi o piattaforme aeree utilizzando la tecnica innovativa e all’avanguardia della doppia fune di sicurezza che consente di offrire al cliente finale non solo servizi di qualità con standard di eccellenza e l’ovvio abbattimento del costo del ponteggio ma soprattutto una serie di vantaggi intangibili che non hanno prezzo: nessun ostacolo alla vista, totale libertà, luce, pulizia e totale sicurezza, anche durante i lavori.

DSC_0015.jpg

Nella foto interventi in corso in via Don Giovine Alessandria – Quartiere Borsalino

Una vera rivoluzione nel mondo dell’edilizia e una formula vincente che si traduce nei numeri: nell’ultimo anno EdiliziAcrobatica® ha registrato un aumento del fatturato del +50% e aumentato il numero di dipendenti e collaboratori arrivando oggi ad un organico di più di 650 persone.

E la crescita continua: EdiliziAcrobatica® oggi ha una Direzione Generale a Genova e 71 Sedi operative sul territorio, tra dirette e franchising. Un’azienda in continua espansione che crea nuove opportunità di lavoro in tutta Italia.

Tutti gli interventi esterni di ristrutturazione, ripristino, pulizia, installazione e manutenzione sono svolti da operai acrobatici senza l’utilizzo di costosi e fastidiosi ponteggi o di altre attrezzature per il sollevamento del personale addetto. Grazie alla tecnica dei lavori su corda i muratori acrobatici arrivano ovunque, non avendo limiti di altezza operativa. Inoltre, la tecnologia del lavoro su corda permette di intervenire in tempi record. Continua a leggere “EDILIZIACROBATICA® azienda leader in Italia del settore edile per lavori su corda”

Pernigotti, MATRISCIANO (M5S): Dal tavolo al MiSE segnali positivi.

Pernigotti, MATRISCIANO (M5S): Dal tavolo al MiSE segnali positivi

pernigotti 17luglio 2019.jpg

“Le due manifestazioni di interesse presentate da soggetti italiani per lo stabilimento Pernigotti di Novi Ligure, sulle quali sono in corso approfondimenti relativamente ai piani industriali, testimoniano il grande impegno profuso in questi mesi dal MiSE per giungere alla migliore soluzione possibile, salvaguardando entrambe le linee di produzione e l’occupazione di tutti i lavoratori che si trovano in cassa integrazione.

Il fatto che l’azienda abbia confermato lo stato avanzato delle trattative con i potenziali investitori, garantendo la continuità operativa degli impianti produttivi, è un segnale positivo che lascia fiduciosi per il futuro dello stabilimento”.

susy-matrisciano.jpg

Così in una nota Susy Matrisciano, senatrice del MoVimento 5 Stelle membro della Commissione Lavoro al termine del tavolo Pernigotti al MiSE.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Pernigotti, Berutti (FI): “dare attuazione concreta ai progetti presentati e partire dal caso Pernigotti per non commettere più errori”

Pernigotti, Berutti (FI): “dare attuazione concreta ai progetti presentati e partire dal caso Pernigotti per non commettere più errori”

Roma, 18 luglio 2019 – “L’incontro al Mise su Pernigotti ha consentito di inquadrare una serie di opzioni che possono avere valore per la salvaguardia dei posti di lavoro. È però il tempo di dare attuazione concreta ai progetti presentati, di passare dalle promesse ai fatti”.

È quanto dichiara il senatore di Forza Italia, Massimo Berutti, a seguito della partecipazione al Tavolo tenuto al Ministero dello Sviluppo economico sulla Pernigotti SpA di Novi Ligure.

massmo-berutti-1-1-1

“Le possibili soluzioni distinte su gelateria, gianduiotti e torrone potranno non essere ottimali, ma sono certamente positive per la tutela dei lavoratori, che resta una priorità. Al di là delle soluzioni contingenti, che devono essere concretizzate quanto prima, il caso Pernigotti deve spingerci ad un’azione di sistema che metta le eccellenze italiane in condizione di competere a livello globale senza il bisogno di interventi imprenditoriali stranieri che in certi casi si rivelano deleteri per le realtà nazionali.

È per queste ragioni che è necessario intervenire su tributi, fisco e credito, così da mettere le imprese italiane in condizione di difendere le nostre produzioni ed eccellenze nelle sfide internazionali”.

Quando il passato ritorna e a volte porta guai, di Pier Carlo Lava

Quando il passato ritorna e a volte porta guai

Sindaco, Assessore e membro di Ente pubblico sono mestieri complessi, ma ora anche rischiosi.

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Entrare in politica è sempre stato un sogno ambito da molti, non per nulla che alle elezioni politiche o comunale, si candidano in tanti, salvo che a raggiungere l’obiettivo sono in pochi e purtroppo a volte non i più qualificati, questo infatti è uno dei motivi, ma non il solo, che poi generano la malagestio della cosa pubblica.

Il passato

Negli ultimi dieci anni però fare il Sindaco, l’Assessore o il dirigente di un Ente pubblico, sopratutto nei casi in cui non sussiste la necessaria preparazione unitamente alle specifiche competenze e la dovuta attenzione alle leggi, sono diventati mestieri sempre più complessi ma ora anche pericolosi, oltretutto con una retribuzione decisamente modesta in rapporto alle responsabilità.

Una problematica che a macchia di leopardo emerge periodicamente su tutto il territorio nazionale, con la conseguenza per gli interessati di essere soggetti a problemi penali e civili con la giustizia, come nel caso di un recente fatti di cronaca che riguarda Alessandria.

Il fatto riguarda la prima fase dell’inchiesta sull’Atm, la società di trasporto pubblico partecipata del Comune, fallita tre anni fa e in seguito diventata quasi totalmente privata, con una ventina di indagati iniziali, membri del cda e organismi di controllo tra il 2008 e il 2016, gli stessi si difendono davanti ai magistrati asserendo che tutte le direttive eran date dal Comune.

Conseguentemente il numero degli indagati è salito a 31, fra cui ex sindaci, assessori e contabili del Comune. Agli stessi probabilmente verrà richiesto di chiarire la loro posizione in merito alla vicenda. Continua a leggere “Quando il passato ritorna e a volte porta guai, di Pier Carlo Lava”

Giovani, agricoltura e risorse pubbliche: le storie di Elisa, Greta e Carolina dimostrano che si può fare. Ma se non ci fosse l’aiuto della famiglia

Giovani, agricoltura e risorse pubbliche: le storie di Elisa, Greta e Carolina dimostrano che si può fare. Ma se non ci fosse l’aiuto della famiglia

Author: Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

I contributi pubblici sono utilissimi, ma se non c’è un altro aiuto (per primo quello dellafamiglia) è difficile fare impresa in Italia. Anche quando le idee sono innovative, all’avanguardia, capaci davvero di guardare al futuro e di anticipare le evoluzioni di un mercato sempre più veloce e mutevole.

ferrario-caterinamascetti_elisapastorino-greta

Il fenomeno è trasversale, tocca tutti i comparti produttivi e conferma, in termini negativi, uno dei maggiori ostacoli alla crescita del paese: la difficoltà dell’accesso al credito e l’altrettanta complessità, frutto spesso di una burocrazia rigida e autoreferenziale, della gestione delle risorse pubbliche.

La storia di tre aziende dell’Ovadese, associate all’Agia (Associazione giovani imprenditori agricoli) della Confederazione italiana agricoltori (Cia) di Alessandria, è esemplare della creatività d’impresa, della volontà di innovare e riqualificare attività tradizionali, di crescere e di svilupparsi, ma anche di diffusi limiti del sistema.

Eppure gli strumenti non mancano, come il bando 6.1.1 del Psr (Programma di sviluppo rurale) della Regione Piemonte (scade il 15 luglio) dedicato all’insediamento di giovani agricoltori. Anche in provincia di Alessandria sono numerose le domande depositate alla Cia per ottenere i finanziamenti previsti «e il trend numerico si allinea ai livelli nazionali, di circa il dieci per cento di presenza giovane» precisano i responsabili dell’organizzazione guidata dal presidente Gian Piero Ameglio. Continua a leggere “Giovani, agricoltura e risorse pubbliche: le storie di Elisa, Greta e Carolina dimostrano che si può fare. Ma se non ci fosse l’aiuto della famiglia”

CIA. Giovani: pronti a investire e inserirsi in agricoltura

Giovani: pronti a investire e inserirsi in agricoltura

In chiusura le domande PSR per la contribuzione europea, assistenza in Cia

Scade il prossimo 15 luglio il bando 6.1.1 del PSR della Regione Piemonte dedicato all’insediamento di giovani agricoltori e anche in provincia di Alessandria sono numerose le domande depositate presso la Cia per ottenere i finanziamenti previsti e il trend numerico si allinea ai livelli nazionali, di circa il 10% di presenza giovane.

ferrario-caterinamascetti_elisapastorino-greta

Da 2016 ad oggi (in svolgimento c’è il quarto bando pubblico di insediamento) Cia Alessandria ha presentato domande per 45 giovani e 35 di loro hanno visto assegnato il contributo di finanziamento. In questo bando, ad oggi, si sono candidati altri 15 giovani aspiranti agricoltori.

Cia Alessandria rappresenta circa 120 aziende condotte da giovani sotto i 40 anni a fronte di circa 1500 aziende associate (di cui è gestito il fascicolo). Spiega il consulente tecnico Cia Paolo Barbieri: “Emerge un dato comune a livello Italiano e comunitario: nonostante i contributi pubblici, i giovani presenti nel mondo agricolo sembrano essere sempre pochi. Tra le cause principali: la difficoltà a reperire terreni e le notevoli somme necessarie per acquistare/ristrutturare le aziende agricole e, di conseguenza, la difficoltà di accesso al credito”.

Buona invece la presenza di donne: circa il 40% della presenza è “rosa”, anche grazie alle Priorità nelle graduatorie nei bandi PSR. Continua a leggere “CIA. Giovani: pronti a investire e inserirsi in agricoltura”

Guala Closures (Alessandria) e Hicap (Cina) iniziano ‘a camminare insieme’ guardando al mercato miliardario cinese dei liquori

Guala Closures (Alessandria) e Hicap (Cina) iniziano ‘a camminare insieme’ guardando al mercato miliardario cinese dei liquori

Author: Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

guala-closures-cina-e1562162947334.jpg

Alessandria: Una firma che segna «l’inizio di una collaborazione reciproca», come dice Marco Giovannini, presidente e amministratore delegato del gruppo Guala Closures. «Da domani cammineremo insieme» commenta Ruiyuan Sun, presidente e amministratore delegato di Hicap. «Questa è una collaborazione, proiettata allo sviluppo di prodotti e all’ingresso sul mercato, che potrebbe diventare un modello tra Cina e Italia» sottolinea Fu Xiaoping, vice sindaco della municipalità di Luzhou (circa cinque milioni di abitanti), nella provincia del Sichuan (novanta milioni di abitanti), e responsabile dei settori industria, economia e comunicazione.

Quello sottoscritto nella sede della Guala Closures, nell’area industriale D6 di Spinetta Marengo, è un ‘memorandum di intenti’ che non parla né di operazioni industriali, né di joint venture (Guala Closures è quotata in Borsa nel segmento Star) o altro ancora, ma solo di possibili «sviluppi interessanti». Però è facile intuire che l’intesa, siglata alla presenza di Davide Buzzi Langhi, vice sindaco di Alessandria, guarda a ben altre prospettive. Continua a leggere “Guala Closures (Alessandria) e Hicap (Cina) iniziano ‘a camminare insieme’ guardando al mercato miliardario cinese dei liquori”

Colussi entra nel mondo del cioccolato con l’alessandrina Suissa (che dice addio all’impresa familiare)

Colussi entra nel mondo del cioccolato con l’alessandrina Suissa (che dice addio all’impresa familiare)

Author: Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

suissa.jpg

Ancora ad aprile il titolare, Giancarlo Piella, esprimeva profonda soddisfazione per l’andamento del mercato delle uova di Paqua, cresciuto del dieci per cento. Un segno tangibile dello stato di salute dell’azienda di Arquata Scrivia che nel 2013, sull’onda di una crescita costante e sana, aveva investito oltre due milioni di euro per ampliare il magazzino.

Evidentemente La Suissa, nata nel 1981, era effettivamente una realtà produttiva sana e competitiva se Colussi ha deciso di rilevare la maggioranza azionaria, «preservando e mantenendo una forte relazione con la famiglia fondatrice che sarà parte importante nel progetto di sviluppo» come spiega una nota diffusa dal gruppo alimentare che ha il quartiere generale a Milano.

Colussi entra così nel mondo del cioccolato e lo fa grazie a uno dei marchi storici della provincia di Alessandria. La produzione della Suissa (cioccolatini, praline, tavolette uova), prevalentemente a marchio proprio, ma anche per conto terzi, è concentrata nello stabilimento di quasi 10.000 metri quadrati, sorge a poche decine di metri dal sito archeologico di Libarna, dove l’export pesa per il 35 per cento e il fatturato consolidato nel 2018 ha toccato quasi i 17 milioni di euro, segnando «una costante crescita a doppia cifra». Continua a leggere “Colussi entra nel mondo del cioccolato con l’alessandrina Suissa (che dice addio all’impresa familiare)”

Paolo Borasio, ARAL: depositata la nuova domanda di concordato preventivo

ARAL: depositata la nuova domanda di concordato preventivo

Alessandria: Venerdì 21 giugno ARAL spa ha depositato la nuova domanda di concordato preventivo, completa del piano di continuità aziendale, della proposta ai creditori e di tutta la documentazione richiesta dalla Legge.

aral_logo_scontorno-(1)_200x122

Non è stata effettuata nessuna modifica rispetto alla proposta ed al piano già presentati lo scorso 22 febbraio e poi, successivamente, precisati nell’udienza del 15 maggio 2019.

Il piano di continuità aziendale è stato aggiornato con i risultati di esercizio alla fine del mese di aprile che mostrano che il risanamento gestionale è stato, ormai, conseguito con il ritorno alla produzione di utili.

La domanda di concordato è stata, invece, integrata con i chiarimenti che erano stati richiesti dal Tribunale di Alessandria.

Si attende, quindi, il provvedimento del Tribunale di Alessandria che dovrà decidere sulla apertura della procedura: se così sarà, sarà nominato il commissario giudiziale e sarà fissata la data dell’udienza per il voto dei creditori sulla proposta.

Ringrazio la società e gli advisor per il lavoro svolto in questi mesi – ha commentato l’assessore all’Ambiente, Paolo Borasio -. Gli ultimi giorni sono stati molto impegnativi ed intensi per consentire la consegna in tempi rapidissimi della nuova domanda di concordato e permettere la continuità tra la procedura precedentemente aperta e quella nuova. Senza un lavoro congiunto dei dipendenti, del CDA e degli advisor, tutto questo non sarebbe stato possibile. Se la società è tornata a conseguire utili, il merito è anche di tutti i lavoratori che hanno prestato la propria attività in condizioni di estrema difficoltà. L’unione ha fatto la differenza e possiamo cominciare a vederne finalmente i frutti. Ci auguriamo che questo percorso virtuoso trovi la sua positiva conclusione con l’accoglimento della domanda di concordato”.

Economia circolare? Le imprese ci credono (come ha fatto Ecoplasteam), ma la politica torna al 1998. Ignorando che il mondo è cambiato e non sarà mai più come prima

Economia circolare? Le imprese ci credono (come ha fatto Ecoplasteam), ma la politica torna al 1998. Ignorando che il mondo è cambiato e non sarà mai più come prima

di: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

economia logo-ecoallene-oggetti

«L’economia circolare sarà il modello del futuro. Queste imprese sono quelle che investono di più in ricerca ed esportano meglio». Francesco Ferrante, vicepresidente del Kyoto Club(organizzazione non profit, creata nel 1999, costituita da imprese, enti, associazioni e amministrazioni locali, impegnati nel raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra assunti previsti nel Protocollo di Kyoto), lo dice chiaramente e con convinzione. Ma i numeri dell’economia circolare, quella vera, rappresentano davvero «ilnuovo paradigma del produrre, del consumare, della responsabilità sociale dell’impresa»? Da un recente incontro, ospitato nelle Cantine Ceretto e organizzato nell’ambito dell’edizione 2019 di ‘Circonomia – Festival dell’economia circolare e delle energie dei territori’, è arrivata una risposta positiva attraverso le testimonianze di imprenditori, associazioni, consorzi di riciclo, comunicatori e giornalisti.

E c’è chi, come Duccio Bianchi di Ambiente Italia (società di consulenza ambientale, attiva da vent’anni in ambito nazionale ed europeo), ha anche affermato che «l’Italia, con una manifattura che produce moltissimo da materie seconde, ha tutte le condizioni per essere pioniere in Europa dell’economia circolare». Peccato che le norme vadano a volte in altre direzioni, creando confusione quando non addirittura problemi e ostacoli insuperabili. Continua a leggere “Economia circolare? Le imprese ci credono (come ha fatto Ecoplasteam), ma la politica torna al 1998. Ignorando che il mondo è cambiato e non sarà mai più come prima”

L’UPO ACCANTO ALLE IMPRESE DI FRONTE AL “NUOVO CODICE DELLA CRISI”

L’UPO ACCANTO ALLE IMPRESE DI FRONTE AL “NUOVO CODICE DELLA CRISI”

Il prossimo 21 giugno il DIGSPES ospita il convegno “Prevenire i problemi cogliendo le opportunità”.

url

Prevenire e cogliere l’opportunità di gestire tempestivamente gli indizi della crisi nell’ottica della conservazione dell’imprenditorialità. Questa è forse la finalità principale che il legislatore intende perseguire con la recentissima riforma che introduce nel nostro ordinamento il Nuovo Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza.

Sono questi i temi al centro del convegno che si terrà ad Alessandria, il prossimo venerdì 21 giugno, ore 14.30, presso l’aula 209 di Palazzo Borsalino, sede del Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze politiche, economiche e sociali dell’Università del Piemonte Orientale, organizzato dall’Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Asti, Alessandria e Casale Monferrato, in occasione del decennale dalla sua costituzione, in collaborazione con “Connessione Giovani. Competenze in rete”, il tavolo interassociativo e interprofessionale al quale partecipano gli Ordini Professionali, le Associazioni datoriali della Provincia di Alessandria e il DIGSPES. Continua a leggere “L’UPO ACCANTO ALLE IMPRESE DI FRONTE AL “NUOVO CODICE DELLA CRISI””

Confapi “sta bene, ma può migliorare”. E conta su Asti per farlo. Parola di Antonino Giustiniani

Confapi “sta bene, ma può migliorare”. E conta su Asti per farlo. Parola di Antonino Giustiniani

Date: 12 giugno 2019 Author: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

antonino-giustiniani

Confapi Industria Alessandria «sta bene», ma può migliorare. Antonino Giustiniani, riconfermato per acclamazione dall’assemblea associativa alla presidenza per i prossimi tre anni, parla del primo mandato come di «una fase di start up che ha visto Alessandria uscire da una situazione particolarmente complessa e ripartire da zero. Oggi la situazione è solida, ma non solidissima e l’obiettivo del secondo mandato da presidente è crescere per completare il processo di risanamento e rilancio dell’organizzazione».

Giustiniani è convinto che «la traversata non è ancora finita» e subito indica l’obiettivo da perseguire: la costituzione dell’associazione territoriale di Asti. «Chiederemo l’autorizzazione a Confapi regionale e al nazionale per fare nascere la sorella astigiana entro la fine del 2019».

È sicuramente una sfida non solo territoriale, ma anche rispetto alla crisi della rappresentanza associativa che ha colpito altre organizzazioni. Non è un passo troppo lungo? «Alcuni nostri associati sono imprenditori astigiani e noi puntiamo sul tessuto delle piccole e medie imprese della provincia, è un tessuto importante che ha bisogno di una ‘casa’ astigiana. La territoriale Confapi di Asti sarà indipendente, come lo è Alessandria.

Le due realtà condivideranno invece il centro servizi che oggi lavora unicamente per Alessandria. Per noi significherà diminuire i costi, mentre Asti raggiungerà l’equilibrio economico con un numero minore di associati. L’associazionismo e la rappresentanza hanno un ruolo fondamentale, a patto che sia davvero di aiuto agli imprenditori, a partire dal sostegno alla internazionalizzazione. In provincia di Asti ci sono imprese che applicano i nostri contratti, in cui sono presenti gli enti bilaterali che garantiscono prestazioni fondamentali. Noi partiamo da questo e dai servizi erogati». Continua a leggere “Confapi “sta bene, ma può migliorare”. E conta su Asti per farlo. Parola di Antonino Giustiniani”

Adelio Ferrari nuovo Amministratore Delegato del Gruppo AMAG

Adelio Ferrari nuovo Amministratore Delegato del Gruppo AMAG

Alessandria: Adelio Ferrari è il nuovo Amministratore Delegato del Gruppo Amag. La nomina è stata decisa, all’unanimità, dal consiglio di amministrazione del Gruppo, riunitosi venerdì 14 giugno.

Adelio Ferrari.jpg

“Accetto questo incarico con entusiasmo – afferma Ferrari -, in un momento di grandi trasformazioni per il mondo delle società multiservizi, e ricco di opportunità che nei prossimi mesi e anni dovremo saper cogliere appieno. Il Gruppo AMAG è una grande realtà territoriale, fortemente radicata non solo ad Alessandria ma in buona parte della provincia. In piena sintonia con il Presidente Paolo Arrobbio, e con i nostri azionisti, a partire ovviamente dal comune di Alessandria che detiene la maggioranza delle quote, l’obiettivo sarà coniugare efficienza, qualità dei servizi, attenzione alle ricadute socioeconomiche per il nostro territorio di riferimento”. Continua a leggere “Adelio Ferrari nuovo Amministratore Delegato del Gruppo AMAG”

Pernigotti, Senatore Berutti (FI) presenta nuova interrogazione

Pernigotti, Senatore Berutti (FI) presenta nuova interrogazione

Roma, 12 giugno 2019 – Dopo le preoccupanti notizie degli scorsi giorni sulla mancata erogazione della CIGS ai lavoratori Pernigotti, il Senatore di Forza Italia Massimo Berutti ha presentato un’interrogazione al Ministro Di Maio per fare chiarezza sia sulla situazione di breve periodo che sulle trattative tra il Governo, la proprietà e le parti sociali.

massmo-berutti-1-1-1.jpg

“La questione Pernigotti – spiega in una nota il senatore Berutti – è rappresentativa dei diversi casi di crisi aziendali che continuo a seguire con attenzione. Il posticipo del tavolo ministeriale programmato per fine maggio e le notizie sulle difficoltà legate all’erogazione della cassa integrazione meritavano un’ulteriore azione concreta.

Per questo ho nuovamente interrogato Di Maio in modo da sapere se stia effettivamente prestando attenzione al tema e quali interventi intenda adottare. Da parte mia l’attenzione resta alta e continuerò a sollecitarla da parte di tutti gli interlocutori, specie di chi ha le leve governative per agire e deve farlo con responsabilità”.

Quando ‘verde’ non è solo un punto, ma l’intera impresa. Ecco cosa succede a Ponti

Quando ‘verde’ non è solo un punto, ma l’intera impresa. Ecco cosa succede a Ponti

Author: Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Si può fare impresa totalmente ‘verde’, dagli impianti ai prodotti? Se questo è, e dovrà sempre più essere, il futuro, purtroppo le realtà che vanno in questa direzione sono ancora relativamente poche.

punto.jpg

Ma la provincia di Alessandria non è del tutto in ritardo perché gli esempi virtuosi esistono e c’è chi ha anche un ulteriore valore aggiunto: il profilo internazionale. Siamo a Ponti, in Regione Cravarezza 74 dove nel 2011 è stato aperto il ‘Punto Verde’. La storia non è solo quella di una impresa agrituristica.

È una storia di cultura, valorizzazione, visione, rispetto e tutela ambientale. Alla guida c’è Ursula Stor, svizzera di nascita (proviene dalla zona del lago di Costanza, al confine tra Germania, Austria e Svizzera) e innamorata dell’Italia fin da quando aveva 17 anni, momento in cui arriva in Sicilia per imparare la lingua.

La voglia di restare era già forte allora, ma la famiglia in quel momento non era d’accordo. Il rientro in terra elvetica è coinciso con un percorso formativo e professionale manageriale che l’ha vista impegnata nei settori della ristorazione, alberghiero, centri per anziani e per portatori di handicap. La svolta nella vita di Ursula arriva una decina di anni fa, anche se lei la zona la conosceva dagli anni Novanta del secolo scorso. Continua a leggere “Quando ‘verde’ non è solo un punto, ma l’intera impresa. Ecco cosa succede a Ponti”

Grafoplast di Predosa, impresa rinata nel nome della famiglia Piana

Grafoplast di Predosa, impresa rinata nel nome della famiglia Piana

di: Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

grafoplast-sede-300x162.jpg

Alessandria: “Piccole, grandi storie di impresa”. Un nuovo spazio per raccontare l’economia e i protagonisti della provincia alessandrina, ma non solo. L’idea è nata dopo l’uscita del volume ‘Alessandria – Gli ultimi 50 anni una finestra sugli eventi socioeconomici’ (198 pagine, edizione Palazzo del Governatore, Alessandria) in cui ripercorro, da giornalista economico, la storia recente, cercando di individuare alcuni degli elementi di positività, che esistono, grazie ai quali Alessandria e la provincia sono davvero in grado di compiere il salto di qualità di cui ha bisogno il tessuto socioeconomico. Continua a leggere “Grafoplast di Predosa, impresa rinata nel nome della famiglia Piana”

Arrobbio (Presidente AMAG): “L’Amministratore Delegato del Gruppo sarà nominato il prossimo 20 giugno”

Arrobbio (Presidente AMAG): “L’Amministratore Delegato del Gruppo sarà nominato il prossimo 20 giugno”

Schermata 2019-06-04 a 09.54.22.png

“Nessuno scontro in corso: il 20 giugno sarà convocata l’assemblea degli azionisti del Gruppo AMAG. Tra i diversi punti all’ordine del giorno ci sarà l’attribuzione delle deleghe al Presidente. Al termine  dell’assemblea degli azionisti si terrà il cda che provvederà a nominare il nuovo Amministratore Delegato”.

Paolo Arrobbio, Presidente del Gruppo Amag, chiarisce la situazione,  dopo che qualche organo di stampa ha diffuso la notizia della mancata  nomina dell’Amministratore Delegato del Gruppo durante il consiglio di  amministrazione di lunedì 3 giugno.

“All’ordine del giorno c’era soltanto l’attribuzione delle deleghe al Presidente e ad un consigliere. Il cda, con quattro voti favorevoli e uno contrario, ha ritenuto di ritirare il punto all’ordine del giorno, e di rinviare l’attribuzione delle deleghe all’assemblea degli azionisti e al cda del prossimo 20 giugno. Qualsiasi polemica è quindi pretestuosa, così come qualsiasi strumentalizzazione politica”.

BASTA! free shopping delle imprese italiane, di Pier Carlo Lava

BASTA! free shopping delle imprese italiane, di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Sono anni che il nostro paese è diventato preda da cacciare delle multinazionali che che non trovano nessun ostacolo a fare acquisti di imprese in ogni settore merceologico, siano esse società di piccole, medie o grandi dimensioni, arrivano fanno la loro offerta e acquistano.

Pier

Il numero delle imprese italiane sopratutto nei grandi brand conosciuti e affermati nel mondo, per qualità dei prodotti, innovazione e design finite in mano a società estere ormai non si conta più come se non facesse notizia.

A volte poi succede come nel caso della Pernigotti di Novi Ligure un antica e rinomata società italiana del settore dolciario famosa per il torrone, i cremini, i gianduiotti, le uova di Pasqua e i preparati per gelateria che viene acquistata da una società turca, strapagata e malgestita al punto che in pochi anni accumula milioni di euro di perdite e poi decide di chiudere lasciando sul lastrico centinaia di lavoratori.

Oppure come nel caso del Mercatono UNO che recentemente era stato acquisito da una società che in solo otto mesi ha accumulato perdite enormi e ora di colpo ha deciso di chiudere senza preoccuparsi della situazione di migliaia di lavoratori e delle relative famiglie e ovviamente nessuno Governo compreso si è preoccupato di verificare chi era la società acquirente… Continua a leggere “BASTA! free shopping delle imprese italiane, di Pier Carlo Lava”

Festa del Calcio provinciale al campo Cattaneo di Alessandria: AMAG premia i giovani calciatori

Festa del Calcio provinciale al campo Cattaneo di Alessandria: AMAG premia i giovani calciatori

Alessandria: E’ stato un sabato pomeriggio di festa al campo Cattaneo di Alessandria.

Festa del Calcio_OK1Festa del Calcio_ok5

La Festa del Calcio provinciale, organizzata dal Comitato Regionale del Piemonte-Valle d’Aosta della Federazione Italiana Gioco Calcio, in stretta collaborazione con il Gruppo AMAG, ha visto la partecipazione di sette società: Asca e Boys Ovada (con due formazioni), Acqui, Fulvius e Novese.  Continua a leggere “Festa del Calcio provinciale al campo Cattaneo di Alessandria: AMAG premia i giovani calciatori”

Alessandria la Festa Provinciale del Calcio, sostenuta dal Gruppo AMAG

Alessandria la Festa Provinciale del Calcio, sostenuta dal Gruppo AMAG

Sabato allo stadio Cattaneo di Alessandria la Festa Provinciale del Calcio, sostenuta dal Gruppo AMAG.  Il Presidente Arrobbio “Questi bambini sono il nostro futuro”

amag Festa del Calcio 3_OKamag Festa del Calcio 4 _OK

La pioggia non ha fermato, sabato pomeriggio allo stadio Renato Cattaneo di Alessandria, la grande  Festa Provinciale del Calcio, organizzata dal Comitato Regionale del Piemonte-Valle d’Aosta della Federazione Italiana Gioco Calcio, in stretta collaborazione con il Gruppo AMAG.

Circa 200 bambini, classe 2010 e 2011 (Primi Calci e Piccoli Amici), di 16 diverse società sportive di tutta la provincia di Alessandria si sono ritrovati nel primo pomeriggio allo stadio Cattaneo, accompagnati dai dirigenti delle loro società, e da molti genitori.

“Una splendida festa – commenta Gianni Baldin, vice presidente del Comitato Regionale del Piemonte-Valle d’Aosta della FIGC – che ha coinvolto bambini e famiglie, e che dimostra come il calcio sia, prima di tutto, un’occasione per crescere, stare insieme, divertirsi. Il maltempo non solo non ci ha fermati, ma ci consente di raddoppiare: oggi infatti abbiamo premiato tutti i partecipanti con la maglietta del Gruppo Amag, ma alla fine, data la pioggia battente, si è preferito non far scendere i ragazzi in campo. Ci rifaremo però uno dei prossimi sabati, e sarà l’occasione per radunarci nuovamente, stavolta speriamo in una bella giornata di sole”. Continua a leggere “Alessandria la Festa Provinciale del Calcio, sostenuta dal Gruppo AMAG”

Acqua, gocce di vita: giovedì mattina gli studenti degli Istituti Comprensivi di Acqui Terme in visita al potabilizzatore  di Quartino di Melazzo e al depuratore di Acqui, accompagnati dal personale di Amag Reti Idriche

Acqua, gocce di vita: giovedì mattina gli studenti degli Istituti Comprensivi di Acqui Terme in visita al potabilizzatore  di Quartino di Melazzo e al depuratore di Acqui, accompagnati dal personale di Amag Reti Idriche

amag_visita2

Tempo ‘clemente’ e cielo sereno per gli studenti  – più di 100 – degli Istituti Comprensivi di Acqui Terme che giovedì mattina sono andati alla ‘scoperta’ degli impianti di potabilizzazione e depurazione di Amag Reti Idriche, trascorrendo una mattina all’aria aperta, dedicata alla sensibilizzazione ambientale.

Accompagnati dai tecnici del Gruppo Amag, oltre che dai loro insegnanti, gli studenti acquesi hanno prima visitato l’impianto di potabilizzazione a Quartino di Melazzo, dopo una camminata di circa un chilometro in mezzo alla natura. Qui è stato illustrato ‘il ciclo dell’acqua’ e il funzionamento del sistema idrico integrato (acquedotto, fognatura e depurazione), prima di una visita all’impianto che rende potabile l’acqua, per ‘toccare con mano’ come funziona, e quanta professionalità ci sia dietro l’acqua che esce dalle nostre tubature domestiche. Continua a leggere “Acqua, gocce di vita: giovedì mattina gli studenti degli Istituti Comprensivi di Acqui Terme in visita al potabilizzatore  di Quartino di Melazzo e al depuratore di Acqui, accompagnati dal personale di Amag Reti Idriche”

LA CARICA DEI MIGLIORI

LA CARICA DEI MIGLIORI

Formazione, competenze professionali, esperienze internazionali, ma soprattutto talento. Ecco come degli under 43 sono diventati i migliori manager d’Italia

Comunque lo si veda, un premio aiuta a costruire quella cultura del merito che in Italia stenta ad attecchire. Il “Premio Giovane Manager” è nato così, proprio per valorizzare i talenti più giovani che con il loro lavoro stanno contribuendo al successo delle imprese in cui sono impiegati e – di conseguenza – alla competitività del Paese. È un vero e proprio contest, ideato e alimentato dai componenti del Coordinamento Giovani di Federmanager, un bel gruppo di manager under 43 che si riunisce di solito il weekend, tra skypecall, rientri dall’estero e tempo sottratto alla propria vita privata. Sono loro che, con entusiasmo, hanno costruito questa seconda edizione del Premio, creando un network di persone competenti, desiderose di incontrarsi, scambiarsi informazioni e occasioni di crescita. E, perché no, competere per il titolo di “migliore manager d’Italia”.

Dopo aver coinvolto 1.600 giovani, la selezione dei curricula e delle esperienze è stata realizzata da Hays Italia in totale indipendenza. Sono state realizzate 4 tappe territoriali intermedie, ciascuna conclusa con l’individuazione di 10 vincitori. E, dopo Roma, Bologna, Firenze e Milano, i 40 che hanno superato la fase intermedia si sono riuniti all’Allianz Stadium di Torino, dove giocano i confermati campioni d’Italia. Proprio tra gli spalti dello stadio, in una location da “primi in classifica”, sono stati decretati i 10 migliori tra loro, e il vincitore finale dell’edizione, al quale è andato il titolo di “Platinum Manager”.

Ve li presentiamo qui brevemente per ricordare di quale merito vogliamo parlare. Fuori dalla solita retorica. Durante Futurum Italy, che il titolo del meeting del Gruppo Giovani che si è svolto a Torino il 12 e il 13 aprile scorso, oltre 100 manager under 43 si sono confrontati su un’idea di futuro di cui essere protagonisti. Un’idea di futuro che, ce lo auguriamo, possa trovare cittadinanza in questo Paese.

1.600 manager coinvolti, 180 curricula analizzati, 40 vincitori di quattro tappe territoriali, 10 premiati all’Allianz Stadium nella finalissima di Torino del 12 aprile scorso

zanoli

Giancarlo Zanoli

È il “Platinum Manager 2018”, primo classificato tra i migliori dieci manager italiani under 43 selezionati dal Premio Giovane Manager di Federmanager.

Laurea magistrale in Direzione aziendale e Ph.D. in Sociologia economica, si affaccia al mondo del lavoro nel settore sanitario presso il TRI – Toronto Rehabilitation Institute.

Durante le ultime esperienze professionali si occupa, dapprima in qualità di direttore generale e successivamente anche come componente del Consiglio di amministrazione, della gestione di strutture sanitarie ambulatoriali private convenzionate.

Nell’attuale ruolo in Humanitas Holding è responsabile dei medical care di Milano, i poliambulatori, punti prelievi e centri di prevenzione.

Determinato, con spirito d’iniziativa e con una forte propensione al problem solving, coordina abilmente il lavoro di squadra.

Cavallo 

Chiara Cavallo

Laureata in Economia e commercio all’Università di Pisa, consegue un Master in management dell’innovazione alla Scuola superiore Sant’Anna di Pisa.

Per sei anni lavora come consulente strategico, sviluppando progetti di marketing, business development e performance improvement, prevalentemente nel settore Energy & Utilities e con una significativa esperienza nei Luxury Goods.

Ricopre ruoli, a carattere globale, di strategia e di marketing in vari settori industriali, come Chief marketing officer in diversi business di GE, lavorando in Italia e all’estero.

Da marzo 2018 è alla guida della strategia, del marketing e delle attività di educazione clinica come Chief strategy officer di GE Healthcare Europe. Recentemente è nominata direttore del board di COCIR.

Sposata, ha una bambina di 4 anni.

Continua a leggere “LA CARICA DEI MIGLIORI”

Il Ministro Centinaio: “La Centrale del Latte esempio di filiera virtuosa. Il governo impegnato a difendere e promuovere le eccellenze del Made in Italy”

Il Ministro Centinaio: “La Centrale del Latte esempio di filiera virtuosa. Il governo impegnato a difendere e promuovere le eccellenze del Made in Italy”

Il Ministro delle Politiche Agricole e del Turismo visita lo stabilimento produttivo alessandrino e si confronta con i rappresentanti locali delle categorie agricole e industriali: “Il governo è in campo per sostenere l’agricoltura di tradizione che guarda al futuro. Essenziale fare rete tra produttori, trasformatori, distributori e consumatori”.

centinaiofoto di gruppo

Alessandria: La Centrale del Latte di Alessandria e Asti ha ricevuto stamani l’importante visita istituzionale del Ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, presso la sede di Viale Massobrio 10/12 ad Alessandria. A fare gli onori di casa il Presidente della Centrale alessandrina, Gian Paolo Coscia, insieme al Sindaco del capoluogo, Gianfranco Cuttica di Revigliasco e all’On. Riccardo Molinari.

Dopo una breve visita guidata allo stabilimento di produzione, il Ministro è stato protagonista di un momento di confronto sui temi caldi del comparto agricolo, industriale e turistico.

A introdurre i lavori il Presidente Coscia che ha ricordato come la missione della Centrale del Latte resti immutata dal lontano 1933, anno della sua fondazione: “Assicurare la qualità di alimenti fondamentali quale sono il latte fresco e i suoi derivati insieme alla responsabilità sociale nei confronti dei territori serviti e delle sue comunità. Ne sono un esempio il sostegno costante a enti caritatevoli ma anche e soprattutto la diffusione della cultura alimentare tramite incontri divulgativi e campagne di comunicazione realizzate insieme al Comune di Alessandria, all’ASL e al sistema educativo e della ricerca”. Continua a leggere “Il Ministro Centinaio: “La Centrale del Latte esempio di filiera virtuosa. Il governo impegnato a difendere e promuovere le eccellenze del Made in Italy””

Donne, industria e responsabilità sociale: ecco come si può fare. Incontro in Confindustria Alessandria promosso dallo Zonta Club, di fronte a decine di studenti

Donne, industria e responsabilità sociale: ecco come si può fare. Incontro in Confindustria Alessandria promosso dallo Zonta Club, di fronte a decine di studenti

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com/

donne zonta-donne-impresa-e1555086159120

Alessandria: «Le aziende devono farsi carico del problema, devono avere responsabilità sociale e impegnarsi per favorire e agevolare le donne in maternità». Parole di amministratore delegato. Che sicuramente stridono e provocano scintille se confrontate con quelle che a volte le donne si sentono dire durante un colloquio di lavoro con il manager di turno: «Alla sua età dovrebbe fare figli invece di cercare il posto fisso, mi dia retta». Succede in Italia e accade troppo spesso.

Però la condizione lavorativa femminile, lontana dai modelli di altre nazioni europee, sta mediamente migliorando, almeno a scorrere alcune statistiche nazionali relative sia all’occupazione (ma il trend è ancora negativo in termini di parità salariale e condizione generale sui luoghi di lavoro), sia alle imprese in rosa.

Rispetto a queste ultime, una conferma arriva dalla Camera di Commercio che in un recente rapporto ha quantificato, al 31 dicembre 2018, le imprese femminili in provincia di Alessandria in 9.984 sulle 42.804 totali, pari al 23,3 per cento delle imprese provinciali (dato leggermente superiore alla media regionale che è del 22,5 per cento).

L’alessandrino si qualifica così come la prima provincia in Piemonte. «Sono soprattutto imprese individuali e i settori dove si concentrano le imprese femminili sono il commercio e l’agricoltura» ricorda il report dell’ente camerale. Continua a leggere “Donne, industria e responsabilità sociale: ecco come si può fare. Incontro in Confindustria Alessandria promosso dallo Zonta Club, di fronte a decine di studenti”

Sciopero Gruppo Gavio container (luoghi dei presidi)

Sciopero Gruppo Gavio container

Confermato lo sciopero di Lunedì 15 Aprile 2019. Il Gruppo Gavio e le società che gestiscono il trasporto container stanno gestendo in modo irresponsabile il tavolo di rinnovo dell’accordo di 2 ̊ livello compreso la deroga all’orario di lavoro scaduti da un anno.

sciopero UIL luoghi presidii

La posizione e le richieste di tutta la delegazione sindacale sono state chiare nel comunicato dell’8 Aprile. Se l’azienda avesse avuto a cuore le ragioni dei lavoratori avrebbe convocato il tavolo negoziale il 15 aprile, invece del 30. In queste circostanze servono fatti non parole.

Pertanto si confermano tutte le richieste unitarie.

Le Organizzazioni sindacali ritengono che il Gruppo Gavio debba:

a) responsabilmente ritirare i provvedimenti di sospensione dal lavoro nei confronti dei tre dipendenti della filiale di Padova, in quanto la stessa ha operato un abuso di potere, l’iniziativa non è contemplata dalle regole dettate dal CCNL in vigore; Continua a leggere “Sciopero Gruppo Gavio container (luoghi dei presidi)”

Italia per le Imprese: Roadshow per l’Internalizzazione con le PMI verso i mercati esteri

Italia per le Imprese: Roadshow per l’Internalizzazione con le PMI verso i mercati esteri

Martedì 16 aprile 2019 a partire dalle 8.30 si terrà a Palazzo Monferrato (via San Lorenzo – 21 Alessandria) il Roadshow Italia per le Imprese, un’iniziativa nata per affiancare le PMI che intendono individuare nuove opportunità di affari legate all’internazionalizzazione e affrontare la sfida nei mercati mondiali. 

Italia

Pianificato dalla Cabina di regia per l’Italia internazionale, il Roadshow per l’internazionalizzazione delle imprese è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre all’Agenzia ICE, a SACE e a SIMEST, l’iniziativa si avvale dell’intervento di Confindustria, Unioncamere, Rete Imprese Italia e Alleanze delle Cooperative Italiane.

La tappa di Alessandria è organizzata dall’Agenzia ICE in collaborazione con Confcommercio Alessandria e la Regione Piemonte, partner territoriali dell’iniziativa.

Obiettivo dell’iniziativa è affiancare le aziende sui temi dell’internazionalizzazione, per sostenere quelle realtà che intendono aprirsi ai mercati esteri per individuare nuove opportunità di business. Continua a leggere “Italia per le Imprese: Roadshow per l’Internalizzazione con le PMI verso i mercati esteri”

Industria, ad Alessandria il segno è ‘più’. Le imprese fanno la loro parte, ma lo stesso farà la politica? Le analisi di Confindustria e i commenti dopo il confronto di Torino

Industria, ad Alessandria il segno è ‘più’. Le imprese fanno la loro parte, ma lo stesso farà la politica? Le analisi di Confindustria e i commenti dopo il confronto di Torino

di Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com/

unnamed

Le imprese «fanno la loro parte». Ma il sistema pubblico fa lo stesso? Una domanda legittima perché mentre il privato lotta quotidianamente con la burocrazia, con i lacci e lacciuoli di norme spesso in contraddizione fra loro e che sembrano pensate per rendere difficile la vita a un imprenditore invece di agevolarla, la pubblica amministrazione è mediamente in costante ritardo nel dare risposte e facilitare lo sviluppo.

Ma il mondo industriale non si perde d’animo e cerca sempre il confronto e la discussione, come ha fatto Confindustria Piemonte che ha voluto aprire «un’interlocuzione con la politica in vista delle elezioni regionali del 26 maggio per il rinnovo del presidente della Regione e del Consiglio regionale piemontese attraverso la presentazione di un documento in grado di offrire una visione di mandato alla prossima legislatura».

È stato questo il senso dell’assise di Confindustria Piemonte, convocata a Torino per illustrare il documento ‘Il Piemonte verso il futuro’. L’evento, introdotto da una fotografia de ‘L’economia piemontese’ del vicepresidente della Fondazione Edison, Marco Fortis, è proseguito con la ‘Presentazione dei temi prioritari’ illustrati dal presidente di Confindustria Piemonte, Fabio Ravanelli, e con la tavola rotonda ‘Le forze politiche rispondono alle istanze degli imprenditori piemontesi’ cui hanno partecipato i tre candidati alla presidenza: Giorgio Bertola, Sergio Chiamparino e Alberto Cirio che hanno risposto alle domande dei coordinatori dei sei tavoli di lavoro (Semplificazione, Capitale umano, Infrastrutture, Innovazione, Finanza ed Europa) che hanno prodotto il documento strategico di Confindustria Piemonte. Ha poi concluso i lavori il presidente nazionale di Confindustria, Vincenzo Boccia. Continua a leggere “Industria, ad Alessandria il segno è ‘più’. Le imprese fanno la loro parte, ma lo stesso farà la politica? Le analisi di Confindustria e i commenti dopo il confronto di Torino”

L’oro e i gioielli brillano. Ma solo se sposano l’innovazione. E Valenza è premiata dal primo rapporto piemontese della Fondazione Agnelli e del Politecnico di Torino

L’oro e i gioielli brillano. Ma solo se sposano l’innovazione. E Valenza è premiata dal primo rapporto piemontese della Fondazione Agnelli e del Politecnico di Torino

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

L'oro

Valenza: C’è anche una impresa della provincia di Alessandria fra i sette casi di studio del primo rapporto dell’Osservatorio su innovazione e imprenditorialità in Piemonte realizzato dalla Fondazione Agnelli e dal Politecnico di Torino. Una storia che assume un valore particolare perché arriva dal distretto orafo di Valenza e testimonia come una azienda possa crescere, anche in contesti di mercato molto complessi, a patto che persegua «scelte strategiche di riposizionamento e di trasformazione», come ha rilevato Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d’Italia che è intervenuto alla presentazione del rapporto, avvenuta nella sede torinese dell’istituto bancario centrale.

Di scena è la ‘Raselli Franco Spa’ di Valenza nata alla fine degli anni sessanta del secolo scorso come piccola azienda orafa dedicata alla produzione di gioielli e che è cresciuta «fino a circa novanta milioni di fatturato nel 2018, pur operando in un segmento che negli ultimi 30 anni è stato soggetto a una profonda trasformazione che ha portato alla scomparsa della maggioranza delle imprese e ad una consistente riduzione del contributo al prodotto interno lordo del settore orafo». Continua a leggere “L’oro e i gioielli brillano. Ma solo se sposano l’innovazione. E Valenza è premiata dal primo rapporto piemontese della Fondazione Agnelli e del Politecnico di Torino”

Amag Ambiente, 253 cassonetti bruciati in 4 anni. Borlasta: “Grave danno, ma con fotocamere e fototrappole oggi vigilanza migliorata”

Amag Ambiente, 253 cassonetti bruciati in 4 anni. Borlasta: “Grave danno, ma con fotocamere e fototrappole oggi vigilanza migliorata”

Alessandria: “Non si può affermare con certezza che siano sempre piromani, anzi molto spesso la causa rimane ignota. Però l’esperienza ci dice che i casi di autocombustione sono rarissimi: quando un cassonetto dei rifiuti prende fuoco, è quasi sempre per mano umana”.

cassonetto bruciatoREPORT INCENDI 2015-2019

Fiorenzo Borlasta, amministratore unico di Amag Ambiente, nell’analizzare il fenomeno parte dai numeri, che non mentono mai: “Sono stati 253 i cassonetti della nostra azienda che hanno preso fuoco da gennaio 2015 ad oggi, per complessivi 131 episodi. Se consideriamo un esborso medio, fra intervento e sostituzione del contenitore, di 1.000 euro a ‘pezzo’, ci accorgiamo che si tratta di un costo rilevante, che finisce col pesare sulle spalle di tutta la nostra comunità, a causa delle ‘bravate’ di pochissimi individui scriteriati”. 

Ovviamente in caso di incendio l’intervento ‘di emergenza’ per spegnere le fiamme non compete agli addetti di Amag Ambiente, ma ai vigili del fuoco, e viene poi aperta un’indagine di ufficio contro ignoti.  “Gli inquirenti lavorano molto seriamente, e non sta certamente a me fornire dati su questo fronte: quel che posso dire è che Amag Ambiente è ovviamente assicurata per i propri mezzi e contenitori, mentre la situazione è decisamente più complicato se l’incendio si estende ad altri beni o mezzi altrui. Insomma, meglio sarebbe che le persone che compiono questi gesti, quasi sempre per noia o spavalderia, comprendessero che danno stanno arrecando a tutta la collettività”. Continua a leggere “Amag Ambiente, 253 cassonetti bruciati in 4 anni. Borlasta: “Grave danno, ma con fotocamere e fototrappole oggi vigilanza migliorata””

M5S Alessandria: Esposto 2015 sulla partecipata “Energia & Territorio”

M5S Alessandria: Esposto 2015 sulla partecipata “Energia & Territorio”

A seguito delle perquisizioni della guardia di finanza in provincia vi rimandiamo il comunicato del Febbraio 2015 dove spiegavamo le ragioni del nostro esposto alla procura della repubblica su “Energia & Territorio”.

movimento_5_stelle

ALESSANDRIA – Il Movimento 5 Stelle ha deciso di vederci chiaro su  Energia & Territorio, la partecipata della Provincia di Alessandria. I Consiglieri regionali Giorgio Bertola (Capogruppo a Palazzo Lascaris) e Paolo Mighetti, insieme ai Consiglieri comunali del M5S Alessandria hanno deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Alessandria.

“La Società E&T – hanno ricordato i pentastellati –  nel corso degli anni, ha più volte modificato il proprio oggetto sociale, occupandosi degli ambiti più disparati. Dalle infrastrutture informatiche e telecomunicazioni al risparmio energetico, dalle manutenzioni di impianti  termici alla gestione dei finanziamenti fino alla gestione di siti internet, rapporti con la Cina, gestione delle multe, progettazione e addirittura la realizzazione di una strada in Sardegna.

Il continuo cambio e ampliamento dell’oggetto sociale, caratteristica abbastanza strana per una società partecipata quasi per la sua totalità da un ente pubblico, oltre a non portare evidenti benefici alla collettività, ha causato negli ultimi anni ingenti perdite, finite a carico dei cittadini. Continua a leggere “M5S Alessandria: Esposto 2015 sulla partecipata “Energia & Territorio””