ANIMUSIC, di Silvia De Angelis

Non sono un’amante delle cose scontate, direi anzi, che ogni contesto che sappia racchiudere originalità e creatività, attira la mia attenzione, affascinandomi.

Sono anni che osservo, con molto piacere, i video di Animusic, che rappresentano una spettacolare forma d’arte grafico/musicale.

Animusic è un progetto video musicale che si basa sulla creatività digitale della grafica 3D, nel quale si muovono e suonano “personaggi” e “ strumenti”. Lo fanno in una forma totalmente fantasiosa e mai vista.

I video sono ricchi di dettagli e sottigliezze, che non tutti riescono a cogliere a pieno. I musicisti, “veri tecnici del suono” riescono a comprenderne il valore.

Animusic si compone di brillanti musicisti che compongono i brani, tramutati in una speciale avventura grafica da altrettanti artisti.

L’opera da comporre è complicatissima, infatti il team Animusic impiega circa 4 o 5 anni per la realizzazione di un singolo dvd con 7 videobrani.

Quando rivedo i video di Animusic rimango davvero stupita dinanzi alla creatività di questo gruppo che in America ha riscosso un notevole successo

 

DELFINI DA SALVARE, di Silvia De Angelis

delfini4

E’ in corso un progetto, da parte di Corsica Sardinia Ferries e Worldrise, per la salvaguardia dei delfini. Parliamo della specie Tursiops truncatus, che in un consistente gruppo nuota nel territorio del Golfo Aranci (Sardegna). Questa specie di pesci, purtroppo, è minacciata, dall’impatto antropico.

Nel 2019 si stanno censendo gli esemplari che frequentano l’area, con la tecnica dellafotoidentificazione, con la quale, utilizzando le immagini della pinna dorsale, si possono riconoscere in modo preciso i vari esemplari, praticamente come le nostre impronte digitali.

Oltre a ciò verrà fatta una speciale opera di sensibilizzazione, verso gli operatori turistici locali.

Inoltre è da mettere in evidenza l’opera della Corsica Sardinia Ferries, che già a bordo delle Navi Gialle, educa i passeggeri a conoscere e a rispettare gli abitanti del mare, compiendo piccoli gesti, in grado di fare una grande differenza.

Sui traghetti è operativo uno speciale sistema, che limita il rischio di collisioni tra navi grandi e cetacei, per monitorare gli spostamenti dei mammiferi marini e salvaguardarne la vita.

In meno di due anni dalle navi di Corsica Sardinia Ferries sono stati segnalati quasi 900 avvistamenti in tempo reale, tra cui 488 grandi cetacei , principalmente balenottere e capodogli, nonché una megattera. Circa trenta ufficiali hanno ricevuto una formazione specifica e trentadue imbarcazioni che navigano regolarmente nel Santuario Pelagos sono dotate di un sistema di rilevamento e partecipano attivamente alla rete, così come cinque istituzioni dotate di interfaccia terrestre.

SU MATERA, di Silvia De Angelis

MATERA3

La città di Matera è uno dei pochi posti al mondo, dove i suoi abitanti hanno la fortuna di vivere nelle case dei loro avi. Le grotte naturali, sono stati i primi rifugi per gli uomini e, in esse se ne determinavano percorsi e architetture, dopo un gran lavoro di scavo, utilizzando anche il materiale di risulta.

Lo scavo della grotta aveva varie diramazioni. Per le zone più a valle, lo scavo avveniva quasi in piano, invece per le altre zone lo scavo è stato fatto in discesa, seguendo un’inclinazione tale che i raggi solari estivi non superassero l’ingresso della grotta. Invece in inverno, l’inclinazione era concepita in modo che i raggi bassi giungessero sino al fondo della grotta dandole luce e calore.

Più cavità esistono l’una sull’altra, disposte in modo sempre diverso, tanto si arriva a contare sino a dieci piani scavati gli uni sugli altri. Il tetto di una casa è, al di sopra, una strada, una scalinata, un giardino, o il pavimento per un’altra casa. Il groviglio di cunicoli è vastissimo ed inimmaginabile. Continua a leggere “SU MATERA, di Silvia De Angelis”

CASE SICURE, di Silvia De Angelis

CASE SICURE1

Abbiamo constatato, purtroppo che l’Italia è una località ad alto rischio sismico. dall’Irpinia, ad Amatrice, il nostro paese, è stato nel dopoguerra, il più colpito dal terremoto.

L’ultimo dei quali (2016) con epicentro lungo la valle del Tronto, e con una magnitudo di 6.0, ha causato la morte di 298 persone.

Uno dei modi per evitare questi dolorosissimi eventi, durante “un fatto sismico” potrebbe essere la costruzione di una casa prefabbricata in legno, che non è solo garanzia di eco- sostenibilità, e risparmio energetico, ma anche sinonimo di sicurezza e protezione.

Infatti una casa prefabbricata completamente in legno resiste ai movimenti tellurici eprotegge i suoi abitanti da eventuali terremoti. Continua a leggere “CASE SICURE, di Silvia De Angelis”

Ho intriso la mia penna, di Fabio Avena

Ho intriso la mia penna #fabioavena
(una mia poesia d’amore con tinte eros)

Ho intriso la mia penna
come sciabola
nel calamaio dei sensi.
Come trivella
che estrae oro liquido,
peculiare humus
dal sottosuolo.

Dolci, 
ritmici, sincronici,
potenti,
fieri colpi.
Nella profondità
della tua femminile essenza.

La clessidra non avverte.
L’orologiaio del tempo
si diverte.

Lestamente
ma con accortezza
sfodero, rinfodero
in te la mia penna. Continua a leggere “Ho intriso la mia penna, di Fabio Avena”

Lia Tommi legge un brano del romanzo “La violinista” di Piero Milanese

Lia Tommi legge un brano del romanzo “La violinista” di Piero Milanese

Alla biblioteca civica di Alessandria, nell’ambito degli incontri “Letture in biblioteca”, a cura dell’associazione LiberaMente è stato presentato il libro di Piero Milanese ” La violinista”, una storia d’amore e di guerra nella Val D’Ossola, hanno dialogato con l’autore il professor Pier Luigi Cavalchini e Fabrizio Priano, presidente dell’associazione stessa. Letture a cura di Lia Tommi e Cristina Saracano.

video: https://youtu.be/_O8dMwtpeT8

La violinista di Piero Milanese copia

Trama del libro “La Violinista”

“La violinista”

Conclusa la trilogia sugli anni ‘60’70, l’autore prosegue la riflessione sul Novecento spostando l’attenzione su uno dei periodi più drammatici del nostro recente passato, la Guerra di Liberazione o Resistenza, da lui ritenuto evento formativo fondamentale, pur se non direttamente vissuto, per quelli della sua generazione.

L’esperienza delle Repubbliche Partigiane sorte nell’Italia del Nord durante l’estateautunno del 1944, da cui il libro trae spunto, suscitò speranze (e illusioni) per una fine del conflitto ritenuta prossima tanto dai combattenti delle montagne quanto dalla popolazione stremata da quattro lunghi anni di guerra.
Continua a leggere “Lia Tommi legge un brano del romanzo “La violinista” di Piero Milanese”

Piero Milanese presenta il suo romanzo: La violinista

Piero Milanese presenta il suo romanzo: La violinista

Alla biblioteca civica di Alessandria, nell’ambito degli incontri “Letture in biblioteca”, a cura dell’associazione LiberaMente è stato presentato il libro di Piero Milanese ” La violinista”, una storia d’amore e di guerra nella Val D’Ossola, hanno dialogato con l’autore il professor Pier Luigi Cavalchini e Fabrizio Priano, presidente dell’associazione stessa. Letture a cura di Lia Tommi e Cristina Saracano.

video: https://youtu.be/J4MAJ6HZKm8

La violinista di Piero Milanese copia

Trama del libro “La Violinista”

“La violinista”

Conclusa la trilogia sugli anni ‘60’70, l’autore prosegue la riflessione sul Novecento spostando l’attenzione su uno dei periodi più drammatici del nostro recente passato, la Guerra di Liberazione o Resistenza, da lui ritenuto evento formativo fondamentale, pur se non direttamente vissuto, per quelli della sua generazione.
Continua a leggere “Piero Milanese presenta il suo romanzo: La violinista”

Lo scrittore Piero Milanese, autore de “La violinista”, si presenta ai lettori di Alessandria today

Lo scrittore Piero Milanese, autore de “La violinista”, si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo lava

Alessandria today è lieta di presentare ai propri lettori la biografia dello scrittore alessandrino Piero Milanese.

Piero Milanese copia 2

Biografia di Piero MILANESE

Piero Milanese nasce ad Alessandria nel 1947. Lavora come tecnico elettronico in aziende del Gruppo FIAT su sistemi di automazione varia e componentistica per auto.

Da sempre appassionato di letteratura, nel 1975 pubblica il romanzo «Il posto alla FIAT». Nel 1998 pubblica la raccolta di poesie dialettali «El cór an Piasa» (Il cuore in Piazza) cui seguono i premi letterari «Cesare Pavese» al Grinzane Cavour nel 2000, e due «Guido Gozzano» a Terzo d’Acqui nel 2001 e nel 2016, per altre sue raccolte inedite di versi.

Nel 2012 collabora con l’Istituto per la Storia della Resistenza di Alessandria alla stesura dell’antologia «El lén-ni an Tani» (Le lune in Tanaro) del poeta Giovanni Rapetti.

Altri suoi saggi sull’opera di questo poeta compaiono ne «Il canto di Orfeo» (Atti del convegno internazionale di Rocca Grimalda, 2012), e nel volume «Fame e abbondanza» (2017) patrocinato dall’IRCrES-CNR e dalla CRT.
Continua a leggere “Lo scrittore Piero Milanese, autore de “La violinista”, si presenta ai lettori di Alessandria today”

Pierluigi Cavalchini presenta “La violinista”, il libro di Piero Milanese

Pierluigi Cavalchini presenta “La violinista”, il libro di Piero Milanese

Alla biblioteca civica di Alessandria, nell’ambito degli incontri “Letture in biblioteca”, a cura dell’associazione LiberaMente è stato presentato il libro di Piero Milanese ” La violinista”, una storia d’amore e di guerra nella Val D’Ossola, hanno dialogato con l’autore il professor Pier Luigi Cavalchini e Fabrizio Priano, presidente dell’associazione stessa. Letture a cura di Lia Tommi e Cristina Saracano.

video: https://www.youtube.com/watch?v=8fQgXSyw2NU

Trama del libro “La Violinista”

“La violinista”

Conclusa la trilogia sugli anni ‘60’70, l’autore prosegue la riflessione sul Novecento spostando l’attenzione su uno dei periodi più drammatici del nostro recente passato, la Guerra di Liberazione o Resistenza, da lui ritenuto evento formativo fondamentale, pur se non direttamente vissuto, per quelli della sua generazione.

L’esperienza delle Repubbliche Partigiane sorte nell’Italia del Nord durante l’estateautunno del 1944, da cui il libro trae spunto, suscitò speranze (e illusioni) per una fine del conflitto ritenuta prossima tanto dai combattenti delle montagne quanto dalla popolazione stremata da quattro lunghi anni di guerra.
Continua a leggere “Pierluigi Cavalchini presenta “La violinista”, il libro di Piero Milanese”

Trama del libro “La Violinista”, di Piero Milanese

Trama del libro “La Violinista”, di Piero Milanese

“La violinista”

Conclusa la trilogia sugli anni ‘60’70, l’autore prosegue la riflessione sul Novecento spostando l’attenzione su uno dei periodi più drammatici del nostro recente passato, la Guerra di Liberazione o Resistenza, da lui ritenuto evento formativo fondamentale, pur se non direttamente vissuto, per quelli della sua generazione.

La violinista di Piero Milanese copia

L’esperienza delle Repubbliche Partigiane sorte nell’Italia del Nord durante l’estateautunno del 1944, da cui il libro trae spunto, suscitò speranze (e illusioni) per una fine del conflitto ritenuta prossima tanto dai combattenti delle montagne quanto dalla popolazione stremata da quattro lunghi anni di guerra.

Piero Milanese copia 2.jpg

L’autore Piero Milanese

Nell’Ossola appena liberata, Nevio, un partigiano ferito, viene lasciato dai compagni alle cure delle suore di un piccolo borgo sui monti dell’alto Verbano. Alle religiose e al medico del paese, il ragazzo racconta le proprie vicissitudini di combattente. A loro confida inoltre la pena dovuta al mancato incontro con Orsola, una musicista cannobiese di cui è innamorato, non più rivista dall’estate ’43 a seguito dei tragici fatti avvenuti in quei mesi (caduta di Mussolini e armistizio dell’8 settembre). Sullo sfondo delle gloriose giornate della Repubblica Partigiana dell’Ossola, Nevio potrà poi ritrovare la ragazza, e rivivere con lei il tenero rapporto di due adolescenti maturati in fretta grazie alle terribili esperienze della guerra.
Continua a leggere “Trama del libro “La Violinista”, di Piero Milanese”

Una mia riflessione sull’educazione – Fabio Avena

Penso che la scuola in quanto istituzione contribuisca a fornire alcune basi ai bambini, agli adolescenti e studenti. Ma a mio avviso sin da piccoli, forse anche dall’asilo (periodo nel quale si è più portati a scoprire il mondo con occhi innocenti) dovrebbe esserci più attenzione alle esigenze dell’alunno, in ogni famiglia di sani principi morali.

Questo lo dico, per far comprendere che le essenziali regole di buon comportamento (e non di bon ton o sola catechesi che comunque è molto importante), debbano essere inserite nelle scuole per dare un minimo di indirizzo morale anche a bambini che vivono situazioni di disagio familiare di ogni tipo, che spesso poi tendono a diventare bulli, o a volte diventano adulti con fortissime lacune e cercano sfogo altrove, in cattive compagnie o peggio ancora vivendo vite dissolute tra dipendenze di ogni sorta (droga, alcool, sesso, dipendenze da giochi d’azzardo, dipendenze dalla Tv e tanto altro). Parlando di me, della mia storia personale, la scuola stessa o il catechismo fatto da piccolo, mi hanno dato magari degli “indirizzi”, ma in fondo mai delle solide basi.

Anche il liceo classico che ho frequentato, secondo molti insegna a pensare in modo più aperto…può anche essere vero, ma solo in parte secondo me. Va benissimo imparare e apprendere concetti e nozioni di storia, filosofia, lingue e altre materie, ma ci vuole soprattutto una formazione diversa, non solo legata alla conoscenza di popoli, costumi, culture, religioni. Continua a leggere “Una mia riflessione sull’educazione – Fabio Avena”

Rapporto Censis. I giovani che in Italia leggono un quotidiano sono il 5,6%.

succedeva l’8 dicembre 2017…

Censis

In 15 anni più che dimezzate le copie vendute in edicola. Prima fonte d’informazione la tv, poi internet

da GIORGIOLEVI

Il Censis ha presentato il “51° Rapporto sulla situazione sociale del Paese”’ del Censis.  Secondo le ultime rilevazioni dello studio gli italiani che leggono regolarmente i quotidiani cartacei per informarsi durante la settimana si sono ridotti nel 2017 al 14,2%. E ad appena il 5,6% tra i giovani.

I giornali continuano a soffrire per la mancata integrazione nel mondo della comunicazione digitale, prosegue il capitolo “Comunicazione e media”, e oggi solo il 35,8% degli italiani li legge. Anche se una lieve inversione di tendenza ha riguardato, nell’ultimo anno, i periodici (mensili e settimanal) che hanno fatto registrare una lieve ripresa. Continua a leggere “Rapporto Censis. I giovani che in Italia leggono un quotidiano sono il 5,6%.”

La verità abbaglia gradualmente, di Cristina Saracano

Cristina Saracano Alessandria

Il 15 maggio 1886 moriva di nefrite a 55 anni nella sua casa nel Massachusetts la poetessa statunitense Emily Dickinson.

È stata una delle maggiori interpreti della lirica del 19.secolo.

Ha condotto una vita riservata, rimanendo quasi sempre nella sua dimora, innamorandosi di un pastore protestante, ma vivendo un amore platonico.

Le sue poesie parlano della sensibilità dell’animo umano, dell’amore nella sua espressione idilliaca, della ricerca di una verità in modo lento, a piccoli passi, perché, sostiene l’autrice: “La verità deve abbagliare gradualmente, per evitare di renderci ciechi.”

Dalla purezza e semplicità dei suoi versi ho imparato molto.

Appuntamenti con l’Alessandria Calcio, di Cristina Saracano

img_20181001_2038288258924046099678550.jpg

Alessandria: Sono state rese note le date degli incontri dell’Alessandria Calcio per il mese di ottobre:

Domenica 7 alle 16,30 Pisa Alessandria;

Domenica 14, sempre alle 16,30, i Grigi incontreranno il Robur Siena al Moccagatta;

Poi la squadra Alessandrina si spostera’ in Sardegna per una doppia trasferta:

Il.17 alle 20,30 contro l‘Olbia e il 21 alle 16,30 contro l’Arzachena;

Infine, domenica 28, al Moccagatta, Alessandria Gozzano.

Per il bene della squadra, per una città viva, anche calcisticamente, per tutti i tifosi, non mi resta che dire ADOSS!

 

Ancora un’Italia violenta, di Cristina Saracano 

Secondo i dati del Viminale di luglio 2018, sono diminuiti di circa 9 punti percentuali rapine e omicidi rispetto all’anno 2017.

Purtroppo la maggior parte degli omicidi sono femminicidi, comsumati tra le mura  domestiche e dove i colpevoli sono nell’ordine: i compagni, gli ex-compagni, o un familiare. Un dato sempre inquietante che deve far riflettere: la donna continua a essere al centro di una forma di violenza inaudita.

Parlare, denunciare, trovare il coraggio di farlo alle forze dell’ordine o presso i centri antiviolenza, rimane l’unica strada possibile per uscirne.

Maggior tutela e protezione alle donne che tacciono perché non potrebbero lasciare il loro violento partner, è oggi più che mai necessario.

Genova d’amare, di Cristina Saracano

Genova: luogo d’origine di molti cantautori e di svariati gruppi musicali.

Genova, cantata nei suoi vicoli, nel suo vento, nel suo mare.

Genova dalla gente schietta, subito schiva, ma poi con una gran.voglia di chiacchierare.

Genova dai cibi semplici, fatti di erbe e di piacevoli profumi.

Genova e la forte pioggia, che fa paura quando viene giù

Una striscia di terra protesa verso il mare, e l’uomo ha fatto di tutto per poterla abitare e percorrere, ecco, anche questa è. Genova.

Ponti e case.

Piangiamo in silenzio in questa triste giornata promettendoci di essere migliori, senza perder tempo a incolpare chiunque sia un po’ diverso da noi per scelte o ideologie.

Perché Genova e l’Italia tutta siano belle e sicure.

Siamo liberi di Cristina Saracano

Palermo: sole, mare, storia, colori.

Ma anche Palermo di uomini che hanno paura, ma tirano fuori il coraggio per salvare altri uomini.

Per gettare un seme che sempre deve germogliare, per ricordare quanto è importante essere liberi.

Per provare, tutti insieme a cancellare quest’orrore, questa parola breve, sussurata a labbra strette, crudele, spietata, sporca di sangue, che cade impietoso come le lacrime di chi resta.

Palermo e tutti noi uniti, un’unica grande forza contro la mafia.

Avvocati di strada, di Cristina Saracano

Avvocati di strada, di Cristina Saracano

Avvocati e non solo. Dentisti, commercialisti, amministratori di condominio.

Sempre più professionisti dedicano parte del loro lavoro a chi è in difficoltà economica, offrendo un servizio a prezzi limitati, o addirittura, gratuito, a chi ne ha bisogno.

Il progetto.”avvocati di strada”, nato qualche anno fa nei grandi centri urbani, si è diffuso anche in provincia.

I maggiori utenti sono i padri separati, in Italia stimati intorno alle 800mila unità, molto spesso con seri problemi finanziari dovuti alla scissione del loro nucleo familiare. Una realtà che non deve essere ignorata.

Speriamo che chi ha tempo e denaro a sufficienza, non si dimentichi di loro.

Maglietta rossa, di Cristina Saracano

Maglietta rossa, di Cristina Saracano

Parlano una lingua diversa perché arrivano da lontano. 

Ma il loro sangue è rosso, come il nostro.

Pregano un dio misterioso e sconosciuto.

Ma il loro sangue è rosso, come il nostro.

Annegano i bambini in mare con le loro magliette rosse, indossate apposta per esser visti prima.

R anche il loro sangue è rosso.

Giocano i potenti sulle loro poltrone a scaricare il problema.

Mentre il rosso del sangue sporca i mari.

Oggi abbiamo indossato una maglietta rossa.

Per la libertà.

Pochi medici di famiglia di Cristina Saracano

Cristina Saracano

Foto: dal web

Entro il 2023 21.000 medici andranno in pensione e soltanto un terzo sarà sostituito.

Il 52% dei camici bianchi ha più di 55 anni: la professione di medico di base è sempre meno ambita: i praticanti ricevono una borsa di studio decisamente inferiore a chi svolge tirocinio in ospedale e questo contribuisce a scoraggiare i giovani a intraprendere questa strada.

Il ruolo del medico di famiglia andrebbe rivalutato: in ambito sociale e sul piano della prevenzione e dell’informazione.

In questo modo si potrebbero evitare spese inutili in visite o esami specialistici e il rapporto umano paziente / medico ritornerebbe a essere in primo piano.

La sanità pubblica dovrebbe riflettere su tutto ciò: non si può arrivare ad avere 2.000 pazienti per ciascun dottore: è un numero ingestibile sotto tutti i punti di vista.

Speriamo che se ne rendano conto.

Marengo Hub da Periferia a Comunità. Lotto C Sicurezza e Informazione, € 1.467.800,00

Marengo Hub da Periferia a Comunità. Lotto C Sicurezza e Informazione, € 1.467.800,00

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il Progetto consiste nella realizzazione del Vigile Elettronico e della rete in fibra ottica per la videosorveglianza e l’informatizzazione del Comune di Alessandria e Spinetta Marengo, progetto contraddistinto come Marengo Hub Da Periferia a Comunità, Lotto C.

Il progetto consiste nel realizzare una rete di trasmissione dati in fibra ottica in grado di trasmettere: le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza cittadina e convogliarle presso la

sede dei Vigili Urbani di Spinetta Marengo; le immagini riprese all’interno del Museo e Parco Marengo verso la sede dei Vigili Urbani di

Spinetta Marengo (sezione distaccata da sede di Alessandria); le immagini riprese nell’asilo e nella scuola Caretta verso i Vigili Di Spinetta Marengo; le immagini riprese dalle telecamere nel Centro Sportivo Quartieruzzi (in sobborgo di

Spinetta Marengo) verso i Vigili Urbani di Spinetta Marengo; le immagini con associata lettura targa posizionate opportunamente a Spinetta Marengo

verso i Vigili Urbani di Spinetta; le immagini concentrate nella sede dei Vigili Urbani di Spinetta Marengo verso la sede dei

Vigili Urbani del Comune di Alessandria.

La rete in fibra ottica, inoltre, deve consentire la trasmissione dati tra il Comune di Alessandria e le seguenti sedi di Spinetta Marengo: Museo e Parco Marengo, asilo e scuola Caretta, Vigili Urbani di Spinetta Marengo, Centro Sportivo Quartieruzzi.

L’architettura di rete è caratterizzata dai seguenti nodi principali: Comune di Alessandria, Polizia Locale di Alessandria, Polizia Locale di Spinetta Marengo. L’interconnessione tra questi nodi viene effettuata con un microcavo ottico di dorsale con una capacità di 192 fibre ottiche e con caratteristiche trasmissive secondo lo standard ITU-T G652D.

A questa rete si interfacciano ulteriori nodi, detti di spillamento a cui afferiscono i gruppi di telecamere per la videosorveglianza cittadina quali le T1 – T13, quelli del Museo e Parco Marengo, quelli dell’asilo e scuola Caretta e il Centro Sportivo Quartieruzzi; L’architettura prevede che non venga creato un punto di spillamento per ogni area di ripresa, ma un punto di spillamento ogni 2 – 4 gruppi di telecamere.

Il gruppo di Telecamere T3 e il gruppo di telecamere del Museo e Parco Marengo sono interconnesse sulla dorsale tramite un rilegamento con cavo ottico da 48 fibre ottiche monomodali con caratteristiche trasmissive identiche a quelle della dorsale.

L’architettura della rete dati si appoggia sulla stessa rete di videosorveglianza creando collegamenti punto-punto tra ogni sede interessata a Spinetta Marengo e la sede del Comune di Alessandria. La dorsale in fibra ottica viene completamente terminata nella sede della Polizia Locale di Alessandria sia dal lato Marengo che dal lato Comune.

1Per mantenere la continuità tra Comune e sedi periferiche, nei pressi della Polizia Locale deve essere effettuato un bretellaggio con bretelle ottiche per dare la continuità verso il comune di Alessandria.

L’intervento di cablaggio di una rete dati e di videosorveglianza prevede un tracciato che impatta su numerose infrastrutture, esistenti e di nuova realizzazione. La rete in fibra ha come punto di origine il Municipio della città di Alessandria.

Il progetto infine prevede la manutenzione minima del parco per un anno dalla fine dei lavori.

La spesa totale complessiva (comprendente i lavori, le spese tecniche e altri oneri previsti) dell’intervento ammonta ad € 1.467.800,00

Qualcosa sulla marijuana di Cristina Saracano

È la droga illegale usata più comunemente nel mondo.

Di solito si fuma come una sigaretta, chiamata spinello, si ricava da fiori, semi e foglie di canapa indiana lasciati essiccare.

Il fumo di marijuana produce effetti nel giro di pochi minuti: capogiri, perdita dell’equilibrio e uno stato mentale alterato, come se si stesse sognando.

Lo spinello crea anche maggiori danni ai polmoni rispetto a una normale sigaretta e riduce la memoria e la prontezza di riflessi del fumatore.

Nel 2005 in Italia il 17% dei giovani dai 15 ai 24 anni ha fatto uso di marijuana.

Gli effetti possono essere distruttivi per un uso prolimgato: sterilità, modifica delle strutture cellulari, indebolimento del sistema immunitario.

Tutto ciò per decidere liberamente se usare droghe.

Fonte: noalladroga.it

La Stampa si rinnova, moderna e più bella. Due giornali in uno e inserti di salute e viaggi

Da sabato 12 maggio il quotidiano cambia grafica e formula. Carattere più leggibile e fotografie protagoniste

Il nostro giornale cambia grafica e formula. Sono novità che scoprirete da domani in edicola. Il carattere del testo sarà più leggibile e più grande, così come le foto che saranno ingrandite per essere più utili alla narrazione dei fatti. Troverete due giornali in uno, con una primo sfoglio dedicato alle notizie di attualità dall’Italia e dall’estero, mentre nella seconda parte ci saranno gli approfondimenti, le novità su cultura, spettacoli e nuove tendenze nella società.

Una sfida per avere un giornale più ordinato, leggibile e moderno. 

CYNTHIA SGARALLINO TORINO

Lo scorso anno La Stampa ha festeggiato con successo i suoi 150 anni e subito dopo si è pensato che era il momento di cambiare.  Quando si progetta un giornale, si ripensa ex novo, si è sempre combattuti: da una parte l’eccitazione di mettere le mani su qualcosa che ti è familiare e che hai l’occasione di cambiare, dall’altra il panico di non riuscire a farlo bene.

È un po’ come quando cambi casa: non vedi l’ora di traslocare ma sai che la fatica sarà tanta e servirà tempo per capire che hai fatto la scelta giusta. È così che con il direttore Maurizio Molinari e i vicedirettori Luca Ubaldeschi, Massimo Vincenzi e Marco Zatterin abbiamo cominciato a confrontarci e a discutere sulla nuova formula che si voleva sviluppare, e con lo studio Cases di Barcellona abbiamo realizzato le prime prove. Un lavoro impegnativo durato molti mesi. … continua su: 

http://www.lastampa.it/2018/05/11/cultura/la-stampa-si-rinnova-da-domani-due-giornali-in-uno-e-inserti-di-salute-e-viaggi-HgQPJFFbntSUChVLrMQwVK/pagina.html

 

Fornaro. LeU: INFORMAZIONE e DISINFORMAZIONE AI TEMPI DI INTERNET

federico Fornaro

Federico Fornaro. Liberi e Uguali: INFORMAZIONE e DISINFORMAZIONE AI TEMPI DI INTERNET (Tortona, 20 aprile 2018, ore 21)
Tortona, venerdì 20 aprile alle ore 21 nella sede di Liberi e Uguali in via Montebello 41 è in programma una serata sul tema “INFORMAZIONE E DISINFORMAZIONE AI TEMPI DI INTERNET. Come difendersi dalle fake news”.

liberi-e-uguali

Discuteranno delle molteplici implicazioni della tematica nella società contemporanea, anche alla luce dei recenti scandali sull’utilizzo dei dati personali dei profili di Facebook, il prof.Andrea NEGRI dell’università di Pavia-Dipartimento di Fisica e il Presidente dei deputati di Liberi e Uguali, on.Federico FORNARO.

Belle sempre, di Cristina Saracano

Cristina Saracano Alessandria

Domani, 15 aprile 2018, alle ore 11, presso la Galleria Guerci di Alessandria si svolgerà l’iniziativa “Belle sempre” ideata da Francesca Lombardi e Milly Tasca.

Modelle per il servizio fotografico saranno alcune donne che si stanno curando con la chemioterapia.

L’idea nasce dal far sentire belle, femminili e piacenti anche coloro che stanno attraversando un momento della vita difficile sotto ogni aspetto: quello psicologico, ma anche quello fisico.

La macchina fotografica catturera’ il loro splendore che non è perduto.

Un appuntamento accattivante, che, mi auguro, abbia un seguito.

Sempre meno lettori di Cristina Saracano

Di Cristina Saracano  Alessandria

Si sapeva già, ma i numeri parlano ancora più chiaro: in Italia si legge poco, quasi niente.

Il 28% delle famiglie non possiede più di 25 libri, molti che hanno librerie fornite  (circa 400 libri) dichiarano di non leggerne più  di uno all’anno.

I più assidui lettori sono nelle città metropolitane, nel nord ovest e nel nord est.

I giovani tra gli 11 e i 14 anni leggono di più se hanno almeno un genitore appassionato alla lettura.

Eppure è un amico bellissimo il libro, lo apro, lo chiudo, leggo quando voglio.

Lo trovo in biblioteca, in formato digitale, in prestito, usato, scontato.

La lettura è un’esplorazione interiore, un viaggio con la mente e la fantasia, un aiuto a capire, a riordinare i pensieri.

Ed ha una vastità impressionante di argomenti: la politica, la narrativa, la cucina, lo sport, l’avventura….

Impossibile non trovare niente che ci piaccia.

Leggete, non sarete più soli.

Chi muore al lavoro, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano Alessandria

“Chi muore al lavoro” cantava Rino Gaetano circa quarant’anni fa, purtroppo, non è cambiato nulla.

Anche il giorno di Pasqua sono deceduti due operai nel bergamasco lavorando, facendo salire a 151 le vittime sul posto di lavoro dall’inizio dell’anno.

L’anno scorso, nello stesso periodo, erano”soltanto”113.

Le regioni maggiormente interessate sono: Veneto, Lombardia, Piemonte, Campania e Toscana; il 10% delle vittime sono stranieri, il 25% hanno più di sessant’anni.

L’edile è il settore più colpito.

Inadadeguate norme di sicurezza, disinformazione e precariato sono tra le possibili cause da attribuire a questo fenomeno, purtroppo, in costante crescita, che non può essere ignorato.

Tutto in un clic, di Cristina Saracano

cellulare-675

Tutto in un clic, di Cristina Saracano.

AlessandriaQualche giorno fa ho parlato di quanto faccia male l’abuso dei social.

Bene, adesso spendo due parole a favore di internet.

Negli ultimi anni abbiamo avuto la possibilità di aprire una finestra sul mondo a ogni ora, in ogni luogo, con un computer, un tablet, o un semplice smartphone.

Con un semplice clic, “schiacciando due o tre bottoni”, ho sentito dire da chi è meno esperto, ma pur sempre interessato, si può arrivare ovunque.

Internet è una grande enciclopedia virtuale, diffonde il sapere in tempo reale, avvicina le persone da un continente all’altro, dando la possibilità di scriversi, parlarsi e, magari anche vedersi, senza doversi muovere da casa.

Una gran comodità.

Come tutte le invenzioni, non bisogna abusarne. Usiamolo con intelligenza.

Per non diventare burattini e schiavi.

“Gli scrutatori sono esseri umani: non fateli lavorare 20 ore di fila!” – Infovercelli24.it

La vercellese Lisa Binelli  sta facendo girare sui social e sul Blog Infovercelli24.it una petizione contro gli orari massacranti a cui sono stati sottoposti i componenti dei seggi e i loro bassissimi compensi.

Chiedo attenzione e condivisione ai cittadini, ai presidenti di seggio, se non l’hanno ancora fatto, dico: “Firmate la petizione, per un lavoro dignitoso e degno di maggior rispetto”.

Grazie. 

L’Italia che verrà, di Cristina Saracano 

di Cristina Saracano. Alessandria

Il gran lavoro per i componenti di seggio della settimana scorsa, si sta spostando ai diretti interessati, i politici, e al presidente della Repubblica, per poter formare un nuovo governo.

Dando uno sguardo d’insieme, si può notare la forte perdita di voti del Pd, che ottiene solo il 18%/19% rispettivamente alla Camera e al Senato, la Lega che batte Forza Italia di circa tre punti percentuali, il successo del movimento 5 stelle, circa 30% di preferenze e Liberi e Uguali, poco sopra alla soglia di sbarramento del 3%.

Continua a leggere “L’Italia che verrà, di Cristina Saracano “

Un giorno qualunque, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano

Alessandria: Alla fine sono rimasti questi due fogli e molta stanchezza: questa tornata elettorale, segnata da una campagna quasi al limite del ridicolo e dalla novità del tagliando antifrode, è passata.

Oggi è un altro giorno, e non cambierà nulla, staranno esclamando molti nei discorsi al bar o prima di iniziare il lavoro.

Io so che ieri sono stata venti ore in un seggio elettorale, a timbrare, contare schede dall’odore sgradevole, a strappare tagliandini come biglietti del teatro, ma più preziosi dei diamanti e più dannosi delle polveri sottili, se non staccati al momento giusto. Continua a leggere “Un giorno qualunque, di Cristina Saracano”

Meno ricchi, più malati

Healthy Heart

Negli ultimi due anni si calcola che la spesa per cure sanitarie specialistiche in Italia sia diminuita circa del 30%.

Il divario tra nord e sud è molto ampio, ossia nelle regioni settentrionali si riesce a spendere qualcosa in più rispetto al meridione.

La principale causa di tutto ciò è sicuramente la crisi economica che sta colpendo anche il ceto medio: chi non ha più un lavoro stabile, o è in cassa integrazione, si vede costretto a rinunciare anche a curarsi.

Le conseguenze sono ovvie: aumenta il rischio di contrarre patologie, di soffrire e di non poter rimediare.

In Germania le persone con redditi più alti devono obbligatoriamente stipulare un’assicurazione privata per poter accedere a cure mediche; in Francia è stata istituita un’assistenza sociale integrativa per chi è malato e possiede un reddito medio-basso.

Se non vogliamo rimanere ancora una volta non allineati rispetto ad altri paesi europei, dobbiamo prendere decisioni in merito per la salute e la salvaguardia di tutti.

Una nazione dove la popolazione non ha libero accesso alle cure mediche non può essere definita un paese civile.

Facciamo luce…

bolletta-luce-elettricita-kipc-835x437ilsole24ore-web

Bollette arretrate mai saldate. Debiti fino a un miliardo di euro da parte di diverse società di gestione per il mercato libero dell’energia.

Come fare a rientrare, a recuperare questi costi?

Ancora una volta graverà molto sulle spalle dei consumatori onesti, aggiungendo una parte di insoluti alle loro bollette, già cariche di diversi oneri.

Da qualche giorno circola questa notizia, che agita, giustamente noi piccoli utilizzatori, pagatori puntuali, anche con sacrificio.

Facciamo luce, chiarezza, perchè se tutto ciò fosse vero, sarebbe un’ingiustizia ineguagliabile.

Il mondo non può essere solo per i furbi,

Facciamoci sentire.

 

LA BIBBIA DI PAOLO CEVOLI

LA BIBBIA RACCONTATA AL MODO DI PAOLO CEVOLI – 14 Febbraio 2018 teatro Alessandrino di Alessandria

LA BIBBIA RACCONTATA AL MODO DI PAOLO CEVOLI AL TEATRO ALESSANDRINO IL 14 FEBBRAIO.Il pubblico televisivo ha imparato a conoscerlo e ad amarlo nei panni di Palmiro​ ​Cangini, il sindaco arruffone di Roncofritto, sul palco di Zelig, ma Paolo ​Cevoli, nel film ” Soldato semplice” nel 2015 riesce a stupire, catapultando lo spettatore in una vicenda cruda e dallo sfondo didascalico, non priva di sorrisi. che segna il suo triplice debutto al cinema: come attore, regista e sceneggiatore.

In teatro Cevoli non si crogiola sul suo personaggio cult ma cerca da sempre u​na via più complessa alla comicità, che lo ha portato per esempio ad essere il sosia di Benito Mussolini o il gestore del catering dell’ultima cena…

Continua a leggere “LA BIBBIA DI PAOLO CEVOLI”

Le Nuove realtà editoriali, secondo Luigi Di Maio

Secondo quanto afferma il deputato e candidato Premier alle prossime elezioni politiche del M5S Luigi Di Maio, ci sono nuove realtà editoriali online delle quali ci si può assolutamente fidare, contrariamente ai giornali tradizionali.

A nostro avviso oggi è difficile fidarsi di chiunque, occorre fare massima attenzione e verificare le notizie, in particolare quelle pubblicate sul web, visto che le fake news sono nate proprio in internet e non sui giornali tradizionali. Pier Carlo Lava

ps. le nostre considerazioni sono di carattere generale, pertanto ci teniamo a precisare che non mettiamo minimamente in discussione il suggerimento dato da Di Maio in merito al sito Valigia Blu: http://www.valigiablu.it

Luigi Di Maio

così scrive di Luigi Di Maio  sulla sua pagina facebook:

In tempi in cui i giornali tradizionali vendono sempre meno copie, in cui la loro affidabilità è sempre più messa in discussione e in cui si parla (spesso a sproposito) di fake news, mi sembra doveroso parlare anche di nuove realtà editoriali che nascono e si affermano spesso nell’indifferenza (se non fastidio) dei media tradizionali.

Sono realtà che ovviamente nascono online, in forma collaborativa, che si sostengono con il crowdfunding e che sono portate avanti da giovani professionisti che hanno voglia di innovare e sperimentare. Non sono contaminate da logiche politiche, non pretendono finanziamenti pubblici e puntano alla qualità piuttosto che alla quantità. Sono tante, hanno community molto attive, alcune ci sono da poco, altre da molto. Continua a leggere “Le Nuove realtà editoriali, secondo Luigi Di Maio”

Diritto di cronaca, cinque incontri di formazione con il cinema

Diritto_di_cronaca_DEF

Incontri di formazione con il cinema in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte

Diritto di cronaca

Alessandria: L’Associazione di cultura cinematografica e umanistica La Voce della Luna e l’Associazione Cultura e Sviluppo, in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, il Circolo del Cinema Adelio Ferrero e la Federazione Italiana Cineforum (FIC), organizzano cinque incontri di formazione con il cinema a cadenza mensile, il lunedì sera, da novembre 2017 a marzo 2018. Gli incontri, aperti al pubblico con ingresso libero, saranno riconosciuti per la formazione professionale dell’Ordine dei Giornalisti, e si svolgeranno con inizio alle ore 20.45 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo, P.zza Fabrizio De André 76, Alessandria. Continua a leggere “Diritto di cronaca, cinque incontri di formazione con il cinema”

Diritto di cronaca, cinque incontri di formazione con il cinema

Diritto_di_cronaca_DEF

Incontri di formazione con il cinema in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte

Diritto di cronaca

Alessandria: L’Associazione di cultura cinematografica e umanistica La Voce della Luna e l’Associazione Cultura e Sviluppo, in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, il Circolo del Cinema Adelio Ferrero e la Federazione Italiana Cineforum (FIC), organizzano cinque incontri di formazione con il cinema a cadenza mensile, il lunedì sera, da novembre 2017 a marzo 2018. Gli incontri, aperti al pubblico con ingresso libero, saranno riconosciuti per la formazione professionale dell’Ordine dei Giornalisti, e si svolgeranno con inizio alle ore 20.45 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo, P.zza Fabrizio De André 76, Alessandria. Continua a leggere “Diritto di cronaca, cinque incontri di formazione con il cinema”

Ecco i 10 fatti importanti del 2017

Cosa resterà del 2017, i 10 fatti salienti

Fatti, volti, elezioni e rivolte, così è cambiato il mondo,

di Aldo Cazzullo, Lorenzo Cremonesi, Massimo Gaggi, Luigi Ippolito, Paolo Lepri, Stefano Montefiori, Sergio Romano, Guido Santevecchi, Barbara Stefanelli, Danilo Taino,

da: http://www.corriere.it/

1 L’oscuro Puigdemont e il separatismo spagnolo
2 Brexit alla prova
3 Macron e la svolta all’Eliseo
4 Le provocazioni di Trump e la nuova casa Bianca
5 L’anno meraviglioso di Kim
6 Il caso Weinstein e il movimento #metoo
7 L’epidemia senza controllo delle fake news
8 Merkel al tramonto
9 L’Isis perde territorio ma non terreno fertile
10 Rohingya crisi simbolo

foto: https://larottaperitaca.wordpress.com