Sozzetti: Il ‘corpo intermedio’ delle aziende è in difficoltà anche se la provincia di Alessandria “non è l’ultima della classe”

Il ‘corpo intermedio’ delle aziende è in difficoltà anche se la provincia di Alessandria “non è l’ultima della classe”

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Aumentano le difficoltà del ‘corpo intermedio’ delle imprese alessandrine, benché la provincia “non sia l’ultima della classe” grazie alla diffusa diversificazione e presenza di aziende che innovano ed esportano. Se le prospettive sono “poco favorevoli” per l’economia, pesantemente influenzata dalla “debole domanda interna” e dalle “criticità geopolitiche internazionali”, per l’Alessandrino non mancano le “notizie confortanti” grazie a quelle realtà che “puntando su ricerca e innovazione riescono a mantenere, quando non aumentare, la presenza sul mercato”.

il corpo

Le riflessioni sono di Maurizio Miglietta, presidente di Confindustria Alessandria, che, affiancato dal direttore Renzo Gatti, ha presentato l’edizione numero 177 dell’indagine congiunturale trimestrale cui hanno collaborato un campione di novantotto aziende su circa cinquecento associate.

Che il quadro non sia del tutto a tinte fosche emerge dalla previsione della propensione a investire dichiarata dal 75 per cento del campione e dal grado di utilizzo degli impianti indicato al 76 per cento.

Se il comparto metalmeccanico rallenta e la chimica è pressoché stabile, c’è il settore della gomma-plastica che prevede un +25 per la produzione e un +13 per gli ordini (quelli all’esportazione sono dati in crescita per un +25). E sono proprio gli ordini a rappresentare la cartina al tornasole dello stato di salute dell’economia industriale provinciale. Continua a leggere “Sozzetti: Il ‘corpo intermedio’ delle aziende è in difficoltà anche se la provincia di Alessandria “non è l’ultima della classe””

A novembre la gelata dell’industria italiana. Recessione più vicina. La Stampa

La produzione scende del 2,6%, ai minimi degli ultimi quattro anni. A soffrire di più l’auto e i beni di consumo, si salva solo l’energia

La frenata registrata a novembre ha riguardato non solo gli investimenti delle imprese ma anche i consumi delle famiglie

PAOLO BARONI ROMA
La brusca frenata di novembre dell’industria Italiana, meno 2,6% rispetto ad un anno prima, è la peggiore degli ultimi quattro anni. Un vero tonfo quello della produzione, in parte legato ai ponti di inizio mese, ma certamente inatteso. Tanto da spingere il Paese ancor più vicino al baratro della recessione. Il governo non sembra sorpreso da questo calo, perché assieme a noi anche altri grandi paesi hanno fatto registrare una battuta d’arresto (Germania -1,9%, Francia -1,3%, Spagna -1,5%, Regno Unito -0,4%), ma categorie produttive, sindacati, consumatori e (ovviamente) opposizioni sono in allarme e chiedono al governo di mettere in campo nuovi interventi per rilanciare l’economia. «Sulla produzione industriale temevo un dato negativo, già alcuni partner europei ne avevano anticipati – ha commentato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte – . Per questo è stato importante intervenire con una manovra nel segno della crescita e dello sviluppo»… continua su: A novembre la gelata dell’industria italiana. Recessione più vicina – La Stampa

Pernigotti. Fornaro (LeU): lavorare a gennaio per dare risposte concrete ai lavoratori

Pernigotti. Fornaro (LeU): lavorare a gennaio per dare risposte concrete ai lavoratori

“ L’aggiornamento del tavolo al Ministero del Lavoro al prossimo 5 febbraio serve a consentire all’advisor di verificare tutte le possibili soluzioni per non far cessare l’attività produttiva dello stabilimento di Novi Ligure.

federico-fornaro

Il tempo delle parole, però, è finito per tutti: questo mese deve vedere tutti i soggetti, ognuno per la sua parte, impegnati e uniti avendo come obiettivo primario il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori della Pernigotti di Novi Ligure.

C’è bisogno che alla passione e all’attaccamento al lavoro dimostrato in questi mesi di lotta dalle maestranze della Pernigotti, la proprietà turca non risponda solo mandando al tavolo di crisi gli avvocati, ma prenda in considerazione anche l’ipotesi della cessione dell’azienda, fino ad oggi testardamente negata”.

Lo scrive in una nota il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro, a margine del tavolo di crisi sulla Pernigotti di Novi Ligure.

Pernigotti: dichiarazione del Sindaco Rocchino Muliere

Pernigotti: dichiarazione del Sindaco Rocchino Muliere

CONCLUSO IL SECONDO TAVOLO AL MINISTERO

Si è da poco concluso l’incontro al Ministero del Lavoro a Roma sulla crisi dell’azienda dolciaria Pernigotti.

La riunione è cominciata con la considerazione, già espressa dal Ministro Di Maio durante la visita di sabato scorso allo stabilimento novese, di concedere più tempo all’advisor per valutare le manifestazioni d’interesse giunte fino a questo momento.

rocchino-muliere

«La relazione presentata è molto parziale – spiega il Sindaco Rocchino Muliere – com’era prevedibile, visto il poco tempo a disposizione dell’advisor. Dopo una lunga discussione, quindi, il Ministero del Lavoro ha proposto di aggiornare la riunione al prossimo 5 febbraio per valutare eventuali aggiornamenti sulle offerte di acquisizione e, soprattutto, affrontare il tema della cassa integrazione. A questo proposito, l’Azienda rimane ferma nel richiedere la cassa integrazione per cessazione, nonostante la nostra proposta di procedere alla cassa integrazione per reindustrializzazione. Auspichiamo che la proprietà decida di cedere il marchio e lo stabilimento, secondo noi la soluzione ideale per salvaguardare gli attuali posti di lavoro ed evitare la terziarizzazione della produzione, proposta a nostro parere fallimentare e difficile da attuare. Per quanto mi riguarda – conclude il Sindaco – sono disponibile a fornire all’advisor ogni contributo utile a trovare una soluzione positiva».

Pernigotti, Berutti: “Nessun passo avanti concreto dal Tavolo al Ministero del lavoro, Di Maio non riesce ad ottenere risultati”

Pernigotti, Berutti: “Nessun passo avanti concreto dal Tavolo al Ministero del lavoro, Di Maio non riesce ad ottenere risultati”

BERUTTI MASSIMO VITTORIO

Roma, 8 gennaio 2019 –  “Al di là dei proclami e delle promesse sbandierati solo qualche giorno fa a Novi Ligure da Di Maio, non c’è stato alcun passo avanti concreto sulla vicenda Pernigotti”.

Lo dichiara il senatore di Forza Italia, Massimo Berutti, a margine del Tavolo tenuto al Ministero del lavoro e delle politiche sociali al quale ha preso parte. “I lavoratori sono senza stipendio, la cassa integrazione per cessazione resta sul tavolo e non c’è alcuna traccia di ipotesi di vendita del marchio.

Evidentemente – prosegue Berutti – Di Maio non è riuscito ad incidere con la proprietà per ottenere le cose che contano. Il Tavolo di oggi è stato aggiornato e se si continua così si firmerà la cassa integrazione per cessazione senza nessun vero risultato sulla continuità del lavoro, la produzione in Italia e il marchio legato al territorio. Prendere tempo sembra la cosa che il Governo sa fare meglio, ma qui bisogna agire ed incidere, non aspettare”.

Messa di Natale alla Pernigotti, di Cristina Saracano

Novi Ligure: Il vescovo Vittorio Viola celebrerà questa sera 24 dicembre alle ore 23 la tradizionale messa di Natale alla Pernigotti di Novi Ligure.

La nota industria dolciaria, come si sa, versa in grave crisi e non si conoscono ancora le sorti dei lavoratori.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica e per essere vicino ai dipendenti e alle loro famiglie, il vescovo ha preso questa decisione.

Si spera in un momento di serenità per tutti.

Mauro Bressan Amm. Delegato Amag, sulla prima stazione di ricarica auto elettriche

Mauro Bressan Amm. Delegato Amag, sulla prima stazione di ricarica auto elettriche

di Pier Carlo Lava

Alessandria, intervista a Mauro Bressan Amministratore Delegato Gruppo Amag, nel contesto dell’inaugurazione in piazza della Libertà, della prima stazione di ricarica Amag per le auto elettriche.

video: https://youtu.be/p6TXdiinkJI

Mauro BressanDSC_0004DSC_0017DSC_0002DSC_0033DSC_0019

Andrea Innocenti Amministratore Unico di Alegas (Gruppo Amag) si presenta i lettori di Alessandria today

Andrea Innocenti Amministratore Unico di Alegas (Gruppo Amag) si presenta i lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia del dott. Andrea Innocenti, Amministratore Unico di Alegas, https://alegas.it Gruppo Amag Alessandria.

Andrea Innocenti

Andrea Innocenti, alessandrino d’origine ma milanese d’adozione, classe 1976, bocconiano con master a Edimburgo, ha un passato in PricewaterhouseCoopers e Towers Watson, con una parentesi anche nel mondo delle start-up. Ha acquisito esperienze sia nel settore privato che nel settore pubblico, sviluppando competenze principalmente in ambito di finanza aziendale e organizzazione

Nel tempo libero partecipa alla vita sociale e culturale di Portacomaro d’Asti, paese dove è anche Consigliere Comunale. Membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione Bottega del Grignolino dà il suo contributo nelle iniziative di promozione del territorio. Ama il tennis e si interessa di finanza e relazioni internazionali.

Gianfranco Cuttica Sindaco, sulla prima stazione di ricarica auto elettriche di Alessandria

Gianfranco Cuttica Sindaco, sulla prima stazione di ricarica auto elettriche

di Pier Carlo Lava

Alessandria, intervista al Sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco, nel contesto dell’inaugurazione in piazza della Libertà, della prima stazione di ricarica Amag per le auto elettriche.

DSC_0019DSC_0026Amag DSC_0002

video: https://youtu.be/ol4O9yC9roY

Alessandria inaugura la stagione della mobilità sostenibile. In centro città le prime stazioni di ricarica per auto elettriche

Alessandria inaugura la stagione della mobilità sostenibile. In centro città le prime stazioni di ricarica per auto elettriche

Saranno attive h24 in Piazza della Libertà e nei pressi dei Giardini della stazione e rappresentano un ulteriore tassello per contrastare l’inquinamento urbano.

taglio del nastroinaugurazionecolonninacolonnina e auto

Alessandria: L’anno che si sta chiudendo conferma la criticità per la qualità dell’aria in Italia. La pianura padana è “imprigionata” nello smog e nelle polveri sottili e Alessandria non fa eccezione. I dati che vengono rilevati giornalmente da ARPA, hanno messo in evidenza tra la fine di novembre e i primi di dicembre ben otto giorni consecutivi di sforamento dei limiti di Pm10 in città, con picchi di concentrazioni inquinanti che preoccupano e richiamano l’urgenza di interventi strutturali.

Il Gruppo AMAG, impegnato con un piano industriale orientato ad azioni che rendano la sostenibilità ambientale un asse sempre più strategico della propria attività, ha deciso di dare un importante contributo anche nell’ambito della mobilità sostenibile.

Le prime due stazioni di ricarica per veicoli elettrici sono state inaugurate questa mattina nel centro di Alessandria: una in Piazza della Libertà (nei pressi dell’ingresso del parcheggio, lato via dei Martiri) e una in Viale della Repubblica, presso i Giardini Pubblici della stazione ferroviaria, di fronte al Teatro Comunale. Continua a leggere “Alessandria inaugura la stagione della mobilità sostenibile. In centro città le prime stazioni di ricarica per auto elettriche”

Intervista a Andrea Innocenti, Amministratore Unico di Alegas (Gruppo Amag)

Intervista a Andrea Innocenti, Amministratore Unico di Alegas (Gruppo Amag)

di Pier Carlo Lava

link video su YouTube: https://youtu.be/vZMK0Vnc9-k

Alessandria, abbiamo incontrato per un intervista il dott. Andrea Innocenti Amministratore Unico di Alegas, al quale abbiamo posto le seguenti domande:

Quali sono i numeri di Alegas?

Come è stato il 2018 per Alegas?

Parliamo allora degli investimenti sostenuti nel 2018

Attualmente ci sono delle promozioni in corso per i nuovi clienti?

E per finire, chi è Andrea Innocenti?

Spot: Produzione e montaggio a cura di Matteo Forcherio, testi e parte creativa a cura di Andrea Musso.

Una corsa podistica per Pernigotti e Iperdì 

Una corsa podistica per Pernigotti e Iperdì 

MANIFESTAZIONE SPORTIVA DI SOLIDARIETÀ

Domenica 13 gennaio. Il ricavato devoluto ai lavoratori

correreper-pernigotti-A3-web

Le Associazioni Correre per.., Comitato sport in Novi, Atletica Novese, con il patrocinio del Comune di Novi Ligure, organizzano nella giornata di domenica 13 gennaio, una manifestazione podistica “ludico motoria ricreativa”, a passo libero, attraverso le vie cittadine per circa 4,8 km, in favore delle lavoratrici e dei lavoratori di Pernigotti e Iperdì.

È importante partecipare, per un gesto di solidarietà nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori delle due ditte novesi, per correre insieme e offrire un sostegno concreto, in un momento di grave incertezza per il loro futuro. Continua a leggere “Una corsa podistica per Pernigotti e Iperdì “

“Offro lavoro a 1500 euro al mese. Niente candidati, dicono: ‘Meglio il reddito di cittadinanza’”. L’Huffington Post

Francesco Casile, piccolo imprenditore milanese nel settore moda, sostiene di non trovare candidati adatti e volenterosi

By Huffington Post

Ha offerto un lavoro da 1500 euro al mese, da 14 mensilità e a tempo indeterminato, senza riuscire a trovare un candidato adatto: questa è la storia raccontata da Francesco Casile, piccolo imprenditore milanese del settore moda che da tempo starebbe cercando una persona per far crescere la sua azienda.

Casile afferma di non aver trovato nessuno che sia in grado di soddisfare le sue esigenze, a causa anche della scarsa volontà dei suoi candidati. Attualmente ha 6 dipendenti e ha parlato della sua ricerca di un ulteriore lavoratore a Stasera Italia, su Rete 4, dopo aver già presenziato a Porta a porta sulla Rai. Qualche mese fa, l’imprenditore aveva inoltre inviato una lettera al Corriere della Sera, in cui ribadiva l’offerta di lavoro: “Offro 1500 euro netti al mese, l’orario lavorativo è dalle 9.30 alle 17 e il contratto è a tempo indeterminato”… continua su: “Offro lavoro a 1500 euro al mese. Niente candidati, dicono: ‘Meglio il reddito di cittadinanza’” | L’Huffington Post

Pernigotti S.p.A. ha scelto Sernet S.p.A. in qualità di advisor

Pernigotti S.p.A. ha scelto Sernet S.p.A. in qualità di advisor

Novi Ligure (Alessandria), 18 dicembre 2018 – Pernigotti S.p.A. (“Pernigotti”) ha scelto Sernet S.p.A. in qualità di advisor che dovrà supportare l’azienda nel processo di reindustrializzazione del sito di Novi Ligure.

pernigptti-1

La società di consulenza è leader in Italia nella gestione di ristrutturazioni aziendali e vanta in quest’ambito un’esperienza ultradecennale. Annovera tra le sue specializzazioni la gestione di progetti complessi di rilancio e re-industrializzazione di siti in dismissione e il ricollocamento attivo del personale secondo una logica di responsabilità sociale volta a massimizzare la continuità occupazionale e a valorizzare gli asset produttivi.

L’incarico a Sernet conferma nuovamente l’impegno di Pernigotti verso gli accordi presi con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali nel ricercare soluzioni concrete di re-industrializzazione del sito produttivo di Novi Ligure a supporto della richiesta di trattamento di CIGS per cessazione di attività, con l’obiettivo di minimizzare per quanto possibile l’impatto sociale.

UIL Alessandria

Sozzetti: Guala Closures acquista in Scozia per continuare a crescere (anche con il whisky) dopo il ritorno in Borsa

Guala Closures acquista in Scozia per continuare a crescere (anche con il whisky) dopo il ritorno in Borsa

di Enrico Sozzetti   https://160caratteri.wordpress.com

C’è chi si prepara a lasciare la terra inglese a causa della Brexit e chi in quella terra consolida la radici. Anzi, per la precisione lo fa in Scozia.

Guala

Con una operazione che risponde a una doppia logica, continuare il processo di riorganizzazione degli assetti industriali e consolidare la collaborazione con le multinazionali scozzesi degli spirits e in particolare del whisky, la Guala Closures di Alessandria, leader mondiale nella produzione e vendita di chiusure in plastica e alluminio per bevande, ha acquisito il capitale sociale di United closures and plastics (Ucp), dal gruppo inglese Rpc.

La Ucp è un produttore scozzese di chiusure specializzato in particolare nel settore dei superalcolici e fornitore dei brand Johnnie Walker Red e Black, oltre che di altre grandi marche come Buchanan’s, Beefeater e Captain Morgan.

United closures and plastics (330 dipendenti) produce, nello stabilimento di Bridge of Allan vicino a Edimburgo, circa 1,3 miliardi di pezzi, di cui 1,2 miliardi di chiusure e il rimanente di flaconi in pet. Nell’esercizio 2018 la Ucp ha raggiunto ricavi per 44,8 milioni di sterline, (40,9 milioni nell’esercizio precedente). Continua a leggere “Sozzetti: Guala Closures acquista in Scozia per continuare a crescere (anche con il whisky) dopo il ritorno in Borsa”