Intervista a Fiorenzo Borlasta, Amministratore unico di Amag Ambiente

Intervista a Fiorenzo Borlasta, Amministratore unico di Amag Ambiente

di Pier Carlo Lava

Alessandria, relativamente a raccolta rifiuti e pulizia della città si sono visti dei miglioramenti, ma il problema dell’abbandono rifiuti, in particolare nelle aree periferiche della città, non è ancora stato completamente risolto..

Su questo tema e molti altri ne abbiamo parlato con Fiorenzo Borlasta Amministratore unico di Amag Ambiente che risponde alle seguenti domande:

Amag Ambiente

Quanti sono i dipendenti di Amag Ambiente, quanti operano all’esterno e con quali quanti mezzi?

Qual’è stato il fatturato 2017 e come si è chiuso il bilancio?

Ci può parlare degli investimenti in cifra e mezzi nel 2018?

E quali le principali iniziative intraprese sempre nel 2018?

Nella pulizia della città si intravedono dei miglioramenti, ma nelle aree dei cassonetti gli incivili continuano ad abbandonare rifiuti, cosa si intende fare in tal senso?

C’è chi sostiene che solo con il ritorno al porta a porta si potrà risolvere il problema e far crescere la percentuale della raccolta differenziata, lei cosa risponde?

Che previsioni si possono fare relativamente a fatturato e del bilancio 2018?

Quali il budget e le iniziative che si intende intraprendere nel 2019?

video: https://youtu.be/gjtXP6EUDio

Alessandria, Città, Raccolta rifiuti, Pulizia, Mezzi, Bilancio, Investimenti, Dipendenti, Fatturato, Iniziative, Porta a porta, 

Domenico Ravetti (Pd): “Importanti investimenti per il Piemonte e l’Alessandrino” 

Domenico Ravetti (Pd): “Importanti investimenti per il Piemonte e l’Alessandrino” 

158 milioni di euro per gli Enti locali

Torino – 1 ottobre 2018 – “La Commissione Bilancio del Consiglio regionale ha dato, oggi, parere favorevole alla delibera che prevede la realizzazione di nuovi investimenti destinati agli enti locali, a valere sugli spazi finanziari concessi dallo Stato per gli anni 2018-2020. Le linee di intervento individuate sono così ripartite: 3.000.000 di euro per interventi di ripristino ambientale, 64.030.000 per interventi di messa in sicurezza del territorio, 4.000.000 di euro per interventi di edilizia scolastica, 12.000.000 di euro per interventi in ambito culturale turistico, per un totale di 83.030.000 di euro” ha spiegato ilPresidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale Domenico Ravetti.

“Si tratta di investimenti importanti – ha proseguito il Presidente Ravetti – che denotano l’impegno della Giunta Chiamparino a favore del territorio piemontese. In un momento in cui il Governo gialloverde sta tagliando le risorse agli Enti locali (i fondi per le periferie rappresentano un chiaro esempio) noi investiamo sui Comuni del Piemonte. A questo stanziamento si aggiungono i fondi CIPE di 40 milioni per opere inerenti il dissesto idrogeologico e di 35 milioni per opere inerenti la viabilità”.  Continua a leggere “Domenico Ravetti (Pd): “Importanti investimenti per il Piemonte e l’Alessandrino” “

Barosini: Variazione al Piano Triennale degli Investimenti

Barosini: Variazione al Piano Triennale degli Investimenti

Barosini copia

Alessandria: All’ordine del giorno della Giunta Comunale odierna è prevista la variazione al Piano degli investimenti 2018-2020 con importanti novità che riguarderanno molte aree cittadine.

A questa variazione seguirà, alla fine del mese di luglio, l’approvazione del Piano Triennale degli Investimenti per gli anni 2019- 2021.

Tra le novità più significative si sottolinea l’aumento dell’importo destinato alla manutenzione dei marciapiedi, con l’inserimento di un apposito fondo finalizzato all’abbattimento delle barriere architettoniche esistenti, contestualmente al rifacimento.  Lo stanziamento passa da 200.000 a 250.000 per il 2019 e per il 2020 per complessivi 500.000 euro.

Altra importante novità è lo stanziamento di fondi per la riqualificazione delle zone industriali D3, D4, D5 e D6  per complessivi 200.000 euro a partire dal 2019.

Tengo molto a questo intervento – ha commentato l’assessore ai Lavori Pubblici, Giovanni Barosini -. Non è mai stata destinata una cifra per queste aree e noi partendo da 100.000 sull’anno 2019 provvederemo ad incrementarla con ulteriori 100.000 euro nel 2020. Per la prima volta sono prese in considerazione queste zone che hanno notevole rilevanza nella vita economica e sociale della Città, ma che sono state finora trascurate. Cerchiamo in questo modo di mettere in moto un circolo virtuoso che con il coinvolgimento delle stesse aziende produca una complessiva riqualificazione delle zone interessate. E’ nostra intenzione prendere contatti con tutte le aziende piccole, medie e grandi che operano in queste realtà con l’obiettivo di giungere alla creazione di consorzi per la loro valorizzazione, dando una dimensione nuova a queste aree a cui vogliamo dare vitalità nuova”. Continua a leggere “Barosini: Variazione al Piano Triennale degli Investimenti”

I numeri della Centrale del latte di Alessandria

I numeri della Centrale del latte di Alessandria

fatti commissione cultura latte

fatti visita stabilimentoLa Centrale del Latte di Alessandria e Asti rappresenta il terminale di una filiera composta da 19 cascine piemontesi conferenti e presenta nelle sue caratteristiche distintive e nei suoi valori storici il fattore strategico per affrontare le nuove sfide di un mercato in continua evoluzione.

Oggi la compagine societaria della Centrale del Latte di Alessandria e Asti è così suddivisa:

  • i diversi allevatori alessandrini – quelli riuniti nel Centro Cooperativo Raccolta Latte, l’azienda Pederbona e gli altri piccoli allevatori – detengono oltre il 66% delle quote;
  • il 18,50% è di Piemonte Latte, cooperativa con sede a Savigliano (Cuneo) che riunisce 270 allevatori piemontesi, alcuni dei quali sono stati scelti per conferire il latte alla Centrale alessandrina dopo aver sottoscritto il disciplinare di filiera;
  • il 10,35% è detenuto dal Comune di Alessandria;
  • il 3,08% è di Frascheri SpA, azienda di Bardineto (Savona), sull’Appennino tra Piemonte e Liguria;
  • lo 0,83% da Banco-BPM;
  • lo 0,46% è detenuto dal Comune di Novi Ligure.

Continua a leggere “I numeri della Centrale del latte di Alessandria”

Singer, un occhio alla politica con investimenti mordi e fuggi, di Mario Platero. La Stampa

Singer, un occhio alla politica con investimenti mordi e fuggi

Il fondatore di Elliott a Genish, ad di Tim: appoggiamo il tuo piano

A sinistra Amos Genish, amministratore delegato del gruppo telefonico Tim

Mario Platero  NEW YORK    http://www.lastampa.it/

Difficilmente Paul Singer, capo del fondo Elliott, perde una partita: duro, spregiudicato, tenace, si è trovato in situazioni ben più difficili, drammatiche e pericolose del confronto con Bolloré su Tim. Singer è un repubblicano anti Trump. Uomo imprevedibile, è il Presidente del Manhattan Institute, un centro studi conservatore, ma è favorevole ai matrimoni gay (dopo che il figlio gli ha rivelato a 21 anni di esserlo).

La misura della sua tenacia l’abbiamo da un braccio di ferro di 15 anni con il governo argentino in default sul debito. Singer chiedeva un rimborso del suo debito sovrano più elevato del 30% offerto ai creditori. Com’è riuscito a farsi ascoltare? Un giudice ha accolto la richiesta di sequestro di tre navi da guerra argentine all’ormeggio in Ghana, con tanto di equipaggio a bordo, come garanzia delle obbligazioni governative! Le navi sono poi state rilasciate, ma la Presidente Cristina Fernandez Kirchner si è dimessa, è stata incriminata per corruzione e il nuovo governo ha accettato di ripagare circa 2,4 miliardi di dollari al fondo Elliott (il 70% del valore nominale).

Continua a leggere “Singer, un occhio alla politica con investimenti mordi e fuggi, di Mario Platero. La Stampa”